Procedura : 2009/0116(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0119/2010

Testi presentati :

A7-0119/2010

Discussioni :

PV 17/06/2010 - 5
CRE 17/06/2010 - 5

Votazioni :

PV 17/06/2010 - 7.3
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2010)0228

RELAZIONE     ***I
PDF 431kDOC 836k
15 aprile 2010
PE 438.291v02-00 A7-0119/2010

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un programma di documentazione delle catture di tonno rosso (Thunnus thynnus) e modifica il regolamento (CE) n. 1984/2003

(COM(2009)0406 – C7-0124/2009 – 2009/0116(COD))

Commissione per la pesca

Relatore: Raül Romeva i Rueda

EMENDAMENTI
PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PROCEDURA

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio

che istituisce un programma di documentazione delle catture di tonno rosso (Thunnus thynnus) e modifica il regolamento (CE) n. 1984/2003

(COM(2009)0406 – C7-0124/2009 – 2009/0116(COD))

(Procedura legislativa ordinaria: prima lettura)

Il Parlamento europeo,

–   vista la proposta della Commissione al Consiglio (COM(2009)0406),

–   visto l'articolo 37 del trattato CE, a norma del quale è stato consultato dal Consiglio (C7-0124/2009),

–   vista la comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio dal titolo "Ripercussioni dell'entrata in vigore del trattato di Lisbona sulle procedure decisionali interistituzionali in corso" (COM(2009)0665),

–   visti l'articolo 294, paragrafo 3, e l'articolo 43, paragrafo 2, del trattato FUE,

–   visto il parere del Comitato economico e sociale europeo,

–   visto l'articolo 55 del suo regolamento,

–   vista la relazione della commissione per la pesca (A7-0119/2010),

1.  adotta la posizione in prima lettura indicata in appresso;

2.  chiede alla Commissione di presentargli nuovamente la proposta qualora intenda modificarla sostanzialmente o sostituirla con un nuovo testo;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento, al Consiglio, alla Commissione e ai parlamenti nazionali.

Emendamento  1

Proposta di regolamento

Titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Proposta di

Proposta di

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

che

che

istituisce un programma di documentazione delle catture di tonno rosso (Thunnus thynnus) e modifica il regolamento (CE) n. 1984/2003

istituisce un programma di documentazione delle catture di tonno rosso (Thunnus thynnus) e modifica il regolamento (CE) n. 1984/2003

Emendamento  2

Proposta di regolamento

Visto 1

Testo della Commissione

Emendamento

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l'articolo 37,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea e in particolare l'articolo 43, paragrafo 2,

Emendamento  3

Proposta di regolamento

Visto 3

Testo della Commissione

Emendamento

visto il parere del Parlamento europeo,

soppresso

Emendamento  4

Proposta di regolamento

Visto 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

visto il parere del Comitato economico e sociale europeo,

Emendamento  5

Proposta di regolamento

Visto 3 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

deliberando secondo la procedura di cui all'articolo 294 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

Emendamento  6

Proposta di regolamento

Considerando 4

Testo della Commissione

Emendamento

(4) Nel quadro delle misure di regolamentazione degli stock di tonno rosso, al fine di migliorare la qualità e l'affidabilità dei dati statistici e di prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, l'ICCAT ha adottato, nell'ambito della sua riunione annuale svoltasi a Marrakech (Marocco) il 24 novembre 2008, la raccomandazione 08-12, recante modifica della raccomandazione 07-10 relativa a un programma ICCAT di documentazione delle catture di tonno rosso. Questa risoluzione entra in vigore il 17 giugno 2009 e deve essere pertanto attuata dalla Comunità.

(4) Nel quadro delle misure di regolamentazione degli stock di tonno rosso, al fine di migliorare la qualità e l'affidabilità dei dati statistici e di prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, l'ICCAT ha adottato, nell'ambito della sua riunione annuale svoltasi a Recife (Brasile) il 15 novembre 2009, la raccomandazione 09-11, recante modifica della raccomandazione 08-12 relativa a un programma ICCAT di documentazione delle catture di tonno rosso. Questa risoluzione entra in vigore il 1° giugno 2010 e deve essere pertanto attuata dalla Comunità.

Emendamento  7

Proposta di regolamento

Considerando 5 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(5 bis) È opportuno conferire alla Commissione il potere di adottare atti delegati a norma dell'articolo 290 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea per quanto riguarda il recepimento delle nuove misure di conservazione adottate dall'ICCAT, aggiornando e integrando mediante tali atti gli allegati del presente regolamento.

Emendamento  8

Proposta di regolamento

Articolo 1

Testo della Commissione

Emendamento

Il presente regolamento stabilisce un programma comunitario di documentazione delle catture di tonno rosso a sostegno dell'attuazione delle misure di conservazione e di gestione adottate dalla Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell'Atlantico (ICCAT).

Il presente regolamento stabilisce un programma comunitario di documentazione delle catture di tonno rosso a sostegno dell'attuazione delle misure di conservazione e di gestione adottate dalla Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell'Atlantico (ICCAT), integrando le disposizioni del programma ICCAT di documentazione delle catture di tonno rosso al fine di individuare l'origine di tutto il tonno rosso.

Emendamento  9

Proposta di regolamento

Articolo 2 – lettera b – punto i

Testo della Commissione

Emendamento

i) gli scambi di tonno rosso catturato nella zona della convenzione ICCAT da una nave da cattura o da una tonnara della Comunità e sbarcato sul territorio dello Stato membro di cui la nave batte bandiera o nelle acque del quale è installata la tonnara;

i) gli scambi in uno Stato membro o tra due o più Stati membri di tonno rosso catturato nella zona della convenzione ICCAT da una nave da cattura o da una tonnara della Comunità e sbarcato sul territorio della Comunità;

Emendamento  10

Proposta di regolamento

Articolo 2 – lettera b – punto ii

Testo della Commissione

Emendamento

ii) gli scambi di tonno rosso di allevamento proveniente dal tonno rosso catturato nella zona della convenzione ICCAT da una nave da cattura della Comunità battente bandiera dello Stato membro sul cui territorio è stabilito l'allevamento e successivamente consegnato a qualsiasi entità stabilita in quello Stato membro;

ii) gli scambi in uno Stato membro o tra due o più Stati membri di tonno rosso di allevamento catturato nella zona della convenzione ICCAT da una nave da cattura della Comunità e ingabbiato secondo le modalità stabilite nel territorio della Comunità;

Emendamento  11

Proposta di regolamento

Articolo 2 – lettera b – punto iii

Testo della Commissione

Emendamento

iii) gli scambi fra Stati membri di tonno rosso catturato nella zona della convenzione ICCAT da navi da cattura della Comunità battenti bandiera di uno Stato membro o per mezzo di una tonnara installata in uno Stato membro;

soppresso

Emendamento  12

Proposta di regolamento

Articolo 2 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

c) "esportazione": qualsiasi movimento verso un paese terzo, in provenienza dal territorio della Comunità, da paesi terzi o da fondali di pesca, di tonno rosso catturato nella zona della convenzione ICCAT da parte di una nave da cattura o di una tonnara della Comunità;

c) "esportazione": qualsiasi movimento verso un paese terzo, in provenienza dal territorio dell'Unione, da paesi terzi o da fondali di pesca, di tonno rosso catturato o trasformato (anche di allevamento) nella zona della convenzione ICCAT da parte di una nave da cattura o di una tonnara dell'Unione;

Emendamento  13

Proposta di regolamento

Articolo 2 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

d) "importazione": l'introduzione nel territorio della Comunità, anche a fini di insabbiamento, ingrasso, allevamento o trasbordo, di tonno rosso catturato nella zona della convenzione ICCAT da una nave da cattura o da una tonnara di un paese terzo;

d) "importazione": l'introduzione nel territorio della Comunità, anche a fini di ingabbiamento, ingrasso, allevamento o trasbordo, di tonno rosso catturato o trasformato (anche di allevamento) nella zona della convenzione ICCAT da una nave da cattura o da una tonnara di un paese terzo;

Emendamento  14

Proposta di regolamento

Articolo 2 – lettera e

Testo della Commissione

Emendamento

e) "riesportazione": qualsiasi movimento dal territorio comunitario di tonno rosso che era stato precedentemente importato nel territorio della Comunità;

e) "riesportazione": qualsiasi movimento dal territorio comunitario di tonno rosso sotto forma di tonno rosso catturato o trasformato (anche di allevamento) che era stato precedentemente importato nel territorio della Comunità;

Emendamento  15

Proposta di regolamento

Articolo 2 – lettera j bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

j bis) "partita": un quantitativo di prodotti a base di tonno rosso che hanno la stessa presentazione e provengono dalla stessa area geografica interessata e dal medesimo peschereccio o gruppo di pescherecci, oppure dalla medesima tonnara.

Emendamento  16

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1. Gli Stati membri chiedono la presentazione di un documento di cattura del tonno rosso (di seguito: "il documento di cattura") compilato per ciascun quantitativo di tonno rosso sbarcato nei propri porti, consegnato ai propri impianti di allevamento o prelevato da questi ultimi.

1. Gli Stati membri esigono la presentazione di un documento di cattura del tonno rosso (di seguito: "il documento di cattura") compilato per ciascun quantitativo di tonno rosso sbarcato o trasbordato nei propri porti, consegnato ai propri impianti di allevamento o prelevato da questi ultimi.

Emendamento  17

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 2 – comma 1

Testo della Commissione

Emendamento

2. Ciascuna partita di tonno rosso facente oggetto di commercio interno, importata nel territorio della Comunità o esportata o riesportata da quest'ultimo, è accompagnata da un documento di cattura convalidato, salvo nei casi in cui si applica l'articolo 4, paragrafo 3, e, se del caso, da una dichiarazione di trasferimento ICCAT o da un certificato di riesportazione di tonno rosso convalidato (di seguito: "il certificato di riesportazione").

(Non concerne la versione italiana.)

Emendamento  18

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 2 – comma 2

Testo della Commissione

Emendamento

Sono vietati gli sbarchi, i trasferimenti, le consegne, i prelievi, le operazioni di commercio interno, le importazioni, le esportazioni e le riesportazioni di tonno rosso che non siano accompagnati da un documento di cattura o da un certificato di riesportazione compilato e convalidato.

Sono vietati gli sbarchi, i trasferimenti, le consegne, i prelievi, le operazioni di commercio interno, le importazioni, le esportazioni e le riesportazioni di tonno rosso che non siano accompagnati da un documento di cattura e, se del caso, anche da un certificato di riesportazione compilato e convalidato.

