Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2011/2733(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B7-0522/2011

Testi presentati :

B7-0522/2011

Discussioni :

PV 28/09/2011 - 9
CRE 28/09/2011 - 9

Votazioni :

PV 29/09/2011 - 10.3
CRE 29/09/2011 - 10.3
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2011)0430

Testi approvati
PDF 169kDOC 101k
Giovedì 29 settembre 2011 - Strasburgo Edizione definitiva
Vertice della Terra Rio+20
P7_TA(2011)0430B7-0522/2011

Risoluzione del Parlamento europeo del 29 settembre 2011 sull'elaborazione di una posizione comune dell'Unione europea in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Rio+20)

Il Parlamento europeo ,

–  vista la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Rio+20), che si terrà nel giugno 2012 a Rio de Janeiro e che verterà principalmente sui due temi «l'economia verde nel contesto dello sviluppo sostenibile e dell'eliminazione della povertà» e «il quadro istituzionale per lo sviluppo sostenibile»,

–  viste le interrogazioni alla Commissione e al Consiglio sugli obiettivi dell'UE in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Rio+20) che si terrà nel giugno 2012 a Rio de Janeiro (O-000181/2011 – B7-0436/2011, O-000182/2011 – B7-0437/2011),

–  vista la comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni intitolata «Rio+20: verso un'economia verde e una migliore governance» (COM(2011)0363),

–   visti i risultati della Conferenza sulla diversità biologica svoltasi nel 2010 a Nagoya (Giappone),

–  visto il protocollo di Kyoto del 1997,

–  vista la Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, dell'8 settembre 2000, che esplicita gli obiettivi di sviluppo del Millennio (OSM) quali obiettivi fissati congiuntamente dalla comunità internazionale per l'eliminazione della povertà,

–  visti l'iniziativa globale sull'economia degli ecosistemi e della biodiversità (TEEB), approvata dai leader del G8+5 nel giugno 2007, e i relativi risultati pubblicati nel 2009 e nel 2010,

–  viste le relazioni di valutazione del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici,

–  vista la dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni,

–  visto il rapporto della IAASTD (International Assessment of Agricultural Science and Technology for Development - Valutazione internazionale delle scienze e tecnologie agricole per lo sviluppo), adottato nel 2008,

–   vista la relazione «Agro-ecology and the right to food» (Agroecologia e diritto all'alimentazione) del Relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto all'alimentazione, presentata dinanzi al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite l'8 marzo 2011,

–  visti l'articolo 115, paragrafo 5, e l'articolo 110, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.  considerando che, sebbene dal Vertice di Rio del 1992 e da quello di Johannesburg del 2002 siano stati compiuti alcuni progressi verso lo sviluppo sostenibile, permangono notevoli lacune a livello di attuazione e vi sono ancora sfide importanti da affrontare, mentre molti impegni assunti dalla comunità internazionale non sono ancora stati pienamente assolti;

B.  considerando che i tre obiettivi del Vertice di Rio+20 consisteranno nel garantire un impegno politico rinnovato nei confronti dello sviluppo sostenibile, nel valutare i progressi realizzati finora e le rimanenti lacune in termini di attuazione dei risultati dei principali vertici sullo sviluppo sostenibile, e nel rispondere alle nuove sfide emergenti;

C.  considerando che sarebbe opportuno incrementare le sinergie fra le tre convenzioni di Rio sulla biodiversità (CBD), sul cambiamento climatico (UNFCCC) e sulla desertificazione (UNCCD);

D.  considerando che ben 1,4 miliardi di persone – la metà delle quali nell'Africa subsahariana – vivono ancora in condizioni di estrema povertà; considerando che un sesto della popolazione mondiale è sottonutrito, mentre l'insicurezza alimentare è in aumento e la disoccupazione o la sottoccupazione rimangono una realtà per un'ampia parte della popolazione nei paesi in via di sviluppo; considerando che il 70% delle persone che vivono con meno di un dollaro al giorno sono donne;

E.  considerando che in molti paesi in via di sviluppo il cambiamento climatico costituisce una grave minaccia per la riduzione della povertà, i diritti umani, la pace e la sicurezza nonché per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio (OSM);

F.  considerando che secondo le previsioni la popolazione mondiale raggiungerà almeno i 9 miliardi nel 2050, esercitando una pressione sempre più forte sull'offerta limitata di risorse naturali e sulla capacità di gestire i flussi di rifiuti prodotti;

G.  considerando che il sempre maggiore fabbisogno di acqua, terra e foreste ha determinato il crescente impoverimento e degrado di queste risorse; considerando che la perdita di biodiversità, la pesca eccessiva, il degrado degli ecosistemi e la deforestazione proseguono a un ritmo allarmante;

H.  considerando che i livelli delle emissioni globali di gas a effetto serra continuano ad aumentare;

I.  considerando che gli oceani del mondo svolgono un ruolo fondamentale nei processi climatici globali, segnatamente in termini di sequestro del carbonio, e inoltre costituiscono una fonte principale di energia, ospitano una grande ricchezza di biodiversità, sono un importante mezzo di trasporto, forniscono mezzi di sussistenza sostenibili nonché gli elementi essenziali per la vita, compresi cibo, farmaci e acqua dolce; considerando che il cambiamento climatico, le pratiche alieutiche non sostenibili e la dilagante distruzione delle specie, degli habitat e degli ecosistemi marini, tra altri fattori, minacciano la capacità degli oceani di continuare a fornire questi servizi;

J.  considerando che l'80% delle risorse della pesca mondiali sono o pienamente o eccessivamente sfruttate e che circa il 20% della popolazione mondiale dipende direttamente da tali risorse quale principale fonte di proteine;

