Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Index 
 Full text 
Debates
Wednesday, 14 June 2017 - Strasbourg Revised edition

6. President Trump's decision to withdraw the US from the COP 21 Climate agreement (debate)
Video of the speeches
PV
MPphoto
 

  Gianni Pittella, a nome del gruppo S&D . – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Heine, grazie innanzitutto. La bellezza e la vulnerabilità delle Isole Marshall sono la cifra del nostro pianeta e sono le direzioni opposte verso le quali possiamo andare, grazie alle nostre scelte o a causa delle nostre scelte. Possiamo andare verso la bellezza, la salute e la sicurezza del pianeta, ma possiamo andare anche verso il disastro.

Un tweet – lui ama i tweet – a Donald Trump. Non pensavo che ci potesse essere un Presidente degli Stati Uniti peggiore di George Bush, ma devo ricredermi perché non c'è mai limite al peggio. Ha raggiunto l'apice del peggio, spero non lo superi, e sta conducendo verso il disastro il pianeta, ma noi lo fermeremo. Noi, insieme alle forze progressiste del mondo, noi come forze europee, ma insieme a tutte le grandi realtà sociali, politiche, istituzionali, associative e associative non governative, noi insieme fermeremo il disastro di Trump. L'Europa deve fare l'Europa, come ha fatto nel corso degli anni quando ha costruito il mercato unico. Era un grande obiettivo, e oggi questo deve essere il grande obiettivo.

Non siamo ingenui. Trump fa questo non solo perché è un po' così, ma perché vuole ridurre i costi delle produzioni americane. Questa è competizione sleale e noi dobbiamo prendere le contromisure, che significa anche pensare a dazi. Pensiamoci, ma certamente, se si fa competizione sleale, noi dobbiamo saper rispondere. Abbiamo un dovere, quello di preservare la prospettiva di vita, di bellezza e di salute per i nostri figli, per i nostri nipoti, per il mondo intero.

 
Last updated: 2 March 2018Legal notice