Motivazione

L’uso della congiunzione disgiuntiva “o” potrebbe risultare ingannevole, in quanto lascia intendere a torto che il DCT può essere tralasciato, mentre è indispensabile in qualsiasi trasferimento interno o esportazione.

Emendamento  19

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3. Gli Stati membri non introducono tonno rosso:

 

a) in un impianto di allevamento non autorizzato dallo Stato membro, dalle parti contraenti o dalle parti, entità o entità di pesca non contraenti cooperanti (PCC) o non incluso nel registro ICCAT degli impianti autorizzati ad esercitare l'attività di allevamento del tonno rosso catturato nella zona della convezione ICCAT;

3. Gli Stati membri non introducono tonno rosso in un impianto di allevamento non autorizzato dallo Stato membro, dalle parti contraenti o dalle parti, entità o entità di pesca non contraenti cooperanti (PCC) o non incluso nel registro ICCAT degli impianti autorizzati ad esercitare l'attività di allevamento del tonno rosso catturato nella zona della convezione ICCAT;

b) catturato nel corso di anni diversi o proveniente da Stati membri o PCC diversi nelle stesse gabbie, a meno che non siano state adottate misure efficaci per determinare lo Stato membro o la PCC di origine e l'anno di cattura.

 

Emendamento  20

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 bis. Gli Stati membri dell'impianto di allevamento provvedono affinché le catture di tonno rosso siano introdotte in gabbie o in serie di gabbie separate e siano suddivise in base allo Stato membro o alla PCC di origine.

Emendamento  21

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 3 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 ter. In deroga all'articolo 3 bis, gli Stati membri dell'impianto di allevamento provvedono affinché il tonno rosso catturato nel contesto di un'operazione di pesca congiunta sia introdotto in gabbie o in serie di gabbie separate e suddiviso in base alle operazioni di pesca congiunta.

Emendamento  22

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 3 quater (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 quater. Gli Stati membri dell'impianto di allevamento garantiscono che il tonno rosso sia prelevato dagli impianti nell'anno in cui è stato catturato, o prima dell'inizio della stagione di pesca con reti a circuizione se prelevato nell'anno seguente. Quando le operazioni di prelievo non sono portate a termine entro detto periodo, gli Stati membri dell'impianto di allevamento compilano una dichiarazione di riporto annuale e la trasmettono alla Commissione entro 10 giorni dalla fine di detto periodo. Nella dichiarazione sono riportati:

 

 le quantità (espressa in kg) e il numero di esemplari oggetto del riporto,

 

 l'anno di cattura,

 

 la ripartizione per dimensione,

 

 lo Stato membro di bandiera o la PCC di bandiera, il numero ICCAT e il nome della nave da cattura,

 

 i riferimenti del documento di cattura corrispondente alle catture oggetto del riporto,

 

 la denominazione e il numero ICCAT dell'impianto di ingrasso,

 

 il numero della gabbia, e

 

 le informazioni sulle quantità prelevate (espresse in kg), una volta completata l'operazione.

 

La Commissione inoltra le dichiarazioni al segretariato dell'ICCAT entro 5 giorni.

Emendamento  23

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 3 quinquies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 quinquies. Le quantità oggetto del riporto in conformità del paragrafo 3 quater sono introdotte in gabbie o in serie di gabbie separate nell'impianto di allevamento sulla base dell'anno di cattura.

Emendamento  24

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4. Gli Stati membri forniscono formulari di cattura unicamente alle proprie navi da cattura o tonnare autorizzate a pescare il tonno rosso nella zona della convenzione, anche come catture accessorie. Tali formulari non sono trasferibili.

4. Gli Stati membri di bandiera o della tonnara forniscono formulari di cattura unicamente alle proprie navi da cattura o tonnare autorizzate a pescare il tonno rosso nella zona della convenzione, anche come catture accessorie.

Emendamento  25

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 5

Testo della Commissione

Emendamento

5. Ciascun formulario di documento di cattura presenta un numero unico di identificazione. I numeri di identificazione sono specifici per ciascuno Stato membro di bandiera o Stato membro della tonnara e vengono attribuiti a ciascuna nave da cattura o tonnara.

5. Ciascun formulario di documento di cattura presenta un numero unico di identificazione. I numeri di identificazione sono specifici per ciascuno Stato membro di bandiera o Stato membro della tonnara e vengono attribuiti a ciascuna nave da cattura o tonnara. Tali formulari non sono trasferibili a un'altra nave da cattura o tonnara.

Emendamento  26

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 6

Testo della Commissione

Emendamento

6. Ciascun lotto proveniente da spedizioni frazionate o prodotto trasformato deve essere accompagnato da copie dei documenti di cattura recanti il numero unico del documento di cattura originale in modo da consentirne la tracciabilità.

6. Ciascun lotto proveniente da partite frazionate o prodotto trasformato deve essere accompagnato da copie dei documenti di cattura recanti il numero unico del documento di cattura originale in modo da consentirne la tracciabilità.

Emendamento  27

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1. I comandanti delle navi da cattura, gli operatori delle tonnare, gli operatori degli impianti di allevamento, i rivenditori, gli esportatori o i loro rappresentanti autorizzati devono compilare un documento di cattura fornendo le informazioni richieste nelle sezioni corrispondenti e chiederne la convalida conformemente al paragrafo 2 ogni volta che effettuano uno sbarco, un trasferimento, un prelievo, un trasbordo, un'operazione di commercio interno o un'esportazione di tonno rosso.

1. I comandanti delle navi da cattura, gli operatori delle tonnare, gli operatori degli impianti di allevamento, i rivenditori, gli esportatori o i loro rappresentanti autorizzati devono compilare, possibilmente per via elettronica, un documento di cattura fornendo le informazioni richieste nelle sezioni corrispondenti e chiederne la convalida conformemente al paragrafo 2 ogni volta che effettuano uno sbarco, un trasferimento, un ingabbiamento, un prelievo, un trasbordo, un'operazione di commercio interno o un'esportazione di tonno rosso.

Emendamento  28

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 2 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

a) la nave da cattura batte la bandiera dello Stato membro o la tonnara o l'impianto di allevamento sono stabiliti nello Stato membro in cui è stato effettuato il prelievo di tonno rosso; se la nave da cattura opera nel quadro di un accordo di nolo, la convalida del documento di cattura è effettuata da un'autorità competente o da un'istituzione dello Stato membro o della PCC del noleggiatore;

a) la nave da cattura batte la bandiera dello Stato membro o la tonnara o l'impianto di allevamento sono stabiliti nello Stato membro in cui è stato effettuato il prelievo di tonno rosso,

Emendamento  29

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 2 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

b) a seguito della verifica della partita è stato accertato che tutte le informazioni contenute nel documento di cattura sono esatte;

(Non concerne la versione italiana.)

Emendamento  30

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3. La convalida ai sensi del paragrafo 2, lettera a), non è richiesta nel caso in cui tutto il tonno rosso disponibile per la vendita sia stato marcato, secondo quanto indicato all'articolo 5, dallo Stato membro di bandiera o dalla tonnara che lo ha pescato.

3. La convalida ai sensi del paragrafo 2 non è richiesta nel caso in cui tutto il tonno rosso disponibile per la vendita sia stato marcato, secondo quanto indicato all'articolo 5, dallo Stato membro di bandiera o della tonnara che lo ha pescato.

Emendamento  31

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4. Qualora i quantitativi di tonno rosso catturati e sbarcati siano inferiori a una tonnellata o a tre esemplari, il giornale di bordo o la nota di vendita possono essere utilizzati come documento di cattura provvisorio, in attesa della convalida del documento di cattura entro un termine di sette giorni e precedentemente al commercio interno o all'esportazione.

4. Qualora i quantitativi di tonno rosso catturati e sbarcati siano inferiori a una tonnellata o a tre esemplari, il registro di pesca o la nota di vendita possono essere utilizzati come documento di cattura provvisorio, in attesa della convalida del documento di cattura entro un termine di sette giorni e precedentemente al commercio interno o all'esportazione.

Emendamento  32

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 6 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

6 bis. Le istruzioni per l'emissione, la numerazione, la compilazione e la convalida del documento di cattura sono indicate all'allegato IV.

Emendamento  33

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2. Gli Stati membri interessati presentano alla Commissione una sintesi dell'applicazione del programma di marcatura.

2. Gli Stati membri interessati presentano alla Commissione una sintesi dell'applicazione del programma di marcatura. La Commissione trasmette senza indugio le sintesi al segretariato dell'ICCAT.

Emendamento  34

Proposta di regolamento

Articolo 6 – paragrafo 1 – comma 1

Testo della Commissione

Emendamento

1. Gli Stati membri garantiscono che ciascuna partita di tonno rosso riesportata a partire dal proprio territorio sia accompagnata da un certificato di riesportazione convalidato.

(Non concerne la versione italiana.)

Emendamento  35

Proposta di regolamento

Articolo 6 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2. L'operatore responsabile della riesportazione compila il certificato di riesportazione fornendo le informazioni richieste nelle sezioni corrispondenti e ne chiede la convalida per la partita di tonno rosso destinata alla riesportazione. Il certificato di riesportazione compilato deve essere accompagnato da una copia del documento o dei documenti di cattura convalidati relativi al tonno rosso precedentemente importato.

(Non concerne la versione italiana.)

Emendamento  36

Proposta di regolamento

Articolo 9 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1. Gli Stati membri provvedono affinché le proprie autorità competenti identifichino ciascuna partita di tonno rosso sbarcato, fatto oggetto di commercio interno o importato nel proprio territorio, o esportato o riesportato a partire dal medesimo. Le autorità competenti chiedono ed esaminano il documento o i documenti di cattura convalidati e la documentazione ivi afferente per ciascuna partita di tonno rosso. L'esame include la consultazione della base di dati relativa alla convalida di cui dispone la segreteria dell'ICCAT.

1. Gli Stati membri provvedono affinché le proprie autorità competenti identifichino ciascuna partita di tonno rosso sbarcato, trasbordato, fatto oggetto di commercio interno o importato nel proprio territorio, o esportato o riesportato a partire dal medesimo. Le autorità competenti chiedono ed esaminano il documento o i documenti di cattura convalidati e la documentazione ivi afferente per ciascuna partita di tonno rosso. L'esame include la consultazione della base di dati relativa alla convalida di cui dispone la segreteria dell'ICCAT.

