Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2016/0286(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

A8-0305/2017

Discussioni :

PV 14/11/2018 - 7
CRE 14/11/2018 - 7

Votazioni :

PV 14/11/2018 - 14.6

Testi approvati :

P8_TA(2018)0454

Discussioni
Mercoledì 14 novembre 2018 - Strasburgo Edizione provvisoria

7. Codice europeo delle comunicazioni elettroniche - Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Patrizia Toia (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, siamo tutti consapevoli oggi che la sfida della competizione globale con i paesi asiatici e l'America ma anche con altre aree del mondo, penso al Canada che corre molto sul digitale, si gioca appunto sullo sviluppo dell'economia digitale, sulla sua capacità di integrazione tra manifatturiero e servizi e la sua capacità di innovazione. Tutto questo vede l'Europa di fronte a una grande sfida se saprà reggere questa competizione.

Bene, io penso che questo pacchetto, questo imponente e importante codice, che le colleghe in prima persona ma tanti altri colleghi hanno negoziato, sia un buon quadro che mette l'Europa proprio in condizione di poter affrontare questa competizione dello sviluppo dell'economia digitale. Penso al tema degli investimenti e alle norme che qui ci sono, perché c'è bisogno per sviluppare questa economia in tutti i settori di una infrastrutturazione di rete di connessione adeguata avanzata.

Ecco, io penso che qui dentro, con l'armonizzazione dello spettro di gestione armonizzata e con le norme anche sugli investimenti, si possa offrire questo quadro. Starà ora agli operatori essere capaci di giocare questa sfida e di metterci le risorse necessarie. Due punti soltanto: lo spettro e le tariffe internazionali. Abbiamo negoziato la caduta del roaming – io ero relatore ombra per il mio gruppo – e penso che l'abbattimento delle tariffe internazionali e l'abbassamento vada in quella direzione per i consumatori.

 
Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2018Avviso legale