Procedura : 2017/2052(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0048/2018

Testi presentati :

A8-0048/2018

Discussioni :

PV 13/03/2018 - 13

Votazioni :

PV 14/03/2018 - 8.9

Testi approvati :


RELAZIONE     
PDF 1373kWORD 209k
28 febbraio 2018
PE 615.478v02-00 A8-0048/2018

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Commissione per i bilanci

Relatori: Jan Olbrycht, Isabelle Thomas

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO
 PARERE della commissione per gli affari esteri
 PARERE della commissione per lo sviluppo
 PARERE della commissione per il controllo dei bilanci
 PARERE della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare
 PARERE della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia
 PARERE della commissione per i trasporti e il turismo
 PARERE della commissione per lo sviluppo regionale
 PARERE della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale
 PARERE della commissione per la pesca
 PARERE della commissione per la cultura e l'istruzione
 PARERE della commissione per gli affari costituzionali
 PARERE della commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Il Parlamento europeo,

–  visti gli articoli 311, 312 e 323 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE),

–  visti il regolamento (UE, Euratom) n. 1311/2013 del Consiglio, del 2 dicembre 2013, che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020(1), e la sua successiva modifica mediante il regolamento (UE, Euratom) 2017/1123 del Consiglio del 20 giugno 2017(2),

–  visto l'accordo interistituzionale del 2 dicembre 2013 tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, sulla cooperazione in materia di bilancio e sulla sana gestione finanziaria(3),

–  vista la sua risoluzione del 6 luglio 2016 sulla preparazione della revisione post-elettorale del QFP 2014-2020: il contributo del Parlamento in vista della proposta della Commissione(4),

–  visto il documento di riflessione della Commissione sul futuro delle finanze dell'UE del 28 giugno 2017 (COM(2017)0358),

–  vista la sua risoluzione del 24 ottobre 2017 sul documento di riflessione sul futuro delle finanze dell'UE(5),

–  vista la risoluzione 70/1 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite intitolata "Transforming our world: the 2030 Agenda for Sustainable Development" (Trasformare il nostro mondo: l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile),

–  vista la sua risoluzione, del 19 gennaio 2017, su un pilastro europeo dei diritti sociali(6),

–  vista la ratifica dell'accordo di Parigi da parte del Parlamento europeo e del Consiglio in data 4 ottobre 2016(7),

–  vista la relazione dell'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali dal titolo "Challenges facing civil society organisations working on human rights in the EU" (Le sfide cui devono far fronte le organizzazioni della società civile che operano nel settore dei diritti umani nell'UE),

–  visto il parere d'iniziativa del Comitato economico e sociale europeo sul finanziamento delle organizzazioni della società civile da parte dell'UE,

–  visti la relazione della commissione per i bilanci, i pareri della commissione per gli affari esteri, della commissione per lo sviluppo, della commissione per il controllo dei bilanci, la posizione sotto forma di emendamenti della commissione per l'occupazione e gli affari sociali, e i pareri della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare, della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia, della commissione per i trasporti e il turismo, della commissione per lo sviluppo regionale, della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, della commissione per la pesca, della commissione per la cultura e l'istruzione, della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, della commissione per gli affari costituzionali e della commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere (A8-0048/2018),

A.  considerando che l'attuale Quadro finanziario pluriennale (QFP) è stato adottato nel 2013 e ha comportato, per la prima volta, una riduzione in termini reali degli stanziamenti d'impegno e di pagamento rispetto al precedente periodo di programmazione finanziaria, nonostante le crescenti competenze e ambizioni dell'Unione europea stabilite nel trattato di Lisbona e nella strategia Europa 2020; che esso ha implicato altresì un notevole divario tra il livello degli stanziamenti d'impegno e degli stanziamenti di pagamento, il che ha contribuito a un arretrato di fatture non pagate nel corso dei primi due anni del QFP; che la tardiva adozione del QFP e delle relative basi giuridiche ha contribuito a ritardi nell'attuazione, le cui ripercussioni si fanno sentire a tutt'oggi e che potrebbero tradursi in un accumulo di richieste di pagamento alla fine dell'attuale QFP, con effetti di ricaduta sul prossimo periodo; che, su insistenza del Parlamento, nel QFP sono state inserite nuove disposizioni al fine di utilizzarne i massimali globali nella misura più ampia possibile e prevedere meccanismi di flessibilità;

B.  considerando che il QFP 2014-2020 si è presto dimostrato insufficiente a soddisfare le reali esigenze e ambizioni politiche dal momento che, sin dall'inizio, è stato chiamato ad affrontare una serie di crisi e nuove sfide nei settori degli investimenti, dell'esclusione sociale, della migrazione e dei rifugiati, dell'occupazione giovanile, della sicurezza, dell'agricoltura, dell'ambiente e dei cambiamenti climatici, che non erano state previste al momento della sua adozione; che, di conseguenza, l'attuale QFP aveva già raggiunto i propri limiti dopo appena due anni di attuazione, dal momento che i margini disponibili erano esauriti, le disposizioni in materia di flessibilità e gli strumenti speciali erano stati mobilitati in misura sostanziale, le politiche e i programmi esistenti erano sotto pressione, se non avevano addirittura subito dei tagli, ed erano stati creati alcuni meccanismi fuori bilancio in modo da compensare il livello e la flessibilità inadeguati del bilancio dell'UE;

C.  considerando che siffatte carenze risultavano già evidenti in sede di riesame intermedio e di revisione del QFP, avviati alla fine del 2016, e che sarebbe stato opportuno intervenire immediatamente al riguardo, come indicato dal Parlamento nella sua risoluzione del 6 luglio 2016; che con la revisione intermedia concordata si è riusciti ad ampliare in misura moderata le potenzialità delle vigenti disposizioni in materia di flessibilità, ma non a ritoccare i massimali del QFP;

D.  considerando che la Commissione presenterà nel maggio 2018 il suo pacchetto di proposte sul QFP post-2020 e sulle future risorse proprie, mentre il regolamento n. 1311/2013 del Consiglio ha stabilito che avrebbero dovuto essere presentate prima del 1° gennaio 2018; che esso dovrebbe essere seguito poco dopo da progetti di proposte legislative in materia di programmi e strumenti finanziari;

1.  approva la presente risoluzione per sottolineare la propria posizione sul QFP per il periodo successivo al 2020, con particolare riferimento alle sue priorità nonché alla sua entità, struttura, durata, flessibilità e ad altri principi orizzontali, come pure per evidenziare gli specifici orientamenti di bilancio per le rispettive politiche dell'UE rientranti nel prossimo quadro finanziario; si attende che la Commissione presenti la proposta legislativa per il prossimo QFP, unitamente a un nuovo progetto di accordo interistituzionale che tenga conto delle posizioni e delle proposte del Parlamento; sottolinea che la presente risoluzione costituisce altresì una base per il proprio impegno nell'ambito della procedura di adozione del prossimo QFP;

2.  approva, contestualmente, una risoluzione a parte intesa a illustrare la propria posizione sulla riforma del sistema delle risorse proprie dell'Unione, in linea con le raccomandazioni del gruppo ad alto livello sulle risorse proprie; invita la Commissione a tenere debitamente conto della posizione del Parlamento in sede di preparazione delle proposte legislative sulle risorse proprie dell'Unione, che dovrebbero essere di portata ambiziosa ed essere presentate congiuntamente alle proposte sul QFP; sottolinea che le spese e le entrate del prossimo QFP saranno entrambe trattate come un unico pacchetto nell'ambito dei prossimi negoziati e che non vi sarà alcun accordo sul QFP in assenza di analoghi progressi sul versante delle risorse proprie;

I. Priorità e sfide del prossimo QFP

3.  si compiace della discussione sul prossimo QFP che considera un'occasione per preparare il terreno a un'Europa più forte e più sostenibile, attraverso uno dei suoi strumenti più tangibili, ovvero il bilancio dell'Unione; ritiene che il prossimo QFP debba rientrare nell'ambito di una più ampia strategia e riflessione sul futuro dell'Europa; reputa che il QFP debba tradurre le priorità politiche dell'UE relative ai progetti e alle strategie in risorse di bilancio;

4.  esprime la convinzione che il prossimo QFP debba basarsi sulle politiche e le priorità consolidate dell'Unione, che mirano a promuovere la pace, la democrazia, lo Stato di diritto, i diritti umani e l'uguaglianza di genere, a incrementare il benessere, la crescita economica a lungo termine e sostenibile nonché la ricerca e l'innovazione, a offrire un'occupazione di qualità che conduca a posti di lavoro dignitosi, a contrastare i cambiamenti climatici e a promuovere la coesione economica, sociale e territoriale, come pure la solidarietà tra gli Stati membri e i cittadini; ritiene che tali pilastri siano i presupposti per il corretto funzionamento del mercato interno e dell'Unione economica e monetaria, nonché per rafforzare la posizione dell'Europa nel mondo; è persuaso del fatto che siano più che mai importanti per il futuro impegno dell'Europa;

5.  ritiene che il prossimo QFP debba permettere all'Unione di offrire soluzioni e uscire rafforzata dalle crisi del decennio: la crisi economica e finanziaria, la disoccupazione giovanile, la povertà persistente e l'esclusione sociale, il fenomeno della migrazione e dei rifugiati, il cambiamento climatico e le calamità naturali, il degrado ambientale e la perdita di biodiversità, il terrorismo e l'instabilità, per citarne alcune; sottolinea che tali sfide transfrontaliere e globali, che hanno implicazioni a livello nazionale, evidenziano l'interdipendenza delle nostre economie e società e sottolineano la necessità di un'azione comune;

6.  evidenzia che l'UE deve tener fede al suo impegno di assumere un ruolo di capofila nell'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile (ODS) delle Nazioni Unite, che forniscono una tabella di marcia globale verso società più sostenibili, eque e prospere nel rispetto dei limiti del pianeta; sottolinea che il prossimo QFP deve essere allineato agli ODS; accoglie con favore l'impegno della Commissione a favore dell'integrazione degli ODS in tutte le politiche e iniziative dell'UE; auspica che l'UE rispetti i suoi impegni nei confronti di detti obiettivi; sottolinea inoltre che la proclamazione del pilastro europeo dei diritti sociali e l'impegno dell'UE e degli Stati membri a garantire un'Europa più sociale dovrebbero essere sostenuti da adeguate risorse finanziarie; ritiene che, in seguito all'accordo di Parigi, la spesa connessa al clima dovrebbe essere aumentata significativamente rispetto al QFP attuale e raggiungere il 30 % non appena possibile e al più tardi entro il 2027;

7.  sottolinea che il prossimo QFP rappresenta per l'Unione l'occasione di dimostrare la sua unità e la sua capacità di affrontare gli sviluppi politici come la Brexit, l'ascesa dei movimenti populisti e nazionalisti e i cambiamenti nella leadership globale; sottolinea che le divisioni e l'egocentrismo non possono costituire una risposta ai problemi globali e alle preoccupazioni dei cittadini; ritiene che i negoziati sulla Brexit, in particolare, dimostrino che i vantaggi dell'appartenenza all'Unione superino di gran lunga il costo del contributo al suo bilancio; chiede, in tale contesto, il pieno rispetto del quadro degli impegni precedentemente assunti, come nel caso dell'accordo del Venerdì Santo per quanto concerne lo Stato di diritto e la democrazia;

8.  chiede, pertanto, di continuare a sostenere le politiche esistenti, in particolare quelle dell'UE consolidate da tempo e sancite dai trattati, vale a dire la politica agricola comune, la politica comune della pesca e la politica di coesione, poiché queste apportano ai cittadini dell'UE i vantaggi tangibili del progetto europeo; respinge qualsiasi tentativo di rinazionalizzare tali politiche, in quanto ciò non ridurrebbe l'onere finanziario per i contribuenti e consumatori, né garantirebbe risultati migliori, ma ostacolerebbe invece la crescita, la solidarietà e il funzionamento del mercato unico, acuendo ulteriormente nel contempo le disuguaglianze e aggravando le disparità tra territori e settori economici; intende garantire all'UE-27 il medesimo livello di finanziamento per tali politiche nel prossimo periodo di programmazione, migliorandone nel contempo l'efficacia e semplificando le procedure ivi associate;

9.  ritiene che l'Europa debba offrire una prospettiva alle giovani generazioni nonché alle imprese orientate al futuro che garantiscono un maggiore successo dell'Unione sulla scena mondiale; è determinato ad ampliare in modo sostanziale due dei suoi programmi faro, vale a dire il programma quadro per la ricerca e il programma Erasmus+ che, con le dotazioni di cui dispongono, non sono in grado di soddisfare l'altissima richiesta da parte di candidature eccellenti; è determinato a sostenere un aumento sostanziale delle risorse destinate alla lotta contro la disoccupazione giovanile e al sostegno alle piccole e medie imprese attraverso programmi che succederanno all'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile e il programma per la competitività delle imprese e le piccole e le medie imprese (COSME); sostiene altresì il rafforzamento del Meccanismo per collegare l'Europa (CEF) 2.0;

10.  invita l'Unione a svolgere il ruolo che le compete in tre nuovi ambiti d'intervento, con ricadute interne ed esterne, che sono emersi nel corso dell'attuale QFP:

–  sviluppando e finanziando una politica globale in materia di asilo, migrazione e integrazione e affrontando le cause profonde della migrazione e dello sfollamento nei paesi terzi,

–  rafforzando la protezione delle frontiere esterne e promuovendo la stabilità, in particolare attraverso la salvaguardia dei diritti umani all'estero, la prevenzione dei conflitti e le politiche di sviluppo esterno,

–  fornendo ai cittadini europei una sicurezza interna comune e raggruppando le attività di ricerca e le capacità nel campo della difesa, sottolineando nel contempo che le azioni intraprese in questi settori non dovrebbero compromettere le politiche di sviluppo dell'UE;

11.  sottolinea che il futuro quadro dovrebbe integrare due nuovi tipi di sostegno finanziario che sono al centro dell'agenda economica dell'Unione, vale a dire il mantenimento dei regimi di sostegno agli investimenti, quali il Fondo europeo per gli investimenti strategici, e lo sviluppo di una funzione di stabilizzazione per gli Stati membri della zona euro, eventualmente mediante il proposto Fondo monetario europeo, unitamente a uno specifico strumento di convergenza per gli Stati membri in procinto di aderire all'euro;

12.  sottolinea che, come primo passo, la capacità di bilancio specifica della zona euro dovrebbe rientrare nel bilancio dell'Unione, al di sopra dei massimali del quadro finanziario pluriennale, fatti salvi gli altri programmi del QFP, e dovrebbe essere finanziata dai paesi della zona euro e da altri paesi partecipanti mediante una fonte di entrate da concordare tra gli Stati membri partecipanti e da considerarsi entrate con destinazione specifica e garanzie; ritiene che la capacità di bilancio possa essere finanziata, una volta che sarà stabilizzata, tramite vere risorse proprie, secondo le raccomandazioni della relazione Monti sul futuro finanziamento dell'UE;

13.  ribadisce il principio secondo cui le nuove priorità politiche dovrebbero disporre di risorse finanziarie supplementari, a prescindere dal fatto che emergano in sede di adozione di un nuovo QFP o nel corso della sua attuazione, e sottolinea che il finanziamento di nuove necessità non dovrebbe compromettere le politiche e i programmi esistenti; si attende, inoltre, che siano previste adeguate disposizioni in materia di flessibilità in modo da far fronte a eventi imprevisti che potrebbero verificarsi nel corso del QFP;

14.  ritiene che sia possibile realizzare un'Europa più forte e più ambiziosa soltanto dotandola di maggiori risorse finanziarie; chiede, alla luce delle suddette sfide e priorità e tenendo conto del recesso del Regno Unito dall'Unione, di incrementare sostanzialmente il bilancio dell'Unione; stima che i necessari massimali di spesa del QFP corrispondano all'1,3 % dell'RNL dell'UE-27, nonostante la serie di strumenti da considerare al di là dei massimali;

15.  è persuaso che, a meno che il Consiglio non decida di incrementare in modo sostanziale il livello dei contributi nazionali al bilancio dell'UE, l'introduzione di nuove vere risorse proprie dell'UE resti l'unica soluzione per finanziare in maniera adeguata il prossimo QFP;

II. Questioni orizzontali

Principi del bilancio dell'Unione e sincerità di bilancio

16.  ricorda i principi dell'unità, della verità del bilancio, dell'annualità, del pareggio, dell'universalità, della specializzazione, dell'addizionalità, della sussidiarietà, della sana gestione finanziaria e della trasparenza del bilancio europeo, che devono essere rispettati all'atto della definizione e dell'esecuzione del bilancio dell'Unione;

17.  ribadisce la posizione che sostiene da lunga data secondo cui alle ambizioni politiche dell'Unione devono corrispondere risorse finanziarie adeguate e ricorda l'articolo 311 del TFUE, secondo cui "l'Unione si dota dei mezzi necessari per conseguire i suoi obiettivi e per portare a compimento le sue politiche";

18.  sottolinea, a tale proposito, che le decisioni e iniziative politiche adottate dal Consiglio europeo possono essere pienamente attuate soltanto garantendo i necessari finanziamenti e sottolinea che qualsiasi altro approccio pregiudica la sincerità del bilancio dell'Unione e la fiducia dei cittadini;

19.  ritiene che, traducendo le priorità politiche dell'UE in investimenti concreti, il QFP costituisca uno strumento eccellente per la programmazione a lungo termine della spesa dell'UE e per garantire un certo grado di stabilità degli investimenti pubblici negli Stati membri; deplora, tuttavia, l'assenza di una strategica a lungo termine reciprocamente concordata in vista dell'adozione del prossimo QFP; ricorda, inoltre, che il bilancio dell'UE è in primo luogo un bilancio d'investimento e che rappresenta un'ulteriore fonte di finanziamento complementare alle azioni intraprese ai livelli nazionale, regionale e locale;

Durata

20.  è del parere che la decisione sulla durata del QFP debba trovare il giusto equilibrio tra due esigenze contrastanti, ovvero, da una parte, la necessità che diverse politiche dell'UE – specialmente quelle rientranti nella gestione concorrente, come la politica agricola e la politica di coesione – funzionino sulla base della stabilità e della prevedibilità di un impegno su un periodo minimo di sette anni e, dall'altra, la necessità di legittimità democratica e rendicontabilità derivanti dalla sincronizzazione di ogni quadro finanziario con il ciclo politico quinquennale del Parlamento europeo e della Commissione;

21.  insiste sull'imperativo politico per ogni neoeletto Parlamento di essere in grado di incidere in misura sostanziale sul QFP nel corso del proprio ciclo elettorale, sia in termini di importi che di priorità politiche; sottolinea che le elezioni al Parlamento europeo offrono ai cittadini dell'UE la possibilità di pronunciarsi direttamente sulle priorità di bilancio della stessa, il che dovrebbe riflettersi in un adeguamento post-elettorale del quadro finanziario; ritiene pertanto che, nel corso di ogni ciclo politico, la Commissione debba formulare una proposta e il Parlamento e il Consiglio debbano adottare una decisione o sulla definizione del QFP successivo o su una revisione intermedia obbligatoria del QFP in corso;

22.  sottolinea la necessità che la durata del QFP passi progressivamente a un periodo di 5 + 5 anni con una revisione intermedia obbligatoria; invita la Commissione a elaborare una proposta chiara che definisca le modalità di attuazione pratica di un quadro finanziario della durata di 5 + 5 anni; è convinto che un unico periodo di cinque anni non possa essere preso in considerazione per la durata del QFP, in quanto ostacolerebbe gravemente i requisiti di programmazione e di attuazione di varie politiche dell'UE;

23.  riconosce, tuttavia, che il calendario delle prossime elezioni al Parlamento europeo nella primavera del 2019, dato che l'attuale QFP resterà in vigore fino al dicembre 2020, non consente di attuare immediatamente una soluzione 5 + 5, in quanto i diversi cicli non potrebbero essere allineati in maniera soddisfacente; è del parere, pertanto, che il prossimo QFP debba essere fissato per un periodo di sette anni (2021-2027), prevedendo altresì una revisione intermedia obbligatoria, mediante una soluzione transitoria da applicare per un'ultima volta;

Revisione intermedia

24.  è convinto della necessità di mantenere un riesame e una revisione intermedi giuridicamente vincolanti e obbligatori del QFP e di sancirli nel nuovo regolamento sul QFP; ricorda che la revisione intermedia del 2016 è stata la prima occasione storica in cui una revisione effettiva del regolamento QFP ha avuto luogo ed è stata giudicata positivamente sia dal Consiglio che dal Parlamento, in particolare per quanto riguarda il rafforzamento delle disposizioni in materia di flessibilità del QFP;

25.  ritiene che in merito al QFP 2021-2027 sia opportuno proporre e deliberare in tempo utile una revisione intermedia per consentire ai futuri Parlamento e Commissione di adeguare di conseguenza il quadro finanziario; sottolinea che l'eventuale revisione del QFP dovrebbe garantire il coinvolgimento del Parlamento e la salvaguardia delle sue prerogative in qualità di ramo a pieno titolo dell'autorità di bilancio; sottolinea inoltre che un'eventuale revisione effettiva del QFP dovrebbe comportare anche la revisione dei suoi massimali, qualora ne venga accertata l'inadeguatezza per il resto del periodo;

Flessibilità

26.  sottolinea che, nel corso dell'attuale QFP, l'autorità di bilancio ha approvato un'ingente ricorso al meccanismo di flessibilità e agli strumenti speciali previsti dal regolamento sul QFP, onde garantire i necessari stanziamenti supplementari per far fronte a gravi crisi o finanziare nuove priorità politiche;

27.  ritiene, pertanto, che le disposizioni in materia di flessibilità nell'ambito dell'attuale QFP abbiano funzionato correttamente e apportato soluzioni riguardo all'ingente fabbisogno finanziario, in particolare per far fronte alle sfide della migrazione e dei rifugiati e per affrontare la carenza di investimenti; ricorda che il Parlamento è stato all'origine di molte di tali disposizioni e di averle difese tenacemente durante i precedenti negoziati sul QFP;

28.  considera a tutt'oggi necessario potenziare ulteriormente siffatte disposizioni allo scopo di affrontare meglio nuove sfide, eventi imprevisti e l'evoluzione delle priorità politiche che dovessero emergere in sede di attuazione di un piano a lungo termine, come il QFP; chiede una maggiore flessibilità per il prossimo QFP, che contempli l'impiego più ampio possibile dei suoi massimali globali per gli impegni e i pagamenti;

I meccanismi di flessibilità nel QFP

29.  ritiene che i massimali del prossimo QFP debbano essere fissati a un livello che permetta non solo di finanziare le politiche dell'Unione, ma anche di disporre per ciascuna rubrica di margini sufficienti in termini di impegni;

30.  è persuaso che tutti i margini non assegnati dovrebbero poter essere riportati senza alcuna limitazione agli esercizi futuri ed essere mobilitati dall'autorità di bilancio, nel quadro della procedura annuale di bilancio, per qualsiasi scopo ritenuto necessario; chiede pertanto che sia mantenuto il margine globale per gli impegni, ma senza alcuna restrizione in termini temporali e di ambito di applicazione;

31.  ricorda che il margine globale per gli impegni permette solo di mobilitare i margini non assegnati fino all'anno n-1, una volta che questi siano stati confermati mediante l'adeguamento tecnico che precede la presentazione del progetto di bilancio; considera, tuttavia, indispensabile esplorare modalità per mobilitare anche i margini non assegnati dell'anno n, onde consentire comunque la copertura di ulteriori fabbisogni che potrebbero emergere nel corso dell'anno in questione;

32.  è fermamente convinto del fatto che gli impegni autorizzati dall'autorità di bilancio debbano essere utilizzati per il loro scopo originario e che occorra compiere ogni sforzo per garantire che sia così in tutti gli ambiti d'intervento; invita la Commissione, in particolare, a continuare a impegnarsi attivamente in tal senso; è tuttavia persuaso che, qualora siano effettivamente intervenuti disimpegni in ragione della mancata o parziale attuazione degli interventi ai quali i fondi erano stati destinati, i fondi in questione dovrebbero essere resi nuovamente disponibili nel bilancio dell'Unione ed essere mobilitati dall'autorità di bilancio nel quadro della procedura annuale di bilancio; ritiene che i disimpegni debbano alimentare direttamente il margine globale per gli impegni, anziché eventuali strumenti speciali o riserve;

33.  ricorda che i disimpegni riguardano impegni che sono già stati autorizzati dall'autorità di bilancio e che di norma avrebbero dovuto comportare corrispondenti pagamenti, se l'intervento che dovevano finanziare fosse stato attuato come da previsioni; sottolinea pertanto che il riutilizzo dei fondi disimpegnati nel bilancio dell'Unione è debitamente giustificato, ma non dovrebbe costituire un espediente per eludere le pertinenti norme sul disimpegno sancite dalla normativa settoriale;

34.  richiama l'attenzione sulla necessità di garantire il pieno riporto dei margini per i pagamenti nell'intero QFP tramite il margine globale per i pagamenti; è contrario a qualsiasi limitazione o massimale applicati al livello dei margini che possono essere trasferiti, come nel caso dell'attuale QFP, e ricorda che tali margini possono essere mobilitati soltanto se e nella misura in cui l'autorità di bilancio decide di procedere in tal senso; sottolinea che il margine globale per i pagamenti potrebbe essere determinante per far fronte a eventuali nuove crisi dei pagamenti che potrebbero verificarsi;

35.  sottolinea che la revisione dei massimali dovrebbe rimanere una possibilità nel regolamento QFP in caso di circostanze impreviste, qualora le esigenze di finanziamento esauriscano o superino i margini disponibili e la dotazione degli strumenti speciali; chiede che il regolamento QFP preveda una procedura semplificata per una revisione mirata entro una soglia concordata;

36.  è favorevole al mantenimento della possibilità di anticipare o rinviare il finanziamento di programmi dell'Unione al fine di permettere un'azione anticiclica che corrisponda al ritmo di esecuzione effettivo e di fornire una risposta efficace a gravi crisi; chiede inoltre che la flessibilità legislativa, attualmente sancita al punto 17 dell'accordo interistituzionale (AII), che permette di adeguare sino al 10 %, al rialzo o al ribasso, la dotazione globale dei programmi adottati mediante procedura legislativa ordinaria, sia ulteriormente aumentata portando tale percentuale al 15 %;

37.  richiama l'attenzione sulla flessibilità che può essere conseguita mediante storni all'interno di una stessa rubrica del QFP, con l'obiettivo di rendere disponibili le risorse finanziarie esattamente là dove sono necessarie e di garantire una migliore esecuzione del bilancio dell'Unione; ritiene che la riduzione del numero di rubriche contribuisca ad aumentare la flessibilità del QFP; chiede, tuttavia, che la Commissione informi e consulti proattivamente l'autorità di bilancio quando approva storni autonomi di notevole entità;

Gli strumenti speciali del QFP

38.  approva l'impianto generale degli strumenti speciali del QFP, in particolare lo strumento di flessibilità, la riserva per aiuti d'urgenza, il Fondo di solidarietà dell'Unione europea e il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG), e sottolinea che sono stati ampiamente mobilitati nell'ambito dell'attuale QFP; chiede che la loro dotazione finanziaria e le loro modalità di funzionamento siano migliorate;

39.  chiede, in particolare, un incremento sostanziale della dotazione finanziaria dello strumento di flessibilità, sino ad arrivare a un importo annuo di almeno 2 miliardi di EUR; ricorda che lo strumento di flessibilità non è legato a nessun particolare ambito d'intervento e può pertanto essere mobilitato per qualsiasi finalità ritenuta necessaria; ritiene pertanto che tale strumento possa essere mobilitato per coprire eventuali fabbisogni finanziari che dovessero emergere nel corso del QFP;

40.  evidenzia il ruolo della riserva per gli aiuti d'urgenza nel fornire una risposta rapida a specifiche esigenze di assistenza a paesi terzi in caso di eventi imprevisti e ne sottolinea la particolare importanza nel contesto attuale; chiede un incremento sostanziale della relativa dotazione finanziaria sino ad arrivare a un importo annuo di 1 miliardo di EUR;

41.  rileva, in particolare, l'importante mobilitazione del Fondo di solidarietà dell'Unione europea per prestare assistenza in relazione a una serie di gravi calamità naturali con una notevole incidenza sul bilancio; sottolinea altresì l'impatto positivo di tale strumento sull'opinione pubblica; propone di incrementarne la dotazione finanziaria portandola a un importo annuo di 1 miliardo di EUR;

42.  ritiene che il FEG, che offre la solidarietà e il sostegno dell'Unione ai lavoratori che hanno perso il posto di lavoro a seguito di trasformazioni rilevanti della struttura del commercio mondiale dovute alla globalizzazione o a seguito della crisi economica e finanziaria globale, non abbia dispiegato appieno le sue potenzialità e che il ricorso a tale strumento possa essere ulteriormente migliorato e integrato in una strategia a lungo termine, al fine di raggiungere efficacemente i lavoratori in esubero e di reinserirli nel mercato del lavoro, in tutti gli Stati membri; ritiene che nel quadro della prossima revisione del FEG sia opportuno esaminare il campo d'applicazione di tale Fondo e migliorare il suo coordinamento con gli altri strumenti; reputa che nel nuovo QFP il FEG riveduto dovrebbe beneficiare di una dotazione annuale quanto meno identica all'attuale;

43.  propone la creazione di una riserva ad hoc per gli strumenti speciali del QFP, basata sugli stanziamenti non spesi di ciascuno strumento che vengono annullati; ritiene che tale riserva dovrebbe funzionare senza limiti di tempo; chiede che essa sia mobilitata, con decisione dell'autorità di bilancio, a favore di qualunque strumento speciale del QFP chiamato a coprire un fabbisogno finanziario superiore alla sua capacità finanziaria;

44.  constata che per ciascuno strumento speciale del QFP vigono attualmente regole diverse riguardo al periodo di tempo per il riporto degli stanziamenti non spesi; ritiene che tali regole vadano armonizzate affinché a tutti gli strumenti in questione si applichi un'unica regola n + 1;

45.  ritiene che il margine per imprevisti debba essere mantenuto come strumento di ultima istanza; sottolinea che esso costituisce uno strumento speciale che può essere altresì mobilitato solo per stanziamenti di pagamento, e che la sua mobilitazione è stata determinante per reagire alla crisi dei pagamenti del 2014; chiede, pertanto, un adeguamento al rialzo della sua dotazione massima annua per portarla allo 0,05 % dell'RNL dell'Unione;

46.  sottolinea che gli strumenti speciali del QFP dovrebbero essere conteggiati oltre i limiti dei massimali del QFP, sia per gli stanziamenti d'impegno che per quelli di pagamento; ritiene che il problema dell'iscrizione a bilancio dei pagamenti di tali strumenti sia stato risolto in modo inequivocabile nel corso della revisione intermedia del QFP 2014-2020, mettendo fine all'annoso conflitto di interpretazione con il Consiglio; auspica l'introduzione di una disposizione chiara nel regolamento QFP, secondo cui i pagamenti risultanti dalla mobilitazione di stanziamenti di impegno degli strumenti speciali del QFP dovrebbero essere conteggiati oltre i massimali di pagamento annuali del QFP;

47.  osserva che l'AII vigente richiede una maggioranza speciale in Parlamento per la mobilitazione di tre strumenti speciali del QFP; ritiene che detta disposizione sia obsoleta, in quanto rispecchia le maggioranze speciali necessarie per l'adozione del bilancio dell'Unione prima del trattato di Lisbona; chiede un approccio omogeneo in merito ai requisiti in materia di voto per la mobilitazione di detti strumenti, che dovrebbero essere identici a quelli per l'adozione del bilancio dell'Unione;

Entrate – riserva speciale

48.  ribadisce la sua posizione di lunga data, secondo la quale le eventuali entrate derivanti da ammende imposte alle imprese che violano il diritto della concorrenza dell'Unione o connesse a pagamenti tardivi dei contributi nazionali al bilancio dell'Unione dovrebbero costituire una voce supplementare di entrata per il bilancio dell'Unione, senza una corrispondente diminuzione dei contributi basati sull'RNL;

49.  chiede, a tal fine, la creazione di una riserva speciale sul lato delle entrate del bilancio dell'Unione, da alimentare progressivamente con tutti i tipi di altre entrate impreviste; ritiene che detta riserva dovrebbe essere attivata per coprire esigenze di pagamento supplementari, in particolare quelle connesse alla mobilitazione del margine globale per gli impegni o agli strumenti speciali del QFP;

Uso efficiente ed efficace delle risorse dell'Unione

50.  riconosce che il conseguimento di un valore aggiunto europeo dovrebbe essere uno dei principi guida fondamentali per le istituzioni dell'Unione all'atto di decidere la tipologia di spesa nel prossimo QFP; sottolinea, tuttavia, l'esistenza di molteplici interpretazioni di tale concetto e chiede una definizione unica, chiara e facilmente comprensibile dei criteri pertinenti che tenga conto delle specificità territoriali e includa, se possibile, indicatori di risultato misurabili; mette in guardia da qualsiasi tentativo di utilizzare tale definizione per rimettere in discussione la pertinenza delle politiche e dei programmi dell'UE sulla base di considerazioni di carattere meramente quantitativo o scarsamente lungimiranti sotto il profilo economico;

51.  prende atto del riferimento alla nozione di valore aggiunto europeo figurante in vari documenti della Commissione; ribadisce l'elenco dei parametri identificati dal Parlamento nella sua risoluzione(8) in questo contesto; ricorda che le risorse dell'Unione dovrebbero essere utilizzate per finanziare beni pubblici europei e per agire da catalizzatore nel fornire incentivi agli Stati membri, a tutti i livelli amministrativi, affinché si attivino per realizzare gli obiettivi del trattato e conseguire obiettivi comuni dell'Unione che altrimenti non sarebbero realizzati; concorda sul fatto che il bilancio dell'Unione dovrebbe essere utilizzato per finanziare azioni che possono andare a vantaggio dell'intera Unione – cosa che non può essere garantita in modo efficace dall'azione individuale di uno Stato membro –, e che sono in grado di offrire un miglior rapporto costi-benefici rispetto ad azioni intraprese esclusivamente a livello nazionale, regionale o locale; ritiene inoltre che il bilancio dell'Unione dovrebbe contribuire a conseguire e sostenere la pace e la stabilità nel vicinato dell'Unione europea e al di là di esso; ritiene che il valore aggiunto europeo sia creato sia dai programmi in regime di gestione concorrente che dai programmi in regime di gestione diretta, in quanto si tratta di due metodi complementari per conseguire gli obiettivi dell'Unione; auspica, in tale contesto, che nei negoziati sul prossimo QFP gli Stati membri si astengano dal seguire una logica di "juste retour" che tenga conto unicamente degli interessi nazionali sotto forma di saldi netti;

52.  ritiene che sia possibile spendere meglio, ossia fare un utilizzo efficiente e non discriminatorio di ogni singolo euro del bilancio dell'Unione, non solo orientando le risorse dell'Unione verso le azioni con il più alto valore aggiunto europeo e in grado di massimizzare i risultati delle politiche e dei programmi dell'Unione sulla base di una valutazione approfondita della spesa attuale, ma anche conseguendo maggiori sinergie tra il bilancio dell'Unione e i bilanci nazionali e garantendo un miglioramento tangibile dell'architettura di spesa; appoggia le raccomandazioni contenute nella relazione annuale 2016 della Corte dei conti europea relative a un quadro di indicatori di valutazione efficace, a una rendicontazione della performance semplificata e più equilibrata e a un più facile accesso ai risultati della valutazione;

53.  chiede una vera semplificazione del sistema di bilancio dell'Unione nel prossimo QFP, con l'obiettivo di agevolare l'assorbimento delle risorse; sottolinea, in particolare, la necessità di ridurre le inutili sovrapposizioni tra strumenti che sostengono tipologie di azioni simili, ad esempio nei settori dell'innovazione, delle PMI o dei trasporti, senza correre il rischio di perdere importanti elementi dei vari programmi, e la necessità di eliminare la concorrenza esistente tra le varie forme e fonti di finanziamento, al fine di assicurare la massima complementarità e di garantire un quadro finanziario coerente; ritiene che ciò contribuirebbe a rendere più chiara la comunicazione delle priorità dell'Unione ai cittadini;

54.  sottolinea che la "valutazione dello stato di salute" della spesa dell'Unione non può prevedere una riduzione del livello di ambizione dell'Unione o una settorializzazione delle sue politiche e dei suoi programmi, né dovrebbe portare a sostituire le sovvenzioni con strumenti finanziari al fine di generare qualche risparmio, dal momento che la grande maggioranza delle azioni sostenute dal bilancio dell'Unione non è idonea a essere finanziata da tali strumenti; è del parere che la "valutazione dello stato di salute" debba portare piuttosto a individuare modalità per migliorare l'attuazione dei programmi di spesa dell'UE;

55.  chiede un'ampia armonizzazione normativa allo scopo di creare un corpus normativo unico per tutti gli strumenti di bilancio dell'Unione, pur tenendo conto delle peculiarità dei vari fondi e dei vari settori; incoraggia la Commissione ad affrontare la questione della combinazione di varie fonti di finanziamento, fornendo linee guida chiare a tale riguardo e garantendo parità di accesso a tutti i tipi di finanziamento in tutti gli Stati membri;

56.  è altresì fautore di una reale semplificazione delle norme di attuazione settoriali per i beneficiari e di una riduzione degli oneri amministrativi, da conseguire attraverso l'ulteriore standardizzazione e semplificazione delle procedure e dei documenti di programmazione; sottolinea inoltre la necessità di prevedere un maggior rafforzamento delle capacità e una maggiore assistenza tecnica ai beneficiari; chiede che si evolva verso una valutazione basata sul rischio;

Unità, accuratezza del bilancio e trasparenza

57.  ricorda che il principio dell'unità, in virtù del quale tutte le entrate e le spese dell'Unione devono essere iscritte in bilancio, è sia un requisito previsto dal trattato sia una condizione democratica basilare per un bilancio trasparente, legittimo e responsabile; deplora che, laddove la complessità finanziaria è aumentata, tale principio è stato invece sempre più disatteso, a partire dall'eredità storica del Fondo europeo di sviluppo (FSE), passando per l'istituzione del meccanismo europeo di stabilità, per arrivare alla recente inflazione di meccanismi ad hoc extra-bilancio sotto forma di strumenti finanziari innovativi e fondi fiduciari o strumenti esterni che non figurano nel bilancio dell'Unione;

58.  si interroga sulla motivazione e sul valore aggiunto della creazione di strumenti al di fuori del bilancio dell'Unione; ritiene che le decisioni di istituire o mantenere tali strumenti siano in realtà guidate dal tentativo di celare il reale fabbisogno finanziario e di aggirare i vincoli del QFP e dei massimali delle risorse proprie; deplora il fatto che spesso esse portino anche a bypassare il Parlamento nella sua tripla responsabilità di autorità legislativa, di bilancio e di controllo e che contrastino con l'obiettivo di una maggiore trasparenza per il pubblico in generale e per i beneficiari;

59.  ribadisce pertanto la sua posizione di lunga data secondo cui il Fondo europeo di sviluppo, unitamente agli altri strumenti esterni al QFP, dovrebbe essere integrato nel bilancio dell'Unione per accrescere la legittimità di quest'ultimo nonché l'efficienza e l'efficacia della politica di sviluppo dell'Unione; sottolinea, tuttavia, che le rispettive dotazioni finanziarie dovrebbero essere aggiunte ai massimali concordati del QFP, in modo che l'iscrizione in bilancio di tali strumenti non abbia alcun impatto negativo sul loro finanziamento o su altri programmi e politiche dell'Unione; accoglie con favore, in linea di principio, la proposta di incorporare il meccanismo europeo di stabilità nelle finanze dell'Unione sotto forma di un fondo monetario europeo, senza pregiudizio per la sua futura configurazione;

60.  ritiene che i fondi fiduciari dell’UE possano apportare valore aggiunto mediante la messa in comune di risorse provenienti da diversi donatori per situazioni specifiche, ma che il loro uso non dovrebbe sfociare in una semplice rietichettatura di finanziamenti comunitari pianificati e non dovrebbe modificare gli obiettivi iniziali degli strumenti di finanziamento dell'Unione; sottolinea la necessità di un maggior controllo parlamentare sulla loro creazione e attuazione; insiste sul fatto che i fondi fiduciari dell'UE dovrebbero sostenere solamente azioni al di fuori dell'Unione;

61.  ritiene inoltre che, qualora sia ritenuta necessaria una determinata quota di operazioni fuori bilancio per conseguire determinati obiettivi specifici, ad esempio mediante il ricorso a strumenti finanziari o fondi fiduciari, il livello e la durata di tali operazioni dovrebbero essere limitati ed esse dovrebbero essere pienamente trasparenti, giustificate da un'addizionalità e un valore aggiunto comprovati e rette da procedure decisionali solide e da disposizioni in materia di responsabilità;

62.  ritiene che nel prossimo QFP il bilancio dell'Unione dovrebbe presentare con maggiore precisione l'entità delle entrate con destinazione specifica e il loro impatto sulla spesa effettiva, in particolare nel caso delle entrate provenienti da contributi dei paesi terzi; sottolinea che ciò assume ancor più rilevanza in considerazione della volontà del Regno Unito di partecipare, quale Stato non membro, ad alcuni programmi finanziati dal bilancio dell'Unione nel nuovo QFP post-2020, come espresso nel contesto dei negoziati sul suo recesso dall'Unione;

Livello dei pagamenti

63.  ricorda che gli stanziamenti di pagamento sono la conseguenza logica e giuridica degli stanziamenti di impegno e chiede che i futuri massimali dei pagamenti siano fissati a un livello appropriato, lasciando solo un scarto limitato e realistico tra impegni e pagamenti; si aspetta che i futuri massimali dei pagamenti tengano conto, da un lato, della necessità di onorare gli impegni dell'attuale periodo di programmazione finanziaria che daranno luogo a pagamenti solo dopo il 2020 e, dall'altro, della necessità di rispettare gli impegni relativi ai programmi e agli strumenti post 2020;

64.  ricorda l'accumulo di un arretrato di fatture non pagate alla fine del QFP precedente che è stato ereditato dal QFP attuale e mette in guardia dal ripetersi di una simile crisi dei pagamenti nella transizione verso il prossimo QFP, in quanto ciò potrebbe avere gravi conseguenze per beneficiari quali studenti, università, PMI e ricercatori; segnala l'attuale tendenza alla sottoesecuzione dei pagamenti a causa di ritardi nell'attuazione dei programmi relativi al periodo 2014-2020, il che si traduce in un aumento del livello degli impegni residui che dovranno essere liquidati all'interno dei massimali del prossimo QFP; invita la Commissione e gli Stati membri, anche a livello dei ministri delle finanze, ad analizzare le cause profonde di tali ritardi e a proporre misure concrete di semplificazione, al fine di agevolare l'esecuzione in futuro;

65.  prende atto dell'esito preliminare dei negoziati sulla liquidazione finanziaria nel contesto del recesso del Regno Unito dall'Unione, che prevede la piena partecipazione del Regno Unito al finanziamento e all'attuazione dei programmi 2014-2020 con tutte le relative conseguenze finanziarie;

Strumenti finanziari

66.  sottolinea che il bilancio dell'Unione europea dispone di un ampio ventaglio di strumenti che finanziano le attività sostenute a livello dell'UE e che possono essere raggruppati in due categorie, vale a dire le sovvenzioni, da un lato, e, dall'altro, gli strumenti finanziari, sotto forma di garanzie, prestiti, strumenti di condivisione del rischio o investimenti azionari; richiama inoltre l'attenzione sul Fondo europeo per gli investimenti strategici, il cui obiettivo è mobilitare capitale privato e pubblico in tutta l'Unione a sostegno di progetti in settori chiave per l'economia dell'Unione, al fine di integrare le limitate risorse finanziarie;

67.  riconosce il potenziale degli strumenti finanziari in termini di aumento dell'impatto economico e politico del bilancio dell'Unione; sottolinea, tuttavia, che essi possano essere applicati solo per progetti generatori di entrate in caso di condizioni di investimento non ottimali o di carenze del mercato, e che rappresentano pertanto solo una forma di finanziamento complementare, e non un'alternativa alle sovvenzioni; sottolinea che gli strumenti finanziari non dovrebbero puntare a sostituire regimi pubblici o privati di finanziamento già esistenti e dovrebbero essere conformi agli impegni nazionali e internazionali;