Emendamento  37

Proposta di regolamento

Articolo 9 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2. Le autorità competenti possono inoltre esaminare il contenuto della partita al fine di verificare le informazioni figuranti nel documento di cattura e nei documenti ivi afferenti e, ove del caso, effettuano verifiche presso gli operatori interessati.

(Non concerne la versione italiana.)

Emendamento  38

Proposta di regolamento

Articolo 9 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4. Se uno Stato membro identifica una partita sprovvista di documento di cattura, esso ne informa lo Stato membro di spedizione o la PCC esportatrice e, se noti, lo Stato membro o la PCC di bandiera.

(Non concerne la versione italiana).

Emendamento  39

Proposta di regolamento

Articolo 10 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1. Gli Stati membri trasmettono alla Commissione le coordinate delle autorità responsabili della convalida e verifica dei documenti di cattura o dei certificati di riesportazione, in particolare il loro nome e indirizzo completo e, se del caso, il nome e la qualifica dei funzionari nominalmente investiti del potere di convalida, nonché un modello di formulario del documento, un campione stampato del timbro o sigillo e, se del caso, campioni delle marche di identificazione.

1. Gli Stati membri trasmettono alla Commissione:

 

a) il nome e l'indirizzo completo delle autorità responsabili della convalida e della verifica dei documenti di cattura o dei certificati di riesportazione,

 

b) il nome, la qualifica e un campione stampato del timbro o sigillo dei funzionari nominalmente investiti del potere di convalida, e

 

c) se del caso, campioni delle marche di identificazione.

Emendamento  40

Proposta di regolamento

Articolo 10 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2. La notifica indica la data a partire dalla quale prende effetto il mandato delle autorità interessate. Ogni aggiornamento dei dati relativi alle autorità responsabili della convalida viene trasmesso tempestivamente alla Commissione.

2. La notifica indica la data a partire dalla quale prende effetto il mandato delle autorità interessate. Ogni aggiornamento dei dati relativi alle autorità e ai funzionari responsabili della convalida viene trasmesso tempestivamente alla Commissione.

Emendamento  41

Proposta di regolamento

Articolo 11 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1. Entro il 15 settembre di ogni anno, gli Stati membri trasmettono alla Commissione per via elettronica una relazione sul programma, relativa al periodo compreso tra il 1° luglio dell'anno precedente e il 30 giugno dell'anno in corso, che deve includere le informazioni di cui all'allegato V.

1. Entro il 15 settembre di ogni anno, gli Stati membri trasmettono alla Commissione per via elettronica una relazione sul programma, relativa al periodo compreso tra il 1° luglio dell'anno precedente e il 30 giugno dell'anno in corso, che deve includere le informazioni di cui all'allegato VI.

Emendamento  42

Proposta di regolamento

Articolo 12 – comma 1

Testo della Commissione

Emendamento

La Commissione può modificare gli allegati secondo la procedura di cui all'articolo 13.

Ai fini dell'applicazione delle misure di conservazione adottate dall'ICCAT, di cui l'Unione è parte contraente, la Commissione può modificare, mediante atti delegati in conformità dell'articolo 12 bis e fatte salve le condizioni di cui agli articoli 12 ter e 12 quater, gli allegati al presente regolamento.

Emendamento  43

Proposta di regolamento

Articolo 12 – comma 2

Testo della Commissione

Emendamento

Le modifiche riguardano le misure di conservazione adottate dall'ICCAT, di cui la Comunità è parte contraente.

Nell'adottare tali atti delegati, la Commissione agisce conformemente alle disposizioni del presente regolamento.

Emendamento  44

Proposta di regolamento

Articolo 12 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 12 bis

 

Esercizio della delega

1. I poteri per l'adozione degli atti delegati di cui all'articolo 12 sono conferiti alla Commissione per un periodo di 5 anni a decorrere dall'entrata in vigore del presente regolamento. La Commissione presenta una relazione sui poteri delegati al più tardi sei mesi prima della fine del periodo di cinque anni. La delega dei poteri è automaticamente prorogata per periodi di identica durata, a meno che il Parlamento europeo o il Consiglio la revochino in conformità dell'articolo 12 ter.

 

2. Non appena adotta un atto delegato, la Commissione lo notifica simultaneamente al Parlamento europeo e al Consiglio.

 

3. I poteri per l'adozione degli atti delegati sono conferiti alla Commissione fatte salve le condizioni di cui agli articoli 12 ter e 12 quater.

Emendamento  45

Proposta di regolamento

Articolo 12 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 12 ter

 

Revoca della delega

 

1. La delega di poteri di cui all'articolo 12 può essere revocata in qualunque momento dal Parlamento europeo o dal Consiglio.

 

2. L'istituzione che ha avviato una procedura interna per decidere l'eventuale revoca della delega di poteri si adopera per informarne di ciò l'altra istituzione e la Commissione entro un termine ragionevole prima dell'adozione della decisione definitiva, specificando i poteri delegati che potrebbero essere oggetto di revoca e gli eventuali motivi della revoca.

 

3. La decisione di revoca pone fine alla delega dei poteri specificati nella decisione stessa e prende effetto immediatamente o a una data successiva in essa specificata. Essa lascia impregiudicata la validità degli atti delegati già in vigore. È pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Emendamento  46

Proposta di regolamento

Articolo 12 quater (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 12 quater

 

Obiezioni agli atti delegati

 

1. Il Parlamento europeo e il Consiglio possono sollevare obiezioni a un atto delegato entro il termine di due mesi dalla data di notifica.

 

Su iniziativa del Parlamento europeo o del Consiglio, il termine è prorogato di due mesi.

 

2. Se, alla scadenza di tale termine, né il Parlamento europeo né il Consiglio hanno sollevato obiezioni all'atto delegato, esso è pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea ed entra in vigore alla data ivi indicata.

 

3. Se il Parlamento europeo o il Consiglio sollevano obiezioni a un atto delegato, l'atto non entra in vigore. L'istituzione che solleva obiezioni all'atto delegato motiva le proprie obiezioni.

Emendamento  47

Proposta di regolamento

Articolo 13

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 13

soppresso

Procedura dei comitati

 

1. La Commissione è assistita dal comitato istituito dall'articolo 30 del regolamento (CE) n. 2371/2002.

 

2. Nei casi in cui è fatto riferimento al presente paragrafo, si applicano gli articoli 4 e 7 della decisione 1999/468/CE.

 

3. Il periodo di cui all'articolo 4, paragrafo 3, della decisione 1999/468/CE è fissato a un mese.

 

Emendamento  48

Proposta di regolamento

Articolo 14 – paragrafo 1 – lettera k

Testo della Commissione

Emendamento

k) gli allegati I, IVa, IX e XV sono soppressi.

k) gli allegati I, IVa, IX e XV sono abrogati.

Emendamento  49

Proposta di regolamento

Articolo 14 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2. I riferimenti alle disposizioni soppresse del regolamento (CE) n. 1984/2003 si intendono fatti al presente regolamento.

2. I riferimenti alle disposizioni abrogate del regolamento (CE) n. 1984/2003 si intendono fatti al presente regolamento.

Emendamento  50

Proposta di regolamento

Articolo 14 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 14 bis

 

Riesame del regolamento

 

La Commissione procede a un riesame del presente regolamento tenendo conto dei pareri scientifici aggiornati sulla consistenza dello stock che saranno presentati nel corso delle prossime riunioni dell’ICCAT e propone le eventuali modifiche necessarie.

Motivazione

La CITES è una convenzione a salvaguardia della biodiversità di specie animali e vegetali, mentre l’ICCAT è l’organismo preposto alla gestione e conservazione dello stock di tonno rosso.

Emendamento  51

Proposta di regolamento

Allegato I – tabella

Testo della Commissione

Emendamento

PRODOTTI DI CUI ALL'ARTICOLO 2, LETTERA a) – Designazione delle merci

Codice della nomenclatura combinata

PRODOTTI DI CUI ALL'ARTICOLO 2, LETTERA a) – Designazione delle merci

Codice della nomenclatura combinata

Tonni rossi vivi (Thunnus thynnus)

0301 94 00

Tonni rossi vivi (Thunnus thynnus)

0301 94 00

Tonni rossi (Thunnus thynnus) freschi o refrigerati, esclusi i filetti ed altre carni

0302 35 10

Tonni rossi (Thunnus thynnus) freschi o refrigerati, esclusi i filetti ed altre carni

0302 35 10

Tonni rossi (Thunnus thynnus) freschi o refrigerati, esclusi i filetti ed altre carni, diversi da quelli destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0302 35 90

Tonni rossi (Thunnus thynnus) freschi o refrigerati, esclusi i filetti ed altre carni, diversi da quelli destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0302 35 90

Tonni rossi (Thunnus thynnus) interi, congelati, esclusi i filetti ed altre carni, destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0303 45 11

Tonni rossi (Thunnus thynnus) interi, congelati, esclusi i filetti ed altre carni, destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0303 45 11

Tonni rossi (Thunnus thynnus) congelati, senza visceri né branchie, esclusi i filetti ed altre carni, destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0303 45 13

Tonni rossi (Thunnus thynnus) congelati, senza visceri né branchie, esclusi i filetti ed altre carni, destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0303 45 13

Tonni rossi (Thunnus thynnus) congelati, diversi da quelli interi o senza visceri né branchie, esclusi i filetti ed altre carni, destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0303 45 19

Tonni rossi (Thunnus thynnus) congelati, diversi da quelli interi o senza visceri né branchie, esclusi i filetti ed altre carni, destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0303 45 19

Tonni rossi (Thunnus thynnus) congelati, esclusi i filetti ed altre carni, diversi da quelli destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0303 45 90

Tonni rossi (Thunnus thynnus) congelati, esclusi i filetti ed altre carni, diversi da quelli destinati alla fabbricazione industriale di preparazioni e conserve di pesce

0303 45 90

Filetti di tonno rosso (Thunnus thynnus) freschi o refrigerati

ex 0304 19 39

Filetti di tonno rosso (Thunnus thynnus) freschi o refrigerati

ex 0304 19 39

Carni diverse dai filetti di tonno rosso (Thunnus thynnus), fresche o refrigerate

ex 0304 19 39

Carni diverse dai filetti di tonno rosso (Thunnus thynnus), fresche o refrigerate

ex 0304 19 39

Filetti ed altre carni di tonno rosso (Thunnus thynnus), congelati

ex 0304 29 45

Filetti ed altre carni di tonno rosso (Thunnus thynnus), congelati

ex 0304 29 45

Altre carni di tonno rosso (Thunnus thynnus)

ex 0304 99 99

Altre carni di tonno rosso (Thunnus thynnus)

ex 0304 99 99

Farine, polveri e agglomerati in forma di pellets di tonno rosso (Thunnus thynnus)

ex 0305 10 00

 

