Procedura : 2009/2119(DEC)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0093/2010

Testi presentati :

A7-0093/2010

Discussioni :

PV 21/04/2010 - 3
CRE 21/04/2010 - 3

Votazioni :

PV 05/05/2010 - 13.26
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :


RELAZIONE     
PDF 163kWORD 93k
26 marzo 2010
PE 430.482v02-00 A7-0093/2010

sul discarico rispetto all'esecuzione del bilancio di Eurojust per l'esercizio 2008

(C7-0190/2009 – 2009/2119(DEC))

Commissione per il controllo dei bilanci

Relatrice: Véronique Mathieu

1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul discarico rispetto all'esecuzione del bilancio di Eurojust per l'esercizio 2008

(C7-0190/2009 – 2009/2119(DEC))

Il Parlamento europeo,

–   visti i conti annuali definitivi di Eurojust relativi all'esercizio 2008,

–   vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali definitivi di Eurojust relativi all'esercizio 2008, corredata delle risposte di Eurojust(1),

–   vista la raccomandazione del Consiglio del 16 febbraio 2010 (5827/2010 – C7-0061/2010),

–   visti l'articolo 276 del trattato CE e l'articolo 319 del trattato TUE,

–   visto il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio, del 25 giugno 2002, che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee(2), in particolare l'articolo 185,

–   vista la decisione 2002/187/GAI del Consiglio, del 28 febbraio 2002, che istituisce l'Eurojust per rafforzare la lotta contro le forme gravi di criminalità(3), in particolare l'articolo 36,

–   visto il regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione, del 19 novembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002(4), in particolare l'articolo 94,

–   visti l'articolo 77 e l'allegato VI del suo regolamento,

–   visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (A7-0093/2010),

1.  concede il discarico al Direttore di Eurojust rispetto all'esecuzione del bilancio di Eurojust per l'esercizio 2008;

2.  esprime le sue osservazioni nella risoluzione in appresso;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione e la risoluzione che ne costituisce parte integrante, al Direttore amministrativo di Eurojust, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

2. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla chiusura dei conti di Eurojust per l'esercizio 2008

(C7-0190/2009 – 2009/2119(DEC))

Il Parlamento europeo,

–   visti i conti annuali definitivi di Eurojust relativi all'esercizio 2008,

–   vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali definitivi di Eurojust relativi all'esercizio 2008, corredata delle risposte di Eurojust(5),

–   vista la raccomandazione del Consiglio del 16 febbraio 2010 (5827/2010 – C7-0061/2010),

–   visti l'articolo 276 del trattato CE e l'articolo 319 del trattato TUE,

–   visto il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio, del 25 giugno 2002, che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee(6), in particolare l'articolo 185,

–   vista la decisione 2002/187/GAI del Consiglio, del 28 febbraio 2002, che istituisce l'Eurojust per rafforzare la lotta contro le forme gravi di criminalità(7), in particolare l'articolo 36,

–   visto il regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione, del 19 novembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002(8), in particolare l'articolo 94,

–   visti l'articolo 77 e l'allegato VI del suo regolamento,

–   visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (A7-0093/2010),

1.  approva la chiusura dei conti di Eurojust per l'esercizio 2008;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione al Direttore amministrativo di Eurojust, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

3. PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

recante le osservazioni che costituiscono parte integrante della sua decisione sul discarico rispetto all'esecuzione del bilancio di Eurojust per l'esercizio 2008

(C7-0190/2009 – 2009/2119(DEC))

Il Parlamento europeo,

–   visti i conti annuali definitivi di Eurojust relativi all'esercizio 2008,

–   vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali definitivi di Eurojust relativi all'esercizio 2008, corredata delle risposte di Eurojust(9),

–   vista la raccomandazione del Consiglio del 16 febbraio 2010 (5827/2010 – C7-0061/2010),

–   visti l'articolo 276 del trattato CE e l'articolo 319 del trattato TUE,

–   visto il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio, del 25 giugno 2002, che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee(10), in particolare l'articolo 185,

–   vista la decisione 2002/187/GAI del Consiglio, del 28 febbraio 2002, che istituisce l'Eurojust per rafforzare la lotta contro le forme gravi di criminalità(11), in particolare l'articolo 36,

–   visto il regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione, del 19 novembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002(12), in particolare l'articolo 94,

–   visti l'articolo 77 e l'allegato VI del suo regolamento,

–   visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (A7-0093/2010),

A. considerando che la Corte dei conti indica di aver ottenuto la dichiarazione di ragionevole certezza che i conti annuali dell'esercizio 2008 sono affidabili e che le relative operazioni sono legittime e regolari,

B.   considerando che il 23 aprile 2009 il Parlamento ha concesso il discarico al Direttore amministrativo di Eurojust per l'esecuzione del bilancio di Eurojust per l'esercizio 2007(13) e che, nella sua risoluzione che correda la decisione di discarico, il Parlamento ha segnatamente:

-   preso atto della constatazione della Corte dei conti secondo cui, nel 2007, erano stati impegnati stanziamenti pari a 18 000 000 di euro, di cui 5 200 000 euro erano stati riportati;

