Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 12 settembre 2017 - Strasburgo Edizione rivista

14. Recenti sviluppi in materia di migrazione (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, domani si parlerà dello stato dell'Unione. Chiediamolo alle 14 000 persone che sono bloccate sulle isole greche; chiediamolo a chi si vede negare il legittimo diritto a chiedere asilo e viene rispedito in Libia nelle mani dei propri aguzzini, alimentando quello che MSF definisce un vero e proprio business di rapimenti, estorsione e tortura.

Secondo il rapporto UNICEF/OIM appena uscito, il 77 % dei minori transitati nel Mediterraneo sono stati vittime di abusi. Provate a chiamarli migranti economici: perché sono queste le persone che state rimandando dove quegli abusi subiscono. Le politiche nel Consiglio europeo sono volte ad un unico obiettivo: l'esternalizzazione. Siccome non sono in grado di condividere le responsabilità, ecco, allora spostano le frontiere più a sud. L'inchiesta di Associated Press ha parlato di accordi tra governo libico, italiano e milizie.

E così i fondi alla Libia rischiano di finire nelle mani di chi gestisce il traffico di migranti e le prigioni. Queste politiche sono state duramente criticate anche dall'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e la Commissione, anziché dare ascolto al Parlamento e spingere per soluzioni comuni e solidarietà interna, pare rassegnata all'egoismo dei governi e li asseconda proprio quando la Corte di giustizia le dà ragione sui ricollocamenti.

Serve invece una coraggiosa riforma di Dublino: bisogna cancellare il criterio ipocrita del primo paese d'accesso, come il Parlamento ha già chiesto, e sostituirlo con un meccanismo permanente e automatico di ricollocamento, che consideri le persone, i loro diritti e i loro legami negli altri Stati. E per scalzare i trafficanti, l'unico modo non è pagarli ma aprire vie legali e sicure d'accesso all'Unione e a tutti gli Stati membri.

 
Ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2017Avviso legale