Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2018/0199(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0470/2018

Testi presentati :

A8-0470/2018

Discussioni :

PV 15/01/2019 - 21
CRE 15/01/2019 - 21

Votazioni :

PV 16/01/2019 - 12.8
CRE 16/01/2019 - 12.8
PV 26/03/2019 - 7.18
CRE 26/03/2019 - 7.18

Testi approvati :

P8_TA(2019)0021
P8_TA(2019)0238

Discussioni
Martedì 15 gennaio 2019 - Strasburgo Edizione rivista

21. Disposizioni specifiche per l'obiettivo di cooperazione territoriale europea (Interreg) (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Rosa D'Amato (EFDD ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, siamo particolarmente soddisfatti del lavoro svolto.

La proposta originale della Commissione conteneva diverse criticità, sulle quali siamo intervenuti con successo in fase emendativa e negoziale. Innanzitutto abbiamo ridato la giusta importanza ai programmi transfrontalieri marittimi, riportandoli nel primo asse “cooperazione transfrontaliera”. Abbiamo aumentato la quota totale di risorse assegnate ad Interreg – quasi 11 miliardi – e abbiamo innalzato sia la soglia di cofinanziamento UE all'80 %, sia i tassi del prefinanziamento, dando quindi alle autorità regionali e locali la liquidità necessaria per finanziare i progetti sul territorio.

Invito tutti i colleghi, ed in particolare quelli che sono interessati a cambiare le regole assurde dell'attuale governance economica, a votare a favore dei due emendamenti presentati dal Movimento per lo scorporo dal calcolo del deficit del cofinanziamento nazionale. Con queste importantissime votazioni sulla nuova programmazione 2021-2027, inizieremo a vedere chi è davvero per cambiare questa Europa e chi no.

 
Ultimo aggiornamento: 14 maggio 2019Avviso legale