K.  considerando che i disastri ambientali determinano un crescente numero di sfollati; considerando che è necessario definire uno status internazionale per i rifugiati per cause climatiche e ambientali;

L.  considerando che le donne e i bambini sono particolarmente vulnerabili alle conseguenze del cambiamento climatico, in particolare nei paesi in via di sviluppo e in quelli meno sviluppati; considerando che moltissime donne sono ancora emarginate e vittime di discriminazioni;

M.  considerando che le sfide che ci attendono non sono questioni isolate ma sono invece reciprocamente connesse e interdipendenti; considerando che Rio+20 è l'unico forum multilaterale in cui si affrontano tutti e tre i pilastri dello sviluppo sostenibile, assicurando così un approccio olistico;

N.  considerando che il concetto dell'UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente) di un approccio a tripla elica potrebbe rappresentare una buona base di discussione;

O.  considerando che sono disponibili soluzioni abbordabili alle molteplici sfide in materia di sostenibilità; considerando che, ad esempio, l'utile sugli investimenti destinati al mantenimento della biodiversità e dei servizi ecosistemici arriva fino a cento volte tanto;

P.  considerando che i limiti del PIL quale indicatore del benessere umano e dello sviluppo sono ampiamente riconosciuti;

Q.  considerando che è necessario promuovere un consumo e una produzione sostenibili;

R.  considerando che è necessario promuovere una società socialmente inclusiva, sana, sicura e giusta, nel rispetto dei diritti fondamentali e della diversità culturale che crea pari opportunità e combatte ogni forma di discriminazione;

S.  considerando che una buona governance ambientale si spinge oltre gli accordi istituzionali comprendendo la trasparenza, l'obbligo di rendiconto e la partecipazione della società civile; considerando che il principio n. 10 della dichiarazione di Rio conferma che i problemi ambientali si affrontano nel modo migliore grazie alla partecipazione di tutti i cittadini interessati ed evidenzia la necessità di accordare l'accesso alle informazioni in materia di ambiente, il diritto di partecipare ai processi decisionali e l'accesso effettivo ai procedimenti giudiziari e amministrativi;

T.  considerando che negli ultimi vent'anni i radicali cambiamenti verificatisi nel mondo geopolitico, che hanno trasformato alcuni paesi in via di sviluppo in importanti attori economici e politici, hanno creato un nuovo equilibrio dei poteri e dell'influenza, comportando nuovi ruoli e nuove responsabilità;

U.  considerando che i contributi devono essere presentati alle Nazioni Unite entro il 1° novembre 2011, per servire da base in vista dell'avvio dei negoziati all'inizio del 2012;

1.  accoglie con favore la decisione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, figurante nella risoluzione 64/236, di convocare una Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile al livello più alto possibile nel giugno 2012 a Rio de Janeiro, il che rappresenta un'opportunità unica per i leader mondiali di definire l'agenda della sostenibilità per i prossimi 10 anni, ribadendo nel contempo la necessità di una solidarietà globale; chiede che i paesi siano rappresentati a livello di Capi di Stato e/o di governo;

2.  si compiace della comunicazione della Commissione intitolata «Rio+20: verso un'economia verde e una migliore governance»; ritiene tuttavia che il fatto di porre l'accento sull'economia verde e sul settore privato non debba distogliere l'attenzione dalla necessità di coinvolgere i cittadini e di promuovere una buona governance ambientale al di là delle disposizioni istituzionali; rileva che l'UE può condividere esperienze importanti a questo riguardo nell'applicare il principio n. 10 della dichiarazione di Rio;

3.  invita la Commissione e il Consiglio a garantire che entro il 1° novembre 2011 sarà presentata alle Nazioni Unite una posizione forte e unitaria dell'Unione europea, come contributo in vista dell'avvio dei negoziati all'inizio del 2012;

4.  sottolinea che lo sviluppo sostenibile deve essere messo in primo piano in tutti i processi e le politiche dell'Unione europea se si vuole che quest'ultima sia coerente internamente e con le sue aspirazioni internazionali;

5.  sottolinea che il Vertice di Rio+20 rappresenta un'occasione da non perdere per rafforzare l'impegno politico nei confronti dello sviluppo sostenibile a livello globale e i partenariati tra paesi industrializzati e paesi in via di sviluppo;

6.  rileva che è assolutamente necessario infondere maggiore urgenza e dinamismo all'attuazione e alla governance internazionale delle politiche in materia di sviluppo sostenibile, che stanno progredendo troppo lentamente;

7.  invita la Commissione e il Consiglio a garantire che il Vertice di Rio+20 non si traduca solo in dichiarazioni di buona volontà, bensì in azioni concrete, obiettivi quantificabili e relativi metodi per misurarli, che sono necessari per innescare la sinergia tra gli elementi dello sviluppo sostenibile;

8.  quanto all'attenzione riservata all'«economia verde» come uno dei due temi principali del Vertice, insiste sul fatto che l'«economia verde» debba essere intesa nel senso di un'intera economia funzionante nei limiti previsti dalla sostenibilità riguardo alla biodiversità, al mantenimento dei servizi ecosistemici, alla difesa del clima e all'uso delle risorse naturali; sottolinea che sarebbe opportuno prestare maggiore attenzione al capitale umano, ambientale e naturale e che lo sviluppo sostenibile è qualcosa di più della semplice economia verde;

9.  rileva che il Vertice di Rio+20 dovrebbe concentrarsi sul rafforzamento dei legami tra le agende ambientale, economica e sociale, spostando la prospettiva verso un approccio più coerente e interdipendente anziché considerare questi elementi come tre pilastri indipendenti;

10.  è del parere che la risposta per far fronte alle sfide che ci aspettano non consista nel rallentare la crescita ma piuttosto nel promuovere una crescita sostenibile e un'economia verde, che offrono opportunità a tutti i paesi, a prescindere dal loro livello di sviluppo e dalla struttura delle rispettive economie;

