Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2010/2657(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B7-0244/2010

Testi presentati :

B7-0244/2010

Discussioni :

OJ 21/04/2010 - 124

Votazioni :

PV 05/05/2010 - 13.54
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2010)0144

Testi approvati
DOC 49k
Mercoledì 5 maggio 2010 - Bruxelles Edizione definitiva
Registrazione dei nominativi dei passeggeri (Passenger Name Record - PNR)
P7_TA(2010)0144B7-0244/2010

Risoluzione del Parlamento europeo del 5 maggio 2010 sull'avvio dei negoziati per la conclusione di accordi sui dati del codice di prenotazione (PNR) con gli Stati Uniti, l'Australia e il Canada

Il Parlamento europeo ,

–   visti gli articoli 16 e 218 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, l'articolo 6 del trattato sull'Unione europea, la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, in particolare il suo articolo 8 e la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, in particolare i suoi articoli 6, 8 e 13,

–   visto il diritto fondamentale alla libertà di circolazione, quale garantito dall'articolo 12 del Patto internazionale sui diritti civili e politici,

–   viste le sue precedenti risoluzioni sulla questione PNR tra Unione europea e Stati Uniti, in particolare quella del 13 marzo 2003 sul trasferimento di dati personali da parte delle compagnie aeree in caso di voli transatlantici, quella del 9 ottobre 2003 sul trasferimento dei dati da parte delle compagnie aeree in caso di voli transatlantici(1) : stato dei negoziati con gli Stati Uniti(2) , quella del 31 marzo 2004 sul progetto di decisione della Commissione che prende atto del livello di protezione adeguato dei dati a carattere personale contenuti nelle pratiche passeggeri (PNR ‐ Passenger Name Records) trasferite all'Ufficio delle dogane e della protezione di frontiera degli Stati Uniti(3) , la sua raccomandazione destinata al Consiglio, del 7 settembre 2006, sui negoziati in vista di un accordo con gli Stati Uniti d'America sull'impiego dei dati di identificazione delle pratiche passeggeri (PNR) per prevenire e combattere il terrorismo e la criminalità transnazionale, compresa la criminalità organizzata(4) , la sua risoluzione del 14 febbraio 2007 sul SWIFT, l'accordo PNR e il dialogo transatlantico su tali questioni(5) , e la sua risoluzione del 12 luglio 2007 sull'accordo PNR con gli Stati Uniti d'America(6) ,

–   vista la sua raccomandazione destinata al Consiglio, del 22 ottobre 2008, sulla conclusione di un accordo tra l'Unione europea e l'Australia sul trattamento e il trasferimento dei dati del codice di prenotazione (Passenger Name Record, PNR) originari dell'Unione europea da parte dei vettori aerei all'amministrazione doganale australiana(7) ,

–   vista la sua risoluzione legislativa del 7 luglio 2005 sulla proposta di decisione del Consiglio relativa alla conclusione di un accordo tra la Comunità europea e il governo del Canada sul trattamento delle informazioni anticipate sui passeggeri (Advance Passenger Information, API) e dei dati delle pratiche passeggeri (Passenger Name Record, PNR)(8) ,

–   vista la su risoluzione del 20 novembre 2008 sulla proposta di decisione quadro del Consiglio sull'uso dei dati del codice di prenotazione (Passenger Name Record, PNR) nelle attività di contrasto(9) ,

–   vista la sentenza del 30 maggio 2006 della Corte di giustizia delle Comunità europee nelle cause congiunte C-317/04 e C-318/04,

–   vista la lettera del 27 giugno 2007 del Garante europeo della protezione dei dati al Presidente di turno, sig. Schäuble, riguardo al nuovo accordo PNR con gli Stati Uniti,

–   visto il parere del gruppo di lavoro sulla tutela delle persone con riguardo al trattamento dei dati personali, come previsto dall'articolo 29 della direttiva sulla tutela dei dati (Gruppo dell'articolo 29) sul futuro accordo PNR,

–   visto il parere del proprio servizio giuridico,

–   vista la direttiva 2004/82/CE concernente l'obbligo dei vettori di comunicare i dati relativi alle persone trasportate(10) ,

–   visto il riesame congiunto 2005 dell'accordo UE-USA,

–   visto riesame congiunto 2010 dell'accordo UE-USA,

–   visti l'accordo UE-Canada del 2009,

–   vista la richiesta di approvare la conclusione dell'accordo tra l'Unione europea e gli Stati Uniti sul trattamento e sul trasferimento dei dati del codice di prenotazione (Passenger Name Record, PNR) da parte dei vettori aerei al Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti (DHS)(11) e la conclusione dell'accordo tra l'Unione europea e l'Australia sul trattamento e sul trasferimento dei dati del codice di prenotazione (Passenger Name Record, PNR) originari dell'Unione europea da parte dei vettori aerei all'amministrazione doganale australiana(12) ,