68.  ricorda la richiesta rivolta alla Commissione affinché essa identifichi gli ambiti di intervento dove le sovvenzioni sarebbero l'opzione migliore, quelli in cui sarebbe più idoneo il ricorso agli strumenti finanziari e quelli in cui le sovvenzioni potrebbero essere abbinate a strumenti finanziari, invitandola altresì a riflettere sul corretto equilibrio tra i due elementi; è convinto che i sussidi dovrebbero rimanere il metodo predominante per il finanziamento dei progetti unionali nel prossimo QFP; sottolinea che i prestiti, le garanzie, la condivisione del rischio e il finanziamento azionario dovrebbero essere utilizzati con cautela, sulla base di opportune valutazioni ex ante e solo quando è possibile dimostrare che il loro utilizzo produce un chiaro valore aggiunto e un effetto leva; osserva che è possibile migliorare il ricorso agli strumenti finanziari e le sinergie con le sovvenzioni; chiede un maggiore impegno per agevolare l'accesso agli strumenti finanziari per i beneficiari e una maggiore flessibilità nell'utilizzo transettoriale dei diversi strumenti finanziari, in modo da superare le norme restrittive che impediscono ai beneficiari di avvalersi di programmi diversi per progetti aventi obiettivi comuni;

69.  invita la Commissione a semplificare e armonizzare le norme che disciplinano l'uso degli strumenti finanziari nel prossimo QFP al fine di massimizzarne l'efficace applicazione; prende atto della proposta, che richiederebbe una discussione approfondita, relativa a un possibile fondo unico in cui confluiscano gli strumenti finanziari a livello dell'Unione che sono gestiti in modo centralizzato; è del parere che occorra prevedere una struttura chiara per la scelta dei diversi tipi di strumenti finanziari per i vari ambiti di intervento e tipi di azioni e ritiene che gli strumenti finanziari pertinenti debbano continuare a essere iscritti in bilancio su linee di bilancio distinte, in modo da garantire la chiarezza degli investimenti; sottolinea, tuttavia, che una siffatta armonizzazione delle norme non deve avere ripercussioni sugli strumenti finanziari gestiti dagli Stati membri nel quadro della politica di coesione o nel settore delle azioni esterne;

70.  rammenta i suoi reiterati inviti ad aumentare la trasparenza e il controllo democratico per quanto riguarda l'applicazione degli strumenti finanziari a carico del bilancio dell'Unione;

Struttura

71.  ritiene che la struttura del QFP dovrebbe conferire maggiore visibilità alle priorità politiche e di bilancio dell'Unione per i cittadini europei e chiede una presentazione più chiara di tutti i settori di spesa dell'Unione; è convinto che i principali pilastri della futura spesa dell'Unione delineati nella presente risoluzione debbano riflettervisi di conseguenza;

72.  ritiene pertanto che l'attuale presentazione delle rubriche richieda alcuni miglioramenti, ma si oppone a qualsiasi modifica radicale ingiustificata; propone, di conseguenza, la seguente struttura per il QFP post-2020;

Rubrica 1: Un'economia più forte e sostenibile

 

Inclusi programmi e strumenti che sostengono

in regime di gestione diretta:

–  ricerca e innovazione

–  industria, imprenditoria e piccole e medie imprese

–  trasformazione digitale dell'economia e della società

–  grandi progetti infrastrutturali

–  trasporti, energia, spazio

–  ambiente, mitigazione dei cambiamenti climatici e adeguamento ai medesimi

 

 

Rubrica 2: Maggiore coesione e solidarietà in Europa

 

Inclusi programmi e strumenti che sostengono

–  la coesione economica, sociale e territoriale (a gestione concorrente):

  investimenti nell'innovazione, la ricerca, la digitalizzazione, la transizione industriale, le PMI, i trasporti, l'adeguamento ai cambiamenti climatici e la mitigazione dei medesimi, l'ambiente e l'energia

  l'occupazione, gli affari sociali e l'inclusione sociale, la parità di genere, la riduzione della povertà e le sfide demografiche

–  istruzione, gioventù e formazione lungo tutto l'arco della vita

–  cultura, cittadinanza, media e comunicazione

–  democrazia, Stato di diritto e diritti fondamentali

–  salute e sicurezza degli alimenti

–  asilo, migrazione e integrazione, giustizia e consumatori

–  sostegno alle amministrazioni nazionali e coordinamento con tali amministrazioni

 

 

Rubrica 3: Agricoltura e pesca più forti e sostenibili

 

Inclusi programmi e strumenti che sostengono

–  agricoltura e sviluppo rurale

–  affari marittimi e pesca

 

 

Rubrica 4: Maggiore responsabilità a livello mondiale

 

Inclusi programmi e strumenti che sostengono

–  cooperazione internazionale e sviluppo

–  vicinato

–  ampliamento

–  aiuti umanitari

–  democrazia, Stato di diritto e diritti fondamentali e parità di genere

–  scambi

 

 

Rubrica 5: Sicurezza, pace e stabilità per tutti

 

Inclusi programmi e strumenti che sostengono

–  Sicurezza, compresa la sicurezza informatica

–  risposta alle crisi e stabilità, compresa la protezione civile

–  politica estera e di sicurezza comune

–  difesa, compresa la ricerca e l’innovazione

 

 

Rubrica 6: Un'amministrazione efficiente al servizio dei cittadini europei

 

–  finanziamento del personale dell'Unione

–  finanziamento degli edifici e delle attrezzature delle istituzioni dell'Unione

 

73.  esorta la Commissione a fornire in un allegato al bilancio tutte le spese connesse all'Unione che si verificano al di fuori del bilancio dell'Unione a seguito di accordi e procedure intergovernativi; ritiene che tali informazioni, fornite su base annuale, completerebbero il quadro di tutti gli investimenti cui gli Stati membri si sono impegnati a livello europeo;

III. Politiche

Un'economia più forte e sostenibile

74.  sottolinea l'importanza di completare lo spazio europeo della ricerca, l'Unione dell'energia, lo spazio unico europeo dei trasporti e il mercato unico digitale, quali elementi fondamentali del mercato unico europeo;

75.  ritiene che il prossimo QFP dovrebbe prevedere una maggiore concentrazione delle risorse di bilancio in settori che dimostrano un chiaro valore aggiunto europeo e stimolano la crescita economica, la competitività, la sostenibilità e l'occupazione nelle regioni dell’UE; sottolinea, in tale contesto, l'importanza della ricerca e dell'innovazione nella creazione di un'economia sostenibile, basata sulla conoscenza e all'avanguardia a livello mondiale, e deplora che, a causa della mancanza di finanziamenti adeguati, solo una piccola parte dei progetti di alta qualità in questo campo abbia beneficiato di finanziamenti unionali nell'ambito dell'attuale QFP;

76.  chiede pertanto un sostanziale aumento del bilancio complessivo destinato al 9° programma quadro (FP9) nel prossimo QFP, che dovrebbe essere fissato a un livello di almeno 120 miliardi di EUR; ritiene che tale livello sia appropriato per garantire la competitività globale e la leadership scientifica, tecnologica e industriale dell'Europa, per rispondere alle sfide della società e per contribuire al conseguimento degli obiettivi climatici dell'Unione e degli OSS; chiede in particolare che siano profusi sforzi per stimolare iniziative innovative, in grado di creare nuovi mercati, in particolare per le PMI;

77.  invita inoltre a concentrarsi maggiormente sull'attuazione della ricerca e dell'innovazione attraverso iniziative comuni e altri strumenti e a sostenere gli investimenti in tecnologie chiave per colmare il divario di investimenti nell'innovazione; sottolinea che l'aumento delle risorse deve essere accompagnato da una semplificazione delle procedure di finanziamento; si compiace degli sforzi compiuti dalla Commissione a tale riguardo e insiste affinché questi continuino nel prossimo periodo di programmazione al fine di garantire un migliore accesso e condizioni di parità ai richiedenti mediante un nuovo sistema di valutazione delle domande; sottolinea la necessità di mettere a punto misure per stimolare una partecipazione equilibrata di tutti gli Stati membri dell’UE;

78.  accoglie con favore la recente proposta della Commissione di garantire il finanziamento del Fondo di ricerca carbone e acciaio per i prossimi anni; sottolinea l'importanza di questo fondo per il finanziamento della ricerca in detto settore industriale; ritiene pertanto che una soluzione a più lungo termine sia necessaria per assicurare il finanziamento oltre il 2020 e integrare inoltre il fondo nel bilancio dell'Unione in modo da consentire al Parlamento di svolgere pienamente il suo ruolo di autorità di controllo del bilancio;

79.  sottolinea che le PMI e le microimprese sono il principale motore della crescita economica, dell'innovazione e dell'occupazione, fornendo l’85% di tutti i nuovi posti di lavoro; riconosce la loro importanza per assicurare la ripresa economica e il rilancio di un'economia dell'Unione sostenibile; ricorda che nell'Unione europea vi sono oltre 20 milioni di PMI, che rappresentano il 99% del totale delle imprese; ritiene che il miglioramento dell'accesso ai finanziamenti per le PMI, in tutti gli Stati membri, dovrebbe continuare a rimanere un importante obiettivo politico per il prossimo QFP, al fine di migliorare ulteriormente la loro competitività e sostenibilità; sottolinea, pertanto, la necessità di promuovere l’imprenditorialità e migliorare il contesto imprenditoriale per le PMI in modo tale da consentire loro di realizzare pienamente le loro potenzialità nell’economia globalizzata di oggi;

80.  accoglie con favore il successo del programma dell'UE dedicato per la competitività delle imprese e delle PMI (COSME) nell'ambito dell'attuale QFP; sottolinea l'elevato livello di attuazione di tale programma evidenziandone l'ulteriore capacità di assorbimento; invita pertanto a raddoppiare la dotazione finanziaria del programma COSME affinché risponda alle reali esigenze dell'economia dell'Unione e alla significativa domanda di partecipazione;

81.  ribadisce il suo forte impegno nei confronti del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) che mira a mobilitare 500 miliardi di EUR in nuovi investimenti nell'economia reale nell'ambito dell'attuale QFP; ritiene che il FEIS abbia già dato un impulso potente e mirato ai settori economici che favoriscono la crescita sostenibile e l'occupazione; sottolinea l'impatto positivo del FEIS sull'erogazione di finanziamenti alle PMI in tutta l'Unione; accoglie pertanto con favore l'intenzione della Commissione di presentare una proposta legislativa volta a proseguire e migliorare questo regime di investimento nell'ambito del nuovo QFP con un bilancio dedicato che non dovrebbe essere finanziato a discapito delle politiche e dei programmi esistenti nell'ambito del nuovo QFP; sottolinea che ogni eventuale proposta legislativa dovrebbe basarsi sulle conclusioni di un riesame della Commissione e di una valutazione indipendente; si attende che la nuova proposta consentirà di affrontare in modo efficace le carenze registrate nell’attuazione del FEIS e potenzierà, fra l’altro, la copertura geografica del fondo, in modo che i benefici siano percepiti in tutta l’Unione;

82.  insiste sull'importanza del QFP per i settori che dipendono da investimenti a lungo termine, come il settore dei trasporti sostenibili; sottolinea che l’infrastruttura di trasporto costituisce la colonna portante del mercato unico ed è alla base della crescita e dell'occupazione; osserva che la realizzazione di uno spazio unico europeo dei trasporti collegato ai paesi vicini richiede importanti infrastrutture di trasporto e deve essere considerata una priorità centrale per la competitività dell'Unione e per la sua coesione economica, sociale e territoriale, anche per quanto riguarda le zone periferiche e insulari; ritiene, pertanto, che il prossimo QFP dovrebbe prevedere finanziamenti sufficienti per progetti che contribuiscono in particolare al completamento della rete centrale TEN-T e dei suoi corridoi, che dovrebbero essere ulteriormente ampliati; ricorda gli obiettivi fissati dalla COP 21 in materia di trasporti per combattere il cambiamento climatico e incoraggia gli Stati membri a investire in trasporti pubblici intelligenti, sostenibili e integrati;

83.  sottolinea che un programma CEF aggiornato e più efficace dovrebbe coprire tutti i modi di trasporto, comprese le infrastrutture stradali e ferroviarie, nonché le vie navigabili interne; ritiene che esso dovrebbe dare la priorità a maggiori collegamenti tra reti globali e modi di trasporto che contribuiscono a ridurre le emissioni di CO2 e concentrarsi sulle interconnessioni e il completamento della rete nelle aree periferiche; ribadisce l'importanza di migliorare l'interoperabilità attraverso il sistema europeo di gestione del traffico ferroviario e di consentire il pieno utilizzo dell'iniziativa Cielo unico europeo; chiede il completamento del sistema europeo digitale per la gestione del traffico aereo;

84.  chiede la creazione di una specifica linea di bilancio per il turismo nel prossimo QFP, al fine di passare ad una vera politica europea del turismo che possa contribuire in modo significativo alla crescita e alla creazione di posti di lavoro;

85.  invita la Commissione a promuovere gli investimenti nello sviluppo delle tecnologie di nuova generazione e nella promozione del loro utilizzo; sottolinea l'importanza di assicurare finanziamenti per il completamento del mercato unico digitale, utilizzando appieno lo spettro, garantendo l'ammodernamento delle reti fisse e la densificazione delle reti mobili, promuovendo l’applicazione del 5G e la connettività Gigabit, nonché compiendo ulteriori progressi nell'armonizzazione delle norme unionali in materia di telecomunicazioni per creare il quadro normativo appropriato per il miglioramento della connettività internet in tutta l'Unione; sottolinea che il CEF - Telecomunicazioni nel settore delle telecomunicazioni dovrebbe continuare a sostenere le infrastrutture di servizio digitale e le reti a banda larga ad alta velocità rendendole accessibili anche nelle regioni remote e nelle zone rurali, e migliorando l'alfabetizzazione digitale, l'interconnettività e l'interoperabilità; sottolinea la necessità di sostenere la trasformazione digitale dell'economia e della società europee e di investire in tecnologie essenziali quali big data, intelligenza artificiale o calcolo ad alte prestazioni, in infrastrutture e competenze digitali al fine di migliorare la competitività dell'UE e migliorare la qualità della vita degli europei;

86.  ritiene essenziale garantire un approvvigionamento energetico sostenibile ed economico in Europa; chiede pertanto un sostegno continuo agli investimenti volti a garantire la diversificazione delle fonti e delle rotte energetiche, l'aumento della sicurezza energetica e dell’indipendenza energetica e il miglioramento dell'efficienza energetica e dell’uso dell’energia rinnovabile , anche mediante il CEF - Energia; sottolinea in particolare l'importanza di fornire un sostegno d'insieme, in particolare per le regioni ad alto livello di emissioni di CO2, la transizione energetica, la transizione verso un'economia a basso livello di emissioni carboniche, la modernizzazione della produzione di energia, i miglioramenti delle interconnessioni transfrontaliere e la diffusione delle reti elettriche intelligenti, le tecnologie per la cattura, lo stoccaggio e lo sfruttamento del CO2 e la modernizzazione del teleriscaldamento; ritiene che la trasformazione del settore energetico alla luce degli obiettivi climatici dovrebbe essere sostenuta di conseguenza, in particolare nelle regioni e nei paesi dipendenti dal carbone, in modo da contribuire efficacemente a una transizione strategica verso un'economia a basse emissioni; chiede di istituire un fondo globale al fine di sostenere una giusta transizione, in particolare mediante lo sviluppo e l'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, soluzioni in materia di efficienza energetica, stoccaggio di energia, soluzioni e infrastrutture per l'elettromobilità, modernizzazione della generazione di energia e delle reti elettriche, tecnologie avanzate di generazione di energia, ivi comprese cattura e stoccaggio del carbonio (CCS), cattura e utilizzo del carbonio (CCU) e gassificazione del carbone, modernizzazione del teleriscaldamento, tra cui cogenerazione ad alta efficienza, adattamento precoce agli standard ambientali futuri e ristrutturazione delle industrie ad alta intensità energetica, nonché di affrontare gli impatti sociali, economici e ambientali;

87.  sottolinea l'importanza strategica di progetti infrastrutturali su ampia scala, segnatamente il reattore sperimentale termonucleare internazionale (ITER), il sistema europeo di copertura per la navigazione geostazionaria (EGNOS), il sistema globale di navigazione satellitare (Galileo), il programma di osservazione della terra (Copernicus) e le future comunicazioni satellitari governative (GOVSATCOM) per il futuro della competitività, della sicurezza e del potere politico dell'Unione; osserva che il bilancio dell'Unione deve non solo assicurare il finanziamento di tali grandi progetti, ma anche prevedere a tal fine fondi separati (ring-fenced) in modo che eventuali sovraccosti non minaccino il finanziamento e la buona esecuzione di altre politiche dell'Unione, come esemplificato nel precedente QFP in determinati casi individuali; ricorda che, a tal fine, l'importo massimo per questi progetti è attualmente fissato nel regolamento QFP, e chiede disposizioni analoghe nel nuovo regolamento;

88.  sottolinea l'importanza e il ruolo guida dell'UE nel preservare, proteggere e migliorare la qualità dell'ambiente e nell’affrontare il cambiamento climatico, il degrado degli ecosistemi e la perdita di biodiversità; ritiene che un finanziamento stabile e adeguato sia essenziale per il conseguimento degli impegni internazionali dell'UE, quali l'accordo di Parigi; ricorda che il prossimo QFP dovrebbe aiutare l'Unione a conseguire tali obiettivi e contribuire alla transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio entro il 2050; evidenzia che l'UE non dovrebbe finanziare progetti e investimenti contrari al conseguimento di tali obiettivi; chiede di integrare pienamente l'azione per il clima nella spesa futura dell'UE; chiede, a tale proposito, che i programmi in questione, come LIFE +, siano finanziati in modo adeguato, portati avanti ed aumentati, e chiede l'istituzione di dotazioni dedicate per la biodiversità e la gestione della rete Natura 2000;

Maggiore coesione e solidarietà in Europa

89.  sottolinea che la politica di coesione per il periodo successivo al 2020 dovrebbe continuare a costituire la principale politica d'investimento dell'Unione europea, includendo tutte le regioni dell'UE, per affrontare le complesse sfide socioeconomiche, destinando nel contempo la maggior parte delle risorse alle regioni più vulnerabili; ritiene che, al di là dell'obiettivo relativo alla riduzione delle disparità tra i livelli di sviluppo e al rafforzamento della convergenza, sancito nel trattato, la politica di coesione dovrebbe focalizzarsi sul conseguimento dei grandi obiettivi politici dell'Unione e, pertanto, propone che nel prossimo QFP i tre fondi per la politica di coesione – il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), il Fondo sociale europeo (FSE) e il Fondo di coesione – siano essenzialmente incentrati sulla fornitura di sostegno a settori quali la crescita e la competitività, la ricerca e l'innovazione, la digitalizzazione, la transizione industriale, le PMI, i trasporti, la mitigazione dei cambiamenti climatici e l'adattamento ai medesimi, la sostenibilità ambientale ed una equa transizione energetica, l'occupazione, l'inclusione sociale, le pari opportunità, la riduzione della povertà e le sfide demografiche; sottolinea che i tre fondi sono parte integrante della politica di coesione dell'UE e possono operare solo congiuntamente nell'ambito del quadro unico di tale politica; invita inoltre a rafforzare la cooperazione territoriale, comprese una componente transfrontaliera e una dimensione urbana di tale politica, nonché disposizioni dedicate per le zone rurali, di montagna, insulari e remote;

90.  ritiene che sia assolutamente fondamentale mantenere il livello di finanziamento della politica di coesione dopo il 2020 per l'UE-27 almeno al livello della dotazione del periodo 2014-2020 a prezzi costanti; evidenzia che il PIL dovrebbe continuare a essere uno dei parametri per l'attribuzione dei fondi della politica di coesione, ma è dell'opinione che dovrebbe essere integrato da una serie aggiuntiva di indicatori sociali, ambientali e demografici al fine di tenere in maggiore considerazione le nuove tipologie di disuguaglianze tra le regioni dell'UE e al loro interno in tutti gli Stati membri; è inoltre favorevole a che gli elementi che hanno reso la politica di coesione più moderna e orientata ai risultati nell'attuale QFP siano mantenuti nel nuovo periodo di programmazione, vale a dire la concentrazione tematica, le condizionalità ex ante, il quadro di riferimento dei risultati e il collegamento alla governance economica;

91.  si impegna fortemente, in virtù dell'articolo 9 TFUE, ai fini della realizzazione di un'Europa sociale e dell'attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali, basato sulla crescita sostenibile di un'economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale e alla promozione della parità tra donne e uomini, della solidarietà tra le generazioni e della protezione dei diritti dei minori, come sancito dal trattato; sottolinea che suddetta attuazione richiede l'adeguato finanziamento delle politiche sociali e pone in evidenza la conseguente necessità di potenziare gli strumenti esistenti che contribuiscono a tali obiettivi, segnatamente l'FSE, l'iniziativa a favore dell'occupazione giovanile, il Fondo di aiuti europei agli indigenti, il FEG e l'EaSI; insiste affinché gli strumenti indicati siano salvaguardati nel prossimo QFP e continuino a essere attuati soprattutto mediante sovvenzioni;

92.  ribadisce il suo invito alla Commissione e a tutti gli Stati membri a istituire un fondo speciale dedicato alla garanzia per l'infanzia, che ponga i bambini al centro delle politiche di riduzione della povertà e assicuri le relative risorse in vista di una piena attuazione delle necessarie misure politiche, anche aiutando i genitori a uscire da situazioni di esclusione sociale e disoccupazione attraverso interventi mirati;

93.  sottolinea in particolare che l'FSE dovrebbe ampliare il proprio sostegno allo sviluppo del dialogo sociale, segnatamente migliorando il consolidamento delle capacità delle parti sociali, ivi compreso a livello settoriale e intersettoriale europeo, e che tale impegno dovrebbe divenire obbligatorio per gli Stati membri in tutte le regioni dell'UE;

94.  evidenzia in particolare la continua necessità di contrastare la disoccupazione e l'esclusione, segnatamente tra i giovani che non lavorano e non partecipano ad alcun ciclo di istruzione o formazione (NEET), come parte di un approccio globale alle politiche in materia di gioventù a livello dell'UE; invita, pertanto, a raddoppiare la dotazione dell'iniziativa a favore dell'occupazione giovanile e a garantire la piena attuazione della garanzia per i giovani dell'UE, garantendo al contempo un impiego rapido e semplificato dei fondi e finanziamenti permanenti e stabili nel prossimo periodo di programmazione; sottolinea la necessità di migliorare la regolamentazione al fine di salvaguardare la partecipazione non discriminatoria al programma dei giovani provenienti da contesti socioeconomici svantaggiati; reputa che gli investimenti a favore dell'istruzione e della formazione, in particolare per quanto concerne lo sviluppo dell’alfabetizzazione digitale, restino una delle priorità assolute dell'UE; insiste affinché questo programma non sostituisca le spese in precedenza a carico dei bilanci nazionali;

95.  esprime sostegno ai programmi nei settori della cultura, dell'istruzione, dei media, della gioventù, dello sport, della democrazia, della cittadinanza e delle società civile, che hanno chiaramente dimostrato il loro valore aggiunto europeo e godono di una solida popolarità tra i beneficiari; auspica pertanto continui investimenti nell'ambito del quadro strategico "Istruzione e formazione 2020" attraverso i programmi Erasmus+, Europa creativa ed Europa per i cittadini al fine di continuare a raggiungere le persone di tutte le età, in particolare i giovani; ribadisce il proprio sostegno al rafforzamento della dimensione esterna dei programmi Erasmus+ ed Europa creativa; raccomanda, inoltre, il proseguimento del Corpo europeo di solidarietà, con risorse adeguate che non vadano a scapito di altri programmi dell’UE; sottolinea inoltre il contributo significativo delle industrie culturali e creative (ICC) alla crescita e all'occupazione nell'UE;

96.  raccomanda la creazione di un Fondo interno europeo per la democrazia, gestito dalla Commissione, per rafforzare il sostegno della società civile e delle ONG che operano nei settori della democrazia e dei diritti umani;

97.  chiede in particolare che la dotazione del programma Erasmus + sia almeno triplicata nel prossimo QFP al fine di raggiungere un maggior numero di giovani, organizzazioni giovanili e studenti delle scuole superiori e apprendisti in tutta Europa, offrendo loro preziose competenze e abilità per la vita attraverso opportunità di apprendimento permanente, di istruzione imperniata sul discente, di apprendimento non-formale e informale, e volontariato e lavoro giovanile; chiede si presti una particolare attenzione alle persone provenienti da contesti socioeconomici svantaggiati in modo tale da consentire loro di partecipare al programma, nonché alle persone con disabilità;

98.  invita la Commissione a dare continuità al progetto "pass InterRail Europa per il 18esimo compleanno" e a presentare un programma dedicato nel prossimo QFP dotato di sufficienti stanziamenti annuali per coprire tutte le domande di pass ferroviari gratuiti dei giovani europei che compiono 18 anni in un determinato anno; sottolinea che tale progetto diventerebbe un elemento fondamentale per aumentare la coscienza e l'identità europee, in particolare di fronte alle minacce poste dal populismo e dalla diffusione della disinformazione; ribadisce che, allo scopo di conseguire l'obiettivo del suddetto programma, si attende dalla Commissione una proposta di un’adeguata base giuridica;

99.  si aspetta che nel periodo successivo al 2020 l'Unione europea passi dalla modalità "gestione della crisi" a una politica europea comune permanente in materia di asilo e migrazione; sottolinea che le azioni intraprese in tale ambito dovrebbero essere coperte da uno strumento dedicato, come ad esempio il Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF); evidenzia che il futuro fondo, come pure le agenzie che operano nel settore della giustizia e degli affari interni (GAI), dovranno disporre di un livello di finanziamenti adeguato per tutta la durata del prossimo QFP, al fine di far fronte alle sfide globali che interessano questo settore; ritiene inoltre che l'AMIF dovrebbe essere integrato da componenti aggiuntive, segnatamente i Fondi strutturali e d'investimento europei (fondi SIE) e gli strumenti che finanziano le azioni esterne, che affrontino tale questione nell'ambito di altre politiche, dal momento che nessuno strumento può sperare di affrontare da solo la portata e la complessità delle esigenze in questo settore; è inoltre consapevole dell'importanza dei programmi culturali, educativi, per la gioventù e sportivi ai fini dell'integrazione dei rifugiati e dei migranti nel tessuto sociale europeo; invita la Commissione a valutare se il ruolo delle città europee nel quadro della politica di asilo europea possa essere rafforzato mediante l'introduzione di un sistema di incentivi che offra alle città che ospitano rifugiati e richiedenti asilo un sostegno finanziario diretto destinato agli alloggi dei rifugiati e allo sviluppo economico;

100.  riconosce il valore aggiunto europeo della collaborazione nell'affrontare le minacce comuni alla salute pubblica; constata che nessuno Stato membro può affrontare da solo le sfide sanitarie a livello transfrontaliero e chiede che il prossimo QFP tenga conto della responsabilità dell'UE di realizzare l'obiettivo di sviluppo sostenibile relativo alla salute pubblica, ai sistemi sanitari e ai problemi sanitari legati all'ambiente e di sostenere gli Stati membri nell'eliminare le crescenti disuguaglianze in ambito sanitario; ritiene che, sulla base dei risultati positivi conseguiti dalle azioni in corso in tale ambito, il prossimo QFP dovrebbe includere un programma per la salute solido e di nuova generazione, che affronti tali questioni su base transfrontaliera, ad esempio offrendo soluzioni innovative per la prestazione dell'assistenza sanitaria, inclusa la salute digitale, quali le reti europee di riferimento, e che fornisca sostegno agli Stati membri sotto forma di competenze e scambio di dati, elementi di prova e buone prassi; rammenta che una buona salute è un requisito essenziale per conseguire altri obiettivi definiti dall'UE e che anche le politiche in materia di agricoltura, ambiente, occupazione, questioni sociali o inclusione sociale hanno un impatto sulla salute dei cittadini europei; invita pertanto a intensificare le valutazioni d'impatto sanitario e a cooperare a livello transettoriale in questo ambito nel quadro del prossimo QFP;

Agricoltura e pesca più forti e sostenibili

101.  afferma che una politica agricola comune (PAC) ammodernata è fondamentale per la sicurezza e l'autonomia alimentare, la salvaguardia delle popolazioni rurali e dell'occupazione, lo sviluppo sostenibile, la sostenibilità dell'ambiente, dell'agricoltura e della silvicoltura, nonché l'offerta di prodotti alimentari sani, di qualità e a prezzi accessibili per i cittadini europei; sottolinea che il fabbisogno alimentare e le esigenze di ordine sanitario sono aumentati, così come è aumentata la necessità di sostenere la transizione degli agricoltori verso pratiche agricole più rispettose dell'ambiente e di contrastare i cambiamenti climatici; sottolinea la necessità di sostenere la sicurezza del reddito degli agricoltori e di rafforzare il legame tra la PAC e la fornitura di beni pubblici; evidenzia che la PAC è una delle politiche con il maggiore livello di integrazione ed è principalmente finanziata a livello di UE, e che pertanto sostituisce la spesa nazionale;

102.  sottolinea che, nell'ambito del prossimo QFP, il bilancio della PAC per l'UE-27 dovrebbe quantomeno rimanere al livello attuale a prezzi costanti; sottolinea che le nuove sfide da affrontare per la prossima PAC necessitano di una solida dotazione finanziaria basata sulle analisi della politica attuale e delle esigenze future; sottolinea che i pagamenti diretti apportano un evidente valore aggiunto dell'UE e rafforzano il mercato unico, evitando distorsioni della concorrenza tra gli Stati membri; si oppone a qualsiasi rinazionalizzazione o cofinanziamento nazionale per i pagamenti diretti a tale riguardo; sottolinea la necessità di portare avanti le misure per il mantenimento della produzione in settori che sono vitali per zone vulnerabili, di riformare la riserva per le crisi nel settore agricolo, di incrementare i finanziamenti in linea con le risposte fornite alle varie crisi cicliche in settori sensibili, di creare nuovi strumenti in grado di mitigare la volatilità dei prezzi nonché di aumentare i finanziamenti destinati ai Programmi di soluzioni specifiche per ovviare alla lontananza e all'insularità (POSEI); esorta la Commissione a proseguire il processo di convergenza dei pagamenti diretti e a garantire il quadro giuridico e finanziario necessario per la catena di approvvigionamento alimentare, al fine di combattere le pratiche commerciali sleali; sottolinea che le zone rurali nell'UE sono confrontate a gravi problemi e necessitano pertanto di un sostegno specifico;

103.  pone l'accento sull'importanza socioeconomica ed ecologica del settore della pesca, dell'ambiente marino e dell'"economia blu" e sul loro contributo all'autonomia alimentare sostenibile dell'UE in termini di garanzia della sostenibilità dell'acquacoltura e della pesca europee e di riduzione dell'impatto ambientale; sottolinea che la politica comune della pesca è una competenza esclusiva dell'Unione europea; evidenzia, a tale riguardo, che l'attuazione di tale politica richiede il mantenimento di un fondo per la pesca specifico, dotato di risorse sufficienti, indipendente e accessibile; chiede il ripristino del Programma di soluzioni specifiche per ovviare alla lontananza e all'insularità nella pesca, che è un programma molto importante per le regioni ultraperiferiche dell'Unione europea; chiede, come minimo, che il livello delle dotazioni finanziarie destinate al settore della pesca nell'attuale QFP sia mantenuto e che, laddove dovessero sorgere nuove esigenze, le dotazioni finanziarie destinate agli affari marittimi siano aumentate; mette in guardia dal possibile impatto negativo che una Brexit "dura" potrebbe avere su tale settore; osserva che, oltre agli aiuti non rimborsabili, esistono altri strumenti finanziari che potrebbero offrire opportunità di finanziamento aggiuntive;

Maggiore responsabilità a livello mondiale

104.  sottolinea che il mondo si trova ad affrontare molteplici sfide, tra cui conflitti, attacchi informatici, terrorismo e radicalizzazione, disinformazione, catastrofi naturali, cambiamenti climatici e degrado ambientale, violazioni dei diritti umani e disuguaglianze di genere; ritiene che all'Unione spetti una particolare responsabilità politica e finanziaria fondata su una politica estera veramente europea, basata su norme e valori, e sul sostegno alla stabilità, alla sicurezza, alla governance democratica e allo sviluppo sostenibile dei nostri partner, come pure sull'eliminazione della povertà e sulla capacità di risposta alle crisi;

105.  evidenzia che occorre aumentare notevolmente gli stanziamenti per l'azione esterna affinché l'Unione possa svolgere il proprio ruolo nel quadro della sua strategia globale e delle sue politiche in materia di allargamento, vicinato e sviluppo, come pure nel far fronte alle emergenze; si attende che il prossimo QFP tenga conto delle esigenze senza precedenti dei paesi del vicinato orientale e meridionale, che si trovano ad affrontare conflitti e le conseguenze delle sfide legate alla migrazione e ai rifugiati; chiede che vengano destinati maggiori stanziamenti per far fronte alle crescenti necessità in termini di aiuti umanitari a seguito di catastrofi naturali o causate dall'uomo, evitando i divari tra impegni e pagamenti; ritiene che sia necessario che l'Unione aumenti i finanziamenti destinati all'Agenzia delle Nazioni Unite di soccorso e lavori per i profughi della Palestina nel Vicino Oriente (UNRWA);

106.  ricorda che la politica di sviluppo dell'UE è basata su una serie di impegni, segnatamente gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS), il Programma d'azione di Addis Abeba sul finanziamento dello sviluppo, l'accordo di Parigi sul clima e il Consenso europeo sullo sviluppo, come pure sulla coerenza delle politiche per lo sviluppo e sui principi di efficacia degli aiuti; richiama l'attenzione sull'impegno assunto dall'UE e dai suoi Stati membri di incrementare il livello degli aiuti pubblici allo sviluppo (APS) portandolo allo 0,7 % del RNL entro il 2030, di cui il 20 % degli APS dell'UE per l'inclusione sociale e lo sviluppo umano e lo 0,2 % dell'RNL dell'UE in APS per i paesi meno sviluppati;

107.  osserva che gli aiuti allo sviluppo possono svolgere un ruolo importante per affrontare le cause all'origine della migrazione e contribuire alla stabilità, ma ritiene che gli APS non dovrebbero essere utilizzati per coprire le spese sostenute dai donatori per i rifugiati; rileva il ruolo potenziale degli APS per facilitare la mobilitazione di finanziamenti da altre fonti e sottolinea necessità di un maggiore impegno con il settore privato attraverso l'eventuale proseguimento del Piano per gli investimenti esterni, in funzione dei risultati della sua valutazione;

108.  sostiene la destinazione diretta di fondi alle organizzazioni della società civile e ai difensori dei diritti umani, specialmente nei paesi terzi in cui la democrazia e lo Stato di diritto sono a rischio; sottolinea, a tale riguardo, la necessità che gli strumenti di finanziamento esterno rispondano in tempi rapidi agli sviluppi politici e di rafforzare il principio "più progressi, più aiuti";

109.  è disposto a prendere in considerazione struttura semplificata e razionalizzata per gli strumenti di finanziamento esterno, purché essa aumenti la trasparenza, la rendicontabilità, l'efficienza, la coerenza e la flessibilità, e rispetti gli obiettivi delle politiche soggiacenti; chiede che gli strumenti per l'assistenza preadesione, la politica di vicinato, lo sviluppo e gli aiuti umanitari continuino a essere tenuti distinti in ragione della loro specifica natura politica e finanziaria; osserva che una tale struttura dovrebbe includere l'iscrizione in bilancio del Fondo europeo di sviluppo (FES), al di sopra dei massimali concordati e senza includere il Fondo per la pace in Africa (APF), e un'integrazione più trasparente dei fondi fiduciari e degli strumenti;

110.  sottolinea l'importanza di una maggiore flessibilità per consentire la mobilitazione di risorse aggiuntive e la rapida erogazione di finanziamenti; potrebbe prendere in considerazione, nel contesto di un aumento generale degli strumenti di finanziamento esterno, un aumento della riserva non assegnata al fine di incrementarne la flessibilità intrinseca; sottolinea, tuttavia, che tale flessibilità non dovrebbe essere ottenuta a scapito degli obiettivi politici a lungo termine e delle priorità geografiche e tematiche, della prevedibilità dei finanziamenti a lungo termine, del controllo parlamentare e delle consultazioni con i paesi partner e la società civile;

Sicurezza, pace e stabilità per tutti

111.  ritiene che una nuova rubrica dedicata al tema "Sicurezza, pace e stabilità per tutti" rappresenterebbe una conferma della priorità conferita dall'Unione a questa responsabilità politica emergente, confermerebbe la sua natura specifica e assicurerebbe la coerenza tra la sua dimensione interna e quella esterna;

112.  sottolinea che è opportuno potenziare il livello e i meccanismi di finanziamento nel settore della sicurezza interna, fin da subito e per tutta la durata del QFP, in modo da evitare che ogni anno si ricorra sistematicamente alle disposizioni del QFP in materia di flessibilità; chiede che le autorità di contrasto (Europol, Eurojust e Cepol) dispongano di risorse sufficienti e che all'Agenzia europea per la gestione operativa dei sistemi IT su larga scala (eu-LISA) siano forniti gli strumenti necessari all'attuazione e alla gestione delle sue nuove responsabilità; pone in evidenza il ruolo dell'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali nel comprendere e contrastare fenomeni quali la radicalizzazione, l'emarginazione, l'incitamento all'odio e i reati generati dall'odio;

113.  è del parere che il prossimo QFP debba sostenere l'istituzione di un'Unione europea della difesa; attende con interesse le pertinenti proposte legislative, a seguito degli annunci della Commissione a tale riguardo, inclusi un programma di ricerca dedicato al tema della difesa dell'UE e un programma di sviluppo industriale che siano integrati da investimenti degli Stati membri nei materiali collaborativi; ribadisce, a tale riguardo, la sua ferma convinzione che le priorità politiche addizionali dovrebbero essere accompagnate da risorse finanziarie supplementari; ricorda che una maggiore cooperazione nel settore della difesa, la messa in comune dei progetti di ricerca e dei materiali e l'eliminazione delle duplicazioni promuoveranno l'autonomia strategica e la competitività del settore della difesa dell'Unione e potrebbero tradursi in notevoli vantaggi in termini di efficienza, stimati a circa 26 milioni di EUR all'anno;

114.  chiede che tutte le spese per la sicurezza esterna siano oggetto di una nuova valutazione alla luce della crescente attenzione prestata al settore della sicurezza e della difesa nell'Unione; attende con particolare interesse una riforma del meccanismo Athena e del Fondo per la pace in Africa in seguito all'iscrizione in bilancio del FES; accoglie con favore gli impegni recentemente assunti dagli Stati membri ai fini di una cooperazione strutturata permanente e chiede al Vicepresidente della Commissione/Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza (VP/AR) e alla Commissione di fornire chiarimenti in merito al suo futuro finanziamento; chiede la creazione di un programma successore dello strumento inteso a contribuire alla stabilità e alla pace, che sia incentrato sulla risposta alle crisi e sul consolidamento delle capacità in materia di sicurezza e sviluppo e che contribuisca al contempo a trovare una soluzione giuridicamente valida per rafforzare le capacità militari;

115.  sottolinea l'assoluta importanza del meccanismo di protezione civile dell'Unione europea, che ha permesso un'assistenza dell'UE coordinata nei casi di calamità naturali o provocate dall'uomo, in tutta l'Unione e oltre; sottolinea l'innegabile valore aggiunto delle operazioni di protezione civile per contrastare efficacemente le calamità, divenute sempre più frequenti e complesse, promuovendo al contempo il sentimento di solidarietà europea tra i cittadini dell'UE in caso di necessità; si compiace delle recenti proposte della Commissione volte a potenziare la protezione civile dell'UE, rafforzando le misure di preparazione e prevenzione, inclusa la creazione di una riserva dedicata di capacità operative a livello dell'Unione; chiede un'azione rafforzata in tale ambito, accompagnata da finanziamenti sufficienti nel quadro del prossimo QFP;

Un'amministrazione efficiente al servizio dei cittadini europei

116.  ritiene che un'amministrazione pubblica solida, efficiente e di qualità sia indispensabile per realizzare le politiche dell'Unione nonché per ripristinare la fiducia dei cittadini e rafforzare il dialogo con le organizzazioni della società civile e con i cittadini a tutti i livelli; pone in evidenza, a tale riguardo, il ruolo delle istituzioni costituite da membri eletti democraticamente; rammenta che, secondo la Corte dei conti, le istituzioni, gli organi e le agenzie dell'UE hanno provveduto a ridurre del 5 % il loro personale, conformemente a quanto previsto dai loro organigrammi; è del parere che non debbano essere soggetti a un'ulteriore riduzione orizzontale di questo tipo; esprime la sua forte opposizione a una ripetizione della cosiddetta riserva di riassegnazione per le agenzie;

117.  accoglie favorevolmente le iniziative intraprese dalle istituzioni, dagli organi e dalle agenzie per migliorare ulteriormente la loro efficienza attraverso una maggiore cooperazione amministrativa e la messa in comune di determinate funzioni, consentendo di generare risparmi per il bilancio dell'Unione; evidenzia che determinate agenzie potrebbero accrescere ulteriormente la loro efficienza, in particolare attraverso una maggiore cooperazione tra agenzie aventi compiti simili, ad esempio nel settore della vigilanza dei mercati finanziari o per quanto riguarda le agenzie con più sedi; chiede, più in generale, una valutazione approfondita delle possibilità di raggruppare le agenzie in base alla natura strategica della loro missione e dei loro risultati, al fine di creare sinergie tra le agenzie, ad esempio par quanto riguarda l'Autorità bancaria europea e l'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati a Parigi;

118.  ritiene che le istituzioni e gli organi dell'UE dovrebbero rispettare l'equilibrio geografico e l'equilibrio di genere;

* * *

119.  invita la Commissione a proporre un meccanismo secondo cui gli Stati membri che non rispettano i valori sanciti all'articolo 2 del trattato sull'Unione europea (TUE) possono subire conseguenze finanziarie; avverte, tuttavia, che i beneficiari finali del bilancio dell'Unione non possono in alcun modo subire le conseguenze di violazioni delle norme di cui non sono responsabili; è pertanto convinto che il bilancio dell'Unione non sia lo strumento idoneo per affrontare il mancato rispetto dell'articolo 2 TUE e che le eventuali conseguenze finanziarie dovrebbero essere subite dagli Stati membri indipendentemente dall'esecuzione del bilancio;

120.  sottolinea che l'eliminazione delle discriminazioni, come pure della disuguaglianza di genere e della violenza basata sul genere, è essenziale per realizzare gli impegni dell'UE a favore di un'Europa inclusiva; sostiene, pertanto, l'integrazione della dimensione di genere e gli impegni in materia di parità di genere in tutte le politiche dell'UE nel prossimo QFP, come pure una dimensione di bilancio rafforzata nella lotta contro tutte le forme di discriminazione, prestando una particolare attenzione alla dimensione di genere nelle politiche in materia di asilo e migrazione e nelle politiche esterne dell'UE;

121.  sottolinea la necessità di garantire che le donne abbiano accesso ai servizi in materia di salute sessuale e riproduttiva e che sia prestata particolare attenzione alle esigenze specifiche delle persone vulnerabili, inclusi i minori e gli altri gruppi, tra cui la comunità LGBTI;

122.  auspica che venga prestato un sostegno specifico ai gruppi svantaggiati, escludendo esplicitamente le pratiche segregazioniste, specialmente alle persone con disabilità e ai Rom, e in particolare che sia mantenuta la designazione "popolazione Rom" nell'elenco dei beneficiari dell'FSE e del FERS;

123.  osserva che, a causa del loro isolamento dal continente europeo, le regioni ultraperiferiche (RUP) e i paesi e territori d'oltremare (PTOM) sono confrontati a sfide specifiche di carattere naturale, economico e sociale; ritiene che per questi territori occorra prevedere misure ad hoc e deroghe debitamente giustificate; chiede che nel prossimo QFP si mantenga il sostegno finanziario dell'UE a favore delle RUP e dei PTOM, segnatamente nell'ambito della politica di coesione per le RUP e di uno strumento specifico per i PTOM, per garantire il loro accesso ai programmi di ricerca e la lotta alle sfide del cambiamento specifiche ai cui essi sono confrontati;

124.  esorta la Commissione, ai fini della sana gestione finanziaria e della trasparenza del bilancio dell'Unione europea, a prendere in esame la creazione di adeguate condizioni per prevenire la corruzione e la frode finanziaria concernente i fondi dell'UE; esprime una particolare preoccupazione per i casi di frode doganale che hanno comportato una perdita di entrate significativa per il bilancio dell'Unione; invita gli Stati membri che hanno contestato il quadro giuridico dell'Unione in materia di infrazioni e sanzioni doganali a rivedere la loro posizione onde consentire una rapida soluzione del problema;

IV. Procedura e processo decisionale

125.  ricorda che l'adozione del regolamento QFP richiede l'approvazione del Parlamento; sottolinea inoltre che, per quanto concerne l'adozione del bilancio annuale dell'UE, il Parlamento e il Consiglio sono i due rami dell'autorità di bilancio su un piano di parità, mentre la legislazione settoriale, che definisce la maggior parte dei programmi dell'Unione, incluse le rispettive dotazioni finanziarie, è decisa secondo la procedura legislativa ordinaria; auspica pertanto che il processo decisionale relativo al prossimo QFP salvaguardi il ruolo e le prerogative conferiti al Parlamento in virtù dei trattati; sottolinea che il regolamento sul QFP non è lo strumento appropriato per apportare modifiche al regolamento finanziario dell'UE; esorta la Commissione a presentare una proposta distinta per una revisione del regolamento finanziario dell'UE qualora sia necessario apportare modifiche a tale regolamento;

126.  si dichiara pronto ad avviare immediatamente un dialogo strutturato con la Commissione e il Consiglio in merito al QFP per il periodo successivo al 2020, allo scopo di facilitare i futuri negoziati e di raggiungere un accordo entro il termine dell'attuale legislatura; è disposto a discutere con il Consiglio in merito alle posizioni contenute nella presente risoluzione, in modo da rendere più chiare le aspettative del Parlamento riguardo al prossimo QFP;

127.  sottolinea che, visto che la Commissione ha annunciato che presenterà le sue proposte nel maggio 2018, la decisione formale sul prossimo QFP dovrebbe essere adottata entro un anno; ritiene che, nonostante un ritardo iniziale nella presentazione delle proposte della Commissione, occorra giungere a un accordo tempestivo sul quadro per il periodo successivo al 2020, al fine di inviare un importante messaggio politico in merito alla capacità dell'Unione di rafforzare il consenso sul futuro dell'UE e sulle corrispondenti risorse finanziarie; insiste sul fatto che questa tabella di marcia consentirà, tra l'altro, di adottare rapidamente tutti i regolamenti settoriali, garantendo che i nuovi programmi vengano avviati senza ritardi il 1° gennaio 2021; ricorda che, nei precedenti quadri finanziari, i nuovi programmi sono generalmente stati avviati alcuni anni dopo l'inizio del periodo;

128.  evidenzia pertanto la necessità di avviare senza indugio discussioni approfondite tra le tre istituzioni; sottolinea che tutti gli elementi del regolamento QFP, inclusi i massimali di tale quadro, saranno trattati nell'ambito dei negoziati sul QFP e dovrebbero rimanere sul tavolo delle discussioni fino al raggiungimento di un accordo finale; ricorda, a tale riguardo, la posizione critica adottata dal Parlamento in merito alla procedura che ha condotto all'adozione dell'attuale regolamento QFP, nonché il ruolo dominante del Consiglio europeo in tale processo, che ha deciso in maniera irrevocabile diversi elementi, tra cui i massimali del QFP e diverse disposizioni relative alle politiche settoriali;

129.  ritiene che le procedure concernenti gli imminenti negoziati sul QFP, in particolare il coinvolgimento del Parlamento nelle diverse fasi del processo, dovrebbero essere concordate senza ritardi nel corso della Presidenza bulgara del Consiglio e prima che vengano presentante le proposte sul QFP; auspica, in tale contesto, che la Commissione trasmetta tempestivamente al Parlamento lo stesso livello di informazioni di cui dispone il Consiglio; è del parere che tali disposizioni dovrebbero, in ultima analisi, essere incluse nell'AII, come avviene per la procedura di bilancio annuale;

130.  ritiene che il requisito dell'unanimità per l'adozione del regolamento QFP rappresenti un vero e proprio ostacolo nel processo; invita, a tale proposito, il Consiglio europeo ad attivare la clausola passerella prevista dall'articolo 312, paragrafo 2, TFUE, in modo tale da consentire l'adozione del regolamento QFP a maggioranza qualificata; ricorda inoltre che, per applicare la procedura legislativa ordinaria, si può altresì ricorrere alla clausola passerella generale di cui all'articolo 48, paragrafo 7, TUE; sottolinea che passare a una votazione a maggioranza qualificata per l'adozione del regolamento QFP sarebbe in linea con il processo decisionale per l'adozione di quasi tutti i programmi pluriennali dell'UE, nonché per la procedura annuale per l'adozione del bilancio dell'UE;

°

°  °

131.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, alle altre istituzioni e agli altri organi interessati, nonché ai governi e ai parlamenti degli Stati membri.

