Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2017/2009(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0239/2017

Testi presentati :

A8-0239/2017

Discussioni :

PV 05/07/2017 - 14
CRE 05/07/2017 - 14

Votazioni :

PV 06/07/2017 - 11.10
CRE 06/07/2017 - 11.10

Testi approvati :

P8_TA(2017)0315

Discussioni
Mercoledì 5 luglio 2017 - Strasburgo Edizione rivista

14. Azione dell'UE a favore della sostenibilità - Forum politico di alto livello sullo sviluppo sostenibile (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein, relatrice per parere della commissione per lo sviluppo . – Signor Presidente, onorevoli colleghi, ringrazio intanto il collega Seb Dance e chi ha lavorato con me al parere approvato in commissione per lo sviluppo.

I nuovi obiettivi dello sviluppo sostenibile sono universali e sono ambiziosi: non possiamo lasciarli sulla carta. Serve una strategia europea di implementazione, che chiediamo dal giorno uno, e anche una chiara roadmap per raggiungerli. L'UE deve fare molto di più per la coerenza delle politiche dello sviluppo e fare valutazioni di impatto delle proprie politiche sulla sostenibilità e sui paesi in via di sviluppo. Servono risorse, non solo riconfermando l'impegno di raggiungere lo 0,7 %, ma anche con una lotta senza quartiere contro l'evasione e l'elusione fiscale a livello globale.

Inoltre bisogna abbandonare la pericolosa tendenza a condizionare gli aiuti allo sviluppo al controllo delle frontiere. Colleghi, parliamoci chiaro: con tutto quello che sta succedendo intorno a noi, con presidenti americani che negano il cambiamento climatico e che giocano con il futuro di tutti, l'Unione europea si deve mettere alla guida dell'implementazione della nuova agenda e della responsabilità che abbiamo verso le future generazioni, per un futuro finalmente sostenibile.

 
Ultimo aggiornamento: 6 ottobre 2017Avviso legale