Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 11 settembre 2018 - Strasburgo Edizione provvisoria

7.2. Misure specifiche per la Grecia (A8-0244/2018 - Pascal Arimont)
Video degli interventi
MPphoto
 

  Rosa D'Amato, a nome del gruppo EFDD . – Signor Presidente, onorevoli colleghi, a causa degli effetti della crisi, che perdurano ormai dal 2008, nonché dell'afflusso senza precedenti di rifugiati e migranti registratosi tra il 2015 e il 2016, la Grecia ha dovuto affrontare problemi di liquidità e una mancanza di fondi pubblici per investimenti necessari a favorire una ripresa economica sostenibile.

Questa relazione, che noi supportiamo, analizza le misure speciali che hanno permesso alla Grecia di non perdere le risorse del 2007-2013 e di migliorare il tasso di assorbimento dell'attuale programmazione. Da questo punto di vista, come da noi sottolineato in diversi emendamenti, e come riportato nel paragrafo 12, sarebbero tuttavia utili ulteriori informazioni in merito al valore aggiunto di questi fondi dal punto di vista sociale e della sostenibilità ambientale. Un'analisi olistica della situazione della Grecia, che esula da questa particolare relazione e dal regolamento specifico qui trattato, dovrebbe infatti considerare indicatori diversi dal PIL.

Particolarmente positivo per noi è il paragrafo 16, proveniente anch'esso da un nostro emendamento, dove si evidenzia che alcune regioni hanno difficoltà a cofinanziare progetti dei fondi strutturali, e soprattutto si invita la Commissione a considerare urgentemente, nell'ambito del Semestre europeo e del Patto di stabilità e crescita, l'impatto del calcolo del deficit degli investimenti regionali e cofinanziati con i fondi strutturali, specialmente nelle regioni meno sviluppate.

Ci auguriamo che la Commissione prenda di nuovo nota, e una dovuta nota, almeno questa volta, di queste osservazioni, e quindi noi lavoreremo affinché la Commissione si svegli e tolga il cofinanziamento dei fondi strutturali dal calcolo del deficit.

 
Ultimo aggiornamento: 8 novembre 2018Avviso legale