Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 14 novembre 2017 - Strasburgo Edizione provvisoria

2. Paradise Papers (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, si stimano 21 000 miliardi di dollari nei paradisi fiscali, di cui l'80 % nelle mani dello 0,1 % dei più ricchi al mondo. Ma sta cadendo il muro di omertà attorno all'offshore, i Paradise Papers confermano ciò che diciamo da tempo: evasione ed elusione fiscale hanno portata devastante e vanno combattuti a livello globale. Non basta ottenere trasparenza a livello europeo. Serve, come il Parlamento già chiedeva nel 2015, un vero organismo intergovernativo all'ONU che riscriva le regole fiscali globali, coinvolgendo i paesi in via di sviluppo che pagano il prezzo più alto. Servono registri pubblici trasparenti sui beneficiari finali di aziende e trust, scambio automatico di informazioni, una lista nera con dure sanzioni per chi opera coi paradisi, ma basata su criteri obiettivi e non politica.

Bisogna regolamentare il ruolo degli intermediari e inserire la trasparenza fiscale nei trattati commerciali, a partire poi dei negoziati per la Brexit. Ed è essenziale approvare al più presto l'obbligo di rendicontazione pubblica Stato per Stato per le multinazionali, affinché ci dicano quanti profitti fanno e quante tasse pagano in tutti gli Stati dentro e fuori dall'UE, come ha già chiesto e votato quest'Aula.

 
Ultimo aggiornamento: 28 novembre 2017Avviso legale