Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 16 gennaio 2018 - Strasburgo Edizione rivista

11. Sostegno dell'Unione europea al processo di pace in Colombia (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, si è conclusa ieri la visita del Segretario generale ONU Guterres in Colombia. Dobbiamo riconoscere, purtroppo, che il raggiungimento della pace e della riconciliazione è ancora lontano e, anzi, l'acuirsi della violenza ci deve preoccupare.

Nonostante i passi avanti fatti con l'accordo siglato tra governo e FARC e il successivo disarmo, tale accordo non è ancora attuato in tutte le sue parti e in altre zone del paese i gruppi paramilitari continuano a minacciare la popolazione delle comunità di pace, come è avvenuto nell'attacco dello scorso 29 dicembre alla comunità di San José de Apartadó e come è riportato dalle agghiaccianti testimonianze dirette, tra le altre, del Corpo di pace italiano "Operazione Colomba". Purtroppo vi sono stati molti altri casi come questo, di cui non si parla, come la situazione a Samaniego. Nel solo 2017 si contano più di 105 vittime tra i difensori dei diritti umani.

L'UE deve continuare a sostenere il processo di pace e chiedere al governo colombiano la condanna degli attacchi dei paramilitari e l'avvio di indagini per accertare le responsabilità dell'attentato alla comunità di pace e garantire la piena protezione di tutti i difensori dei diritti umani.

 
Ultimo aggiornamento: 3 aprile 2018Avviso legale