(1)

GU L 347 del 20.12.2013, pag. 884.

(2)

GU L 163 del 24.6.2017, pag. 1.

(3)

GU C 373 del 20.12.2013, pag. 1.

(4)

Testi approvati, P8_TA(2016)0309.

(5)

Testi approvati, P8_TA(2017)0401.

(6)

Testi approvati, P8_TA(2017)0010.

(7)

Testi approvati, P8_TA(2016)0363.

(8)

Testi approvati, P8_TA(2017)0401.


PARERE della commissione per gli affari esteri (25.1.2018)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Pier Antonio Panzeri

SUGGERIMENTI

La commissione per gli affari esteri invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  sottolinea che l'UE si trova ad affrontare molteplici sfide che minacciano la stabilità e la sicurezza sul piano regionale e globale, il che richiede un'azione esterna strategica e a lungo termine, nel quadro di una politica estera fondata sui valori e propriamente europea; rammenta l'ambizione dei leader dell'UE, espressa nella dichiarazione di Roma, di impegnarsi a favore di un'Unione che sia "grande sulle grandi questioni e piccola sulle piccole"; sottolinea il notevole valore aggiunto per i cittadini dell'UE di una politica estera e di sicurezza comune; chiede che il quadro finanziario pluriennale (QFP) si dimostri ambizioso e rispecchi questo elevato valore aggiunto aumentando considerevolmente gli stanziamenti destinati all'azione esterna (rubrica 4), rendendo quindi la politica estera comune una funzione e una responsabilità fondamentali dell'UE, in linea con le sfide figlie di questa modernità e con le nuove priorità dell'Europa;

2.  evidenzia che sono necessari finanziamenti mirati e più cospicui nei settori strategici, come ad esempio l'assistenza allo sviluppo, l'eliminazione della povertà, gli obiettivi di sviluppo sostenibile, il rafforzamento di un ordine internazionale basato su regole, la ricostruzione post-crisi, il buon governo e la promozione della resilienza ambientale, economica e sociale nei paesi partner, al fine di garantire un'efficace risposta europea alle sfide mondiali moderne, in particolare le violazioni dei diritti umani, le minacce alla sicurezza e i conflitti armati, gli attacchi informatici, il terrorismo, la radicalizzazione, la propaganda, la disinformazione intenzionale, le catastrofi naturali e i cambiamenti climatici, nonché alle sfide migratoria e dei rifugiati che derivano da alcune delle succitate problematiche; sottolinea che i finanziamenti supplementari dovrebbero essere orientati alle nuove priorità dell'Europa, alcune delle quali trovano riscontro nella strategia globale dell'UE, nella nuova politica europea di vicinato, nella politica di allargamento e nel piano d'azione europeo in materia di difesa; sottolinea che l'UE deve anche potenziare la propria capacità istituzionale per avere maggiore influenza sulla politica estera e di sicurezza;

3.  chiede di colmare il divario tra le priorità politico-strategiche dell'UE e gli strumenti di finanziamento esterno (EFI); sottolinea che la definizione di nuove priorità nel settore dell'azione esterna e della cooperazione in materia di difesa a livello dell'UE dovrebbe essere accompagnata da nuove risorse, a livello sia operativo sia amministrativo, affinché l'azione esterna sia credibile ed efficace;

4.  ricorda l'importanza di una maggiore flessibilità che consenta di mobilitare risorse aggiuntive per rispondere a situazioni impreviste e di utilizzare le risorse non impegnate negli anni successivi; pone l'accento sulla necessità che le risorse siano disponibili, in modo da essere pronti a rispondere a nuove minacce in rapida evoluzione, come la guerra ibrida e gli attacchi informatici; sottolinea tuttavia che una maggiore flessibilità non dovrebbe essere ottenuta a scapito degli obiettivi strategici a lungo termine o dei programmi in essere che stanno ottenendo i risultati auspicati; chiede un notevole rafforzamento dei meccanismi di flessibilità ("strumenti speciali") nel quadro del QFP e un contestuale rafforzamento degli orientamenti politico-strategici; ribadisce il proprio sostegno alla proposta della Commissione relativa a una riserva permanente di crisi dell'UE, al fine di evitare soluzioni ad hoc come l'istituzione di fondi fiduciari;

5.  chiede la semplificazione e la razionalizzazione degli strumenti di finanziamento esterno (EFI), riunendo ad esempio in un unico strumento tutti gli EFI tematici esistenti che rientrano nelle competenze della commissione per gli affari esteri (lo strumento inteso a contribuire alla stabilità e alla pace – IcSP, lo strumento di partenariato – PI, e lo strumento europeo per la democrazia e i diritti umani – EIDHR); suggerisce che una fusione del genere potrebbe riguardare lo strumento di cooperazione allo sviluppo (DCI) nonché il Fondo europeo di sviluppo (FES), iscritto in bilancio, senza includere il Fondo per la pace in Africa (APF), fatto salvo l'accordo della commissione per lo sviluppo, ossia la commissione competente; chiede, tuttavia, che l'attuale strumento di assistenza preadesione (IPA II) e lo strumento europeo di vicinato (ENI) continuino a essere due strumenti distinti in ragione della loro specifica natura politica e finanziaria; insiste che qualsiasi fusione deve essere subordinata alla condizione che il nuovo strumento tematico sia orientato alle politiche e che venga garantita nella massima misura possibile la prevedibilità del finanziamento a lungo termine di tutti i programmi, introducendo nel contempo maggiore flessibilità; ritiene inoltre che la struttura semplificata renda necessari un sistema di controlli ed equilibri adeguati e una sufficiente trasparenza, compresi un migliore contributo politico-strategico e un controllo dell'attuazione da parte del Parlamento;

6.  sottolinea che i fondi fiduciari sono stati istituiti poiché il bilancio dell'UE manca delle risorse e della flessibilità necessarie per consentire una risposta rapida e globale alle grandi crisi; ritiene che gli attuali fondi fiduciari dell'UE possano apportare un valore aggiunto mettendo in comune i finanziamenti per situazioni specifiche; rileva che una semplice ridefinizione o ristrutturazione dei finanziamenti unionali esistenti a fini politici non rappresenta di per sé un aumento delle risorse e crea un ulteriore livello di complessità in termini di vigilanza democratica e controllo di bilancio; ribadisce che gli obiettivi originari degli strumenti finanziari dell'UE non possono essere modificati nel momento in cui vengono inseriti nella rubrica relativa a un fondo fiduciario; sottolinea la necessità di un maggior controllo parlamentare delle attività nel quadro dei fondi fiduciari dell'Unione europea, dello strumento dell'UE per i rifugiati in Turchia e dell'azione congiunta UE-Afghanistan per il futuro in materia di questioni migratorie, nonché per future iniziative simili; ricorda che si dovrebbe fare ricorso a tali strumenti ad hoc esterni al bilancio dell'UE solo ove la Commissione possa dimostrare chiaramente il rispetto dei requisiti in termini di valore aggiunto dell'UE e di addizionalità; ribadisce l'importanza dell'unità del bilancio dell'UE quale principio fondamentale; sostiene l'impiego di forme innovative di cooperazione finanziaria, quali la combinazione di sovvenzioni e prestiti di enti finanziari internazionali ed europei, compresa la Banca europea per gli investimenti;

7.  ritiene che gli strumenti di finanziamento esterno dell'UE siano essenziali per un'efficace azione esterna dell'Unione, in particolare nel vicinato europeo (attualmente l'ENI) e nei paesi in fase di preadesione (attualmente l'IPA II); chiede più coerenza e coordinamento tra gli strumenti di finanziamento esterno; sottolinea che lo strumento che succederà all'ENI dovrebbe tenere conto del maggiore accento posto su democratizzazione, stabilizzazione, processi di pace, ricostruzione post-crisi e resilienza, sia a est che a sud, nonché assicurare un maggiore sostegno a favore della crescita e dell'occupazione, in particolare per i giovani laureati; invita la Commissione ad aumentare i finanziamenti, nel quadro del prossimo programma ENI, destinati a progetti che promuovono l'occupabilità dei giovani a livello locale;

8.  sottolinea che l'approccio orientato ai risultati dell'IPA II per i paesi candidati e i potenziali candidati dovrebbe essere rafforzato nel quadro dell'assistenza preadesione dopo il 2020, al fine di contribuire efficacemente alla democratizzazione di tali paesi e al loro sviluppo economico e sociale, soprattutto in considerazione degli attuali sviluppi politici nei Balcani occidentali; sottolinea che gli strumenti finanziari dovrebbero rispondere in tempi rapidi agli sviluppi politici e, in caso di mancato rispetto della democrazia e dello Stato di diritto, concentrarsi sul sostegno alla società civile; ricorda il valore del principio "più progressi, più aiuti" e invita la Commissione a sfruttare attivamente le possibilità in tal senso offerte dai pertinenti regolamenti; invita la Commissione a definire mezzi giuridici atti a sospendere i finanziamenti a disposizione degli organismi governativi in caso di gravi e continue involuzioni politiche; invita la Commissione a sospendere i fondi per la Turchia nell'ambito del futuro QFP fintantoché non verranno rispettati chiari parametri di riferimento, nonché a reindirizzare i finanziamenti alle organizzazioni della società civile turca;

9.  chiede di rafforzare la coerenza e di promuovere un dialogo politico più equilibrato con i paesi partner; ribadisce la necessità di potenziare i sistemi di monitoraggio e valutazione per vagliare l'efficacia e migliorare l'efficienza dei finanziamenti dell'UE; sottolinea che, nel quadro di tutti gli strumenti, l'UE dovrebbe sforzarsi di rendere più visibili i suoi progetti e le sue iniziative, sia nei paesi terzi che al proprio interno;

10.  sottolinea che il sostegno a favore dello Stato di diritto, della democrazia, dei diritti umani e della parità di genere dovrebbe continuare a essere la pietra angolare della politica estera dell'UE e ritiene che tali questioni dovrebbero conservare un carattere trasversale in tutti gli strumenti e gli obiettivi di politica estera dell'UE, soprattutto in considerazione degli sviluppi in atto nei Balcani occidentali, nel vicinato europeo e oltre; sottolinea altresì che tale sostegno deve essere accompagnato da azioni volte a promuovere una crescita inclusiva a vantaggio di tutti, in particolare dei giovani e delle donne; chiede di concentrarsi maggiormente sul potenziamento del sostegno alla libertà di espressione nel quadro degli strumenti di finanziamento, in modo da sviluppare una resilienza contro la disinformazione; sottolinea in particolare il ruolo dell'EIDHR e dello strumento che gli succederà dopo il 2020, compreso il suo sostegno all'osservazione elettorale;

11.  richiama l'attenzione sul potenziale intrinseco dell'IcSP per promuovere la sicurezza e l'integrità delle frontiere dell'UE e contribuire alla pace e alla stabilità in tutto il mondo, in particolare nelle regioni segnate da crimini contro l'umanità, crimini di guerra e genocidio.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

23.1.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

39

9

8

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Lars Adaktusson, Michèle Alliot-Marie, Francisco Assis, Petras Auštrevičius, Amjad Bashir, Bas Belder, Goffredo Maria Bettini, Victor Boştinaru, Elmar Brok, Klaus Buchner, James Carver, Lorenzo Cesa, Javier Couso Permuy, Arnaud Danjean, Georgios Epitideios, Eugen Freund, Michael Gahler, Iveta Grigule-Pēterse, Sandra Kalniete, Janusz Korwin-Mikke, Andrey Kovatchev, Eduard Kukan, Ilhan Kyuchyuk, Ryszard Antoni Legutko, Sabine Lösing, Andrejs Mamikins, Alex Mayer, David McAllister, Tamás Meszerics, Francisco José Millán Mon, Clare Moody, Javier Nart, Pier Antonio Panzeri, Ioan Mircea Paşcu, Alojz Peterle, Tonino Picula, Jozo Radoš, Sofia Sakorafa, Alyn Smith, Jaromír Štětina, Dubravka Šuica, László Tőkés, Miguel Urbán Crespo, Ivo Vajgl

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Brando Benifei, Rebecca Harms, Marek Jurek, Jo Leinen, Miroslav Poche, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Traian Ungureanu, Bodil Valero, Marie-Christine Vergiat

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Teresa Jiménez-Becerril Barrio, Barbara Kudrycka, Tiemo Wölken

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

39

+

ALDE

Petras Auštrevičius, Iveta Grigule-Pēterse, Ilhan Kyuchyuk, Javier Nart, Jozo Radoš, Ivo Vajgl

PPE

Lars Adaktusson, Michèle Alliot-Marie, Elmar Brok, Lorenzo Cesa, Arnaud Danjean, Michael Gahler, Teresa Jiménez-Becerril Barrio, Sandra Kalniete, Andrey Kovatchev, Barbara Kudrycka, Eduard Kukan, David McAllister, Francisco José Millán Mon, Alojz Peterle, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Jaromír Štětina, Dubravka Šuica, László Tőkés, Traian Ungureanu

S&D

Francisco Assis, Brando Benifei, Goffredo Maria Bettini, Victor Boştinaru, Eugen Freund, Jo Leinen, Andrejs Mamikins, Alex Mayer, Clare Moody, Pier Antonio Panzeri, Ioan Mircea Paşcu, Tonino Picula, Miroslav Poche, Tiemo Wölken

9

-

ECR

Marek Jurek

EFDD

James Carver

GUE/NGL

Javier Couso Permuy, Sabine Lösing, Sofia Sakorafa, Miguel Urbán Crespo, Marie-Christine Vergiat

NI

Georgios Epitideios, Janusz Korwin-Mikke

8

0

ECR

Amjad Bashir, Bas Belder, Ryszard Antoni Legutko

VERTS/ALE

Klaus Buchner, Rebecca Harms, Tamás Meszerics, Alyn Smith, Bodil Valero

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per lo sviluppo (31.1.2018)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al quadro finanziario pluriennale per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Paul Rübig

SUGGERIMENTI

La commissione per lo sviluppo invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

A.  considerando che l'obiettivo principale della politica di cooperazione allo sviluppo dell'UE, sancito dall'articolo 208 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE), è la riduzione e, a termine, l'eliminazione della povertà;

1.  ritiene che l'impegno dell'Unione europea a favore dell'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS), del programma d'azione di Addis Abeba sul finanziamento dello sviluppo e dell'accordo di Parigi sul clima debba essere il filo conduttore della preparazione del prossimo quadro finanziario pluriennale (QFP); reputa inoltre necessario intensificare il sostegno fornito dall'UE a favore di tale attuazione nei paesi in via di sviluppo, applicando pienamente la coerenza delle politiche per lo sviluppo (CPS) e nel totale rispetto, da parte dell'assistenza allo sviluppo dell'UE, dei principi di efficacia degli aiuti, mantenendo l'accento sugli obiettivi a lungo termine, quali l'eliminazione della povertà, la lotta alle disuguaglianze e all'esclusione, la promozione della governance democratica e dei diritti umani nonché il rafforzamento dello sviluppo sostenibile e inclusivo, in particolare nei paesi meno sviluppati (PMS), i quali devono affrontare le maggiori sfide finanziarie;

2.  osserva che nel 2017 le calamità naturali, in particolare gli incendi boschivi, sono costate la vita a oltre 200 persone in Europa e hanno distrutto più di un milione di ettari di foreste, pari a più del triplo della media europea degli ultimi cinque anni; ricorda che tali incendi rappresentano vere e proprie catastrofi umane, economiche ed ecologiche e richiedono una risposta a livello europeo ed euromediterraneo; ritiene che l'UE debba contribuire a prevenire e combattere gli incendi nonché a ricostruire i siti colpiti da tali catastrofi, in particolare quelle connesse agli incendi boschivi; è del parere che i mezzi disponibili a livello nazionale per contrastare gli incendi siano limitati; rammenta, a tale riguardo, che i mezzi aerei antincendio, in particolare i Canadair, a volte entrano a far parte delle flotte nazionali al termine del loro ciclo di vita e, pertanto, devono essere rinnovati il prima possibile; invita gli Stati membri e l'Unione europea ad accordare priorità al rafforzamento della capacità congiunta nell'ambito delle discussioni sul prossimo QFP;

3.  ritiene che un apposito strumento per lo sviluppo rappresenti la soluzione migliore ai fini di una politica di elevata qualità in tale ambito, nell'interesse dei paesi in via di sviluppo e in particolare dei PMS, con l'obiettivo principale di eliminare la povertà difendendo nel contempo i principi di efficacia dello sviluppo e degli aiuti concordati a livello internazionale;

4.  chiede che sia istituito un programma Erasmus Europa-Africa e che le università europee aprano delle sedi in Africa in modo da garantire un partenariato di prossimità, aumentare le possibilità d'inserimento professionale dei giovani e contrastare la fuga di cervelli;

5.  reputa che la cooperazione allo sviluppo debba essere attuata nel massimo rispetto dei principi di efficacia degli aiuti, concordati a livello internazionale, e che, di conseguenza, debba fornire sostegno ai piani e alle strategie nazionali dei paesi partner volti a conseguire gli OSS;

6.  sottolinea che il prossimo QFP deve mantenere l'attuale livello di qualità e di impatto degli aiuti europei e fornire le garanzie necessarie in materia di attuazione e monitoraggio dei progetti;

7.  prende atto degli impegni assunti nel quadro della strategia globale dell'UE in materia di politica estera e di sicurezza e del nuovo consenso europeo in materia di sviluppo;

8.  evidenzia la necessità di rispettare l'impegno, confermato nel consenso europeo in materia di sviluppo, di destinare il 20 % dell'aiuto pubblico allo sviluppo (APS) dell'UE all'inclusione sociale e allo sviluppo umano; sottolinea che occorre concentrarsi sugli OSS relativi alla salute, in particolare la lotta contro l'AIDS, la tubercolosi e la malaria, nonché quelli che riguardano la sicurezza, l'alimentazione, l'istruzione, l'occupazione, l'acqua e le strutture igienico sanitarie, l'industria, l'innovazione, le infrastrutture, la buona governance, lo Stato di diritto, l'uguaglianza di genere, l'ambiente e l'azione per il clima;

9.  ricorda che l'UE sia è impegnata a integrare la dimensione di genere nel prossimo QFP e a garantire che quest'ultimo sia pienamente sostenibile al fine di assicurare il rispetto della CPS in tutte le politiche dell'Unione; rammenta inoltre la necessità di investire in forti fattori d'impulso dello sviluppo umano sostenibile, quali la salute sessuale e riproduttiva e i relativi diritti;

10.  richiama all'attenzione gli impegni, segnatamente quelli finanziari, assunti nell'ambito della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e dell'accordo di Parigi, nonché gli impegni assunti nell'ambito del nuovo consenso europeo in materia di sviluppo; insiste in particolare sulla necessità di aumentare gli sforzi e i finanziamenti a favore dell'adattamento ai cambiamenti climatici e della limitazione del riscaldamento globale, nonché sulla necessità di eliminare le sovvenzioni concesse ai combustibili fossili dannosi per l'ambiente;

11.  incoraggia, a tale proposito, un migliore utilizzo di tutti i programmi delle rubriche del prossimo QFP, ad esempio mediante programmi di ricerca, al fine di integrare gli obiettivi dell'UE in materia di cooperazione allo sviluppo, sostenere gli sforzi volti ad affrontare le sfide globali e garantire che, attraverso un'efficace CPS, nessuna politica o programma dell'UE risulti contrario agli obiettivi di eliminazione della povertà, riduzione delle disuguaglianze nei paesi partner nonché promozione dei diritti umani e dello sviluppo sociale, economico e ambientale sostenibile;

12.  sottolinea il ruolo del consenso europeo in materia di sviluppo, che rappresenta il quadro per un approccio comune alla politica di sviluppo attuata dalle istituzioni dell'UE e dagli Stati membri nonché al conseguimento degli OSS; osserva che il QFP dovrebbe riflettere le principali priorità di spesa in materia di sviluppo, in linea con tale consenso, integrando i principi di efficacia degli aiuti e di CPS;

13.  rammenta la necessità di creare i presupposti per consentire ai giovani di assicurarsi un futuro sostenibile, in modo da diventare cittadini attivi nei loro paesi, e chiede che siano adottate le misure necessarie per garantire l'emancipazione economica, politica e sociale delle donne;

14.  ritiene che sia necessario investire maggiormente nell'accesso alla salute sessuale e riproduttiva e ai relativi diritti al fine di contribuire a limitare le conseguenze negative della reintroduzione della cosiddetta norma "global gag";

15.  chiede che siano garantite pari opportunità a uomini e donne in termini di accesso alle strutture decisionali nonché alle risorse e ai servizi economici, sociali, politici, tecnologici e culturali; invita a prendere in considerazione tutte le misure intese a combattere la violenza nei confronti delle donne;

16.  chiede la piena sostenibilità del prossimo QFP quale soluzione pratica per garantire la CPS nelle decisioni di finanziamento dell'UE; sostiene che tale approccio dovrebbe assicurare che i finanziamenti interni ed esterni dell'Unione siano conformi agli obiettivi in materia di cooperazione allo sviluppo e dovrebbe ottimizzare l'efficacia dell'intero bilancio dell'UE evitando spese incongruenti e sprechi di risorse;

17.  sottolinea che è stato chiaramente dimostrato il valore aggiunto di una politica di cooperazione allo sviluppo a livello dell'UE; evidenzia il ruolo fondamentale degli APS nei PMS e negli Stati fragili e insiste affinché l'UE onori l'impegno di destinare lo 0,20 % dell'RNL agli APS a favore dei PMS; riconosce il potenziale degli APS nel facilitare la mobilitazione di finanziamenti per lo sviluppo da altre fonti, sia private che pubbliche, a livello nazionale e internazionale; sostiene i rinnovati sforzi dell'UE per stimolare gli investimenti privati attraverso la combinazione di sovvenzioni e prestiti e fornendo garanzie, anche nei paesi in cui vi sono grandi necessità ma rischi elevati; rileva che sorgeranno di conseguenza importanti esigenze di finanziamento; sottolinea che la programmazione dell'assistenza allo sviluppo dovrebbe avere carattere pluriennale e garantire prevedibilità, lasciando nel contempo spazio alla flessibilità, e dovrebbe utilizzare modalità di attuazione differenti e complementari in funzione delle capacità, delle esigenze e dei risultati del paese; ritiene che la combinazione delle risorse dovrebbe integrare, non sostituire, il tradizionale finanziamento allo sviluppo; evidenzia, a tale riguardo, che la partecipazione del settore privato deve avvenire nel rispetto di norme rigorose in materia di trasparenza e responsabilità;

18.  chiede la promozione della cooperazione internazionale, in linea con le norme riconosciute a livello mondiale, al fine di combattere i flussi finanziari illeciti e l'evasione fiscale;

19.  ribadisce il ruolo importante delle organizzazioni della società civile nel raggiungere le persone vulnerabili e più svantaggiate della società; osserva che le organizzazioni della società civile necessitano di capacità e supporto sufficienti per sostenere, monitorare e riferire sull'attuazione delle politiche dell'UE e nazionali nonché per contribuire a migliorare i meccanismi finanziari; sostiene inoltre che i fondi dell'UE sono essenziali per rafforzare la capacità delle organizzazioni della società civile e che alle organizzazioni di base deve essere garantito l'accesso a tali fondi;

20.  ricorda che persistono elevati livelli di disuguaglianza in numerosi paesi a medio reddito (PMR) e invita pertanto la Commissione a mantenere dotazioni finanziarie specifiche per tali paesi; ritiene che la distinzione tra i paesi in termini di dotazioni finanziarie e modalità di cooperazione dovrebbe essere basata su una vasta gamma di criteri che tengano conto dello sviluppo umano inclusivo, dei diritti umani e dei livelli di disuguaglianza, come pure delle priorità del paese in materia di sviluppo sostenibile;

21.  è dell'opinione che vi siano motivi per facilitare l'assorbimento degli aiuti e sottolinea l'importanza del principio della titolarità degli aiuti allo sviluppo, che richiede impegni da parte dei paesi partner, ai quali spetta la responsabilità primaria di elaborare strategie di sviluppo; suggerisce pertanto di valutare la possibilità di prevedere una formazione finanziata dall'Unione per consentire un migliore accesso ai finanziamenti dell'UE esistenti;

22.  raccomanda di effettuare una valutazione approfondita dell'addizionalità finanziaria e di sviluppo nonché dell'impatto ambientale, sociale e sui diritti umani del Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile prima di impegnare ulteriori risorse a titolo degli APS a favore di garanzie per i finanziamenti e modalità di aiuto analoghe;

23.  rammenta che la proliferazione dei fondi fiduciari che beneficiano dei fondi di sviluppo, resa necessaria dalla mancanza di risorse e flessibilità, come nel caso del Fondo fiduciario di emergenza dell'UE per l'Africa, pregiudica l'unità del bilancio e potrebbe comportare rischi in termini di titolarità democratica, trasparenza, responsabilità ed efficacia degli aiuti; ritiene che il ricorso a tali strumenti debba essere chiaramente motivato, complementare, di durata limitata e finalizzato al raggiungimento di obiettivi specifici anziché al conseguimento di obiettivi di sviluppo a lungo termine;

24.  invita la Commissione a rafforzare ulteriormente il livello di armonizzazione e coerenza tra i suoi programmi di cooperazione allo sviluppo bilaterali e multilaterali, in particolare quando si tratta dello stesso paese, in modo da migliorare l'efficacia degli aiuti dell'UE;

25.  chiede che, attraverso uno stanziamento iniziale più elevato a favore del buon mantenimento dello strumento per gli aiuti umanitari e mediante una cospicua riserva per gli aiuti d'urgenza, il prossimo QFP rispecchi le esigenze senza precedenti in materia di aiuti umanitari e di riduzione del rischio di catastrofi, di preparazione alle catastrofi e alle epidemie nonché di rafforzamento della resilienza dei paesi in via di sviluppo; prende atto che tali esigenze sono soggette a crescenti pressioni, che traggono origine dalle conseguenze dei conflitti, delle guerre e dello sfollamento forzato, delle violazioni dei diritti umani, del malgoverno e della corruzione, della scarsa o mancata disponibilità di servizi sociali di base, delle crescenti disuguaglianze, dei cambiamenti climatici e della concorrenza per accaparrarsi le scarse risorse disponibili; invita la Commissione a elaborare una proposta affinché i pagamenti corrispondano sistematicamente agli impegni in materia di azione per gli aiuti umanitari, in modo da garantire che vi siano finanziamenti sufficienti per i pagamenti; invita a considerare la possibilità di stanziare ulteriori risorse allo strumento di protezione civile e a garantire che goda di maggiore flessibilità, in modo che l'UE possa prestare assistenza sul campo a coloro che ne hanno bisogno;

26.  ritiene che, pur essendo uno strumento efficace nella lotta agli incendi boschivi, il meccanismo europeo di protezione civile sia incompleto e necessiti di essere migliorato; si compiace, al riguardo, della comunicazione della Commissione europea, del 23 novembre 2017, che propone di istituire una capacità di riserva autonoma denominata "rescEU", e dell'ulteriore stanziamento di 280 milioni di EUR a favore del meccanismo europeo di protezione civile al fine di finanziare una vera e propria capacità di riserva dell'UE, che comprenda in particolare una flotta antincendio dell'Unione; invita gli Stati membri e la Commissione a riconoscere la dimensione europea delle infrastrutture nazionali esistenti e, di conseguenza, a manifestare il loro sostegno alla creazione di una rete europea di centri di protezione civile e gestione dei rischi; chiede agli Stati membri di integrare la proposta della Commissione nel prossimo QFP in modo da consentire di finanziare e sviluppare al più presto una flotta di Canadair dell'UE;

27.  accoglie con favore le proposte della Commissione volte a rafforzare la capacità di risposta alle catastrofi a livello dell'Unione, in particolare mediante la futura istituzione della capacità di riserva autonoma "rescEU"; invita la Commissione e gli Stati membri a riconoscere la dimensione europea delle infrastrutture nazionali esistenti e, di conseguenza, a manifestare il loro sostegno a favore di un'azione preparatoria per la creazione di una rete europea di centri di protezione civile e gestione dei rischi;

28.  chiede, al fine di controllare la migrazione, che vengano realizzati ingenti investimenti per contribuire all'industrializzazione, all'elettrificazione e allo sviluppo delle infrastrutture, fattori che possono favorire la crescita economica inclusiva e posti di lavoro dignitosi; chiede che siano adottati provvedimenti per porre fine alla tratta di esseri umani, alla schiavitù e a tutte le violazioni dei diritti umani, soprattutto in Libia;

29.  reputa necessario migliorare la trasparenza, la responsabilità e l'informazione per quanto concerne le risorse per lo sviluppo e gli aiuti umanitari nonché i mezzi finanziari inerenti a tali aiuti, ove del caso mediante una tempestiva approvazione da parte dell'autorità di bilancio, in particolare alla luce della nuova agenda per il 2030 e al fine di rispettare i principi della CPS;

30.  sottolinea la necessità di rafforzare il ruolo essenziale dello strumento europeo per la democrazia e i diritti umani nel promuovere i valori europei in tutto il mondo e nel consolidare i diritti umani e la democrazia nell'ambito dell'azione esterna dell'UE;

31.  chiede che, al fine di rendere il più efficiente possibile la gestione dei rimpatri volontari e di favorire la reintegrazione di tutti i rimpatriati, siano rafforzate le capacità delle autorità e delle organizzazioni della società civile dei paesi di origine e di transito nei rispettivi ambiti di competenza;

32.  evidenzia che gli strumenti di finanziamento esterno nell'ambito del nuovo QFP dovrebbero essere coerenti con gli OSS e con il nuovo consenso europeo in materia di sviluppo, che individuano nel lavoro dignitoso un fattore d'impulso essenziale per conseguire uno sviluppo inclusivo e sostenibile;

33.  ritiene che gli strumenti di finanziamento esterno dell'UE dovrebbero favorire la creazione di opportunità di lavoro dignitoso nonché dei presupposti necessari e di un contesto che consenta ai lavoratori e ai sindacati di rappresentare i propri interessi e operare liberamente; sostiene inoltre che, in tale contesto, il prossimo QFP dovrebbe prevedere uno strumento finanziario specifico per sostenere il dialogo sociale e le parti sociali nei paesi in via di sviluppo;

34.  chiede che il prossimo QFP assegni risorse adeguate al SEAE e alle delegazioni dell'UE, affinché possano conseguire i loro obiettivi e adempiere ai loro obblighi in materia di cooperazione allo sviluppo e aiuti umanitari;

35.  chiede che il prossimo QFP sia coerente con gli obiettivi dell'accordo di Parigi; sottolinea la necessità di incrementare i finanziamenti a favore dell'azione per il clima nei paesi in via di sviluppo, al fine di sostenere la mitigazione dei cambiamenti climatici e il relativo adattamento nonché la protezione della biodiversità; chiede che le questioni connesse ai cambiamenti climatici e all'ambiente siano efficacemente integrate negli strumenti di finanziamento esterno dell'UE;

36.  osserva che il Regno Unito contribuisce al 12 % del bilancio dell'Unione per lo sviluppo; evidenzia che occorre compensare le perdite di fondi dell'UE destinati alla cooperazione allo sviluppo che saranno causate dalla Brexit; ribadisce la propria posizione di lunga data, secondo cui il Fondo europeo di sviluppo (FES), unitamente ad altri strumenti al di fuori del QFP, dovrebbe essere integrato nel bilancio dell'UE; sottolinea che tale integrazione dovrebbe comportare l'aggiunta della dotazione finanziaria all'attuale massimale del QFP al fine di non compromettere il finanziamento di altre politiche e programmi dell'UE;

37.  insiste affinché sia mantenuto, con un accantonamento garantito, il livello complessivo di finanziamenti per la politica dell'UE in materia di sviluppo e affinché si trovi una soluzione permanente per il finanziamento UE delle spese di sicurezza collegate e coerenti con la cooperazione allo sviluppo;

38.  reputa incoraggianti i potenziali vantaggi dell'iscrizione in bilancio, quali una maggiore legittimità democratica del FES nonché una maggiore efficienza ed efficacia degli aiuti allo sviluppo dell'UE;

39.  insiste sul fatto che l'integrazione del FES nel bilancio dell'UE non dovrebbe tradursi in una riduzione della spesa complessiva dell'Unione per l'assistenza allo sviluppo;

40.  sottolinea che il ruolo di monitoraggio dei fondi dell'UE da parte della Commissione deve essere rafforzato e formalizzato nei comitati di sorveglianza e che le condizionalità ex ante dovrebbero essere monitorate sia a livello di programmazione che a livello di regolamento; ritiene che anche la società civile e gli utenti dei servizi dovrebbero essere pienamente coinvolti nello sviluppo, nell'attuazione e nel monitoraggio dei progetti;

41.  ribadisce che, a suo avviso, il FES dovrebbe essere integrato nel bilancio dell'UE; sottolinea, tuttavia, che tale integrazione dovrebbe dipendere da una ripartizione geografica dei fondi sulla base delle esigenze dei paesi nonché da un'ambiziosa revisione al rialzo dei massimali, in modo da evitare una riduzione delle attuali risorse del FES;

42.  invita alla prudenza per quanto concerne un'eventuale revisione della struttura degli aiuti, al fine di non compromettere le priorità geografiche, la prevedibilità degli aiuti e la chiarezza politica dell'azione esterna a carattere regionale;

43.  ricorda il ruolo essenziale della diaspora nello sviluppo, mediante le rimesse, i trasferimenti di competenze e i valori non finanziari, che contribuiscono a promuovere la pace, la democrazia, la buona governance e la stabilità sociale;

44.  ricorda il ruolo chiave degli strumenti speciali dell'attuale QFP, in particolare la riserva per gli aiuti d'urgenza (EAR), nel reagire a eventi imprevisti, incluse le crisi umanitarie più gravi al di fuori dell'UE;

45.  sottolinea che il prossimo QFP dovrebbe inoltre consentire all'UE di attuare, in tutti i diversi settori di intervento, gli impegni assunti al vertice umanitario mondiale del 2016, in modo da attenuare le esigenze e migliorare la fornitura di aiuti umanitari;

46.  pone in evidenza il mancato rispetto dell'impegno di portare allo 0,7 % il rapporto APS/RNL entro il 2015 e richiama l'attenzione sull'attuale impegno dell'UE e dei suoi Stati membri di conseguire tale livello entro il 2030; chiede che il prossimo QFP tenga conto di tale situazione e garantisca il rispetto degli impegni internazionali dell'UE e dei suoi Stati membri; invita gli Stati membri che non abbiano ancora raggiunto il livello previsto a elaborare una tabella di marcia che definisca nel dettaglio in che modo intendano rispettare tale impegno in maniera tempestiva; ricorda che gli APS gestiti dall'UE contribuiscono al rispetto degli impegni degli Stati membri e possono accrescere in misura considerevole l'efficacia dello sviluppo della spesa a titolo degli APS, anche attraverso una riduzione della frammentazione e agevolando un approccio basato sugli incentivi con i paesi partner; rammenta che non vi può essere sviluppo senza sicurezza; sottolinea la necessità di applicare i principi di efficacia dello sviluppo e la CPS a tutti gli strumenti e le modalità di finanziamento;

47.  invita a istituire, nell'ambito del prossimo QFP, un quadro specifico per i paesi e territori d'oltremare (PTOM) affinché beneficino di un'assistenza finanziaria adeguata alle ambizioni del partenariato UE-PTOM, sulla base degli interessi e delle sfide che hanno in comune con l'Unione europea, quali previsti dalla parte quarta del TFUE, in qualità di membri della famiglia europea e di regioni d'importanza strategica per l'UE, favorendo nel contempo la loro integrazione regionale;

48.  ritiene che una reale semplificazione degli strumenti di finanziamento esterno dell'UE potrebbe migliorare la coerenza e facilitare il controllo democratico; sottolinea, tuttavia, che una siffatta semplificazione dovrebbe rispettare il diritto di controllo del Parlamento europeo e i principi di efficacia dello sviluppo, e che il finanziamento allo sviluppo dell'UE dovrebbe mantenere il suo fondamentale obiettivo di eliminare la povertà, concentrandosi in particolare sui PMS e sui contesti di fragilità;

49.  evidenzia che le risorse a titolo della rubrica 4 sono state oggetto di grandi pressioni nell'ambito dell'attuale QFP e che i fondi per lo sviluppo sono stati sempre più utilizzati come riserva per priorità emergenti in altri settori strategici; sottolinea che occorre flessibilità per consentire di utilizzare più rapidamente i finanziamenti in risposta a sviluppi e crisi imprevisti; evidenzia, tuttavia, che la concessione di una maggiore flessibilità non dovrebbe andare a scapito dei principi di efficacia degli aiuti o della prevedibilità di questi ultimi, in quanto ciò pregiudicherebbe gli strumenti concepiti per conseguire gli obiettivi di sviluppo a lungo termine, né dovrebbe tradursi in una riduzione del controllo parlamentare e delle consultazioni dei paesi partner e della società civile; chiede una valutazione intermedia dei programmi di sviluppo del QFP;

50.  ricorda che è importante promuovere una cooperazione più stretta per risolvere i problemi connessi al traffico, alla produzione e al consumo illecito di stupefacenti, ai bambini soldato, allo sfruttamento illegale e alla gestione non sostenibile delle risorse naturali, alla criminalità marittima e al terrorismo;

51.  sottolinea che i paesi in via di sviluppo sono quelli più vulnerabili e maggiormente colpiti dai cambiamenti climatici; invita la Commissione, in tale contesto, a integrare le considerazioni relative ai cambiamenti climatici in tutti gli strumenti finanziari e a rafforzare l'attuale obiettivo di destinare il 20 % di tutti i finanziamenti dell'UE ad azioni legate ai cambiamenti climatici;

52.  sollecita l'UE e i suoi Stati membri a cessare di gonfiare gli aiuti e ad escludere le voci relative agli aiuti gonfiati dalle relazioni sugli APS (ad esempio i costi dei rifugiati, i costi impliciti per gli studenti, l'aiuto vincolato, gli interessi sui prestiti e lo sgravio del debito);

53.  ritiene che la promozione della pace, della sicurezza e della giustizia nei paesi in via di sviluppo sia essenziale e riconosce la necessità di una spesa in materia di sicurezza per raggiungere l'OSS 16; ribadisce che la creazione di un apposito strumento separato a sostegno del rafforzamento delle capacità per la sicurezza e lo sviluppo dovrebbe evitare il ricorso alla cartolarizzazione degli strumenti e dei finanziamenti per lo sviluppo;

54.  invita l'UE a intensificare l'assistenza fornita all'agricoltura sostenibile per consentire di affrontare la sfida dei cambiamenti climatici, rivolgendo il proprio sostegno ai piccoli agricoltori, alla diversificazione delle colture, allo sfruttamento agro-forestale e alle pratiche agro-ecologiche;

55.  osserva che l'assistenza allo sviluppo può svolgere un ruolo importante nel settore della migrazione, contribuendo ad affrontare le cause dello sfollamento forzato e rafforzando i vantaggi della migrazione e della mobilità per lo sviluppo; ritiene, tuttavia, che gli APS non dovrebbero essere utilizzati per coprire le spese sostenute dai donatori per i rifugiati, l'esternalizzazione delle politiche migratorie al di fuori dei confini dell'UE o i costi dei rimpatri e delle riammissioni nei paesi d'origine; respinge l'idea che gli aiuti siano vincolati al controllo delle frontiere, alla gestione dei flussi migratori o agli accordi di riammissione quale base del partenariato e della cooperazione con i paesi terzi;

56.  ribadisce il suo appello inequivocabile affinché l'UE fornisca sostegno e finanziamenti continui e rafforzati alle organizzazioni della società civile, che rappresentano attori dello sviluppo a pieno titolo, e chiede la loro piena e libera partecipazione al dialogo politico nonché alla programmazione e all'attuazione degli strumenti di cooperazione dell'UE;

57.  ritiene che il Parlamento dovrebbe considerare diverse opzioni allo scopo di definire la struttura di un meccanismo globale e orizzontale di monitoraggio dell'agenda universale 2030, con i suoi 17 OSS, in modo tale da rispettare il suo carattere integrato e indivisibile.