11.  rileva che è necessario far fronte alle nuove sfide emergenti, quali la scarsità delle risorse e il suo ruolo nei conflitti;

12.  sottolinea che l'equità è la pietra angolare del cambiamento di paradigma che è necessario realizzare e che ciò deve essere garantito su scala globale, consentendo in tal modo ai paesi meno sviluppati, con l'aiuto dei paesi sviluppati, di evitare la normale curva di sviluppo passando direttamente a uno status più elevato in termini di benessere umano, ma anche sotto forma di equità all'interno del paese e di equità intergenerazionale;

13.  sottolinea che il Vertice di Rio+20 dovrebbe definire obiettivi specifici e concreti e modi per misurarli e monitorarli, e chiede che venga adottata a tale proposito una tabella di marcia per l'economia verde;

14.  rileva che, per consentire la transizione verso un'economia verde nel contesto dell'eliminazione della povertà, è necessario collegare la protezione dell'ambiente e i diritti umani e affrontare le seguenti tre dimensioni politiche interconnesse:

   investire nella gestione sostenibile delle risorse chiave e del capitale naturale sulla base di uno sforzo coordinato nel campo dell'R&S;
   definire corrette condizioni di mercato e normative ispirate al principio dell'equità;
   migliorare la governance e la partecipazione della società civile e del settore privato;

15.  evidenzia la necessità di includere il principio dell'approccio comune ma differenziato, il principio di precauzione, il principio di «chi inquina paga» e la responsabilità allargata del produttore per promuovere un'equa ripartizione delle responsabilità nei confronti dello sviluppo sostenibile globale; sottolinea che le politiche per la crescita verde dovrebbero mirare a soluzioni che procurano benefici reciproci promuovendo l'imprenditorialità, la competitività e l'innovazione in tutti i settori e incentrandosi sulle aree in cui i miglioramenti sono più efficienti sotto il profilo economico e più efficaci dal punto di vista ambientale;

16.  sottolinea che un'economia verde deve essere incentrata sul disaccoppiamento dell'attività economica dall'impiego delle risorse e dal degrado ambientale;

17.  invita la Commissione e il Consiglio a garantire che il Vertice di Rio+20 si sforzi di trovare una soluzione ai persistenti e crescenti deficit di capitale proprio a livello globale e nazionale dovuti al modello economico attuale;

18.  ribadisce la propria convinzione che le soluzioni più sicure, più pratiche e più facilmente realizzabili ai problemi combinati del cambiamento climatico, della perdita di biodiversità e della desertificazione consistono nel tutelare e nell'ampliare gli ecosistemi naturali;

19.  rileva che il Vertice di Rio+20 dovrebbe discutere di un approccio integrato per affrontare le molteplici sfide come l'eliminazione della povertà, la sanità, l'alimentazione, l'occupazione, l'uguaglianza di genere, il cambiamento climatico e l'approvvigionamento energetico; sottolinea che tali problemi non possono essere risolti da soli e che non esiste una soluzione magica, il che rende la cooperazione sempre più importante; sottolinea, a tale proposito, il ruolo indispensabile svolto da ecosistemi sani e naturali nel raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio;

20.  invita il Vertice Rio +20 a insistere su un rapido progresso volto a garantire l'efficacia dell'attuale quadro giuridico internazionale per la protezione dell'ambiente, incoraggiando gli Stati ad aderire agli strumenti internazionali in vigore e i paesi firmatari a procedere alla loro rapida ratifica;

Azioni sul piano delle risorse e del capitale naturale

21.  sottolinea che la transizione verso un'economia verde richiede un intervento urgente per quanto riguarda la protezione degli ecosistemi e l'efficienza e la sostenibilità delle risorse e del capitale naturale, promuovendo nel contempo il consumo e la produzione sostenibili; evidenzia la necessità di proseguire le iniziative in corso nell'ambito dello sviluppo delle capacità;

22.  ribadisce che il concetto di economia verde sostenuto dalla Commissione non recherà automaticamente la prosperità ai poveri né consentirà il conseguimento degli OSM a meno che le economie siano gestite correttamente, il capitale naturale sia governato efficacemente ed equamente e l'accesso alla distribuzione sia ugualmente garantito per le generazioni presenti e future;

23.  sottolinea la necessità di realizzare e attuare piani a favore di una produzione e di un consumo sostenibili e di mantenere gli impatti dell'uso delle risorse naturali entro limiti ecologici sicuri;

24.  rileva che un accesso alle risorse e una distribuzione delle stesse equi e paritari per le generazioni presenti e future sono un presupposto fondamentale per lo sviluppo e l'eliminazione della povertà e che sarebbe opportuno consentire ai paesi in via di sviluppo e alle autorità locali e regionali di trarre profitto dalle loro risorse naturali nella maniera più sostenibile e inclusiva; rileva che è fondamentale che tutti i paesi partecipino a tale processo al fine di creare società sostenibili; sottolinea che i paesi più poveri e i segmenti più poveri della popolazione mondiale saranno particolarmente colpiti dagli effetti del cambiamento climatico e quindi avranno bisogno di sostegno per adattarvisi, soprattutto al fine di prendere in considerazione le esigenze e le conoscenze delle donne e delle popolazioni più vulnerabili;

25.  evidenzia l'importanza di apprezzare le risorse, il capitale naturale e i servizi ecosistemici al loro valore reale, senza tuttavia mercificare i sistemi naturali; sollecita l'istituzione di procedure di contabilità del capitale naturale e la loro integrazione nelle strutture di contabilità economica e nei processi decisionali politici;