-   deplorato che la Corte dei conti abbia rilevato, come nei due esercizi precedenti, carenze nelle procedure di appalto;

-   manifestato preoccupazione per il fatto che la Corte aveva constatato che Eurojust non era riuscito ad assumere i 60 addetti necessari per coprire i posti previsti dall'organigramma nel 2007 e che a fine 2007 erano stati coperti solo 95 posti;

1.   nota con soddisfazione che la Corte dei conti ha ottenuto ragionevoli garanzie sull'affidabilità, sotto tutti gli aspetti sostanziali, dei conti annuali di Eurojust relativi all'esercizio chiuso al 31 dicembre 2008, come pure sulla legittimità e regolarità delle operazioni soggiacenti nel loro complesso;

Prestazioni

2. sottolinea che l'assenza di indicatori, le carenze di misurazione del grado di soddisfazione degli utenti e la mancanza di coordinamento tra il bilancio e il programma di lavoro rendono difficile la valutazione delle prestazioni di Eurojust;

3. si compiace della conclusione, il 24 settembre 2008, del'accordo pratico sulle modalità di cooperazione tra Eurojust e OLAF(14);

4. osserva che nei prossimi anni il discarico per l'esecuzione del bilancio di Eurojust dovrà basarsi maggiormente sulle sue prestazioni durante l'intero esercizio.

Riporto degli stanziamenti

5. prende atto della constatazione della Corte dei conti secondo cui nel 2008 Eurojust continua ad avere un problema di riporto degli stanziamenti, anche se pare che l’importo sia inferiore rispetto all'esercizio precedente (13 % degli stanziamenti di bilancio definitivi invece del 25% riportati nel 2007); constata tuttavia con preoccupazione che il volume di stanziamenti riportati dall'esercizio precedente e poi cancellati (1 000 000 di euro, ossia il 25 % degli stanziamenti riportati) è stato elevato e che questa situazione è contraria al principio di annualità; chiede pertanto a Eurojust di prendere iniziative intese ad evitare che tale situazione si riproduca in futuro e di informarne l'autorità di discarico;

6. prende atto che nell'esercizio 2008 Eurojust ha registrato entrate da interessi per un importo di 191 390,56 EUR; giunge alla conclusione, in base ai conti annuali e al livello degli interessi, che Eurojust ha saldi di cassa permanentemente elevati; prende atto che al 31 dicembre 2008 il saldo di cassa di Eurojust ammontava a 4 612 878,47 euro; chiede alla Commissione di esaminare quali possibilità vi siano di contribuire alla piena attuazione di una gestione della liquidità basata sulle necessità, in conformità dell'articolo 15, paragrafo 5, del regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002, e quali modifiche concettuali siano necessarie per mantenere permanentemente i saldi di cassa di Eurojust quanto più bassi possibile;

Carenze che viziano le procedure di aggiudicazione degli appalti

7. deplora che la Corte dei conti abbia rilevato nuovamente carenze nelle procedure di appalto, come nei tre esercizi precedenti; si dichiara, in particolare, preoccupato della constatazione della Corte dei conti secondo cui nel 2008, in primo luogo in molti casi di appalti non è stata effettuata una valutazione di mercato preliminare prima dell'avvio della procedura e, in secondo luogo, c’erano carenze ricorrenti e gravi nel monitoraggio dei contratti e nella pianificazione degli appalti; sottolinea che tale situazione è rivelatrice di gravi carenze nelle capacità di collaborazione appropriata tra vari servizi di Eurojust e indica una mancanza di orientamento e di controllo da parte dell'ordinatore;

8. prende atto della risposta di Eurojust che si impegna ad attuare un piano d'azione inteso ad ovviare alle carenze individuate dalla Corte; chiede di conseguenza ad Eurojust di informare le autorità di discarico dei risultati di tali azioni;

Risorse umane

9. esprime preoccupazione per il fatto che la Corte dei conti ha nuovamente constatato carenze nella pianificazione e attuazione delle procedure di assunzione; constata, in particolare, un tasso ancora troppo elevato di posti vacanti (26 %), che è nondimeno inferiore a quello del 2007 (33 %);

10. condivide il parere della Corte secondo cui Eurojust non ha rispettato il principio di specialità avendo prelevato un importo di 1 800 000 euro dagli stanziamenti destinati alle retribuzioni degli agenti temporanei e contrattuali, principalmente per aumentare (del 238 %) gli stanziamenti destinati al personale interinale;

11. prende atto della risposta di Eurojust riguardo alle critiche della Corte dei conti relative alle procedure di selezione del personale; chiede a Eurojust, in particolare, di informare l'autorità di discarico circa la sua nuova procedura di assunzione avviata nel 2009, che dovrebbe garantire meglio d'ora in avanti trasparenza e nessuna discriminazione di trattamento tra candidati esterni ed interni;

Audit interno

12. constata con preoccupazione che non è stata data attuazione completa a nessuna delle 26 raccomandazioni formulate dal servizio di audit interno; rileva che quattro di esse sono giudicate "fondamentali" e 12 "importantissime"; invita instantemente Eurojust ad applicare senza indugio le raccomandazioni seguenti concernenti la gestione delle risorse umane; elaborare un piano a breve termine per la copertura dei posti vacanti; ridefinire l'organizzazione dell'Unità delle risorse umane; ridurre il numero di agenti temporanei; rafforzare la procedura di assunzione; adottare le modalità di esecuzione relative allo svolgimento delle carriere; garantire l'indipendenza dei membri della giuria; infine, vigilare sulla buona applicazione delle procedure di appalto;

oo   o

13. rinvia, per altre osservazioni di natura orizzontale che corredano la decisione di discarico, alla sua risoluzione del xx aprile 2010 sull'efficienza, la gestione finanziaria e il controllo delle agenzie.