–   vista la risoluzione del 25 novembre 2009 sulla comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio dal titolo «Uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia al servizio dei cittadini» – Programma di Stoccolma(13) ,

–   vista la risoluzione del 17 settembre 2009 sul previsto accordo internazionale sul trasferimento di dati di messaggistica finanziaria al dipartimento del tesoro degli Stati Uniti d'America per prevenire e combattere il terrorismo e il suo finanziamento(14) ,

–   vista la Dichiarazione comune UE-USA sulla sicurezza aerea adottata a Toledo il 21 gennaio 2010,

–   visto l'articolo 110, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.   considerando che il trattato di Lisbona, che modifica il trattato sull'Unione europea e il trattato che istituisce la Comunità europea, è entrato in vigore il 1º dicembre 2009,

B.   considerando che, con l'entrata in vigore del trattato di Lisbona, il Parlamento è chiamato ad approvare gli accordi dell'Unione europea con gli Stati Uniti e con l'Australia sul trasferimento dei dati del codice di prenotazione (dati PNR) ai fini della conclusione di tali accordi,

C.   considerando che l'accordo tra l'Unione europea e il Canada sul trasferimento dei dati PNR non è più valido in ragione della scadenza della decisione sull'adeguatezza della protezione del settembre 2009 e che, successivamente a tale data, il trasferimento dei dati PNR avviene sulla base di impegni bilaterali da parte del Canada nei confronti degli Stati membri,

D.   considerando che altri paesi stanno chiedendo fin d'ora il trasferimento dei dati PNR o hanno annunciato l'intenzione di farlo nel prossimo futuro,

E.   considerando che il Consiglio ha invitato la Commissione a presentare una proposta sulla definizione di un regime dell'Unione europea per i dati PNR, cosa che la Commissione ha fatto il 17 novembre 2007,

F.   considerando che, nell'attuale era digitale, la protezione dei dati, il diritto all'autodeterminazione informativa, i diritti personali e il diritto alla privacy sono diventati valori che svolgono un ruolo sempre maggiore e devono pertanto essere tutelati con particolare attenzione,

G.   considerando che, nel mondo attuale, caratterizzato in maniera particolare dalla mobilità, una maggiore sicurezza e una lotta più incisiva alla criminalità devono andare di pari passo con uno scambio di dati più efficace, mirato e più rapido all'interno dell'Europa e a livello mondiale,

1.   rammenta la propria determinazione a combattere il terrorismo e la criminalità organizzata transnazionale e; allo stesso tempo, la ferma convinzione della necessità di proteggere le libertà civili e i diritti fondamentali, assicurando al contempo il massimo rispetto della privacy, dell'autodeterminazione informativa e della protezione dei dati; ribadisce che i principi di necessità e di proporzionalità sono fondamentali per condurre con efficacia la lotta al terrorismo;

2.   sottolinea che l'Unione europea è fondata sullo stato di diritto e che qualsiasi trasferimento di dati personali da parte dell'Unione europea e dei suoi Stati membri verso paesi terzi a fini di sicurezza deve basarsi su accordi internazionali aventi il rango di atti legislativi, e ciò al fine di offrire le necessarie garanzie ai cittadini dell'Unione, rispettare le garanzie procedurali e i diritti della difesa e ottemperare alla normativa sulla protezione dei dati a livello nazionale ed europeo;

3.   chiede alla Commissione, ai sensi dell'articolo 218 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, di fornirgli tutte le informazioni pertinenti e i documenti di base, in particolare le informazioni specifiche richieste nella predetta risoluzione sul regime di dati PNR dell'Unione;

4.   decide di rinviare la votazione sulla richiesta di approvazione degli accordi con gli Stati Uniti e l'Australia fintantoché non avrà esaminato le possibili modalità di utilizzo dei dati PNR che siano conformi al diritto dell'Unione e tengano conto delle preoccupazioni espresse dal Parlamento in precedenti risoluzioni sui dati PNR;

5.   ritiene che qualsiasi nuovo strumento legislativo debba essere preceduto da una valutazione d'impatto sulla privacy e da un test di proporzionalità che dimostri l'insufficienza degli strumenti giuridici esistenti; chiede in particolare un'analisi:

   dell'utilizzo dei dati API all'interno dell'Unione e da parte di paesi terzi come eventuale strumento meno invasivo di raccolta e impiego dei dati dei passeggeri,
   dei dati raccolti dagli Stati Uniti e dall'Australia nell'ambito dei loro rispettivi sistemi elettronici di autorizzazione di viaggio e
   dei dati PNR che possono essere disponibili da fonti non contemplate da accordi internazionali, quali i sistemi telematici di prenotazione al di fuori dell'Unione europea; invita la Commissione a consultare tutte le parti interessate, compresi i vettori aerei;

6.   ritiene che eventuali nuovi accordi debbano prevedere opportuni meccanismi di revisione indipendente e di vigilanza giuridica nonché di controllo democratico ;

