Procedura : 2011/2108(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0359/2011

Testi presentati :

A7-0359/2011

Discussioni :

PV 14/11/2011 - 21
CRE 14/11/2011 - 21

Votazioni :

PV 15/11/2011 - 7.17
CRE 15/11/2011 - 7.17
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2011)0493

RELAZIONE     
PDF 273kDOC 152k
25 ottobre 2011
PE 467.076v03-00 A7-0359/2011

sulla salute delle api e le sfide per l'apicoltura

(2011/2108(INI))

Commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale

Relatore: Csaba Sándor Tabajdi

EMENDAMENTI
PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PARERE della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare
 ESITO DELLA VOTAZIONE FINALE IN COMMISSIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla salute delle api e le sfide per l'apicoltura

(2011/2108(INI))

Il Parlamento europeo,

–   vista la risoluzione del Parlamento europeo del 25 novembre 2010 sulla situazione nel settore dell'apicoltura(1),

–   vista la comunicazione della Commissione del 6 dicembre 2010 sulla salute delle api (COM(2010)0714),

–   viste le conclusioni del Consiglio europeo del 17 maggio 2011 sulla salute delle api,

–   vista la comunicazione della Commissione del 3 maggio 2011 intitolata "La nostra assicurazione sulla vita, il nostro capitale naturale: strategia dell'UE sulla biodiversità fino al 2020" (COM(2011)0244),

–   visto il regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del 22 ottobre 2007, recante organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli (regolamento unico OCM)(2), che stabilisce norme speciali per il settore dell'apicoltura nell'Unione europea,

–   viste la relazione scientifica dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), dell'11 agosto 2008, e la relazione scientifica commissionata e adottata dall'EFSA il 3 dicembre 2009, ambedue sulla mortalità e la sorveglianza delle api in Europa,

–   vista la sentenza della Corte di giustizia europea nella causa C-442/09(3), concernente l'etichettatura del miele contenente materiale geneticamente modificato,

–   visto il regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che abroga le direttive del Consiglio 79/117/CEE e 91/414/CEE(4),

–   vista la direttiva 2009/128/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, che istituisce un quadro per l'azione comunitaria ai fini dell'utilizzo sostenibile dei pesticidi(5),

–   vista la sua risoluzione dell'8 marzo 2011 sul "Deficit proteico dell'UE: quale soluzione per questo annoso problema?(6)",

–   visto l'articolo 48 del suo regolamento,

–   visti la relazione della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale e il parere della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (A7-0359/2011),

A. considerando che l'apicoltura come attività economica e sociale svolge un ruolo cruciale nello sviluppo sostenibile delle zone rurali, crea posti di lavoro e offre un importante servizio ecosistemico tramite l'impollinazione, che contribuisce al miglioramento della biodiversità mantenendo la varietà genetica delle piante;

B.  considerando che l'apicoltura e la biodiversità sono interdipendenti; considerando che, attraverso l'impollinazione, le colonie di api forniscono importanti beni pubblici di natura ambientale, economica e sociale, garantendo così la sicurezza dell'approvvigionamento alimentare e mantenendo la biodiversità, e considerando che, attraverso la gestione delle loro colonie di api, gli apicoltori svolgono un servizio ambientale di primaria importanza, oltre a salvaguardare un modello produttivo sostenibile nell'ambiente rurale; considerando che i "pascoli delle api", i diversi terreni di foraggiamento e talune coltivazioni (colza, girasole ecc.) forniscono alle api il ricco nutrimento necessario per mantenere le loro difese immunitarie e rimanere in buona salute;

C. considerando che sono emerse preoccupazioni per il fatto che, a causa degli ingenti costi di avviamento delle aziende apicole, si osserva una diminuzione degli entranti nel settore, il che determina un calo nel numero di alveari necessari per impollinare colture agricole di vitale importanza;

D. considerando che, sia nell'UE sia in altre parti del mondo, si è registrata una riduzione del numero di colonie di api; considerando che le specie impollinatrici, che contribuiscono alla produttività del settore agricolo, tendono a diminuire; considerando che, qualora vi fosse una grave accentuazione di tale tendenza, gli agricoltori sia dell'UE sia di altre parti del mondo potrebbero essere costretti a ricorrere all'impollinazione artificiale, il che comporterebbe il raddoppio dei costi d'impollinazione; considerando che la scienza e la pratica veterinaria attualmente forniscono poche risposte in materia di prevenzione o di controllo delle malattie per quanto concerne determinati parassiti e malattie, a causa dell'insufficienza della ricerca e dello sviluppo di nuovi medicinali apistici negli ultimi decenni – risultato delle dimensioni limitate del mercato e del conseguente scarso interesse da parte delle grandi società farmaceutiche; considerando che gli scarsi farmaci disponibili per combattere l'acaro Varroa destructor in molti casi ormai non sono più efficaci;

E.  considerando che la salute delle singole api e delle colonie è influenzata da numerosi fattori letali e subletali, molti dei quali interconnessi; considerando che gli scarsi farmaci esistenti in commercio per combattere l'acaro Varroa destructor in molti casi ormai non sono più sufficientemente efficaci, a causa dell'insorgere di resistenze; considerando che l'uso dei pesticidi, i mutamenti delle condizioni climatiche e ambientali, la perdita di biodiversità vegetale, i cambiamenti nell'uso del suolo, le pratiche apicole gestite scorrettamente e la presenza di specie invasive possono indebolire i sistemi immunitari delle colonie e favorire patologie opportunistiche; considerando che le api possono essere esposte a prodotti fitosanitari per via diretta o indiretta, ad esempio tramite deriva aerea, acque superficiali, guttazione, nettare e polline;

F.  considerando che gli apicoltori possono contribuire e aiutare a preservare la salute e il benessere delle loro api, sebbene la qualità del loro ambiente svolga un ruolo importante nel determinare quanto possano avere successo;

G. considerando che si raccomanda un uso minimo di prodotti veterinari e sostanze attive, come pure il mantenimento di un sistema immunitario sano delle colonie, ma che tuttavia sussistono problemi di resistenza; considerando che le sostanze attive e i farmaci non sono metabolizzati dalle api e che i produttori europei fanno affidamento su un miele pulito, privo di residui e di alta qualità;

H. considerando che molti apicoltori europei operano a livello amatoriale e non sono apicoltori professionisti;

Ricerca e diffusione delle conoscenze scientifiche

1.  invita la Commissione ad aumentare il livello di sostegno a favore della ricerca in materia di salute delle api nell'ambito del prossimo quadro finanziario (ottavo programma quadro – PQ8) e a focalizzare la ricerca sugli sviluppi tecnologici, sulla prevenzione e sul controllo delle malattie (in particolare l'impatto dei fattori ambientali sul sistema immunitario delle colonie di api e le loro interazioni con le patologie), sulla definizione di pratiche agricole sostenibili, sulla promozione delle alternative non chimiche (ovvero pratiche agronomiche di prevenzione come la rotazione delle colture e il ricorso al controllo biologico), nonché sull'ulteriore incoraggiamento in generale delle tecniche di difesa antiparassitaria integrata e dello sviluppo di farmaci veterinari per combattere gli agenti patogeni responsabili delle attuali malattie delle api nell'Unione, in particolare l'acaro Varroa destructor, che è il principale agente patogeno e che richiede, in ragione della sua notevole capacità di resistenza, una maggiore varietà di sostanze attive di contrasto, come pure per combattere gli endoparassiti e le altre patologie opportunistiche;

2.  ritiene importante adottare misure urgenti per proteggere la salute delle api, tenendo conto delle specificità dell'apicoltura, della diversità dei soggetti coinvolti e dei principi di proporzionalità e sussidiarietà;

3.  ribadisce il timore che, se non controllato, l'aumento della mortalità delle api mellifere e degli impollinatori selvatici in Europa abbia un impatto profondamente negativo sull'agricoltura, sulla produzione e la sicurezza alimentare, sulla biodiversità, sulla sostenibilità ambientale e sugli ecosistemi;

4.  invita la Commissione a promuovere l'istituzione di adeguati sistemi nazionali di sorveglianza, in stretta collaborazione con le associazioni apicole, e ad elaborare norme armonizzate a livello dell'UE per consentire raffronti; sottolinea la necessità di un'identificazione e una registrazione uniformi degli alveari a livello nazionale, con una revisione e un aggiornamento annuali; insiste affinché i finanziamenti per l'identificazione e la registrazione non provengano dai vigenti programmi per il miglioramento della produzione e della commercializzazione del miele nell'Unione europea (regolamento (CE) n. 1221/97);

