Parlamento Europeo

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
14 dicembre 2009
P-6374/09
INTERROGAZIONE SCRITTA di Claude Turmes (Verts/ALE) alla Commissione

 Oggetto: Barroso II — Quale sarà il commissario incaricato di monitorare l'iniziativa europea per la trasparenza?
 Risposta(e) 

Negli «Orientamenti politici per la prossima Commissione», pubblicati in settembre, il Presidente Barroso ribadisce il suo impegno per «la trasparenza e la responsabilità democratica» e sottolinea l'importanza di permettere ai cittadini di partecipare alle decisioni che riguardano la loro vita quotidiana, in particolare garantendo la trasparenza del processo che ha portato all'adozione di tali decisioni. Tale affermazione sottende che la Commissione dovrebbe impegnarsi a monitorare rigorosamente l'iniziativa europea per la trasparenza, la qual cosa presuppone un accresciuto sforzo per migliorare la trasparenza delle attività di lobbying.

Nella nuova squadra di commissari proposta, il portafoglio dell'amministrazione, dell'audit e della lotta contro le frodi del commissario Kallas, forza motrice dell'iniziativa europea per la trasparenza, è stato suddiviso fra tre commissari: Šemeta, Šefčovič e Lewandowski. Sembra che a nessuno di loro sia stato conferito il mandato di proseguire sulla via della trasparenza in materia di lobbying e di assicurare il monitoraggio dell'iniziativa europea per la trasparenza in altri ambiti.

Nella lettera inviata il 23 novembre scorso al Presidente Barroso, il commissario Kallas ribadisce l'auspicio che i lavori tecnici del Segretariato generale con i servizi del Parlamento europeo continuino nelle settimane e nei mesi a venire e che Barroso conferisca una responsabilità politica chiara affinché la nuova Commissione porti avanti tale impegno.

Come intende la Commissione Barroso II garantire un rigoroso monitoraggio dell'iniziativa europea per la trasparenza? Intende essa affidare chiaramente a un commissario avente un mandato specifico la responsabilità di far avanzare tale programma? Di chi si tratterebbe? In caso negativo, come intende essa ripartire le responsabilità?

Lingua originale dell'interrogazione: ENGU C 10 E del 14/01/2011
GU C 10 E del 14/01/2011
Ultimo aggiornamento: 6 gennaio 2010Avviso legale