Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2010/2171(DEC)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0104/2011

Testi presentati :

A7-0104/2011

Discussioni :

PV 10/05/2011 - 4
CRE 10/05/2011 - 4

Votazioni :

PV 10/05/2011 - 9.19
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2011)0178

Testi approvati
PDF 96kDOC 47k
Martedì 10 maggio 2011 - Strasburgo Edizione definitiva
Discarico 2009: Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro
P7_TA(2011)0178A7-0104/2011
Decisione
 Decisione
 Risoluzione

1.Decisione del Parlamento europeo del 10 maggio 2011 sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro per l'esercizio 2009 (C7-0231/2010 – 2010/2171(DEC))

Il Parlamento europeo ,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro relativi all'esercizio 2009,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro relativi all'esercizio 2009, corredata delle risposte dell'Agenzia(1) ,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 15 febbraio 2011 (05892/2011 – C7-0052/2011),

–  visti l'articolo 276 del trattato CE e l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio, del 25 giugno 2002, che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee(2) , in particolare l'articolo 185,

–  visto il regolamento (CE) n. 2062/94 del Consiglio, del 18 luglio 1994, relativo all'istituzione di un'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro(3) , in particolare l'articolo 14,

–  visto il regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione(4) , del 19 novembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002, in particolare l'articolo 94,

–  visti l'articolo 77 e l'allegato VI del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A7-0104/2011),

1.  concede il discarico al direttore dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia per l'esercizio 2009;

2.  esprime le sue osservazioni nella risoluzione in appresso;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione e la risoluzione che ne costituisce parte integrante, al direttore dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

(1) GU C 338 del 14.12.2010, pag. 46.
(2) GU L 248 del 16.9.2002, pag. 1.
(3) GU L 216 del 20.8.1994, pag. 1.
(4) GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72.


2.Decisione del Parlamento europeo del 10 maggio 2011 sulla chiusura dei conti dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro per l'esercizio 2009 (C7-0231/2010 – 2010/2171(DEC))

Il Parlamento europeo ,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro relativi all'esercizio 2009,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro relativi all'esercizio 2009, corredata delle risposte dell'Agenzia(1) ,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 15 febbraio 2011 (05892/2011 – C7-0052/2011),

–  visti l'articolo 276 del trattato CE e l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio, del 25 giugno 2002, che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee(2) , in particolare l'articolo 185,

–  visto il regolamento (CE) n. 2062/94 del Consiglio, del 18 luglio 1994, relativo all'istituzione di un'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro(3) , in particolare l'articolo 14,

–  visto il regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione(4) , del 19 novembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002, in particolare l'articolo 94,

–  visti l'articolo 77 e l'allegato VI del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A7-0104/2011),

1.  approva la chiusura dei conti dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro per l'esercizio 2009;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione al direttore dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

(1) GU C 338 del 14.12.2010, pag. 46.
(2) GU L 248 del 16.9.2002, pag. 1.
(3) GU L 216 del 20.8.1994, pag. 1.
(4) GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72.


3.Risoluzione del Parlamento europeo del 10 maggio 2011 recante le osservazioni che costituiscono parte integrante della decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro per l'esercizio 2009 (C7-0231/2010 – 2010/2171(DEC))

Il Parlamento europeo ,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro relativi all'esercizio 2009,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro relativi all'esercizio 2009, corredata delle risposte dell'Agenzia(1) ,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 15 febbraio 2011 (05892/2011 – C7-0052/2011),

–  visti l'articolo 276 del trattato CE e l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio, del 25 giugno 2002, che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee(2) , in particolare l'articolo 185,

–  visto il regolamento (CE) n. 2062/94 del Consiglio, del 18 luglio 1994, relativo all'istituzione di un'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro(3) , in particolare l'articolo 14,

–  visto il regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione(4) , del 19 novembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002, in particolare l'articolo 94,

–  visti l'articolo 77 e l'allegato VI del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A7-0104/2011),

A.  considerando che la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell'affidabilità dei conti annuali relativi all'esercizio 2009, nonché della legittimità e della regolarità delle operazioni sottostanti,

B.  considerando che il 5 maggio 2010 il Parlamento ha concesso il discarico al direttore dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia per l'esercizio 2008(5) e che, nella risoluzione recante le osservazioni che costituiscono parte integrante della decisione sul discarico, ha richiamato l'attenzione tra l'altro sul fatto che:

   l'Agenzia ha riportato 3 400 000 EUR (importo che corrisponde al 44% degli stanziamenti operativi), di cui circa 1 000 000 EUR riguardava impegni riferiti esclusivamente all'esercizio 2009,
   la Corte dei conti ha rilevato un'irregolarità in relazione a una procedura di gara d'appalto (uso di un contratto quadro per importi che eccedono il suo valore massimo),

C.  considerando che il bilancio dell'Agenzia per il 2009 ammontava a 15 100 000 EUR, che rappresenta un aumento dello 0,6% rispetto al bilancio 2008,

