Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2010/2852(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B7-0535/2010

Testi presentati :

B7-0535/2010

Discussioni :

PV 07/10/2010 - 5
CRE 07/10/2010 - 5

Votazioni :

PV 07/10/2010 - 11.5
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2010)0357

Testi approvati
PDF 70kDOC 38k
Giovedì 7 ottobre 2010 - Bruxelles Edizione definitiva
Futuro del Fondo sociale europeo
P7_TA(2010)0357B7-0535/2010

Risoluzione del Parlamento europeo del 7 ottobre 2010 sul futuro del Fondo sociale europeo

Il Parlamento europeo ,

–  vista la comunicazione della Commissione dal titolo «Europa 2020 – Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva» (COM(2010)2020),

–  viste le conclusioni del Consiglio europeo del 25 e 26 marzo 2010,

–  viste le conclusioni del Consiglio europeo del 17 giugno 2010 (EUCO 13/10), in particolare l'adozione della strategia «Europa 2020»,

–  vista la relazione dell'OCSE del 2010 sul ruolo dell'istruzione nell'attuale periodo di crisi,

–  viste le conclusioni del Consiglio sulla relazione strategica 2010 della Commissione sull'attuazione dei programmi relativi alla politica di coesione, adottate in occasione della 3023a sessione del Consiglio «Affari esteri» che si è tenuta a Lussemburgo il 14 giugno 2010,

–  visto l'articolo 6, lettera e, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE),

–  visto l'articolo 156 TFUE,

–  visto l'articolo 162 TFUE,

–  visto l'articolo 110, paragrafo 2, del suo regolamento,

1.  osserva che il Fondo sociale europeo (FSE) svolge un ruolo chiave per migliorare l'occupazione e le opportunità di lavoro, favorire l'adattamento delle qualifiche dei lavoratori alle esigenze del mercato del lavoro e l'integrazione dei lavoratori in tale mercato, nonché rafforzare l'inclusione sociale;

2.  richiama l'attenzione sui quattro orientamenti in materia di occupazione adottati dal Parlamento europeo e si compiace del fatto che gli obiettivi includono la promozione dell'occupazione e la lotta alla povertà nel contesto dell'inserimento o del reinserimento nella vita lavorativa attraverso la formazione;

3.  sottolinea che è essenziale compiere sostanziali progressi verso il conseguimento delle finalità e degli obiettivi della strategia Europa 2020, in particolare nel settore dell'occupazione e degli affari sociali, al fine di garantire la credibilità della strategia;

4.  ritiene che le finalità e gli obiettivi della strategia Europa 2020 possano essere conseguiti ricorrendo a tale strumento, al fine di sostenere le PMI e di adeguare i sistemi di istruzione e formazione professionale alle loro esigenze;

5.  considera essenziale concentrarsi maggiormente sul buon funzionamento del mercato del lavoro e sulle condizioni sociali, al fine di promuovere la crescita e la produttività e di migliorare l'occupazione in Europa;

6.  ritiene altresì che, per conseguire gli obiettivi della strategia Europa 2020, sia necessario accordare grande importanza all'ammodernamento dei sistemi di istruzione e di formazione professionale, al lavoro dignitoso, inclusa la lotta al lavoro precario e non dichiarato, alla parità di genere e alla creazione di condizioni che permettano di conciliare vita professionale e vita privata, nonché a garantire che le persone attualmente escluse dal mercato del lavoro vi possano accedere;

7.  ritiene che il FSE debba essere rafforzato in quanto principale strumento a sostegno della strategia Europa 2020; sottolinea l'importanza che gli Stati membri utilizzino il FSE per investire in competenze, occupazione e attività di formazione e riqualificazione professionale, allo scopo di creare nuovi e migliori posti di lavoro;

8.  ritiene che l'efficacia del FSE dipenda dalla sua capacità di adattarsi ai vari problemi posti dalle specificità locali e territoriali; incoraggia pertanto l'adozione di un approccio «bottom-up» nella determinazione dei suoi obiettivi;

9.  è del parere che una crescita economica sostenibile e politiche per la creazione di posti di lavoro in Europa siano essenziali ai fini del raggiungimento della coesione sociale e territoriale;

10.  sottolinea che, ferma restando l'importanza della coesione territoriale, è ancora più necessario proseguire gli sforzi per raggiungere la coesione sociale, in conformità alla lettera e allo spirito dei trattati, in particolare l'articolo 9 TFUE;