INFORMAZIONI SULL'APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

24.1.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

17

2

2

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Ignazio Corrao, Mireille D'Ornano, Doru-Claudian Frunzulică, Charles Goerens, Enrique Guerrero Salom, György Hölvényi, Arne Lietz, Linda McAvan, Norbert Neuser, Vincent Peillon, Lola Sánchez Caldentey, Elly Schlein, Eleftherios Synadinos, Bogdan Brunon Wenta, Joachim Zeller

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Ádám Kósa, Paul Rübig, Judith Sargentini, Adam Szejnfeld

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Jean Lambert, Miroslav Mikolášik

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

17

+

ALDE

Charles Goerens

EFDD

Ignazio Corrao

PPE

György Hölvényi, Ádám Kósa, Miroslav Mikolášik, Paul Rübig, Adam Szejnfeld, Bogdan Brunon Wenta

S&D

Doru-Claudian Frunzulică, Enrique Guerrero Salom, Arne Lietz, Linda McAvan, Norbert Neuser, Vincent Peillon, Elly Schlein

Verts/ALE

Jean Lambert, Judith Sargentini

2

-

NI

Eleftherios Synadinos

PPE

Joachim Zeller

2

0

EFDD

Mireille D'Ornano

GUE/NGL

Lola Sánchez Caldentey

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per il controllo dei bilanci (23.11.2017)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Petri Sarvamaa

SUGGERIMENTI

La commissione per il controllo dei bilanci invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

Obiettivi del quadro finanziario pluriennale (QFP)

1.  sottolinea che il QFP dovrebbe essere programmato sulla base di importi che possano garantire una crescita strategica, dando un impulso al valore aggiunto dell'Unione, potenziando l'economia dell'Unione e rendendo le società più favorevoli all'Europa; sottolinea che il bilancio dell'Unione dovrebbe essere leggibile e trasparente;

Allineamento dei cicli di bilancio e strategici

2.  osserva che la durata settennale del QFP non è sincronizzata con il mandato quinquennale del Parlamento e della Commissione, né è allineata con il ciclo di pianificazione strategica decennale dell'Unione e con la strategia Europa 2020; è del parere che questa mancanza di sincronizzazione potrebbe indebolire la legittimazione democratica dell'Unione e l'efficacia della sua governance politica, poiché possono verificarsi situazioni in cui il Parlamento e la Commissione sono vincolati da accordi finanziari e sugli obiettivi politici stabiliti nel periodo del quadro finanziario precedente; sottolinea che ciò potrebbe dare l'impressione che le elezioni europee siano alquanto irrilevanti nel contesto della pianificazione strategica e di bilancio a lungo termine;

3.  ribadisce il proprio parere secondo cui la durata del QFP dovrebbe essere ridotta da sette a cinque anni, in modo da allinearla con la periodicità dei mandati politici del Parlamento e della Commissione(1), senza mettere a rischio l'esecuzione o la gestione dei programmi in corso, prevedendo al contempo una strategia per i programmi a lungo termine di cinque anni più cinque, con una revisione intermedia obbligatoria; rileva che nel 2020 vi sarà l'opportunità di allineare il ciclo strategico a lungo termine con il ciclo di bilancio, e raccomanda vivamente che si colga tale opportunità; ritiene che la Commissione dovrebbe anche esaminare la possibilità di istituire un programma evolutivo in cui ciascun QFP, pur avendo la durata attuale, si sovrapponga in parte al precedente, nel presupposto che la sovrapposizione potrebbe contribuire ad attenuare le fluttuazioni naturalmente esistenti;

Riesame globale della spesa dell'Unione

4.  rileva che la Corte dei conti europea ha messo in evidenza, nelle sue relazioni annuali e speciali(2), numerosi casi in cui la spesa dell'Unione avrebbe potuto essere programmata in modo più strategico e conseguire risultati migliori; si rammarica, a tale proposito, del fatto che le risorse assegnate a importanti programmi e progetti di spesa siano state spesso non in linea con gli obiettivi politici enunciati nel ciclo decennale di pianificazione strategica, il che potrebbe portare a risultati contraddittori;

5.  invita la Commissione, nel presentare la sua proposta per il QFP post-2020, ad accompagnarla con una descrizione dettagliata delle priorità strategiche in base alle quali è elaborato il progetto di QFP; sottolinea che tali priorità dovrebbero essere oggetto di considerazione nel corso dell'elaborazione di una strategia complessiva Europa 2030, che il Parlamento europeo dovrà esaminare in modo approfondito prima che il Consiglio adotti il pacchetto del QFP post-2020;

6.  invita la Commissione a realizzare, prima di redigere la sua proposta per un nuovo QFP, una revisione della spesa approfondita ed esauriente che valuti in che misura:

–  l'assegnazione delle risorse del bilancio dell'Unione rispecchi le priorità strategiche dell'Unione e la possibilità di apportare un valore aggiunto, in particolare nell'ambito delle politiche che hanno dimostrato di drenare molte risorse mentre svolgono funzioni meramente ridistributive, come la politica di coesione e la politica agricola comune (PAC), e in settori politici prioritari recenti per i quali si è constatato che le misure di bilancio erano insufficienti in tempi di circostanze mutevoli, come la politica d'immigrazione e l'azione esterna;

–  i programmi e i regimi dell'Unione contribuiscano alla realizzazione delle priorità strategiche, garantiscano l'uso ottimale delle risorse e permettano di controllare il rischio di irregolarità, come proposto nella Corte dei conti nel documento informativo del 3 novembre 2016 sulla revisione intermedia del quadro finanziario pluriennale 2014-2020(3);

–  i diversi programmi e regimi dell'Unione collaborino in modo coerente, in particolare nei settori in cui gli obiettivi o l'esecuzione ambigui possono portare a risultati contraddittori e spese inefficienti;

–  alcuni programmi non si siano affatto dimostrati efficaci o dotati di valore aggiunto, in modo da prevederne l'abbandono e favorire in tal modo i programmi che abbiano dimostrato di avere un reale valore aggiunto;

7.  invita inoltre la Commissione, prima di elaborare la sua proposta per un nuovo QFP, a svolgere un'analisi comparativa dei costi di esecuzione delle sovvenzioni e del sostegno finanziario rimborsabile, principalmente mediante strumenti finanziari, per il periodo 2014-2020, al fine di stabilire il livello effettivo di tali costi, come raccomandato nella relazione speciale della Corte dei conti 19/2016(4);

8.  invita la Commissione a tener attentamente conto dei risultati della revisione della spesa nel redigere la proposta di QFP e nell'elaborare una strategia globale Europa 2030; chiede fortemente, a tale proposito, che la Commissione garantisca che l'affidabilità dei meccanismi di gestione e di controllo a tutti i livelli e in tutte le fasi del quadro di bilancio dell'Unione, e che le frodi e le irregolarità possano essere efficacemente individuate e prevenute; invita la Commissione ad andare nella direzione di una valutazione basata sul rischio in cui le risorse destinate ai controlli possano essere concentrate maggiormente sulle regioni e i settori d'azione in cui i rischi di irregolarità sono risultati più significativi;

Flessibilità in termini di obiettivi e priorità emergenti

9.  osserva che le politiche dell'Unione possono avere diversi obiettivi a breve, medio e lungo termine, la cui realizzazione può non essere necessariamente determinata mediante un unico QFP; ritiene che si debba studiare un nuovo equilibrio tra la definizione dell'agenda politica, l'attuazione delle politiche e le esigenze del quadro finanziario;

10.  invita la Commissione a esaminare se è fattibile introdurre una reale flessibilità di bilancio in termini di obiettivi politici istituendo, in particolare, un programma di bilancio evolutivo con un orizzonte di programmazione quinquennale, una o più clausole di revisione riguardo gli obiettivi e le politiche, e un programma evolutivo di valutazione; guarda alla prospettiva di una maggiore flessibilità interna tra le rubriche e gli esercizi per consentire il massimo utilizzo dei massimali del nuovo QFP;

11.  sottolinea che, nel corso del periodo del QFP, l'Unione potrà trovarsi a confrontare molte nuove sfide; invita la Commissione a prevedere flessibilità nella programmazione di bilancio, in modo da poter affrontare più efficacemente i mutamenti inaspettati delle circostanze; ritiene, a tale riguardo, che si debbano ancora adottare adeguate misure di emergenza, in coordinamento con altre azioni, al fine di alleviare le crisi in Europa, in particolare nei settori dell'agricoltura e della migrazione, insieme ad azioni volte a garantire che il ruolo del Parlamento nell'attuazione e nell'adozione del QFP sia pienamente rispettato e che il Consiglio non agisca senza l'approvazione del Parlamento;

12.  ricorda la preoccupazione del Parlamento per il fatto che la complessità finanziaria derivante dall'interazione di oltre un migliaio di strumenti d'ingegneria finanziaria, fondi fiduciari nonché di numerosi meccanismi finanziari a sostegno delle politiche dell'Unione non registrati nel bilancio unionale, costituisce una delle principali ragioni per cui può risultare impossibile rendere conto in modo democratico dello sterminato numero di bilanci esistenti; chiede, oltre a una semplificazione della molteplicità di bilanci, maggiore flessibilità nell'utilizzo intersettoriale dei diversi strumenti finanziari, in modo da superare le regolamentazioni restrittive che impediscono ai beneficiari di trarre vantaggio da programmi diversi per progetti aventi obiettivi corrispondenti;

13.  ribadisce la propria richiesta di integrare il Fondo europeo di sviluppo nel bilancio dell'Unione, per essere in grado di controllare e affrontare le cause profonde delle eccessive migrazioni in una maniera migliore che sia in linea con le politiche e le strategie dell'Unione, utilizzando strumenti e metodi derivanti dalla competenza di bilancio dell'Unione; ritiene che le sfide europee comuni nel campo della politica di sviluppo potrebbero essere meglio padroneggiate attraverso una gestione comune a titolo del bilancio dell'Unione;

Esigenze debitamente motivate e valore aggiunto europeo

14.  approva il suggerimento formulato dalla Corte dei conti europea nel suo documento informativo sulla revisione intermedia del quadro finanziario pluriennale 2014-2020 secondo cui è meglio determinare la durata dei programmi e dei regimi in base alle esigenze delle politiche e dei cittadini, piuttosto che in funzione della lunghezza del periodo di programmazione finanziaria(5);

15.  sottolinea che gli Stati membri e la Commissione dovrebbero essere in grado di indicare valide motivazioni delle esigenze di finanziamento dell'Unione e definire gli obiettivi e i risultati da raggiungere prima che sia decisa qualsiasi spesa, e sottolinea l'importanza di rispettare le reali esigenze dei cittadini mediante un approccio integrato e basato sul territorio; invita la Commissione a definire chiaramente i criteri del valore aggiunto unionale, al fine di evitare ogni possibile ambiguità nelle decisioni sulle spese dell'Unione; sottolinea inoltre che prima di ogni decisione di bilancio occorre rispettare i principi di efficacia, efficienza e sana gestione finanziaria;

16.  è del parere che i requisiti di trasparenza dell'Unione siano soddisfatti in modo ideale dalle regioni che elaborano i loro conti in conformità dei principi contabili del settore pubblico europeo; rileva inoltre che la contabilità a doppia entrata costituirebbe un modo ideale per facilitare gli obblighi di comunicazione nei confronti della Commissione imposti alle regioni e alle istituzioni di sostegno; chiede, come ulteriore incentivo, che l'Unione cofinanzi l'attuazione e l'adattamento continuo dei principi contabili del settore pubblico;

17.  esorta la Commissione a migliorare ulteriormente e a razionalizzare la struttura e la composizione della spesa unionale destinata alla politica di coesione, al fine di affrontare efficacemente le disparità e le divisioni esistenti tra le zone urbane e quelle rurali e tra i diversi Stati membri, di ribaltare urgentemente i processi di approfondimento delle divergenze e di superare la frammentazione e garantire un futuro robusto sviluppo dell'Unione quale comunità democratica, forte e coesiva; ribadisce la propria posizione secondo cui le nuove priorità politiche andrebbero accompagnate da risorse finanziarie supplementari e non essere finanziate a scapito delle attuali politiche dell'Unione; è del parere che le politiche di coesione economica, sociale e territoriale dell'Unione possano continuare a fornire sostegno alle regioni meno sviluppate e a una migliore cooperazione transfrontaliera, ma incoraggia la Commissione a non limitarsi a fornire un sostegno finanziario meramente redistributivo bensì, tenendo presenti le reali esigenze dei cittadini, a concentrarsi ancor di più sullo sviluppo e la modernizzazione della crescita, l'innovazione, la mobilità, i cambiamenti climatici, la protezione del territorio dalle catastrofi naturali e quelle antropogeniche, la transizione energetica e ambientale e l'impatto sul territorio delle politiche dell'Unione, applicando nel contempo gli stessi criteri all'intera Unione; sottolinea inoltre che questo approccio basato sul territorio genera un valore aggiunto europeo oltre che un valore per i cittadini dell'Unione ed è essenziale per conseguire l'obiettivo di un'Europa intelligente, sostenibile e inclusiva, in quanto offre flessibilità nella formulazione di risposte integrate alle diverse esigenze territoriali, senza perdere di vista le tematiche al centro delle politiche dell'Unione;

18.  ribadisce la sua richiesta di semplificare il sistema di gestione della politica di coesione a tutti i livelli di governance e del sistema di controllo, che dovrebbe essere maggiormente basato sull'affidamento reciproco e la cooperazione tra le varie autorità di controllo, al fine di ridurre l'onere amministrativo; ritiene che la politica di coesione economica, sociale e territoriale dell'Unione dovrebbe concentrarsi maggiormente sulle esigenze specifiche delle rispettive regioni al fine di affrontare le loro reali debolezze e promuovere i loro punti di forza;

19.  ricorda che lo sviluppo realizzato dai beneficiari della politica di coesione dovrebbe essere meglio tenuto in considerazione all'atto della distribuzione dei fondi unionali; invita la Commissione a presentare un sistema rivisto per i tassi di cofinanziamento dei progetti di coesione, che tenga conto degli sviluppi conseguiti e diminuisca la quota di finanziamento unionale nei settori in cui si sono già visti progressi;

20.  sottolinea che è necessario un nuovo equilibrio tra, da un lato, la PAC e le politiche di coesione e, dall'altro, le altre politiche interne dell'Unione e una capacità esterna rafforzata dell'Unione, che includa gli elementi della sicurezza e della difesa; esorta la Commissione a porre l'accento sulla cooperazione in materia di sicurezza e di difesa in sede di preparazione della sua proposta per il QFP post-2020 e nel processo di riforma e di attuazione di strumenti finanziari dell'Unione quale il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS); appoggia l'idea di un'ulteriore integrazione europea e di iniziative concrete nel campo della sicurezza e della difesa;

21.  ricorda le proprie osservazioni(6) sulla struttura insostenibile della spesa per la PAC: osserva con preoccupazione che il 44,7 % di tutte le aziende agricole dell'Unione aveva un reddito annuo inferiore a 4 000 EUR; prende atto con una preoccupazione persino maggiore del fatto che in media l'80% dei beneficiari del sostegno diretto della PAC ha ricevuto il 20% circa dei pagamenti e raccomanda che la Commissione imponga un tetto massimo per i pagamenti della CAP in modo da porre rimedio a tale anomalia; sottolinea che in tempi di volatilità o di crisi le aziende agricole di maggiori dimensioni non sempre necessitano dello stesso livello di sostegno per stabilizzare i redditi agricoli di cui hanno invece bisogno le piccole aziende agricole, in quanto spesso beneficiano di potenziali economie di scala suscettibili di renderle più resilienti; ritiene che i regimi di finanziamento della PAC potrebbero concentrarsi maggiormente sugli agricoltori soggetti a particolari limitazioni: aziende agricole di piccole dimensioni, zone caratterizzate da difficoltà climatiche e geografiche, regioni scarsamente popolate;

22.  invita la Commissione, nell'ambito delle sue riflessioni su una PAC semplificata e modernizzata, a prevedere un disegno politico diverso o un modello diverso di distribuzione dei pagamenti diretti onde costituire una maniera migliore per indirizzare i fondi pubblici verso obiettivi agroambientali e di azione per il clima; sottolinea tuttavia la necessità di fornire una compensazione finanziaria equilibrata per coprire i costi legati al mantenimento di standard sanitari e ambientali elevati nella produzione alimentare e gli elevati costi di produzione associati alle difficili condizioni climatiche esistenti in alcune aree geografiche, poiché gli agricoltori in Europa spesso devono battersi con la concorrenza mondiale;

Come porre fine agli impegni da liquidare: impatto della mancanza di una reale valutazione e di un'efficace capacità di bilancio

23.  esprime forte rammarico per i persistenti livelli elevati di impegni non ancora liquidati, da un lato dovuti ai ritardi degli Stati membri nel presentare le domande di pagamento e, dall'altro, causati dal considerevole ritardo registrato dalla Commissione nel proporre i programmi; sottolinea che tali circostanze rendono impossibile un'efficace valutazione e verifica dell'esecuzione del bilancio, sia alla metà che alla fine del periodo di programmazione; si duole del fatto che ciò ostacola la capacità di previsione dell'autorità di bilancio; si rammarica, in particolare, che gli impegni da liquidare siano aumentati in misura significativa alla fine del 2016, raggiungendo 238 miliardi di EUR, e che l'aumento rispetto ai dati del 2015 – oltre 21 miliardi di EUR– sia risultato pari al doppio di quanto inizialmente previsto;

24.  sottolinea che tale situazione è dovuta in larga misura al livello molto basso di presentazione da parte degli Stati membri delle domande di pagamento per il periodo 2014-2020, e sottolinea che ciò potrebbe compromettere l'efficacia dei fondi strutturali e di investimento europei; chiede alla Commissione di analizzare le cause di fondo dei ritardi nella presentazione delle domande di pagamento degli Stati membri e, in particolare, di riesaminare l'architettura globale dei fondi strutturali al fine di accelerare il processo comprendente la programmazione a livello di Unione, il monitoraggio da parte della Commissione e l'attuazione da parte delle autorità degli Stati membri;

25.  invita la Commissione a mettere in dubbio il valore aggiunto delle regole n+2 e n+3 nei pagamenti dei fondi strutturali e a presentare una proposta in base alla quale, entro la fine del periodo di programmazione, gli Stati membri siano tenuti a restituire al bilancio dell'Unione i fondi strutturali inutilizzati;

Bilancio basato sui risultati: quadro per stabilire i valori limite

26.  chiede alla Commissione e agli Stati membri di modernizzare e ridisegnare in misura significativa il bilancio dell'Unione secondo i principi della programmazione di bilancio basata sui risultati, valutando anche e prendendo sempre in considerazione l'impatto sociale di tale programmazione, al fine di adattarlo alle nuove priorità che sono state concordate a livello di UE-27 e di sostenere una funzione di stabilizzazione dei bilanci per la zona euro utilizzando risorse proprie;

27.  ritiene che, se si propone un'eventuale nuova capacità di bilancio specificamente per gli Stati membri della zona euro, essa andrebbe sviluppata all'interno del quadro dell'Unione e sottoposta a un appropriato controllo democratico e all'obbligo di rendiconto attraverso le istituzioni esistenti, e che ogni assistenza finanziaria prestata in base a tale capacità dovrebbe essere subordinata all'attuazione delle riforme strutturali concordate;

28.  insiste sul fatto che l'obiettivo del bilancio dell'Unione dovrebbe essere quello di conseguire gli obiettivi politici quali definiti in una strategia politica dell'Unione e rispecchiati nelle rubriche del QFP e che le linee di bilancio dovrebbero essere presentate in questo quadro e raggruppate in dichiarazioni programmatiche perseguendo tali obiettivi anziché essere elencate per attività; incoraggia la Commissione a sviluppare un approccio più integrato per utilizzare linee di bilancio e fondi diversi allo scopo di poter rispondere alle sfide della vita reale a livello regionale, nazionale ed europeo; sottolinea inoltre che le spese relative alla cooperazione rafforzata dovrebbero essere incluse nel bilancio dell'Unione;

29.  ricorda che nella sua risoluzione che accompagna la decisione di discarico 2015, il Parlamento ha invitato la Commissione a proporre i necessari aggiornamenti alla concezione e al meccanismo di erogazione dei fondi strutturali e di investimento europei, tenendo anche conto dei suggerimenti del gruppo di alto livello per la semplificazione al fine di rafforzare il contributo della politica di coesione nell'affrontare le disparità e le disuguaglianze tra le regioni e gli Stati membri dell'Unione, e prevedere per il prossimo periodo di programmazione indicatori di performance più gestibili e misurabili, che includano l'impatto sociale di tali programmi; insiste sul fatto che tutte le spese future dovrebbero concentrarsi su programmi e strumenti con comprovato valore aggiunto europeo e che i risultati dovrebbero essere al centro della prossima generazione di tutti i programmi e regimi, congiuntamente a un miglior equilibrio geopolitico, che dovrebbe garantire un'equa distribuzione dei finanziamenti in Europa;

30.  sottolinea che le finanze dell'Unione dovrebbero essere in grado di soddisfare le esigenze di finanziamento di nuove priorità, quali la lotta al terrorismo, la gestione della migrazione attraverso una migliore risposta alle sue cause profonde, il miglioramento dell'integrazione mediante i controlli alle frontiere, tra le altre misure, e la riduzione al minimo gli effetti dell'eventuale disavanzo finanziario risultante dalla Brexit;

31.  invita la Commissione a migliorare la sua strategia per comunicare ai cittadini il valore aggiunto dei fondi dell'Unione;

Come colmare il disavanzo dopo la Brexit: razionalizzare il bilancio e introdurre nuove risorse

32.  ritiene che, mentre la decisione del Regno Unito di recedere dall'Unione è un evento che avrà un'influenza negativa sul futuro della vita dei cittadini nel Regno Unito e negli altri Stati membri, esso offre l'opportunità di ridefinire e riformare le ambizioni politiche dell'UE-27 e i necessari strumenti e metodi di bilancio; ritiene che l'UE-27 dovrebbe essere ambiziosa nella sua riforma di bilancio e mirare a mantenere un bilancio annuale dell'Unione di dimensioni analoghe a quello dell'UE-28;

33.  ritiene che i settori di intervento suscettibili di risentire maggiormente del disavanzo di bilancio risultante dalla Brexit dovrebbero essere protetti da gravi battute d'arresto al fine di prevenire la destabilizzazione dell'attuale quadro economico, sociale o amministrativo; sottolinea in particolare la necessità di assicurare le risorse dell'Unione nei settori della crescita, dell'occupazione, della coesione sociale, della ricerca, dello sviluppo e dell'innovazione al fine di rafforzare il ruolo guida dell'Unione a livello globale; invita la Commissione a tal riguardo a esaminare attentamente le conseguenze di diversi scenari della Brexit in sede di elaborazione della proposta di QFP e della sua valutazione d'impatto;

34.  rileva tuttavia che, nel colmare il disavanzo di bilancio, il principale obiettivo non dovrebbe essere quello di aumentare la quota di finanziamento pubblico, ma di fornire una base finanziaria sostenibile per tutti i settori di intervento e di garantire il massimo effetto leva delle risorse private; chiede a tal riguardo un cambiamento di paradigma nella spesa dell'Unione, passando da un finanziamento basato su sussidi a un sistema più finanziario e basato su strumenti che, tuttavia, esamini con attenzione le capacità e le esigenze finanziarie dei vari beneficiari; sottolinea tuttavia che tale passaggio dovrebbe essere realizzato senza pregiudicare la gestione trasparente del bilancio e le misure di controllo dello stesso;

35.  ricorda che gli strumenti finanziari non sono idonei a tutti i tipi di intervento in ambiti strategici come quello della politica di coesione; sottolinea che i prestiti, il capitale e le garanzie possono svolgere un ruolo complementare, ma dovrebbero essere utilizzati con cautela, sulla base di un'opportuna valutazione ex-ante, e ribadisce che le sovvenzioni dovrebbero essere integrate soltanto se tali strumenti finanziari dimostrano un valore aggiunto e potrebbero avere un effetto leva e attrarre un sostegno finanziario aggiuntivo;

36.  sottolinea, in particolare, la necessità di omettere l'inutile fissazione di un massimale dell'1% dell'RNL dell'Unione, applicata nell'attuale QFP 2014-2020, poiché la restrizione della spesa che il massimale sovente impone rende molto più difficile l'equilibrio di bilancio in tempi di situazioni mutevoli; incoraggia gli Stati membri a prendere in considerazione la flessibilità nelle loro discussioni di bilancio;

37.  esorta la Commissione a presentare proposte concrete di nuove risorse, che riducano la quota dei contributi nazionali al bilancio dell'Unione basati meramente sull'RNL; osserva che il nuovo sistema potrebbe porre fine alla logica contabile antieuropea del "giusto ritorno", che pone un'enfasi eccessiva sui saldi netti tra Stati membri e che, purtroppo, domina ormai da molti anni le discussioni di bilancio in seno al Consiglio;

38.  ritiene che la Commissione debba in primo luogo esaminare, come modalità di rafforzamento del bilancio UE-27, la possibilità di riscuotere una tassa sulle emissioni di CO2 attraverso la fissazione del prezzo del carbonio (tramite la tassazione o strumenti di mercato), quale presentata dal gruppo ad alto livello sulle risorse proprie nella sua relazione sul futuro finanziamento dell'Unione(7); ritiene che un tale strumento potrebbe anche fornire un valore aggiunto in Europa, in quanto il prelievo potrebbe fungere da incentivo a modificare il comportamento di consumatori e produttori a favore di un futuro a bassa intensità di carbonio; ritiene, tuttavia, che qualsiasi soluzione fiscale dell'Unione dovrebbe essere il più neutrale possibile per il carico fiscale complessivo di un determinato Stato membro e dovrebbe invece basarsi su contributi più elevati da parte di attori di rischio; sottolinea che tale tassa sulle emissioni di CO2 dovrebbe tenere conto degli attuali sistemi di scambio delle emissioni per evitare sovrapposizioni e mezzi o obiettivi contrastanti;

39.  incoraggia la Commissione e gli Stati membri a prendere altresì in considerazione altre risorse a base fiscale disponibili all'UE-27 che fornirebbero maggiore valore aggiunto europeo in determinati settori d'intervento correlati al rischio, rafforzando al tempo stesso il bilancio dell'Unione;

40.  invita la Commissione a cogliere l'opportunità di riformare il bilancio dell'Unione e di escludere tutti i meccanismi di sconto, in quanto ciò fornirebbe una struttura più giusta, equa e incoraggiante per tutti gli Stati membri.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

20.11.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

10

8

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Nedzhmi Ali, Inés Ayala Sender, Martina Dlabajová, Luke Ming Flanagan, Ingeborg Gräßle, Arndt Kohn, Monica Macovei, Petri Sarvamaa, Bart Staes, Hannu Takkula, Tomáš Zdechovský, Joachim Zeller

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Brian Hayes, Karin Kadenbach, Younous Omarjee, Julia Pitera

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Tiziana Beghin, Tiemo Wölken

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

10

+

ALDE

ECR

PPE

Nedzhmi Ali, Martina Dlabajová, Hannu Takkula

Monica Macovei

Ingeborg Gräßle, Brian Hayes, Julia Pitera, Petri Sarvamaa, Tomáš Zdechovský, Joachim Zeller

8

-

EFDD

GUE/NGL

S&D

VERTS/ALE

Tiziana Beghin

Luke Ming Flanagan, Younous Omarjee

Inés Ayala Sender, Karin Kadenbach, Arndt Kohn, Tiemo Wölken

Bart Staes

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

28.2.2018

POSIZIONE SOTTO FORMA DI EMENDAMENTI

della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Per la commissione per l'occupazione e gli affari sociali: Marita Ulvskog (presidente)

Position

EMENDAMENTI

La commissione per l'occupazione e gli affari sociali presenta alla commissione per i bilanci, competente per il merito, i seguenti emendamenti:

Emendamento    1

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Visto 1

Proposta di risoluzione

Emendamento

—  visti gli articoli 311, 312 e 323 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE),

—  visti gli articoli 174, 175, 311, 312 e 323 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE),

Emendamento    2

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Visto 7

Proposta di risoluzione

Emendamento

—  visti la relazione della commissione per i bilanci e i pareri della commissione per gli affari esteri, della commissione per lo sviluppo, della commissione per il controllo dei bilanci, della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare, della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia, della commissione per i trasporti e il turismo, della commissione per lo sviluppo regionale, della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, della commissione per la pesca, della commissione per la cultura e l'istruzione, della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, della commissione per gli affari costituzionali e della commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere (A8-0000/2018),

—  visti la relazione della commissione per i bilanci e i pareri e gli emendamenti della commissione per gli affari esteri, della commissione per lo sviluppo, della commissione per il controllo dei bilanci, della commissione per l'occupazione e gli affari sociali, della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare, della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia, della commissione per i trasporti e il turismo, della commissione per lo sviluppo regionale, della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, della commissione per la pesca, della commissione per la cultura e l'istruzione, della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, della commissione per gli affari costituzionali e della commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere (A8-0000/2018),

Emendamento    3

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Considerando B

Proposta di risoluzione

Emendamento

B.  considerando che il QFP 2014-2020 si è presto dimostrato insufficiente a soddisfare le reali esigenze e ambizioni politiche dal momento che, sin dall'inizio, è stato chiamato ad affrontare una serie di crisi e nuove sfide nei settori degli investimenti, della migrazione e dei profughi, dell'occupazione giovanile, della sicurezza, dell'agricoltura e dell'ambiente, che non erano state previste al momento della sua adozione; che, di conseguenza, l'attuale QFP aveva già raggiunto i propri limiti dopo appena due anni di attuazione, dal momento che i margini disponibili erano esauriti, le possibilità in materia di flessibilità e gli strumenti speciali erano stati mobilitati in misura sostanziale, le politiche e i programmi esistenti erano sotto pressione, se non avevano addirittura subito dei tagli, ed erano stati creati alcuni meccanismi fuori bilancio in modo da compensare il volume inadeguato del bilancio dell'Unione;

B.  considerando che il QFP 2014-2020 si è presto dimostrato insufficiente a soddisfare le reali esigenze e ambizioni politiche dal momento che, sin dall'inizio, è stato chiamato ad affrontare una serie di crisi e nuove sfide nei settori degli investimenti, dell'esclusione sociale, della migrazione e dei profughi, dell'occupazione giovanile, della sicurezza, dell'agricoltura e dell'ambiente, che non erano state previste al momento della sua adozione; che, di conseguenza, l'attuale QFP aveva già raggiunto i propri limiti dopo appena due anni di attuazione, dal momento che i margini disponibili erano esauriti, le possibilità in materia di flessibilità e gli strumenti speciali erano stati mobilitati in misura sostanziale, le politiche e i programmi esistenti erano sotto pressione, se non avevano addirittura subito dei tagli, mettendo a rischio il conseguimento degli obiettivi della strategia Europa 2020, come l'obiettivo di ridurre la povertà, ed erano stati creati alcuni meccanismi fuori bilancio in modo da compensare il volume inadeguato del bilancio dell'Unione;

Emendamento    4

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 3 bis (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

3 bis.  osserva che è estremamente importante ottenere il pieno sostegno dei cittadini europei nel contesto degli attuali vincoli di bilancio, al fine di riaffermare e realizzare i nostri impegni in materia di crescita e occupazione; chiede pertanto un migliore utilizzo dei fondi esistenti e sottolinea che la sfida per l'Unione europea non sarà quella di spendere di più, ma di spendere in modo più efficace;

Emendamento    5

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 3 ter (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

3 ter.  evidenzia che le politiche di riduzione della povertà e di inclusione sociale tra i gruppi vulnerabili non sono riuscite a produrre i risultati auspicati e ricorda alla Commissione il suo impegno a presentare proposte concrete per l'istituzione di un modello di elaborazione del bilancio pubblico basato sui risultati in cui ciascuna linea di bilancio sia accompagnata da obiettivi e realizzazioni da misurarsi mediante indicatori di risultato;

Emendamento    6

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 4

Proposta di risoluzione

Emendamento

4.  esprime la convinzione che il prossimo QFP debba basarsi sulle politiche e priorità consolidate dell'Unione, che mirano a promuovere la pace, la democrazia e i diritti umani, a incrementare il benessere, la crescita economica sostenibile a lungo termine, posti di lavoro di qualità, lo sviluppo sostenibile e l'innovazione, nonché a promuovere la coesione economica, sociale e territoriale, come pure la solidarietà tra gli Stati membri e i cittadini; ritiene che tali pilastri siano i presupposti per garantire il corretto funzionamento del mercato interno e dell'Unione economica e monetaria, nonché per rafforzare la posizione dell'Europa nel mondo; è persuaso del fatto che siano più che mai importanti per il futuro impegno dell'Europa;

4.  esprime la convinzione che il prossimo QFP debba basarsi sulle politiche e priorità consolidate dell'Unione, che mirano a promuovere la pace, la democrazia e i diritti umani, a incrementare il benessere, lo sviluppo e la crescita economici sostenibili a lungo termine, l'occupazione di qualità con pieni diritti dei lavoratori e conseguenti posti di lavoro dignitosi e l'innovazione, nonché a promuovere le pari opportunità per tutti i suoi cittadini, in particolare la parità tra donne e uomini, e a incentivare la coesione economica, sociale e territoriale, come pure la solidarietà tra gli Stati membri e i cittadini; ritiene che tali pilastri siano i presupposti per garantire il corretto funzionamento del mercato interno e dell'Unione economica e monetaria, nonché per rafforzare la posizione dell'Europa nel mondo; è persuaso del fatto che siano più che mai importanti per il futuro impegno dell'Europa;

Emendamento    7

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 4 bis (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

4 bis.  sottolinea che l'UE deve rispettare gli impegni assunti nei trattati, ad esempio la promozione del benessere dei suoi popoli, della piena occupazione, del progresso sociale, della coesione sociale, della giustizia e della protezione sociali, della concorrenza leale, della parità tra donne e uomini, della solidarietà tra le generazioni, della tutela dei diritti del minore, dello sviluppo di un'istruzione di qualità e della conoscenza e della diffusione del patrimonio culturale europeo; insiste affinché l'Unione persegua detti obiettivi con mezzi appropriati che garantiscano il miglioramento costante delle condizioni di vita e di occupazione dei suoi popoli e contribuiscano a mantenere e rafforzare i diritti fondamentali contemplati dalla Carta, nonché a tutelarli maggiormente;

Emendamento    8

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 4 ter (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

4 ter.  rileva che l'Unione europea deve tener fede al proprio impegno di essere un leader mondiale nell'attuazione degli OSS delle Nazioni Unite;

Emendamento    9

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 5

Proposta di risoluzione

Emendamento

5.  ritiene che il prossimo QFP debba permettere all'Unione di offrire soluzioni e uscire rafforzata dalle crisi del decennio: la crisi economica e finanziaria, il fenomeno della migrazione e dei profughi, il cambiamento climatico e le calamità naturali, il terrorismo e l'instabilità, per citarne alcune; sottolinea che tali sfide transfrontaliere globali, che hanno implicazioni a livello nazionale, evidenziano l'interdipendenza delle nostre economie e società e sottolineano la necessità di un'azione comune;

5.  ritiene che il prossimo QFP debba permettere all'Unione di offrire soluzioni e uscire rafforzata dalle crisi del decennio: la crisi economica, sociale e finanziaria, l'acuirsi delle disuguaglianze, la povertà, in particolare la povertà infantile, e l'esclusione sociale, il fenomeno della migrazione e dei profughi, il cambiamento climatico e le calamità naturali, il terrorismo e l'instabilità, per citarne alcune; sottolinea che tali sfide transfrontaliere globali, che hanno implicazioni a livello nazionale, evidenziano l'interdipendenza delle nostre economie e società e sottolineano la necessità di un'azione comune;

Emendamento    10

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 7

Proposta di risoluzione

Emendamento

7.  chiede, pertanto, di continuare a sostenere le attuali politiche dell'Unione, in particolare quelle consolidate da tempo e sancite dai trattati, vale a dire la politica agricola comune, la politica comune della pesca e la politica di coesione; respinge qualsiasi tentativo di rinazionalizzare tali politiche, in quanto ciò non ridurrebbe l'onere finanziario per i contribuenti e consumatori, né garantirebbe risultati migliori, ma ostacolerebbe invece la crescita e il funzionamento del mercato interno, aggravando nel contempo le disparità tra territori e settori economici; intende garantire all'UE-27 il medesimo livello di finanziamento per tali politiche nel prossimo periodo di programmazione, migliorandone nel contempo il valore aggiunto e semplificando le procedure ivi associate;

7.  chiede, pertanto, di continuare a sostenere le attuali politiche dell'Unione, in particolare quelle consolidate da tempo e sancite dai trattati, vale a dire la politica agricola comune, la politica comune della pesca e la politica di coesione; respinge qualsiasi tentativo di rinazionalizzare tali politiche, in quanto ciò non ridurrebbe l'onere finanziario per i contribuenti e consumatori, né garantirebbe risultati migliori, ma ostacolerebbe invece la crescita, la solidarietà e il funzionamento del mercato interno, acuendo ulteriormente nel contempo le disuguaglianze e aggravando le disparità tra territori e settori economici; intende garantire all'UE-27 almeno il medesimo livello di finanziamento per tali politiche nel prossimo periodo di programmazione, migliorandone nel contempo il valore aggiunto e semplificando le procedure ivi associate;

Emendamento    11

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 17

Proposta di risoluzione

Emendamento

17.  ritiene che, traducendo le priorità politiche dell'UE in investimenti concreti, il quadro finanziario pluriennale costituisce uno strumento eccellente per la programmazione a lungo termine del progetto europeo e per garantire un certo grado di stabilità degli investimenti pubblici negli Stati membri; ricorda, inoltre, che il bilancio dell'UE è in primo luogo un bilancio d'investimento e che rappresenta un'ulteriore fonte di finanziamento complementare alle azioni intraprese ai livelli nazionale, regionale e locale;

17.  ritiene che, traducendo le priorità politiche dell'UE in investimenti concreti, ivi compresi investimenti sociali, il quadro finanziario pluriennale costituisce uno strumento eccellente per la programmazione a lungo termine del progetto europeo e per garantire un certo grado di stabilità degli investimenti pubblici negli Stati membri; ricorda, inoltre, che il bilancio dell'UE è in primo luogo un bilancio d'investimento e che rappresenta un'ulteriore fonte di finanziamento complementare alle azioni intraprese ai livelli nazionale, regionale e locale;

Emendamento    12

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 17 bis (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

17 bis.  chiede di aumentare gli investimenti nella creazione di posti di lavoro di qualità nei settori orientati al futuro, nell'economia sociale e nei settori sociale, sanitario e assistenziale;

Emendamento    13

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 37

Proposta di risoluzione

Emendamento

37.  ritiene che l'impiego del FEG, che offre la solidarietà e il sostegno dell'Unione ai lavoratori rimasti disoccupati in conseguenza delle trasformazioni rilevanti della struttura del commercio mondiale derivanti dalla globalizzazione o della crisi economica e finanziaria globale, non sia stato all'altezza delle aspettative e che debba essere migliorato; richiama inoltre l'attenzione sul fatto che le procedure per l'attuazione del sostegno a titolo del FEG sono troppo lunghe e farraginose; ritiene che, nell'ambito del nuovo QFP, un FEG riveduto debba beneficiare quanto meno di una dotazione annuale identica;

37.  ritiene che l'impiego del FEG, che offre la solidarietà e il sostegno dell'Unione ai lavoratori rimasti disoccupati in conseguenza delle trasformazioni rilevanti della struttura del commercio mondiale derivanti dalla globalizzazione o della crisi economica e finanziaria globale, non abbia sfruttato il suo pieno potenziale e possa essere ulteriormente migliorato al fine di raggiungere e reinserire in maniera efficace i lavoratori in esubero (anche nelle PMI) nel mercato del lavoro e raggiungere più Stati membri;

Emendamento    14

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 47

Proposta di risoluzione

Emendamento

47.  chiede una reale semplificazione del sistema di bilancio dell'Unione nel prossimo QFP; sottolinea, in particolare, la necessità di ridurre le sovrapposizioni tra gli strumenti che servono tipi simili di azioni, ad esempio nei settori dell'innovazione, delle PMI o dei trasporti, e la necessità di eliminare la concorrenza esistente tra diverse forme e fonti di finanziamento, al fine di assicurare la massima complementarità e fornire un quadro finanziario coerente;

47.  chiede una reale semplificazione del sistema di bilancio dell'Unione nel prossimo QFP; sottolinea, in particolare, la necessità di ridurre le sovrapposizioni tra gli strumenti che servono tipi simili di azioni, senza rischiare di perdere importanti elementi dei vari programmi, ad esempio nei settori dell'innovazione, delle PMI o dei trasporti, e la necessità di eliminare la concorrenza esistente tra diverse forme e fonti di finanziamento, creando maggiori sinergie tra gli strumenti al fine di assicurare la massima complementarità e di affrontare in maniera più efficace problemi strutturali come la disoccupazione e le sfide demografiche, determinando così un quadro finanziario più coerente;

Emendamento    15

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 62

Proposta di risoluzione

Emendamento

62.  invita la Commissione a semplificare e armonizzare le norme che disciplinano l'uso degli strumenti finanziari nel prossimo QFP al fine di massimizzarne l'efficace applicazione; considera la possibilità di un fondo unico che integri gli strumenti finanziari a livello dell'Unione che sono gestiti in modo centralizzato nell'ambito di programmi quali il meccanismo per collegare l'Europa, Orizzonte 2020, COSME, Europa creativa e il programma per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI) da una parte, e il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) dall'altra, come una proposta da discutere ulteriormente; è del parere che una simile soluzione ombrello dovrebbe fornire una struttura chiara per la scelta di diversi tipi di strumenti finanziari per diversi settori politici e tipi di azioni; sottolinea, tuttavia, che un tale fondo non potrebbe mai integrare gli strumenti finanziari gestiti dagli Stati membri nel quadro della politica di coesione;

62.  invita la Commissione a semplificare e armonizzare le norme che disciplinano l'uso degli strumenti finanziari nel prossimo QFP al fine di massimizzarne l'efficace applicazione; considera la possibilità di un fondo unico che integri gli strumenti finanziari a livello dell'Unione che sono gestiti in modo centralizzato nell'ambito di programmi quali il meccanismo per collegare l'Europa, Orizzonte 2020, COSME, Europa creativa e il programma per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI) da una parte, e il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) dall'altra, come una proposta da discutere ulteriormente; è del parere che una simile soluzione ombrello potrebbe fornire una struttura chiara per la scelta di diversi tipi di strumenti finanziari per diversi settori politici e tipi di azioni; sottolinea, tuttavia, che un tale fondo non potrebbe mai integrare gli strumenti finanziari gestiti dagli Stati membri nel quadro della politica di coesione;

Emendamento    16

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 65 – rubrica 2 – comma 1 – trattino 1 – punto 1

Progetto di parere

Emendamento

–  investimenti nell'innovazione, la digitalizzazione, la reindustrializzazione, le PMI, i trasporti, l'adeguamento ai cambiamenti climatici

–  investimenti in innovazione, digitalizzazione, reindustrializzazione, PMI, trasporti, adeguamento ai cambiamenti climatici e sfide demografiche

Emendamento    17

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 65 – rubrica 2 – comma 1 – trattino 1 – punto 2

Progetto di parere

Emendamento

–  occupazione, affari sociali e inclusione

–  occupazione, affari sociali e inclusione, riduzione delle disuguaglianze e lotta alla povertà

 

  adeguamento delle competenze e delle qualifiche alle esigenze del mercato del lavoro

 

  riduzione delle differenze nelle prestazioni occupazionali tra gli Stati membri e i paesi candidati

Emendamento    18

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 65 – rubrica 2 – comma 1 – trattino 2

Progetto di parere

Emendamento

–  istruzione e formazione lungo tutto l'arco della vita

–  istruzione, con particolare enfasi sulle competenze digitali e imprenditoriali, e formazione lungo tutto l'arco della vita

