Procedura : 2010/2018(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0264/2010

Testi presentati :

A7-0264/2010

Discussioni :

PV 18/10/2010 - 13
CRE 18/10/2010 - 13

Votazioni :

PV 19/10/2010 - 8.8
CRE 19/10/2010 - 8.8
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2010)0365

RELAZIONE     
PDF 178kWORD 131k
5.10.2010
PE 442.875v02-00 A7-0264/2010

sulle lavoratrici precarie

(2010/2018(INI))

Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere

Relatrice: Britta Thomsen

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PARERE della commissione per l'occupazione e gli affari sociali
 ESITO DELLA VOTAZIONE FINALE IN COMMISSIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulle lavoratrici precarie

(2010/2018(INI))

Il Parlamento europeo,

–   vista la relazione della Commissione del 18 dicembre 2009 sulla parità tra donne e uomini – 2010 (COM(2009)0694),

–   vista la comunicazione della Commissione del 26 novembre 2003 “Un miglior equilibrio tra lavoro e vita privata: un'analisi degli ultimi progressi (COM(2003) 0728 def.).

–   vista la relazione della Commissione del 2004 dal titolo "Lavoro precario in Europa: uno studio comparativo dei rischi connessi sul mercato del lavoro nelle economie flessibili,

–   vista la proposta di decisione del Consiglio sugli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione - Parte II degli orientamenti integrati di Europa 2020 (COM(2010)0193/3),

–   viste le conclusioni del Consiglio dell'8 giugno 2009 (flessicurezza in tempi di crisi),

–   vista la direttiva 2008/104/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, concernente le agenzie di lavoro temporaneo(1),

–   vista la direttiva 2006/54/CE, riguardante l'attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego (rifusione)(2);

–   vista la direttiva 1999/70/CE del Consiglio del 28 giugno 1999 relativa all'accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato(3),

–   vista la direttiva 1997/81/CE del Consiglio del 15 dicembre 1997 relativa all'accordo quadro sul lavoro a tempo parziale concluso dall'UNICE, dal CEEP e dalla CES(4):

–   visto il documento di base 2010 della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro dal titolo "lavoro molto atipico",

–   vista la relazione del 2008 della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro su "misure per lottare contro il lavoro nero nell'Unione europea";

–   vista la relazione del 2007 della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro su "condizioni di lavoro nell'Unione europea: la prospettiva di genere".

–   vista la relazione del 1998 della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro su "precariato e condizioni di lavoro nell'Unione europea";

–   vista la relazione di Eurobarometro di ottobre 2007 dal titolo "Il lavoro sommerso nell'Unione europea",

–   vista la relazione 2009 del Gruppo di esperti sulle questioni di genere e l'occupazione della Commissione europea (EGGE) dal titolo 'La segregazione di genere nel mercato del lavoro'

–   vista la relazione 2006 del gruppo di esperti sul genere, l'inclusione sociale e occupazione della Commissione europea intitolata "le disuguaglianze di genere nel rischio di povertà e di esclusione sociale per gruppi svantaggiati in trenta paesi europei",

–   vista la relazione dell'Ufficio internazionale del lavoro (OIL) intitolata 'Un lavoro dignitoso per i lavoratori domestici', elaborata per la 99a sessione della Conferenza internazionale del lavoro a giugno 2010,

–   vista la relazione dell'Ufficio internazionale del lavoro (OIL) del 2009 intitolata "La dimensione di genere del lavoro domestico in Europa occidentale",

–   vista la sua risoluzione del 17 giugno 2010 sugli aspetti di genere della recessione economica e della crisi finanziaria(5),

–   vista la sua risoluzione del 6 maggio 2009 sul coinvolgimento attivo delle persone escluse dal mercato del lavoro(6),

–   vista la sua risoluzione del 18 novembre 2008 recante raccomandazioni alla Commissione sull'applicazione del principio della parità retributiva tra donne e uomini(7),

–   vista la sua risoluzione del 19 gennaio 2006 sul futuro della Strategia di Lisbona per quanto riguarda la prospettiva di genere(8),

–   vista la sua risoluzione del 18 settembre 1998 sul ruolo delle cooperative nella crescita dell'occupazione femminile(9),

–   vista la sua risoluzione del 17 febbraio 1998 su "rispetto dei diritti umani nell’Unione europea (1996)"(10),

–   visto il parere della sezione specializzata Occupazione, affari sociali, cittadinanza del Comitato economico e sociale europeo del 12 maggio 2010 su 'La professionalizzazione del lavoro domestico' (SOC/372 - CESE 336/2010 fin),

–   viste le statistiche di Eurostat in focus n. 12/2010, dal titolo "Mercati del lavoro nell'UE-27 ancora in crisi',

–   visto l’articolo 48 del suo regolamento,

–   visti la relazione della commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A6-0264/2010),

A.  considerando che l'individualizzazione e la crescente flessibilità del mercato del lavoro – comportando una riduzione della contrattazione collettiva – pone i lavoratori, in particolare le donne, che spesso devono conciliare il lavoro con gli impegni familiari, in una posizione più debole che può portare a posti di lavoro precari, in quanto essa rende più facile per i datori di lavoro offrire condizioni lavorative peggiori,

