Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 24 ottobre 2018 - Strasburgo Edizione provvisoria

8. Conclusioni del Consiglio europeo del 17 e 18 ottobre 2018 (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, Presidente Tusk, al Consiglio europeo della settimana scorsa non c'è stato nessun accordo sulla solidarietà interna, né sulla Brexit, né sull'eurozona. Ma che cosa vi siete riuniti a fare?

Dalle conclusioni è sparita la riforma di Dublino e non c'è una sola riga sulle vie legali e sicure di accesso all'UE per chi fugge. Si parla solo di bloccare i flussi, aumentare i rimpatri, condizionare gli aiuti allo sviluppo a un maggior controllo delle frontiere africane. Una vergogna! È spuntato persino un vertice da fare nell'Egitto di Al Sisi, quando domani sono 33 mesi che chiediamo verità su chi ha torturato e ucciso Giulio Regeni, un ricercatore europeo.

La grande idea del cancelliere Kurz di una solidarietà obbligatoria, anche se non come ricollocamenti, non è altro che la solidarietà flessibile già proposta dalla Presidenza slovacca due anni fa. Avete discusso due anni per ritrovarvi allo stesso punto di prima?

Il presidente Macron invece chiede di riformare Dublino prima delle elezioni, ma intanto riporta, di nascosto, migranti nei boschi italiani. Spiegatelo voi ai cittadini europei perché tenete bloccato il nostro lavoro di due anni e vi rendete responsabili dell'avanzata dei peggiori nazionalismi!

 
Ultimo aggiornamento: 7 novembre 2018Avviso legale