Emendamento    19

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 68

Proposta di risoluzione

Emendamento

68.  ritiene che il prossimo QFP dovrebbe prevedere una maggiore concentrazione delle risorse di bilancio in settori che dimostrano un chiaro valore aggiunto europeo e stimolano la crescita economica, la competitività e l'occupazione; sottolinea, in tale contesto, l'importanza della ricerca e dell'innovazione nella creazione di un'economia basata sulla conoscenza sostenibile e all'avanguardia a livello mondiale, e deplora che, a causa della mancanza di finanziamenti adeguati, solo una piccola parte dei progetti di alta qualità in questo campo abbia beneficiato di finanziamenti unionali nell'ambito dell'attuale QFP;

68.  ritiene che il prossimo QFP dovrebbe prevedere una maggiore concentrazione delle risorse di bilancio in settori che dimostrano un chiaro valore aggiunto europeo e stimolano lo sviluppo economico e l'inclusione sociale, la competitività e l'occupazione;

Emendamento    20

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 74

Proposta di risoluzione

Emendamento

74.  sottolinea l'importanza di assicurare finanziamenti per il completamento del mercato unico digitale, utilizzando appieno lo spettro, dispiegando il 5G e la connettività Gigabit, nonché compiendo ulteriori progressi nell'armonizzazione delle norme unionali in materia di telecomunicazioni per creare il quadro normativo appropriato per il miglioramento della connettività internet in tutta l'Unione; sottolinea che il CEF - Telecomunicazioni nel settore delle telecomunicazioni dovrebbe continuare a sostenere le infrastrutture di servizio digitale e le reti a banda larga rendendole accessibili anche nelle regioni remote e nelle zone rurali, e migliorando l'alfabetizzazione digitale, l'interconnettività e l'interoperabilità;

74.  sottolinea l'importanza di assicurare finanziamenti per il completamento del mercato unico digitale, utilizzando appieno lo spettro, dispiegando il 5G e la connettività Gigabit, nonché compiendo ulteriori progressi nell'armonizzazione delle norme unionali in materia di telecomunicazioni per creare il quadro normativo appropriato per il miglioramento della connettività internet in tutta l'Unione; sottolinea che il CEF - Telecomunicazioni nel settore delle telecomunicazioni dovrebbe continuare a sostenere le infrastrutture di servizio digitale e le reti a banda larga rendendole accessibili anche nelle regioni remote e nelle zone rurali, e migliorando l'alfabetizzazione digitale, l'interconnettività e l'interoperabilità; sottolinea l'importanza di migliorare le competenze digitali dei cittadini e dei lavoratori europei;

Emendamento    21

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 81

Proposta di risoluzione

Emendamento

81.  sottolinea che la politica di coesione per il periodo successivo al 2020 dovrebbe continuare a costituire la principale politica d'investimento dell'Unione europea, includendo tutte le regioni dell'UE e destinando nel contempo la maggior parte delle risorse alle regioni più vulnerabili; ritiene che, al di là dell'obiettivo relativo alla riduzione delle disparità tra i livelli di sviluppo e al rafforzamento delle convergenza, sancito nel trattato, la politica di sviluppo dovrebbe focalizzarsi sul conseguimento dei grandi obiettivi politici dell'Unione e, pertanto, propone che nel prossimo QFP i tre fondi per la politica di coesione – il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), il Fondo sociale europeo (FSE) e il Fondo di coesione – siano essenzialmente incentrati sulla fornitura di sostegno a settori quali l'innovazione, la digitalizzazione, la reindustrializzazione, le PMI, i trasporti, l'adattamento ai cambiamenti climatici, l'occupazione e l'inclusione sociale; invita inoltre a rafforzare la componente di cooperazione territoriale e la dimensione urbana di tale politica;

81.  sottolinea che la politica di coesione per il periodo successivo al 2020 dovrebbe continuare a costituire la principale politica d'investimento dell'Unione europea, includendo tutte le regioni dell'UE e destinando nel contempo la maggior parte delle risorse alle regioni più vulnerabili; ritiene che, al di là dell'obiettivo relativo alla riduzione delle disparità tra i livelli di sviluppo e al rafforzamento della convergenza in solidarietà tra gli Stati membri, sancito nel trattato, la politica di sviluppo dovrebbe focalizzarsi sul conseguimento dei grandi obiettivi politici dell'Unione e, pertanto, propone che nel prossimo QFP i tre fondi per la politica di coesione – il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), il Fondo sociale europeo (FSE) e il Fondo di coesione – siano essenzialmente incentrati sulla fornitura di sostegno per migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei cittadini dell'UE nelle regioni che presentano ritardi di sviluppo, concentrandosi su settori quali l'innovazione, la digitalizzazione, la reindustrializzazione, le PMI, i trasporti, l'adattamento ai cambiamenti climatici, l'occupazione, l'inclusione sociale e la riduzione della povertà, nonché le sfide demografiche (inclusi lo spopolamento e la dispersione della popolazione); invita inoltre a rafforzare la componente di cooperazione territoriale e la dimensione urbana di tale politica;

Emendamento    22

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 82

Proposta di risoluzione

Emendamento

82.  ritiene che sia assolutamente fondamentale mantenere il livello di finanziamento della politica di coesione dopo il 2020 per l'UE-27 almeno al livello della dotazione del periodo 2014-2020; evidenzia che il PIL dovrebbe continuare a essere uno dei parametri per l'attribuzione dei fondi della politica di coesione, ma è dell'opinione che dovrebbe essere integrato da una serie aggiuntiva di indicatori sociali, ambientali e demografici al fine di tenere in maggiore considerazione le nuove tipologie di disuguaglianze tra le regioni dell'UE; è inoltre favorevole a che gli elementi che hanno reso la politica di coesione più moderna e orientata ai risultati nell'attuale QFP siano mantenuti nel nuovo periodo di programmazione;

82.  ritiene che non sarà sufficiente mantenere il livello di finanziamento della politica di coesione dopo il 2020 per l'UE-27 almeno al livello della dotazione del periodo 2014-2020 per ridurre le divergenze, in particolare le divergenze sociali derivanti da un decennio di crisi economica; chiede pertanto un sostanziale aumento dei fondi di tale politica, in particolare dell'FSE; evidenzia che il PIL dovrebbe continuare a essere uno dei parametri per l'attribuzione dei fondi della politica di coesione, ma è dell'opinione che dovrebbe essere integrato da una serie aggiuntiva di indicatori sociali, ambientali e demografici al fine di tenere in maggiore considerazione le nuove tipologie di disuguaglianze tra le regioni dell'UE; è inoltre favorevole a che gli elementi che hanno reso la politica di coesione più moderna e orientata ai risultati nonché finalizzata all'inclusione sociale nell'attuale QFP siano mantenuti nel nuovo periodo di programmazione;

Emendamento    23

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 83

Proposta di risoluzione

Emendamento

83.  si impegna fortemente ai fini della realizzazione di un'Europa sociale e dell'attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali, e pone in luce gli strumenti esistenti che contribuiscono a tali obiettivi, segnatamente l'FSE, l'iniziativa a favore dell'occupazione giovanile, il Fondo di aiuti europei agli indigenti, il FEG e l'EaSI; ritiene che gli strumenti indicati debbano essere salvaguardati nel prossimo QFP;

83.  si impegna fortemente, in virtù dell'articolo 9 TFUE, ai fini della realizzazione di un'Europa sociale e dell'attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali, basato sulla crescita sostenibile di un'economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale e alla promozione della parità tra donne e uomini, della solidarietà tra le generazioni e della protezione dei diritti dei minori, come sancito dal trattato; sottolinea che suddetta attuazione richiede l'adeguato finanziamento delle politiche sociali, considerando che, al momento, la spesa in campo sociale non è sufficiente, e pone in evidenza la conseguente necessità di incrementare i finanziamenti degli strumenti esistenti che contribuiscono a tali obiettivi, segnatamente l'FSE, l'iniziativa a favore dell'occupazione giovanile, il Fondo di aiuti europei agli indigenti, il FEG e l'EaSI; insiste affinché gli strumenti indicati siano salvaguardati nel prossimo QFP e continuino a essere attuati soprattutto mediante sovvenzioni;

Emendamento    24

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 83 bis (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

83 bis.  ritiene che dovrebbe essere assegnata al Fondo sociale europeo una quota adeguata delle risorse finanziarie stanziate per la politica di coesione, affinché esso possa sia affrontare con successo le nuove sfide, ad esempio quelle connesse all'attuazione tempestiva del pilastro europeo dei diritti sociali e allo sviluppo del dialogo sociale, sia continuare a promuovere la creazione di posti di lavoro dignitosi, a contrastare la disoccupazione a lungo termine e a integrare i lavoratori anziani nel mercato del lavoro, a garantire lo sviluppo delle competenze e l'apprendimento permanente, a incoraggiare gli investimenti sociali nei servizi sociali di qualità e l'economia sociale, nonché a combattere la povertà, le diseguaglianze e il cambiamento demografico; insiste affinché sia mantenuta l'autonomia dell'FSE, in modo da garantire un ulteriore contributo del fondo alla coesione economica e sociale;

Emendamento    25

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 83 ter (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

83 ter.  sottolinea in particolare che l'FSE dovrebbe ampliare il proprio sostegno allo sviluppo del dialogo sociale, segnatamente migliorando il consolidamento delle capacità delle parti sociali, ivi compreso a livello settoriale e intersettoriale europeo, e che tale impegno dovrebbe divenire obbligatorio per gli Stati membri in tutte le regioni dell'UE; ritiene che dovrebbero essere assegnate adeguate risorse dell'FSE a favore di attività bilaterali e/o unilaterali di consolidamento delle capacità intraprese dalle parti sociali per rafforzare il dialogo sociale; sottolinea che dovrebbero essere rispettate in qualsiasi momento le esigenze dei beneficiari con scarse capacità amministrative;

Emendamento    26

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 83 quater (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

83 quater.  richiama l'attenzione sul fatto che il numero totale di persone a rischio di povertà o di esclusione sociale resta molto elevato – 118 milioni (23,5 %) della popolazione totale dell'UE nel 2016, cifra ben lungi dal raggiungere l'obiettivo di Europa 2020 in materia di povertà ed esclusione sociale; chiede, pertanto, un aumento delle risorse finanziarie per le misure di politica sociale; invita la Commissione a prendere in considerazione l'introduzione di una quota minima del 30 % dell'FSE per combattere la povertà e l'esclusione sociale e a monitorare da vicino l'effettivo utilizzo della quota destinata a tale scopo; sottolinea altresì il ruolo speciale del FEAD nel facilitare le organizzazioni che operano a favore dei più bisognosi e nell'affrontare i problemi strutturali legati alla povertà alimentare e al crescente problema della povertà energetica;

Emendamento    27

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 83 quinquies (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

83 quinquies.  sottolinea il ruolo essenziale svolto dal programma EaSI per l'elaborazione di adeguate soluzioni politiche innovative, volte ad affrontare con successo le varie sfide, ancora più complesse, a livello sociale e occupazionale, nonché a fornire il sostegno necessario al consolidamento delle capacità istituzionali e al funzionamento delle varie organizzazioni coinvolte nell'attuazione di misure di politica sociale, prestando particolare attenzione al rafforzamento del dialogo sociale e della contrattazione collettiva, oltre che a promuovere con successo una mobilità transfrontaliera dei lavoratori equa e volontaria e agevolare ulteriormente l'accesso dei gruppi vulnerabili, delle microimprese e delle imprese sociali alla microfinanza; insiste pertanto sulla necessità di sostenere nel quadro del programma EaSI lo stanziamento del 55 % all'asse Progress;

Emendamento    28

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 84

Proposta di risoluzione

Emendamento

84.  evidenzia in particolare la continua necessità di contrastare la disoccupazione, segnatamente tra i giovani, e invita pertanto a raddoppiare la dotazione dell'iniziativa a favore dell'occupazione giovanile nel prossimo periodo di programmazione; reputa che gli investimenti a favore dell'istruzione e della formazione, in particolare per quanto concerne lo sviluppo di competenze digitali, restino una delle priorità assolute dell'UE;

84.  sottolinea che la lotta alla disoccupazione giovanile, segnatamente tra i NEET, dovrebbe restare una priorità assoluta e invita pertanto a raddoppiare la dotazione dell'iniziativa a favore dell'occupazione giovanile assicurando, nel contempo, un impiego rapido e semplificato dei fondi e trasformandola in uno strumento finanziario dell'UE più stabile nel periodo dopo il 2020; reputa che investimenti adeguati siano essenziali per la promozione dell'istruzione e della formazione, in particolare a sostegno dell'istruzione duale e dello sviluppo di competenze, in particolare delle competenze digitali, della promozione dell'imprenditoria e di apprendistati di qualità tra i giovani, quali meccanismi per incoraggiare la creazione di posti di lavoro e l'accesso diretto all'occupazione, garantendo in particolare condizioni di lavoro dignitose e protezione sociale;

Emendamento    29

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 84 bis (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

84 bis.  crede fermamente che i finanziamenti dell'UE, in particolare quelli di cui alle rubriche 1 bis e 1 ter, non debbano essere utilizzati per sovvenzionare approcci nazionali ma debbano invece essere destinati a fornire sostegno supplementare alle persone in situazioni di esclusione sociale e disoccupazione, in modo da integrare e potenziare i programmi nazionali in base a quanto stabilito dagli Stati membri;

Emendamento    30

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 85

Proposta di risoluzione

Emendamento

85.  esprime sostegno ai programmi nei settori della cultura, dell'istruzione, dei media, della gioventù, dello sport e della cittadinanza, che hanno chiaramente dimostrato il loro valore aggiunto europeo e godono di una solida popolarità tra i beneficiari; auspica pertanto continui investimenti nell'ambito del quadro strategico "Istruzione e formazione 2020" attraverso i programmi Erasmus+, Europa creativa ed Europa per i cittadini al fine di continuare a raggiungere i giovani e fornire loro preziose competenze e abilità per la vita, attraverso opportunità di apprendimento permanente, di istruzione imperniata sul discente e non formale nonché di apprendimento informale; chiede in particolare che la dotazione del programma Erasmus+ sia triplicata nel prossimo QFP allo scopo di raggiungere un maggior numero di giovani e discenti in tutta Europa nonché di realizzare appieno il potenziale del programma; raccomanda inoltre di dare continuità al Corpo europeo di solidarietà e ribadisce il proprio sostegno al rafforzamento della dimensione esterna dei programmi Erasmus+ ed Europa creativa;

85.  esprime sostegno ai programmi nei settori della cultura, dell'istruzione, dei media, della gioventù, dello sport e della cittadinanza, che hanno chiaramente dimostrato il loro valore aggiunto europeo e godono di una solida popolarità tra i beneficiari; auspica pertanto continui investimenti nell'ambito del quadro strategico "Istruzione e formazione 2020" attraverso i programmi Erasmus+, Europa creativa ed Europa per i cittadini al fine di continuare a raggiungere i giovani e fornire loro preziose competenze e abilità per la vita, attraverso opportunità di apprendimento permanente, di istruzione imperniata sul discente e non formale nonché di apprendimento informale; chiede in particolare che la dotazione del programma Erasmus+ sia triplicata nel prossimo QFP allo scopo di raggiungere un maggior numero di giovani e discenti in tutta Europa nonché di realizzare appieno il potenziale del programma; raccomanda di mantenere il programma Erasmus+ quale "marchio dell'UE" forte e indipendente, e di consentire all'elevato grado di competenze che lo caratterizza di operare in autonomia; ribadisce inoltre il proprio sostegno al rafforzamento della dimensione esterna dei programmi Erasmus+ ed Europa creativa;

Emendamento    31

a nome della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Proposta di risoluzione

Paragrafo 85 bis (nuovo)

Proposta di risoluzione

Emendamento

 

85 bis.  osserva che la Commissione ha lanciato il Corpo europeo di solidarietà senza previa discussione e approvazione da parte del Consiglio e del Parlamento europeo, che al momento stanno lavorando per migliorare la proposta della Commissione; ne raccomanda il proseguimento e insiste affinché siano fornite adeguate risorse senza compromettere il finanziamento dei programmi o fondi esistenti; sottolinea in particolare, in questo contesto, la necessità di un finanziamento che non indebolisca il programma Erasmus+;

INFORMAZIONI SULL'APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

23.1.2018

 

 

 

(1)

  Cfr. paragrafo 73 della risoluzione del Parlamento europeo del 6 luglio 2016 sulla preparazione della revisione post-elettorale del QFP 2014-2020: Il contributo del Parlamento in vista della proposta della Commissione (testi approvati, P8_TA(2016)0309), e paragrafo 5 della sua risoluzione del 27 aprile 2017 recante le osservazioni che costituiscono parte integrante delle decisioni sul discarico per l'esecuzione del bilancio generale dell'Unione europea per l'esercizio 2015, sezione III – Commissione e agenzie esecutive (testi approvati, P8_TA(2017)0143).

(2)

  Cfr. ad esempio le relazioni speciali della Corte dei conti europea nn. 4, 8, 19 e 23 del 2016.

(3)

  Cfr. punto 55.

(4)

  Relazione speciale n. 19/2016 della Corte dei conti europea dal titolo "L'esecuzione del bilancio dell'Unione tramite gli strumenti finanziari: insegnamenti utili del periodo di programmazione 2007-2013".

(5)

  Cfr. punti 39 e 40.

(6)

  Cfr. paragrafo 207 della sua risoluzione del 27 aprile 2017 recante le osservazioni che costituiscono parte integrante delle decisioni sul discarico per l'esecuzione del bilancio generale dell'Unione europea per l'esercizio 2015, sezione III – Commissione e agenzie esecutive (testi approvati, P8_TA(2017)0143).

(7)

  Commissione europea, "Future financing of the EU – Final report and recommendations of the High Level Group on Own Resources" (relazione finale e raccomandazioni del gruppo ad alto livello sulle risorse proprie in merito al futuro finanziamento dell'Unione), 4 gennaio 2017, pagg. 41-43.


PARERE della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (26.1.2018)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Anneli Jäätteenmäki

SUGGERIMENTI

La commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  invita la Commissione a strutturare il prossimo quadro finanziario pluriennale (QFP) in modo che rifletta chiaramente le priorità dell'UE per gli anni a venire e contribuisca in modo diretto e trasparente agli investimenti in progetti aventi un chiaro valore aggiunto europeo, in particolare in relazione alle risorse necessarie per realizzare la transizione verso un'economia circolare e a basse emissioni di carbonio, sostenere e rafforzare il ruolo di primo piano dell'UE nella lotta ai cambiamenti climatici e garantire che essa sia in grado di adempiere i propri obblighi internazionali ai sensi dell'accordo di Parigi e degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite nonché i suoi impegni e obiettivi interni e esterni in materia di biodiversità;

2.  richiama l'attenzione sulle prime raccomandazioni del gruppo di esperti ad alto livello sulla finanza sostenibile(1), tra cui quelle relative al QFP, e sottolinea che gli obiettivi in materia di sostenibilità devono essere sostenuti da un sistema finanziario capace di promuovere una crescita a lungo termine e sostenibile; invita inoltre la Commissione a esaminare tali raccomandazioni per il prossimo QFP e a dar loro seguito, anche per quanto riguarda la necessità di elaborare un "test di sostenibilità" per tutte le future regolamentazioni e politiche finanziarie dell'UE e di assicurare che gli strumenti finanziari esercitino un maggiore effetto orientativo nei confronti delle politiche;

3.  chiede alla Commissione di verificare il reale impatto delle misure di inverdimento e ambientali della PAC nell'ambito del Fondo per lo sviluppo rurale sulle condizioni dell'ambiente e di finanziare dette misure sulla base dei loro risultati effettivi; pone l'accento sulla necessità di separare i finanziamenti a favore di natura e biodiversità e quelli destinati alla transizione verso un'agricoltura sostenibile;

4.  invita la Commissione a prendere atto dei risultati della revisione intermedia del 7° programma di azione per l'ambiente, e in particolare del fatto che è improbabile che i suoi obiettivi vengano raggiunti entro il 2020; invita la Commissione a mettere a disposizione risorse per raggiungere detti obiettivi come pure risorse aggiuntive in vista dell'orizzonte temporale 2050, prestando particolare attenzione alle pressioni di ordine ambientale;

5.  osserva che l'articolo 2 dell'accordo di Parigi sottolinea la necessità di rendere i flussi finanziari compatibili con un percorso che conduca a uno sviluppo a basse emissioni di gas a effetto serra e resiliente dal punto di vista climatico, e che riforme adeguate del QFP post-2020 sono essenziali per conseguire l'obiettivo di emissioni prossime allo zero entro il 2050;

6.  invita la Commissione a garantire che il prossimo QPF sia coerente con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite al fine di accrescere la coerenza della spesa dell'Unione e migliorare l'equilibrio tra le dimensioni economica, sociale e ambientale;

7.  mette in evidenza che il bilancio dell'Unione diminuirà per effetto della Brexit; invita pertanto la Commissione a definire priorità chiare e rigorose dal momento che saranno disponibili meno risorse;

8.  sottolinea che il prossimo QFP deve essere compatibile con gli impegni assunti dall'Unione all'esterno, come gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, e con i suoi obiettivi a lungo termine nel campo delle spese legate al clima, nonché contribuire attivamente al loro adempimento come pure a una riforma del bilancio dell'Unione che porti a un bilancio maggiormente efficace sulla base di risorse proprie supplementari; ritiene che ciò possa essere realizzato solamente tenendo in considerazione in modo completo e sistematico le questioni climatiche nella spesa dell'UE, anche per quanto riguarda la mitigazione e l'adattamento, e monitorando anno per anno l'esecuzione della spesa; invita, pertanto, la Commissione a sviluppare un metodo di calcolo trasparente e affidabile che possa fornire prova degli effetti previsti per la spesa relativa al clima, nonché la loro ponderazione per la valutazione ex-post nel quadro degli obblighi di informazione;

9.  osserva che un efficace approccio a medio termine nell'ambito delle politiche ambientali necessita di stabilità finanziaria; ritiene, in tale contesto, che una durata di sette anni sarebbe possibile anche per il prossimo QFP, fornendo l'opportuna flessibilità e la possibilità di effettuare una revisione intermedia;

10.  ricorda che per raggiungere gli obiettivi della politica in materia di clima e migliorare le condizioni dell'ambiente è necessaria la sinergia di diverse politiche; chiede di prendere in considerazione un eventuale finanziamento della politica di coesione in tale ambito;

11.  sottolinea che la transizione verso un'economia circolare sostenibile e a basse emissioni di carbonio è l'unico modo per assicurare un ambiente di vita salutare, il benessere a lungo termine dei cittadini dell'Unione e la prosperità dell'economia europea; ritiene che l'UE dovrebbe essere il leader mondiale nella transizione verso un'economia sostenibile, circolare e a basse emissioni di carbonio e un sistema sostenibile di produzione e consumo; ricorda, in tale contesto, l'importanza del necessario finanziamento di ricerca e sviluppo;

12.  ricorda che il prossimo QFP dovrebbe aiutare l'Unione non solo a conseguire i suoi obiettivi ambientali e gli obiettivi in materia di clima ed energia per il 2030, ma anche a onorare gli impegni multilaterali relativi allo sviluppo sostenibile e all'ambiente come gli obiettivi di sviluppo sostenibile o la Convenzione sulla diversità biologica, in particolare l'obiettivo di Aichi; sottolinea che l'UE non dovrebbe finanziare progetti o investimenti che contrastino con tali obiettivi, ne rendano più difficile la realizzazione o siano incompatibili con il loro conseguimento;

13.  sottolinea che l'UE dovrebbe sostenere le regioni in cui si registrano livelli elevati di inquinamento atmosferico al fine di migliorare sostanzialmente la qualità dell'aria, dal momento che in tali regioni i problemi sono spesso legati alla povertà energetica;

14.  sottolinea l'importanza di proseguire e rafforzare programmi adeguatamente finanziati per la salvaguardia della biodiversità e la protezione dell'ambiente, come il programma LIFE, attraverso finanziamenti indipendenti e accresciuti nel prossimo QFP; sottolinea che il programma LIFE è il solo strumento finanziario previsto dal bilancio dell'Unione ad essere interamente dedicato all'ambiente, alla conservazione della natura e ai cambiamenti climatici; invita la Commissione a far sì che i futuri strumenti finanziari per l'agricoltura e lo sviluppo rurale e regionale prevedano dotazioni specifiche per la biodiversità e la gestione della rete Natura 2000 in regime di gestione congiunta da parte dalle autorità ambientali nazionali e regionali;

15.  sottolinea il potenziale offerto dalle infrastrutture verdi e dalle soluzioni basate sulla natura per la fornitura di servizi alla società in modo efficiente sotto il profilo dei costi; pone l'accento sulla necessità di prendere debitamente in considerazione tali alternative verdi per la fornitura di servizi in sede di adozione delle decisioni relative ai finanziamenti rurali e regionali e chiede che sia istituito uno strumento specifico finalizzato alla creazione della rete transeuropea delle infrastrutture verdi (TEN-G), onde apportare vantaggi in termini di biodiversità;

16.  sottolinea che i vari fondi dovrebbero essere più coerenti e collaborare in modo più efficace per far fronte alle sfide nazionali, regionali e locali, in modo tale da consentire, ad esempio, la giusta transizione delle regioni che dipendono dal carbone, contrastare la povertà energetica o combattere la perdita di biodiversità;

17.  riconosce il valore aggiunto europeo della collaborazione nella lotta alle minacce comuni alla salute pubblica; ritiene che, sulla base dei risultati positivi iniziali dell'attuale programma per la salute, il prossimo QFP dovrebbe includere un solido programma per la salute che affronti le problematiche sanitarie su base transfrontaliera e fornisca sostegno agli Stati membri sotto forma di competenze e scambio di dati, elementi di prova e buone prassi; chiede che il prossimo QFP tenga conto, anche mediante un significativo aumento dei finanziamenti a favore del programma per la salute, della responsabilità dell'UE di realizzare l'obiettivo di sviluppo sostenibile n. 3 relativo alla salute pubblica, ai sistemi sanitari e ai problemi sanitari legati all'ambiente, e sostenga gli Stati membri nella lotta contro le disuguaglianze sanitarie che mettono a repentaglio la coesione sociale e ostacolano l'integrazione europea;

18.  riconosce il ruolo dell'agricoltura e della silvicoltura sostenibili quali componenti chiave dell'attività dell'UE per la lotta ai cambiamenti climatici e alla perdita di biodiversità nonché per la promozione della sostenibilità ambientale; ritiene necessario garantire che la politica agricola comune (PAC) sia in linea con gli obiettivi e le politiche dell'UE in materia di ambiente, biodiversità e clima; ricorda che il prossimo QFP dovrebbe guidare la PAC dopo il 2020 verso una politica agricola equa, efficace ed efficiente il cui obiettivo fondamentale sia di agevolare la transizione verso un sistema alimentare e agricolo sostenibile in Europa; sottolinea che è necessario fornire fondi sufficienti per il conseguimento degli obiettivi; si compiace dell'approccio strategico della Commissione presentato nella comunicazione del 29 novembre 2011 dal titolo "Il futuro dell'alimentazione e dell'agricoltura" (COM(2017)0713), teso a fornire agli Stati membri maggiore flessibilità nel reperire i mezzi adeguati per guidare il proprio settore agricolo verso il raggiungimento degli obiettivi ambientali comuni nel modo più efficace;

19.  invita la Commissione a continuare a sostenere la ricerca e l'innovazione in relazione alle alternative alla sperimentazione animale e a destinare maggiori risorse finanziarie ai progetti di ricerca e sviluppo realizzati nell'UE; invita la Commissione e gli Stati membri a continuare a finanziare lo sviluppo di alternative e a lavorare nel quadro di strutture internazionali per accelerare la convalida e l'accettazione di metodi alternativi, nonché a sostenere i paesi terzi attraverso il trasferimento delle conoscenze laddove gli scienziati potrebbero non essere a conoscenza di metodi alternativi e finanziariamente qualora le strutture di sperimentazione non dispongano dell'infrastruttura necessaria;

20.  sottolinea che il prossimo QFP deve prendere in considerazione le sfide sociali che si pongono alle comunità locali e regionali in cui si registra una percentuale elevata di lavoratori in settori dipendenti dal carbonio nella loro necessaria transizione verso una società a basse emissioni di carbonio; chiede che i fondi e i programmi dell'UE siano destinati, in modo coerente, ad agevolare una transizione equa in tali comunità sostenendo la riconversione professionale, la riqualificazione e il miglioramento delle competenze dei lavoratori nonché l'istruzione, le iniziative per la ricerca del lavoro e le start-up, in stretta collaborazione con le parti sociali;

21.  sottolinea l'importanza di rafforzare e razionalizzare la politica in materia di clima ed energia, in particolare per quanto riguarda tutti gli obiettivi dell'Unione dell'energia, che dovrebbero essere sostenuti dagli strumenti esistenti, ossia nel quadro della politica di coesione, e da strumenti nuovi;

22.  chiede che i finanziamenti alle agenzie dell'Unione siano coerenti con i compiti loro affidati;

23.  segnala l'esigenza, in relazione agli impegni assunti nel quadro dell'accordo di Parigi, di istituire uno strumento globale per le regioni e i paesi dipendenti dal carbone, al fine di sostenere un'equa transizione energetica, soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo e l'utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili, la modernizzazione della produzione di energia e delle reti elettriche, l'adeguamento precoce alle future norme ambientali, i processi di ristrutturazione dei settori dipendenti dal carbonio, la modernizzazione del teleriscaldamento (compresa la cogenerazione ad alto rendimento), lo stoccaggio di energia, le soluzioni e infrastrutture per la mobilità elettrica nonché le soluzioni in materia di efficienza energetica;

24.  ricorda l'importanza della prevenzione dell'uso illecito delle risorse e delle indagini in merito, nonché della politica antifrode; sottolinea altresì l'importanza della cooperazione con i paesi terzi al fine di istituire un sistema di monitoraggio precoce per i prodotti più pericolosi, che possono compromettere la salute e la sicurezza dei cittadini e danneggiare il nostro ambiente;

25.  ricorda che una buona salute è un presupposto per il conseguimento di altri obiettivi fissati dall'UE e che politiche come quelle agricole, ambientali, sociali e in materia di inclusione e occupazione hanno un impatto sulla salute; chiede pertanto una valutazione d'impatto rafforzata per quanto riguarda la salute e una maggiore cooperazione intersettoriale nel prossimo QFP;

26.  sottolinea l'importanza delle agenzie decentrate dell'UE nell'attuazione degli obiettivi dell'Unione in materia di tutela della salute umana e dell'ambiente (ECDC, ECHA, AEA, EFSA, EMA); invita la Commissione a garantire loro strutture di finanziamento sostenibili e sicure nell'ambito del prossimo QFP;

27.  chiede un aumento della quota del bilancio totale dell'UE destinata alle misure della politica di coesione post 2020, alla luce dell'importante contributo dei fondi strutturali e d'investimento europei al miglioramento dell'infrastruttura ambientale e sanitaria e al superamento dei divari socioeconomici tra le regioni; sottolinea che l'efficacia degli strumenti finanziari non sostituisce l'assoluta necessità di sovvenzioni in alcuni settori, in particolare a favore di progetti innovativi e rischiosi;

28.  sottolinea che nell'ambito della spesa dell'Unione per le politiche esterne si dovrebbe mantenere un elevato livello di ambizione per quanto riguarda la spesa relativa al clima e all'ambiente;

29.  chiede che il processo legislativo per l'adozione del prossimo QFP sia concluso prima delle elezioni europee del 2019, così da disporre di tempo sufficiente per la negoziazione della legislazione settoriale dell'UE ed evitare ritardi nell'attuazione dei nuovi programmi;

30.  evidenzia la necessità di fornire assistenza finanziaria dell'UE per la disattivazione nucleare oltre il 2020 nell'ambito del prossimo QFP, onde garantire un'efficace protezione dell'ambiente e della salute pubblica dai pericoli derivanti dalle radiazioni; sottolinea il carattere unico del processo, complesso e a lungo termine, di disattivazione e smaltimento delle scorie, che richiede la disponibilità di attrezzature tecniche specifiche, personale altamente qualificato e risorse finanziarie adeguate.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

24.1.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

43

3

8

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Marco Affronte, Pilar Ayuso, Ivo Belet, Simona Bonafè, Biljana Borzan, Paul Brannen, Soledad Cabezón Ruiz, Nessa Childers, Birgit Collin-Langen, Seb Dance, Mark Demesmaeker, Stefan Eck, José Inácio Faria, Francesc Gambús, Elisabetta Gardini, Gerben-Jan Gerbrandy, Arne Gericke, Julie Girling, Françoise Grossetête, Andrzej Grzyb, Jytte Guteland, Anneli Jäätteenmäki, Karin Kadenbach, Urszula Krupa, Giovanni La Via, Jo Leinen, Peter Liese, Joëlle Mélin, Susanne Melior, Gilles Pargneaux, Piernicola Pedicini, Bolesław G. Piecha, John Procter, Julia Reid, Frédérique Ries, Daciana Octavia Sârbu, Annie Schreijer-Pierik, Renate Sommer, Claudiu Ciprian Tănăsescu, Ivica Tolić, Adina-Ioana Vălean, Jadwiga Wiśniewska, Damiano Zoffoli

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Elena Gentile, Martin Häusling, Norbert Lins, Nuno Melo, Ulrike Müller, Christel Schaldemose, Bart Staes, Keith Taylor, Carlos Zorrinho

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

France Jamet, Jiří Maštálka

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

43

+

ALDE

Gerben-Jan Gerbrandy, Anneli Jäätteenmäki, Ulrike Müller, Frédérique Ries

EFDD

Piernicola Pedicini

GUE/NGL

Stefan Eck, Jiří Maštálka

PPE

Pilar Ayuso, Ivo Belet, Birgit Collin-Langen, José Inácio Faria, Francesc Gambús, Elisabetta Gardini, Françoise Grossetête, Andrzej Grzyb, Giovanni La Via, Peter Liese, Norbert Lins, Nuno Melo, Annie Schreijer-Pierik, Ivica Tolić, Adina-Ioana Vălean

S&D

Simona Bonafè, Biljana Borzan, Paul Brannen, Soledad Cabezón Ruiz, Nessa Childers, Seb Dance, Elena Gentile, Jytte Guteland, Karin Kadenbach, Jo Leinen, Susanne Melior, Gilles Pargneaux, Christel Schaldemose, Daciana Octavia Sârbu, Claudiu Ciprian Tănăsescu, Damiano Zoffoli, Carlos Zorrinho

Verts/ALE

Marco Affronte, Martin Häusling, Bart Staes, Keith Taylor

3

-

EFDD

Julia Reid

ENF

France Jamet, Joëlle Mélin

8

0

ECR

Mark Demesmaeker, Arne Gericke, Julie Girling, Urszula Krupa, Bolesław G. Piecha, John Procter, Jadwiga Wiśniewska

EPP

Renate Sommer

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

(1)

https://ec.europa.eu/info/sites/info/files/170713-sustainable-finance-report_en.pdf


PARERE della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia (15.1.2018)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Marian-Jean Marinescu

SUGGERIMENTI

La commissione per l'industria, la ricerca e l'energia invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  sottolinea l'importanza di integrare l'Unione dell'energia con una politica lungimirante in materia di cambiamenti climatici e di completare il mercato unico digitale, l'unione dei mercati dei capitali e lo spazio europeo della ricerca, quali elementi fondamentali del mercato unico; sottolinea che la politica in materia di ricerca e innovazione è una componente strategica fondamentale delle politiche energetica, industriale e digitale e sottolinea la necessità di stanziare a favore di tale politica le necessarie risorse di bilancio;

2.  rammenta che l'attuale quadro finanziario pluriennale (QFP), per il periodo 2014-2020, ha interessato meno dell'1 % del reddito nazionale lordo degli Stati membri in pagamenti, con una marcata riduzione rispetto al precedente QFP, a scapito della coesione economica, sociale e territoriale e del principio di solidarietà all'interno dell'UE; rammenta che la crisi economica e sociale che ha colpito gli Stati membri è lungi dall'essere finita, mentre occorre affrontare anche nuove priorità, sfide e crisi impreviste; ritiene pertanto che il bilancio del QFP per il periodo successivo al 2020 dovrebbe essere aumentato rispetto al periodo attuale; invita la Commissione a strutturare il prossimo QFP in modo da riflettere chiaramente le priorità attuali e nuove e permettere di rispondere alle crisi impreviste; sottolinea, in tale contesto, che le nuove priorità dovrebbero essere finanziate con nuovi fondi senza pregiudicare gli obiettivi politici e i programmi a lungo termine;

3.  considera prioritario concludere, parallelamente al regolamento sul QFP per il periodo successivo al 2020, tutti i fascicoli politici europei post-2020 prima delle elezioni europee del 2019; invita la Commissione a presentare, con la massima urgenza, proposte per tutte le politiche europee sulla base dei regolamenti attualmente in vigore e aggiornati in seguito all'applicazione nell'attuale QFP, al fine di prevenire ritardi nella programmazione e nell'attuazione del nuovo periodo;

4.  ritiene che il prossimo QFP dovrebbe concentrarsi in primo luogo sugli ambiti e i progetti dotati di un chiaro valore aggiunto europeo, sugli ambiti che incentivano una nuova industrializzazione, la crescita economica, la competitività e un'autentica innovazione e che promuovono i posti di lavoro, quali il programma quadro per la ricerca e l'innovazione (R&I), allo scopo di accelerare la transizione verso un'economia sostenibile, all'avanguardia a livello mondiale e basata sulla conoscenza;

5.  sottolinea che occorre garantire finanziamenti sufficienti per sostenere la nuova strategia di politica industriale sostenibile, in modo che l'UE possa tenere il passo con la concorrenza in aumento costante e con il boom dell'innovazione nella digitalizzazione e nell'ecologizzazione in altri parti del mondo, e diventare leader mondiale nei settori della sostenibilità, dell'innovazione, della digitalizzazione e dell'economia a basse emissioni di carbonio; chiede che i programmi finanziari necessari siano tutelati e ampliati mediante un apposito programma di investimento ottimizzato e finanziamenti che agevolino lo sviluppo di una strategia industriale globale destinata ai principali settori industriali dell'UE legati alle politiche ambientali dell'UE;

6.  invita la Commissione a garantire finanziamenti all'innovazione volti a sviluppare l'infrastruttura e le soluzioni di ricarica e di stoccaggio dei veicoli a idrogeno e di quelli elettrici e a continuare a sostenere e sviluppare ulteriormente le iniziative come l'iniziativa europea per l'elettromobilità e l'impresa comune "Celle a combustibile e idrogeno";

7.  ricorda la valutazione della Corte dei conti europea dell'impegno assunto dall'UE e tuttora non soddisfatto di spendere il 20 % del suo bilancio per l'azione per il clima; ribadisce la propria posizione secondo cui una politica lungimirante in materia di cambiamenti climatici, l'applicazione del principio dell'efficienza energetica al primo posto, la riduzione delle emissioni, un'economia a basse emissioni di carbonio, le energie rinnovabili e le infrastrutture intelligenti e moderne dovrebbero essere la colonna portante dell'Unione dell'energia e dovrebbero pertanto avere un carattere prioritario nel prossimo QFP;

8.  ritiene che il prossimo periodo del QFP dovrebbe prevedere un aumento dei finanziamenti dell'UE, compresi i fondi strutturali e di investimento, al fine di approfondire l'integrazione del mercato dell'energia dell'UE e di contribuire al conseguimento degli obiettivi climatici dell'UE in linea con l'accordo di Parigi, in particolare per i progetti importanti delle infrastrutture energetiche, come i progetti di interesse comune (PIC);

9.  sottolinea l'importanza di istituire un sostegno globale per le regioni in transizione ad alta intensità di carbone e di carbonio, al fine di sostenere la transizione energetica, la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio e la modernizzazione della produzione di energia, delle reti elettriche e delle tecnologie per la cattura, lo stoccaggio e lo sfruttamento del carbonio e la modernizzazione del teleriscaldamento; ritiene che la trasformazione del settore dell'energia alla luce degli ambiziosi obiettivi in materia di clima dovrebbe basarsi sulla mobilitazione dei fondi esistenti o sulla creazione di un fondo per la transizione energetica nell'ambito del prossimo QFP, in modo da agevolare i cambiamenti strutturali nelle industrie ad alta intensità energetica e negli impianti di produzione di energia elettrica ad alta intensità di carbonio e da incentivare gli investimenti a basse emissioni di carbonio e le soluzioni innovative;

10.  ritiene che debbano essere stanziate risorse sufficienti affinché l'Unione dell'energia funzioni in modo adeguato e la rete di interconnessione dell'UE sia sostenibile, rilanciando ed estendendo le reti di trasporto e di distribuzione e gestendo la domanda, la fornitura e lo stoccaggio di energia all'interno dell'UE; sottolinea l'importanza di collegare l'Europa all'area del Mar Caspio, al Medio Oriente e all'Asia centrale e di investire nel corridoio del gas del Mediterraneo orientale al fine di ridurre la dipendenza dell'UE dal gas russo; sottolinea la necessità di rafforzare la cooperazione multilaterale in campo energetico nella regione del Mar Nero;

11.  sottolinea la necessità di un meccanismo per collegare l'Europa (CEF) potenziato, più efficace e sostenibile dal punto di vista ambientale, che completerà i collegamenti mancanti nell'infrastruttura energetica e digitale dell'Europa sostenendo lo sviluppo di reti transeuropee ad elevate prestazioni e sostenibili; chiede che, nelle reti europee, la priorità sia assegnata ai progetti orizzontali che uniscono progetti infrastrutturali, digitali, energetici e di trasporto;

12.  prende atto della recente tendenza ad aumentare l'utilizzo degli strumenti finanziari; ribadisce che, nel prossimo QFP, gli strumenti finanziari non possono sostituire le sovvenzioni per finanziare la ricerca e l'innovazione, l'efficienza energetica, gli sforzi per rispondere alla povertà energetica, le energie rinnovabili e le tecnologie innovative per l'energia convenzionale, dal momento che le sovvenzioni offrono un finanziamento stabile, massimizzano i risultati sul campo e garantiscono un più ampio coinvolgimento delle parti interessate quali il mondo accademico, i centri di ricerca, le autorità pubbliche locali, le PMI, le organizzazioni della società civile e i cittadini; sottolinea inoltre l'importanza di investimenti nelle tecnologie meno mature, in particolare nell'ambito delle energie rinnovabili;

13.  sottolinea l'importanza di assicurare finanziamenti per il completamento del mercato unico digitale, utilizzando appieno lo spettro, il 5G e la connettività Internet e compiendo ulteriori progressi nell'armonizzazione delle norme dell'UE in materia di telecomunicazioni per creare il quadro normativo giusto per migliorare la connettività Internet in tutta l'Unione, comprese le aree rurali remote; invita la Commissione a fornire il sostegno necessario per eliminare gli ostacoli linguistici e promuovere gli investimenti che contribuiscono a creare una società europea dei gigabit entro il 2025; sottolinea che tali finanziamenti dovrebbero incentrarsi su una "spina dorsale digitale" che apporti una struttura a fibre e una connettività di backhaul alle comunità più remote, offrendo in tal modo le connessioni gigabit di più elevata qualità all'istruzione e ai servizi pubblici e le stazioni base delle reti di comunicazione mobili per sostenere il 5G a livello locale;

14.  sottolinea inoltre la necessità di un coordinamento migliore degli strumenti dell'UE relativi agli investimenti, compresi quelli nell'innovazione, nella conoscenza, nelle competenze e nell'accesso ai mercati per le PMI e le start-up; evidenzia l'importanza di proseguire i finanziamenti per i programmi connessi alle PMI, come lo strumento per le PMI e COSME, senza ostacolare altri programmi, per rafforzare ulteriormente la competitività e la sostenibilità delle PMI nell'Unione europea;

15.  sottolinea l'importanza di adoperarsi per comunicare meglio l'impatto dei nuovi programmi della Commissione;

16.  ricorda che gli Stati membri hanno fissato l'obiettivo di raggiungere il 3 % del PIL da dedicare alla ricerca e allo sviluppo, di cui due terzi dovrebbero provenire dal settore privato; invita gli Stati membri a rispettare gli impegni nazionali relativi agli investimenti nelle attività di R&S per conseguire tale obiettivo; esorta gli Stati membri ad aumentare i loro investimenti a favore della R&S; sottolinea che gli strumenti quali il meccanismo di sostegno delle politiche dovrebbero essere utilizzati maggiormente per migliorare l'efficacia dei sistemi nazionali di ricerca; chiede norme che facilitino, con il coordinamento della Commissione, sinergie tra il 9° PQ futuro e i bilanci nazionali;