B.   considerando che le donne sono sovrarappresentate nell'occupazione precaria sul mercato del lavoro e che certe forme di lavoro precario svolte dalle donne, come il lavoro domestico retribuito e il lavoro di assistenza, sono lavori invisibili sul mercato del lavoro, e considerando che nonostante l’attuale quadro legislativo, nell’UE le donne sono come sempre soggette a disparità per quanto riguarda le opportunità occupazionali, la qualità del lavoro, il salario di sussistenza nonché la parità di retribuzione per pari lavoro e per lavoro di pari valore,

C.  considerando che la sovrarappresentazione delle donne nei posti di lavoro precari è uno dei principali fattori che contribuiscono al divario di genere a livello retributivo, che continua a essere elevato; considerando che, di conseguenza, attraverso il miglioramento della qualità del lavoro femminile si otterrà una riduzione del divario di genere a livello retributivo,

D. considerando che il lavoro a tempo parziale imposto è diffuso nel settore dei servizi, in particolare nel settore alberghiero e della ristorazione, nell'istruzione, nella sanità, nei servizi sociali e in altri servizi di assistenza comunitaria, sociale e personale, ove la maggior parte dei dipendenti è di sesso femminile,

E.  considerando che la partecipazione delle donne al mercato del lavoro riflette il ruolo di queste ultime all'interno della famiglia e che tendono infatti ad accettare posti di lavoro che consentano loro di conciliare le attività retribuite con quelle che non lo sono,

F.  considerando che la crisi economica e finanziaria ha avuto un duplice effetto sull'occupazione precaria, dato che la prima reazione di molte imprese è stata quella di ridurre l'occupazione temporanea e considerando inoltre che si teme che molti dei posti di lavoro permanenti persi durante la recessione non saranno ripristinati ma sostituiti da regimi occupazionali atipici, per non dire precari,

G. considerando che il lavoro precario si riferisce a forme occupazionali non standardizzate con una delle seguenti caratteristiche:

· scarsa o nessuna sicurezza del posto di lavoro a causa del carattere non permanente, spesso di tipo casuale del lavoro, con contratti che hanno basse condizioni oppure senza neanche un contratto scritto, ad esempio nel caso di contratti temporanei, part time imposto, orari e mansioni non definiti che variano a piacimento del datore di lavoro;

· un basso livello di stipendio che può anche essere indefinito e al nero;

· nessun diritto di tutela sociale o di prestazioni connesse con il lavoro;

· nessuna protezione dalle discriminazioni;

· nessuna prospettiva o prospettive limitate di avanzamento sul mercato del lavoro;

· nessuna rappresentanza collettiva dei lavoratori;

· un ambiente di lavoro che non osserva nessuno standard minimo sanitario e di sicurezza,

H. considerando che la condizioni di lavoro precario, come i contratti non scritti, il lavoro a tempo parziale imposto e il persistente divario nelle retribuzioni hanno un effetto a lungo termine sulla tutela di sicurezza sociale e sulle pensioni ed espongono i lavoratori ad un maggiore rischio di povertà,

I.   considerando che in alcuni contesti le donne rischiano di essere soggette a condizioni non dignitose di lavoro e meritano quindi una particolare attenzione al riguardo, soprattutto le gestanti e le donne che allattano,

J.   considerando che la globalizzazione e l'attuale contesto economico, unitamente ai progressi tecnologici, stanno comportando cambiamenti nei rapporti di lavoro e nel contenuto delle mansioni dei lavoratori,

K. considerando che le lavoratrici precarie hanno meno possibilità di essere informate in merito ai loro diritti e sono più esposte al rischio di essere private della tutela giuridica e/o di essere licenziate ingiustamente,

L.  considerando che occorre sottolineare l’importanza del diritto di tutti i lavoratori, incluse le lavoratrici precarie, alla formazione e al perfezionamento professionali,

M. considerando che definire le donne come seconda fonte di reddito famigliare non rende giustizia alla rilevante percentuale di lavoratrici che da sole sostentano la famiglia,

N. considerando che il numero di lavoratrici non dichiarate è in continuo aumento, specialmente nel settore domestico,

O. considerando che la maggior parte dei lavoratori domestici che svolgono lavori come l'assistenza domestica, la pulizia e la ristorazione sono donne; considerando che il lavoro domestico nei paesi industriali assorbe fra il 5 e il 9% dell'occupazione totale, mentre tale lavoro è per la maggior parte precario, sottovalutato e non formalizzato; considerando inoltre che la vulnerabilità dei lavoratori domestici significa che sono spesso vittime di discriminazioni e che possono essere facilmente soggetti a un trattamento iniquo, sleale o abusivo,

P.  considerando che la dequalificazione di lavoratori altamente qualificati è un problema comune nel contesto dei lavori precari, in particolare nel caso di lavoratori che sono licenziati o lavoratori migranti che assumono posti poco qualificati per continuare a stare sul mercato del lavoro, e che tale situazione, che riguarda in particolare le donne, mette a rischio la progressione della carriera e il conseguimento di livelli retributivi adeguati alle competenze acquisite e possedute,

Q. considerando che donne migranti che svolgono lavori temporanei di basso livello ai margini del mercato del lavoro o lavori di carattere domestico possono essere esposte a una doppia discriminazione in quanto, oltre al fatto che spesso lavorano in condizioni precarie, irregolari se non addirittura illegali, esse hanno più probabilità di essere maltrattate o sottoposte a violenze o abusi sessuali; considerando inoltre che esse spesso ignorano i loro diritti e hanno un accesso limitato ai servizi pubblici, hanno limitata conoscenza della lingua locale e non riescono ad aggregarsi; considerando altresì che i lavoratori irregolari non osano rivolgersi alle autorità per chiedere protezione temendo di essere rimpatriati,