5.  invita la Commissione a sostenere una rete europea di "alveari di riferimento" per sorvegliare gli effetti delle condizioni ambientali, delle pratiche apicole e delle pratiche agricole sulla salute delle api;

6.  invita la Commissione a elaborare programmi triennali basati sulla dichiarazione di ogni Stato membro riguardante il numero di alveari realmente registrati, anziché su dati stimati;

7.  accoglie con favore l'istituzione del Laboratorio di riferimento dell'UE per la salute delle api, che dovrebbe concentrarsi su attività non coperte dalle reti di esperti o dai laboratori nazionali esistenti e sintetizzare le conoscenze integrate derivanti dalla loro ricerca;

8.  sottolinea la necessità di sostenere i laboratori diagnostici e le prove sul campo a livello nazionale e rileva che si dovrebbero evitare le sovrapposizioni nei finanziamenti;

9.  invita la Commissione a istituire un comitato direttivo, con rappresentanti del settore apicolo, incaricato di assistere la Commissione nell'elaborazione del programma di lavoro annuale del Laboratorio di riferimento dell'UE; si rammarica del fatto che il primo programma di lavoro annuale del Laboratorio di riferimento dell'UE sia stato presentato senza aver prima consultato le parti interessate;

10. invita la Commissione a continuare a sostenere la ricerca scientifica sulla salute delle api, sulla base del buon esempio fornito dall'azione COST del progetto COLOSS e dalle iniziative BeeDoc e STEP, e a incoraggiare gli Stati membri a sostenere la ricerca scientifica in tale settore; sottolinea tuttavia che i rapporti con gli apicoltori e le organizzazioni di apicoltori dovrebbero essere migliorati;

11. invita la Commissione ad escludere sovrapposizioni nell'uso dei fondi al fine di aumentarne l'efficacia nel garantire un valore aggiunto economico ed ecologico tanto per gli apicoltori quanto per gli agricoltori; invita la Commissione ad incoraggiare gli Stati membri ad incrementare il livello dei finanziamenti destinati alla ricerca;

12. invita gli Stati membri a incoraggiare e supervisionare la creazione di reti nazionali di monitoraggio della fenologia delle piante mellifere;

13. invita la Commissione ad incoraggiare attivamente un maggior grado di condivisione delle informazioni tra Stati membri, laboratori, apicoltori, agricoltori, industria e scienziati sugli studi ecotossicologici concernenti la salute delle api, in modo da consentire un controllo scientifico indipendente e informato; chiede alla Commissione di contribuire a tale processo mettendo a disposizione la sua pagina web sull'argomento in tutte le lingue ufficiali degli Stati membri interessati;

14. si compiace dell'iniziativa della Commissione "Migliorare la formazione per rendere più sicuri gli alimenti", ma chiede che tale iniziativa sia prorogata oltre il 2011 e che il numero dei partecipanti inviati dalle autorità nazionali sia aumentato;

15. sollecita un sostegno a favore dei programmi di formazione destinati agli apicoltori in materia di prevenzione e controllo delle malattie così come dei programmi destinati agli agricoltori e ai forestali in materia di conoscenze botaniche, uso dei prodotti fitosanitari sicuro per le api, impatto dei pesticidi e pratiche agronomiche non chimiche volte a prevenire la diffusione delle piante infestanti; chiede alla Commissione, in collaborazione con le organizzazioni apicole, di proporre orientamenti per il trattamento veterinario degli alveari;

16. invita le autorità e le organizzazioni di rappresentanza negli Stati membri a sostenere la diffusione fra gli apicoltori di adeguate conoscenze scientifiche e tecniche in materia di salute delle api; sottolinea la necessità di un dialogo permanente fra apicoltori, agricoltori e autorità competenti;

17. sottolinea la necessità di garantire un'adeguata formazione per i veterinari, la possibilità di consultazioni veterinarie per gli apicoltori e il coinvolgimento di specialisti in apicoltura in seno alle autorità veterinarie nazionali;

Prodotti veterinari

18. riconosce che lo sviluppo di trattamenti innovativi ed efficaci per combattere l'acaro Varroa, parassita responsabile di circa il 10% delle perdite annuali, riveste grande importanza; ritiene che occorra incrementare il sostegno a favore dei trattamenti veterinari autorizzati al fine di ridurre gli effetti nefasti delle malattie e dei parassiti; chiede alla Commissione di introdurre orientamenti comuni in materia di trattamenti veterinari in tale settore, sottolineando la necessità di applicare questi trattamenti correttamente; chiede di introdurre orientamenti in merito all'utilizzo di molecole e/o formulazioni a base di acidi organici e oli essenziali e altre sostanze autorizzate nella lotta biologica;

19. invita gli Stati membri a garantire un sostegno finanziario alla ricerca, allo sviluppo e alla sperimentazione sul campo di nuovi medicinali apistici, in particolare a favore delle PMI, in considerazione del contributo dato dall'apicoltura alla biodiversità e al bene pubblico attraverso l'impollinazione, e tenendo conto degli elevati costi dei farmaci veterinari attualmente sostenuti dagli apicoltori in confronto ai costi sanitari in altri settori zootecnici;

20. sottolinea la necessità di offrire incentivi all'industria farmaceutica per lo sviluppo di nuovi farmaci destinati a combattere le malattie delle api;

21. invita la Commissione ad elaborare norme più flessibili per l'autorizzazione e l'offerta di prodotti veterinari per le api, tra cui medicinali di origine naturale e altri farmaci che non hanno effetti sulla salute degli insetti; plaude alla proposta della Commissione concernente la revisione della direttiva sui medicinali veterinari, ma osserva che la scarsa disponibilità attuale di tali medicinali non dovrebbe giustificare la registrazione/ commercializzazione di antibiotici per trattare altre patologie opportunistiche nelle colonie di api, visti i loro effetti sulla qualità dei prodotti apicoli e sulla resistenza;

22. si compiace dell'intenzione della Commissione di introdurre limiti massimi di residui per l'utilizzo di medicinali mediante la cosiddetta procedura "a cascata" in modo da eliminare l'attuale incertezza giuridica, che ostacola il trattamento delle api malate;

23. sollecita una modifica del contesto normativo di modo che l'Agenzia europea dei medicinali, a fini di tutela dei diritti di proprietà intellettuale, possa garantire l'esclusività della produzione e della commercializzazione di nuove sostanze attive nei medicinali apistici innovativi per un determinato periodo transitorio;

24. invita la Commissione europea a valutare la possibilità di estendere la copertura del Fondo veterinario dell'Unione europea alle malattie delle api in occasione della prossima revisione del medesimo;

25. si compiace dell'intenzione della Commissione di proporre una normativa completa sulla salute animale; invita la Commissione ad adattare la portata e il finanziamento della politica veterinaria europea al fine di tenere conto delle specificità delle api e dell'apicoltura, in modo da garantire una lotta più efficace alle malattie delle api grazie a un'adeguata disponibilità di farmaci efficaci e standardizzati in tutti gli Stati membri e a un adeguato finanziamento della salute delle api nel quadro della politica veterinaria europea; chiede alla Commissione di assicurare una maggiore armonizzazione tra gli Stati membri, concentrando le sue azioni sul contrasto e sul controllo della varroasi nell'UE;

26. sostiene i programmi di riproduzione che si concentrano sul livello di tolleranza alle malattie e ai parassiti, con particolare riferimento alla varroasi;

Effetti dell'agricoltura moderna sulle api

27. sottolinea che l'Unione europea, con l'attivo coinvolgimento del Parlamento europeo, ha recentemente elaborato nuove norme più rigorose per l'autorizzazione dei prodotti fitosanitari e il loro uso sostenibile, al fine di garantirne la sicurezza per gli esseri umani e l'ambiente; rileva che tali norme includono rigorosi criteri aggiuntivi sulla sicurezza delle api; invita la Commissione a informare il Parlamento in merito all'efficace attuazione delle nuove norme;

28. invita la Commissione a migliorare la metodologia di valutazione dei rischi connessi ai pesticidi al fine di proteggere la salute delle colonie e lo sviluppo delle popolazioni di api, e a garantire un accesso adeguato alle conclusioni e alla metodologia degli studi ecotossicologici compresi nei fascicoli di autorizzazione;