7.   chiede un approccio coerente all'uso dei dati PNR ai fini delle attività di contrasto e della sicurezza, stabilendo un'unica serie di principi che fungano da base per gli accordi con paesi terzi e invita la Commissione a presentare, entro la metà di luglio 2010, un proposta di siffatto modello unico e un progetto di mandato per i negoziati con i paesi terzi;

8.   chiede alla Commissione di richiedere quanto prima che l'Agenzia per i diritti fondamentali dell'Unione europea fornisca un parere circostanziato sulla dimensione dei diritti fondamentali di qualsiasi nuovo accordo PNR;

9.   ritiene che tale modello debba soddisfare i seguenti requisiti minimi:

   a) i dati PNR possono essere utilizzati soltanto ai fini delle attività di contrasto e della sicurezza in caso di grave criminalità organizzata transnazionale o di terrorismo a livello transfrontaliero, sulla base delle definizioni giuridiche stabilite nella decisione quadro 2002/475/GAI del Consiglio, del 13 giugno 2002, sulla lotta contro il terrorismo(15) e nella decisione quadro del Consiglio 2002/584/GAI, del 13 giugno 2002, relativa al mandato d'arresto europeo(16) ;
   b) l'impiego dei dati PNR ai fini delle attività di contrasto e della sicurezza deve essere conforme alle norme europee sulla protezione dei dati, in particolare per quanto riguarda la limitazione delle finalità, la proporzionalità, il meccanismo giuridico di ricorso, la limitazione della quantità di dati da raccogliere e della durata dei periodi di conservazione;
   c) in nessun caso i dati PNR possono essere utilizzati a scopo di estrazione dei dati o di «profiling» (studio dei profili); non può essere adottata nessuna decisione di divieto di volo o di indagare o perseguire un individuo sulla sola base di tali ricerche automatizzate o consultazione di banche di dati; l'uso dei dati deve essere limitato a reati o minacce specifici, caso per caso;
   d) in caso di trasferimento di dati PNR di cittadini UE verso paesi terzi, le condizioni di tale trasferimento sono stabilite in un trattato internazionale vincolante, che garantisca certezza del diritto e parità di trattamento ai cittadini e alle imprese dell'Unione;
   e) il trasferimento successivo di dati da parte del paese destinatario verso paesi terzi deve essere conforme alle norme UE sulla protezione dei dati, che andranno stabilite mediante un accertamento specifico dell'adeguatezza; ciò deve applicarsi altresì a qualsiasi eventuale trasferimento successivo di dati da parte del paese destinatario verso paesi terzi;
   f) i dati PNR possono essere concessi unicamente sulla base del metodo PUSH;
   g) i risultati saranno immediatamente condivisi con le autorità competenti dell'UE e degli Stati membri;

10.   sottolinea l'importanza della certezza del diritto per i cittadini e le compagnie aeree dell'Unione europea, nonché la necessità di norme armonizzate per queste ultime;

11.   chiede alla Commissione e alla Presidenza di garantire al Parlamento un pieno accesso ai documenti e alle direttive negoziali in tutte le fasi della procedura, conformemente all'articolo 218, paragrafo 10, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, e di assicurare che anche i parlamenti nazionali possano accedervi su richiesta;

12.   incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e dei paesi candidati, al governo statunitense e alle due camere del Congresso, al governo australiano e alle due camere del Parlamento, nonché al governo canadese e alle due camere del Parlamento.

(1) GU C 61 E del 10.3.2004, pag. 381.
(2) GU C 81 E del 31.3.2004, pag. 105.
(3) GU C 103 E del 29.4.2004, pag. 665.
(4) GU C 305 E del 14.12.2006, pag. 250.
(5) GU C 287 E del 29.11.2007, pag. 349.
(6) Testi approvati, P6_TA(2007)0347.
(7) Testi approvati, P6_TA(2008)0512.
(8) GU C 157 E del 6.7.2006, pag. 464.
(9) GU C 16 E del 22.1.2010, pag. 44.
(10) GU L 261 del 6.8.2004, pag. 24.
(11) Proposta di decisione del Consiglio relativa alla conclusione dell'accordo tra l'Unione europea e gli Stati Uniti d'America sul trattamento e sul trasferimento dei dati del codice di prenotazione (Passenger Name Record, PNR) da parte dei vettori aerei al Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti (DHS) (Accordo PNR del 2007) (COM(2009)0702).
(12) Proposta di decisione del Consiglio relativa alla conclusione dell'accordo tra l'Unione europea e l'Australia sul trattamento e sul trasferimento dei dati del codice di prenotazione (Passenger Name Record, PNR) originari dell'Unione europea da parte dei vettori aerei all'amministrazione doganale australiana (COM(2009)0701).
(13) Testi approvati, P7_TA(2009)0090.
(14) Testi approvati, P7_TA(2009)0016.
(15) GU L 164 del 22.6.2002, pag. 3.
(16) GU L 190 del 18.7.2002, pag. 1.

Ultimo aggiornamento: 11 febbraio 2011Avviso legale