R.  considerando che l'accordo del Consiglio d'Europa del 24 novembre 1969 sul collocamento di lavori alla pari non è aggiornato e di conseguenza non affronta i problemi che attualmente si possono presentare in relazione all'uso dei lavoratori alla pari in molti Stati membri,

S.  considerando che l’UE continua ad adoperarsi per l’integrazione dell’uguaglianza di genere nelle diverse politiche; che, nell'ambito delle politiche occupazionali, occorre promuovere attivamente le pari opportunità tra uomini e donne;

Aspetti di genere del lavoro precario

1.  sottolinea il carattere di genere del lavoro precario e ricorda il passaggio nel mercato lavorativo da un tipo di lavoro conforme a standard a uno non conforme che rende necessari appositi interventi atti a evitare che le forme di occupazione atipiche si trasformino in lavoro precario; sottolinea inoltre che, per contrastare tali fenomeni, occorre sollecitare gli Stati membri e le parti sociali a procedere ad un sostanziale allineamento della regolamentazione legislativa e contrattuale tra lavoro standard e lavoro atipico, per eliminare gli effetti di "spiazzamento" della forma più conveniente e meno costosa, tenuto conto comunque dei rischi relativi al possibile aumento del ricorso al lavoro sommerso;

2.  esorta il Consiglio e la Commissione a individuare le caratteristiche del lavoro precario negli orientamenti per le politiche dell'occupazione degli Stati membri e nella nuova strategia per la parità di genere;

3.  invita gli Stati membri ad adottare disposizioni legislative volte a porre termine ai contratti a zero ore, che sono comuni in posti di lavoro tipicamente ricoperti da donne in settori come il lavoro domestico, l'assistenza, la ristorazione e l'industria alberghiera, nonché a regolamentare, prevedendo strumenti per un controllo diffuso, ogni forma di presenza nelle imprese e in altri luoghi di lavoro, consentita formalmente a fini di orientamento e di formazione ma che sta di fatto diventando un'ulteriore causa di abusi, nascondendo vere e proprie prestazioni senza retribuzioni e tutele;

4.  chiede alla Commissione e agli Stati membri di mettere a punto strategie sul lavoro precario che mettano l’accento su attività dignitose e “verdi” e tengano conto dell’equilibrio di genere;

5.  invita la Commissione e gli Stati membri a prendere iniziative volte a ridurre il doppio carico di lavoro che incombe sulle donne, che è una delle cause dell’eccessiva presenza di donne nel lavoro precario; invoca un migliore equilibrio tra l’attività lavorativa e la vita privata nell’occupazione regolare, al fine di ridurre il lavoro precario;

Condizioni sociali

6.  esprime delusione per il fatto che il pacchetto di diritto comunitario sull'occupazione e le succitate direttive riguardanti il lavoro a tempo determinato, a tempo parziale e il lavoro interinale non affrontano in maniera adeguata il carattere precario del lavoro; chiede pertanto alla Commissione e agli Stati membri di adottare ulteriori e specifiche misure legislative quali l'introduzione di norme minime vincolanti in materia sociale per i lavoratori e la concessione a tutti i dipendenti di parità di accesso ai servizi e alla tutela sociale, compreso il congedo di maternità, l'assistenza sanitaria e le pensioni di anzianità nonché l'istruzione e la formazione professionale, a prescindere dalle condizioni di lavoro; invita inoltre gli Stati membri ad attuare una legislazione volta a garantire un orario di lavoro ragionevole nonché periodi di riposo e tempo libero adeguati per i lavoratori;

7. invita gli Stati membri ad accertarsi che i datori di lavoro che pongono in essere comportamenti abusivi o pregiudizievoli nei confronti delle lavoratrici siano perseguiti legalmente in tempi quanto più possibile brevi;

8.  sottolinea la necessità di fornire alle donne che occupano posti di lavoro precari l'opzione della tutela sindacale di diritti come una retribuzione decorosa, il congedo di maternità, un orario di lavoro equo e regolare e un ambiente di lavoro non discriminante, che sono fondamentali per queste donne e invita gli Stati membri a sanzionare l'imposizione di ostacoli alla partecipazione ai sindacati in generale e incoraggia inoltre gli Stati membri ad offrire servizi di consulenza facilmente accessibili alle donne che non possono beneficiare del sostegno di un comitato aziendale, ad esempio le donne che lavorano presso privati; incoraggia le parti sociali a migliorare la partecipazione delle donne nei loro organismi a tutti i livelli;

9.  sottolinea la necessità di provvedimenti legislativi al fine di garantire la parità di genere e ridurre la segregazione di genere sul mercato del lavoro; ricorda quindi la sua succitata risoluzione del 18 novembre 2008 e sollecita la Commissione a presentare una proposta relativa all'applicazione del principio della parità di retribuzione per uomini e donne e ricorda agli Stati membri di recepire senza indugio la direttiva 2006/54/CE(11);

10. invita gli Stati membri ad adoperarsi per raggiungere gli obiettivi di Barcellona in materia di assistenza ai figli al fine di migliorare la partecipazione al mercato del lavoro e l'indipendenza economica delle donne; invita altresì gli Stati membri a rimuovere gli ostacoli che impediscono alle donne di prestare il numero di ore lavorative da esse desiderato (tempo pieno o parziale);

