Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 13 novembre 2018 - Strasburgo Edizione provvisoria

15. Sostegno degli Stati membri dell'UE al Patto globale delle Nazioni Unite sulla migrazione (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, quando eravamo a New York con alcuni colleghi per il primo summit dell'ONU sui rifugiati e i migranti, la sfilata dei capi di Stato e di governo europei si sono riempiti la bocca di buone intenzioni, salvo che poi, al momento di passare dalle parole ai fatti, si sfilano.

È gravissima la decisione dell'Austria di tirarsi fuori dal Global Compact , tanto più che non si tratta di accordi vincolanti. Quindi si tratta di una mossa di pura propaganda, che mira a creare un fronte internazionale antimigranti. Però concordo con quello che diceva il collega Guerrero Salom, e allora si sospenda, perché non è in grado di rappresentare il Consiglio essendo oggi alla Presidenza, non è in grado di rappresentare una voce forte dell'Unione europea.

Questi sono atti che il resto dell'Unione deve condannare con forza, perché indeboliscono incredibilmente la posizione dell'Unione. Questa è una sfida, quella delle migrazioni, che è chiaramente europea e globale e che richiede risposte basate sulla solidarietà e sulla equa condivisione delle responsabilità tra tutti.

 
Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2018Avviso legale