26.  ritiene che sia responsabilità dei paesi industrializzati sostenere i paesi in via di sviluppo nella loro ricerca di sviluppo e metterli in condizione di non commettere gli stessi errori per quanto concerne le risorse naturali e un modo di sviluppo non sostenibile;

27.  sottolinea che l'estrazione e l'utilizzo delle risorse hanno un forte impatto sull'ambiente e sulle comunità locali; esorta la Commissione a integrare nelle discussioni e nei negoziati di Rio+20 il concetto di internalizzazione dei costi esterni che gravano sull'ambiente e sulle comunità;

28.  rileva l'urgente necessità di affrontare il problema delle risorse scarse, come le materie prime, del loro uso sostenibile e delle possibilità di riciclaggio, ma anche la necessità di migliorare la ricerca sulle tecnologie, l'accesso alle stesse e la loro divulgazione ai fini di un uso efficace delle risorse;

Acqua

29.  sottolinea che il Vertice di Rio+20 deve rinnovare il proprio impegno a promuovere la salvaguardia delle risorse idriche e una gestione sostenibile delle stesse in quanto bene pubblico; ritiene che la creazione di partenariati internazionali in questo settore potrebbe contribuire a raggiungere tale obiettivo, segnatamente attraverso programmi di adeguamento al cambiamento climatico finalizzati a catturare l'acqua dove cade;

30.  sottolinea che la risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 28 luglio 2010 riconosce che l'accesso all'acqua potabile è un diritto umano e chiede una protezione speciale per l'acqua, trattandosi di un elemento particolarmente vulnerabile agli effetti del cambiamento climatico, il quale potrebbe determinare una diminuzione della quantità e della qualità di acqua disponibile, soprattutto dell'acqua potabile;

31.  invita il Vertice di Rio+20 a garantire che il diritto umano all'acqua e ai servizi igienico-sanitari sia conseguito a livello mondiale;

32.  evidenzia l'importanza della gestione integrata dei bacini fluviali, e chiede un rafforzamento delle politiche volte a migliorare l'accesso alle risorse idriche, i tempi di ritenzione e la qualità ed efficienza di tali risorse, nonché della cooperazione transfrontaliera nei bacini fluviali transfrontalieri;

Ambiente marino e oceani

33.  rileva la necessità di migliorare la governance e rafforzare la protezione dell'ambiente marino, della biodiversità marina e degli oceani, e ritiene che i mari e gli oceani dovrebbero diventare uno dei pilastri fondamentali del quadro di Rio, accanto al clima e alla tutela della biodiversità;

34.  invita il Vertice di Rio+20 ad avviare negoziati specifici al fine di adottare strumenti giuridici internazionali volti a:

   controllare l'inquinamento di origine terrestre dei mari e degli oceani;
   gestire e valutare in modo sostenibile le attività umane nelle zone non soggette alle giurisdizioni nazionali;
   conservare la biodiversità marina e inserire e riconoscere le zone marine protette nelle acque internazionali;
ritiene che tali strumenti dovrebbero stabilire il quadro giuridico per le zone marine protette a finalità multiple, le valutazioni d'impatto ambientale e la giusta ed equa ripartizione dei vantaggi derivanti dallo sfruttamento delle risorse genetiche e di altra natura; stima che essi dovrebbero altresì istituire meccanismi di vigilanza e di applicazione delle norme;

35.  chiede che venga rapidamente istituito un sistema di monitoraggio dell'ecosistema marino globale al fine di seguire l'evoluzione degli ecosistemi marini e delle risorse alieutiche;

36.  ritiene che si dovrebbe assumere un energico impegno nei confronti della gestione sostenibile della pesca, in particolare adottando programmi di cattura sostenibile, garantendo un impegno politico rinnovato ad attuare gli accordi internazionali in materia di conservazione e di gestione sostenibile delle risorse marine viventi, convenendo su un processo di riesame dell'attuazione volto a garantire che le attività di pesca siano autorizzate soltanto se gestite nel rispetto degli obblighi internazionali, rafforzando le organizzazioni regionali di gestione della pesca, e introducendo buone pratiche in termini di istituzioni, trasparenza e obbligo di rendiconto nonché meccanismi di sorveglianza e di applicazione delle norme;

37.  insiste sulla necessità di applicare il principio precauzionale e un approccio ecosistemico a qualsiasi attività che abbia un impatto sull'ambiente di vita;

Energia

38.  richiama l'attenzione sulla crescente scarsità di fonti energetiche fossili convenzionali, come petrolio, gas naturale o carbone e ricorda ancora una volta il loro contributo alle emissioni di gas a effetto serra, mentre le fonti non convenzionali dovrebbero essere soggette a valutazioni d'impatto ambientale e di produttività;

39.  mette in guardia contro qualsiasi attività di esplorazione ed estrazione petrolifera offshore nelle zone fragili dal punto di vista ambientale, quali la zona artica, al fine di agevolare la transizione su scala internazionale verso una produzione energetica a zero emissioni di carbonio, e si oppone all'estrazione di petrolio da sabbie e scisti bituminosi;

40.  sottolinea che la transizione verso un'economia verde richiede una radicale trasformazione del settore energetico, al fine di promuovere le energie rinnovabili e l'efficienza energetica così come l'accesso universale all'energia anche per i poveri, nonché al fine di favorire l'elettrificazione, soprattutto nei paesi meno sviluppati; evidenzia l'esigenza di trasferimenti di know-how e di tecnologia (transettoriale) e di tecnologia in materia di energie rinnovabili, segnatamente al fine di sostenere l'uso di energie rinnovabili su piccola scala e a livello locale, al fine di non ostacolare il diritto allo sviluppo;

41.  sollecita la definizione di obiettivi e misure globali intesi a incrementare l'uso delle energie rinnovabili e l'efficienza energetica in tutto il mondo;

