Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B7-0278/2009

Testi presentati :

B7-0278/2009

Discussioni :

PV 15/12/2009 - 20
CRE 15/12/2009 - 20

Votazioni :

Testi approvati :


PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 99kWORD 61k
15.12.2009
PE432.862v01-00
 
B7-0278/2009

presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B7‑0238/2009

a norma dell'articolo 115, paragrafo 5, del regolamento


sulla difesa del principio di sussidiarietà


Monika Flašíková Beňová, Claude Moraes, David-Maria Sassoli a nome del gruppo S&D
EMENDAMENTI

Risoluzione del Parlamento europeo sulla difesa del principio di sussidiarietà  
B7‑0278/2009

Il Parlamento europeo,

–   viste la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea e la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo,

–   visti gli articoli 2, 5 e 6 del trattato sull'Unione europea,

–   visti l'articolo 115, paragrafo 5, e l'articolo 110, paragrafo 2, del suo regolamento,

A. considerando che il diritto alle libertà fondamentali, quali la libertà di pensiero, di coscienza e di religione, è sancito dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea ed è pertanto riconosciuto da tutti gli Stati membri,

B.  considerando che, secondo l'articolo 2 del trattato di Lisbona, "l'Unione si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze",

C. considerando che, secondo l'articolo 6, paragrafo 3, del trattato di Lisbona, "i diritti fondamentali, garantiti dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali e risultanti dalle tradizioni costituzionali comuni agli Stati membri, fanno parte del diritto dell'Unione in quanto principi generali",

1.  rammenta che gli Stati membri, in virtù del principio di sussidiarietà, devono rispettare e applicare a livello nazionale i diritti umani e le libertà fondamentali, quali sanciti dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea;

2.  ritiene che gli Stati membri possano regolamentare a livello nazionale le questioni relative ai conflitti tra diritti umani individuando le soluzioni più appropriate per trattare i diritti individuali, evitare qualsivoglia discriminazione e ridurre così al minimo il ricorso alla giustizia tanto a livello nazionale che internazionale;

3.  afferma che le libertà di pensiero, di coscienza e di religione sono valori fondamentali che fanno parte della base di tutte le società moderne e democratiche;

4.  rispetta il principio di sussidiarietà e chiede che tutte le istituzioni europee e le organizzazioni internazionali riconoscano tale principio, compresa la libertà degli Stati membri di esporre simboli religiosi in luoghi pubblici;

5.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, ai parlamenti e ai governi degli Stati membri e al Consiglio d'Europa.

Ultimo aggiornamento: 17 maggio 2010Avviso legale