11.  evidenzia che la politica regionale e la politica sociale dell'Unione europea sono interrelate e che entrambe sono essenziali per il successo della strategia Europa 2020; invita la Commissione a definire un quadro chiaro per creare forti sinergie tra tutte le politiche europee e i Fondi strutturali;

12.  sottolinea che la coesione economica, sociale e territoriale dovrebbe essere rafforzata migliorando l'occupabilità e le opportunità di lavoro, promuovendo un elevato livello di occupazione e garantendo nuovi e migliori posti di lavoro;

13.  rimarca pertanto l'importanza di attuare tutti gli sforzi possibili per garantire che le politiche e gli strumenti dell'Unione europea operino in modo coordinato e sinergico, al fine di aiutare i cittadini europei ad avere accesso a posti di lavoro di qualità, a progredire professionalmente, a uscire dalla povertà inserendosi nella vita lavorativa mediante la formazione, a evitare tutte le forme di esclusione sociale e, in generale, e trarre vantaggio dalla futura crescita;

14.  riconosce che i Fondi strutturali restano di gran lunga il principale strumento di finanziamento per il perseguimento degli obiettivi sociali e chiede alla Commissione di promuovere le sinergie con altri programmi e di sostenere la coerenza tra i programmi quadro pluriennali, quali Daphne, Progress, il programma di sanità pubblica e il programma «Europa per i cittadini»;

15.  invita la Commissione a rafforzare il potenziale dei Fondi strutturali attraverso la semplificazione, in particolare dei controlli, la flessibilità e il miglioramento delle procedure e del seguito, mettendo in rilievo la dimensione dell'integrazione sociale, allo scopo di aiutare gli Stati membri a ottimizzare i risultati delle politiche sociali e per l'occupazione e a generare una crescita sostenibile; sottolinea che l'FSE deve essere reso più trasparente per quanto riguarda l'assegnazione dei fondi, per dare concreta visibilità agli sforzi dell'Unione europea a favore dell'occupazione;

16.  sottolinea l'importanza del FSE quale strumento fondamentale per la lotta alla disoccupazione e per il miglioramento dell'istruzione e della formazione professionale continua per i lavoratori, in particolare nell'attuale crisi occupazionale, nonché per la lotta alla povertà e all'esclusione;

17.  ritiene che sia necessario rafforzare il ruolo del FSE per migliorare l'occupabilità e l'adattabilità dei lavoratori; invita la Commissione a valutare tutte le opzioni politiche possibili per potenziare il contributo del FSE nel contesto della futura architettura dei Fondi strutturali; al fine di promuovere il modello sociale dell'Unione europea, è convinto che il mantenimento del FSE all'interno del regolamento di base recante disposizioni generali sui fondi, ma con regole proprie, presenti notevoli vantaggi;

18.  rileva che, a seguito della libera circolazione delle persone nel mercato interno, in alcune aree dell'Unione europea e soprattutto nelle grandi città stanno emergendo nuovi problemi connessi alla prestazione di assistenza sociale urgente a favore di quanti non sono in grado di mantenersi, e che tali problemi esercitano pressioni sui servizi pubblici e privati (associazioni caritative) che forniscono assistenza urgente, ad esempio ai senzatetto o alle categorie emarginate della società;

19.  sottolinea che il principio di partenariato contribuisce alla trasparenza e alla semplificazione e che è pertanto necessario consentire ai partner di svolgere correttamente il loro ruolo; sottolinea la necessità di rafforzare ulteriormente l'approccio di partenariato fornendo il sostegno del FSE per il rafforzamento delle capacità e la formazione dei partner;

20.  ritiene che il FSE svolga un ruolo chiave nel sostenere la dimensione sociale della crescita economica e la partecipazione attiva dei cittadini alla società e al mercato del lavoro, promuovendo le pari opportunità per tutti come strumento verso una solidarietà sociale e intergenerazionale e la creazione di una società più inclusiva, con lo scopo di ridurre la povertà;

21.  ritiene che i risultati dell'Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale nel 2010 potrebbero aiutare la Commissione a orientare il sostegno a titolo del FSE in modo più efficace verso la lotta alla povertà e all'esclusione sociale nell'Unione europea favorendo una migliore istruzione per i futuri posti di lavoro;

22.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione.

Ultimo aggiornamento: 22 novembre 2011Avviso legale