17.  ribadisce la richiesta del Parlamento di aumentare il bilancio complessivo di almeno 120 miliardi di EUR per il PQ9, al fine di poter far fronte alle sfide della società, garantire la competitività globale dell'Europa e la sua leadership scientifica e industriale nei settori dell'innovazione e della ricerca e contribuire a conseguire gli obiettivi dell'UE per il clima; invita inoltre a concentrarsi maggiormente sull'attuazione della ricerca e dell'innovazione attraverso iniziative comuni e a sostenere gli investimenti nelle tecnologie chiave onde colmare il divario di investimenti nell'innovazione; chiede in particolare che siano profusi sforzi per stimolare iniziative innovative all'avanguardia e in grado di creare nuovi mercati, in particolare per le PMI;

18.  accoglie con favore gli sforzi della Commissione volti a semplificare il programma quadro di ricerca e innovazione; chiede che tale impegno sia mantenuto nel PQ9 al fine di fornire un accesso migliore e condizioni di parità ai richiedenti di tutti gli Stati membri mediante un nuovo sistema di valutazione delle domande sulla base del valore aggiunto e dei possibili risultati delle proposte; invita la Commissione a valutare se un maggiore ricorso agli importi forfettari sia la scelta migliore per beneficiari e revisori; sottolinea che l'introduzione di un approccio di audit unico e una maggiore accettazione delle pratiche contabili dei beneficiari implicherebbero un'importante semplificazione per i beneficiari del programma quadro; ritiene che nel prossimo PQ l'approccio dal basso verso l'alto debba essere rafforzato, dal momento che contribuirebbe a rilanciare l'innovazione; sottolinea che gli investimenti nelle infrastrutture scientifiche e tecnologiche sono essenziali per creare una R&S di eccellenza; sottolinea il successo dell'etichetta "marchio di eccellenza";

19.  sottolinea l'importanza dell'Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT) e delle sue comunità della conoscenza e dell'innovazione (CCI), che hanno bisogno di risorse adeguate per sviluppare ulteriormente le loro azioni nell'ambito dell'istruzione, promuovere le start-up e sostenere l'innovazione che contribuisce alla salute delle persone, alla transizione energetica, alla digitalizzazione e all'azione per il clima, tra le altre cose, e che risponde alle principali sfide a beneficio di tutta la società;

20.  è fermamente convinto che nel 9° PQ la dotazione di bilancio per la salute, quale fattore di base che determina la qualità della vita e il benessere delle persone, debba essere superiore rispetto a quella prevista a titolo di Orizzonte 2020 e che dovrebbero essere stanziati importi sufficienti a favore di meccanismi che assegnino la priorità alle necessità della ricerca pubblica e garantiscano un equo rendimento pubblico degli investimenti; sottolinea che i fattori che determinano la salute sono vasti e includono, tra gli altri, il cibo, l'ambiente e lo stile di vita; chiede pertanto un approccio "One Health", anche nell'ambito della politica in materia di ricerca e sviluppo;

21.  è del parere che una combinazione di sovvenzioni e di strumenti finanziari innovativi nell'ambito dell'innovazione, delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione e dell'infrastruttura energetica, compreso il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), potrebbe facilitare l'attuazione dei progetti e stimolare e garantire i finanziamenti privati;

22.  chiede che il FEIS sia sottoposto a revisione affinché possa svolgere il proprio ruolo in termini di addizionalità economica, promuovere i progetti con esternalità positive riconosciute, ma che presentano rischi superiori a quelli che il settore privato è disposto ad affrontare da solo, e colmare il divario tra la ricerca e il mercato, concentrandosi sulla promozione dell'innovazione nel mercato; chiede che il ruolo e la capacità del polo europeo di consulenza sugli investimenti siano rafforzati in modo sostanziale, in particolare attraverso un ruolo proattivo nella preparazione dei progetti; ribadisce che la dotazione del FEIS prevista per il nuovo QFP non dovrebbe avere ripercussioni finanziarie negative sugli altri programmi;

23.  invita la Commissione a sviluppare, attraverso il QFP, un quadro globale, coerente e di lungo termine per la politica industriale volto a facilitare i finanziamenti a favore delle industrie culturali e creative, allo scopo di stimolarne la competitività e consentire loro di valorizzare appieno il proprio potenziale in termini di creazione di posti di lavoro di qualità e di crescita a beneficio dell'Unione; chiede che siano stabiliti legami aggiuntivi tra il programma quadro di ricerca e innovazione e il programma Europa creativa; invita la Commissione a rispettare l'articolo 167, paragrafo 4, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea e a rendere le industrie culturali e creative (ICC) una priorità orizzontale dei regimi e programmi di finanziamento dell'UE, in particolare il programma quadro di ricerca e innovazione, il programma dell'UE per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI) e i fondi SIE;

24.  invita la Commissione a proporre, nel prossimo QFP, procedure normative volte a facilitare, incoraggiare e, con il sostegno delle agenzie dell'UE, coordinare le sinergie tra i fondi strutturali e d'investimento europei (fondi SIE), il CEF, Europa creativa e Orizzonte 2020 per i progetti connessi alla R&S che possono contribuire a creare le capacità di innovazione nelle regioni che registrano scarsi risultati; chiede un coinvolgimento più attivo della Commissione nel coordinamento dei progetti di R&S tra i vari fondi europei di rubriche diverse, comprese le strategie di specializzazione intelligente e la revisione delle norme in materia di aiuti di Stato;

25.  sottolinea che il prossimo bilancio dell'UE dovrebbe includere finanziamenti sufficienti in ambito spaziale per proseguire e sviluppare ulteriormente i programmi spaziali Galileo, EGNOS e Copernicus, tenendo conto delle esigenze emergenti degli utenti e delle priorità politiche dell'UE e, in particolare, aumentando la sicurezza informatica e coprendo i programmi di lancio, le nuove tecnologie e la sorveglianza dello spazio e il tracciamento;

26.  è fermamente convinto che i finanziamenti in ambito spaziale previsti dal 9° PQ dovrebbero essere maggiori rispetto a quelli a titolo di Orizzonte 2020 e che la futura iniziativa tecnologica congiunta (ITC) sui materiali innovativi per le apparecchiature spaziali e la deorbitazione dovrebbe essere dotata delle risorse necessarie, al fine di rafforzare la competitività dell'innovazione spaziale dell'UE; chiede l'istituzione di un programma integrato di comunicazioni satellitari governative (GOVSATCOM) che garantisca servizi di comunicazione satellitare sicuri ed efficienti in termini di costi per le autorità pubbliche europee; ribadisce la posizione sostenuta dal Parlamento da tempo secondo cui il quadro di sostegno per la sorveglianza dello spazio e il tracciamento dovrebbe diventare un programma dell'Unione e il suo mandato dovrebbe essere ampliato, e ritiene che la dotazione finanziaria stanziata per tale attività dovrebbe essere aumentata di conseguenza;

27.  richiama l'attenzione sul Fondo europeo per la difesa e sulla recente proposta della Commissione relativa a un programma europeo di sviluppo del settore industriale della difesa, che dovrebbe coprire il periodo 2019-2020; prende atto dell'intenzione della Commissione di presentare un programma più sostanziale di sviluppo del settore industriale della difesa e un programma a sostegno della ricerca nel settore della difesa a beneficio di tutti gli Stati membri, allo scopo di aprire le porte a sviluppi tecnologici che possono poi raggiungere altri ambiti della società; ritiene che, nel prossimo QFP, tali programmi nel settore della difesa dovrebbero essere finanziati da fonti aggiuntive e non dovrebbero pertanto incidere sulle ambizioni di bilancio dei programmi esistenti;

28.  ribadisce la posizione del Parlamento secondo cui qualsiasi nuovo impegno politico dovrebbe essere finanziato con nuovi stanziamenti e non mediante gli strumenti di flessibilità o la riassegnazione degli stanziamenti da programmi esistenti; chiede che siano salvaguardate risorse sufficienti per i programmi esistenti nell'ambito di competenza della commissione ITRE;

29.  ricorda l'importanza di una maggiore flessibilità che consenta la mobilitazione di risorse aggiuntive per rispondere a situazioni impreviste; sottolinea, tuttavia, che il reiterato ricorso agli strumenti di flessibilità del QFP non è il modo migliore per affrontare le complesse crisi che sono probabilmente destinate a continuare; è convinto che sia essenziale introdurre nuove risorse proprie dell'UE e nuove entrate nel bilancio dell'UE per portare il prossimo QFP a un livello corrispondente alle effettive esigenze e ambizioni politiche dell'Unione negli ambiti connessi a ITRE; chiede che le opzioni proposte nella relazione del gruppo ad alto livello sulle risorse proprie siano esaminate seriamente; chiede di creare un legame tra il finanziamento del bilancio dell'UE e i settori strategici in cui l'Unione ha introdotto riduzioni dei prezzi, ad esempio la politica in materia di energia e di telecomunicazioni, essendo l'approccio più efficiente e neutrale dal punto di vista del mercato;

30.  osserva che il prossimo QFP dovrà tener conto dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea e delle relative implicazioni per il bilancio dell'UE; auspica che i programmi dell'UE rientranti nell'ambito di competenza della commissione ITRE possano continuare inalterati e che siano introdotte misure adatte per realizzare tale auspicio;

31.  invita la Commissione a esaminare tutte le valutazioni delle varie politiche e strumenti finanziari, compresi gli strumenti finanziari e i fondi connessi all'energia, in particolare per quanto riguarda i loro risultati, e a utilizzare tali valutazioni nella preparazione del nuovo QFP;

32.  rammenta che all'Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia (ACER) e all'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA) sono state assegnate responsabilità maggiori e che conseguentemente tali Agenzie hanno bisogno di risorse sufficienti per portare avanti tutti i loro incarichi, sia quelli nuovi che quelli precedenti; sottolinea che anche l'Agenzia del sistema globale di navigazione satellitare europeo (GSA) e l'Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) richiedono risorse adeguate per adempiere alle loro responsabilità in modo opportuno ed efficiente; chiede finanziamenti e personale sufficienti per tutte le agenzie nell'ambito di competenza della commissione ITRE affinché siano in grado di assolvere i loro compiti in maniera adeguata;

33.  ritiene che il futuro QFP dovrebbe garantire la massima prevedibilità e flessibilità per poter essere utilizzato appieno; ritiene inoltre che il futuro QFP dovrebbe garantire che qualsiasi eccedenza risultante dalla sottoesecuzione del bilancio dell'UE e i disimpegni risultanti dalla mancata esecuzione siano resi di nuovo disponibili nel bilancio dell'Unione.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

11.1.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

45

9

7

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Bendt Bendtsen, Xabier Benito Ziluaga, José Blanco López, David Borrelli, Jonathan Bullock, Reinhard Bütikofer, Jerzy Buzek, Edward Czesak, Fredrick Federley, Ashley Fox, Theresa Griffin, Hans-Olaf Henkel, Eva Kaili, Kaja Kallas, Barbara Kappel, Krišjānis Kariņš, Seán Kelly, Jeppe Kofod, Peter Kouroumbashev, Zdzisław Krasnodębski, Miapetra Kumpula-Natri, Christelle Lechevalier, Janusz Lewandowski, Edouard Martin, Angelika Mlinar, Csaba Molnár, Nadine Morano, Aldo Patriciello, Miroslav Poche, Paul Rübig, Massimiliano Salini, Algirdas Saudargas, Sven Schulze, Patrizia Toia, Claude Turmes, Vladimir Urutchev, Kathleen Van Brempt, Henna Virkkunen, Martina Werner, Lieve Wierinck, Hermann Winkler, Anna Záborská, Flavio Zanonato, Carlos Zorrinho

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Michał Boni, Mario Borghezio, Jens Geier, Gerben-Jan Gerbrandy, Werner Langen, Morten Løkkegaard, Florent Marcellesi, Marian-Jean Marinescu, Rupert Matthews, Clare Moody, Răzvan Popa, Dennis Radtke, Michèle Rivasi, Sofia Sakorafa, Anneleen Van Bossuyt

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Max Andersson, Ingeborg Gräßle

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

45

+

ALDE

Fredrick Federley, Gerben-Jan Gerbrandy, Kaja Kallas, Morten Løkkegaard, Angelika Mlinar, Lieve Wierinck

ECR

Edward Czesak, Zdzisław Krasnodębski

PPE

Bendt Bendtsen, Michał Boni, Jerzy Buzek, Ingeborg Gräßle, Krišjānis Kariņš, Seán Kelly, Werner Langen, Janusz Lewandowski, Marian-Jean Marinescu, Nadine Morano, Aldo Patriciello, Dennis Radtke, Paul Rübig, Massimiliano Salini, Algirdas Saudargas, Sven Schulze, Vladimir Urutchev, Henna Virkkunen, Hermann Winkler, Anna Záborská

S&D

José Blanco López, Jens Geier, Theresa Griffin, Eva Kaili, Jeppe Kofod, Peter Kouroumbashev, Miapetra Kumpula-Natri, Edouard Martin, Csaba Molnár, Clare Moody, Miroslav Poche, Răzvan Popa, Patrizia Toia, Kathleen Van Brempt, Martina Werner, Flavio Zanonato, Carlos Zorrinho

9

-

EFDD

David Borrelli, Jonathan Bullock

ENF

Mario Borghezio, Christelle Lechevalier

VERTS/ALE

Max Andersson, Reinhard Bütikofer, Florent Marcellesi, Michèle Rivasi, Claude Turmes

7

0

ECR

Ashley Fox, Hans-Olaf Henkel, Rupert Matthews, Anneleen Van Bossuyt

ENF

Barbara Kappel

GUE/NGL

Xabier Benito Ziluaga, Sofia Sakorafa

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per i trasporti e il turismo (1.12.2017)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Marian-Jean Marinescu

SUGGERIMENTI

La commissione per i trasporti e il turismo invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  insiste sull'importanza strategica del quadro finanziario pluriennale (QFP) per i settori che dipendono dagli investimenti a lungo termine, come il settore dei trasporti; invita pertanto la Commissione a presentare una proposta e a impegnarsi con urgenza, insieme al Consiglio e al Parlamento europeo, nella definizione del QFP per il periodo successivo al 2020 prima delle elezioni europee del 2019;

2.  sottolinea che le infrastrutture di trasporto costituiscono la colonna portante del mercato unico, sono alla base della crescita e dell'occupazione ed essenziali per garantire le quattro libertà fondamentali relative a persone, capitali, beni e servizi; osserva che la realizzazione di uno spazio unico europeo dei trasporti collegato ai paesi vicini richiede, oltre ad adeguati finanziamenti, importanti infrastrutture di trasporto, che devono essere considerate una priorità chiave per la competitività dell'UE e per la coesione territoriale, economica e sociale;

3.  mette in evidenza l'importanza degli obiettivi fissati dalla COP 21 ("l'accordo di Parigi") in materia di trasporti al fine di combattere i cambiamenti climatici; sottolinea che dovrebbero essere disponibili mezzi finanziari per garantire un trasferimento modale, dal trasporto su strada a quello ferroviario nonché al trasporto via acqua e per vie navigabili interne, come pure per incoraggiare gli Stati membri a investire in trasporti pubblici intelligenti, sostenibili e integrati; raccomanda inoltre che si presti attenzione alla riduzione del rumore e delle vibrazioni nei trasporti, per garantire ai cittadini un ambiente di qualità;

4.  sottolinea la necessità di sostenere la definizione e l'attuazione di una politica industriale vigorosa, tesa a rafforzare la sicurezza, la salute pubblica, nonché la protezione dell'ambiente e la competitività europea a livello globale nel settore dei trasporti, al fine di garantire collegamenti migliori e spostamenti più agevoli in tutti gli Stati membri; ritiene che i megadati costituiscano un fattore strategico per il conseguimento degli obiettivi della politica dei trasporti dell'UE, e sottolinea la necessità di proteggere le infrastrutture critiche di trasporto dalle minacce informatiche;

5.  sottolinea che le infrastrutture critiche di trasporto dovrebbero essere considerate di interesse strategico per l'Unione europea;

6.  sottolinea che il valore aggiunto europeo dei progetti nell'ambito delle infrastrutture di trasporto passa attraverso la capacità dell'Unione di prevedere, nel suo prossimo QFP, un quadro regolamentare e mezzi finanziari all'altezza delle sue ambizioni;

7.  ritiene che la quota del bilancio totale dell'UE destinata a progetti infrastrutturali nell'ambito della politica di coesione dovrebbe essere aumentata dopo il 2020, dal momento che il Fondo di coesione e il Fondo europeo di sviluppo regionale contribuiscono in misura significativa a colmare le lacune infrastrutturali e socioeconomiche esistenti tra le regioni, a migliorare la qualità delle infrastrutture e a ridurre il divario di connettività fra le aree più sviluppate e le regioni che presentano ritardi di sviluppo;

8.  ritiene che il prossimo QFP dovrebbe prevedere un aumento del finanziamento dell'UE, compresi i fondi strutturali e di investimento, a favore dei progetti che contribuiscono, in particolare, al completamento della rete centrale TEN-T (rete transeuropea dei trasporti) e dei relativi corridoi, nonché un finanziamento per la realizzazione di infrastrutture per i veicoli elettrici e di altre soluzioni di trasporto basate su energie alternative; ribadisce che gli strumenti finanziari non possono sostituire le sovvenzioni per i progetti TEN-T, che devono restare lo strumento privilegiato del futuro meccanismo per collegare l'Europa (MCE), dato che alcuni modi di trasporto come la ferrovia o le vie navigabili non sono attrattivi per gli investitori privati;

9.  ritiene che le sovvenzioni non debbano essere utilizzate per sopperire alle perdite legate a progetti economicamente non sostenibili;

10.  invita la Commissione a proporre, nel prossimo QFP, misure coerenti e trasparenti per agevolare, incoraggiare e coordinare, con il sostegno delle agenzie dell'UE, le sinergie tra i fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE), l'MCE e Orizzonte 2020 riguardo a progetti nel settore dei trasporti, soprattutto allo scopo di sostenere tali progetti nelle regioni transfrontaliere e lungo la rete TEN-T; chiede un sistema di coordinamento al fine di ottimizzare le sinergie tra le sovvenzioni e gli strumenti finanziari; chiede una partecipazione più attiva della DG MOVE nel coordinamento delle infrastrutture di trasporto tra i vari fondi europei;

11.  ritiene che, nel contesto del prossimo QFP, dovrebbe essere possibile sviluppare e ampliare ulteriormente i corridoi esistenti della rete centrale e globale TEN-T, anche nei paesi terzi pertinenti, al fine di sostenere progetti di interesse comune nel settore dei trasporti;

12.  sottolinea che la Brexit, oltre alle ripercussioni generali sul bilancio, avrà conseguenze dirette e indirette particolarmente importanti sulla politica europea dei trasporti, in particolare nel settore aereo e marittimo;

13.  invita i coordinatori europei a eseguire una valutazione approfondita dei progetti completati e dei miglioramenti ottenuti lungo i corridoi TEN-T nell'attuale periodo di programmazione e a presentarla alla Commissione e al Parlamento; invita la Commissione a utilizzare tale valutazione come spunto di riflessione nella preparazione del prossimo QFP;

14.  sottolinea che il cofinanziamento dell'UE dovrebbe includere, come priorità chiave della cooperazione territoriale europea (CTE – Interreg), progetti infrastrutturali transfrontalieri di piccole dimensioni per ristabilire i collegamenti regionali transfrontalieri mancanti;

15.  sottolinea l'assoluta necessità di un finanziamento adeguato, anche per la ricerca e l'innovazione nel prossimo nono programma quadro, in ambiti quali i veicoli elettrici e a idrogeno e le automobili senza conducente e connesse;

16.  ritiene che il rafforzamento della governance delle strategie macroregionali dell'UE contribuirà all'elaborazione di progetti dotati di valore aggiunto a livello di UE;

17.  sottolinea l'importanza del coinvolgimento, nel quadro della strategia per il Danubio, di tutti i paesi rivieraschi, al fine di evitare strozzature nelle vie navigabili; chiede l'adozione di un approccio discendente allo scopo di garantire un'attuazione efficace della strategia per il Danubio, in particolare riguardo alla navigabilità delle vie interne;

18.  ritiene che sia necessario un MCE potenziato e più efficace, che comprenda tutte le modalità di trasporto, incluse le infrastrutture stradali e le vie navigabili interne, e si concentri sulle interconnessioni e sul completamento della rete nelle zone periferiche, utilizzando norme comuni; sottolinea che l'MCE deve beneficiare di maggiori finanziamenti che permettano di coprire tutte le esigenze di trasporto, comprese soluzioni digitali, il trasferimento modale e trasporti puliti; ritiene che l'MCE dovrebbe promuovere programmi pilota a vantaggio di tutti i mezzi di trasporto, per aumentare la sicurezza, la tutela ambientale e la competitività dell'UE; sottolinea che gli investimenti nelle infrastrutture di trasporto rappresentano un investimento nella crescita e nell'occupazione a lungo termine; invita pertanto la Commissione a presentare quanto prima una proposta di regolamento MCE aggiornato, in modo che possa essere approvata prima delle elezioni europee del 2019;

19.  ricorda che nove corridoi della rete centrale figurano nell'allegato del regolamento MCE, che comprende un elenco di progetti individuati in via preliminare per possibili finanziamenti dell'UE nel periodo 2014-2020, sulla base del loro valore aggiunto ai fini dello sviluppo della TEN-T e del loro grado di maturità; ritiene che un MCE migliorato e più efficace dovrebbe privilegiare collegamenti più diretti tra un maggior numero di reti centrali e globali nonché porre l'accento sulla promozione dei collegamenti più importanti tra le reti globali, comprese, ad esempio, priorità orizzontali quali le autostrade del mare; ritiene che ciò dovrebbe riflettersi nell'elenco di progetti individuati in via preliminare da includere nel prossimo regolamento MCE;

20.  sottolinea che i finanziamenti per il completamento dello spazio ferroviario unico europeo dovrebbero essere preservati e ritiene che occorra porre maggiormente l'accento sul miglioramento della sicurezza, sul completamento dei collegamenti ferroviari tra gli Stati membri e sulla manutenzione delle infrastrutture ferroviarie esistenti; ritiene che i finanziamenti dovrebbero essere utilizzati anche per la riduzione del rumore e il rinnovamento dei collegamenti ferroviari secondari; sottolinea inoltre che il coordinamento del sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (ERTMS) da parte della Commissione dovrebbe mirare a incoraggiare la partecipazione degli investitori e che la realizzazione dell'ERTMS dovrebbe essere anticipata al fine di proseguire l'applicazione delle norme tecniche comuni e massimizzare i benefici in termini di interoperabilità; osserva che il cofinanziamento dell'impresa comune Shift2Rail dovrebbe essere potenziato;

21.  ribadisce l'importanza di consentire il pieno utilizzo del cielo unico europeo quale progresso fondamentale per lo spazio aereo europeo; sottolinea la necessità di finanziamenti adeguati e di una spesa trasparente, anche per gli utenti dello spazio aereo, ai fini dello sviluppo e dell'attuazione delle componenti della ricerca sulla gestione del traffico aereo nel cielo unico europeo (SESAR); chiede il finanziamento, nell'ambito del programma SESAR, della ricerca sulla gestione del traffico aereo di aeromobili senza pilota e il completamento della gestione del traffico aereo digitale europea; ribadisce che un'efficace gestione del traffico aereo nel quadro del cielo unico europeo può ridurre il consumo di carburante e le emissioni del 10 %; chiede che siano assegnate risorse finanziarie adeguate all'impresa comune Clean Sky;

22.  sottolinea che la revisione del regolamento (CE) n. 216/2008 prevede l'estensione della sfera di competenza dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea (AESA); sottolinea l'importanza di assegnare finanziamenti adeguati all'AESA onde garantire il successo dell'assunzione di queste nuove responsabilità;

23.  invita la Commissione a garantire la continuità dei programmi faro spaziali dell'UE, quali Galileo, il Servizio europeo di copertura per la navigazione geostazionaria (EGNOS) e Copernicus; chiede che sia salvaguardato lo stanziamento delle risorse finanziarie necessarie per l'impresa comune Clean Sky e la futura iniziativa tecnologica congiunta sulle tecnologie spaziali per l'Europa (STEPP); chiede alla Commissione di elaborare rapidamente una proposta relativa alla futura comunicazione satellitare governativa, insieme a finanziamenti adeguati; ribadisce l'importanza di ottenere una copertura globale europea di EGNOS e di assicurane l'estensione ai paesi facenti parte della politica di vicinato; ritiene che un bilancio adeguato per la ricerca in tali settori sia essenziale per garantire l'autonomia europea nell'accesso allo spazio;

24.  ribadisce l'importanza di garantire finanziamenti adeguati alle imprese comuni, tra cui SESAR, Shift2Rail e Clean Sky; ritiene che Shift2Rail dovrebbe accordare priorità ai progetti di interoperabilità e massimizzare i benefici di quest'ultima nello spazio ferroviario unico europeo; reputa importante stanziare finanziamenti che consentano la manutenzione delle infrastrutture e il rispetto dei criteri di qualità, al fine di garantire una maggiore tutela e sicurezza dei consumatori;

25.  ribadisce l'importanza di preservare i finanziamenti necessari allo sviluppo di applicazioni del sistema globale di navigazione satellitare (GNSS) innovative ed efficaci, nonché di servizi basati sulle esigenze degli utenti e a valore aggiunto;

26.  esorta la Commissione a sostenere, nell'ambito del prossimo QFP, un programma di ordini istituzionali di lancio di satelliti per i lanciatori europei e un programma di monitoraggio dei detriti spaziali;

27.  sottolinea l'importanza dei finanziamenti garantiti per attuare una politica marittima integrata, quale iniziativa faro per la governance intersettoriale e transnazionale, nonché per ottimizzare i collegamenti multimodali e passare a servizi di trasporto puliti e digitali e a modi di trasporto sostenibili, inclusi i trasporti pubblici e le vie navigabili interne; sottolinea che la realizzazione dei servizi d'informazione fluviale dovrebbe essere anticipata per sostenere le operazioni transfrontaliere;

28.  invita la Commissione a rilanciare il ruolo dell'UE nel Mar Mediterraneo attraverso una strategia di riqualificazione e ammodernamento dei porti marittimi nel Mediterraneo in quanto snodi essenziali del commercio europeo;

29.  ricorda che i porti costituiscono punti di accesso per il commercio, nodi energetici e raggruppamenti industriali; sottolinea la posizione dei porti nella rete europea di trasporto; osserva che dovrebbero essere preservati i finanziamenti destinati al completamento e al miglioramento della rete centrale delle vie navigabili interne integrata nella rete multimodale; sottolinea che i porti e le vie navigabili interne hanno bisogno di finanziamenti sufficienti per far fronte alle sfide attuali e future relative alla fornitura di sistemi di trasporto intelligenti, efficienti e sostenibili; riconosce che i porti e le vie navigabili interne possono svolgere un ruolo importante nella decarbonizzazione dell'economia, offrendo soluzioni energetiche alternative;

30.  sottolinea che anche nel prossimo periodo dovrebbe essere garantito il finanziamento dei progetti relativi ai sistemi di trasporto intelligenti (STI) e ai sistemi di trasporto intelligenti cooperativi, tenendo conto delle necessità del settore dei trasporti;

31.  invita la Commissione a includere nel bilancio una voce specifica per i porti che devono gestire il peso economico e sociale della crisi migratoria;

32.  sottolinea il ruolo delle agenzie europee di trasporto nell'armonizzazione e integrazione dei diversi modi di trasporto nello Spazio economico europeo; chiede che nel futuro quadro di bilancio le risorse operative siano adeguate in funzione del ruolo e delle responsabilità crescenti che incombono loro in virtù della legislazione;

33.  sottolinea l'importanza di passare a un turismo sostenibile, innovativo e digitale, il che richiede un migliore coordinamento tra il turismo e i progetti infrastrutturali; ritiene che dovrebbe essere creata una linea di bilancio specifica per il turismo, al fine di progredire verso un'autentica politica europea del turismo; ritiene che le iniziative che promuovono esperienze di viaggio innovative e sostenibili per i giovani dovrebbero essere accolte con favore; ritiene tuttavia che esse non dovrebbero sostituirsi ad altre iniziative culturali e propone di promuovere ulteriormente mezzi appropriati che garantiscano finanziamenti adeguati;

34.  sottolinea la necessità di garantire la competitività e la sostenibilità a lungo termine del turismo europeo, anche sfruttando appieno le innovazioni nel settore e le soluzioni TIC; ritiene che le procedure di prenotazione dovrebbero essere riviste e che si dovrebbe prevedere un sistema di prenotazione digitale centralizzato orientato al cliente;

35.  incoraggia la Commissione a cofinanziare l'interconnessione tra la rete EuroVelo e la rete ferroviaria dell'UE, promuovendo in tal modo il turismo sostenibile nelle diverse regioni;

36.  ribadisce l'importanza di preservare i fondi per le infrastrutture nel quadro della politica di vicinato, al fine di garantire la realizzazione della TEN-T e il coordinamento delle infrastrutture transfrontaliere;

37.  sottolinea la necessità di includere i diversi settori dei trasporti, in particolare la loro componente industriale, nelle riflessioni della Commissione, del SEAE e di varie direzioni generali, al fine di elaborare una strategia di diplomazia economica per la promozione, a livello internazionale, degli attori europei del settore;

38.  ritiene che il futuro QFP dovrebbe garantire la massima prevedibilità e flessibilità al fine di consentire il pieno utilizzo delle risorse impegnate al suo interno, con una distribuzione equa in tutte le regioni dell'Unione, il che dovrebbe pertanto garantire che qualsiasi eccedenza risultante dalla sottoesecuzione del bilancio dell'UE, in particolare in un settore della politica pubblica, e i disimpegni risultanti dalla mancata esecuzione siano resi di nuovo disponibili nel bilancio del settore interessato; invita a tale proposito l'Unione europea a mantenere quote di cofinanziamento elevate all'atto della selezione dei progetti nell'ambito del QFP; sottolinea l'importanza di un coinvolgimento più attivo della DG MOVE nel coordinamento delle infrastrutture di trasporto tra i vari fondi europei;

39.  sottolinea che gli investimenti dell'UE nelle nuove tecnologie per il trasporto sostenibile, in particolare per quanto riguarda i metodi di propulsione (elettrico, idrogeno, biocarburanti, ecc.), devono basarsi sul principio della neutralità tecnologica, lasciando al mercato e ai cittadini la libertà di scegliere tra le diverse soluzioni di trasporto.

INFORMAZIONI SULL'APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

23.11.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

38

3

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Daniela Aiuto, Lucy Anderson, Marie-Christine Arnautu, Georges Bach, Deirdre Clune, Michael Cramer, Luis de Grandes Pascual, Andor Deli, Isabella De Monte, Ismail Ertug, Jacqueline Foster, Dieter-Lebrecht Koch, Merja Kyllönen, Miltiadis Kyrkos, Bogusław Liberadzki, Peter Lundgren, Marian-Jean Marinescu, Gesine Meissner, Cláudia Monteiro de Aguiar, Renaud Muselier, Markus Pieper, Salvatore Domenico Pogliese, Gabriele Preuß, Christine Revault d'Allonnes Bonnefoy, Dominique Riquet, Massimiliano Salini, Jill Seymour, Pavel Telička, Wim van de Camp, Janusz Zemke, Roberts Zīle, Kosma Złotowski, Elżbieta Katarzyna Łukacijewska

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Jakop Dalunde, Mark Demesmaeker, Jill Evans, Maria Grapini, Peter Kouroumbashev, Jozo Radoš, Olga Sehnalová

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Juan Fernando López Aguilar

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

38

+

ALDE

Gesine Meissner, Jozo Radoš, Dominique Riquet, Pavel Telička

ECR

Mark Demesmaeker, Jacqueline Foster, Roberts Zīle, Kosma Złotowski

EFDD

Daniela Aiuto

GUE/NGL

Merja Kyllönen

PPE

Georges Bach, Deirdre Clune, Andor Deli, Dieter-Lebrecht Koch, Marian-Jean Marinescu, Cláudia Monteiro de Aguiar, Renaud Muselier, Markus Pieper, Salvatore Domenico Pogliese, Massimiliano Salini, Luis de Grandes Pascual, Wim van de Camp, Elżbieta Katarzyna Łukacijewska

S&D

Lucy Anderson, Isabella De Monte, Ismail Ertug, Maria Grapini, Peter Kouroumbashev, Miltiadis Kyrkos, Bogusław Liberadzki, Juan Fernando López Aguilar, Gabriele Preuß, Christine Revault d'Allonnes Bonnefoy, Olga Sehnalová, Janusz Zemke

VERTS/ALE

Michael Cramer, Jakop Dalunde, Jill Evans

3

-

EFDD

Peter Lundgren, Jill Seymour

ENF

Marie-Christine Arnautu

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per lo sviluppo regionale (11.10.2017)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Derek Vaughan

SUGGERIMENTI

La commissione per lo sviluppo regionale invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

A.  considerando che il regolamento n. 1311/2013 del Consiglio, che stabilisce il quadro finanziario pluriennale (QFP) per il periodo 2014-2020, dispone che la Commissione presenti la sua proposta per il prossimo QFP successivo al 2020 prima del 1° gennaio 2018; che è necessario presentare quanto prima proposte legislative relative al prossimo QFP, al fine di poter prendere decisioni sul futuro della politica di coesione e di concordare rapidamente i nuovi finanziamenti prima della fine dell'attuale periodo di programmazione, al fine di evitare ritardi nella programmazione per il nuovo periodo;

B.  considerando che, conformemente all'articolo 3 del trattato sull'Unione europea (TUE), l'Unione promuove la coesione economica, sociale e territoriale e la solidarietà negli Stati membri e nelle regioni, come pure tra di essi; che la politica di coesione regionale è una delle principali politiche dell'UE a elevato valore aggiunto, promuove la solidarietà, riduce le disparità di sviluppo e trasferisce i vantaggi dell'integrazione europea direttamente ai cittadini dell'UE in tutte le regioni; che, inoltre, la politica di coesione regionale unisce l'Europa e ne rafforza l'economia tramite l'applicazione del principio di solidarietà, ne consolida la convergenza sociale e aiuta a rendere l'Unione tangibile e visibile ai suoi cittadini attraverso i risultati concreti ottenuti sul campo; che è quindi essenziale prevedere lo stanziamento di fondi sufficienti - almeno pari a quelli del periodo attuale - per la politica di coesione nell'ambito del QFP, al fine di rispondere alle sfide che la politica deve affrontare in modo adeguato;

C.  considerando che è opportuno adottare misure idonee a garantire che gli impegni di bilancio derivanti dal recesso del Regno Unito dall'UE non incidano negativamente sulla dotazione di bilancio della politica regionale, anche ricorrendo a nuove risorse proprie per i finanziamenti; che la politica di coesione offre strumenti di cooperazione transfrontaliera e altri strumenti di cooperazione territoriale per garantire la continuità della collaborazione con le regioni del Regno Unito dopo il recesso del paese dall'UE, mantenendo i contatti e lavorando con i suoi cittadini per il raggiungimento di obiettivi comuni;

D.  considerando che alcune delle proposte finalizzate al conseguimento di nuove risorse proprie presentate nella relazione finale e nelle raccomandazioni del gruppo ad alto livello sulle risorse proprie del dicembre 2016, quali un'imposta sulle transazioni finanziarie, una tassa sul carbonio applicata a tutte le fonti di emissione di gas a effetto serra nonché un'imposta europea sul reddito delle società, meritano di essere esaminate in un contesto più ampio e sarebbero inoltre in linea sia con gli obiettivi del quadro per il clima e l'energia 2030 sia con gli obiettivi di coesione economica, sociale e territoriale;

E.  considerando che la politica di coesione ha contribuito in misura significativa alla coesione economica, sociale e territoriale e all'attuazione della strategia Europa 2020, come pure al conseguimento dei suoi obiettivi per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva; che l'UE rischia ancora di non raggiungere questi obiettivi entro il 2020, in particolare per quanto riguarda la riduzione della povertà, la promozione delle energie rinnovabili e la lotta contro la disoccupazione; che la strategia dovrebbe essere sottoposta a revisione per il periodo successivo al 2020 e dovrebbe contribuire al conseguimento degli obiettivi dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile; che il suo finanziamento dovrebbe essere garantito nel prossimo QFP, assegnando un ruolo importante alla politica di coesione; che la politica di coesione ha raggiunto importanti risultati e ha permesso di ridurre il divario economico e sociale tra le regioni europee; che tuttavia 47 regioni situate in 8 Stati membri sono ancora in ritardo di sviluppo;

1.  conferma l'elevato valore aggiunto a livello dell'UE della politica di coesione, in quanto soddisfa gli obiettivi del trattato riguardanti la coesione economica, sociale e territoriale, nonché la riduzione delle disparità tra i livelli di sviluppo delle diverse regioni:–

  portando crescita e occupazione a livello regionale e locale, in particolare nei territori in ritardo di sviluppo, contribuendo alla convergenza, agli effetti di ricaduta, al miglioramento della cooperazione economica, alla stabilità macroeconomica generale e alla competitività dell'Unione nel suo insieme;–

  fornendo beni pubblici di dimensione europea tramite il sostegno alle infrastrutture transnazionali;–

  promuovendo la cooperazione transfrontaliera e contribuendo a creare un terreno stabile per una pace e una democrazia durature in Europa;–

  ricorrendo alla gestione condivisa e alla sussidiarietà, al fine di unire varie parti interessate provenienti da livelli diversi di governance e di affrontare in modo efficace i rischi e le opportunità socio-economiche;

2.  invita la Commissione a presentare senza indugio le sue proposte per il prossimo QFP e per il pacchetto della politica di coesione successivo al 2020 e insiste su un avvio immediato dei negoziati, al fine di garantire l'attuazione tempestiva dei Fondi strutturali e d'investimento europei (fondi SIE) nel periodo di programmazione successivo al 2020; ritiene che la politica di coesione dovrebbe continuare ad apportare vantaggi ai cittadini in tutte le regioni, pur concentrando le risorse su quelle più vulnerabili; ritiene che dovrebbe essere creata e introdotta una nuova serie di indicatori sociali e ambientali complementari al PIL, al fine di garantire un'assegnazione più equa dei fondi SIE e di tenere maggiormente conto delle diverse tipologie di disuguaglianze;

3.  afferma che la politica di coesione deve rimanere la principale politica pubblica di investimento e di sviluppo dell'UE, ma che occorre impegnarsi di più per mettere in evidenza il ruolo fondamentale e indispensabile della politica di coesione ai fini del conseguimento degli obiettivi politici dell'Unione; ritiene pertanto necessario concentrare l'attenzione sull'occupazione, sulle competenze, sull'innovazione, sulla demografia, sulle PMI, sull'inclusione sociale e su obiettivi specifici dell'UE, quali la digitalizzazione e la reindustrializzazione, così come sul rafforzamento della dimensione sociale, la cooperazione territoriale e la dimensione urbana; evidenzia, in proposito, che la politica di coesione non deve essere considerata la soluzione e lo strumento di finanziamento per ogni evento imprevisto e che non dovrebbe contribuire alla creazione di nuovi programmi; sottolinea che le nuove sfide non dovrebbero compromettere gli obiettivi tradizionali e a lungo termine della politica di coesione così come disposti dai trattati;

4.  chiede, pertanto, che il QFP continui a offrire almeno la stessa quota di finanziamenti alla politica di coesione dopo il 2020, individuando il giusto equilibrio tra investimenti nei cittadini e investimenti per i cittadini, e fra le tre dimensioni della politica di coesione - economica, sociale e territoriale - nonché assicurando che gli obiettivi politici dell'UE possano essere raggiunti; ritiene che la quota del QFP destinata alla coesione dovrebbe essere aumentata e che gli impegni attuali non dovrebbero essere ridotti; ricorda che, alla luce dell'avvio tardivo del periodo e del volume previsto di richieste di pagamento verso la fine dello stesso, è di notevole importanza aumentare il massimale dei pagamenti a titolo della sottorubrica 1b, al fine di garantire la liquidità e il flusso di investimenti e di evitare l'impatto di potenziali rischi politici; osserva che la creazione di programmi e strumenti futuri dell'UE e il sostegno a quelli attuali non dovrebbe avere luogo a scapito degli investimenti correnti; riconosce l'importante contributo della politica di coesione nel facilitare le riforme strutturali per mezzo di incentivi, ad esempio le condizionalità ex ante come alternativa alle sanzioni, e invita la Commissione a esaminare altri strumenti positivi per sostenere gli sforzi nazionali e regionali; sottolinea la necessità di continuare a rivolgere un'attenzione particolare alle regioni meno sviluppate; evidenzia che il QFP dovrebbe sostenere le priorità delineate nel semestre europeo, in particolare tenendo conto delle raccomandazioni specifiche per paese, senza trascurare, nel contempo, gli obiettivi della politica di coesione sanciti dai trattati; ricorda che le nuove priorità e iniziative dell'UE dovrebbero essere finanziate con nuovi fondi e che la politica di coesione non dovrebbe essere compromessa utilizzando la sua dotazione attuale come fonte di finanziamento per tali nuove priorità e iniziative;

5.  ritiene che i finanziamenti regionali dovrebbero essere protetti e continuare a essere rivolti a tutte le regioni dell'UE, assumendo per lo più la forma di sovvenzioni integrate con strumenti finanziari, i quali, a loro volta, hanno un importante ruolo da svolgere in taluni casi, dopo un'adeguata valutazione ex ante, assieme a una strategia chiara e a una serie di criteri volti a stabilire il tipo di finanziamento più adeguato per il raggiungimento degli obiettivi desiderati, e dovrebbero essere adeguatamente integrati con sovvenzioni ove del caso; sottolinea che, in caso di riduzione del bilancio dell'UE, è necessario rivolgere maggiore attenzione agli obiettivi principali dell'Unione e al valore aggiunto a livello dell'UE, con particolare enfasi sulla promozione della crescita e della creazione di posti di lavoro, come pure sulla riduzione delle disuguaglianze e delle disparità regionali; pone in evidenza l'affermazione della Commissione secondo cui gli strumenti finanziari sono idonei solo per progetti generatori di entrate; ritiene che i contributi e le sovvenzioni continueranno pertanto a essere necessari; sottolinea i rischi associati a prodotti finanziari, quali partecipazioni, fondi fiduciari e altri tipi di obbligazioni; osserva che un aumento della quota degli strumenti finanziari non dovrebbe influire sui contributi finanziari non rimborsabili, poiché ciò impedirebbe di raggiungere l'equilibrio necessario; rileva che la determinazione di obiettivi vincolanti per l'utilizzo degli strumenti finanziari nel quadro del QFP successivo al 2020 non può essere considerata un'opzione praticabile; ritiene che il ruolo degli Stati membri dovrebbe essere evidenziato attraverso tassi di cofinanziamento adeguati che ne garantiscano l'impegno; osserva che vi sono opinioni contrastanti circa la condizionalità macroeconomica e sottolinea che il legame tra politica di coesione e processi di governance economica del semestre europeo deve essere equilibrato e reciproco nonché limitare l'impatto sui beneficiari dei fondi SIE; ritiene indispensabile che i fondi SIE si concentrino su settori in cui un'azione comune è maggiormente necessaria, come ad esempio promuovere la crescita e la competitività o contribuire all'adattamento ai cambiamenti climatici e all'efficacia delle risorse; sottolinea che i finanziamenti dell'UE dovrebbero integrare i bilanci nazionali offrendo una concreta addizionalità e garantendo l'intervento in settori esclusi dai bilanci nazionali;

6.  ritiene che qualsiasi soluzione che comporti un QFP di breve durata sia inaccettabile, poiché impedisce la programmazione a lungo termine e si ripercuote negativamente sulla prevedibilità delle politiche, tra cui la politica di coesione; ritiene che l'unica alternativa alla durata attuale sia un QFP di durata decennale (5+5), accompagnato da una revisione intermedia obbligatoria, purché la Commissione garantisca una transizione agevole tra i periodi di programmazione, il che richiederebbe regole di disimpegno più severe, procedure più brevi per la chiusura dei programmi e processi più rapidi per la definizione e l'avvio dei programmi; chiede che il prossimo QFP preveda un maggiore controllo da parte dei cittadini, anche rafforzando il principio di partenariato nell'ambito della politica di coesione e integrandolo in altre politiche; ribadisce la sua richiesta di integrare la dimensione di genere in tutte le parti del bilancio dell'Unione;

7.  chiede che le priorità dei programmi di sviluppo regionale siano aggiornate al fine di tenere conto del mutamento delle condizioni e trarre vantaggio dalle nuove tecnologie; è del parere che la politica di coesione debba mirare in particolare a valorizzare l'economia della conoscenza e a stimolare l'innovazione; ritiene altresì che il QFP dovrebbe essere più flessibile, in modo da far fronte a sfide impreviste; sottolinea che la posizione della Commissione è volta a trovare il giusto equilibrio tra la stabilità e la flessibilità dei finanziamenti; ritiene che i tassi di disoccupazione regionali e l'indice di progresso sociale regionale siano criteri adeguati; sottolinea che il notevole livello di crescita necessario per la creazione di posti di lavoro e per lo sviluppo non possa essere raggiunto senza compiere sforzi congiunti per l'attuazione di una buona combinazione di politiche economiche, che includa investimenti, riforme strutturali e risanamento di bilancio; evidenzia il ruolo della politica di coesione nel raggiungere gli obiettivi derivanti dall'accordo di Parigi (COP21) e nel garantire la transizione a un'economia circolare a basse emissioni di carbonio; segnala che, per consentire una migliore esecuzione del suo bilancio in futuro, la politica di coesione deve essere profondamente semplificata sulla base delle raccomandazioni del gruppo ad alto livello, mentre nell'attuazione dei programmi relativi ai fondi SIE è necessario prevedere una più ampia applicazione della proporzionalità, oltre alla differenziazione a seconda delle regioni; sottolinea l'importanza della politica regionale per la protezione delle regioni più vulnerabili, come quelle meno sviluppate e quelle ultraperiferiche;

8.  pone l'accento sull'importanza di iniziative transfrontaliere regionali nella promozione dell'integrazione europea, così come di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e dell'occupazione; evidenzia che il meccanismo per collegare l'Europa e il Fondo di coesione dovrebbero rimanere la principale fonte di investimento infrastrutturale e che gli stanziamenti dovrebbero soddisfare la generale domanda elevata e l'eccesso di sottoscrizioni; evidenzia che la cooperazione territoriale europea (Interreg) è un settore chiave del valore aggiunto dell'UE per garantire la continuità dei progetti comuni sia transfrontalieri che all'interno dell'Unione e i collegamenti tra gli stessi; ritiene che queste iniziative transfrontaliere in particolare evidenzino il valore aggiunto dell'Unione europea;

9.  ricorda che gli investimenti che compaiono nella sottorubrica 1a mostrano un elevato impatto positivo sulle politiche; ritiene che programmi come quello che succederà a Orizzonte 2020 dovrebbero ricevere il doppio dei finanziamenti disponibili nell'ambito dell'attuale programma quadro; osserva che le stime, le percentuali di domanda e di successo indicano che tale aumento ridurrebbe il deficit di finanziamento per la ricerca e l'innovazione;

10.  invita la Commissione ad attuare e ad agevolare ulteriormente maggiori sinergie e complementarietà tra i diversi fondi dell'Unione, compresi la politica di coesione, Orizzonte 2020, il meccanismo per collegare l'Europa e il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), onde impedire che a progetti simili si applichino regole diverse per il solo fatto che detti progetti sono stati attuati in base a strumenti differenti; invita altresì la Commissione ad adoperarsi per conseguire l'obiettivo di definire regole uguali per progetti simili, anche quando sono finanziati da politiche e strumenti diversi dell'UE, poiché ciò ridurrebbe la burocrazia e renderebbe più agevole l'attuazione dei fondi dell'UE per i beneficiari, ferma restando l'integrità delle dotazioni finanziarie dei fondi SIE; osserva che è possibile migliorare l'utilizzo degli strumenti finanziari e le sinergie con le sovvenzioni; evidenzia, in proposito, che è opportuno prestare particolare attenzione alle norme in materia di aiuti di Stato, in modo da garantire parità di condizioni per le sovvenzioni e gli strumenti finanziari; ritiene necessario che tutti i fondi SIE proseguano dopo il 2020, compresi il Fondo di coesione e il Fondo sociale europeo;

11.  considera essenziale, nel contesto del nuovo QFP, garantire che le norme di bilancio e le norme in materia di spesa per la politica di coesione vengano finalmente semplificate in modo equilibrato e senza pregiudicare i principi trasversali della politica di coesione, al fine di influenzare positivamente la sostenibilità del prossimo QFP e di ridurre gli oneri per i beneficiari; chiede alla Commissione di esaminare ulteriormente la possibilità di adottare l'approccio del codice unico, per incoraggiare un numero più elevato di beneficiari a presentare domanda di finanziamento dell'UE, poiché ciò favorirebbe la creazione di norme di attuazione notevolmente più chiare e semplici e garantirebbe la programmazione strategica integrata del sostegno dell'UE; chiede l'istituzione di un bonus per la semplificazione destinato agli Stati membri per le misure efficaci che riducono la burocrazia e migliorano la gestione dei finanziamenti dell'UE; sottolinea che, al fine di ottimizzare le prestazioni del QFP in materia di condizionalità, è importante trovare il giusto equilibrio per non compromettere gli investimenti; evidenzia che il "pacchetto omnibus" presenta un potenziale più elevato per quanto riguarda la semplificazione e la flessibilità proposte; ritiene pertanto che esso dovrebbe essere attuato e sviluppato ulteriormente dopo il 2020; invita la Commissione ad aumentare l'efficacia ed estendere l'offerta di sostegno allo sviluppo delle capacità per le amministrazioni e i beneficiari a livello locale, regionale e nazionale; chiede alla Commissione di basarsi sugli elementi positivi del sistema di condizionalità ex ante, riducendo al contempo i relativi oneri amministrativi riguardanti la procedura e la valutazione; invita la Commissione a rafforzare l'azione di potenziamento delle capacità amministrative nell'ottica di un'attuazione più efficiente dei fondi; incoraggia a utilizzare ampiamente le misure ispirate dalla recente relazione della Commissione dal titolo "Competitività nelle regioni a basso reddito e a bassa crescita: relazione sulle regioni in ritardo di sviluppo";

12.  chiede un aumento del bilancio e l'ulteriore revisione del Fondo di solidarietà europeo, in particolare per quanto riguarda il limite massimo dei prefinanziamenti (attualmente fissato a 30 milioni di EUR) di cui all'articolo 4 bis del regolamento riveduto del Fondo di solidarietà dell'UE, al fine di affrontare in modo efficace e tempestivo una quota maggiore dei danni causati dalle calamità naturali.

