Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
28 marzo 2018
P-001936-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Ignazio Corrao (EFDD)

 Oggetto:  Riunione del Consiglio internazionale del caffè dell'Organizzazione internazionale del caffè (ICO): un'opportunità per l'UE di contribuire all'eliminazione del lavoro minorile nelle piantagioni di caffè
 Risposta(e) 

Le comunità in cui si produce caffè che riforniscono l'Unione europea sono caratterizzate da elevati livelli di povertà estrema, fame, malnutrizione e lavoro minorile. Questa situazione inaccettabile è legata al fatto che l'UE paga gli agricoltori che coltivano caffè in difficoltà fino al 60 % in meno in termini reali rispetto ai prezzi del 1983. Il prezzo del caffè nel 1983 era compreso tra 1,20 e 1,40 USD per libbra, un importo che, se adeguato all'inflazione, sarebbe oggi compreso tra 2,95 e 3,44 USD per libbra. L'attuale prezzo del caffè è di 1,19 USD per libbra, l'equivalente di 0,48 USD per libbra nel 1983. Tale importo è bel al di sotto dei costi di produzione.

Dal momento che il Consiglio internazionale del caffè dell'Organizzazione internazionale del caffè (ICO) si riunirà in Messico dal 9 al 13 aprile 2018 e che il rappresentante dell'Unione europea, Michel de Knoop, è Vicepresidente dell'ICO:

Può la Commissione indicare quali provvedimenti intende adottare per far fronte a tale crisi?

In occasione della prossima riunione dell'ICO, quali azioni proporrà l'UE a tutte le nazioni importatrici di caffè e alle principali aziende produttrici di caffè onde porre fine allo sfruttamento degli agricoltori che coltivano caffè e dei lavoratori del settore nonché imporre una drastica riduzione del lavoro minorile nella catena di produzione del caffè?

Lingua originale dell'interrogazione: EN 
Ultimo aggiornamento: 6 aprile 2018Avviso legale