Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2017/2053(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

A8-0041/2018

Discussioni :

PV 13/03/2018 - 13
CRE 13/03/2018 - 12

Votazioni :

PV 14/03/2018 - 8.10

Testi approvati :

P8_TA(2018)0076

Discussioni
Martedì 13 marzo 2018 - Strasburgo Edizione provvisoria

12. Il prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020 - Riforma del sistema di risorse proprie dell'Unione europea (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, all'Unione serve un bilancio pluriennale all'altezza delle sfide globali che dobbiamo affrontare insieme, e per questo servono adeguate risorse proprie. L'UE e i suoi Stati membri continuano a essere il primo donatore mondiale di aiuti allo sviluppo, ed è essenziale che il nuovo bilancio pluriennale sia all'altezza degli impegni presi in questi cinque anni.

Diciamoci la verità: il mondo è già molto cambiato da quando sono stati adottati i nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile, l'agenda di Addis Abeba, l'accordo di Parigi, con grandi attori che si sfilano. O l'UE saprà farsi guida ed esempio nell'attuazione di questi obiettivi, o rimarranno sulla carta.

Bene la semplificazione degli strumenti finanziari, ma solo nel pieno rispetto dei principi di coerenza delle politiche, trasparenza, e di efficacia degli aiuti, e mantenendo separati gli strumenti specifici per lo sviluppo e l'aiuto umanitario. Fondi fiduciari sono accettabili solo per obiettivi specifici, a durata limitata, con comprovato valore aggiunto. Il loro uso non deve modificare gli obiettivi originari degli strumenti che, per quanto riguarda la cooperazione, deve essere in primis lo sradicamento della povertà e non certo bloccare i flussi migratori.

Da ultimo, rendiamoci conto: servono investimenti a lungo termine nello sviluppo per vincere le sfide globali, altrimenti non perderanno altri, perderemo tutti.

 
Ultimo aggiornamento: 16 maggio 2018Avviso legale