Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 2 ottobre 2018 - Strasburgo Edizione provvisoria

3. Preparazione della riunione del Consiglio europeo del 18 e 19 ottobre 2018 (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Patrizia Toia (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, come sempre, il Consiglio promette momenti di verità – sono parole di Tusk – e decisioni forti, ma poi vive di rinvii. La storia più eclatante è quella della riforma di Dublino, la richiamava la collega Kyenge, poteva già essere fatta e invece rischia di morire.

Il Consiglio così non smaschera le bugie degli euroscettici che sentiamo sempre anche in quest'Aula, non smaschera i loro inganni ai danni del popolo – l'ha detto il collega Corbett – il Consiglio copre soprattutto le proprie contraddizioni, le contraddizioni dei propri membri, cara Ministro, e fa anche il doppiogioco pur di proteggersi. Come chiamare diversamente se non doppiogioco quello che viene fatto, quando si dice, da un lato, si assicura una politica di solidarietà per l'immigrazione e poi si sancisce la base volontaria.

Qui il mio governo ha le sue grandissime responsabilità, anche in questo capitolo, come dire, se non è doppiogioco quello che fa il suo presidente Kurz, nonché Presidente del Consiglio, in questa fase, che da un lato parla di solidarietà e poi che fa, fortifica i confini nazionali. Doppiogioco è condannare Orban per le violazioni dello Stato di diritto e poi accettare la sua impostazione di egoismo nazionale sull'immigrazione.

Il Parlamento è molto solo, a volte con la Commissione, ma continuerà tuttavia con la consapevolezza di essere eletto direttamente dai cittadini europei a fare la sua parte.

 
Ultimo aggiornamento: 26 ottobre 2018Avviso legale