29. sottolinea l'importanza dell'agricoltura sostenibile e invita gli Stati membri a recepire e applicare pienamente, nel più breve tempo possibile, la direttiva 2009/128/CE sull'uso sostenibile dei pesticidi e in particolare il suo articolo 14, il quale rileva il fatto che sarà obbligatorio per tutti gli agricoltori dell'UE applicare la difesa integrata a partire dal 2014, e a prestare particolare attenzione all'utilizzo dei pesticidi che possono avere effetti negativi sulle api e sulla salute delle colonie;

30. invita la Commissione a prendere in considerazione, sulla base di test affidabili ed efficaci in condizioni reali, in presenza di protocolli armonizzati, la tossicità cronica, larvale e subletale nella valutazione dei rischi connessi ai pesticidi, come prevede il regolamento (CE) n. 1107/2009 relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari, in vigore dal 14 giugno 2011; invita inoltre la Commissione a prestare particolare attenzione all'uso di taluni pesticidi specifici che in talune circostanze hanno avuto un effetto negativo sulla salute delle api e delle colonie; invita altresì la Commissione a rafforzare la ricerca sulle potenziali interazioni tra sostanza e agente patogeno e tra sostanza e sostanza; osserva che si dovrebbero prendere in esame anche tutti i metodi applicativi;

31. si compiace che gli esperti dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare realizzino una valutazione indipendente dei requisiti prescritti all'industria in merito alla fornitura di dati sui vari pesticidi;

32. sollecita, allo scopo di instaurare un dialogo tra gli apicoltori, le parti interessate del settore agricolo e le autorità pubbliche, l'istituzione di un sistema volto a incoraggiare la notifica preliminare degli apicoltori in tutti gli Stati membri prima delle applicazioni di pesticidi, soprattutto nel caso di operazioni di trattamento insetticida per via aerea (ad esempio disinfestazioni dalle zanzare) e di un sistema inteso a fornire informazioni su richiesta in merito all'ubicazione degli alveari nel momento in cui si effettuano tali interventi; esorta inoltre a migliorare il trasferimento delle informazioni tra apicoltori e agricoltori mediante una base di dati su Internet per quanto riguarda ad esempio la collocazione di alveari in prossimità di campi;

33. invita gli Stati membri a valutare l'opportunità di introdurre il tema dell'apicoltura e della salute delle api quale disciplina nell'ambito della formazione agricola;

34. invita la Commissione, con particolare riferimento al progetto elaborato nel 2009 dall'EFSA intitolato "Mortalità e sorveglianza delle api in Europa", a condurre una ricerca obiettiva sui potenziali effetti negativi delle monocolture e delle colture OGM sulla salute delle api;

Aspetti relativi alla produzione e alla sicurezza alimentare e protezione dell'origine

35. chiede alla Commissione di monitorare costantemente la situazione relativa alla salute animale nei paesi d'origine, di applicare i più severi requisiti di polizia veterinaria e di porre in essere un adeguato sistema di monitoraggio del materiale di propagazione proveniente da paesi terzi, al fine di evitare l'introduzione nell'UE di malattie o parassiti esotici delle api come i coleotteri Aethina tumida e gli acari Tropilaelaps; invita la Commissione e gli Stati membri, in collaborazione con le organizzazioni apicole, ad aumentare la trasparenza per quanto concerne la frequenza, la percentuale, le caratteristiche e soprattutto i risultati dei controlli di sicurezza effettuati ai punti di controllo alle frontiere;

36. chiede che per i prodotti veterinari autorizzati nell'Unione europea sia fissata una soglia provvisoria (valori di riferimento per interventi ovvero "Reference Points for Action" – RPA) pari a 10 ppb, in considerazione dei diversi metodi analitici applicati nei vari Stati membri;

37. invita la Commissione a includere protocolli NAL ("No Action Levels") o valori di riferimento per interventi (RPA) o limiti massimi di residui (LMR) in relazione al miele e agli altri prodotti apistici per le sostanze che non possono essere autorizzate per il settore apicolo europeo, nonché ad armonizzare i controlli veterinari alle frontiere e i controlli nel mercato interno visto che, nel caso del miele, le importazioni di scarsa qualità, le adulterazioni e i succedanei sono fattori di distorsione del mercato ed esercitano una pressione costante sui prezzi e sulla qualità finale del prodotto nel mercato interno dell'UE, e che si deve garantire una parità di condizioni per i prodotti/produttori dell'UE e dei paesi terzi; osserva che i limiti massimi di residui devono tenere conto dei residui derivanti dalla buona pratica veterinaria;

38. invita la Commissione a porre in essere o modificare gli allegati della direttiva 2001/110/CE (direttiva sul miele) al fine di migliorare gli standard della produzione dell'Unione stabilendo definizioni giuridiche precise per tutti i prodotti apistici, comprese le varietà di miele, e definendo i principali parametri di qualità del miele, come il contenuto di prolina e di saccarasi, il basso tenore di idrossimetilfurfurale (HMF) e di umidità, e l'adulterazione – quali il contenuto di glicerina, il rapporto tra gli isotopi dello zucchero (C13/C14), lo spettro pollinico e l'aroma nonché il contenuto di zuccheri del miele; sollecita un sostegno a favore della ricerca relativa a metodi efficaci di rilevamento delle adulterazioni del miele; invita la Commissione a garantire che il controllo delle proprietà naturali del miele che si applica ai prodotti europei sia applicato anche ai prodotti provenienti dai paesi terzi;

39. invita la Commissione ad armonizzare le norme di etichettatura con le disposizioni del regolamento sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e ad introdurre l'etichettatura con indicazione obbligatoria del paese d'origine per i prodotti apistici importati e fabbricati nell'UE o, nel caso di miscele di prodotti di origini diverse, l'etichettatura con indicazione obbligatoria di tutti i paesi di origine;

40. invita gli apicoltori, le loro organizzazioni di rappresentanza e le società commerciali, nello spirito della nuova politica di qualità dell'UE, a sfruttare meglio i regimi di etichettatura di origine UE (DOP e IGP) per i prodotti dell'alveare, giacché ciò potrebbe contribuire alla sostenibilità economica dell'attività apicola, e invita la Commissione, in stretta collaborazione con le associazioni apicole, a proporre denominazioni di qualità e a promuovere la vendita diretta dei prodotti apicoli sui mercati locali;

41. sollecita iniziative volte ad aumentare il consumo di miele e di prodotti apicoli europei, anche mediante la promozione di mieli che presentano le caratteristiche tipiche di alcune varietà e aree geografiche;

Misure connesse alla conservazione della biodiversità e alla prossima riforma della politica agricola comune

42. rileva la necessità della consultazione degli apicoltori da parte delle autorità nazionali e dell'UE nel corso dell'elaborazione dei programmi destinati all'apicoltura e della relativa legislazione, al fine di garantire l'efficacia di tali programmi e la loro effettiva attuazione; invita la Commissione a stanziare risorse finanziarie assai più cospicue, potenziando l'attuale sostegno all'apicoltura in seno alla PAC dopo il 2013 e garantendo la continuità e il miglioramento dei vigenti programmi di sostegno (regolamento (CE) n. 1221/97) a favore del settore apicolo, nonché a incoraggiare lo sviluppo di progetti comuni, e invita gli Stati membri a fornire assistenza tecnica al settore apicolo; chiede alla Commissione di garantire che il sistema di cofinanziamento sia compatibile con l'istituzione di aiuti diretti nel quadro del primo pilastro della PAC (applicazione facoltativa dell'attuale articolo 68 della PAC) da parte degli Stati che lo ritengano necessario; sottolinea inoltre la necessità di incoraggiare i giovani apicoltori a entrare nel settore; invita la Commissione a prevedere una rete di sicurezza o un sistema di assicurazione comune per l'apicoltura onde mitigare l'impatto delle situazioni di crisi sugli apicoltori;

43. esorta la Commissione, nell'ambito della nuova strategia dell'UE per la biodiversità, a mettere a disposizione, prioritariamente e/o in misura superiore, risorse finanziarie per l'apicoltura in tutti i progetti e in tutte le azioni, proposti nell'ambito della PAC, che riguardino esclusivamente le sottospecie e gli ecotipi di Apis mellifera originari di ciascuna regione;

44. chiede alla Commissione di precisare, nel quadro dell'imminente riforma della PAC, le misure di sostegno e gli aiuti che saranno destinati al settore apicolo europeo, tenendo conto dei beni pubblici ambientali e sociali forniti dalle colonie di api attraverso l'impollinazione e del servizio ambientale effettuato dagli apicoltori grazie alla gestione delle loro colonie di api;