11. sottolinea la necessità di abbattere la segregazione professionale e settoriale sul mercato del lavoro attraverso la sensibilizzazione e l'educazione fin dalla tenera età, ad esempio promuovendo presso gli uomini posti di lavoro connessi con le competenze femminili, e viceversa incentivando le studentesse a studi scientifici e contrastando la percezione del lavoro femminile come fonte di reddito secondaria, in collaborazione con l'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere;

12. invita la Commissione e gli Stati membri a pianificare e attuare misure per facilitare alle ragazze e alle giovani donne l’accesso a un’istruzione, a una formazione e a studi universitari di buona qualità, offrendo un sostegno particolare alle ragazze e alle giovani donne migranti; sottolinea inoltre la necessità che le donne, dopo la sospensione dovuta alla maternità, possano rientrare attivamente nel mondo del lavoro;

13. invita gli Stati membri a combattere il lavoro sommerso, trasformandolo in occupazione regolare, per mezzo di misure preventive come la concessione di immunità per procedimenti giudiziari per i dipendenti che abbiano segnalato il loro status illegale di occupazione e intraprendere azioni dissuasive nei confronti dei datori di lavoro; invita inoltre la Commissione e gli Stati membri a migliorare la raccolta dei dati e a monitorare i progressi in questo campo;

14. sottolinea che la tutela sociale è una parte essenziale della flessicurezza; rileva che il concetto di flessicurezza ha ripercussioni diverse sugli uomini e sulle donne e che lo stesso tende a rafforzare gli attuali ruoli di genere; ricorda agli Stati membri e alle parti sociali le conclusioni del Consiglio dell'8 giugno 2009 su "Flessicurezza in tempi di crisi", in particolare l'applicazione dell'integrazione della dimensione di genere nell'attuazione dei principi di flessicurezza;

15. ritiene che la sostenibilità dei regimi pensionistici, l’accesso al prestito per i progetti di autosostegno nonché la creazione di posti di lavoro e di redditi alternativi possano migliorare le condizioni delle lavoratrici precarie;

16. raccomanda che in futuro i posti di lavoro tradizionali siano organizzati in base ai principi del "buon lavoro" e non siano trasformati in posti di lavoro precari; ritiene opportuna una migliore regolamentazione dei mercati del lavoro, grazie ad ispezioni rigorose che consentano di ridurre il lavoro precario;

17. esorta il Consiglio europeo ad adottare orientamenti chiari e misure concrete per salvaguardare l'occupazione e creare opportunità di lavoro nel quadro della Strategia UE 2020;

18. invita la Commissione, sulla base dei risultati ottenuti sul terreno, a fornire agli Stati membri orientamenti sulle migliori pratiche per combattere la discriminazione diretta e indiretta, inserire l’uguaglianza di genere nelle diverse politiche e ridurre il lavoro precario fra le donne;

19. invita la Commissione e gli Stati membri a regolamentare per legge la posizione sociale e giuridica dei lavoratori stagionali e a garantirne la sicurezza sociale; ricorda in tale contesto che, per lavoratori stagionali, si intendono i lavoratori che hanno concluso un contratto di lavoro formale o informale il cui inizio e la cui durata sono influenzati in modo determinante da fattori stagionali quali le condizioni metereologiche, le feste ufficiali e/o i periodi dei raccolti agricoli;

20. ricorda che gli studi hanno mostrato che il lavoro precario, nell'ambito del quale i requisiti minimi in materia di salute e sicurezza sono potenzialmente ignorati, comporta un più alto tasso di infortuni e un maggiore rischio di malattia e di esposizione ai rischi; chiede pertanto alla Commissione e agli Stati membri di rafforzare la sorveglianza dei requisiti minimi di salute e di sicurezza sul posto di lavoro, prestando una particolare attenzione ai rischi specifici per le lavoratrici;

Collaboratori domestici

21. invita la Commissione a incoraggiare gli Stati membri a scambiarsi le migliori prassi e a fare pienamente uso delle opportunità di cofinanziamento offerte dai Fondi strutturali, in particolare dal Fondo sociale europeo, per garantire l'accesso più ampio a strutture di assistenza all'infanzia e agli anziani economicamente accessibili e di qualità in modo che le donne non siano costrette a svolgere tali mansioni in maniera non formalizzata; sottolinea inoltre la necessità di garantire che i posti di lavoro di assistenza a domicilio precari si trasformino, ove possibile, in posti di lavoro dignitosi a lungo termine;

22. invita la Commissione a sostenere gli Stati membri nella messa a punto di una campagna finalizzata a una graduale trasformazione dei lavoratori precari in lavoratori regolari; invita la Commissione ad approvare un programma volto ad informare i lavoratori sugli effetti e le ripercussioni del lavoro precario, incluse la sicurezza e la salute sul posto di lavoro;

23. invita la Commissione a proporre un nuovo accordo europeo sulle norme concernenti i lavoratori alla pari che abbassi il limite di età dagli attuali 30 anni in modo che un capo famiglia vicino ai 30 anni non possa essere inserito tra i lavoratori alla pari e che ponga l'accento sul loro ruolo di collaborazione nell'ambito delle incombenze familiari quotidiane e sulla partecipazione alle attività della famiglia, senza superare le trenta ore a settimana, nonché sul fatto che l'obiettivo è di sviluppare la comprensione culturale e le competenze linguistiche del lavoratore alla pari;