Prestazioni

1.  esorta nuovamente l'Agenzia a presentare, in una tabella da allegare alla prossima relazione della Corte dei conti, una comparazione tra le operazioni effettuate durante l'esercizio per il quale deve essere concesso il discarico e quelle svolte durante l'esercizio finanziario precedente, al fine di consentire all'autorità di discarico di valutare meglio l'operato dell'Agenzia da un anno all'altro;

2.  accoglie con favore l'iniziativa dell'Agenzia di avviare un'analisi previsionale sull'impatto delle innovazioni tecnologiche sulla sicurezza e la salute nei «posti di lavoro verdi» entro il 2020; prende atto altresì della raccolta di dati sulla salute e la sicurezza delle donne sul lavoro;

Struttura di governo dell'Agenzia

3.  constata che le spese amministrative dell'Agenzia rappresentano l'1,35% del bilancio, in quanto essa dispone di un consiglio di amministrazione composto da 84 membri e di un organico costituito da 64 persone (dati relativi all'esercizio 2008); ricorda che ciò rispecchia il regolamento (CE) n. 2062/94 relativo all'istituzione dell'Agenzia, che prevede una rappresentanza tripartita includendo le parti sociali nel consiglio di amministrazione; osserva che le attività pratiche quotidiane dell'Agenzia sono gestite da un ufficio di presidenza composto di undici membri nominati dal consiglio di amministrazione;

Stanziamenti riportati

4.  è preoccupato per il fatto che la Corte dei conti ha nuovamente rilevato che, per quanto riguarda le attività operative (titolo III), nel 2009 l'Agenzia ha riportato 3 500 000 EUR (pari al 47% degli impegni eseguiti) all'esercizio finanziario 2010; sottolinea che tale situazione denota ritardi nell'esecuzione delle attività dell'Agenzia ed è in contrasto con il principio dell'annualità di bilancio; riconosce che ciò è dovuto in parte al carattere pluriennale di progetti importanti; prende atto tuttavia che, nei primi mesi del 2010, l'Agenzia ha adottato un meccanismo di rendicontazione mensile per monitorare l'implementazione delle attività previste nel proprio programma di lavoro annuale e i relativi aspetti di bilancio;

5.  invita l'Agenzia a ridurre l'incremento del tasso di annullamento e a informare l'autorità di discarico sulle misure adottate; si compiace della promessa fatta dall'Agenzia di prestare particolare attenzione agli impegni ancora aperti alla fine dell'anno, nell'ottica di disimpegnare gli importi non necessari per coprire i conseguenti obblighi finanziari e legali;

Revisione contabile interna

6.  accoglie con favore l'iniziativa dell'Agenzia di trasmettere all'autorità di discarico la relazione annuale di revisione contabile interna sull'Agenzia elaborata dal Sevizio di revisione contabile interna (IAS); ritiene che ciò costituisca un segnale di trasparenza e un esempio di prassi di eccellenza che tutte le altre agenzie dovrebbero seguire;

7.  si congratula con l'Agenzia per i considerevoli progressi realizzati al riguardo; riconosce che tutte le raccomandazioni «molto importanti» formulate dallo IAS sono state attuate e concluse in maniera adeguata, fatta eccezione per la raccomandazione relativa alla convalida dei sistemi contabili, che è stata riclassificata come «importante» a seguito della sua attuazione parziale; invita, pertanto, il contabile dell'Agenzia a descrivere la metodologia utilizzata per la convalida del sistema contabile; appoggia l'idea di sviluppare la cooperazione all'interno della rete dei contabili delle agenzie, allo scopo di definire requisiti comuni e di sviluppare una metodologia comune per la convalida dei sistemi contabili delle agenzie;

8.  incoraggia l'Agenzia a rivedere le proprie liste di controllo per tener conto delle specificità delle diverse transazioni finanziarie e a metterle a disposizione dell'intero personale;

9.  invita inoltre l'Agenzia a finalizzare e/o ad aggiornare le sue procedure di documentazione; invita in particolare l'Agenzia a stilare un elenco esaustivo dei principali processi che devono essere resi conformi alle procedure richieste e di provvedere a un sistematico aggiornamento dell'elenco;

Ruolo di coordinatore della rete di agenzie

10.  si congratula con l'Agenzia per l'efficace lavoro svolto in qualità di coordinatore della rete di agenzie durante la procedura di discarico 2009;

o
o   o

11.  rinvia, per altre osservazioni di natura orizzontale che accompagnano la decisione di discarico, alla sua risoluzione del 10 maggio 2011(6) su prestazioni, gestione finanziaria e controllo delle agenzie.

(1) GU C 338 del 14.12.2010, pag. 46.
(2) GU L 248 del 16.9.2002, pag. 1.
(3) GU L 216 del 20.8.1994, pag. 1.
(4) GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72.
(5) GU L 252 del 25.9.2010, pag. 187.
(6) Testi approvati, P7_TA(2011)0163.

Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2012Avviso legale