Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2015/0284(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0378/2016

Testi presentati :

A8-0378/2016

Discussioni :

PV 17/05/2017 - 17
CRE 17/05/2017 - 17

Votazioni :

PV 18/05/2017 - 11.7

Testi approvati :

P8_TA(2017)0224

Discussioni
Mercoledì 17 maggio 2017 - Strasburgo Edizione rivista

17. Portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online nel mercato interno (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Isabella Adinolfi (EFDD ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, questo regolamento tecnicamente sarà anche un passo in avanti per i consumatori, ma politicamente è un fallimento che giustifica assurde logiche di massimizzazione del profitto anche a scapito della privacy e dei cittadini europei.

Si tratta di un piccolissimo avanzamento che rappresenta il minimo sindacale e tradisce lo sbandierato obiettivo del mercato unico digitale. Io mi rivolgo a Lei, Commissario Ansip, veramente così immaginavate di realizzare il mercato unico digitale che era una delle cinque priorità politiche della Commissione Juncker?

Non riesco a capire, infatti, perché permettiamo alle multinazionali di far circolare liberamente il capitale e di avvantaggiarsi anche in maniera scorretta dei paradisi fiscali europei, sottraendo preziosissime risorse alla collettività e ponendo in essere forme di concorrenza sleale, soprattutto verso le piccole e medie imprese, mentre i cittadini e i consumatori non possono beneficiare del mercato unico. Per me questa situazione è inaccettabile e mi batto per cambiarla.

La sentenza della Corte dice che la clausola che garantisce la territorialità assoluta è contro il trattato, lo abbiamo sentito anche da altri interventi. Io non voglio mantenere questo status quo , che ritengo ridicolo, e che ritengo anche illegittimo e ingiusto per i cittadini europei.

 
Ultimo aggiornamento: 31 agosto 2017Avviso legale