Lavoratori migranti

24. invita la Commissione, nella sua nuova strategia di parità di genere, a rafforzare il suo impegno per promuovere l'uguaglianza di genere nelle politiche di migrazione e d'integrazione, in particolare al fine di utilizzare completamente il potenziale occupazionale delle donne migranti;

25. sottolinea che l'integrazione sociale delle donne migranti è ancora più difficile di quella dei loro omologhi maschi in quanto esse sono vittima di una duplice discriminazione; incoraggia pertanto i datori di lavoro ad adottare misure specifiche per agevolare l'integrazione sociale delle donne migranti, ad esempio l'organizzazione di appositi corsi di lingua e/o servizi di sostegno, e ad accertarsi che i lavoratori migranti siano debitamente registrati in modo che possano usufruire di tutte le prestazioni loro spettanti;

Ricerca in materia

26. richiama in particolare l'attenzione sulla mancanza di ricerca sull'argomento del lavoro precario e invita la Commissione e Eurofound a cooperare con l'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere e ad avviare ricerche mirate al fine di valutare, tra l'altro, il costo della dequalificazione e della perdita di benessere derivante dalla precarietà del lavoro, tenendo conto della dimensione di genere; sottolinea che i futuri programmi di ricerca europei dovrebbero prestare maggiore attenzione alle questioni sociali, come l'occupazione precaria;

27. plaude agli obiettivi generali del progetto pilota per favorire la conversione del lavoro precario in lavoro dotato di diritti e sottolinea la necessità di prestare particolare attenzione alla connotazione di genere del lavoro precario nell'attuazione del progetto;

28. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione nonché ai governi degli Stati membri.

(1)

GU L 327 del 5.12.2008, pag. 9.

(2)

GU L 204 del 26.7.2006, pag. 23.

(3)

GU L 175 del 10.7.1999, pag. 43.

(4)

GU L 14 del 20.1.1998, pag. 9.

(5)

Testi approvati, P7_TA(2010)0231.

(6)

Testi approvati, P6_TA-PRO(2009)0371.

(7)

GU C 16 E del 22.11.2010, pag. 21.

(8)

GU C 287 E del 24.11.2006, pag. 323.

(9)

GU C 313 del 12.10.1998, pag. 234.

(10)

GU C 80 del 16.3.1998, pag. 43.

(11)

Direttiva 2006/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 luglio 2006, riguardante l'attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego (rifusione) (GU L 204 del 26.7.2006, pag. 23).


MOTIVAZIONE

1. Introduzione

Sebbene il lavoro precario sia da tempo un argomento rilevante, l'attuale crisi economica e finanziaria si è concentrata su tale problema e la questione delle lavoratrici precarie, in particolare, è divenuta molto urgente. La crisi ha avuto un duplice effetto sul fenomeno del lavoro precario.

In primo luogo, le imprese colpite dalla crisi hanno reagito riducendo l'occupazione temporanea, come i lavoratori con contratti a tempo determinato, e hanno assunto personale o dipendenti con altri tipi di contratti non permanenti.

Il secondo effetto, più a lungo termine, della crisi è probabilmente che numerosi posti di lavoro permanenti, persi durante la recessione, non saranno ripristinati, ma verranno sostituiti da forme di occupazione atipica, il che permetterà ai datori di lavoro di far ricadere sui lavoratori i rischi relativi all'occupazione, al fine di massimizzare i profitti e la flessibilità dell'azienda.

Le donne sono sovrarappresentate nel lavoro precario, pertanto gli effetti negativi sopracitati hanno un impatto sproporzionato sulla situazione delle lavoratrici precarie. Il lavoro precario non solo è una delle cause del divario retributivo tra donne e uomini, ma è anche un ostacolo alle prospettive di carriera in vista di posti di lavoro e sviluppo professionale.

La questione dell'occupazione precaria è stata oggetto di numerose risoluzioni del Parlamento europeo in molti contesti; tuttavia, la situazione delle lavoratrici precarie non è stata risolta nella sua interezza.

2. Definizione di lavoro precario

Il lavoro precario si riferisce ad un tipo di occupazione "non convenzionale", caratterizzata principalmente da quanto segue:

· sicurezza scarsa o inesistente del posto di lavoro a seguito di un'occupazione non permanente, spesso occasionale, con contratti contenenti scarse condizioni lavorative o assenza di contratto scritto, come il contratto temporaneo e part-time imposto, orario di lavoro incerto, cambio di mansioni a discrezione del datore di lavoro;

· scarsa retribuzione, che può persino essere non ufficiale e incerta;

· assenza di diritti di protezione sociale e di indennità lavorativa;

· assenza di tutela dalla discriminazione;

· prospettive di avanzamento sul mercato del lavoro limitate o assenti;

· assenza di rappresentanza collettiva per i lavoratori;

· ambiente lavorativo privo di standard minimi sanitari e di sicurezza.

La precarietà contribuisce a incrementare rischi e insicurezze, quali scarse qualifiche, periodi di disoccupazione, mancanza di formazione professionale, problemi di salute, assistenza. Se, oltre a tutto ciò, il lavoratore deve far fronte a contratti molto brevi o a tempo parziale o a brevi periodi lavorativi, rischia di avere scarsi diritti di protezione sociale e di essere escluso dalla copertura dei sindacati e dalla contrattazione collettiva nonché dai contatti sociali e dal sostegno sul luogo di lavoro. Pertanto, si presentano rischi di una scarsa situazione lavorativa e di lavoro sommerso, con conseguenze negative sulla protezione sociale e sui diritti pensionistici.