42.  ritiene che le energie rinnovabili e l'efficienza energetica abbiano il potenziale per mitigare il cambiamento climatico, contribuire allo sviluppo economico e sociale, migliorare la sicurezza dell'approvvigionamento e recare vantaggi sul piano dell'ambiente e della salute;

43.  invita il Vertice di Rio+20 ad assicurarsi che sia garantita la sostenibilità dei biocombustibili e dei prodotti bioenergetici, e sottolinea a tale proposito che i diritti umani e la protezione dell'ambiente devono essere pienamente rispettati;

44.  ritiene che i brevi termini utilizzati dall'attuale metodologia di contabilizzazione delle emissioni di gas a effetto serra provenienti da attività LULUCF (uso del suolo, cambiamenti d'uso del suolo e silvicoltura) compromettano i risultati raggiunti in termini di riduzione delle emissioni di detti gas; chiede che tale metodologia sia rivista in modo da salvaguardare la capacità di adattamento degli ecosistemi naturali;

45.  ritiene che il prezzo dell'energia dovrebbe rispecchiare i costi esterni dell'approvvigionamento energetico;

46.  ricorda, alla luce della catastrofe di Fukushima, l'assoluta necessità di assicurare il massimo livello di sicurezza nucleare sul territorio dell'Unione europea e di promuovere analoghi requisiti a livello internazionale;

Agricoltura e sicurezza alimentare

47.  sottolinea che l'accesso a un'alimentazione adeguata e sana rappresenta un diritto umano fondamentale e sollecita pertanto un'azione forte e coordinata contro le cause antropiche profonde della fame nel mondo; chiede altresì che sia garantita la sovranità alimentare dei paesi in via di sviluppo;

48.  evidenzia l'urgente necessità di promuovere l'agricoltura su piccola scala, sostenibile e biologica nel contesto dell'eliminazione della povertà, riconoscendo che adeguati sistemi di agricoltura multifunzionale a basso impatto che utilizzano sementi tradizionali già esistono e dovrebbero essere incoraggiati;

49.  ritiene che il settore zootecnico costituisca una parte fondamentale dell'economia verde e che sia essenziale attuare pratiche d'allevamento umane e sostenibili, ed è convinto che il miglioramento e la tutela delle condizioni di vita svolgano un ruolo importante nel ridurre l'impatto dei cambiamenti climatici, specialmente nei paesi in via di sviluppo e nelle zone rurali;

50.  condivide l'opinione della Commissione secondo cui si dovrebbero rafforzare le attuali iniziative volte a promuovere l'agricoltura sostenibile fondate su azioni multilaterali (come la FAO), attività nazionali, regionali e locali (come l'agricoltura biologica e a elevata valenza naturale, le serre efficienti sotto il profilo energetico, la stabulazione sostenibile degli animali, l'agricoltura di precisione, l'imprenditoria agricola neutra in termini di CO2, la fermentazione della biomassa e del letame) e attività imprenditoriali, e inoltre si dovrebbero lanciare nuove iniziative e nuovi partenariati secondo le modalità di governance del Comitato per la sicurezza alimentare mondiale, al fine di migliorare la sostenibilità del consumo e della produzione di alimenti, promuovere la capacità di recupero delle comunità e ridurre la fame nel mondo;

51.  chiede azioni globali volte a garantire una maggiore trasparenza nel mercato delle materie prime e a porre fine alle speculazioni finanziarie che contribuiscono all'elevata volatilità dei prezzi dei prodotti alimentari e alle conseguenti crisi alimentari globali, adottando le raccomandazioni del Relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto all'alimentazione; constata con preoccupazione la tendenza globale all'acquisto fondiario su larga scala da parte di entità estere nei paesi in via di sviluppo; sottolinea la necessità di porre fine a tale tendenza al fine di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento alimentare e tutelare i diritti dei piccoli proprietari e delle comunità autoctone;

52.  deplora il lento avanzamento dei negoziati e degli impegni nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sulla lotta alla desertificazione (UNCCD); ritiene che il suolo sia una risorsa scarsa e che il degrado del territorio e il cambiamento di uso dei terreni richiedano una risposta globale; chiede azioni concrete ed efficaci e misure di monitoraggio, soprattutto per quanto riguarda la produzione di biocombustibili;

53.  sottolinea l'importanza vitale di sfruttare appieno il potenziale e garantire i diritti di proprietà dei piccoli produttori autoctoni e delle aziende a conduzione familiare, che garantiscono la maggior parte dell'approvvigionamento alimentare nel mondo e hanno bisogno di sostegno specifico per la produzione e l'accesso al mercato;

54.  sottolinea che il settore agricolo necessita di ricerca applicata e innovazione al fine di stimolare soluzioni sostenibili quali l'agricoltura di precisione, che diminuisce il fabbisogno di irrigazione e di prodotti fitosanitari;

55.  concorda con le raccomandazioni rivolte al G20 da FAO, IFAD, FMI, OCSE, UNCTAD, PAM, Banca Mondiale, OMC, IFPRI e HLTF affinché gli Stati abroghino le disposizioni delle attuali politiche nazionali che sovvenzionano o impongono la produzione o il consumo di biocombustibili, almeno finché non saranno poste in essere garanzie per eliminare la concorrenza con la produzione alimentare, la biodiversità e la protezione del clima;