Fegati, uova e lattimi di tonno rosso (Thunnus thynnus), secchi, affumicati, salati o in salamoia

ex 0305 20 00

 

Filetti di tonno rosso (Thunnus thynnus), secchi, salati o in salamoia ma non affumicati

ex 0305 30 90

Filetti di tonno rosso (Thunnus thynnus), secchi, salati o in salamoia ma non affumicati

ex 0305 30 90

Tonni rossi (Thunnus thynnus) affumicati, inclusi i filetti

ex 0305 49 80

Tonni rossi (Thunnus thynnus) affumicati, inclusi i filetti

ex 0305 49 80

Tonni rossi (Thunnus thynnus) secchi, anche salati ma non affumicati

ex 0305 59 80

Tonni rossi (Thunnus thynnus) secchi, anche salati ma non affumicati

ex 0305 59 80

Tonni rossi (Thunnus thynnus) salati ma non secchi o affumicati, in salamoia

ex 0305 69 80

Tonni rossi (Thunnus thynnus) salati ma non secchi o affumicati, in salamoia

ex 0305 69 80

Tonni rossi (Thunnus thynnus) interi o a pezzi ma non macinati, preparati o conservati in olio vegetale

ex 1604 14 11

Tonni rossi (Thunnus thynnus) interi o a pezzi ma non macinati, preparati o conservati in olio vegetale

ex 1604 14 11

Tonni rossi (Thunnus thynnus) interi o a pezzi ma non macinati, preparati o conservati, eccetto in olio vegetale, in filetti detti "loins"

ex 1604 14 16

Tonni rossi (Thunnus thynnus) interi o a pezzi ma non macinati, preparati o conservati, eccetto in olio vegetale, in filetti detti "loins"

ex 1604 14 16

Tonni rossi (Thunnus thynnus) interi o a pezzi ma non macinati, preparati o conservati, eccetto in olio vegetale, diversi dai filetti detti "loins"

ex 1604 14 18

Tonni rossi (Thunnus thynnus) interi o a pezzi ma non macinati, preparati o conservati, eccetto in olio vegetale, diversi dai filetti detti "loins"

ex 1604 14 18

Tonni rossi (Thunnus thynnus) diversi da quelli interi o a pezzi ma non macinati, preparati o conservati

ex 1604 20 70

Tonni rossi (Thunnus thynnus) diversi da quelli interi o a pezzi ma non macinati, preparati o conservati

ex 1604 20 70

Emendamento  52

Proposta di regolamento

Allegato II – paragrafo 2 – linea 7

Testo della Commissione

Emendamento

Numero di esemplari, peso totale vivo e peso medio

Numero di esemplari, peso totale vivo e peso medio1

 

1 Il peso è riportato come peso vivo, ove disponibile. Qualora non si utilizzi il peso vivo, occorre specificare il tipo di prodotto (ad es. GG) nella sezione "Peso totale" e "Peso medio" del formulario.

Emendamento  53

Proposta di regolamento

Allegato II – paragrafo 2 – linea 11

Testo della Commissione

Emendamento

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, indirizzo, firma, timbro e data

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, firma, timbro e data

Emendamento  54

Proposta di regolamento

Allegato II – paragrafo 3 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

3. Informazioni relative al commercio di pesce vivo

(Non concerne la versione italiana.)

Emendamento  55

Proposta di regolamento

Allegato II – paragrafo 3 – linea 4

Testo della Commissione

Emendamento

Punto di esportazione o di uscita (se al largo delle coste, indicare la zona di pesca in cui il tonno rosso è stato catturato)

Punto di esportazione o di uscita

Emendamento  56

Proposta di regolamento

Allegato II – paragrafo 3 – linea 12

Testo della Commissione

Emendamento

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, indirizzo, firma, timbro e data

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, firma, timbro e data

Emendamento  57

Proposta di regolamento

Allegato II – paragrafo 5 – linea 11

Testo della Commissione

Emendamento

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, indirizzo, firma, timbro e data

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, firma, timbro e data

Emendamento  58

Proposta di regolamento

Allegato II – paragrafo 6

Testo della Commissione

Emendamento

6. Informazioni relative all'allevamento

6. Informazioni relative all'allevamento

Descrizione dell'impianto di allevamento

Descrizione dell'impianto di allevamento

Nome e Stato membro dell'impianto di allevamento

Nome e Stato membro dell'impianto di allevamento

Numero ICCAT e ubicazione dell'impianto di allevamento

Numero ICCAT e ubicazione dell'impianto di allevamento

Partecipazione al programma nazionale di campionamento (sì/no)

Partecipazione al programma nazionale di campionamento (sì/no)

Descrizione della gabbia

Descrizione della gabbia

Data di ingabbiamento, numero della gabbia

Data di ingabbiamento, numero della gabbia

Descrizione degli esemplari

Descrizione degli esemplari

Stime del numero di esemplari, del peso totale e del peso medio

Stime del numero di esemplari, del peso totale e del peso medio1

Informazioni relative all'osservatore

Informazioni relative all'osservatore regionale ICCAT

Nome, qualifica, firma

Nome, numero ICCAT, firma

Convalida delle autorità governative

Convalida delle autorità governative

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, indirizzo, firma, timbro e data

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, firma, timbro e data

 

1 Il peso è riportato come peso vivo ove disponibile. Qualora non si utilizzi il peso vivo, occorre specificare il tipo di prodotto (ad es. GG) nella sezione "Peso totale" e "Peso medio" del formulario.

Emendamento  59

Proposta di regolamento

Allegato II – paragrafo 7

Testo della Commissione

Emendamento

7. Informazioni relative ai prelievi dagli impianti di allevamento

7. Informazioni relative ai prelievi dagli impianti di allevamento

Descrizione del prelievo

Descrizione del prelievo

Data del prelievo

Data del prelievo

Numero di esemplari, peso (vivo) totale e peso medio

Numero di esemplari, peso (vivo) totale e peso medio

Numeri delle marche di identificazione (se del caso)

Numeri delle marche di identificazione (se del caso)

Ripartizione indicativa per dimensione (<8 kg, 8-30 kg, >30 kg)

Informazioni relative all'osservatore regionale ICCAT

Convalida delle autorità governative

Nome, numero ICCAT, firma

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, indirizzo, firma, timbro e data

Ripartizione indicativa per dimensione (<8 kg, 8-30 kg, >30 kg)

 

Convalida delle autorità governative

 

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, firma, timbro e data

Emendamento  60

Proposta di regolamento

Allegato II – paragrafo 8 – linea 10

Testo della Commissione

Emendamento

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, indirizzo, firma, timbro e data

Nome dell'autorità e del firmatario, qualifica, firma, timbro e data

Emendamento  61

Proposta di regolamento

Allegato III – formulario

Testo della Commissione

1. DOCUMENTO ICCAT DI CATTURA DEL TONNO ROSSO (DCT)

N. CC-YY-XXXXXX

1/2

2. INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA

NAVE/TONNARA

 

NOME:

BANDIERA

N. DI REGISTRO ICCAT

 

 

 

 

 

ATEC

DESCRIZIONE DELLA CATTURA

 

DATA (ggmmaa)

 

ZONA | |ATTREZZO

 

 

 

N. DI ESEMPLARI

 

PESO TOTALE (kg) |

PESO MEDIO (KG)

 

 

N. delle MARCHE (se del caso)

 

N. DI REGISTRO ICCAT dell'operazione di pesca congiunta (se del caso)

 

 

 

 

 

 

 

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

3. INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

|PESO VIVO (kg) | N. di ESEMPLARI | ZONA

ESPORTATORE/VENDITORE

 

PUNTO DI ESPORTAZIONE/PARTENZA

AZIENDA

INDIRIZZO

 

 

 

 

 

 

 

IMPIANTO DI ALLEVAMENTO DI DESTINAZIONE

 

STATO

 

N. ICCAT dell'impianto

 

 

 

FIRMA

 

 

 

DATA

 

DESCRIZIONE DEL TRASPORTO (Allegare la documentazione pertinente)

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

IMPORTATORE/ACQUIRENTE

 

AZIENDA

 

PUNTO DI IMPORTAZIONE/DESTINAZIONE (città, paese, Stato)

 

 

 

INDIRIZZO

 

 

 

DATA DELLA FIRMA

 

FIRMA

 

 

ALLEGATO (I): SI'

/ NO (contrassegnare con un cerchio)

4. INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASFERIMENTO

DESCRIZIONE DEL RIMORCHIATORE

 

N. ICCAT DELLA DICHIARAZIONE DI TRASFERIMENTO

 

 

NOME

 

BANDIERA

 

N. DI REGISTRO ICCAT

 

 

N. di ESEMPLARI MORTI DURANTE IL TRASFERIMENTO

PESO TOTALE DEGLI ESEMPLARI MORTI (kg)

 

 

|DESCRIZIONE DELLA GABBIA RIMORCHIATA

N. DI GABBIA

 

 

ALLEGATO(I): SI / NO (contrassegnare con un cerchio)

5. INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASBORDO

DESCRIZIONE DELLA NAVE DA TRASPORTO

 

NOME |

BANDIERA | | N. DI REGISTRO ICCAT

 

 

 

DATA (ggmmaa)

 

NOME DEL PORTO

 

STATO DEL PORTO

 

 

POSIZIONE (LAT/LONG) |

 

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO (Indicare il peso netto in kg per ogni tipo di prodotto)

F

RD (kg)

 

GG (kg)

 

DR (kg)

 

FL (kg)

 

OT(kg)

 

PESO TOTALE F (Kg)

 

FR

RD(kg)

 

GG (kg)

 

DR (kg)

 

FL (kg)

 

OT(kg)

 

PESO TOTALE FR (kg):

 

CONVALIDA DELLE UTORITÀ GOVERNATIVE

ENT VALIDATIO

M

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

SEAL

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

 

 

ALLEGATO(I): SI / NO (contrassegnare con un cerchio)

DOCUMENTO ICCAT DI CATTURA DEL TONNO ROSSO (DCT)|N. CC YY XXXXXX | 2/2

6. INFORMAZIONI RELATIVE ALL'IMPIANTO DI ALLEVAMENTO

DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI ALLEVAMENTO

 

 

NOME

 

STATO

 

