Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : O-000065/2018

Testi presentati :

O-000065/2018 (B8-0034/2018)

Discussioni :

PV 03/07/2018 - 23
CRE 03/07/2018 - 23

Votazioni :

PV 05/07/2018 - 6.14

Testi approvati :


Discussioni
Martedì 3 luglio 2018 - Strasburgo Edizione rivista

23. Orientamenti per gli Stati membri per evitare la criminalizzazione dell'assistenza umanitaria (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, mentre i governi europei si chiudono nei loro egoismi, c'è un altro volto dell'Europa: quello dei tanti volontari e delle organizzazioni che salvano vite a terra e in mare, cercando di offrire degna accoglienza.

Eppure sono sotto duro attacco, con l'accusa di aver favorito l'immigrazione irregolare e addirittura collaborato con i trafficanti, accuse che in più decisioni giudiziarie si sono rivelate del tutto infondate.

È inaccettabile attaccare chi sta solo sopperendo alla grave mancanza di una risposta umanitaria europea. È inaccettabile che le navi di chi salva vite in mare debbano temere conseguenze legali per avere rispettato il l'obbligo di soccorso, prevista dal diritto internazionale: siamo davanti a una vera e propria criminalizzazione della solidarietà.

Volete davvero contrastare i trafficanti? Aprite vie legali e sicure di accesso in tutti i paesi europei. Per questo noi chiediamo anche di cambiare la direttiva sul favoreggiamento, rendendo obbligatoria la clausola che esclude espressamente la punibilità per chi offre assistenza umanitaria. E a tutti i paesi chiediamo di introdurla.

 
Ultimo aggiornamento: 15 ottobre 2018Avviso legale