Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Index 
 Full text 
Debates
Wednesday, 13 September 2017 - Strasbourg Revised edition

7. State of the Union (debate)
Video of the speeches
PV
MPphoto
 

  Gianni Pittella, a nome del gruppo S&D . – Signor Presidente, onorevoli colleghi, io penso che un'Europa che funzioni sia nell'interesse dei cittadini. L'Europa che non funziona va contro i cittadini e riscuote la disaffezione dei cittadini. Diciamocelo francamente: ci sono forze in Europa, e anche in questo Parlamento, che lavorano perché l'Europa non funzioni, in modo da prendere i voti nei loro paesi. Esattamente l'opposto di quello che vogliamo noi: noi vogliamo un progetto visionario per un'Europa che funzioni e che dia risposte ai cittadini.

Primo: un Parlamento che abbia potere legislativo. Ditemi tutti voi quale parlamento al mondo non ha la possibilità di proporre di fare una legge? Nessun parlamento al mondo, tranne il Parlamento europeo. Prima innovazione: serve ai cittadini, serve alla democrazia.

Secondo: liste transnazionali. Onorevole Weber, la tessera è pronta per Lei e per tutti i colleghi del gruppo popolare per l'iscrizione al club delle liste transnazionali, una forma di democrazia europea.

Terzo: un Presidente eletto direttamente dai cittadini e in questo caso va bene il doppio cappello – la stessa persona con due cappelli – ma senza l'investitura popolare, attenzione: dobbiamo garantire l'investitura popolare.

E poi: Tesoro europeo, bilancio federale, Banca centrale europea prestatrice di ultima istanza. Tutto questo accompagnato e sospinto dalla cultura europea, perché la cultura europea è il vero mastice dell'integrazione europea, è un sogno, è un desiderio per noi, è un programma, è un progetto politico. Per noi è l'utopia del possibile.

 
Last updated: 7 December 2017Legal notice