N. ICCAT DELL'IMPIANTO

 

PROGRAMMA DI CAMPIONAMENTO NAZIONALE ? Si o No (contrassegnare con un cerchio)

UBICAZIONE

 

DESCRIZIONE DELLA GABBIA

DATA(ggmmaa)

 

N. di GABBIA

 

DESCRIZIONE DEGLI ESEMPLARI

N. DI ESEMPLARI

 

PESO TOTALE (kg)

 

PESO MEDIO [kg:

 

INFORMAZIONI SULL'OSSERVATORE

NOME

 

QUALIFICA

 

FIRMA

 

COMPOSIZIONE PER TAGLIE

<8Kg

 

8-30 Kg

 

>30Kg

 

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

 

 

ALLEGATO(I): SI / NO (contrassegnare con un cerchio)

7. INFORMAZIONI RELATIVE AL PRELIEVO

DESCRIZIONE DEL PRELIEVO

 

DATA (ggmrnaa)

 

N. DI ESEMPLARI

 

PESO TOTALE VIVO (kg)

 

 

 

PESO MEDIO (kg)

 

N. DELLE MARCHE (se del caso)

 

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

N

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

8 INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO (Indicare il peso netto in kg per ciascun tipo di prodotto)

F

RD(kg)

 

GG <kg)

 

DR (kg)

 

FL(kg)

 

OT(kg)

 

PESO TOTALE F (kg):

 

FR

RD(kg)

 

GG <kg)

 

DR (kg)

 

FL(kg)

 

OT(kgl

 

PESO TOTALE FR (kg):

 

ESPORTATORE VENDITORE

 

PUNTO DI ESPORTAZIONE/PARTENZA

AZIENDA

INDIRIZZO

 

 

 

 

 

 

 

STATO DI DESTINAZIONE

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

DATA

 

DESCRIZIONE DEL TRASPORTO

(Allegare la documentazione pertinente)

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

IMPORTATORE/ACQUIRENTE

 

AZIENDA

 

PUNTO DI IMPORTAZIONE/DESTINAZIONE (città, paese, Stato)

 

 

 

INDIRIZZO

 

 

 

DATA

 

FIRMA

 

 

ALLEGATO(I): SI

/ NO (contrassegnare con un cerchio))

Emendamento del Parlamento

1. DOCUMENTO ICCAT DI CATTURA DEL TONNO ROSSO (DCT)

N. CC-YY-XXXXXX

1/2

2. INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA

NAVE/TONNARA

 

NOME:

BANDIERA

N. DI REGISTRO ICCAT

 

 

 

 

 

soppresso

DESCRIZIONE DELLA CATTURA

 

DATA (ggmmaa)

 

ZONA | |ATTREZZO

 

 

 

N. DI ESEMPLARI

 

PESO TOTALE (kg) |

PESO MEDIO (KG)

 

 

N. delle MARCHE (se del caso)

 

 

 

N. DI REGISTRO ICCAT dell'operazione di pesca congiunta (se del caso)

 

 

 

 

 

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

3. INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

|PESO VIVO (kg) | N. di ESEMPLARI | ZONA

ESPORTATORE/VENDITORE

 

PUNTO DI ESPORTAZIONE/PARTENZA

AZIENDA

INDIRIZZO

 

 

 

 

 

 

 

IMPIANTO DI ALLEVAMENTO DI DESTINAZIONE

 

STATO

 

N. ICCATdell'impianto

 

 

 

FIRMA

 

 

 

DATA

 

DESCRIZIONE DEL TRASPORTO (Allegare la documentazione pertinente)

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

IMPORTATORE/ACQUIRENTE

 

AZIENDA

 

PUNTO DI IMPORTAZIONE/DESTINAZIONE (città, paese, Stato)

 

 

 

INDIRIZZO

 

 

 

DATA DELLA FIRMA

 

FIRMA

 

 

ALLEGATO (I): SI'

/ NO (contrassegnare con un cerchio)

4. INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASFERIMENTO

DESCRIZIONE DEL RIMORCHIATORE

 

N. ICCAT DELLA DICHIARAZIONE DI TRASFERIMENTO

 

 

NOME

 

BANDIERA

N. DI REGISTRO ICCAT

 

 

N. di ESEMPLARI MORTI DURANTE IL TRASFERIMENTO

PESO TOTALE DEGLI ESEMPLARI MORTI (kg)

 

 

|DESCRIZIONE DELLA GABBIA RIMORCHIATA

N. DI GABBIA

 

 

ALLEGATO(I): SI / NO (contrassegnare con un cerchio)

5. INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASBORDO

DESCRIZIONE DELLA NAVE DA TRASPORTO

 

NOME |

BANDIERA | | N. DI REGISTRO ICCAT

 

 

 

DATA (ggmmaa)

 

NOME DEL PORTO

 

STATO DEL PORTO

 

 

POSIZIONE (LAT/LONG) |

 

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO (Indicare il peso netto in kg per ogni tipo di prodotto)

F

RD (kg)

 

GG (kg)

 

DR (kg)

 

FL (kg)

 

OT(kg)

 

PESO TOTALE F (Kg)

 

FR

RD(kg)

 

GG (kg)

 

DR (kg)

 

FL (kg)

 

OT(kg)

 

PESO TOTALE FR (kg):

 

CONVALIDA DELLE UTORITÀ GOVERNATIVE

ENT VALIDATIO

M

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

SEAL

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

 

 

ALLEGATO(I): SI / NO (contrassegnare con un cerchio)

DOCUMENTO ICCAT DI CATTURA DEL TONNO ROSSO (DCT)

N. CC YY XXXXXX

| 2/2

6. INFORMAZIONI RELATIVE ALL'IMPIANTO DI ALLEVAMENTO

DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI ALLEVAMENTO

 

 

NOME

 

STATO

 

N. ICCAT DELL'IMPIANTO

 

PROGRAMMA DI CAMPIONAMENTO NAZIONALE ? Si o No (contrassegnare con un cerchio)

UBICAZIONE

 

DESCRIZIONE DELLA GABBIA

DATA(ggmmaa)

 

N. di GABBIA

 

DESCRIZIONE DEGLI ESEMPLARI

N. DI ESEMPLARI

 

PESO TOTALE (kg)

 

PESO MEDIO [kg:

 

INFORMAZIONI SULL'OSSERVATORE REGIONALE ICCAT

NOME

 

N. ICCAT

 

FIRMA

 

COMPOSIZIONE PER TAGLIE

<8Kg

 

8-30 Kg

 

>30Kg

 

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

 

 

ALLEGATO(I): SI / NO (contrassegnare con un cerchio)

7. INFORMAZIONI RELATIVE AL PRELIEVO

DESCRIZIONE DEL PRELIEVO

 

DATA (ggmrnaa)

 

N. DI ESEMPLARI

 

PESO TOTALE VIVO (kg)

 

 

 

PESO MEDIO (kg)

 

N. DELLE MARCHE (se del caso)

 

INFORMAZIONI SULL'OSSERVATORE REGIONALE ICCAT

NOME

 

N. ICCAT

 

FIRMA

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

N

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

8 INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO (Indicare il peso netto in kg per ciascun tipo di prodotto)

F

RD(kg)

 

GG <kg)

 

DR (kg)

 

FL(kg)

 

OT(kg)

 

PESO TOTALE F (kg):

 

FR

RD(kg)

 

GG <kg)

 

DR (kg)

 

FL(kg)

 

OT(kgl

 

PESO TOTALE FR (kg):

 

ESPORTATORE VENDITORE

 

PUNTO DI ESPORTAZIONE/PARTENZA

AZIENDA

INDIRIZZO

 

 

 

 

 

 

 

STATO DI DESTINAZIONE

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

DATA

 

DESCRIZIONE DEL TRASPORTO

(Allegare la documentazione pertinente)

CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE

 

NOME DELL'AUTORITÀ

 

TIMBRO

 

 

QUALIFICA

 

 

 

 

 

FIRMA

 

 

 

 

 

DATA

 

 

 

IMPORTATORE/ACQUIRENTE

 

AZIENDA

 

PUNTO DI IMPORTAZIONE/DESTINAZIONE (città, paese, Stato)

 

 

 

INDIRIZZO

 

 

 

DATA

 

FIRMA

 

 

ALLEGATO(I): SI

/ NO (contrassegnare con un cerchio)

Emendamento  62

Proposta di regolamento

Allegato III bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

ALLEGATO III bis

 

Istruzioni per il rilascio, la numerazione, la compilazione e la convalida del documento di cattura

 

1. PRINCIPI GENERALI

 

1) Lingua

 

Se compilato in una lingua diversa da una di quelle ufficiali dell'ICCAT (inglese, francese e spagnolo), il documento di cattura va corredato della traduzione in inglese.

 

2) Numerazione

 

Gli Stati membri debbono sviluppare sistemi unici di numerazione per i documenti di cattura utilizzando i loro codici per paese NUTS a due posizioni alfabetiche in combinazione con un numero di almeno 8 cifre, di cui almeno due devono indicare l'anno di cattura.

 

Esempio: FR-09-123456 (in cui "FR" è il codice per la Francia)

 

In caso di lotti frazionati o prodotti trasformati, le copie del documento di cattura originale devono essere numerate integrando il numero dei documenti di cattura originali con un numero a due cifre.

 

Esempio: FR-09-123456-01, FR-09-123456-02, FR-09-123456-03, ecc.

 

La numerazione deve essere sequenziale e di preferenza stampata. I numeri di serie dei documenti di cattura rilasciati non compilati sono registrati in base al nome del destinatario.

 

3) Convalida

 

Il modello del documento di cattura del tonno rosso non deve sostituirsi né all'autorizzazione preventiva al trasferimento né all'autorizzazione di ingabbiamento.

 

2. INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA

 

1) Compilazione

 

a) Principi generali

 

Questa sezione si applica a tutte le catture di tonno rosso.

 

Il comandante della nave da cattura o l'operatore della tonnara o il suo rappresentante autorizzato o il rappresentante autorizzato dello Stato membro di bandiera o della tornata è competente per la compilazione e la richiesta di convalida della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA".

 

La sezione "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA" va compilata al più tardi entro la fine del primo trasferimento in gabbie rimorchiate, del trasbordo o dello sbarco.

