Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2017/2083(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0334/2017

Testi presentati :

A8-0334/2017

Discussioni :

PV 14/11/2017 - 16
CRE 14/11/2017 - 16

Votazioni :

PV 16/11/2017 - 7.7

Testi approvati :

P8_TA(2017)0448

Discussioni
Martedì 14 novembre 2017 - Strasburgo Edizione provvisoria

16. La strategia UE-Africa: un impulso per lo sviluppo (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, l'Africa è un partner importante e strategico per l'UE. Eppure, da un po' di tempo a questa parte, i rapporti con i paesi africani sono pesantemente condizionati dalle politiche di esternalizzazione delle nostre frontiere e responsabilità. Ma pagheremo cara l'ossessione securitaria dei governi europei che stanno stringendo accordi, come il Migration Compact , che vogliono condizionare gli aiuti allo sviluppo al controllo delle frontiere.

Queste politiche non sradicano la povertà, ma l'aumentano, e di certo non creano opportunità per i giovani africani. In questo modo rischiamo di spingere i partner africani verso altri interlocutori, di concentrare gli aiuti sui paesi che sono sulle rotte che interessano l'Europa, dimenticandone altri, e rischiamo di impattare drammaticamente le economie africane per le quali la mobilità infraregionale è fondamentale.

Ecco, cosa stanno facendo i governi europei? Si stanno concentrando a sostenere la Guardia costiera libica, che l'altro giorno ostacolava le operazioni di ricerca e soccorso, causando la morte di cinque persone tra cui un bambino. Cosa stanno facendo? Stanno rimandando in Libia, nelle prigioni dove le persone vengono torturate, le persone che cercano di scapparne.

Anche l'Alto Commissario per i diritti umani dell'ONU oggi ha parlato di un oltraggio alla coscienza umana. Vi prego di riflettere su questo e di cambiare queste politiche che sono nefaste.

 
Ultimo aggiornamento: 28 novembre 2017Avviso legale