Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 27 marzo 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

8. Prescrizioni di applicazione e norme specifiche per quanto riguarda il distacco dei conducenti nel settore del trasporto su strada - Periodi di guida massimi giornalieri e settimanali, interruzioni minime e periodi di riposo giornalieri e settimanali e posizionamento per mezzo dei tachigrafi - Adattamento all'evoluzione del settore dei trasporti (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Rosa D'Amato, a nome del gruppo EFDD . – Signora Presidente, onorevoli colleghi, il settore dell'autotrasporto necessita di risposte importanti e urgenti per far fronte a problematiche molteplici.

Assistiamo quotidianamente a quella che è una vera e propria schiavitù, che coinvolge i conducenti di tutta Europa: essi sono costretti a passare le loro vite sui mezzi di trasporto, mangiandovi, dormendovi, senza avere la possibilità di tornare a casa e passare il tempo con i propri cari.

Oltre al problema del dumping sociale, c'è il problema della concorrenza sleale. Dobbiamo infatti consentire alle imprese di poter competere sulla stessa base; dobbiamo combattere il fenomeno delle delocalizzazioni, incentivare i sistemi fiscali e salariali non equi. Questo dobbiamo fare perché questo sta succedendo.

Negli ultimi anni abbiamo visto una tendenza che ha abbassato sempre di più gli standard sociali e i livelli salariali, tendenza che oggi è necessario riequilibrare. È una nostra responsabilità, di questa legislatura, di questo Parlamento! Non possiamo sottrarci: quindi proviamoci fino alla fine, ci rivediamo la settimana prossima in commissione TRAN. Proviamo a dare regole e diritti sociali ai nostri autotrasportatori.

 
Ultimo aggiornamento: 15 aprile 2019Avviso legale