Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

O-000050/2018 (B8-0031/2018)

Discussioni :

PV 03/07/2018 - 24
CRE 03/07/2018 - 24

Votazioni :

Testi approvati :


Discussioni
Martedì 3 luglio 2018 - Strasburgo Edizione rivista

24. Definizione di PMI (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Patrizia Toia, a nome del gruppo S&D . – Signor Presidente, onorevoli colleghi, la determinazione del nostro collega Pieper ci ha portato stasera a questa importante discussione. Questa è l'occasione per ribadire la centralità delle piccole e medie imprese nel sistema europeo della manifattura e dell'economia europea. La Commissaria ci ha ben ricordato con pochi dati l'importanza e il valore di questo insieme di imprese, anche microimprese e imprese a conduzione familiare, che però hanno consentito una grande competitività e capacità produttiva dell'economia del continente europeo.

Io penso che noi dobbiamo continuare su questa strada e anche la consultazione in corso, cui ha fatto riferimento la Commissaria, vuole rappresentare la volontà della Commissione e di tutte le istituzioni, tra cui il Parlamento, di lavorare in questa direzione.

Penso che occorra dotare le piccole e medie imprese della capacità di usufruire delle nuove opportunità offerte dalla ripresa delle esportazioni verso paesi terzi, la ripresa di una capacità competitiva dopo la crisi economica. Dobbiamo capire che non ci sarà crescita, neanche per le PMI, senza innovazione e capacità di usufruire delle opportunità scaturite dall'apertura dei mercati globali.

Sappiamo che innovazione vuol dire non puntare solo sulle piccole e medie imprese che hanno una capacità disruptive e di cambiamento forte, ma anche su quelle che possono consentire un'innovazione incrementale, che cambi gradualmente l'ecosistema e lo faccia crescere. In questo senso penso che, se è vero che il 90% della crescita dei prossimi anni a livello mondiale sarà generata fuori dall'Unione europea, abbiamo davvero un compito di accompagnamento delle PMI. Conosciamo il tema del credito, delle esportazioni, dell'internazionalizzazione, ecc.

Mi sia concessa un'osservazione in chiusura: se è vero che crediamo nelle PMI, dobbiamo dargli centralità e non dobbiamo confondere i piani. Ecco perché è importante che ogni cambiamento dei criteri di definizione avvenga sulla valutazione dei fatti e con il loro contributo. Parlare... (il Presidente interrompe l'oratrice)

 
Ultimo aggiornamento: 15 ottobre 2018Avviso legale