 

NB: nel caso di operazioni di pesca congiunta contemplate all'articolo 2, lettera g), del regolamento (CE) n. 302/2009 del Consiglio, del 6 aprile 2009, concernente un piano pluriennale di ricostituzione del tonno rosso nell'Atlantico orientale e nel Mediterraneo, che modifica il regolamento (CE) n. 43/2009 e che abroga il regolamento (CE) n. 1559/20071, il comandante di ciascuna nave da cattura che partecipa all'operazione di pesca congiunta deve compilare un documento di cattura per ciascuna cattura.

 

b) Istruzioni particolari

 

"BANDIERA": lo Stato membro di bandiera o della tonnara.

 

"Numero di registro ICCAT": indicare il numero ICCAT della nave da cattura o della tonnara autorizzata a pescare tonno rosso nella zona della convenzione ICCAT. L'informazione non si applica alle navi da cattura che pescano tonno rosso a titolo di cattura accessoria.

 

"ATTREZZO": l'attrezzo da pesca, contrassegnato dai seguenti codici:

 

BB                 Peschereccio con lenze e        canne

 

GILL             Rete da imbrocco

 

HAND                      Lenza a mano

 

HARP            Arponi

 

LL                 Palangari

 

MWT             Rete da traino pelagica

 

PS                 Ciancioli

 

RR                 Canna/mulinello

 

SURF             Pesca di superficie non classificata

 

TL                 Lenza in pesca

 

TRAP            Tonnara fissa

 

TROL            Lenza trainata

 

UNCL            Metodi non precisati

 

OT                 altri:

 

"PESO TOTALE": peso vivo in chilogrammi. Se non si utilizza il peso vivo al momento della cattura, indicare il tipo di prodotto (ad es. GG). Nel caso di operazioni di pesca congiunta, la quantità indicata deve corrispondere alla chiave di ripartizione definita per ciascuna nave da cattura.

 

"ZONA": il Mediterraneo, l'Atlantico occidentale o l'Atlantico orientale.

 

"N. delle MARCHE (se del caso)": si possono aggiungere altre linee per poter elencare ciascun numero di marca per singolo esemplare.

 

2) Convalida

 

Lo Stato membro di bandiera o della tonnara è competente per la convalida della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA" a meno che il tonno rosso non sia stato marcato a norma dell'articolo 5 del presente regolamento.

 

Per il pesce sbarcato o trasbordato, la convalida deve avvenire al più tardi entro la fine delle operazioni di trasbordo o di sbarco.

 

Per il pesce trasferito vivo, la convalida può avvenire al momento del primo trasferimento in gabbie rimorchiate ma va comunque effettuata al più tardi entro la fine dell'operazione di ingabbiamento.

 

3. INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO DI PESCE VIVO

 

1) Compilazione

 

a) Principi generali:

 

Questa sezione si applica esclusivamente al commercio interno o all'esportazione di tonno rosso vivo.

 

Il comandante della nave da cattura o il suo rappresentante autorizzato o il rappresentante autorizzato dello Stato membro di bandiera è competente per la compilazione e la richiesta di convalida della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO DI PESCE VIVO".

 

La sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO DI PESCE VIVO" va compilata al più tardi entro la fine del primo trasferimento in gabbie rimorchiate.

 

NB: qualora un determinato numero di esemplari morti durante l'operazione di trasferimento sia scambiato sul mercato interno o esportato, occorre effettuare una copia del documento originale di cattura (la cui sezione "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA" sarà stata compilata e, se del caso, convalidata) e la sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO" della copia del documento di cattura deve essere compilata dal comandante della nave da cattura o dal suo rappresentante autorizzato o dal rappresentante autorizzato dello Stato membro di bandiera e trasmessa all'acquirente/importatore sul mercato interno. La convalida della copia ne garantisce l'autenticità e la registrazione da parte delle autorità dello Stato membro interessato. In assenza di tale convalida, qualsiasi copia del documento di cattura si considera nulla.

 

b) Istruzioni particolari:

 

"ZONA": la zona di trasferimento, il Mediterraneo, l'Atlantico occidentale o l'Atlantico orientale.

 

"PUNTO DI ESPORTAZIONE/DI PARTENZA": lo Stato membro o la PCC della zona di pesca in cui il tonno rosso è stato trasferito oppure indicare "alto mare".

 

"DESCRIZIONE DEL TRASPORTO": allegare qualsiasi documento che certifichi l'operazione commerciale.

 

2) Convalida

 

Lo Stato membro di bandiera non deve convalidare i documenti di cattura la cui sezione "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA" non sia stata compilata e, se del caso, convalidata.

 

La convalida può avvenire al momento del primo trasferimento in gabbie rimorchiate ma va comunque effettuata al più tardi entro la fine dell'operazione di ingabbiamento.

 

4. INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASFERIMENTO

 

1) Compilazione

 

a) Principi generali:

 

Questa sezione si applica esclusivamente al tonno rosso vivo.

 

Il comandante della nave da cattura o il suo rappresentante autorizzato o il rappresentante autorizzato dello Stato membro di bandiera è competente per la compilazione della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASFERIMENTO".

 

La sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASFERIMENTO" va compilata al più tardi entro la fine della prima operazione di trasferimento.

 

Al termine della prima operazione di trasferimento, il comandante della nave da cattura deve fornire il documento di cattura (le cui sezioni "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA, AL COMMERCIO DI PESCE VIVO e AL TRASFERIMENTO" saranno state compilate e, se del caso, convalidate) al comandante del rimorchiatore.

 

Il documento di cattura compilato e, se del caso, convalidato deve accompagnare il trasferimento del pesce durante il trasporto verso l'allevamento, ivi incluso il trasferimento di esemplari vivi di tonno rosso dalla gabbia di trasporto a un'altra gabbia di trasporto o il trasferimento di esemplari morti dalla gabbia di trasporto a una nave ausiliaria.

 

NB: in caso di morte di alcuni esemplari durante il trasferimento, occorre effettuare una copia del documento originale di cattura (le cui sezioni "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA, AL COMMERCIO DI PESCE VIVO e AL TRASFERIMENTO" saranno state compilate e, se del caso, convalidate) e la sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO" della copia del documento di cattura deve essere compilata dal venditore sul mercato interno esportatore o dal suo rappresentante autorizzato o dal rappresentante autorizzato dello Stato membro di bandiera e trasmessa all'acquirente/importatore sul mercato interno. La convalida della copia ne garantisce l'autenticità e la registrazione da parte delle autorità dello Stato membro interessato. In assenza di tale convalida, qualsiasi copia del documento di cattura si considera nulla.

 

b) Istruzioni particolari:

 

"N. di ESEMPLARI MORTI DURANTE IL TRASFERIMENTO" e "PESO TOTALE DEGLI ESEMPLARI MORTI": informazioni da compilare (se del caso) a cura del comandante del rimorchiatore.

 

"N. di GABBIA": numero di ciascuna gabbia nel caso di un rimorchiatore con più gabbie.

 

2) Convalida

 

Non è richiesta la convalida di questa sezione.

 

5. INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASBORDO

 

1) Compilazione

 

a) Principi generali:

 

Questa sezione si applica esclusivamente al tonno rosso morto.

 

Il comandante del peschereccio che effettua il trasbordo o il suo rappresentante autorizzato o il rappresentante autorizzato dello Stato di bandiera è competente per la compilazione e la richiesta di convalida della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASBORDO".

 

La sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL TRASBORDO" va compilata al più tardi entro la fine dell'operazione di trasbordo.

 

b) Istruzioni particolari:

 

"DATA": la data del trasbordo.

 

"NOME DEL PORTO": il porto designato per il trasbordo.

 

"STATO DEL PORTO": lo Stato membro o la PCC del porto designato per il trasbordo.

 

2) Convalida

 

Lo Stato membro di bandiera non deve convalidare i documenti di cattura la cui sezione "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA" non sia stata compilata e, se del caso, convalidata.

 

La convalida va effettuata al più tardi entro la fine dell'operazione di trasbordo.

 

6. INFORMAZIONI RELATIVE ALL'IMPIANTO DI ALLEVAMENTO

 

1) Compilazione

 

a) Principi generali:

 

Questa sezione si applica esclusivamente al tonno vivo ingabbiato.

 

Il comandante del rimorchiatore deve fornire il documento di cattura (le cui sezioni "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA, AL COMMERCIO DI PESCE VIVO e AL TRASFERIMENTO" saranno state compilate e, se del caso, convalidate) all'operatore dell'impianto di allevamento al momento dell'ingabbiamento.

 

L'operatore dell'impianto di allevamento o il suo rappresentante autorizzato o un rappresentante autorizzato dello Stato membro dell'impianto di allevamento è competente per la compilazione e la richiesta di convalida della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE ALL'IMPIANTO DI ALLEVAMENTO".

 

La sezione "INFORMAZIONI RELATIVE ALL'IMPIANTO DI ALLEVAMENTO" va compilata al più tardi entro la fine dell'operazione di ingabbiamento.

 

b) Istruzioni particolari:

 

"N. di GABBIA": il numero di ciascuna gabbia.

 

"INFORMAZIONI SULL'OSSERVATORE regionale ICCAT": indicarne il nome, il numero ICCAT e la firma.

 

2) Convalida

 

Lo Stato membro dell'impianto di allevamento è competente per la convalida della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE ALL'IMPIANTO DI ALLEVAMENTO".

 

Lo Stato membro dell'impianto di allevamento non deve convalidare i documenti di cattura le cui sezioni "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA, AL COMMERCIO DI PESCE VIVO e AL TRASFERIMENTO" non siano state compilate e, se del caso, convalidate.

 

La convalida va effettuata al più tardi entro la fine dell'operazione di ingabbiamento.

 

7. INFORMAZIONI RELATIVE AL PRELIEVO

 

1) Compilazione

 

a) Principi generali:

 

Questa sezione si applica esclusivamente agli esemplari morti di tonno di allevamento.

 

L'operatore dell'impianto di allevamento o il suo rappresentante autorizzato o un rappresentante autorizzato dello Stato membro dell'impianto di allevamento è competente per la compilazione e la richiesta di convalida della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AI PRELIEVI DAGLI IMPIANTI DI ALLEVAMENTO".

 

La sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL PRELIEVO" va compilata al più tardi entro la fine dell'operazione di prelievo.

 

b) Istruzioni particolari:

 

"N. delle MARCHE (se del caso)": si possono aggiungere altre linee per poter elencare ciascun numero di marca per singolo esemplare.

 

"INFORMAZIONI SULL'OSSERVATORE regionale ICCAT": indicarne il nome, il numero ICCAT e la firma.

 

2) Convalida

 

Lo Stato membro dell'impianto di allevamento è competente per la convalida della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL PRELIEVO".

