Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2018/2642(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

B8-0184/2018

Discussioni :

PV 17/04/2018 - 11
CRE 17/04/2018 - 11

Votazioni :

PV 18/04/2018 - 12.13

Testi approvati :

P8_TA(2018)0118

Discussioni
Martedì 17 aprile 2018 - Strasburgo Edizione rivista

11. Progressi relativi al patto globale dell'ONU per una migrazione sicura, ordinata e regolare e al patto globale dell'ONU sui rifugiati (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, se l'86 % delle persone sfollate di tutto il mondo sono ospitate in paesi in via di sviluppo, è evidente che il tema di una maggiore condivisione delle responsabilità sull'accoglienza non sia solo europeo ma globale.

E ora che grandi potenze si sfilano, è necessario che l'UE si faccia guida in questo processo, trovando una voce sola e forte in questo negoziato. Ma saremmo più credibili nel chiedere solidarietà ad altri attori globali se fossimo in grado di dimostrarla al nostro interno, approvando la coraggiosa riforma di Dublino, proposta da questo Parlamento, che assicura che ogni Stato faccia la propria parte.

Quel che invece non vogliamo vedere nei compact è la tendenza alla esternalizzazione delle frontiere dei governi europei, così come non vogliamo vedere inserita e legittimata la tendenza a condizionare gli aiuti allo sviluppo a un maggior controllo delle frontiere africane.

Ecco: non perdiamo l'occasione con i global compact di ribadire che parliamo di persone con i loro diritti fondamentali, di creare vie legali e sicure per l'accesso a rifugiati e migranti come unico modo di contrastare i trafficanti e per contribuire, con lo sviluppo, a creare opportunità reali per i giovani africani.

 
Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2018Avviso legale