Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : O-000072/2018

Testi presentati :

O-000072/2018 (B8-0401/2018)

Discussioni :

PV 01/10/2018 - 17
CRE 01/10/2018 - 17

Votazioni :

Testi approvati :


Discussioni
Lunedì 1 ottobre 2018 - Strasburgo Edizione provvisoria

17. Attuazione degli orientamenti del Consiglio per le persone LGBTI in relazione alla situazione in Cecenia
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein, a nome del gruppo S&D . – Signor Presidente, onorevoli colleghi, grazie Commissario, più di un anno fa, discutevamo proprio in quest'Aula delle violenze sistematiche e detenzioni illegali ai danni della comunità LGBTI in Cecenia e la situazione non sembra migliorata. Negli ultimi venti mesi si sono contate numerose testimonianze di arresti arbitrari, torture e persino esecuzioni e ci sono state minacce a giornalisti e attivisti per avere documentato queste violenze e aver fornito del sostegno, il tutto nel silenzio assordante del governo russo.

Finalmente in agosto 15 Stati membri dell'OSCE hanno chiesto a Mosca di riferire su quanto accade. Mi rincresce che non ne faccia parte l'Italia. Visto che la Russia non ha risposto entro i termini, invito tutti gli Stati membri ad attivare una missione di esperti indipendente per verificare le violazioni dei diritti umani.

Un'Unione che si fonda sui valori dell'uguaglianza e della non discriminazione deve condannare senza esitazioni questa deriva inaccettabile e senza dover nemmeno uscire dai confini, anche in Italia le aggressioni omofobe sono in aumento. Ero ieri in piazza, insieme a tanti con Angelo e Andrea, coppia veronese aggredita due volte, addirittura in casa dove hanno imbrattato muri e gli hanno buttato addosso della benzina.

La Commissione intervenga per tutelare i diritti fondamentali della comunità LGBTI, soprattutto visto che il governo italiano sembra non interessarsene e qualche ministro fomenta quotidianamente l'odio. Siete ossessionati dal tema della sicurezza e non vi rendete conto che è l'odio che dilaga la peggiore minaccia per la sicurezza delle nostre comunità.

 
Ultimo aggiornamento: 12 ottobre 2018Avviso legale