Foreste

56.  sottolinea che la deforestazione e il degrado forestale si traducono in danni ambientali e sociali difficilmente reversibili, come l'alterazione prolungata dell'equilibrio idrologico, la steppificazione e la desertificazione, i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità, la povertà rurale e i conflitti per la terra e l'accesso alle risorse, ai diritti e ai benefici, i cui costi economici complessivi sono di gran lunga superiori ai costi degli interventi preventivi e correttivi; ritiene che il Vertice di Rio+20 dovrebbe prefiggersi l'obiettivo di garantire una governance partecipativa nel settore forestale, una ripartizione dei benefici equa e corretta nonché la conservazione e l' utilizzo sostenibile delle foreste a livello globale;

57.  evidenzia l'esigenza di promuovere la gestione sostenibile delle foreste e di combattere la deforestazione, tra l'altro chiudendo i mercati al legname tagliato illegalmente o in modo non sostenibile; sottolinea la necessità di istituire partenariati con i governi, le comunità locali e i gruppi autoctoni, la società civile e il settore privato onde conseguire questo obiettivo;

58.  sottolinea in questo contesto la necessità di rispettare l'impegno assunto a Nagoya, ossia almeno dimezzare o, laddove possibile, avvicinare a zero la percentuale di perdita di tutti gli habitat naturali, incluse le foreste, entro il 2020;

59.  ritiene che la concezione dello strumento REDD+ nel quadro dell'UNFCCC dovrebbe garantire il rispetto degli obiettivi e delle finalità generali di protezione delle foreste e contribuire al loro raggiungimento, e che sarebbe ad esempio opportuno mettere a punto infrastrutture specifiche per l'osservazione satellitare e in loco al fine di accertare la cattura del carbonio nelle foreste protette nonché il rispetto dei diritti umani e delle pertinenti disposizioni della Convenzione sulla biodiversità; chiede pertanto maggiore trasparenza nella ripartizione delle relative risorse finanziarie e un monitoraggio rafforzato; sottolinea che l'architettura del meccanismo REDD+ dovrebbe assicurare benefici significativi per la biodiversità e servizi ecosistemici vitali che vadano oltre la mitigazione dei cambiamenti climatici e dovrebbe contribuire a rafforzare i diritti e a migliorare il sostentamento delle popolazioni che dipendono dalle foreste, in particolare delle comunità autoctone e locali;

60.  manifesta preoccupazione per il nuovo codice forestale che dovrà essere adottato dal Senato brasiliano e che aggraverà la deforestazione nell'Amazzonia brasiliana, ostacolando così gli sforzi internazionali volti ad attenuare i cambiamenti climatici;

61.  esorta il Brasile, paese ospitante, a impegnarsi chiaramente nella protezione della foresta amazzonica e a contrastare le vessazioni criminali nei confronti dei rappresentanti della società civile che operano attivamente a favore della tutela ambientale;

62.  esorta la Commissione a rendere disponibile, in tempo utile per il Vertice di Rio+20, uno studio che valuti l'impatto del consumo dell'UE di prodotti alimentari e non alimentari sulla deforestazione; chiede che lo studio valuti anche gli impatti delle vigenti normative e politiche dell'UE sulla deforestazione e delinei nuove iniziative politiche per far fronte agli impatti individuati;

Prodotti chimici e sostanze pericolose

63.  appoggia la tesi della Commissione secondo cui i tempi sono maturi per introdurre un regime internazionale più solido e coerente inteso a disciplinare l'impiego di prodotti chimici e sostanze pericolose e secondo cui il Vertice di Rio+20 dovrebbe accingersi a raggiungere questo obiettivo, invitando quanti più paesi possibile ad adottare come modello la legislazione europea su REACH;

Gestione dei rifiuti

64.  evidenzia il fatto che una buona gestione dei rifiuti non solo riduce al minimo l'impatto ambientale, ma rappresenta anche una fonte di materiali riutilizzabili e riciclati e di posti di lavoro;

65.  sottolinea che molte risorse che attualmente vengono smaltite in discariche o incenerite o che hanno un impatto negativo sull'ambiente e le comunità locali possono essere riutilizzate e riciclate; evidenzia che occorre prodigare seri sforzi nel riciclaggio di tali risorse così da conferire valore aggiunto alle società locali attraverso l'occupazione e l'innovazione, e sostiene che il riciclaggio e il riutilizzo evitano la distruzione degli habitat naturali e delle società locali;

Sviluppare condizioni atte a stimolare i mercati e investire in capitale umano

66.  sottolinea che è necessario integrare la biodiversità, i servizi ecosistemici e le risorse naturali nella contabilità nazionale e in tutti i piani e le strategie a favore dello sviluppo e dell'eliminazione della povertà;

Sovvenzioni dannose per l'ambiente

67.  sottolinea l'urgente necessità di affrontare la questione delle sovvenzioni dannose per l'ambiente e di sviluppare e attuare incentivi positivi per beneficiare della biodiversità e per conservarla;

68.  accoglie con favore, al riguardo, la maggiore attenzione prestata all'ecologizzazione della PAC nelle proposte di riforma della stessa;

69.  chiede al Vertice di Rio+20 di lanciare una serie di azioni coordinate dai diversi paesi volte a individuare e a eliminare gradualmente entro il 2020 tutte le sovvenzioni dannose per l'ambiente, in linea con gli impegni di Nagoya;

Strumenti normativi e strumenti basati sul mercato

70.  sottolinea che il ricorso a strumenti normativi, a livello tanto nazionale quanto internazionale, unitamente a strumenti basati sul mercato, svolgerà un ruolo cruciale nella sostenibilità generale della nostra società; sottolinea a tal proposito l'urgenza di affrontare l'impatto climatico dei trasporti marittimi e aerei internazionali ed evidenza l'esempio dell'UE e dei suoi obiettivi 20-20-20, così come delle sue politiche e norme ambientali progressiste in generale;

71.  sottolinea che è necessario un quadro normativo globale chiaro e affidabile che consenta agli attori di spostare la logica economica verso un'economia efficiente, responsabile e verde;

