RELAZIONE sulla proposta di decisione del Consiglio relativa alla partecipazione della Comunità all'aumento di capitale del Fondo europeo per gli investimenti

13.3.2007 - (COM(2006)0621 – C6-0426/2006 – 2006/0203(CNS)) - *

Commissione per i bilanci
Relatore: Esko Seppänen

Procedura : 2006/0203(CNS)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento :  
A6-0065/2007
Testi presentati :
A6-0065/2007
Discussioni :
Testi approvati :

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di decisione del Consiglio relativa alla partecipazione della Comunità all'aumento di capitale del Fondo europeo per gli investimenti

(COM(2006)0621 – C6-0426/2006 – 2006/0203(CNS))

(Procedura di consultazione)

Il Parlamento europeo,

–   vista la proposta della Commissione al Consiglio (COM(2006)0621)[1],

–   visto l'articolo 3 della decisione 94/375/CE del Consiglio, del 6 giugno 1994, riguardante la partecipazione della Comunità, in qualità di membro, al Fondo europeo per gli investimenti[2], a norma del quale è stato consultato dal Consiglio (C6-0426/2007),

–   visto l'articolo 51 del suo regolamento,

–   vista la relazione della commissione per i bilanci (A6-0065/2007),

1.  approva la proposta della Commissione;

2.  invita il Consiglio ad informarlo qualora intenda discostarsi dal testo approvato dal Parlamento;

3.  chiede al Consiglio di consultarlo nuovamente qualora intenda modificare sostanzialmente la proposta della Commissione;

4.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione.

  • [1]  Non ancora pubblicata nella Gazzetta ufficiale.
  • [2]  GU L 173 del 7.7.1994, pag. 12.

MOTIVAZIONE

Introduzione

Il Fondo europeo per gli investimenti è stato istituito nel 1994 a norma dell'articolo 308 del trattato CE. Il Fondo ha il compito di contribuire al perseguimento degli obiettivi comunitari mediante la concessione di garanzie e di capitale di rischio alle imprese, incentrando le proprie attività in particolare sulle PMI. Il FEI non finanzia direttamente le imprese, ma, per quanto riguarda le operazioni con risorse proprie, si avvale di intermediari finanziari quali fondi di capitale di rischio o organismi di garanzia. Negli ultimi anni, gli utili realizzati dal FEI sono aumentati in modo costante ed esso non ha registrato perdite, anche se tale eventualità non può escludersi nel prossimo futuro.

Ai sensi del suo Statuto, il FEI effettua operazioni sul territorio degli Stati membri dell'UE e dei paesi in via di adesione nonché nei paesi limitrofi qualora si tratti di progetti transfrontalieri.

Il valore nominale del capitale sottoscritto è di 2000 milioni di euro (suddivisi in 2000 quote del valore di 1 milione di euro ciascuna), e il livello del capitale versato è stato fissato al 20%. Gli azionisti del Fondo sono la Banca europea per gli investimenti, la Comunità europea rappresentata dalla Commissione e diverse istituzioni finanziarie. La Comunità detiene attualmente il 30% delle quote del Fondo.

Sintesi della proposta e osservazioni

In base alle informazioni disponibili, il FEI avrà esaurito le sue risorse proprie entro la metà del 2007. Si propone quindi di aumentare il capitale del Fondo al fine di garantire il proseguimento delle operazioni con risorse proprie e dei mandati del Fondo (secondo il principio di coinvestimento).

La proposta prevede di aumentare il capitale del 50%, portando il valore nominale del capitale sottoscritto a 3000 milioni di euro mediante l'emissione di 1000 nuove quote del valore nominale di 1 milione di euro. La sottoscrizione di tali quote da parte della Commissione sarebbe distribuita su un periodo di quattro anni (2007-2010), così da mantenere la quota di partecipazione della Comunità al livello del 30% entro la fine del 2010.

Per quanto riguarda gli aspetti di bilancio, occorre notare che il prezzo effettivo delle quote differisce dal prezzo nominale e dipende dai risultati del Fondo. Di conseguenza, le esigenze di bilancio possono essere stimate solo sulla base dei risultati precedenti. La tabella riportata di seguito presenta una stima approssimativa di tali esigenze.

