Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : O-000286/2011

Testi presentati :

O-000286/2011 (B7-0664/2011)

Discussioni :

PV 14/12/2011 - 17
CRE 14/12/2011 - 17

Votazioni :

OJ 15/12/2011 - 111

Testi approvati :


Interrogazioni parlamentari
27 ottobre 2011
O-000286/2011
Interrogazione con richiesta di risposta orale
al Consiglio
Articolo 115 del regolamento
Judith Sargentini, Jan Philipp Albrecht, Rui Tavares, Tatjana Ždanoka, Raül Romeva i Rueda, a nome del gruppo Verts/ALE

 Oggetto: Condizioni di detenzione nell'Unione europea
 Risposta 

La Commissione ha pubblicato un Libro verde sull'applicazione della normativa dell'UE sulla giustizia penale nel settore della detenzione, sul quale ha avviato una consultazione con i soggetti interessati. Il Libro verde evidenzia i collegamenti fra le condizioni di detenzione e i diversi strumenti di cui dispone l'UE, quali il mandato di arresto europeo e l'ordinanza cautelare europea, e illustra come la custodia cautelare, la situazione dei minori e le condizioni di detenzione siano questioni riguardo alle quali l'UE potrebbe prendere delle iniziative.

Il documento della Commissione comprende un allegato che descrive come la situazione negli Stati membri sia estremamente eterogenea e spesso preoccupante, soprattutto per quanto concerne il numero di detenuti in attesa di giudizio, il livello di occupazione e il sovraffollamento delle carceri, le dimensioni della popolazione carceraria e il tasso di detenuti stranieri. La Corte europea dei diritti dell'uomo ha parimenti ripetutamente condannato gli Stati membri dell'UE per quanto riguarda le condizioni di detenzione, la durata della custodia cautelare e l'amministrazione della giustizia, anche sulla scorta delle relazioni del Comitato per la prevenzione della tortura del Consiglio d'Europa.

Può il Consiglio indicare come intende procedere a livello dell'UE per garantire il rispetto dei diritti fondamentali delle persone detenute in carcere e il miglioramento delle condizioni di detenzione negli Stati membri?

Riconosce il Consiglio la tensione esistente tra la presenza di condizioni di detenzione non conformi alle norme e l'esecuzione di un mandato d'arresto europeo, come sottolineato dalle questioni sollevate nella causa C-396/11 (Radu)?

Può il Consiglio fornire statistiche concrete relativamente alla durata media della custodia cautelare delle persone consegnate sulla base di un mandato d'arresto europeo?

È disposto il Consiglio ad accettare requisiti procedurali per la detenzione dei sospetti in custodia cautelare, comprese le possibilità di ricorso e i termini massimi di custodia cautelare?

È disposto il Consiglio a proporre una legislazione dell'Unione che integri le norme penitenziarie europee elaborate dal Consiglio d'Europa, in particolare per quanto concerne l'alloggio, l'accesso all'assistenza sanitaria e la consulenza legale?

Lingua originale dell'interrogazione: EN
Ultimo aggiornamento: 31 ottobre 2011Avviso legale