INFORMAZIONI SULL'APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE

PER PARERE

Approvazione

9.10.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

27

4

4

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Franc Bogovič, Steeve Briois, Andrea Cozzolino, Rosa D’Amato, John Flack, Iratxe García Pérez, Krzysztof Hetman, Marc Joulaud, Louis-Joseph Manscour, Martina Michels, Iskra Mihaylova, Jens Nilsson, Andrey Novakov, Paul Nuttall, Konstantinos Papadakis, Mirosław Piotrowski, Stanislav Polčák, Liliana Rodrigues, Maria Spyraki, Ruža Tomašić, Ángela Vallina, Monika Vana, Matthijs van Miltenburg, Lambert van Nistelrooij, Derek Vaughan, Joachim Zeller

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Daniel Buda, Andor Deli, Raffaele Fitto, John Howarth, Ivana Maletić, Tonino Picula

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

James Carver, Esther Herranz García, Susanne Melior

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

27

+

ALDE

Iskra Mihaylova, Matthijs van Miltenburg

ECR

Raffaele Fitto, John Flack, Mirosław Piotrowski, Ruža Tomašić

PPE

Franc Bogovič, Daniel Buda, Andor Deli, Esther Herranz García, Krzysztof Hetman, Marc Joulaud, Ivana Maletić, Andrey Novakov, Stanislav Polčák, Maria Spyraki, Joachim Zeller, Lambert van Nistelrooij

S&D

Andrea Cozzolino, Iratxe García Pérez, John Howarth, Louis-Joseph Manscour, Susanne Melior, Jens Nilsson, Tonino Picula, Liliana Rodrigues, Derek Vaughan

4

-

EFDD

James Carver, Paul Nuttall

ENF

Steeve Briois

NI

Konstantinos Papadakis

4

0

EFDD

Rosa D’Amato

GUE/NGL

Martina Michels, Ángela Vallina

Verts/ALE

Monika Vana

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale (26.1.2018)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: Preparazione della posizione del Parlamento in merito al quadro finanziario pluriennale per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Sofia Ribeiro

SUGGERIMENTI

La commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  sottolinea l'enorme importanza della politica agricola comune (PAC), in quanto politica comune più antica dell'Unione, per il raggiungimento degli obiettivi pubblici e per rispondere a nuove sfide attraverso successive riforme, il che è fondamentale, ad esempio, per la produzione di alimenti di alta qualità, per la fornitura di beni e servizi non alimentari, la sicurezza alimentare, la stabilizzazione e la conservazione delle popolazioni rurali, per garantire prodotti alimentari a prezzi accessibili a circa 500 milioni di consumatori europei, per la coesione territoriale e sociale e per garantire la sostenibilità a lungo termine delle zone rurali; osserva, inoltre, che ciò costa al cittadino dell'Unione solo 0,32 euro al giorno; ricorda che l'agricoltura e l'industria agroalimentare rappresentano il 16 % del fatturato totale dell'industria europea, con oltre 44 milioni posti di lavoro nell'intera catena di approvvigionamento alimentare, 10 milioni di posti di lavoro direttamente agricoli, 11 milioni di aziende agricole e 130 miliardi di EUR di entrate annue provenienti dall'esportazione; sottolinea che la PAC contribuisce a stabilizzare il reddito degli agricoltori attraverso i suoi due pilastri, promuovendo nel contempo programmi ambientali e attività economiche nelle zone rurali;

2.  osserva che, nell'attuale QFP 2014-2020, e per la prima volta, la PAC non è più la politica europea con la voce di bilancio più elevata (sfortunatamente, è passata negli ultimi trent'anni dal 75 % a solo il 38 % del QFP); afferma espressamente che, grazie a numerose riforme della politica, la spesa associata alla PAC è stata ridotta ed è diventata maggiormente mirata, orientata al mercato e adatta a migliorare la competitività dell'agricoltura dell'Unione;

3.  osserva inoltre che l'integrazione di ulteriori compiti e obiettivi nella PAC, non necessariamente remunerati dal mercato, si è verificata senza un aumento della sua dotazione di bilancio, nonostante l'allargamento dell'Unione ad altri Stati membri; sottolinea che sono aumentate le sfide e le esigenze, tra cui ad esempio la necessità di assicurare la sicurezza alimentare e la tutela delle risorse ambientali, lo sviluppo di pratiche agricole sostenibili, l'inverdimento, gli investimenti in nuove tecnologie agricole, nonché la mitigazione degli effetti e degli impatti del cambiamento climatico;

4.  esorta la Commissione ad aumentare il bilancio destinato alla PAC post-2020, o perlomeno a mantenerlo ai livelli attuali, in modo da conservare la struttura a due pilastri della PAC per fornire sostegno agli agricoltori in tutti i settori agricoli, realizzare gli obiettivi chiave di aumentare il reddito degli agricoltori, tutelare e creare posti di lavoro, favorire l'innovazione, conformarsi agli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) e far fronte all'impegno di attuare l'accordo di Parigi sul cambiamento climatico; sottolinea che ogni eventuale ulteriore taglio al bilancio della PAC avrà un impatto negativo sulla competitività del settore agricolo e sullo sviluppo regionale nell'Unione, così come sulle comunità agricole e le zone rurali, possibilità che il Parlamento respinge seccamente;

5.  ritiene che il bilancio della PAC dovrebbe riflettere il cospicuo valore aggiunto europeo di tale politica in termini di mercato unico dei prodotti agroalimentari e di vantaggi sociali, ambientali e di coesione per tutta l'Unione e sottolinea che la PAC non rappresenta più solo una politica settoriale; stima che una riduzione del bilancio della PAC rispetto al PIL dell'Unione a 27 ne limiterebbe la capacità di realizzare gli obiettivi dell'Unione; ritiene che la dotazione di bilancio di tale politica dovrebbe garantirne una dimensione unionale a tutti gli effetti sul piano finanziario;

6.  sottolinea che la politica agricola comune (PAC) è una politica dell'Unione a pieno titolo e di ampio respiro, e costituisce uno dei pilastri dell'integrazione europea; nota che tale politica persegue un numero crescente di finalità pubbliche e che grazie alle riforme reagisce con flessibilità alle nuove sfide e all'evoluzione delle esigenze dell'Unione e della sua società; osserva che essa garantisce un contesto concorrenziale sul mercato unico, risultando decisiva per la prevedibilità e la stabilità delle condizioni in cui si svolge l'attività agricola;

7.  osserva con preoccupazione che l'incertezza sul futuro della PAC nel contesto del QFP sta già creando tendenze negative nelle zone rurali scoraggiando le persone impiegate nel settore, situazione che può portare a situazioni di crisi alimentare e settoriale nell'Unione;

8.  sottolinea che la PAC e il suo bilancio definiscono un quadro comune per il funzionamento del settore agricolo nell'Unione europea e che un progetto europeo privo di tale quadro non consentirebbe il corretto funzionamento di un mercato unico dei prodotti agroalimentari nell'Unione in quanto gli Stati membri concorrerebbero tra loro sul piano del sostegno all'agricoltura, creando distorsioni della concorrenza;

9.  segnala la notevole ambizione della Commissione in termini di negoziati commerciali e di liberalizzazione dell'accesso al mercato agricolo europeo per alcuni dei produttori più competitivi al mondo nel settore agricolo; rileva, d'altra parte, che, in linea con le attese della società europea, la produzione agricola dell'Unione rispetta standard e norme tra i più rigorosi in termini di qualità, sicurezza alimentare, benessere degli animali, protezione dell'ambiente e del clima; sottolinea a tale proposito il ruolo significativo degli indennizzi a titolo della PAC e del relativo sostegno finanziario al fine di mantenere competitiva l'agricoltura europea;

10.  esorta la Commissione a prendere ulteriori iniziative per semplificare il sistema di finanziamento della PAC, ridurre gli oneri finanziari e amministrativi per gli agricoltori e assicurare un'adeguata informazione dei cittadini in merito alla PAC e a ciò che il bilancio prevede; osserva che l'importo di sostegno pubblicizzato può indurre in errore, dal momento che il grande pubblico ignora che, dalla creazione della PAC nel 1962, gli Stati membri dell'Unione hanno messo in comune le proprie risorse per dar vita a una politica comune e a un mercato unico per i prodotti agricoli e che non esiste più, pertanto, una politica nazionale omologa alla PAC negli Stati membri; sottolinea la necessità di sensibilizzare maggiormente in merito all'importante ruolo dell'Unione nel sostegno alla produzione alimentare europea e richiama l'attenzione sul fatto che la PAC non solo fornisce agli europei prodotti di alta qualità a prezzi molto accessibili, ma offre anche il vantaggio implicito di assicurare che i consumatori possano contare su un reddito disponibile maggiore in grado di spingere altri settori dell'economia; sottolinea che ciò può continuare solo se il livello del bilancio destinato alla PAC aumenta o, perlomeno, è mantenuto; rammenta che se tutte le politiche fossero finanziate interamente dal bilancio dell'Unione, la PAC rappresenterebbe solo l'1 % di tale bilancio, il che è piuttosto ragionevole, se si considera che riguarda l'approvvigionamento alimentare di oltre 500 milioni di europei; sottolinea che la PAC rappresenta meno dello 0,4 % delle spese pubbliche totali dell'Unione e degli Stati membri, vale a dire una spesa minore rispetto a una media del 49 % del PIL dell'Unione destinato alle spese pubbliche; mette in rilievo che gli agricoltori dell'Unione rispettano norme rigorose in materia di benessere animale, ambiente e sicurezza alimentare e dovrebbero, pertanto, essere sostenuti per portare avanti tali importanti pratiche;

11.  evidenzia che l'attuale instabilità dei mercati agricoli e l'elevata volatilità dei prezzi dimostrano la necessità di mantenere le sovvenzioni agricole, che consentono di controllare e gestire più efficacemente le lacune dei mercati; riconosce, in tal contesto, che l'aumento dei prezzi degli alimenti e delle vendite dei prodotti registratosi negli ultimi anni non si è tradotto in benefici per gli agricoltori; insiste sulla necessità di un sostegno concreto per far fronte alla mancanza di accesso al credito da parte degli agricoltori e alla riduzione dei redditi agricoli; ricorda inoltre che i consumatori europei non sono disposti a pagare per i generi alimentari un prezzo che sarebbe innegabilmente più elevato se il settore agricolo non ricevesse il sostegno pubblico;

12.  sottolinea che le sovvenzioni agricole, pur rappresentando solo un importo insignificante rispetto al PIL totale degli Stati membri, sono essenziali per garantire la continuità delle attività agricole e la sicurezza del reddito per gli agricoltori; ribadisce che la PAC è essenziale per contribuire a ridurre la volatilità del reddito degli agricoltori, nonché per aiutare i giovani agricoltori a entrare nel settore agricolo e ad assicurare che la propria azienda sia redditizia, creando così posti di lavoro diretti e indiretti nel settore;

13.  osserva che occorre gestire la volatilità del reddito derivante dalla volatilità dei prezzi causata dal peggioramento delle condizioni nel settore agricolo, in particolare considerato che i costi di produzione sono in aumento; sottolinea che la PAC non si occupa sufficientemente dell'instabilità dei redditi degli agricoltori e dei mercati agricoli e che probabilmente il taglio al bilancio della PAC aggraverà ulteriormente tale situazione, colpendo così i comparti maggiormente vulnerabili dell'industria;

14.  invita la Commissione a condurre uno studio sulle risorse che tornerebbero al Fondo europeo agricolo di garanzia (FEAGA) se nell'Unione fossero applicati ai pagamenti diretti massimali di 150 000 EUR, 100 000 EUR e 50 000 EUR;

15.  ricorda che le proiezioni dell'impatto della Brexit sulla PAC oscillano tra i 3,8 e i 4,1 miliardi di EUR all'anno e invita pertanto la Commissione a compensare questo deficit individuando forme alternative di finanziamento, ad esempio aumentando i contributi degli Stati membri, in percentuale rispetto al reddito nazionale lordo, sviluppando nuovo tipologie di risorse proprie, adottando alcune delle riforme proposte dal gruppo ad alto livello sulle risorse proprie e migliorando il funzionamento della PAC in modo da cercare di mantenere inalterato il bilancio della PAC dopo il recesso del Regno Unito, affinché possa affrontare adeguatamente le sfide attuali e future dell'agricoltura europea;

16.  invita la Commissione ad agevolare al settore agricolo l'accesso ad altri strumenti finanziari, come il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS); ritiene che, nell'eventualità che siano introdotte nuove condizionalità per quanto riguarda i pagamenti nella PAC, la Commissione dovrebbe accompagnarle con un adeguato rafforzamento del bilancio destinatole; sottolinea la necessità di aumentare i finanziamenti in linea con le risposte alle varie crisi congiunturali in settori sensibili come quello del latte, delle carni suine e dei prodotti ortofrutticoli, e che la volatilità dei prezzi può essere combattuta creando nuovi strumenti, tenendo conto del possibile impatto degli accordi di libero scambio su tali settori e ricordando la necessità, sempre maggiore, di promuovere la competitività del settore agricolo europeo a livello globale; richiama inoltre l'attenzione sul peso crescente dei fattori esterni sull'agricoltura europea e sulla PAC, nonché sulla conseguente necessità di ulteriori strumenti in grado di prevenire eventuali crisi future sui mercati agricoli aventi origine al di fuori dell'Unione;

17.  sottolinea l'importanza di migliorare il controllo sul bilancio e invita la Commissione a elaborare una politica che renda meglio conto della destinazione del denaro dei contribuenti dell'Unione e dei risultati da questo conseguiti;

18.  sottolinea la necessità per la Commissione di mantenere intatti i pagamenti diretti, dato che essi contribuiscono a evitare distorsioni della concorrenza tra gli Stati membri, e di mantenere la competitività dei prodotti agricoli dell'Unione all'estero; respinge fermamente qualsiasi introduzione di un cofinanziamento nazionale, che equivarrebbe a una rinazionalizzazione parziale della PAC e potrebbe condurre allo sviluppo di diverse PAC nei diversi Stati membri, favorendo considerevolmente i contribuenti netti al bilancio dell'Unione e perturbando il funzionamento del mercato unico; sottolinea, pertanto, che la PAC, in quanto unica politica totalmente integrata a livello unionale, garantisce il maggiore valore aggiunto europeo, e che una politica agricola finanziata a livello nazionale risulterebbe considerevolmente più cara; rifiuta ogni tentativo d'imporre un cofinanziamento della PAC da parte degli Stati membri; riconosce l'importanza di mantenere il finanziamento dei programmi di sviluppo rurale nel quadro della coesione territoriale e sociale dell'Europa, dato che le zone rurali rappresentano circa il 90 % della sua superficie; esorta la Commissione a prendere in dovuta considerazione i differenti costi di produzione e del lavoro, insieme al contributo fornito dall'agricoltura all'occupazione nei singoli Stati membri, nel proseguire il processo di convergenza esterna dei pagamenti diretti nell'Unione nell'ambito del prossimo quadro finanziario pluriennale, e la convergenza interna negli Stati membri e nelle loro regioni; sottolinea l'importanza di mantenere la varietà di misure, ivi compreso il sostegno accoppiato facoltativo, disponibile agli Stati membri per mantenere la produzione in settori vitali per le zone vulnerabili senza effetti distorsivi sul mercato interno; mette in rilievo che i pagamenti diretti rappresentano un'importante rete di sicurezza e un importante sostegno al reddito per gli agricoltori;

19.  sottolinea che l'agricoltura, in particolare la produzione primaria, è particolarmente sensibile ai danni causati da fenomeni naturali riconducibili al clima (siccità, inondazioni, tempeste, precipitazioni ecc.) ed esorta pertanto la Commissione a elaborare un meccanismo per sostenere le misure volte a ridurre e prevenire tali danni, che potrebbe anche includere una compensazione per le perdite incorse dai produttori agricoli primari a seguito di disastri provocati dai cambiamenti climatici;

20.  invita la Commissione a considerare, nel prossimo bilancio della PAC, la possibilità di ringiovanire il settore, sostenendo l'ingresso di giovani e nuovi agricoltori e consentendo ai meno giovani di uscirne; esorta a proseguire nell'elaborazione di meccanismi di rinnovo generazionale nell'agricoltura, puntando in questo modo sulla modernizzazione e sul ringiovanimento del settore, sempre in una logica di sfruttamento e trasmissione delle conoscenze;

21.  ricorda che la maggior parte delle zone rurali si trova nelle regioni meno favorite dell'Unione, dove il PIL pro capite è di gran lunga inferiore alla media europea; nota che pertanto lo sviluppo delle zone rurali continua a essere una sfida importante per uno sviluppo territoriale sostenibile e che tali zone hanno bisogno di essere aiutate sul piano dell'occupazione, del tenore di vita e dello sviluppo delle attività non agricole; sottolinea che il sostegno alla coesione socioeconomica nell'Unione è ancora una sfida di attualità per il bilancio dell'Unione; ritiene pertanto che occorra incrementare la dotazione di bilancio dell'Unione a favore delle zone rurali nell'ambito della PAC; ritiene inoltre che i criteri applicati alla ripartizione delle risorse tra gli Stati membri debbano continuare a tenere in considerazione le disparità in termini di ricchezza della popolazione rurale, le sue dimensioni e la superficie agricola;

22.  chiede di rinnovare un sostegno mirato a favore degli agricoltori che più ne hanno bisogno, comprese le aziende agricole a conduzione familiare e le piccole e medie aziende agricole nonché, ricorrendo a misure concrete mirate, a favore delle zone soggette a vincoli naturali, delle regioni più svantaggiate, di montagna e ultraperiferiche, assicurando così la produzione e la fornitura alimentari in tutte le parti dell'Unione ed evitando lo spopolamento delle zone rurali; chiede che il sostegno sia accuratamente mirato a quanti lavorano direttamente la terra, senza escludere gli agricoltori a tempo parziale, che in molti casi hanno diversificato la propria attività e non dovrebbero essere penalizzati per gli sforzi profusi in tal senso; osserva che incentivare le attività agricole future, assicurando alla PAC un bilancio adeguato per il futuro e prevedendo una differenziazione positiva a favore delle zone più vulnerabili, è cruciale per il settore agricolo; invita la Commissione a prevedere un aumento della dotazione dei programmi di opzioni specifiche intesi a ovviare agli svantaggi dell'isolamento e dell'insularità (POSEI), come richiesto dal Parlamento, mantenendo questo regime che si è rivelato molto importante per le regioni ultraperiferiche; rammenta che esso riguarda tre Stati membri e rappresenta meno dell'1 % del bilancio della PAC; osserva, in particolare, che lo sviluppo locale di tipo partecipativo, come il programma LEADER, rappresenta un modo efficiente di spendere i fondi della PAC; chiede che il futuro QFP fornisca finanziamenti più sostanziali per l'istituzione, il funzionamento e lo sviluppo delle organizzazioni di produttori;

23.  invita la Commissione, nell'ambito del prossimo QFP, a sostenere l'accesso degli agricoltori alle innovazioni, come le moderne tecniche di allevamento e l'agricoltura di precisione, accrescendo le sinergie tra le diverse forme di programmi di finanziamento e migliorando il ruolo dell'agricoltura nei programmi di ricerca dell'Unione; riconosce il ruolo crescente e il potenziale delle nuove tecnologie nell'agricoltura, ma segnala che la loro attuazione rimane proibitiva per un gran numero di produttori;

24.  invita la Commissione a presentare una proposta di quadro giuridico per la catena di approvvigionamento alimentare nell'Unione, garantendo un adeguato finanziamento, al fine di combattere le pratiche commerciali sleali nel mercato interno e assicurare agli agricoltori un certo livello di trasparenza e certezza, che consentirà loro di prendere decisioni informate a beneficio non solo degli agricoltori stessi, ma anche dei consumatori, ed evitando pratiche quali la vendita sottocosto, che porta a una diminuzione dei redditi agricoli; chiede il finanziamento di misure volte a rafforzare il potere contrattuale degli agricoltori nel quadro della catena di approvvigionamento dei prodotti; ricorda l'ampio sostegno del Parlamento a un quadro normativo unionale inteso a combattere le pratiche commerciali sleali;

25.  riconosce l'interesse da parte dei produttori per i programmi promozionali dell'Unione e invita la Commissione a mantenere le attuali tendenze di aumentare i fondi per tali programmi, valutando tuttavia anche le condizioni e i requisiti amministrativi, che spesso presentano difficoltà, soprattutto per i produttori di piccole e medie dimensioni e per i nuovi produttori e le loro organizzazioni;

26.  ritiene che i primi quattro scenari descritti dalla Commissione nel libro bianco del marzo 2017 non siano sufficientemente ambiziosi; sottolinea che è il quinto scenario a dover rappresentare il punto di partenza per una riflessione sul bilancio per il periodo successivo al 2020; ritiene che la durata del prossimo QFP debba essere quanto più lunga possibile (almeno sette anni), con una prospettiva a lungo termine (sino al 2050) per lo sviluppo del settore agricolo dell'Unione, onde assicurare la prevedibilità e la stabilità del finanziamento della PAC per il futuro, in particolare considerate l'importanza della sicurezza dell'approvvigionamento alimentare e la maggiore instabilità del settore, e di aumentare le possibilità di successo per i programmi pilota.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

23.1.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

32

3

5

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

John Stuart Agnew, Clara Eugenia Aguilera García, Eric Andrieu, Richard Ashworth, José Bové, Daniel Buda, Nicola Caputo, Paolo De Castro, Jean-Paul Denanot, Albert Deß, Jørn Dohrmann, Herbert Dorfmann, Norbert Erdős, Luke Ming Flanagan, Martin Häusling, Esther Herranz García, Peter Jahr, Ivan Jakovčić, Jarosław Kalinowski, Zbigniew Kuźmiuk, Philippe Loiseau, Mairead McGuinness, Ulrike Müller, James Nicholson, Maria Noichl, Marijana Petir, Laurenţiu Rebega, Bronis Ropė, Ricardo Serrão Santos, Czesław Adam Siekierski, Tibor Szanyi, Marc Tarabella, Marco Zullo

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Franc Bogovič, Stefan Eck, Jens Gieseke, Maria Heubuch, Karin Kadenbach, Momchil Nekov, Sofia Ribeiro, Annie Schreijer-Pierik, Hannu Takkula, Tom Vandenkendelaere, Thomas Waitz

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Stanisław Ożóg

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

32

+

PPE

Franc Bogovič, Daniel Buda, Albert Deß, Herbert Dorfmann, Norbert Erdős, Jens Gieseke, Esther Herranz García, Mairead McGuinness, Marijana Petir, Sofia Ribeiro, Annie Schreijer-Pierik, Czesław Adam Siekierski, Tom Vandenkendelaere

S&D

Clara Eugenia Aguilera García, Eric Andrieu, Nicola Caputo, Paolo De Castro, Jean-Paul Denanot, Karin Kadenbach, Maria Noichl, Ricardo Serrão Santos, Tibor Szanyi, Marc Tarabella

ECR

Jørn Dohrmann, Zbigniew Kuźmiuk, James Nicholson, Stanisław Ożóg

ALDE

Ivan Jakovčić, Ulrike Müller, Hannu Takkula

ENF

Philippe Loiseau, Laurenţiu Rebega

3

-

GUE/NGL

Stefan Eck, Luke Ming Flanagan

EFDD

John Stuart Agnew

5

0

ECR

Richard Ashworth

Verts/ALE

José Bové, Martin Häusling, Bronis Ropė

EFDD

Marco Zullo

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per la pesca (23.11.2017)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Clara Eugenia Aguilera García

SUGGERIMENTI

La commissione per la pesca invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  sottolinea che, tenendo conto dell'importanza socioeconomica delle attività di pesca nelle regioni costiere dell'UE, è necessario mantenere un fondo specifico, consistente, indipendente e accessibile per la pesca, allo scopo di attuare la politica comune della pesca (PCP), garantire la sostenibilità dell'acquacoltura e della pesca europee, istituire un piano di selettività per evitare i rigetti, ridurre l'onere finanziario associato all'obbligo di sbarco e agevolarne la realizzazione, nonché conseguire l'obiettivo del rendimento massimo sostenibile (MSY); evidenzia, inoltre, che tale fondo deve altresì aiutare il settore della pesca a realizzare il processo di ristrutturazione che si è reso necessario per molteplici motivi, e che tale processo può comprendere misure quali l'applicazione dell'obbligo di sbarco e la sostituzione di motori non inquinanti;

2.  sottolinea che l'UE ha competenza esclusiva sulla PCP e che, pertanto, le risorse finanziarie messe a disposizione dell'UE ai fini di tale politica dovrebbero essere adeguate per conseguire gli ambiziosi obiettivi stabiliti nel regolamento di base; rammenta tuttavia che l'attuale Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP) rappresenta soltanto lo 0,6 % del QFP complessivo per il periodo 2014-2020; evidenzia che le risorse finanziarie del FEAMP dovrebbero essere mantenute almeno allo stesso livello, tenendo conto dell'importanza socioeconomica della pesca nelle regioni costiere dell'Unione europea;

3.  esorta a tal proposito la Commissione a proporre una dotazione finanziaria maggiore per la prossima programmazione FEAMP, percentuali di finanziamento più elevate e differenti regole sul cofinanziamento e sugli indennizzi ai pescatori nei periodi di fermo pesca in modo da poter andare incontro alle esigenze della piccola pesca artigianale, spesso ostacolata da ritardi amministrativi imputabili agli Stati membri;

4.  indica che le misure di sostegno all'arresto temporaneo dell'attività di pesca devono essere mantenute in alcuni casi; osserva inoltre che tali misure devono essere destinate alle flotte costrette a cessare le loro attività per una causa sopravvenuta, per esempio la chiusura di un'attività di pesca; esorta altresì a mantenere per gli aiuti all'arresto definitivo dell'attività di pesca le stesse condizioni applicate attualmente, aggiungendo, nei casi in cui sia necessario, un audit dei conti sulla ripercussione della demolizione delle navi sull'equilibrio della flotta e sulla capacità reale di cattura;

5.  osserva che la Brexit non deve essere utilizzata come pretesto per ridurre i finanziamenti futuri; ritiene che l'UE debba trovare il modo di garantire che un'eventuale flessione nel QFP per il periodo successivo al 2020 non si traduca automaticamente in una riduzione degli stanziamenti per il FEAMP, dal momento che è stato ridotto nel bilancio per il 2018; sottolinea la necessità di accordare un sostegno prioritario alla pesca costiera artigianale; avverte inoltre che il rischio di un impatto della Brexit sulla pesca rende necessaria una solida linea di bilancio, tenendo conto che la dotazione destinata al settore nell'UE è già stata ridotta;

6.  propone di incrementare i finanziamenti mediante strumenti finanziari complementari agli aiuti non rimborsabili; propone, inoltre, di consentire l'accesso a un regime di prestiti che permetta al settore di aumentare le possibilità di finanziamento al fine di promuovere lo sviluppo economico delle imprese, nonché di continuare ad adoperarsi per mitigare l'impatto ambientale dell'attività di cattura;

7.  sottolinea la necessità di dotare il FEAMP di un adeguato livello di risorse, onde consentire gli investimenti nella sostenibilità, nella selettività e nella competitività della flotta peschereccia;

8.  sottolinea che il livello di attuazione del FEAMP per il periodo 2014-2020, tre anni dopo la sua adozione il 15 marzo 2014, è tuttora insoddisfacente, dal momento che al settembre 2017 è stato utilizzato soltanto l'1,4 % dell'importo disponibile, pari a 6,4 miliardi di euro; auspica che si pervenga a un miglioramento del livello di attuazione del FEAMP e di altri programmi strutturali e d'investimento dell'UE; evidenzia che il basso livello di attuazione è dovuto in gran parte al ritardo nell'approvazione del regolamento di tale fondo europeo a seguito della riforma della PCP e alla mancanza di chiarezza, in molti casi, nelle procedure amministrative concernenti gli aiuti nell'ambito del fondo; chiede pertanto una maggiore concretezza e semplificazione in tal senso; chiede maggiore flessibilità nell'assegnazione dei finanziamenti, prevedendo in particolare la possibilità di trasferire le risorse di bilancio non utilizzate dagli Stati membri riguardanti i dati agli istituti di ricerca e, ai fini del controllo, all'Agenzia europea di controllo della pesca (EFCA);

9.  insiste, inoltre, affinché i costi associati all'obbligo di sbarco siano compensati dal FEAMP, il che comporta la necessità di semplificare tale fondo e di garantirgli una dotazione adeguata;

10.  ritiene che si debbano adottare misure volte a garantire che il fondo dell'UE per la pesca per il periodo successivo al 2020 sia attuato in modo più rapido, più flessibile e meno burocratico, senza incorrere nei ritardi che tuttora gravano sul FEAMP 2014-2020, onde evitare che si ripresenti la situazione attuale;

11.  esorta la Commissione a rivedere la clausola di investimento per garantire che gli investimenti a livello regionale e nazionale cofinanziati attraverso il FEAMP siano esclusi dal calcolo del deficit nazionale utilizzato nel quadro del Semestre europeo;

12.  condivide il punto di vista ampiamente diffuso nel settore e nelle amministrazioni degli Stati membri, secondo cui le attuali norme di finanziamento sono eccessivamente complesse e potrebbero essere meno onerose in generale, e ancora di più nel caso di progetti con livelli modesti di finanziamento; sottolinea che, dal momento che la relazione Omnibus, intesa a semplificare il regolamento finanziario, non ha interessato il FEAMP, è necessario procedere a una semplificazione del regolamento FEAMP;

13.  sottolinea l'importanza delle attività di controllo della pesca e della raccolta di dati scientifici, in quanto assi portanti della PCP; ritiene che esse debbano continuare a beneficiare dei finanziamenti dell'Unione e che gli Stati membri debbano intensificare gli sforzi per impiegare le risorse in questione;

14.  è del parere che, nell'ambito di un nuovo fondo europeo per la pesca, sia necessario introdurre norme in materia di proporzionalità in modo che i progetti di minori dimensioni siano soggetti a oneri burocratici meno gravosi rispetto ai grandi progetti; sollecita in tal senso l'introduzione di una sorta di norma "de minimis" per i finanziamenti di importo modesto nell'ambito di un nuovo fondo europeo per la pesca;

15.  sottolinea che, sebbene l'UE rimanga un importatore netto di prodotti del mare, le sue attività di pesca continuano ad essere una fonte essenziale di alimenti sani per il mercato europeo e, al contempo, una garanzia di autonomia alimentare; evidenzia che l'UE dovrebbe continuare a impedire l'accesso al mercato di prodotti provenienti da paesi terzi non conformi alle norme alimentari, ambientali e sociali derivanti dalla convenzione n.188 dell'Organizzazione internazionale del lavoro o alle disposizioni in materia di lotta alla pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata; sottolinea la necessità che tali requisiti siano integrati negli accordi di libero scambio; evidenzia, in generale, la necessità di limitare le importazioni di prodotti della pesca non conformi alle norme, che non soddisfano i requisiti giuridici, e di creare condizioni di parità per i prodotti della pesca; evidenzia che l'UE deve rafforzare e uniformare i controlli e le ispezioni sulle importazioni provenienti dai paesi terzi per impedire l'accesso al mercato dell'UE di prodotti non conformi ai requisiti previsti dalla normativa vigente;

16.  sottolinea che finora il valore aggiunto europeo nella gestione della pesca è stato in gran parte associato a una riduzione della capacità delle flotte pescherecce, a una buona gestione delle risorse nonché alla qualità dei prodotti e alla loro trasformazione; è del parere che nel QFP per il periodo successivo al 2020 sarà necessario tener conto di un equilibrio tra le risorse ittiche disponibili e la capacità delle flotte; evidenzia che occorre altresì considerare altri elementi dal valore aggiunto non quantificabile, come ad esempio il ruolo svolto dalla pesca nelle comunità che dipendono fortemente da tale settore in termini di occupazione diretta e indiretta e crescita locale; sottolinea pertanto che è importante mantenere un fondo indipendente per la pesca, allo scopo di sostenere tali comunità e garantire maggiore coesione territoriale;

17.  sottolinea che le comunità costiere che dipendono dalla pesca artigianale devono essere prioritarie nel futuro FEAMP vista l'importanza che la pesca artigianale riveste in queste località in termini ambientali e occupazionali, dal momento che il settore rappresenta l'80 % della flotta europea e genera il 40 % dell'occupazione totale nel settore primario, oltre ai posti di lavoro indirettamente creati nella distribuzione a livello locale, nella fabbricazione di reti o nella riparazione di navi; ribadisce che le comunità costiere che dipendono dalla pesca artigianale devono essere prioritarie nel futuro FEAMP, in modo tale da garantire la crescita, il reddito e l'occupazione; rileva che questo è stato il messaggio alla base della riforma della PCP, che ha trovato espressione con l'entrata in vigore della nuova politica;

18.  sottolinea l'importanza della dimensione sociale ed economica della pesca per le comunità locali e per talune regioni marittime e costiere; riconosce la necessità di continuare a garantire stime finanziarie adeguate per consentire ai settori della flotta costiera, artigianale e su piccola scala di ottenere finanziamenti;

19.  sottolinea che la pesca costiera tradizionale ha un elevato potere di attrazione a livello turistico e, pertanto, ha indirettamente anche un impatto economico rilevante su altri settori economici;

20.  evidenzia che le comunità costiere e insulari europee dipendono e continueranno a dipendere fortemente dal settore della pesca, in relazione sia alla trasformazione dei prodotti del mare, al turismo e alla ristorazione sia, a monte della filiera, ai cantieri navali, alle attività di manutenzione e riparazione, alla sicurezza e alle nuove tecnologie; sottolinea pertanto la necessità di mantenere l'attenzione sullo sviluppo locale di tipo partecipativo (CLLD) e sui gruppi d'azione locale nel settore della pesca (FLAG) e di incrementare il loro finanziamento, in quanto consentono alle comunità di pesca locali di affrontare tali sfide a livello locale, avvalendosi delle conoscenze delle parti interessate del luogo per far fronte a problemi locali; evidenzia, a tal proposito, l'importanza di mantenere intatta la struttura di finanziamento delle organizzazioni dei produttori nel settore della pesca e di offrire un contribuito agli organi di rappresentanza della professione;

21.  è del parere che le misure di controllo costituiscano una componente fondamentale ed essenziale della PCP al fine di garantire condizioni di parità e che sia necessario che la Commissione e gli Stati membri accordino adeguate risorse economiche e di altra natura alle attività di controllo; ritiene pertanto che il futuro fondo debba garantire un adeguato sostegno in tale ottica;

22.  sottolinea la necessità di mantenere intatta la struttura di finanziamento dei due strumenti di sostegno collettivo al settore della pesca, i gruppi di azione locale e le organizzazioni dei produttori nel settore della pesca, dal momento che costituiscono elementi basilari per lo sviluppo della pesca nelle regioni che dipendono da tale attività;

23.  ritiene che il FEAMP debba continuare ad accordare un sostegno finanziario prioritario alle attività di pesca costiera e artigianale, in ragione del loro ruolo socioeconomico nelle regioni che dipendono fortemente dalla pesca, fatto salvo il sostegno finanziario ad altre flotte necessarie per l'approvvigionamento di alimenti sani ai mercati dell'UE;

24.  considera necessario, in vista della prossima riforma del QFP, intraprendere una riflessione sull'eventuale finanziamento di misure volte ad ammodernare determinate flotte obsolete che presentano rischi per la sicurezza in mare, per esempio alcune flotte di regioni ultraperiferiche, purché ciò non determini un aumento della capacità di pesca;

25.  sottolinea il ruolo sempre più importante della cosiddetta "economia blu"; è del parere che le priorità della strategia per la crescita blu debbano essere allineate, con l'attribuzione di una linea specifica, a quelle del FEAMP, ossia la sostenibilità ambientale, l'uso efficiente delle risorse, la competitività, la creazione di opportunità di impiego di qualità, la formazione accademica e professionale e la coesione territoriale; invita la Commissione a rivalutare le dotazioni finanziarie per la crescita blu nel QFP e sottolinea che, in tal senso, un fondo per la pesca dovrebbe svolgere un ruolo importante;

26.  accoglie con favore lo slancio che si intende imprimere all'acquacoltura nel quadro della strategia europea sull'economia blu, cui è destinato il 20 % del FEAMP; deplora, tuttavia, il freno che gli ostacoli amministrativi pongono allo sviluppo dell'acquacoltura; chiede pertanto di esaminare le modalità per ridurre le pratiche burocratiche negli Stati membri;

27.  evidenzia la necessità di disporre di misure di sostegno che agevolino il dialogo sociale e di avvalersi del FEAMP per contribuire alla formazione di professionisti qualificati per il settore marittimo e della pesca; sottolinea l'importanza di ammodernare il settore marittimo e della pesca e segnala il ruolo dell'innovazione in tal senso; invita pertanto a potenziare gli investimenti a favore dello sviluppo tecnologico e dell'innovazione, in particolare alla luce della necessità di migliorare la selettività degli attrezzi da pesca nel contesto dell'obbligo di sbarco e della realizzazione dei criteri del MSY, nonché della necessità di garantire l'efficienza delle navi e il comfort e la sicurezza degli equipaggi; chiede, inoltre, che le imprese di altri settori che elaborano proposte per il settore della pesca possano accedere ai fondi, come pure che siano aumentate le possibilità di finanziamento per promuovere un miglior rendimento economico e ambientale del settore;

28.  sottolinea l'importanza della promozione e degli investimenti a favore della diversificazione nel settore della pesca attraverso lo sviluppo di attività complementari;

29.  rammenta la necessità di migliorare la raccolta di dati scientifici e di renderli più accessibili, di promuovere la cooperazione e lo scambio di dati scientifici tra, da un lato, il settore marittimo e della pesca e, dall'altro, la comunità scientifica, le ONG e altri soggetti, nonché di incoraggiare nuove attività di ricerca e di creare nuovi rami nel settore della pesca, come ad esempio l'acquaponica;

