Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 3 luglio 2018 - Strasburgo Edizione rivista

16. Conclusioni del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Patrizia Toia (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, il vertice è stato un gran successo degli egoismi nazionali: ha vinto un'idea di Europa di fili spinati, non dei cittadini o di chi ancora annega nel Mediterraneo.

Risultato: nessun obbligo di solidarietà, solo volontarietà e controllo dei movimenti interni, con buona pace di Schengen e degli interessi italiani, con danno per l'Italia!

Dublino viene abbandonata alla sorte del consenso e questo sarebbe il grande risultato della novità del governo italiano: lo dico ai colleghi di 5 Stelle e della Lega, vi accontentate di molto, molto poco.

Nelle conclusioni si dice che gli attraversamenti illegali delle frontiere sono diminuiti del 95%: allora, questa è la certificazione che non stiamo vivendo un'emergenza migratoria bensì un'emergenza politica nostra! Più che della crisi della migrazione noi dobbiamo parlare della crisi politica dell'Europa.

Ma questo è il paradosso! Il mio paese, l'Italia, che è quello che ora ha più bisogno di tutti di non essere lasciato solo, si allea con i nemici della solidarietà; si presta al gioco di chi non vuole neanche un profugo e, pur di dare un colpo all'Europa, va contro gli interessi italiani per difendere quelli ungheresi o quelli di altri paesi.

Un bel capolavoro di autolesionismo!

 
Ultimo aggiornamento: 15 ottobre 2018Avviso legale