72.  chiede che sia istituita una tassa sulle transazioni finanziarie a livello internazionale;

73.  rileva che le riforme fiscali destinate a trasferire l'onere fiscale dal lavoro all'impiego delle risorse e all'inquinamento possono contribuire a conseguire risultati vantaggiosi tanto per l'occupazione quanto per l'ambiente, in quanto detto trasferimento rende più allettanti l'efficienza, il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse e di conseguenza garantisce maggiori opportunità occupazionali;

74.  chiede alla Commissione europea di promuovere l'inclusione degli aspetti ambientali nei negoziati commerciali internazionali;

Finanziamento

75.  sottolinea che la transizione verso un'economia verde globale richiederà investimenti finanziari su vasta scala; segnala che il denaro pubblico da solo non sarà sufficiente e che i finanziamenti pubblici dovranno piuttosto fungere da catalizzatore e leva per investimenti privati molto più cospicui; sottolinea che è necessario promuovere l'innovazione e le nuove tecnologie anche migliorando l'accesso ai finanziamenti;

76.  invita il Vertice di Rio+20 a raccomandare la riforma delle strategie di finanziamento vigenti e a istituire nuovi partenariati e schemi di finanziamento pubblico-privato secondo le necessità;

77.  ritiene che i paesi in via di sviluppo abbiano bisogno di un quadro di sostegno finanziario stabile a lungo termine nonché di programmi di sviluppo delle capacità e di trasferimento di tecnologia al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile e far sì che evitino la via dello sviluppo ad alta intensità di energia e carbonio percorsa dai paesi industrializzati;

78.  invita il Vertice Rio+20 a rafforzare le misure e aumentare le risorse disponibili per attenuare il rischio ambientale a livello globale e porre in essere meccanismi di riduzione del rischio di catastrofi;

79.  rileva che gli aiuti pubblici allo sviluppo (APS) dovrebbero essere monitorati più attentamente, anche facendo ricorso a misure alternative in materia di impegni per lo sviluppo, come l'assistenza programmabile per paese dell'OCSE o l'indice dell'impegno per lo sviluppo, così da garantire il rispetto degli accordi multilaterali sull'ambiente e contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio e di più ampi obiettivi riguardanti un'economia verde;

80.  reputa indispensabile che i paesi più poveri abbiano accesso a forme innovative di finanziamento per colmare la loro carenza di capitale proprio;

81.  invita a monitorare gli effetti dei finanziamenti sull'equilibrio di genere al fine di garantire finanziamenti sensibili alle specificità di genere;

Partecipazione dei cittadini

82.  ritiene che sia della massima importanza continuare a rafforzare la partecipazione dei cittadini alla governance ambientale e chiede che il Vertice di Rio+20 proceda a garantire un'effettiva applicazione a livello globale del principio n. 10 della dichiarazione di Rio; ritiene che, dopo oltre 10 anni di applicazione della Convenzione di Århus, l'UE possa apportare esperienze importanti alle discussioni internazionali;

83.  invita a estendere le disposizioni della Convenzione di Århus al di là dell'UNECE mediante una convenzione globale o attraverso l'apertura della Convenzione di Århus a parti esterne all'UNECE;

84.  raccomanda di adottare un approccio omnicomprensivo al rispetto dei principi dei diritti umani, attuando al tempo stesso politiche a favore dello sviluppo sostenibile; sottolinea l'esigenza di garantire un adeguato livello di protezione alle popolazioni maggiormente colpite dai cambiamenti climatici;

85.  sottolinea che uno strumento normativo può avere successo soltanto se associato all'informazione e all'istruzione; è inoltre del parere che i cambiamenti di valori e di comportamenti negli approcci dal basso verso l'alto siano di fondamentale importanza e invita specificamente ad attuare iniziative che mobilitino i giovani, in quanto prossima generazione a essere colpita dalle conseguenze delle nostre azioni;

Formazione

86.  evidenzia la necessità di sostenere programmi di istruzione e formazione, in particolare per i giovani, in tutti i paesi; ritiene che la promozione di nuove competenze contribuirà a creare nuovi posti di lavoro sul mercato del lavoro globale, generando effetti moltiplicatori positivi a livello sociale;

Tecnologie

87.  sottolinea l'importanza della ricerca e sviluppo e dell'innovazione, come pure l'esigenza di una cooperazione in campo scientifico e tecnologico;

88.  riconosce che l'innovazione, la valutazione e il trasferimento delle tecnologie sono essenziali per affrontare le sfide ambientali, economiche e sociali; sottolinea inoltre, tuttavia, che lo sviluppo tecnologico non può costituire l'unica soluzione per i problemi ambientali o per eliminare la povertà;

89.  sottolinea che innovazione non significa soltanto innovazione tecnologica, e che l'innovazione sociale apporta soluzioni nuove ed efficaci a pressanti esigenze sociali create dai singoli o da organizzazioni con un imperativo sociale e non necessariamente commerciale; sottolinea inoltre che l'innovazione sociale offre ai cittadini, indipendentemente dalla funzione che ricoprono, l'opportunità di migliorare il loro ambiente lavorativo e di vita, dando così più voce alla società civile su scala globale e fornendo a quest'ultima l'opportunità di partecipare alla protezione e all'utilizzo sostenibile delle risorse naturali;

90.  si oppone alle proposte di applicazione della geoingegneria su larga scala;

91.  ricorda che la protezione della conoscenza, dell'innovazione e delle pratiche delle comunità autoctone e locali forma esplicitamente parte degli accordi originali del Vertice di Rio, in quanto promuove metodi di lavoro con la natura consolidati nel tempo, sicuri e flessibili;