45. osserva che, secondo la relazione della Commissione del 28 maggio 2010, il numero complessivo di apicoltori nell'UE è leggermente aumentato rispetto al 2004; rileva che, stando a detta relazione, tale aumento è dovuto unicamente all'adesione della Bulgaria e della Romania all'UE e che, senza gli apicoltori di questi Stati, si sarebbe registrata una flessione significativa del numero di apicoltori nell'UE; ritiene che tale dato esprima la gravità della situazione in cui versa il settore apicolo dell'UE e dimostri la necessità di sostenerlo e di adottare misure concrete per far sì che gli apicoltori permangano nel settore;

46. invita la Commissione a contemplare la possibilità di creare un regime di sostegno speciale agli apicoltori nell'ambito del regime degli aiuti diretti, ad esempio mediante pagamenti per colonia di api, al fine di contribuire alla tutela dell'apicoltura dell'UE, alla permanenza degli apicoltori nel settore, suscitando anche l'interesse dei giovani per tale lavoro, e alla salvaguardia delle api come agenti impollinatori;

47. invita la Commissione a promuovere le pratiche agricole sostenibili nel quadro della PAC, a incoraggiare tutti gli agricoltori ad applicare semplici pratiche agronomiche in conformità della direttiva 2009/128/CE, e a rafforzare le misure agroambientali specifiche per il settore apicolo, nello spirito della nuova strategia dell'UE a favore della biodiversità; invita gli Stati membri a istituire misure agroambientali destinate all'apicoltura nei loro programmi di sviluppo rurale e a incoraggiare gli agricoltori ad adottare misure agroambientali volte a sostenere la realizzazione di prati con piante gradite alle api mellifere ai margini dei campi e ad applicare un livello avanzato di produzione integrata, privilegiando un approccio olistico all'agricoltura e ricorrendo al controllo biologico ove possibile;

48. ribadisce che la Commissione considera le api mellifere una specie domestica e quindi un settore zootecnico, il che favorisce le misure volte a migliorare la salute, il benessere e la protezione(7) e assicura maggiori informazioni sulla salvaguardia degli impollinatori selvatici; chiede pertanto che venga elaborata una strategia di protezione sanitaria delle api e che nelle legislazioni del settore agricolo e veterinario sia contemplata la filiera apicola, tenendo conto della sua specificità, soprattutto per quanto concerne il risarcimento per le perdite di api subite dagli apicoltori;

49. invita tutte le parti interessate nel settore dell'apicoltura a sfruttare le opportunità offerte dall'attuale politica agricola comune e dalla sua prossima riforma, le quali tengono debitamente conto delle organizzazioni di produttori nell'intero settore agricolo;

Mantenimento della biodiversità delle api

50. invita la Commissione, nell'ambito della direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992 (direttiva "Habitat"), a definire lo stato di conservazione della specie Apis mellifera e, se del caso, a inserirla negli allegati della direttiva; esorta la Commissione, considerata la natura urgente della conservazione della specie Apis mellifera e delle diverse sottospecie presenti nell'Unione europea, a prendere in esame la possibilità di introdurre un programma o un regolamento specifico nel quadro dello strumento finanziario Life+ che consenta l'attuazione di un progetto paneuropeo di ricostituzione delle popolazioni selvatiche di detta specie;

51. invita la Commissione, nell'ambito della direttiva 92/65/CEE del Consiglio, del 13 luglio 1992, a vietare, anche temporaneamente, l'importazione da paesi terzi di api vive e di specie del genere Bombus sp. al fine di evitare l'introduzione di patologie esotiche, posto che non mancano risorse genetiche per l'apicoltura nell'Unione europea, tenendo presenti le principali sottospecie all'origine delle razze e delle varietà attualmente utilizzate in apicoltura;

52. ricorda che le azioni a favore della biodiversità sono indispensabili anche nel settore non agricolo; osserva che gli spazi verdi lungo le strade, le zone limitrofe alle ferrovie, i tagli boschivi per le reti di trasmissione dell'energia e i giardini pubblici e privati costituiscono superfici considerevoli, dove modalità di gestione ragionate possono determinare un consistente aumento delle risorse di polline e di nettare per le api e gli insetti impollinatori; rileva che tale sviluppo deve realizzarsi nel quadro di una gestione armoniosa del territorio, garantendo in particolare la sicurezza stradale;

53. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione.

(1)

Testi approvati, P7_TA(2011)0440.

(2)

GU L 299 del 16.11.2007, pagg. 1-149.

(3)

GU C 24 del 30.1.2010, pag. 28.

(4)

GU L 309 del 24.11.2009, pag. 1.

(5)

GU L 309 del 24.11.2009, pag. 71.

(6)

Testi approvati, P7_TA(2011)0084.

(7)

Attraverso iniziative come la Strategia per la salute degli animali nell'UE (2007-2013), che contribuisce a fornire un quadro normativo unico e chiaro per la salute degli animali, migliora il coordinamento e l'uso efficiente delle risorse da parte delle pertinenti agenzie europee e sottolinea l'importanza di mantenere e migliorare la capacità di diagnosi.


MOTIVAZIONE

Il settore apicolo è parte integrante dell'agricoltura europea: è fonte di reddito primario o aggiuntivo per oltre 600.000 cittadini dell'Unione europea, offre servizi vitali per l'agricoltura mediante l'impollinazione e contribuisce al mantenimento della biodiversità. Si stima che l'84% delle specie vegetali e il 76% della produzione alimentare in Europa dipendano dall'impollinazione ad opera delle api, il cui valore economico supera di gran lunga il valore del miele prodotto ed è valutato, nell'UE, a 15 miliardi di € annui. L'apicoltura presta altresì un servizio importante per l'ecosistema mediante l'impollinazione, che concorre al miglioramento della biodiversità conservando la diversità genetica delle piante e mantenendo l'equilibrio ecologico. Oltre a ciò, essa fa parte del patrimonio agricolo europeo e delle tradizioni nazionali.

Rispetto ad altri comparti zootecnici, l'apicoltura presenta un carattere di unicità in quanto consiste nell'allevare insetti, animali semiselvatici che non possono essere addomesticati o direttamente controllati come altre specie: l'apicoltura non si basa sul singolo animale, bensì sull'intera colonia funzionale, che consiste di svariate migliaia di insetti che lavorano assieme, come le cellule in altri organismi. La ricerca scientifica e la regolamentazione debbono quindi essere rivolte tanto al singolo animale quanto all'intera colonia.

Tra le peculiarità apicole degli Stati membri vi sono notevoli differenze, quali il numero e la qualifica degli apicoltori (dilettanti e professionisti), la densità degli alveari o il metodo di conduzione apicola (apiari nomadi o stanziali, transumanza). Alcuni Stati membri, come la Francia, la Grecia, l'Ungheria, l'Italia, la Polonia, il Portogallo, la Romania e la Spagna presentano condizioni ambientali e agricole assai favorevoli all'apicoltura: Data la densità più elevata degli alveari e il maggior numero di apicoltori professionisti, tali Stati vengono spesso definiti come "Stati degli apicoltori professionisti". La riduzione del differenziale di competenze tra apicoltori professionisti e dilettanti e il miglioramento della diffusione di informazioni e conoscenze scientifiche tra di essi grazie a una formazione efficace rivestono grande importanza.

Le ragioni precise del recente aumento della mortalità delle api sono ancora oscure. Esistono diversi ostacoli che impediscono lo sviluppo di nuovi prodotti veterinari per le api: il mercato di tali prodotti è relativamente ridotto rispetto ad altri comparti dell'allevamento e il rendimento degli investimenti è scarso; i fabbricanti di prodotti veterinari non sono quindi interessati a sviluppare nuovi medicinali apistici. Inoltre, l'attuale disciplina del sistema dei LMR non garantisce un'adeguata tutela dei diritti di proprietà intellettuale, disincentivando i produttori innovativi dallo sviluppare tali medicinali. È opportuno che la Commissione tratti questa problematica nel quadro di una nuova normativa equilibrata. Oltre allo sviluppo di nuovi medicinali, dovrebbero essere vagliate ulteriormente le misure di prevenzione e dovrebbero essere sostenuti a livello nazionale i programmi di allevamento apicolo e la conservazione genetica – focalizzati sulle malattie e sulla tolleranza ai parassiti.