3. Il lavoro precario presenta aspetti di genere

A livello aziendale, i settori di attività economica nei quali l'occupazione a tempo parziale è più diffusa rientrano nel settore dei servizi, in particolare nei settori alberghiero e della ristorazione, dell'istruzione, della sanità e dei servizi sociali, e di altri servizi a favore della comunità, della società e dei privati, ossia settori che presentano la più alta percentuale di lavoratrici.

Come dimostrato da precedenti studi, in numerose aziende sono unicamente le donne che lavorano a tempo parziale: il 55% delle imprese con detta forma di lavoro non conta alcun uomo tra i lavoratori a tempo parziale. Secondo i dati disponibili più recenti, il 31,5%(1) delle donne lavora a tempo parziale (aln massimo 30 ore settimanali) rispetto all'8,3% dei lavoratori.

Nel settore agricolo, la percentuale delle donne impiegate a tempo parziale aumenta drasticamente raggiungendo l'86%(2) delle lavoratrici.

Oltre alle negative conseguenze finanziarie per quanto concerne il reddito e le pensioni, i lavoratori a tempo parziale non ricevono la stessa assistenza e lo stesso sostegno sociale dei lavoratori a tempo pieno e sono meno coinvolti nel lavoro di squadra. È, altresì, più difficile accedere a posizioni di supervisione. Va notato che il 36% degli uomini con un elevato grado d'istruzione (livello universitario o superiore) occupa posizioni dirigenziali rispetto al 15% delle donne con analoga istruzione.

La ricerca condotta dalla quarta indagine europea sulle condizioni di lavoro mostra che per le lavoratrici l'occupabilità media è inferiore. Per quanto attiene agli elementi che contribuiscono a creare il divario occupazionale, i risultati mostrano che mentre l'aspetto della formazione è più elevato tra le donne, gli altri due fattori, ossia l'apprendimento e la rotazione delle mansioni, sono per le stesse molto inferiori. Non sorprende che i posti di lavoro con un elevato fattore di insicurezza possiedano anche uno scarso fattore di inserimento professionale, che colpisce in particolar modo le donne e i giovani lavoratori.

4. La forma di occupazione contrattuale

Forme di occupazione molto precaria includono contratti di lavoro non scritti, contratti con un orario di lavoro al di sotto delle 10 ore settimanali e contratti a tempo determinato di breve durata (pari o inferiori a sei mesi). Una precedente ricerca dell'Eurofound rivela che i contratti di lavoro non-permanenti e a tempo parziale imposto sono sovrarappresentati nel tipo di organizzazione lavorativa chiamata "impiego vincolato". Esso è caratterizzato dall'assenza di autonomia sul lavoro, dall'impossibilità di negoziare le condizioni lavorative o l'organizzazione del lavoro in generale, e dalla mancanza di pretese sul lavoro. Questa forma di organizzazione del lavoro caratterizza i lavori manuali che non richiedono inquadramento e qualifiche professionali e presenta la più alta percentuale di donne nei gruppi di età più giovani (al di sotto dei 25 anni) e più maturi (al di sopra dei 55 anni). Dal punto di vista del genere, la percentuale di uomini e donne con contratti molto atipici o condizioni di lavoro atipiche nella fascia compresa tra i 15 e i 29 anni é simile, rispettivamente il 22% e il 21%. Tuttavia, il divario di genere per quanto attiene al lavoro molto atipico è più ampio nei gruppi di età superiore, a danno delle donne.

5. Proventi: discriminazione in materia retributiva

In Europa, il divario di genere in materia retributiva è pari a circa il 18% (dati Eurostat del 2008), il che significa che, in media, la retribuzione oraria delle donne è inferiore di quasi un quinto rispetto a quella degli uomini. Tuttavia, tale cifra non tiene conto delle differenze nell'orario lavorativo, dei contratti, ecc. Il divario di genere può essere spiegato in gran parte dal fatto che le donne tendono a lavorare più spesso a tempo parziale (cfr. sopra), interrompono la carriera più spesso e per periodi più lunghi per via degli obblighi familiari, il che riduce la durata complessiva della loro esperienza lavorativa, lavorano in industrie e settori meno retribuiti con rappresentanza collettiva e potere contrattuali minori.La ricerca ha mostrato, altresì, che i ruoli di genere nella custodia dei figli comportano un ulteriore aumento del divario.

6. Collaboratori domestici

Spesso le donne che lavorano scelgono di affidare i lavori domestici a collaboratori, la maggior parte dei quali sono donne, al fine di ridurre il peso dell'assistenza e dei lavori domestici e alleviare la tensione tra lavoro, vita privata e responsabilità familiari.

Al di là del carattere precario, il lavoro delle collaboratrici domestiche è caratterizzato dalla mancanza di riconoscimenti. Di conseguenza, le collaboratrici domestiche sono spesso soggette a un trattamento iniquo, ingiusto o scorretto.

7. Donne migranti

Le donne provenienti da paesi meno sviluppati spesso lasciano i propri figli e le proprie famiglie per lavorare in un paese straniero come lavoratrici poco qualificate, in situazioni irregolari e addirittura in modo illegale. In molti casi, non conoscono i propri diritti né la lingua del luogo, il che rende la loro situazione ancora più vulnerabile. Spesso subiscono abusi, maltrattamenti, violenze, abusi sessuali, o non vengono pagate per il lavoro svolto. Le donne che lavorano illegalmente spesso non osano rivolgersi alle autorità per denunciare i torti subiti, poiché verrebbero rimpatriate immediatamente.

