Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
30 maggio 2018
E-002948-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Enrico Gasbarra (S&D)

 Oggetto:  Consulenze ICF — Commissione europea

Tra il 2014 e il 2018 la ICF, società americana di contractor con, al suo attivo, numerosi incarichi per l'intelligence e la difesa militare statunitense ha collezionato una ricca serie di affidamenti per analisi, valutazioni, approfondimenti e studi da parte della Commissione europea e delle sue direzioni. Dossier e dati afferenti a settori anche particolarmente delicati per l'Unione europea quali sicurezza, difesa, accordi internazionali, assetti delle politiche economiche e strategie per l'ambiente, sono pertanto basati su consulenze fornite su richiesta UE — anche a costi decisamente ingenti — dalla società americana impegnata anche per l'intelligence USA.

Si chiede alla Commissione:
1) Può confermare che tra il 2014 e il 2018 essa ha affidato alla Società americana consulenze per circa 120 milioni di Euro, affidandosi alla stessa per avere supporto anche su temi particolarmente sensibili e strategici per la politica europee quali le obbligazioni bancarie garantite nell'UE, l'assistenza finanziaria all'Ucraina, l'efficacia della diplomazia climatica europea, solo per citare alcuni esempi?
2) Può assicurare senza dubbio alcuno che questi incarichi non mettono in alcun modo a rischio l'autonomia delle strategie UE da influenze ed interessi USA?
3) Può affermare che tale mole di incarichi, o quantomeno parte degli stessi, non avrebbe potuto essere affidata a società di analisi e valutazioni UE?
Ultimo aggiornamento: 19 giugno 2018Avviso legale