Uno degli ostacoli principali ad interventi efficaci di contrasto alla mortalità eccessiva delle api è l'assenza di dati attendibili e raffrontabili sul numero di alveari, apicoltori e perdite di colonie apistiche nell'Unione europea. Vi è una necessità pressante di applicare un sistema di sorveglianza efficace e armonizzato per valutare la portata della mortalità delle api ed elaborare una conoscenza più precisa della portata e delle cause delle perdite di colonie e di altri problemi legati alla salute delle api. Pur essendo necessario un sistema di sorveglianza armonizzato a livello europeo, anche gli Stati membri debbono operare per attenuare i rischi che incombono sulla salute delle api. È necessario, al fine di evitare sovrapposizioni, armonizzare la ricerca e condividere i risultati scientifici a livello europeo. Negli Stati membri le autorità nazionali e le organizzazioni di rappresentanza debbono sostenere la diffusione, fra gli apicoltori, di idonee conoscenze tecniche e scientifiche riguardo la salute delle api: vi è necessità di un dialogo continuo e strutturato tra gli apicoltori, gli agricoltori e le autorità competenti. Al successo di tale dialogo dovrebbe contribuire la Commissione mettendo a disposizione il proprio sito internet in materia, tradotto in tutte le lingue ufficiali degli Stati membri dove l'apicoltura assolve un importante ruolo economico.

La relazione si compiace del programma pilota di sorveglianza sulla salute delle api della Commissione e, conformemente alle conclusioni del Consiglio, la esorta a porre i risultati ottenuti a disposizione di tutte le parti interessate; sottolinea tuttavia la necessità di ulteriori sforzi per dar vita a un idoneo sistema di sorveglianza nell'UE. Del pari, la Commissione dovrebbe sostenere la creazione di una rete europea di apiari campione al fine di monitorare la salute delle api in relazione alle condizioni ambientali e alle pratiche apicole/agricole.

La relazione plaude altresì alla creazione del Laboratorio di riferimento dell'UE: esso dovrebbe essere un complemento alle attività delle reti di esperti o dei laboratori nazionali in essere ed utilizzare i dati e le esperienze acquisiti nell'ambito dell'azione COST del progetto COLOSS; si sottolinea nel contempo la necessità di sostenere i laboratori diagnostici e le prove sul campo a livello nazionale. Oltre a ciò, sarebbe opportuno che la Commissione fornisse finanziamenti ai laboratori che si occupano di analisi della qualità e della sicurezza dei prodotti apistici e condividono tali informazioni a livello europeo.

Uno dei fattori di stress che influisce sulla salute delle api è la presenza di agenti tossici nell'ambiente, specificamente l'uso improprio o eccessivo di determinati pesticidi. La Commissione si è impegnata a riesaminare i requisiti relativi ai dati necessari per la presentazione dei fascicoli sui pesticidi, il che è un'evoluzione favorevole, ma dovrebbero essere ulteriormente rafforzate le disposizioni del regolamento n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, al fine di consentire un'attenuazione dei rischi più efficiente. Il vigente requisito di etichettatura relativo all'utilizzo dei pesticidi è inadeguato. L'autorizzazione dei prodotti tossici dovrebbe precisare con chiarezza a quale stadio fenologico della coltura obiettivo possono o non possono essere utilizzati i prodotti fitosanitari, e ciò dovrebbe essere indicato chiaramente sull'etichetta del prodotto. L'assenza di una ricerca indipendente sulla sostituzione dei prodotti fitosanitari tossici costituisce un ulteriore problema.

Non vi sono prove scientifiche di effetti negativi diretti delle coltivazioni OGM sulle api mellifere, quantunque uno studio dell'EFSA del 2009 abbia individuato gli OGM tra altri fattori di stress implicati nelle cause di declino delle popolazioni di api. È quindi importante aggregare dati attendibili provenienti da tutti gli Stati membri e assicurare una ricerca obiettiva nel settore. Sta, infatti, suscitando inquietudine il fatto che i produttori di sementi OGM spesso ostacolino la ricerca indipendente non fornendo polline OGM purificato per le prove di tossicità.

È importante, e accolto favorevolmente, il fatto che nei primi mesi del 2012 la Commissione presenterà una normativa completa sulla salute animale destinata a subentrare all'attuale legislazione veterinaria di base. Le necessità specifiche del settore apicolo dovrebbero essere tenute in considerazione nel corso della revisione, che dovrebbe fondarsi su un'ampia consultazione pubblica con gli attori interessati e permettere un maggior grado di reperibilità dei medicinali veterinari. Ci si compiace inoltre del fatto che la Commissione abbia riconosciuto l'importanza sociale e ambientale dell'impollinazione e che, alla luce di ciò, la salute degli impollinatori sia messa adeguatamente in risalto nella strategia dell'UE a favore della biodiversità – di recente pubblicazione – al fine di combattere il conseguente degrado dei pascoli naturali per le api e l'eliminazione delle specie vegetali mellifere. Le pratiche agricole sostenibili dovrebbero costituire il cuore della riforma della politica agricola comune, esortando vivamente gli agricoltori ad attuare un pacchetto di pratiche agronomiche che comprenda rotazione delle culture, pascoli permanenti, colture di copertura e aree destinate a infrastrutture verdi. Le monocolture determinano una minor qualità e quantità delle fonti nettarifere e pollinifere per le api. Accanto alla coltivazione di cereali e di mais per produrre mangimi ed energia, l'utilizzo di sistemi estesi di rotazione delle colture, di colture miste in azienda e di miscele di foraggio verde può comportare notevoli benefici ambientali ed agronomici, dal momento che la coltivazione di leguminose nell'ambito di un sistema di rotazione può prevenire le malattie, rigenerare i terreni, avere effetti benefici sulla popolazione di impollinatori e proteggere il clima. Nel quadro della riforma della politica agricola comune dovrebbe quindi essere sostenuta la gestione attiva degli ecosistemi da parte degli agricoltori, ivi compresa la piantumatura dei margini dei campi con specie floreali gradite agli impollinatori.

Nei decenni scorsi la ricerca su nuovi farmaci veterinari nel settore apicolo ha registrato un ritardo. Analogamente alla ricerca sulla salute umana, il presupposto chiave per un controllo efficace delle malattie consiste nello sviluppo continuo di farmaci e trattamenti: le malattie permanentemente presenti oggetto di trattamenti frequenti possono sviluppare una tolleranza o una resistenza alle sostanze medicinali attive. Il medesimo fenomeno vale per la varroasi: per il trattamento antivarroa esistono sul mercato diversi medicinali veterinari sviluppati in precedenza, ma ormai nessuno di essi è veramente efficace.

La revisione della direttiva 2001/110/CE (direttiva sul miele) è importante da numerosi punti di vista: le disposizioni attuali, lassiste, sulla qualità del miele e sulla presenza di componenti esterni biologici o sintetici (antibiotici compresi) hanno portato ad una situazione di incertezza poiché gli Stati membri sanciscono livelli di tolleranza diversi, tali da provocare distorsioni della concorrenza nel mercato interno. Deve essere istituita una normativa uniforme per il tenore di residui antibiotici consentito nel miele e in altri prodotti apistici, garantendo così il funzionamento indisturbato del mercato interno del miele ed eliminando le distorsioni della concorrenza tra apicoltori di diversi Stati membri. Il livello minimo di concentrazione delle sostanze succitate, tipicamente, non dà luogo a minacce per la salute umana: dovrebbero conseguentemente essere introdotti per il miele protocolli NAL ("No Action Level") o valori di riferimento per interventi ("Reference Points for Action" – RPA).

La denominazione di origine prescritta dalla direttiva sul miele è del pari contraddittoria e non allineata all'attuale politica di qualità dell'UE. Le attuali disposizioni sull'etichettatura dei prodotti apistici di cui all'articolo 2, punto 4, della direttiva 2001/110/CE non garantiscono la tutela del comparto apicolo unionale né tantomeno forniscono informazioni adeguate ai consumatori.

Fino ad oggi il settore apistico non ha approfittato appieno dei benefici della politica di qualità europea. I riconoscimenti DOP e IGP sono stati concessi a meno di una dozzina di prodotti apistici e i produttori sono riluttanti a presentare domanda di registrazione delle indicazioni geografiche.

Nel quadro della nuova politica agricola comune a partire dal 2013, sarebbe opportuno che l'Unione europea fornisse un sostegno mirato ai giovani apicoltori al fine di riequilibrare la piramide dell'età, sfavorevole nel settore apicolo.