92.  rileva che l'introduzione di nuove tecnologie emergenti non deve compromettere gli obiettivi di uno sviluppo giusto e sostenibile e dell'eliminazione della povertà; sottolinea che le tecnologie possono avere diversi impatti ambientali, sociali ed economici e che alcune tecnologie, senza un adeguato controllo, possono condurre a uno sfruttamento non sostenibile delle risorse naturali (quali acqua, suolo, biomassa) nonché a un aumento della povertà e ad altri effetti negativi sul piano sociale;

93.  sostiene pertanto il piano strategico di Bali per il supporto tecnologico e la creazione di capacità in materia di tecnologie legate all'ambiente, nonché gli obiettivi per la valutazione e il trasferimento di tecnologie ecocompatibili; chiede la creazione di capacità nel quadro del sistema delle Nazioni Unite per monitorare, valutare e fornire informazioni su nuove tecnologie onde integrare un più ampio concetto di sostenibilità e promuovere lo sviluppo sostenibile di prodotti e processi in tutti i settori;

Misurare i progressi

94.  invita ad elaborare con urgenza nuovi metodi di misurazione volti a quantificare i progressi realizzati in materia di equità e sviluppo sostenibile;

95.  sottolinea che il Vertice di Rio+20 dovrebbe fornire un modello alternativo per misurare la crescita e il benessere «al di là del PIL», ispirandosi a iniziative quali il sistema internazionale di contabilità integrata ambientale ed economica (SEEA), l'indice di sviluppo umano e il progetto dell'OCSE sulla misurazione del progresso delle società; sottolinea che ciò è necessario per misurare i progressi in senso lato, contemplando quindi tanto la dimensione economica quanto le dimensioni ambientale e sociale; sollecita pertanto l'elaborazione di indicatori chiari e misurabili, che prendano in considerazione il cambiamento climatico, la biodiversità, l'efficienza delle risorse e l'inclusione sociale;

96.  esorta a tenere un ampio dibattito sull'inclusione di questi indicatori su scala internazionale nei processi comunemente utilizzati per valutare i progressi pubblici e privati;

97.  chiede che venga riconosciuto il principio di non regressione nel quadro della protezione ambientale e dei diritti fondamentali;

Migliorare la governance e la partecipazione del settore privato

98.  evidenzia l'urgente necessità di migliorare la governance dello sviluppo sostenibile;

99.  è del parere che il programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) vada rafforzato all'interno dell'organizzazione stessa, ad esempio mediante la creazione di un'agenzia ONU specializzata (come l'OIL), poiché questa sarebbe la via più promettente per migliorare la governance ambientale internazionale e progredire verso lo sviluppo sostenibile globale; fa riferimento in tale contesto a tutte le opzioni emerse dalle conclusioni di Helsinki-Nairobi;

100.  chiede la creazione, sotto gli auspici dell'UNEP, di un gruppo specializzato di scienziati sul modello del Gruppo internazionale sui cambiamenti climatici, incaricato di riesaminare e di valutare a livello intersettoriale le più recenti informazioni scientifiche, tecniche e socioeconomiche elaborate su scala mondiale e rilevanti per comprendere la biodiversità e la sostenibilità;

101.  ribadisce la propria proposta di istituire un tribunale internazionale dell'ambiente, affinché la legislazione globale in materia ambientale diventi più vincolante e applicabile, o quantomeno un'autorità internazionale, quale un difensore civico con poteri di mediazione;

102.  chiede al Vertice di Rio+20 di lanciare una strategia intesa a rafforzare la coerenza tra i diversi accordi multilaterali in materia ambientale; sottolinea, al riguardo, la necessità di un approccio coordinato tra le tre convenzioni di Rio (su biodiversità, cambiamenti climatici e desertificazione) in quanto sono legate intrinsecamente, operano negli stessi ecosistemi e affrontano questioni interdipendenti;

103.  evidenzia la necessità di coinvolgere attori globali, nazionali e locali nei processi di attuazione;

104.  rileva la necessità di potenziare la partecipazione dei ministri delle finanze, dell'economia, dello sviluppo, dell'ambiente e di altri settori alle politiche di sviluppo sostenibile;

105.  chiede al Vertice di Rio+20 di rafforzare l'impegno delle principali parti interessate, compreso il settore privato; sottolinea che le imprese e la società civile, in particolare le ONG, i movimenti sociali e le comunità autoctone, devono svolgere un ruolo di primo piano;

106.  sottolinea l'importanza della collaborazione tra mondo imprenditoriale e società civile nei paesi in via di sviluppo e nei paesi sviluppati al fine di ottenere risultati tangibili;

107.  evidenzia l'importanza del coinvolgimento dei cittadini; chiede una maggiore sensibilizzazione e la divulgazione di più informazioni sul consumo sostenibile e chiede l'introduzione e la promozione di incentivi al fine di mutare i valori e i comportamenti e facilitare l'adozione di decisioni responsabili da parte dei cittadini e delle industrie;

108.  sottolinea che è necessario intervenire al fine di innescare un cambiamento comportamentale verso un modello di consumo sostenibile;

109.  rileva che tutte le principali parti interessate dovrebbero godere di un accesso pieno, aperto ed equo a tutti i negoziati e a tutte le riunioni intersessionali e preparatorie in vista del Vertice di Rio+20;

110.  osserva che i rappresentanti parlamentari dovrebbero svolgere un ruolo attivo in relazione alla conferenza; ritiene che l'ideale sarebbe che il Parlamento europeo fosse formalmente associato alla conferenza e fosse dotato di uno status equivalente a quello della delegazione della Commissione, o per lo meno dello stesso status di cui ha goduto in occasione di altre conferenze;

o
o   o

111.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e al Segretario generale delle Nazioni Unite.

Ultimo aggiornamento: 7 gennaio 2013Avviso legale