30.  ribadisce l'importanza di basarsi su pareri scientifici rigorosi e indipendenti per valutare lo stato delle risorse alieutiche, al fine di poter adottare decisioni di gestione che consentano di raggiungere il rendimento massimo sostenibile (MSY); ritiene che nel quadro del FEAMP successivo al 2020 sia opportuno prevedere finanziamenti adeguati ai fini della raccolta di dati scientifici;

31.  sottolinea l'importanza di mantenere perlomeno lo stesso livello di finanziamento per l'EFCA per quanto riguarda i suoi compiti in materia di controllo, ispezione e sorveglianza nel settore della pesca; chiede che il ruolo dell'EFCA sia rafforzato in futuro, affinché possano essere conseguiti gli obiettivi della PCP e affinché l'EFCA possa consolidare le proprie attività concernenti la gestione delle flotte di pesca e la supervisione delle procedure di controllo; invita la Commissione ad aumentare i finanziamenti a favore dell'EFCA.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

21.11.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

21

2

2

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Marco Affronte, Clara Eugenia Aguilera García, Renata Briano, Alain Cadec, David Coburn, Richard Corbett, Diane Dodds, Linnéa Engström, Mike Hookem, Ian Hudghton, Carlos Iturgaiz, Werner Kuhn, António Marinho e Pinto, Gabriel Mato, Norica Nicolai, Liadh Ní Riada, Ulrike Rodust, Remo Sernagiotto, Ricardo Serrão Santos, Isabelle Thomas, Ruža Tomašić, Jarosław Wałęsa

Supplenti presenti al momento della votazione finale

France Jamet, Verónica Lope Fontagné, Francisco José Millán Mon, Maria Lidia Senra Rodríguez

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

21

+

ALDE

António Marinho e Pinto, Norica Nicolai

ECR

Ruža Tomašić, Remo Sernagiotto

ENF

France Jamet

PPE

Alain Cadec, Carlos Iturgaiz, Francisco José Millán Mon, Gabriel Mato, Jarosław Wałęsa, Verónica Lope Fontagné, Werner Kuhn

S&D

Clara Eugenia Aguilera García, Isabelle Thomas, Renata Briano, Ricardo Serrão Santos, Richard Corbett, Ulrike Rodust

VERTS/ALE

Ian Hudghton, Linnéa Engström, Marco Affronte

2

-

EFDD

David Coburn, Mike Hookem

2

0

GUE/NGL

Liadh Ní Riada, Maria Lidia Senra Rodríguez

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per la cultura e l'istruzione (6.12.2017)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Helga Trüpel

SUGGERIMENTI

La commissione per la cultura e l'istruzione invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  ritiene che la fine del periodo di programmazione 2014-2020, insieme al mutato contesto politico europeo e internazionale, giustifichi un ripensamento della struttura del Quadro finanziario pluriennale (QFP), in modo da adeguarlo alle esigenze dell'Unione; esorta pertanto la Commissione e gli Stati membri a valutare debitamente le possibili conseguenze e gli effetti della Brexit, ad avviare una riforma globale del QFP e a fornire le risorse finanziarie necessarie al fine di evitare eventuali effetti negativi della Brexit sul livello dei finanziamenti stanziati per i programmi di cooperazione a livello di UE nei campi della cultura, dell'istruzione, dei media, della gioventù, dello sport e della ricerca, o sulle persone che lavorano nei pertinenti settori;

2.   esprime sostegno ai programmi nei settori della cultura, dell'istruzione, dei media, della gioventù, dello sport, della ricerca e della cittadinanza, che hanno chiaramente dimostrato il loro valore aggiunto europeo e di godere di una solida popolarità tra i beneficiari e invita ad aumentare in misura significativa gli stanziamenti di impegno e di pagamento e gli investimenti coordinati e a lungo termine onde garantire il buon esito dei loro obiettivi nel QFP per il periodo successivo al 2020;

3.  ritiene che la struttura del futuro QFP dovrebbe rispettare, come minimo, i seguenti criteri:

i.  semplicità, ovvero una riforma delle rubriche che consenta ai cittadini di comprenderne gli obiettivi; ritiene che i programmi in materia di istruzione e formazione, giovani, cultura e sport dovrebbero essere raggruppati in un'unica rubrica che rispecchi in modo adeguato i vari obiettivi dei programmi;

ii.  prevedibilità, ovvero una struttura del QFP e relativi programmi che consenta un'adeguata pianificazione a lungo termine, da parte dei beneficiari; invita la Commissione a mantenere la struttura dei programmi il cui potenziale non sia ancora stato sfruttato appieno, compresa la sezione transettoriale di Europa creativa, e in particolare lo strumento di garanzia per i settori culturali e creativi e le azioni congiunte con il FEIS, cruciali per il sostegno ai settori culturali e creativi;

iii.  trasparenza e responsabilità democratica, ovvero la durata del QFP dovrebbe essere allineata al ciclo elettorale europeo; rileva che il mancato allineamento della programmazione settennale del QFP con la programmazione decennale delle priorità politiche e strategiche dell'Unione può inficiare una valutazione coerente dei risultati ottenuti attraverso i programmi dell'Unione; suggerisce pertanto un QFP per il periodo successivo al 2020 di una durata di 10 anni e una revisione vincolante e significativa dopo i primi 5 anni;

iv.  adattabilità, in quanto l'esperienza del QFP 2014-2020 ne ha dimostrato l'incapacità di rispondere alle sfide emergenti senza alcun impatto sui programmi esistenti; ritiene che siano necessari una maggiore flessibilità e margini più ampi nel prossimo QFP, oltre alla creazione del principio "nuovi investimenti a favore di nuove iniziative" al fine di evitare il finanziamento di nuove iniziative a titolo del bilancio dell'UE, a scapito di programmi e politiche dell'UE esistenti; sottolinea, a tale proposito, che nel caso dei programmi culturali e formativi è fondamentale una prevedibilità di lungo periodo; invita pertanto la Commissione e il Consiglio a prendere in considerazione l'aumento dei massimali degli stanziamenti di impegno e di pagamento nei prossimi QFP; ritiene che tale flessibilità dovrebbe consentire il pieno utilizzo dei massimali totali previsti per gli stanziamenti di impegno e di pagamento del QFP;

v.  responsabilità, in quanto è innanzitutto necessario adottare in via prioritaria azioni volte a prevenire un'ennesima crisi nel settore dei pagamenti durante il QFP attuale; ritiene che occorra profondere il massimo impegno per evitare che si accumulino arretrati nei conti presentati, come avvenuto alla fine del QFP precedente (2007-2013) e all'inizio di quello in corso (2014-2020); si aspetta pertanto che un aumento degli stanziamenti di impegno sarà accompagnato da un corrispettivo aumento degli stanziamenti erogati con puntualità; deplora il fatto che gli arretrati nel settore dei pagamenti abbiano ripercussioni gravi e particolarmente pesanti soprattutto per le piccole organizzazioni del settore creativo, dell'istruzione e della cultura in quanto colpiscono direttamente i beneficiari del bilancio dell'Unione, per esempio studenti, università, PMI e ricercatori;

4.  ritiene che investimenti adeguati e a lungo termine nel settore dell'istruzione e della cultura siano fondamentali al fine di consentire ai cittadini dell'UE di partecipare in modo attivo ed efficace alla vita politica e democratica dell'Unione;

5.  sostiene fermamente l'esigenza di ridurre il contributo proveniente dalle risorse basate sull'RNL alle risorse proprie del bilancio dell'UE, nel contesto di una riforma globale del sistema, per rispettare lo spirito e la lettera dell'articolo 311 del TFUE;

6.  prende con grande preoccupazione atto dell'aumento delle disuguaglianze a livello sociale ed economico, della xenofobia, del razzismo, del nazionalismo, dell'estremismo violento e del terrorismo in Europa; chiede pertanto che siano sostenute misure di prevenzione efficaci, attraverso un aumento dei finanziamenti dell'UE per i pertinenti programmi, anche per quelli che, tra le altre iniziative, promuovono le strategie formative e sono intesi a rafforzare la coesione sociale, la tolleranza e il rispetto dei diritti umani e a promuovere società europee aperte e inclusive, quali fondamenti del nostro modello democratico, in linea con la dichiarazione di Parigi del 17 marzo 2015;

7.  riconosce le sfide a breve e a lungo termine poste dall'integrazione di rifugiati e migranti di culture diverse nella società europea, sia per i nuovi arrivati che per le società che li ospitano; sottolinea a tale riguardo l'importanza di programmi in materia di cultura, istruzione e sport e chiede investimenti a lungo termine e coordinati, unitamente a un adeguato aumento dei finanziamenti attraverso le generazioni attuali e future dei programmi Erasmus +, Europa creativa ed Europa per i cittadini, per sostenere gli Stati membri nei loro sforzi volti a conseguire un'integrazione significativa, al contempo integrando questo sostegno ai programmi culturali ed educativi in altri fondi dell'UE a favore dell'integrazione, come il Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF);

8.  riconosce le sfide cui deve far fronte l'Unione europea nei settori dell'istruzione, della cultura, della gioventù e della cittadinanza, innanzitutto l'accessibilità concreta ai programmi dell'UE, in particolare per le persone con disabilità, e la necessità di ampliare il campo di applicazione dei programmi per raggiungere tutti i giovani europei, dagli studenti universitari agli apprendisti, affinché i programmi vadano oltre gli studenti universitari, che attualmente rappresentano la stragrande maggioranza dei beneficiari; sottolinea, a tal riguardo, l'importanza dei programmi culturali, formativi e dedicati allo sport e chiede investimenti a lungo termine e coordinati, tramite i programmi Erasmus+, Europa creativa e Europa per i cittadini, attuali e futuri, a sostegno degli sforzi degli Stati membri;

9.  ricorda che il sistema della garanzia per i giovani e l'iniziativa a favore dell'occupazione giovanile costituiscono strumenti chiave per affrontare il persistente problema degli elevati tassi di disoccupazione giovanile e chiede un continuo miglioramento di detti strumenti, oltre a un incremento sostanziale del bilancio, nel quadro del Fondo sociale europeo; sottolinea che occorrono politiche a sostegno della domanda e degli investimenti, riforme strutturali che rafforzino la crescita e coordinamento nelle politiche sociali, per favorire una transizione di qualità dei giovani nel mercato del lavoro, in modo sostenibile;

10.  sottolinea la necessità di rafforzare i programmi esistenti nel settore dell'istruzione e della cultura per sostenere ulteriormente l'occupabilità dei lavoratori, in particolare negli Stati membri con elevati tassi di disoccupazione, e per favorire la competitività delle industrie culturali dell'UE;

11.  ritiene che il prossimo QFP dovrebbe fornire finanziamenti mirati per l'istruzione non formale e attività volontarie nell'ambito dell'educazione alla cittadinanza europea per i giovani nelle scuole primarie e secondarie, nelle scuole di istruzione e formazione professionale e in tutti gli altri centri di apprendimento, dal momento che attività di questo genere svolgono un ruolo importante nell'assicurare che l'UE sia "insegnata" in molte scuole in tutta Europa, alzando la qualità generale dell'educazione alla cittadinanza europea, oltre che favorendo in maniera indiretta l'identità europea e il coinvolgimento civico attivo tra i giovani cittadini;

12.  ribadisce il proprio sostegno anche al rafforzamento della dimensione esterna dei programmi culturali Erasmus + ed Europa creativa, quale elemento importante dell'aspetto interpersonale della strategia dell'Unione europea per le relazioni culturali internazionali, con particolare attenzione ai paesi a basso e medio reddito anche attraverso programmi di mobilità appositi per giovani artisti e professionisti del settore culturale e creativo; è del parere che la dimensione esterna del nuovo programma del Corpo europeo di solidarietà dovrebbe essere rafforzata;

13.  chiede un investimento continuo nel quadro di ET2020 e nei programmi Erasmus+, Europa creativa ed Europa per i cittadini, attuali e futuri, per offrire spazio alle organizzazioni giovanili affinché continuino a raggiungere i giovani e a fornire loro preziose competenze e abilità per la vita, attraverso opportunità di apprendimento permanente, di istruzione imperniata sul discente e non formale nonché di apprendimento informale, in particolare volontariato e azioni socio-educative a favore dei giovani;

14.  evidenzia il fatto che gli aumentati investimenti nel programma Erasmus+ dovranno consentire che una portata più ampia del programma includa opportunità più ambiziose di mobilità per i discenti IFP, per i giovani vulnerabili e per quelli vittime di discriminazione multipla e barriere, incluse le persone con disabilità, le persone che si dichiarano LGBTI e quelle provenienti da comunità marginalizzate, nonché per gli studenti, nel contesto degli scambi scolastici;

15.  chiede che nel ciclo del prossimo quadro finanziario pluriennale gli investimenti nel programma successore di Erasmus+ siano decuplicati per raggiungere un maggior numero di giovani e discenti in tutta Europa e conseguire il pieno potenziale del programma, sostenendo così l'invito espresso dal presidente Juncker nel discorso sullo stato dell'Unione, da diversi leader europei e dalla campagna Erasmusx10, promossa da una coalizione delle organizzazioni della società civile; ricorda che l'attuale programma Erasmus+ rappresenta solo l'1,36 % del bilancio complessivo dell'UE per il periodo 2014-2020 e che, entro la fine della sua attuazione nel 2020, solo 4 milioni di europei ne avranno tratto beneficio;

16.  sottolinea l'importanza di una tempestiva approvazione del QFP post 2020 e dei relativi regolamenti di programma volti a evitare problemi nell'attuazione dei programmi e a mantenere al minimo il periodo di transizione tra il QFP attuale e il prossimo;

17.  ritiene che, dato il numero ancora elevato di cittadini europei con scarse competenze di lettura e scrittura, o con difficoltà di alfabetizzazione, e con circa il 40 % dei lavoratori dell'UE che manca di adeguate competenze digitali e il 44 % della popolazione che ha scarse o inesistenti competenze digitali di base, il prossimo QFP deve destinare considerevoli risorse supplementari – al di sopra e al di là degli attuali programmi di istruzione – per promuovere le competenze digitali attraverso una migliore istruzione, la formazione professionale e le opportunità di apprendimento permanente e per sostenere la digitalizzazione delle risorse formative e culturali onde migliorarne e rafforzarne la qualità e l'accessibilità; sottolinea inoltre che le iniziative in materia di competenze digitali devono includere sia le competenze di base necessarie per la vita, quali l'alfabetizzazione mediatica e digitale, sia le competenze professionali specifiche, ad esempio la programmazione; ribadisce che il nuovo QFP dovrebbe offrire un'opportunità per strutturare una politica globale dell'UE in materia di competenze digitali;

18.  sottolinea l'importanza di affrontare il problema dell'esclusione sociale e di includere le persone provenienti da contesti svantaggiati, per assicurare che abbiano pieno e paritario accesso alla cultura e all'istruzione;

19.  accoglie con favore l'iniziativa della Commissione per la creazione del Corpo europeo di solidarietà, quale programma per promuovere la solidarietà tra i giovani europei, e ne raccomanda il proseguimento nel prossimo QFP, aumentandone la dotazione finanziaria, e quale elemento del quadro politico dell'UE per i giovani;

20.  riconosce l'importanza delle industrie culturali e creative (ICC) per lo sviluppo sociale ed economico dell'UE e dei suoi Stati membri e raccomanda di elaborare un quadro politico coordinato che affronti le specifiche esigenze in vista di un ulteriore sviluppo e promozione del settore;

21.  sottolinea l'esigenza di adottare le necessarie misure per migliorare l'accessibilità e l'attuazione dei programmi, riducendo la burocrazia, eventualmente mediante la semplificazione, la flessibilità e la sinergia tra i programmi stessi, e di prevenire ritardi o arretrati nei pagamenti delle fatture;

22.  riconosce l'importanza di salvaguardare il patrimonio naturale e culturale e di valorizzarne il potenziale in qualità di leve economiche;

23.  chiede che sia dato un maggiore risalto ai tirocini e agli apprendistati di qualità e una maggiore partecipazione dei giovani europei ai processi di elaborazione delle politiche.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEI

N SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

4.12.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

14

1

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Andrea Bocskor, Silvia Costa, María Teresa Giménez Barbat, Giorgos Grammatikakis, Petra Kammerevert, Stefano Maullu, Luigi Morgano, Sabine Verheyen, Julie Ward, Bogdan Brunon Wenta, Bogdan Andrzej Zdrojewski, Milan Zver

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Norbert Erdős, Hermann Winkler

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Sylvie Goddyn

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

14

+

ALDE

María Teresa Giménez Barbat

PPE

Andrea Bocskor, Norbert Erdős, Stefano Maullu, Sabine Verheyen, Bogdan Brunon Wenta, Hermann Winkler, Bogdan Andrzej Zdrojewski, Milan Zver

S&D

Silvia Costa, Giorgos Grammatikakis, Petra Kammerevert, Luigi Morgano, Julie Ward

1

-

ENF

Sylvie Goddyn

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

30.11.2017

PARERE della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Monica Macovei

SUGGERIMENTI

La commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  segnala che la struttura del nuovo quadro finanziario pluriennale (QFP) dovrebbe meglio corrispondere alle cinque principali priorità politiche dell'UE; chiede maggiore coerenza tra il finanziamento del bilancio dell'Unione e i suoi obiettivi, se necessario superando la barriera dell'1 % dei contributi a titolo del PIL degli Stati membri e/o adeguando e riducendo gli obiettivi dell'UE;

2.  chiede un aumento dei fondi per contrastare il fenomeno della radicalizzazione, che conduce all'estremismo violento all'interno dell'Unione; ritiene che ciò si possa realizzare attraverso la promozione dell'integrazione e la lotta contro la discriminazione, il razzismo e la xenofobia;

3.  sottolinea l'importanza dei diversi fondi dell'UE ed evidenzia che le azioni nel settore della sicurezza e della migrazione non dovrebbero essere coperte solamente da strumenti specifici, come il Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF) o il Fondo sicurezza interna (ISF), da cui ottenere un livello di finanziamento adeguato per far fronte alle sfide globali in tali settori e risorse sufficienti fin dall'inizio e per l'intera durata del prossimo QFP, ma dovrebbero essere altresì incluse già in fase di progettazione in strumenti futuri maggiormente generici, come il Fondo sociale europeo (FSE), il Fondo di coesione o il Fondo per l'Unione della sicurezza (corrispondente all'Agenda europea sulla sicurezza) e negli strumenti per il finanziamento dell'azione esterna; ritiene che non si dovrebbe escludere la possibilità di ricorrere ad altri strumenti maggiormente generici, come il FSE, per finanziare azioni pertinenti anche nel quadro dell'integrazione di migranti e rifugiati nelle società di accoglienza; reputa necessario che tutti i fondi SIE siano mantenuti dopo il 2020 e sottolinea che taluni fondi, quali il FSE, dovrebbero affrontare, in particolare, la questione dei programmi di lotta contro la radicalizzazione, l'emarginazione, i reati generati dall'odio e la xenofobia;

4.  chiede un sostegno finanziario maggiore per rafforzare le attività della società civile;

5.  sottolinea che il livello dei finanziamenti e i relativi meccanismi per i settori sicurezza e migrazione dovrebbero essere appropriati e prevedere la necessaria flessibilità onde evitare il ricorso sistematico al meccanismo di flessibilità del bilancio dell'UE in ogni esercizio, com'è avvenuto nell'ambito dell'attuale QFP sin dal 2015, e assicurare che le modalità di erogazione rispondano effettivamente alle esigenze emergenti in loco; è del parere che i fondi dovrebbero altresì includere una solida revisione intermedia che adegui l'assegnazione dei finanziamenti alle esigenze in loco in base a statistiche aggiornate e valorizzi i risultati nell'attuazione delle priorità dell'UE;

6.  ribadisce la sua preoccupazione in merito all'istituzione di strumenti ad hoc al di fuori del bilancio dell'Unione, ad esempio i fondi fiduciari, che né preservano l'unicità e l'universalità del bilancio dell'UE né migliorano la sua trasparenza e comprensibilità; rammenta che con i fondi fiduciari dell'UE si dovrebbero sostenere solamente azioni al di fuori dell'Unione; ricorda che il Parlamento dovrebbe poter esercitare i propri poteri di controllo non solo sulla creazione di tali fondi fiduciari dell'UE ma anche sulla loro intera erogazione;

7.  deplora l'aumento del sostegno finanziario dell'Unione concesso a paesi terzi quali la Libia e la Turchia allo scopo di prevenire le migrazioni, nonostante le preoccupazioni in merito alla situazione dei diritti umani in tali paesi terzi;

8.  ricorda che, affinché l'Unione della sicurezza funzioni correttamente, gli strumenti finanziari dovrebbero essere incentrati sul miglioramento delle politiche attuali e dei sistemi esistenti;  

9.  evidenzia l'importanza rivestita da tutte le agenzie del settore "Giustizia e affari interni" (GAI) e dagli organismi dell'Unione di nuova creazione nel quadro dell'agenda dell'Unione per la sicurezza, come pure il significativo ruolo che svolgono nel contrastare la criminalità transfrontaliera, le frodi, il riciclaggio di denaro e il terrorismo, in termini di fornitura di assistenza in materia di asilo, cooperazione giudiziaria, cooperazione di polizia, gestione delle frontiere, protezione dei dati, progetti informatici su larga scala o diritti fondamentali; chiede l'assegnazione di risorse adeguate per le loro operazioni e attività; si rammarica che i finanziamenti assegnati a molte di queste agenzie non abbiano tenuto il passo con le maggiori aspettative in esse riposte per quanto riguarda i loro compiti;

a)  si rammarica per l'insufficiente fornitura di risorse ai servizi di contrasto, come Europol, Eurojust e Cepol, nell'ambito dell'attuale QFP e chiede una programmazione delle risorse in linea con le aspettative politiche e le esigenze operative delle agenzie, compresa la necessità di sostegno tecnologico e tecnico nonché di formazione;

b)  chiede che siano destinati maggiori finanziamenti alla creazione di squadre investigative comuni supplementari, onde accrescere la cooperazione e lo scambio di informazioni nelle indagini transfrontaliere;

c)  sottolinea l'importanza del lavoro svolto dall'Agenzia europea per la gestione operativa dei sistemi IT su larga scala nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia (euLISA) in relazione a diversi sistemi esistenti e nuovi nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia; chiede che siano assegnate risorse finanziarie e umane adeguate onde garantire il proseguimento di tale lavoro; chiede inoltre un'agevole attuazione e gestione del sistema di entrate/uscite, del sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (ETIAS), del sistema europeo di informazione sui casellari giudiziali (ECRIS-TCN) e delle imminenti iniziative onde consentire l'interoperabilità tra i sistemi di informazione dell'UE per la gestione della sicurezza, delle frontiere e della migrazione;

d)  ricorda l'impegno che l'Unione si è assunta di lottare contro la povertà e l'esclusione sociale nell'ambito della strategia "Europa 2020" per la crescita, come pure la necessità di una maggiore comprensione dei fenomeni della radicalizzazione, della crescente emarginazione di alcuni gruppi, dell'incitamento all'odio e dei reati generati dall'odio nonché di una migliore risposta agli stessi; pone l'accento sul ruolo dell'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) in relazione a tali questioni; chiede che siano assegnate risorse umane aggiuntive alla FRA; si rammarica che il mandato della FRA limiti ancora il suo ruolo nel sostegno dei diritti fondamentali; sottolinea che la FRA dovrebbe essere in grado di fornire pareri su proposte legislative di propria iniziativa e che il suo settore di competenza dovrebbe estendersi a tutti gli ambiti dei diritti sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, comprese ad esempio le questioni relative alla cooperazione giudiziaria e di polizia;

e)  chiede risorse adeguate per il consolidamento del nuovo mandato dell'Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea (FRONTEX) e sottolinea che queste nuove funzioni, competenze e attività richiederanno finanziamenti costanti nel quadro finanziario post-2020;

f)  chiede che siano assegnate all'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO) risorse umane aggiuntive per sostenere un mandato potenziato e trasformarlo in un'agenzia a pieno titolo che sia capace di fornire l'assistenza tecnica e operativa necessaria agli Stati membri;

g)  evidenzia il ruolo dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) nel fornire una valutazione globale del consumo di sostanze illecite, la sua importanza a livello sia di prevenzione che di attività di verifica dell'applicazione della legge e la conseguente necessità di assicurare che sia dotato di risorse adeguate;

h)  chiede l'assegnazione di risorse adeguate onde consentire un'attuazione e un funzionamento agevoli della Procura europea;

10.  invita la Commissione a invocare l'articolo 7 del trattato sull'Unione europea in caso di un evidente rischio di violazione grave dello Stato di diritto da parte degli Stati membri e chiede al Consiglio di assumersi le proprie responsabilità a tale riguardo.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

28.11.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

40

7

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Asim Ademov, Gerard Batten, Heinz K. Becker, Monika Beňová, Malin Björk, Caterina Chinnici, Rachida Dati, Ana Gomes, Nathalie Griesbeck, Sylvie Guillaume, Jussi Halla-aho, Monika Hohlmeier, Filiz Hyusmenova, Sophia in ‘t Veld, Dietmar Köster, Barbara Kudrycka, Monica Macovei, Roberta Metsola, Claude Moraes, Péter Niedermüller, Ivari Padar, Soraya Post, Birgit Sippel, Branislav Škripek, Csaba Sógor, Sergei Stanishev, Helga Stevens, Traian Ungureanu, Bodil Valero, Marie-Christine Vergiat, Udo Voigt, Kristina Winberg, Tomáš Zdechovský

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Gérard Deprez, Teresa Jiménez-Becerril Barrio, Sylvia-Yvonne Kaufmann, Jean Lambert, Jeroen Lenaers, Nuno Melo, Morten Helveg Petersen, Salvatore Domenico Pogliese, Róża Gräfin von Thun und Hohenstein, Axel Voss

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

André Elissen, Karoline Graswander-Hainz, Georg Mayer, Julia Pitera

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE

IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

40

+

ALDE

Gérard Deprez, Nathalie Griesbeck, Filiz Hyusmenova, Morten Helveg Petersen, Sophia in ‘t Veld

ECR

Jussi Halla-aho, Monica Macovei, Branislav Škripek, Helga Stevens

PPE

Asim Ademov, Heinz K. Becker, Rachida Dati, Monika Hohlmeier, Teresa Jiménez-Becerril Barrio, Barbara Kudrycka, Jeroen Lenaers, Nuno Melo, Roberta Metsola, Julia Pitera, Salvatore Domenico Pogliese, Csaba Sógor, Róża Gräfin von Thun und Hohenstein, Traian Ungureanu, Axel Voss, Tomáš Zdechovský

S&D

Monika Beňová, Caterina Chinnici, Ana Gomes, Karoline Graswander-Hainz, Sylvie Guillaume, Sylvia-Yvonne Kaufmann, Dietmar Köster, Claude Moraes, Péter Niedermüller, Ivari Padar, Soraya Post, Birgit Sippel, Sergei Stanishev

VERTS/ALE

Jean Lambert, Bodil Valero

7

-

EFDD

Gerard Batten, Kristina Winberg

ENF

André Elissen, Georg Mayer

GUE/NGL

Malin Björk, Marie-Christine Vergiat

NI

Udo Voigt

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per gli affari costituzionali (26.6.2017)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Gerolf Annemans

SUGGERIMENTI

La commissione per gli affari costituzionali invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  ricorda che la spesa dell'UE dovrebbe disporre della massima flessibilità ed essere soggetta a un controllo democratico e un obbligo di rendere conto appropriati, il che richiede il pieno coinvolgimento del Parlamento nel processo decisionale sul regolamento relativo al quadro finanziario pluriennale (QFP); chiede, pertanto, di intensificare il dialogo tra il Consiglio e il Parlamento nei negoziati relativi al prossimo QFP e mette in guardia contro l'approccio discendente adottato abitualmente dal Consiglio europeo, che consiste nel fissare i massimali globali per rubrica anziché valutare in primo luogo le reali esigenze dei programmi;

2.  osserva che l'attuale QFP limita fortemente l'autonomia finanziaria dell'Unione, poiché la maggior parte delle entrate è costituita da contributi nazionali provenienti dagli Stati membri e un'ampia parte della spesa è destinata a questi stessi Stati membri sotto forma di restituzioni;

3.  sottolinea che il bilancio dell'UE è uno strumento che contribuisce al conseguimento degli obiettivi comuni dell'Unione di cui all'articolo 3 TUE e ritiene che, nel passato, esso abbia assolto alla sua funzione in modo soddisfacente;

4.  sottolinea che il QFP per il periodo successivo al 2020 deve consentire all'Unione di rispondere sia alle sfide attuali che a quelle emergenti, che richiedono un'impostazione paneuropea;

5.  osserva la possibilità di passare dal voto all'unanimità al voto a maggioranza qualificata per l'adozione del prossimo regolamento QFP, ricorrendo alle disposizioni dell'articolo 312, paragrafo 2, TFUE, che allineano maggiormente i negoziati sul QFP con la procedura di adozione del bilancio annuale dell'Unione;

6.  chiede l'allineamento del futuro QFP con la durata della legislatura del Parlamento e del mandato della Commissione, riducendo pertanto la durata del QFP da sette a cinque anni per alcuni programmi, mentre altri, in particolare i programmi che richiedono una programmazione a più lungo termine e/o le politiche che prevedono complesse procedure per la definizione dei sistemi di attuazione (come la politica di coesione o lo sviluppo rurale), dovrebbero essere concordati per un periodo di 5+5 anni con una revisione intermedia obbligatoria;

7.  ricorda che la pratica del Consiglio di cercare di espandere il suo ruolo nel processo legislativo, adottando decisioni in materia di disposizioni legislative nel quadro dei negoziati sul QFP, non è conforme ai trattati, i quali escludono espressamente tale ruolo per il Consiglio europeo;

8.  ricorda l'importanza del QFP in quanto bilancio pluriennale incentrato principalmente sugli investimenti;

9.  sottolinea che la Brexit inciderà pesantemente sul prossimo QFP, in particolare sul fronte delle entrate; insiste pertanto sul fatto che occorra considerare attentamente l'introduzione di vere risorse proprie; sostiene le raccomandazioni del gruppo ad alto livello sulle risorse proprie per quanto riguarda la diversificazione delle entrate del bilancio dell'UE, comprese nuove risorse proprie, così da ridurre la quota dei contributi al bilancio dell'UE basati sull'RNL, al fine di abbandonare l'approccio del "giusto ritorno" degli Stati membri;

10.  ritiene che l'Unione europea non possa attendere l'esito della Brexit per avviare i preparativi dei negoziati sul QFP per il periodo successivo al 2020 e che la Commissione dovrebbe presentare una proposta al riguardo non appena possibile, preferibilmente entro il primo trimestre del 2018;

11.  ricorda che le nuove priorità e iniziative dell'UE dovrebbero essere finanziate con nuovi fondi, senza compromettere i programmi e le politiche esistenti; chiede, in tale contesto, una profonda riforma del sistema di finanziamento dell'Unione verso un autentico sistema di risorse proprie al fine di rendere il bilancio dell'UE più stabile, sostenibile e prevedibile, migliorando al contempo la trasparenza per i cittadini; ritiene che sia necessario prendere in considerazione l'unità del bilancio e una maggiore flessibilità di bilancio;

12.  ritiene che vi sia una domanda crescente da parte dei cittadini europei affinché l'Unione risponda a importanti sfide di carattere transfrontaliero che non possono essere affrontate in maniera efficace da parte degli Stati membri; avverte gli Stati membri che l'Unione non può affrontare adeguatamente tali sfide se non vengono aumentate di conseguenza le risorse di bilancio;

13.  sollecita una maggiore complementarietà tra i bilanci nazionali e il bilancio dell'UE;

14.  è del parere che l'introduzione di una nuova rubrica per l'attuazione di un'Unione europea della difesa, finanziata preferibilmente con nuove risorse proprie, sarebbe conforme ai trattati dell'UE;

15.  sottolinea che il prossimo QFP dovrebbe tenere pienamente conto degli impegni assunti dall'Unione europea nel quadro della COP 21.

ESITO DELLA VOTAZIONE FINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

11.10.2017

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

13

5

1

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Gerolf Annemans, Mercedes Bresso, Richard Corbett, Pascal Durand, Danuta Maria Hübner, Diane James, Alain Lamassoure, Maite Pagazaurtundúa Ruiz, Markus Pieper, Paulo Rangel, György Schöpflin, Pedro Silva Pereira, Claudia Țapardel, Kazimierz Michał Ujazdowski

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Ashley Fox, Enrique Guerrero Salom, Jérôme Lavrilleux, Jasenko Selimovic

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Tadeusz Zwiefka

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

13

+

ALDE

Maite Pagazaurtundúa Ruiz, Jasenko Selimovic

PPE

Danuta Maria Hübner, Alain Lamassoure, , Paulo Rangel, György Schöpflin, Tadeusz Zwiefka

S&D

Mercedes Bresso, Richard Corbett, Enrique Guerrero Salom, Pedro Silva Pereira, Claudia Țapardel

VERTS/ALE

Pascal Durand

5

-

ECR

Ashley Fox, Kazimierz Michał Ujazdowski

ENF

Gerolf Annemans

NI

Diane James

PPE

Jérôme Lavrilleux

1

0

PPE

Markus Pieper

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere (6.12.2017)

destinato alla commissione per i bilanci

sul prossimo QFP: preparare la posizione del Parlamento sul QFP per il periodo successivo al 2020

(2017/2052(INI))

Relatore per parere: Iratxe García Pérez

SUGGERIMENTI

La commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere invita la commissione per i bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

A.  considerando che ai sensi dell'articolo 8 del TFUE la promozione della parità tra uomini e donne è un principio fondamentale dell'Unione europea e considerando che l'integrazione della dimensione di genere è di conseguenza un obbligo giuridico che scaturisce direttamente dai trattati; considerando inoltre che una dichiarazione comune interistituzionale sull'integrazione della dimensione di genere è allegata al QFP;

B.  considerando che, per quanto riguarda il QFP per il periodo 2014-2020, la dichiarazione comune del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione di novembre 2013 chiede che le procedure di bilancio annuali applicate al QFP integrino, ove opportuno, elementi capaci di rispondere alle problematiche di genere, tenendo conto dei modi in cui il quadro finanziario generale dell'Unione contribuisce a una maggiore parità di genere e assicura l'integrazione della dimensione di genere;

C.  considerando che la comunicazione della Commissione del 14 settembre 2016 sul riesame intermedio del QFP non contiene alcun riferimento all'attuazione dell'integrazione della dimensione di genere;

D.  considerando che l’integrazione del programma Daphne nel programma "Diritti, parità e cittadinanza" avrebbe dovuto assicurare un'adeguata ed equa distribuzione del sostegno finanziario, tenendo conto del livello dei finanziamenti già stanziati dai programmi precedenti del periodo 2007-2013;

E.  considerando che il Parlamento ha chiesto ripetutamente che l'obiettivo specifico del programma Daphne, il programma "Diritti, parità e cittadinanza", benefici di un finanziamento adeguato e che il suo profilo sia mantenuto quanto più alto possibile; considerando che, tuttavia, nel periodo 2014-2020 il livello dei finanziamenti disponibili per il programma Daphne è diminuito rispetto al periodo 2007-2013;

F.  considerando che l'accesso ai servizi pubblici è una condizione essenziale per garantire l'indipendenza economica e l'emancipazione delle donne; considerando che i servizi pubblici continuano a essere un settore importante per l'occupazione femminile;

1.  ricorda che la parità di genere è sancita dal trattato sull'UE; sottolinea la necessità che la dimensione di genere sia integrata in tutte le politiche, i programmi e le iniziative dell'UE, in modo da garantirne l'attuazione nella pratica; sottolinea che il bilancio di genere deve diventare parte integrante della procedura di bilancio in tutte le sue fasi e in tutte le linee di bilancio, e non solo nei programmi in cui l'impatto di genere è del tutto evidente, di modo che la spesa di bilancio diventi uno strumento efficace per promuovere la parità fra donne e uomini;

2.  sottolinea la necessità di un'integrazione più forte e più efficace delle politiche in materia di parità di genere e degli strumenti di integrazione della dimensione di genere, durante il prossimo periodo di programmazione;

3.  rileva che il bilancio di genere fa parte di una strategia globale sulla parità di genere; sottolinea, pertanto, che l'impegno delle istituzioni dell'UE in questo settore è fondamentale; si rammarica, in tale contesto, che non sia stata adottata alcuna strategia dell'UE sulla parità di genere per il periodo 2016-2020 ed esorta la Commissione, riprendendo le conclusioni del Consiglio sulla parità di genere del 16 giugno 2016, a rafforzare lo status del suo Impegno strategico per la parità di genere 2016-2019 attraverso l'adozione di una comunicazione;

4.  deplora il fatto che, nonostante la dichiarazione congiunta sull'integrazione della dimensione di genere, non siano stati conseguiti progressi rilevanti in tale ambito e che nel QFP per il periodo 2014-2020 non sia emersa una chiara strategia di parità di genere, con obiettivi specifici e coerenti e stanziamenti; chiede l'espressione di un rinnovato impegno del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione in materia di parità di genere nel prossimo QFP, mediante una dichiarazione comune allegata al QFP stesso, che contenga un impegno ad applicare il bilancio di genere; chiede un monitoraggio efficace dell'attuazione di tale dichiarazione nelle procedure di bilancio annuali, mediante l'inclusione di una disposizione in una clausola di riesame del nuovo regolamento del QFP;

5.  chiede che la parità di genere sia esplicitamente menzionata nella rubrica 3 «Sicurezza e cittadinanza»;

6.  sottolinea che fra i principali obiettivi del bilancio generale dell'UE vi sono gli investimenti strategici e la crescita sostenibile, al fine di accrescere la coesione economica e di creare posti di lavoro, in particolare per aumentare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro, e che è quindi essenziale porre l'accento sul miglioramento del potenziale rappresentato dalle donne in tutti i settori dell'economia: l'economia digitale, le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC), la scienza, la tecnologia, l'ingegneria e la matematica (STEM); sottolinea che attraverso un'attenzione specifica alle questioni di genere in detti settori sarà possibile colmare il divario di genere a livello di Unione nonché il deficit di qualifiche nei settori delle TIC e delle STEM;

7.  sottolinea la necessità di finanziare adeguatamente, a titolo dei fondi strutturali e d'investimento europei e del Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale (FEASR), misure che promuovano e sostengano un'istruzione di qualità, l'occupabilità, l'imprenditorialità e la creazione di posti di lavoro per le donne e per i giovani, in particolare per quelli che appartengono ai gruppi più svantaggiati, nelle aree urbane e in quelle rurali, anche, ma non esclusivamente, nei settori delle STEM, di modo che la spesa di bilancio sia effettivamente utilizzata per realizzare obiettivi politici;

8.  ribadisce la sua richiesta acciocché il programma Daphne disponga di una linea di bilancio specifica volta a migliorare la trasparenza relativamente all'impiego dei fondi e a garantire un adeguato livello di finanziamento per combattere la violenza contro le donne. Sottolinea, in tale contesto, la necessità di aumentare le risorse per l'obiettivo specifico del programma Daphne nel periodo 2014-2010, in linea con gli stanziamenti del precedente periodo di programmazione;

9.  si rammarica del fatto che il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) non includa una prospettiva di genere; sottolinea che detta prospettiva di genere dovrebbe essere inclusa nel FEIS, dal momento che l'UE non si riprenderà mai completamente e in modo soddisfacente dalle recenti crisi economiche, a meno che non venga affrontato il loro impatto sulle donne, che hanno subito maggiormente le conseguenze;

10.  ricorda che un numero molto significativo di rifugiati e richiedenti asilo che entrano nell'UE sono donne e bambini; sottolinea che l'integrazione della dimensione di genere figura anche tra i principi alla base del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF); ribadisce i suoi appelli affinché anche la dimensione di genere sia presa in considerazione nelle politiche di migrazione e asilo; chiede un uso efficiente dei fondi dell'AMIF per l'integrazione dei rifugiati, delle loro famiglie e dei richiedenti asilo;

11.  condanna fermamente la reintroduzione e l'espansione della norma "global gag" e le sue ripercussioni sull'assistenza sanitaria a livello globale e sui diritti delle donne e delle ragazze; ribadisce il suo appello all'UE e agli Stati membri affinché colmino il divario finanziario lasciato dagli Stati Uniti nell'ambito della salute sessuale e riproduttiva e diritti relativi, sfruttando i fondi nazionali e quelli dell'UE per lo sviluppo;

12.  sottolinea l'importanza di investire in servizi pubblici di alta qualità e di stanziare importi fissi per gli investimenti nel prossimo QFP al fine di garantire un'offerta adeguata di servizi pubblici di buona qualità e di infrastrutture sociali pubbliche a prezzi accessibili, come centri diurni per la cura di bambini, anziani e altre persone a carico;

13.  sottolinea che, affinché l'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere (EIGE) sia in grado di raggiungere i suoi obiettivi in modo adeguato, è necessario aumentarne il bilancio e il personale, al fine di accrescere le sue capacità di fornire un'assistenza adeguata alla Commissione, fornendo informazioni pertinenti e assistenza tecnica in settori prioritari, quali la parità tra donne e uomini e la lotta alla violenza di genere; ricorda che, all'interno del quadro istituzionale dell'Unione, l'EIGE dovrebbe rimanere un'istituzione specifica e distinta;

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

4.12.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

16

1

4

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Daniela Aiuto, Maria Arena, Vilija Blinkevičiūtė, Anna Hedh, Mary Honeyball, Agnieszka Kozłowska-Rajewicz, Florent Marcellesi, Angelika Mlinar, Maria Noichl, Marijana Petir, Ángela Vallina, Anna Záborská

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Stefan Eck, Sirpa Pietikäinen, Evelyn Regner, Marc Tarabella, Mylène Troszczynski, Julie Ward

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Max Andersson, Claudiu Ciprian Tănăsescu, Lambert van Nistelrooij

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

16

+

ALDE

Angelika Mlinar

EFDD

Daniela Aiuto

GUE/NGL

Stefan Eck, Ángela Vallina

PPE

Sirpa Pietikäinen

S&D

Maria Arena, Vilija Blinkevičiūtė, Anna Hedh, Mary Honeyball, Maria Noichl, Evelyn Regner, Claudiu Ciprian Tănăsescu, Marc Tarabella, Julie Ward

VERTS/ALE

Max Andersson, Florent Marcellesi

1

-

ENF

Mylène Troszczynski

4

0

PPE

Agnieszka Kozłowska-Rajewicz, Marijana Petir, Lambert van Nistelrooij, Anna Záborská

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

22.2.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

29

4

3

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Nedzhmi Ali, Lefteris Christoforou, Gérard Deprez, Manuel dos Santos, André Elissen, José Manuel Fernandes, Eider Gardiazabal Rubial, Jens Geier, Esteban González Pons, John Howarth, Zbigniew Kuźmiuk, Vladimír Maňka, Siegfried Mureşan, Jan Olbrycht, Urmas Paet, Paul Rübig, Petri Sarvamaa, Jordi Solé, Patricija Šulin, Eleftherios Synadinos, Indrek Tarand, Isabelle Thomas, Inese Vaidere, Daniele Viotti, Tiemo Wölken, Marco Zanni

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Xabier Benito Ziluaga, Jean-Paul Denanot, Janusz Lewandowski, Ivana Maletić, Stanisław Ożóg, Pavel Poc, Nils Torvalds, Helga Trüpel, Tomáš Zdechovský

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Anders Primdahl Vistisen


VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

29

+

ALDE

Nedzhmi Ali, Gérard Deprez, Urmas Paet, Nils Torvalds

PPE

Lefteris Christoforou, José Manuel Fernandes, Esteban González Pons, Janusz Lewandowski, Ivana Maletić, Siegfried Mureşan, Jan Olbrycht, Paul Rübig, Petri Sarvamaa, Patricija Šulin, Inese Vaidere, Tomáš Zdechovský

S&D

Jean-Paul Denanot, Eider Gardiazabal Rubial, Jens Geier, John Howarth, Vladimír Maňka, Pavel Poc, Manuel dos Santos, Isabelle Thomas, Daniele Viotti, Tiemo Wölken

VERTS/ALE

Jordi Solé, Indrek Tarand, Helga Trüpel

4

-

ECR

Anders Primdahl Vistisen

ENF

André Elissen, Marco Zanni

NI

Eleftherios Synadinos

3

0

ECR

Zbigniew Kuźmiuk, Stanisław Ożóg

GUE/NGL

Xabier Benito Ziluaga

 

Correzioni di voto

+

 

-

 

0

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

Ultimo aggiornamento: 25 giugno 2018Avviso legale