PARERE della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (14.7.2011)

destinato alla commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale

sulla salute delle api e le sfide per l'apicoltura

(2011/2108(INI))

Relatore per parere: Julie Girling

SUGGERIMENTI

La commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare invita la commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  ribadisce il timore che, se non controllato, l'aumento della mortalità delle api e degli impollinatori selvatici in Europa abbia un forte impatto negativo sull'agricoltura, la produzione e la sicurezza alimentari, la biodiversità, la sostenibilità ambientale e gli ecosistemi;

2.  ritiene che la salute delle api debba essere considerata un importante bioindicatore della situazione del nostro ambiente e della sostenibilità delle pratiche agricole;

3.  ritiene che sia importante adottare misure urgenti per proteggere la salute delle api, tenendo conto delle specificità dell'apicoltura, della diversità dei soggetti coinvolti e dei principi di proporzionalità e sussidiarietà;

4.  insiste sulla necessità, data la mancanza di dati rappresentativi e comparabili a livello europeo riguardanti la perdita di colonie di api, di quantificare tali perdite e di introdurre un adeguato sistema di conteggio comune a tutti gli Stati membri;

5.  sottolinea il fatto che, oltre alle api domestiche, anche le popolazioni delle specie selvatiche (ad esempio, i bombi) e di altri importanti impollinatori (come le farfalle e i sirfidi) stanno subendo una forte flessione;

6.  sottolinea che l'impatto economico dell'impollinazione tramite le api è elevato, ma che attualmente non è stato attribuito un valore di mercato al servizio di impollinazione di cui beneficiano e da cui dipendono numerosissimi settori; ritiene che i provvedimenti adottati dagli agricoltori per fornire alimentazione alle api dovrebbero essere ricompensati sul piano economico;

7.  accoglie con favore la comunicazione della Commissione relativa alla salute delle api (COM(2010)0714) e ricorda la risoluzione del Parlamento del 25 novembre 2010 sulla situazione nel settore dell'apicoltura(1); ribadisce la necessità di attuare pratiche agricole sostenibili per tutelare le risorse naturali, la biodiversità e gli ecosistemi agricoli e per promuovere la formazione e lo sviluppo delle competenze;

8.  condivide l'opinione scientifica unanime che la perdita di colonie di api non può avere un'unica causa ma è attribuibile a molti fattori, tra cui:

     –   i parassiti, in particolare l'acaro Varroa destructor e il fungo Nosema ceranae, che indeboliscono il sistema immunitario delle api e favoriscono la crescita virale che, se non curata, può provocare la morte delle colonie nell'arco di tre anni;

     –   la scarsità di medicinali veterinari accessibili e a prezzi contenuti per combattere la varroasi e di cure autorizzate adeguate e specifiche per le api;

     –   la minore disponibilità di piante selvatiche derivante dagli effetti dei cambiamenti climatici e dal ricorso all'agricoltura monoculturale, accentuata dalla presenza di OGM e dal trattamento delle sementi con prodotti fitosanitari, che indebolisce la salute delle api a causa della scarsità di alimenti e della loro ridotta varietà nonché dell'aumento delle distanze da compiere per raggiungerli, e che rende le api più sensibili agli altri fattori;

     –   la perdita di biodiversità di qualsiasi origine che incide sulla disponibilità e la qualità delle risorse di polline;

     –   i prodotti fitosanitari, compresi quelli della famiglia dei neonicotinoidi (Clothianidina, Thiaclopride, Imidaclopride, Thiamethoxame), il phenyl-pyrazolo (Fipronil) e i pyrethroidi o le sostanze attive come il clorpirifos o il dimetoato, con effetti letali (mortalità dovuta a tossicità acuta o cronica delle sostanze attive presenti nei prodotti fitosanitari) o subletali (effetti sul sistema immunitario o sul comportamento delle api), che entrano in contatto con le api direttamente o tramite acqua contaminata, guttazione, nettare e polline;

     –   i campi elettromagnetici, che possono disturbare l'orientamento e la navigazione delle api;

     –   le colture geneticamente modificate, in particolare le colture Bt, che influiscono sulle capacità di apprendimento delle api causando effetti subletali;

9.  ribadisce l'importanza, alla luce dell'influenza dei pesticidi sullo sviluppo delle colonie e delle larve di api, di includere l'esposizione cronica delle api e delle larve di api a tali prodotti nel sistema di valutazione dei pesticidi; chiede altresì che nel sistema di valutazione si tenga conto delle nuove vie di esposizione delle api (ad esempio, la guttazione); chiede l'introduzione di buone pratiche di sperimentazione nella valutazione dell'impatto sulle api, in particolare l'obbligo di presentare una rassegna completa della letteratura scientifica e dei risultati di tutti i test effettuati dal richiedente;

10. chiede l'istituzione di un calendario che a lungo termine porti al ritiro definitivo dal mercato dei pesticidi neurotossici e dei prodotti a uso agricolo che li contengono;

11. sottolinea l'importanza di una maggiore cooperazione fra gli apicoltori, gli agricoltori, l'industria, le autorità e gli scienziati, al fine di indagare sulle cause delle crescenti perdite di colonie di api e, sulla base di tali ricerche, di formulare soluzioni adeguate al problema;

12. chiede che siano sostenuti i programmi di ricerca concernenti i parassiti e le malattie delle api nonché i mezzi per contrastare tali problematiche, e che siano create basi di conoscenza sulla fisiologia delle api in cooperazione con gli Stati membri, ma anche al di fuori dell'Unione europea, soprattutto sostenendo il programma mondiale COLOSS e rafforzando la cooperazione fra i laboratori nazionali per condividere le conoscenze e creare una rete di esperti;

13. sostiene l'istituzione di un laboratorio di riferimento dell'Unione europea (LRUE) per la salute delle api(2) allo scopo di conseguire una migliore conoscenza dei fattori che influiscono sulla salute delle api e dei mezzi per contrastarli con efficacia, migliorando il coordinamento e armonizzando i programmi di monitoraggio e di ricerca sull'apicoltura, comprese le associazioni degli apicoltori esistenti negli Stati membri; chiede alla Commissione di promuovere attivamente un maggior grado di condivisione delle informazioni fra Stati membri, laboratori e apicoltori sugli studi ecotossicologici e gli altri fattori che influiscono sulla salute delle api e di assicurare il libero accesso agli studi ecotossicologici inclusi nelle domande di autorizzazione, per consentire un controllo scientifico informato e indipendente; chiede che siano realizzate ricerche indipendenti e tempestive sulla mortalità delle api;

14. è del parere che per favorire lo scambio di buone pratiche ed esperienze fra gli Stati membri dell'UE, sia opportuno armonizzare i programmi di controllo delle malattie delle api e le attività di ricerca;

15. invita il suddetto laboratorio a individuare criteri standard per il benessere delle api in base ai quali permettere poi agli apicoltori meritevoli di accedere alle indennità previste dal regolamento (CE) n.1698/2005, del 20 settembre 2005, sul sostegno allo sviluppo rurale;

16. sottolinea che gli studi sulle popolazioni di api devono analizzare diversi fattori plausibili per chiarire quali generi di attività agricole apportino maggiori benefici alla salute delle popolazioni di api che vivono nelle vicinanze;

17. invita la Commissione a presentare una relazione che illustri in quale modo le api saranno colpite dai cambiamenti climatici previsti per i prossimi decenni dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite;

18. invita la Commissione a finanziare e a svolgere ricerche scientifiche indipendenti a lungo termine sugli effetti dell'esposizione ai campi elettromagnetici delle api e degli impollinatori selvatici;

19. invita la Commissione a tenere conto della salute e di una sana alimentazione in fase di elaborazione delle priorità dell'Ottavo programma quadro di ricerca e a sostenere le attività di ricerca sulla salute delle api e sulle cause della loro crescente mortalità, anche mettendo a punto nuovi metodi di controllo delle malattie delle api;

20. chiede che sia istituita una strategia globale concernente i medicinali destinati alle api; sottolinea che tale strategia dovrebbe identificare, per ogni malattia delle api, le condizioni di intervento laddove sia necessario chiarire quali siano le cure adeguate;

21. sostiene i programmi di riproduzione che si concentrano sul livello di tolleranza alle malattie e ai parassiti, con particolare riferimento alla varroasi;