13.1.2010

PARERE della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni

destinato alla commissione per il controllo dei bilanci

sul discarico rispetto all'esecuzione del bilancio dell'Unità europea di cooperazione giudiziaria (Eurojust) per l'esercizio 2008

(C7-0190/2009 – 2009/2119(DEC))

Relatore per parere: Juan Fernando López Aguilar

SUGGERIMENTI

La commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni invita la commissione per il controllo dei bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  nota con soddisfazione che la Corte dei conti ha ottenuto ragionevoli garanzie sull'affidabilità, sotto tutti gli aspetti sostanziali, dei conti annuali di Eurojust relativi all'esercizio chiuso al 31 dicembre 2008, come pure sulla legittimità e regolarità delle operazioni soggiacenti nel loro complesso;

2.  prende atto delle osservazioni formulate dalla Corte dei conti sui seguenti punti: nonostante il livello di riporto di stanziamenti all'esercizio successivo sia stato molto più basso rispetto a quello del 2007, il livello di annullamento degli stanziamenti riportati dall'esercizio precedente è stato elevato, il che contrasta con il principio di annualità; si sono rilevate talune carenze nella programmazione e nell'attuazione delle procedure di reclutamento e debolezze in materia di controllo dei contratti e pianificazione degli appalti, nonché alcuni problemi legati alle procedure di selezione del personale; prende atto delle misure adottate da Eurojust per ridurre i problemi legati al reclutamento del personale e alla pianificazione degli appalti;

3.  osserva che nei prossimi anni il discarico per l'esecuzione del bilancio di Eurojust dovrà basarsi maggiormente sulle sue prestazioni durante l'intero esercizio.ESITO DELLA VOTAZIONE FINALE IN COMMISSIONE

Approvazione

11.1.2010

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

36

0

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Sonia Alfano, Roberta Angelilli, Vilija Blinkevičiūtė, Emine Bozkurt, Simon Busuttil, Carlos Coelho, Rosario Crocetta, Tanja Fajon, Hélène Flautre, Kinga Göncz, Sylvie Guillaume, Ágnes Hankiss, Jeanine Hennis-Plasschaert, Salvatore Iacolino, Timothy Kirkhope, Baroness Sarah Ludford, Monica Luisa Macovei, Claude Moraes, Carmen Romero López, Birgit Sippel, Csaba Sógor, Renate Sommer, Rui Tavares, Wim van de Camp, Renate Weber

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Alexander Alvaro, Anna Maria Corazza Bildt, Ioan Enciu, Nadja Hirsch, Monika Hohlmeier, Stanimir Ilchev, Iliana Malinova Iotova, Petru Constantin Luhan, Mariya Nedelcheva, Raül Romeva i Rueda, Cecilia Wikström

ESITO DELLA VOTAZIONE FINALE IN COMMISSIONE

Approvazione

23.3.2010

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

21

1

1

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Jean-Pierre Audy, Jorgo Chatzimarkakis, Ryszard Czarnecki, Luigi de Magistris, Tamás Deutsch, Martin Ehrenhauser, Jens Geier, Ingeborg Gräßle, Martin Häusling, Ville Itälä, Iliana Ivanova, Bogusław Liberadzki, Monica Luisa Macovei, Christel Schaldemose, Theodoros Skylakakis, Bart Staes, Georgios Stavrakakis, Søren Bo Søndergaard

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Thijs Berman, Zuzana Brzobohatá, Esther de Lange, Christofer Fjellner, Ivailo Kalfin, Véronique Mathieu, Olle Schmidt, Derek Vaughan

(1)

GU C 304 del 15.12.2009, pag. 131.

(2)

GU L 248 del 16.9.2002, pag. 1.

(3)

GU L 63 del 6.3.2002, pag. 1.

(4)

GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72.

(5)

GU C 304 del 15.12.2009, pag. 131.

(6)

GU L 248 del 16.9.2002, pag. 1.

(7)

GU L 63 del 6.3.2002, pag. 1.

(8)

GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72.

(9)

GU C 304 del 15.12.2009, pag. 131.

(10)

GU L 248 del 16.9.2002, pag. 1.

(11)

GU L 63 del 6.3.2002, pag. 1.

(12)

GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72.

(13)

GU L 255 del 26.9.2009, pag. 112.

(14)

GU C 314 del 9.12.2008, pag. 4.

Ultimo aggiornamento: 8 aprile 2010Avviso legale