Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2016/0107(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0227/2017

Testi presentati :

A8-0227/2017

Discussioni :

PV 04/07/2017 - 3
CRE 04/07/2017 - 3

Votazioni :

PV 04/07/2017 - 6.10
CRE 04/07/2017 - 6.10

Testi approvati :

P8_TA(2017)0284

Discussioni
Martedì 4 luglio 2017 - Strasburgo Edizione provvisoria

3. Comunicazione delle informazioni sull'imposta sul reddito da parte di talune imprese e succursali (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein, relatrice per parere della commissione per lo sviluppo . – Signora Presidente, onorevoli colleghi, ringrazio i colleghi relatori per l'ottimo e prezioso lavoro su questo dossier fondamentale. La rendicontazione Stato per Stato è una misura fondamentale per la trasparenza e contro l'evasione e l'elusione fiscale a livello globale ed europeo.

Rispetto alla proposta iniziale, il Parlamento ha esteso tale obbligo per le multinazionali in tutti i paesi in cui operano, anche fuori dall'UE. Questo permetterà anche ai paesi in via di sviluppo di ottenere informazioni preziose sulle multinazionali che operano entro i loro confini. I paesi più poveri, infatti, sono quelli che pagano il prezzo più alto per queste pratiche, perdendo ogni anno centinaia di miliardi di dollari, risorse fondamentali per lo sviluppo. La lotta alla povertà e alle disuguaglianze passa anche da qui.

Purtroppo oggi c'è chi predica bene e razzola male, in quest'Aula, volendo una clausola di salvaguardia che consentirebbe alle multinazionali di evitare di pubblicare informazioni ritenute sensibili. Senza che vi sia almeno la pubblicazione retroattiva di queste informazioni, questa diventa una scappatoia pericolosissima per continuare a nascondere i profitti. Quindi mi appello ai colleghi popolari e liberali, ricordando che le soluzioni parziali non bastano davanti a un fenomeno globale. Possiamo approvare una misura storica, e quando passa la storia è bene non farsi trovare altrove.

 
Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2017Avviso legale