8. Mancanza di ricerca

Non esiste, a tutt'oggi, una ricerca aggiornata in materia di lavoro precario e in particolare di donne e lavoro precario. Ciò significa che in futuro occorrerà investire e promuovere la ricerca nel campo del lavoro precario e della dimensione di genere.

(1)

http://epp.eurostat.ec.europa.eu/tgm/refreshTableAction.do?tab=table&plugin=1&pcode=tps00159&language=en

(2)

http://osha.europa.eu/en/sector/agriculture/index_html/women


PARERE della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (14.7.2010)

destinato alla commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere

sulle lavoratrici precarie

(2010/2018(INI))

Relatore per parere: Thomas Händel

SUGGERIMENTI

La commissione per l'occupazione e gli affari sociali invita la commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

A. considerando che in condizioni precarie di lavoro versano soprattutto le donne e che, nonostante l’attuale quadro legislativo, nell’UE le donne sono come sempre soggette a disparità per quanto riguarda le opportunità occupazionali, la qualità del lavoro, il salario di sussistenza nonché la parità di retribuzione per pari lavoro e per lavoro di pari valore,

B.  considerando che l’eccessivo numero di donne che svolgono un lavoro precario contribuisce in modo determinante al divario retributivo tra i generi, che resta sempre elevato; che pertanto una migliore qualità del lavoro femminile ridurrà il divario retributivo legato al genere,

C. considerando che l’UE continua ad adoperarsi per l’integrazione dell’uguaglianza di genere nelle diverse politiche; che, nell'ambito delle politiche occupazionali, occorre promuovere attivamente le pari opportunità tra uomini e donne;

D. considerando che in alcuni contesti le donne rischiano di essere soggette a condizioni non dignitose di lavoro e meritano quindi una particolare attenzione al riguardo, soprattutto le gestanti e le donne che allattano,

E.  considerando che la globalizzazione e l'attuale contesto economico, unitamente ai progressi tecnologici, stanno comportando cambiamenti nei rapporti di lavoro e nel contenuto delle mansioni dei lavoratori,

F.  considerando che le lavoratrici precarie hanno meno possibilità di essere informate in merito ai loro diritti e sono più esposte al rischio di essere private della tutela giuridica e/o di essere licenziate ingiustamente,

G. considerando che occorre sottolineare l’importanza del diritto di tutti i lavoratori, incluse le lavoratrici precarie, alla formazione e al perfezionamento professionali,

H. considerando che il crescente numero di lavoratrici precarie aumenta il rischio di povertà tra le donne,

1.  chiede agli Stati membri di applicare in modo più efficace le disposizioni della direttiva 2006/54/CE;

2.  esorta il Consiglio europeo ad adottare orientamenti chiari e misure concrete per salvaguardare l'occupazione e creare opportunità di lavoro nel quadro della Strategia UE 2020;

3.  invita la Commissione e gli Stati membri a pianificare e attuare misure per facilitare alle ragazze e alle giovani donne l’accesso a un’istruzione, a una formazione e a studi universitari di buona qualità, offrendo un sostegno particolare alle ragazze e alle giovani donne migranti; sottolinea inoltre la necessità che le donne, dopo la sospensione dovuta alla maternità, possano rientrare attivamente nel mondo del lavoro;

4.  invita la Commissione ad adoperarsi, con la nuova strategia occupazionale, affinché le lavoratrici precarie, indipendentemente dalla loro posizione occupazionale, siano inserite nei regimi di previdenza sociale e di tutela del lavoro; ritiene essenziale che le lavoratrici precarie e le loro famiglie ricevano un'indennità di disoccupazione e l'assegno di maternità; invita i governi degli Stati membri ad aumentare l’entità e la durata dei benefici, in modo da garantire un’adeguata rete di sicurezza sociale;

5.  invita la Commissione europea a sostenere gli Stati membri nella messa a punto di una campagna finalizzata a una graduale trasformazione dei lavoratori precari in lavoratori regolari; invita la Commissione europea ad approvare un programma volto ad informare i lavoratori sugli effetti e le ripercussioni del lavoro precario, incluse la sicurezza e la salute sul posto di lavoro;

6.  invita la Commissione europea e gli Stati membri a prendere iniziative volte a ridurre il doppio carico di lavoro che incombe sulle donne, che è una delle cause dell’eccessiva presenza di donne nel lavoro precario; chiede un migliore equilibrio tra l’attività lavorativa e la vita privata nell’occupazione regolare, al fine di ridurre il lavoro precario;

7.  invita gli Stati membri a facilitare le reti di assistenza e cura dei figli e a realizzare gli obiettivi di Barcellona in materia di assistenza ai figli per fornire un’alternativa nei casi in cui la mancanza di reti di assistenza all'infanzia e di operatori impedisca l’auspicata occupazione a tempo pieno, consentire il lavoro a tempo pieno alle donne che facciano tale scelta e migliorare la partecipazione al mercato del lavoro e l’indipendenza economica delle donne; invita gli Stati membri a superare gli ostacoli che impediscono alle donne di lavorare il numero di ore desiderato, sia a tempo parziale che a tempo pieno; evidenzia la necessità di un salario di sussistenza e dell’accesso all’integralità delle prestazioni della sicurezza sociale, sia per un lavoro a tempo pieno che per un lavoro a tempo parziale; sottolinea il rischio dei recenti sviluppi, che dimostrano come il lavoro non tutelato in alcuni settori abbia portato alla povertà soprattutto donne con bambini piccoli;