 

Lo Stato membro dell'impianto di allevamento non deve convalidare i documenti di cattura le cui sezioni "INFORMAZIONI RELATIVE ALLA CATTURA, AL COMMERCIO DI PESCE VIVO, AL TRASFERIMENTO e ALL'IMPIANTO DI ALLEVAMENTO" non siano state compilate e, se del caso, convalidate.

 

La convalida va effettuata al più tardi entro la fine dell'operazione di prelievo.

 

8. INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO

 

1) Compilazione

 

a) Principi generali:

 

Questa sezione si applica esclusivamente al commercio interno o all'esportazione di esemplari morti di tonno rosso.

 

Il venditore sul mercato interno o l'esportatore o il suo rappresentante autorizzato o un rappresentante autorizzato dello Stato membro del venditore/esportatore è responsabile per la compilazione e la richiesta di convalida della sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO", ad eccezione della sottosezione "IMPORTATORE/ACQUIRENTE".

 

La sezione "INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO", ad eccezione della sottosezione "IMPORTATORE/ACQUIRENTE", va compilata prima che il pesce sia scambiato sul mercato interno o esportato.

 

Nel caso di commercio interno, la sezione "'IMPORTATORE/ACQUIRENTE" va compilata dall'acquirente sul mercato interno dopo che il pesce è stato scambiato sul mercato interno.

 

Nel caso di commercio internazionale, la sezione "'IMPORTATORE/ACQUIRENTE" va compilata dall'importatore.

 

b) Istruzioni particolari:

 

"DESCRIZIONE DEL TRASPORTO": allegare qualsiasi documento che certifichi l'operazione commerciale.

 

2) Convalida

 

Lo Stato membro del venditore/esportatore è competente per la convalida della sezione INFORMAZIONI RELATIVE AL COMMERCIO (ad eccezione della sottosezione "IMPORTATORE/ACQUIRENTE") a meno che il tonno rosso non sia stato marcato a norma dell'articolo 5 del presente regolamento.

 

NB: nel caso in cui da un unico documento di cattura derivi più di una transazione commerciale sul mercato interno o esportazione, una copia del documento originale di cattura deve essere convalidata dallo Stato membro del venditore sul mercato interno o dell'esportatore e essere utilizzata e riconosciuta come documento di cattura originale. La convalida della copia ne garantisce l'autenticità e la registrazione da parte delle autorità dello Stato membro interessato. In assenza di tale convalida, qualsiasi copia del documento di cattura si considera nulla.

 

NB: in caso di riesportazione, il CERTIFICATO DI RIESPORTAZIONE deve essere impiegato per seguire gli ulteriori movimenti e deve richiamarsi alle informazioni sulle catture del documento di cattura originale mediante il numero di quest'ultimo.

 

Se il tonno rosso è catturato da una nave da cattura o in una tonnara battente bandiera o installata in uno Stato membro o in una PCC che utilizza il sistema di marcatura, e quindi è esportato morto e riesportato, il documento di cattura di cui è corredato il CERTIFICATO DI RIESPORTAZIONE non necessita di convalida. Va invece convalidato il CERTIFICATO DI RIESPORTAZIONE.

 

Una volta importato, il tonno rosso può essere frazionato in più pezzi, che possono successivamente essere esportati. In tal caso, lo Stato membro o la PCC di riesportazione deve confermare che il pezzo riesportato fa parte dell'esemplare originale accompagnato dal documento di cattura.

 

____________________

1 GU L 96 del 15.4.2009, pag. 1.

Motivazione

Il sistema di numerazione per il rilevamento delle catture è il codice del paese a due lettere denominato ISO e non NUTS. Il DCT è complementare all'autorizzazione previa di trasferimento e all'autorizzazione di ingabbiamento. Si tratta di una terza verifica della legittimità delle catture.

Emendamento  63

Proposta di regolamento

Allegato IV – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3. Descrizione del tonno rosso importato

3. Descrizione del tonno rosso importato

Tipo di prodotto: F/FR RD/GG/DR/FL/OT

Tipo di prodotto: F/FR RD/GG/DR/FL/OT (qualora vengano registrati in questa sezione diversi tipi di prodotto, l'indicazione del peso corrispondente deve essere ripartita per tipo di prodotto)

Peso netto (kg)

Peso netto (kg)

Numero/i del documento di cattura e data/e di importazione

Numero/i del documento di cattura e data/e di importazione

Bandiera/e della nave/delle navi da pesca o Stato in cui è installata la tonnara, secondo il caso

Bandiera/e della nave/delle navi da pesca o Stato in cui è installata la tonnara, secondo il caso

Emendamento  64

Proposta di regolamento

Allegato IV – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4. Descrizione del tonno rosso destinato alla riesportazione

4. Descrizione del tonno rosso destinato alla riesportazione

Tipo di prodotto: F/FR RD/GG/DR/FL/OT

Tipo di prodotto: F/FR RD/GG/DR/FL/OT (qualora vengano registrati in questa sezione diversi tipi di prodotto, l'indicazione del peso corrispondente deve essere ripartita per tipo di prodotto)

Peso netto (kg)

Peso netto (kg)

Numero/i del/dei documento/i di cattura corrispondente/i di cui alla sezione 3

Numero/i del/dei documento/i di cattura corrispondente/i di cui alla sezione 3

 

Stato di destinazione

Emendamento  65

Proposta di regolamento

Allegato IV – paragrafo 7 – linea 1

Testo della Commissione

Emendamento

Dichiarazione dell'importatore stabilito nello Stato membro o nella PCC di importazione della partita di tonno rosso

(Non concerne la versione italiana.)

Emendamento  66

Proposta di regolamento

Allegato IV – tabella

Testo della Commissione

NUMERO DEL DOCUMENTO

CERTIFICATO ICCAT DI RIESPORTAZIONE DEL TONNO ROSSO

SEZIONE RELATIVA ALLA RIESPORTAZIONE:

 

1. PAESE/ENTITÀ DI PESCA DI RIESPORTAZIONE

2. PUNTO DI RIESPORTAZIONE

3. DESCRIZIONE DEL TONNO ROSSO IMPORTATO

 

Tipo di prodotto

 

 

Peso netto

PCC di bandiera

Data di importazione

N. di

F/FR RD/GG/DR/FL/OT

 

(kg)

 

 

DCT

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4. DESCRIZIONE DEL TONNO ROSSO DESTINATO ALLA RIESPORTAZIONE

 

Tipo di prodotto

 

 

Peso netto

Numero del documento di cattura corrispondente

F/FR RD/GG/DR/FL/OT

 

(kg)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

F=Fresco, FR=Congelato, RD=Peso vivo, GG=Eviscerato e senza branchie, DR=Rifilato, FL=Filetto. OT=Altra forma (Descrivere il tipo di prodotti: )

 

5. DICHIARAZIONE DEL RIESPORTATORE:

Certifico che a quanto mi consta le informazioni di cui sopra sono complete, autentiche ed esatte.

Nome Indirizzo Firma Data

6. CONVALIDA DELLE AUTORITÀ GOVERNATIVE:

Certifico che a quanto mi consta le informazioni di cui sopra sono complete, autentiche ed esatte.

Peso totale della spedizione: kg

 

Nome e qualifica Firma Data Timbro ufficiale

7. SEZIONE RELATIVA ALL'IMPORTAZIONE

DICHIARAZIONE DELL'IMPORTATORE

 

Certifico che a quanto mi consta le informazioni di cui sopra sono complete, autentiche ed esatte.

 

Certificazione dell'importatore

Nome Indirizzo Firma Data

 

 

 

 

 

 

 

 

Punto di destinazione finale dell'importazione: Città Stato/Provincia PCC

N.B.: SE IL PRESENTE FORMULARIO È COMPILATO IN UNA LINGUA DIVERSA DALL'INGLESE, SI PREGA DI ALLEGARE UNA TRADUZIONE IN INGLESE.

* Allegare un documento di trasporto valido e copie dei documenti di cattura.

Emendamento del Parlamento

(Non concerne la versione italiana.)

Emendamento  67

Proposta di regolamento

Allegato V – paragrafo 1 trattino 2

Testo della Commissione

Emendamento

– numero di documenti di cattura convalidati ricevuti,

numero di documenti di cattura convalidati ricevuti da altri Stati membri o PCC,

Emendamento  68

Proposta di regolamento

Allegato V – paragrafo 1 trattino 7

Testo della Commissione

Emendamento

– quantitativo totale di partite di tonno rosso oggetto di una decisione di divieto, ripartito per prodotti, natura dell'operazione (commercio interno, importazione, esportazione, riesportazione, trasferimento ad impianti di allevamento), motivi del divieto e Stati membri, PCC e/o parti non contraenti di origine o di destinazione.

(Non concerne la versione italiana.)

Emendamento  69

Proposta di regolamento

Allegato V – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2. Informazioni sulle partite ai sensi dell'articolo 9, paragrafo 1:

2. Informazioni sulle partite ai sensi dell'articolo 9, paragrafo 1, del presente regolamento:

– numero di partite,

– numero di partite,

– quantitativo totale di tonno rosso, ripartito per prodotto, tipo di operazione (commercio interno, importazione, esportazione, riesportazione, trasferimento ad impianti di allevamento), Stati membri, PCC o altri paesi di cui all'articolo 9, paragrafo 1.

quantitativo totale di tonno rosso, ripartito per prodotto, tipo di operazione (commercio interno, importazione, esportazione, riesportazione, trasferimento ad impianti di allevamento), Stati membri, PCC o altri paesi di cui all'articolo 9, paragrafo 1, del presente regolamento.


MOTIVAZIONE

L'ICCAT (Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell'Atlantico) è responsabile della gestione delle catture di tonno rosso nell'Oceano Atlantico. La relazione in esame riguarda il recepimento, nella legislazione comunitaria, di un programma ICCAT di documentazione delle catture.

Si tratta dell'ultima di una serie di misure di gestione ICCAT per la pesca di tonno rosso, risalenti al 1974, quando era stata concordata una taglia minima di 6,4 kg per esemplare. Nel corso degli anni, l'ICCAT ha approvato in totale 59 raccomandazioni e risoluzioni in materia di tonno rosso, delle quali dodici sono ancora oggi in vigore e ulteriori dodici raccomandazioni riguardano la documentazione delle catture del tonno rosso. Non vi è dubbio che per l'ICCAT le catture di tonno rosso costituiscono un problema annoso.

