Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
12 settembre 2013
P-010258-13
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Andrea Zanoni (ALDE)

 Oggetto:  Gravi minacce alla conservazione degli uccelli selvatici in Italia a causa dell'attività di caccia esercitata in palese violazione della direttiva «Uccelli» 2009/147/CE
 Risposta(e) 

Con le interrogazioni E-007486/2012 e P-007639/2012 lo scrivente denunciava alla Commissione alcune gravi violazioni alla direttiva 2009/147/CE a causa dei calendari venatori — stagione 2012/2013 — delle regioni italiane e della legge italiana n. 157/92 sulla caccia.

A distanza di un anno in Italia la situazione rimane la stessa e sia la legge statale sulla caccia (L. 157/92) sia le leggi regionali sia i calendari venatori delle regioni italiane per la stagione 2013/2014 prevedono che: 1) diverse specie di uccelli migratori sono cacciabili durante le fasi di dipendenza, 2) diverse specie di uccelli migratori sono cacciabili dopo l'inizio del ritorno al luogo di nidificazione, 3) carnieri giornalieri e stagionali sono incompatibili con lo stato di conservazione di alcune specie di uccelli, 4) la caccia a specie di uccelli è ammissibile nonostante il loro status negativo.

In Italia, inoltre, non sono ancora stati attuati i piani di gestione concernenti le seguenti 19 specie di uccelli: Allodola, Moriglione, Pernice rossa, Coturnice, Pavoncella, Combattente, Canapiglia, Codone, Marzaiola, Mestolone, Moretta, Fagiano di monte, Pernice sarda, Starna, Quaglia, Frullino, Beccaccia, Beccaccino, Tortora, tutte specie che si trovano in sfavorevole stato di conservazione, ma che sono attualmente soggette all'attività venatoria da parte di circa 750.000 cacciatori italiani.

Inoltre, nella stagione venatoria 2013/2014, in Italia, ben 16 regioni italiane hanno aperto la stagione venatoria anticipatamente già in data 1o settembre(1), anziché in data 15 settembre, consentendo la caccia di specie di uccelli in riproduzione con i piccoli nei nidi (Colombaccio) o in grave declino (Tortora e Quaglia).

Può la Commissione riferire:
1. se è al corrente dell'attuale grave situazione sopra descritta esistente in Italia;
2. se ha valutato ed esaminato la situazione così come annunciato nelle risposte alle succitate interrogazioni ricevute in data 4.9.2012 e 1.10.2012;
3. quali misure e procedimenti intende intraprendere nei confronti dell'Italia considerata la palese e reiterata violazione dei principi fondamentali di tutela degli uccelli stabiliti dalla direttiva 2009/147/CE?

(1) Cfr.: http://www.wwf.it/news/notizie/?2984/Preapertura-caccia e http://www.lipu.it/news/no.asp?1557.

 GU C 197 del 26/06/2014
Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2013Avviso legale