Tabella: ripartizione indicativa del numero di quote e del fabbisogno di bilancio in relazione all'aumento proposto del capitale del Fondo europeo per gli investimenti (valutazione che dovrà essere confermata sulla base dei futuri risultati del Fondo)

 

2007

2008

2009

2010

Totale

Numero indicativo delle quote offerte in sottoscrizione ai soci

790

90

89

26

1000

Numero indicativo di quote offerte in sottoscrizione alla Commissione

95

90

89

26

300

Prezzo annuale indicativo della quota (in euro)

326 526

338 912

351 406

364 376

 

Fabbisogno indicativo di bilancio (in euro)

31 019 970

30 502 080

31 275 134

9 473 776

102 270 960

Fonte: Allegato della proposta di decisione del Consiglio (COM (2006)621)

Per coprire il costo delle quote sottoscritte dalla Comunità vi sarebbero due fonti di finanziamento:

§ in primo luogo, in base all'ultima programmazione finanziaria comunicata dalla Commissione il 26 gennaio 2007, si prevede di iscrivere un importo complessivo di 100 milioni di euro per il periodo 2007-2010, ossia 25 milioni di euro all'anno, alla linea 01 04 09 del bilancio della Comunità per finanziare l'acquisto delle nuove quote emesse dal Fondo. Va accolto con favore il fatto che tale programmazione sia identica a quella precedente del maggio 2006;

§ in secondo luogo, la proposta prevede che i costi restanti siano coperti dai dividendi versati dal Fondo alla Comunità (linea di bilancio 850), che sarebbero considerati come entrate con destinazione specifica, ai sensi dell'articolo 18, paragrafo 2, del regolamento finanziario.

Gli importi resi disponibili dai dividendi, così come i prezzi delle quote, possono essere stimati solo in base ai precedenti risultati del Fondo. Secondo la valutazione della Commissione tali risorse finanziarie dovrebbero essere sufficienti e, nel caso di un aumento significativo del prezzo delle quote, i relativi costi potrebbero essere compensati da un parallelo aumento dei dividendi.

Il relatore propone di approvare la proposta della Commissione senza emendamenti, autorizzando in tal modo l'aumento di capitale e l'utilizzo dei dividendi a tale scopo. Considerato che il FEI sembra assolvere con efficacia ai suoi compiti, appare opportuno mettere a sua disposizione gli strumenti finanziari di cui necessita per proseguire la sua attività, in linea con gli obiettivi della Comunità per quanto riguarda lo sviluppo economico, le PMI e l'innovazione.

Inoltre, la proposta prevede che il FEI presenti direttamente al Parlamento europeo e al Consiglio la propria relazione annuale, la quale finora era trasmessa alle due istituzioni dalla Commissione. Il relatore ritiene che questa innovazione rappresenti un miglioramento, in quanto aumenta la trasparenza e garantisce che il Parlamento sia informato tempestivamente, e propone pertanto di approvarla.

PROCEDURA

Titolo

Partecipazione della Comunità all’aumento di capitale del Fondo europeo per gli investimenti

Riferimenti

COM(2006)0621 - C6-0426/2006 - 2006/0203(CNS)

Consultazione del PE

17.11.2006

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

BUDG

29.11.2006

Relatore(i)

       Nomina

Esko Seppänen

20.9.2004

 

 

Esame in commissione

26.2.2007

12.3.2007

 

 

Approvazione

12.3.2007

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

29

0

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Reimer Böge, Paulo Casaca, Brigitte Douay, James Elles, Salvador Garriga Polledo, Ingeborg Gräßle, Louis Grech, Catherine Guy-Quint, Jutta Haug, Anne E. Jensen, Wiesław Stefan Kuc, Zbigniew Krzysztof Kuźmiuk, Alain Lamassoure, Janusz Lewandowski, Nils Lundgren, Vladimír Maňka, Francesco Musotto, Gianni Pittella, Esko Seppänen, László Surján, Helga Trüpel, Kyösti Virrankoski, Ralf Walter

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Thijs Berman, Richard Corbett, Bárbara Dührkop Dührkop, Hans-Peter Martin, Paul Rübig, Margarita Starkevičiūtė

Deposito

14.3.2007                                          A6-0065/2007