Scambio di informazioni a livello UE sulle infrazioni in materia di sicurezza stradale

30-01-2015

Nel 2011 il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato una direttiva intesa ad agevolare lo scambio transfrontaliero di informazioni sulle infrazioni in materia di sicurezza stradale, con l'obiettivo di migliorare la sicurezza stradale e stabilire una base per applicare le sanzioni concernenti le infrazioni commesse da conducenti non residenti. Nel maggio 2014 la direttiva è stata annullata dalla Corte di giustizia dell'Unione europea, in quanto secondo la Corte è stata adottata con una base giuridica illegittima, anche se la sua efficacia è rimasta valida per un altro anno. Nel luglio 2014 la Commissione europea ha proposto una nuova direttiva con l'obiettivo di garantire continuità con le disposizioni di quella precedente.

Nel 2011 il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato una direttiva intesa ad agevolare lo scambio transfrontaliero di informazioni sulle infrazioni in materia di sicurezza stradale, con l'obiettivo di migliorare la sicurezza stradale e stabilire una base per applicare le sanzioni concernenti le infrazioni commesse da conducenti non residenti. Nel maggio 2014 la direttiva è stata annullata dalla Corte di giustizia dell'Unione europea, in quanto secondo la Corte è stata adottata con una base giuridica illegittima, anche se la sua efficacia è rimasta valida per un altro anno. Nel luglio 2014 la Commissione europea ha proposto una nuova direttiva con l'obiettivo di garantire continuità con le disposizioni di quella precedente.