22. chiede che il sostegno a favore delle cure veterinarie sia aumentato, al fine di ridurre gli effetti negativi delle malattie e dei parassiti;

23. invita la Commissione a studiare l'ipotesi di estendere la copertura del Fondo veterinario dell'Unione europea alle malattie delle api, in occasione della prossima revisione di tale fondo;

24. si compiace dell'intenzione della Commissione di introdurre livelli massimi di residui per l'utilizzo dei medicinali attraverso la procedura "a cascata" onde eliminare l'attuale incertezza giuridica che ostacola la cura delle api malate;

25. sottolinea che il settore dell'apicoltura europea è ancora in gran parte privo di regolamentazione, il che preclude l'utilizzo di medicinali veterinari registrati per le api e di altre misure sanitarie di prevenzione;

26. invita la Commissione a promuovere misure di sostegno alle PMI allo scopo di favorire l'innovazione e lo sviluppo di nuovi medicinali veterinari specifici per le malattie delle api;

27. evidenzia le preoccupazioni dovute al fatto che gli ingenti costi da sostenere per avviare un'azienda apicola provocano una riduzione del numero di coloro che entrano nel settore, il che determina una diminuzione degli alveari, necessari per impollinare le colture agricole fondamentali;

28. riconosce il ruolo fondamentale del settore dell'apicoltura professionale e la crescente esigenza di proteggere, mantenere e promuovere la sua sostenibilità attraverso adeguati programmi di istruzione e di finanziamento;

29. esorta la Commissione a identificare modalità creative ed efficaci per promuovere l'apicoltura professionale e la formazione di nuovi apicoltori;

30. sottolinea che la formazione nel settore apicolo deve spingersi oltre i settori dell'apicoltura e dell'agricoltura per agevolare l'azione e la partecipazione pubblica nella creazione di habitat migliori per la nidificazione e l'alimentazione delle api nelle aree urbane;

31. ritiene fondamentale rafforzare la formazione degli apicoltori in tutti gli Stati membri, dato che la gestione delle api è nelle loro mani e che una buona gestione delle api, in particolare mediante l'utilizzo di buone pratiche e il rispetto delle normative vigenti, è fondamentale per la salute di questi insetti;

32. esorta la Commissione a prendere provvedimenti riguardo al problema della concorrenza sleale dei prodotti del settore apicolo importati sul mercato dell'UE e provenienti dai paesi terzi;

33. chiede, nella consapevolezza che il 97% dei 700 000 apicoltori europei non è apicoltore professionista e possiede il 67% degli alveari, che sia elaborata una guida di buone pratiche apicole e igieniche in cooperazione con il laboratorio di riferimento dell'UE di Sophia Antipolis e con gli istituti nazionali, tenendo conto delle specificità dell'apicoltura, dei diversi operatori coinvolti e dei principi di proporzionalità e sussidiarietà; evidenzia la necessità di limitare la distruzione dell'habitat delle api, mantenendo un maggior numero di aree naturali nelle città e in campagna; evidenzia altresì la necessità di tenere conto dei principali aspetti socioeconomici e dell'esigenza che il settore rimanga competitivo sul mercato globale;

34. sottolinea che le misure di regolamentazione mirate possono contribuire a incentivare gli enti locali e regionali a creare migliori habitat selvatici di alimentazione;

35. sottolinea l'importanza di promuovere le misure intese a favorire la biodiversità, tenendo presente che la salute delle api è favorita dall'accesso a pollini e piante diversi;

36. sottolinea che il numero delle specie impollinatrici si sta riducendo in modo allarmante a livello mondiale e che una delle ragioni è da ricercarsi nell'utilizzo di pesticidi e negli organismi geneticamente modificati, che incidono negativamente sulle popolazioni di api;

37. sottolinea che emergono sempre più prove scientifiche del fatto che le api che possono accedere a pollini di piante diverse sono più sane di quelle che si nutrono di un solo tipo di polline; esorta la Commissione a seguire con attenzione gli eventuali sviluppi e a sostenere la ricerca in materia; sottolinea la necessità di effettuare ulteriori ricerche e indagini onde assicurare che gli OGM non provochino danni alle popolazioni di api; riconosce che tutti i tipi di monocolture riducono la biodiversità e pertanto l'accesso alla flora mellifera da cui potrebbe derivare un impatto negativo sulle api; esorta la Commissione a fare delle pratiche agricole sostenibili il nucleo della PAC e riconosce la necessità di promuovere una gestione del territorio adeguata e altri regimi agroambientali(3) per incrementare la disponibilità di piante mellifere e la biodiversità;

38. sostiene con determinazione la legislazione prudente dell'UE e le approfondite valutazioni scientifiche dei rischi per quanto concerne gli OGM; sottolinea che le monoculture comportano il rischio di un'insufficiente impollinazione e stanno provocando la scomparsa della flora mellifera;

39. invita la Commissione a promuovere ulteriori ricerche scientifiche indipendenti riguardanti gli effetti a lungo termine delle colture geneticamente modificate, con particolare riferimento alla diffusione della tossina Bt attraverso il polline, sulle api e sugli impollinatori in generale, le sinergie fra i diversi prodotti fitosanitari, come pure le sinergie fra l'esposizione ai prodotti fitosanitari e le patologie; chiede una moratoria sulla coltivazione di OGM qualora tali studi rivelassero l'esistenza di effetti negativi sulla salute delle api;

40. sottolinea che, se non è possibile stabilire che gli OGM costituiscono un fattore importante nella diminuzione del numero delle colonie di api, è fondamentale risolvere i problemi che interessano gli apicoltori, ossia la dispersione del polline da parte delle bottinatrici e la probabilità di contaminazione del polline;

41. ricorda le nuove disposizioni del regolamento (CE) n. 1107/2009 sulla valutazione dei prodotti fitosanitari e delle sostanze attive in essi contenute, non solo per quanto concerne gli effetti acuti, ma anche in relazione agli effetti cronici per la sopravvivenza e lo sviluppo della colonia, tenendo conto degli effetti sulle larve di api e sul comportamento delle api; sottolinea, tuttavia, che:

     a)  i requisiti riguardanti i dati, che vanno modificati di conseguenza, non saranno applicabili prima della fine del 2013,

     b)  nel frattempo è ancora necessario mettere a punto adeguati protocolli di prova, e

     c)  le nuove disposizioni saranno applicate esclusivamente all'approvazione di nuove sostanze o all'atto del rinnovo di approvazioni già concesse nonché all'autorizzazione di nuovi prodotti fitosanitari o all'atto del riesame, cosicché le attuali approvazioni/autorizzazioni non saranno oggetto di adeguate valutazioni per molti anni ancora, almeno che non si provveda a una specifica revisione;

42. invita la Commissione a rivedere l'approvazione di tutte quelle sostanze attive che si sospetta contribuiscano alle perdite di colonie di api, conformemente alle nuove disposizioni e ai requisiti riguardanti i dati di cui al regolamento (CE) n. 1107/2009, non appena i nuovi requisiti concernenti i dati risulteranno applicabili;

43. si compiace della valutazione indipendente da parte degli esperti dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) delle nuove necessità in termini di ricerca;

44. chiede all'EFSA di tenere conto delle ricerche e delle informazioni raccolte dal LRUE quando effettuerà la valutazione indipendente dei nuovi requisiti in materia di dati sulla sicurezza delle api e delle nuove metodologie di sperimentazione dei pesticidi prima della loro autorizzazione;

45. sottolinea l'importanza di un'agricoltura sostenibile e di un utilizzo sostenibile dei pesticidi e chiede la piena attuazione della direttiva 2009/128/CE relativa all'utilizzo sostenibile dei pesticidi, che mira a raggiungere un utilizzo sostenibile dei pesticidi riducendo i rischi e l'impatto dell'utilizzo di detti prodotti sull'ambiente, comprese le api, in particolare per quanto attiene alle misure intese a promuovere l'istruzione e la formazione degli agricoltori e la collaborazione con gli apicoltori;

46. ricorda la direttiva 2009/128/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, che istituisce un quadro per l'azione comunitaria ai fini dell'utilizzo sostenibile dei pesticidi, con particolare riferimento all'articolo 14, che rende obbligatoria per tutti gli agricoltori l'applicazione dei principi generali di difesa integrata nelle loro aziende a partire dal 2014, e all'articolo 9, che impone un divieto generale di irrorazione aerea;

