Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 15 novembre 2017 - Strasburgo Edizione provvisoria

8. Piano invernale per i richiedenti asilo (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, più di 12 000 persone sono bloccate nelle isole greche, in condizioni del tutto inumane che abbiamo verificato di persona nel maggio scorso, in campi sovraffollati e inadeguati dove ci riportano frequenti soprusi e casi di violenze. La situazione, con l'arrivo del freddo, è destinata a essere ancora più catastrofica. Lo scorso inverno, nel campo di Moria a Lesbos sono morte sei persone per via delle rigide temperature, dormivano in tende coperte di neve e non arrivava abbastanza cibo. Queste morti pesano sulle coscienze di chi ha voluto l'accordo cinico con la Turchia.

L'Unione europea deve assicurare condizioni di accoglienza degne e per questo i governi europei non possono lasciare la Grecia da sola, devono immediatamente ampliare e velocizzare i ricollocamenti e i ricongiungimenti familiari, e soprattutto smettere di rimandare in Grecia le persone ai sensi dell'ipocrita criterio del primo paese d'accesso del regolamento di Dublino.

È il momento, anzi, che il Consiglio inizi a discutere seriamente della riforma del regolamento di Dublino, magari prendendo esempio dalla forte e ambiziosa posizione che ha espresso la commissione LIBE di questo Parlamento.

 
Ultimo aggiornamento: 28 novembre 2017Avviso legale