Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 13 marzo 2018 - Strasburgo Edizione rivista

4. Preparazione della riunione del Consiglio europeo del 22-23 marzo 2018 (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, signora Ministra, Presidente Juncker, ha detto prima che al prossimo Consiglio discuterete di un'Unione più forte e democratica. Cominciate a dimostrare più forza contro l'evasione e l'elusione fiscale delle multinazionali, che ci costano mille miliardi all'anno: si pagavano tre "piani Juncker" di investimenti, con quella cifra.

E se solo aveste volontà politica, già domani potreste approvare misure fondamentali di contrasto, come la rendicontazione pubblica Stato per Stato o la CCCTB, per stabilire un principio semplice: che le tasse si pagano dove si fanno i profitti. E molto più coraggio vogliamo sulla riforma di Dublino: le bozze che circolano al Consiglio sono un insulto al nostro ruolo e mortificano quest'Aula. Solidarietà solo volontaria, che nulla ha mai risolto, procedure di inammissibilità obbligatorie che violano il diritto internazionale e aggravano gli oneri dei paesi di frontiera, meno garanzie per i minori e sanzioni che violano i diritti fondamentali e li monetizzano: una vita vale davvero per voi 30 000 euro?

Il Parlamento vi incalza ad avere una posizione ambiziosa, che superi il criterio ipocrita del primo paese di accesso e lo sostituisca con un meccanismo permanente di condivisione delle responsabilità. Un'Unione più forte, sì, ma con i forti, non con i deboli.

 
Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2018Avviso legale