Normativa dell'UE presente e passata relativa ai documenti statistici per il tonno rosso

Il primo tentativo specifico per migliorare la documentazione delle catture di tonno rosso risale al 1992 quando l'ICCAT avviò il programma di documentazione statistica per il tonno rosso. Il documento era richiesto al momento dell'ingresso del tonno rosso nell'Unione europea o in un qualsiasi altro membro dell'ICCAT (sbarco diretto o importazione). Il documento riportava dati relativi all'origine del tonno (paese d'origine, attrezzo utilizzato, area di prelievo, nome dell'esportatore) e andava convalidato da un funzionario dello Stato di bandiera del peschereccio. Tale procedura si applicava inizialmente al tonno rosso surgelato (raccomandazione ICCAT 92-1) ma presto venne estesa anche al tonno rosso fresco (raccomandazione ICCAT 93-3). Con il regolamento (CE) n. 858/94 del Consiglio la procedura venne recepita dall'Unione.

Alla fine degli anni Novanta il commercio di tonno rosso iniziava a diventare più complesso e difficile da tracciare. L'ICCAT reagì ampliando la documentazione statistica fino a coprire non solo le importazioni ma anche le esportazioni e le riesportazioni (raccomandazione 2000-22) e includendovi anche altre specie (pesce spada e tonno obeso). Il regolamento CE) n. 1984/2003 del Consiglio venne approvato per attuare le nuove disposizioni.

In breve tempo il traffico internazionale di tonno rosso aveva ancora una volta guadagnato terreno rispetto alla capacità della documentazione statistica di tenere il passo. L'iniziativa successiva è stata il programma di documentazione delle catture di tonno rosso (DCT), adottato dall'ICCAT nel 2007 (raccomandazione 07-10) e modificato nel 2008 (raccomandazione 08-12), che prevede una procedura decisamente più complessa, orientata a seguire rigorosamente il tonno lungo l'intera catena operativa, dal momento della cattura al punto di commercializzazione finale.

Prima di poter essere recepito nella legislazione comunitaria (proposta della Commissione COM(2009)406), il programma DCT è stato tuttavia modificato nel 2009 in occasione della riunione ICCAT a Recife in Brasile. La presente relazione prende in considerazione proprio le ultime modifiche apportate durante la riunione di Recife. Poiché anche il Consiglio si sta muovendo nella stessa direzione, le due istituzioni stano seguendo un approccio analogo.

La proposta

Data la complessità della cronologia precedentemente illustrata, è opportuno limitarsi a presentare il DCT nella versione successiva alla riunione di Recife. Le modifiche risultanti da tale riunione sono l'oggetto principale degli emendamenti della presente relazione con alcune eccezioni illustrate di seguito.

Il DCT è probabilmente il programma di documentazione esistente più complesso per una specie ittica. In linea teorica un DCT compilato deve accompagnare un lotto di tonno in ogni fase della catena di conservazione del prodotto a partire dal momento della cattura, inclusi sbarco, trasbordo, ingabbiamento, prelievo, importazione, esportazione e riesportazione. Deve essere convalidato in ogni fase dalle autorità di bandiera, della tonnara o della gabbia e comporta un'ampia serie di dati:

· dati sulla cattura (inclusi nome della nave da cattura o della tonnara, Stato di bandiera, luogo e modalità di cattura, numero e taglia dei pesci);

· informazioni sull'esportatore o il rivenditore (nome e indirizzo della società, data, firma, punto di esportazione o importazione);

· informazioni sul trasbordo (nomi della nave, data, porto, descrizione del prodotto, peso);

· dati sull'impianto di allevamento (nome, data di ingabbiamento, numero e peso stimati del pesce);

· informazioni sul prelievo (data, numero di esemplari, peso, numeri delle marche di identificazione, firma);

· informazioni sul commercio (descrizione del prodotto, punto e data di esportazione, nome e dati della società esportatrice, destinazione, descrizione del trasporto).

Il programma fornisce inoltre istruzioni per la compilazione e la convalida del DCT, nonché indicazioni riguardanti il destinatario e la tempistica di invio. Le copie della documentazione devono essere conservate dagli Stati membri per due anni.

Le principali novità della riunione di Recife e quindi oggetto degli emendamenti presentati nella relazione in esame, riguardano:

· i requisiti generali per il prelievo del pesce ingabbiato nell'anno di cattura o prima dell'inizio della stagione delle reti da circuizione dell'anno successivo (sono consentite eccezioni);

· il divieto di ricorso a pescherecci noleggiati;

· l'aggiunta di un nuovo allegato contenente istruzioni dettagliate sul rilascio, sulla compilazione e sulla convalida del DCT.

In sede di discussione con il Consiglio, la Commissione propone una disposizione non approvata a Recife, ossia che la convalida del DCT avvenga al più tardi entro il termine dell'operazione in questione (trasbordo, sbarco, ingabbiamento, prelievo). La raccomandazione ICCAT non prevede un termine ultimo per concludere la convalida e l'aggiunta proposta dalla Commissione è quindi apprezzabile dal momento che garantisce una convalida tempestiva.

Tonno rosso, ICCAT e regolamento INN dell'Unione europea

Tali programmi per la documentazione delle catture e del commercio di tonno rosso sono stati avviati nel 1992, quando si riscontravano problemi rilevanti con le catture di tonno rosso praticate da imbarcazioni battenti una bandiera di comodo. Allora l'ICCAT era un'organizzazione innovativa e coraggiosa e sperimentava misure alternative per combattere ciò che da quel momento sarebbe stata conosciuta come pesca INN. Dal 1996 l'ICCAT ha adottato una serie di misure commerciali per vietare l'importazione di tonno rosso da alcuni paesi i cui pescherecci catturavano questa specie disattendendo le norme dell'ICCAT. Purtroppo l'utilità di tale approccio è stata compromessa dal fatto che le navi in questione hanno semplicemente sostituito la bandiera e i paesi colpiti da divieti di importazione sono diventati membri dell'ICCAT, sebbene non sia chiaro se le loro prassi di pesca fossero più responsabili in qualità di parti contraenti.

Queste due misure di contrasto della pesca illegale – i divieti di importazione e i certificati di cattura – possono essere considerati la base del regolamento INN adottato dal Consiglio nel 2008. Esso prevede l'obbligo di presentare un certificato di provenienza del pesce prima che possa essere importato nell'UE, nonché la possibilità di imporre divieti di importazione dai paesi le cui prassi di pesca sono state ritenute illecite. Le misure di attuazione del regolamento INN indicano specificatamente il programma DCT in quanto certificato valido per l'importazione nell'UE.

Osservazioni conclusive

Il tonno rosso di buona qualità è talmente pregiato che gli operatori hanno compiuto sforzi enormi per sfuggire ai controlli e quindi barare. Tale realtà è testimoniata dalla crescente complessità del programma di documentazione delle catture di tonno rosso, per non menzionare la difficoltà che incontrano gli Stati di bandiera, gli Stati di approdo, gli Stati costieri o quelli di commercializzazione nel controllare le attività di pesca nelle loro giurisdizioni.

Questi sforzi hanno avuto effetto? Ogni anno l'ICCAT adotta misure di gestione sempre più severe e complesse, vale a dire piani di ricostituzione degli stock, sistemi di documentazione, limitazioni della capacità delle navi e degli allevamenti e così via. Ogni anno la Commissione plaude ai successi dell'ICCAT, poiché l'organizzazione ha finalmente intrapreso le azioni necessarie per ridurre la pesca INN del tonno rosso (non è ragionevole pensare di poterla eliminare) e la situazione può dirsi sotto controllo. Ogni anno tali affermazioni finiscono puntualmente per essere eccessivamente ottimistiche.

È risaputo che entrambi gli stock sono eccessivamente sfruttati: la biomassa riproduttiva degli stock è stata ridotta a meno del 15% della biomassa non catturata. L'anno scorso si è discusso a lungo sulla possibilità di inserire il tonno rosso nell'allegato I della CITES; ciò avrebbe comportato l'interruzione del commercio internazionale di tale specie, almeno tra quei paesi che sono favorevoli all'inserimento. Nel settembre del 2009 la Commissione ha annunciato un sostegno provvisorio per promuovere congiuntamente tale inserimento.

La combinazione dell'eccessivo sfruttamento del tonno rosso, dei prezzi molto elevati del pesce (catturato sia legalmente che illegalmente) e delle ovvie difficoltà per monitorare le attività di pesca e di commercio mostra chiaramente che i notevoli sforzi compiuti dall'ICCAT negli ultimi 20 anni non sono stati sufficienti a garantire una pesca sostenibile. L'iniziale sostegno provvisorio della Commissione a favore dell'inserimento nell'allegato I della CITES dovrebbe diventare la politica comunitaria ufficiale.

Se in occasione della riunione della CITES, prevista per il marzo 2010, si deciderà di inserire il tonno rosso nell'allegato I, molte delle disposizioni contenute nel regolamento proposto diverranno obsolete, quanto meno per la durata dell'inserimento.

Il relatore ha introdotto alcuni emendamenti per specificare che, qualora il tonno rosso sia inserito nell'allegato I della CITES, sarebbe opportuno aggiornare immediatamente il presente regolamento per tener conto di tale modifica.

Una siffatta iniziativa sarebbe coerente con la volontà tanto pubblicizzata dall'Unione europea di abolire la pesca INN.


PROCEDURA

Titolo

Programma di documentazione delle catture di tonno rosso (Thunnus thynnus)

Riferimenti

COM(2009)0406 – C7-0124/2009 – 2009/0116(COD)

Presentazione della proposta al PE

3.8.2009

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

PECH

14.9.2009

Relatore(i)

       Nomina

Raül Romeva i Rueda

1.9.2009

 

 

Esame in commissione

2.9.2009

1.12.2009

 

 

Approvazione

7.4.2010

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

19

0

1

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Josefa Andrés Barea, Kriton Arsenis, Alain Cadec, João Ferreira, Carmen Fraga Estévez, Pat the Cope Gallagher, Marek Józef Gróbarczyk, Carl Haglund, Iliana Malinova Iotova, Werner Kuhn, Jean-Marie Le Pen, Isabella Lövin, Guido Milana, Maria do Céu Patrão Neves, Britta Reimers, Crescenzio Rivellini, Ulrike Rodust, Catherine Trautmann, Jarosław Leszek Wałęsa

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Izaskun Bilbao Barandica, Julie Girling, Raül Romeva i Rueda, Antolín Sánchez Presedo

Deposito

15.4.2010

Ultimo aggiornamento: 3 giugno 2010Avviso legale