47. sostiene fortemente l'applicazione del principio di precauzione riguardo all'utilizzo dei pesticidi e concorda con la Commissione sul fatto che l'impiego di pesticidi in ambito agricolo possa essere considerato uno dei fattori che incidono sulla salute delle api; ritiene che l'impiego dei pesticidi dovrebbe essere tenuto in considerazione almeno al fine di chiarire se, e in quale misura, possano influire sulla salute delle api; sottolinea che una particolare attenzione deve essere rivolta all'utilizzo dei pesticidi della famiglia dei neonicotinoidi che potrebbero determinare disfunzioni a livello digestivo e ormonale; sottolinea che gli effetti a lungo termine dei pesticidi sistemici sono sottovalutati e possono in parte spiegare il calo delle popolazioni di api;

48. invita la Commissione a rispettare il principio di precauzione e a imporre in tutta l'UE il divieto di utilizzare pesticidi neonicotinoidi fintanto che studi scientifici indipendenti non dimostrino l'assenza di esposizione cronica alle tossine per le api e di pericolo per l'ambiente e la salute pubblica derivanti dal loro impiego;

49. ribadisce che la Commissione considera le api una specie domesticata e quindi un settore d'allevamento, il che favorisce misure per il miglioramento della salute, il benessere e la protezione(4) e assicura maggiori informazioni sulla salvaguardia degli impollinatori selvatici; chiede pertanto che venga elaborata una strategia di protezione sanitaria delle api e che nelle legislazioni del settore agricolo e veterinario sia contemplata la filiera apicola, tenendo conto della sua specificità, soprattutto per quanto concerne il risarcimento per le perdite di api subite dagli apicoltori;

50. auspica che nel bilancio della politica agricola comune (PAC) per il periodo 2013-2020 sia incluso il sostegno a favore dei produttori biologici;

51. sottolinea l'importanza degli attuali finanziamenti dell'UE per promuovere la produzione e la commercializzazione dei prodotti apicoli ma pone tuttavia l'accento sulla necessità di garantire che ogni Stato membro impieghi tali finanziamenti come previsto;

52. sottolinea la necessità di continuare a finanziare i programmi agroambientali intesi a promuovere la biodiversità, come quelli che prevedono la fornitura di piante in grado di attirare le api;

53. ricorda la sua risoluzione dell'8 marzo 2011 sul "Deficit proteico dell'UE: quale soluzione per questo annoso problema?"(5), con particolare riferimento al considerando AF nel quale si afferma che: "considerando che, accanto alla coltivazione di cereali e di mais per produrre mangimi ed energia, è necessario sostenere l'utilizzo di sistemi estesi di rotazione delle colture, di colture miste in azienda e di miscele di foraggio verde, che possono presentare importanti benefici ambientali e agronomici, dal momento che la coltivazione di leguminose all'interno di un sistema di rotazione può prevenire le malattie e rigenerare i terreni, avere effetti benefici sulla popolazione di impollinatori e proteggere il clima" e ribadisce l'importanza che la rotazione delle colture continui ad essere un elemento fondamentale della cosiddetta componente verde della PAC verso il 2020;

54. invita la Commissione a mettere le pratiche agricole sostenibili al centro della PAC, chiedendo a tutti gli agricoltori dell'UE, a partire dal 2014, di applicare un semplice pacchetto di pratiche agronomiche (fra cui la rotazione delle colture, i pascoli permanenti, le colture di copertura e le infrastrutture verdi) e di rafforzare e sviluppare misure agroambientali specifiche per il settore apicolo, nello spirito della nuova strategia dell'UE a favore della biodiversità; chiede altresì alla Commissione di incoraggiare gli agricoltori affinché si impegnino a favore di misure agroambientali per sostenere la presenza di prati ai margini dei campi che siano accoglienti per le api e affinché utilizzino una rotazione altamente differenziata in presenza di leguminose e ricorrano all'utilizzo di alternative non chimiche;

55. invita la Commissione e gli Stati membri a mettere a punto misure di sensibilizzazione e di informazione allo scopo di promuovere un maggiore livello di consapevolezza e un più forte senso di responsabilità tra le autorità competenti e i produttori per quanto concerne le malattie delle api e le misure a disposizione per la prevenzione e la cura di tali malattie;

56. chiede l'elaborazione di una strategia sulle risorse alimentari delle api, nell'intento di favorire un'alimentazione fruibile, vicina, diversificata, specifica e di qualità attraverso una migliore gestione dei terreni agricoli e non agricoli, ad esempio integrando la problematica della nutrizione delle api nelle "trame verdi e blu", sviluppando i maggesi apicoli, le siepi fiorite, le intercolture mellifere e le fasce inerbite e sviluppando le competenze tra gli agricoltori per coniugare agricoltura e biodiversità.

ESITO DELLA VOTAZIONE FINALE IN COMMISSIONE

Approvazione

13.7.2011

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

32

17

5

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Kriton Arsenis, Sophie Auconie, Pilar Ayuso, Paolo Bartolozzi, Sandrine Bélier, Nessa Childers, Bairbre de Brún, Esther de Lange, Anne Delvaux, Bas Eickhout, Edite Estrela, Karl-Heinz Florenz, Elisabetta Gardini, Gerben-Jan Gerbrandy, Julie Girling, Françoise Grossetête, Satu Hassi, Jolanta Emilia Hibner, Karin Kadenbach, Christa Klaß, Jo Leinen, Corinne Lepage, Peter Liese, Linda McAvan, Miroslav Ouzký, Vladko Todorov Panayotov, Antonyia Parvanova, Andres Perello Rodriguez, Sirpa Pietikäinen, Mario Pirillo, Pavel Poc, Vittorio Prodi, Frédérique Ries, Anna Rosbach, Dagmar Roth-Behrendt, Horst Schnellhardt, Richard Seeber, Salvatore Tatarella, Åsa Westlund, Glenis Willmott, Sabine Wils, Marina Yannakoudakis

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Matthias Groote, Romana Jordan Cizelj, Riikka Manner, Marisa Matias, Miroslav Mikolášik, James Nicholson, Alojz Peterle, Michèle Rivasi, Crescenzio Rivellini, Giommaria Uggias

Supplenti (art. 187, par. 2) presenti al momento della votazione finale

José Bové, Lorenzo Fontana

(1)

Testi approvati, P7_TA(2010)0440.

(2)

I laboratori di riferimento dell'UE (LRUE) sono strumenti fondamentali di gestione dei rischi nel settore della salute animale e svolgono un ruolo importante di sostegno scientifico e tecnico in detto settore (ad esempio, monitoraggio delle malattie). Un LRUE per la salute delle api è stato istituito dalla Commissione per un periodo di cinque anni a decorrere dal 1° aprile 2011.

(3)

I regimi agroambientali promuovono una migliore gestione delle piante per siepi, una maggiore coltivazione delle leguminose e una più efficiente interazione tra apicoltori e agricoltori.

(4)

Attraverso iniziative come la Strategia per la salute degli animali nell'UE (2007-2013), che mira a fornire un quadro normativo unico e chiaro per la salute degli animali, migliora il coordinamento e l'uso efficiente delle risorse da parte delle pertinenti agenzie europee e sottolinea l'importanza di mantenere e migliorare la capacità di diagnosi.

(5)

Testi approvati, P7_TA(2011)0084.


ESITO DELLA VOTAZIONE FINALE IN COMMISSIONE

Approvazione

6.10.2011

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

32

1

3

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

John Stuart Agnew, Richard Ashworth, Liam Aylward, José Bové, Michel Dantin, Paolo De Castro, Albert Deß, Herbert Dorfmann, Lorenzo Fontana, Iratxe García Pérez, Béla Glattfelder, Martin Häusling, Esther Herranz García, Peter Jahr, Elisabeth Jeggle, Jarosław Kalinowski, Elisabeth Köstinger, Agnès Le Brun, Mairead McGuinness, James Nicholson, Rareş-Lucian Niculescu, Georgios Papastamkos, Marit Paulsen, Ulrike Rodust, Alfreds Rubiks, Giancarlo Scottà, Csaba Sándor Tabajdi, Marc Tarabella, Janusz Wojciechowski

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Luís Paulo Alves, Spyros Danellis, Bas Eickhout, Ismail Ertug, Giovanni La Via, Astrid Lulling, Hans-Peter Mayer, Dimitar Stoyanov

Supplenti (art. 187, par. 2) presenti al momento della votazione finale

George Sabin Cutaş, Pablo Zalba Bidegain

Ultimo aggiornamento: 3 novembre 2011Avviso legale