8.  chiede agli Stati membri di garantire che anche i lavoratori a tempo parziale siano affiliati a regimi pensionistici;

9.  invita gli Stati membri a impostare la normativa in materia pensionistica, fiscale, di sicurezza sociale, sociale e familiare su un'organizzazione indipendente della vita per uomini e donne al di fuori e all'interno del matrimonio;

10. ritiene che la sostenibilità dei regimi pensionistici, l’accesso al prestito per i progetti di autosostegno nonché la creazione di posti di lavoro e di redditi alternativi possano migliorare le condizioni delle lavoratrici precarie;

11. rinnova l’invito alla Commissione europea e agli Stati membri a rafforzare gli strumenti e a migliorare il quadro legislativo, al fine di superare il divario retributivo legato al genere;

12. raccomanda che in futuro i posti di lavoro tradizionali siano organizzati in base ai principi del "buon lavoro" e non siano trasformati in posti di lavoro precari; ritiene opportuna una migliore regolamentazione dei mercati del lavoro, grazie ad ispezioni rigorose che consentano di ridurre il lavoro precario;

13. chiede alla Commissione europea e agli Stati membri di mettere a punto strategie sul lavoro precario che mettano l’accento su attività dignitose e “verdi” e tengano conto dell’equilibrio di genere;

14. insiste sulla necessità che gli Stati membri introducano misure chiare volte a ridurre il divario retributivo legato al genere del 10% entro il 2020 in ciascuno Stato membro, al fine di ridurre il divario medio nell’UE, compreso il divario pensionistico, in quanto ciò è essenziale per migliorare il livello di vita, combattere la povertà e potenziare la crescita economica;

15. invita la Commissione, gli Stati membri e le due parti dell'industria a facilitare le opportunità di partecipazione sindacale, la partecipazione ai comitati aziendali e i diritti di codecisione di tutte le categorie di lavoratori indipendentemente dal loro inquadramento contrattuale, a facilitare l’accesso all’informazione sui diritti dei lavoratori e ad eliminare gli ostacoli frapposti all'attività sindacale; incoraggia le parti sociali a migliorare la partecipazione delle donne nei loro organismi a tutti i livelli; incoraggia inoltre gli Stati membri ad offrire servizi di consulenza facilmente accessibili alle donne che non possono beneficiare del sostegno di un comitato aziendale, ad esempio le donne che lavorano presso privati;

16. invita la Commissione, sulla base dei risultati ottenuti sul terreno, a fornire agli Stati membri orientamenti sulle migliori pratiche per combattere la discriminazione diretta e indiretta, inserire l’uguaglianza di genere nelle diverse politiche e ridurre il lavoro precario fra le donne;

17. invita la Commissione e gli Stati membri a regolamentare per legge la posizione sociale e giuridica dei lavoratori stagionali e a garantirne la sicurezza sociale; ricorda in tale contesto che, per lavoratori stagionali, si intendono i lavoratori che hanno concluso un contratto di lavoro formale o informale il cui inizio e la cui durata sono influenzati in modo determinante da fattori stagionali quali le condizioni metereologiche, le feste ufficiali e/o i periodi dei raccolti agricoli.

ESITO DELLA VOTAZIONE FINALE IN COMMISSIONE

Approvazione

14.7.2010

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

41

6

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Regina Bastos, Jean-Luc Bennahmias, Pervenche Berès, Mara Bizzotto, Milan Cabrnoch, Ole Christensen, Derek Roland Clark, Sergio Gaetano Cofferati, Marije Cornelissen, Tadeusz Cymański, Frédéric Daerden, Karima Delli, Proinsias De Rossa, Sari Essayah, Ilda Figueiredo, Pascale Gruny, Thomas Händel, Marian Harkin, Roger Helmer, Vincenzo Iovine, Liisa Jaakonsaari, Danuta Jazłowiecka, Martin Kastler, Ádám Kósa, Patrick Le Hyaric, Veronica Lope Fontagné, Olle Ludvigsson, Elizabeth Lynne, Thomas Mann, Elisabeth Morin-Chartier, Csaba Őry, Siiri Oviir, Rovana Plumb, Sylvana Rapti, Licia Ronzulli, Elisabeth Schroedter, Joanna Katarzyna Skrzydlewska, Jutta Steinruck, Traian Ungureanu

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Georges Bach, Raffaele Baldassarre, Françoise Castex, Jelko Kacin, Ria Oomen-Ruijten, Antigoni Papadopoulou, Csaba Sógor, Emilie Turunen


ESITO DELLA VOTAZIONE FINALE IN COMMISSIONE

Approvazione

29.9.2010

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

21

4

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Edit Bauer, Emine Bozkurt, Andrea Češková, Silvia Costa, Tadeusz Cymański, Edite Estrela, Ilda Figueiredo, Iratxe García Pérez, Sophia in ‘t Veld, Teresa Jiménez-Becerril Barrio, Nicole Kiil-Nielsen, Astrid Lulling, Barbara Matera, Elisabeth Morin-Chartier, Siiri Oviir, Antonyia Parvanova, Raül Romeva i Rueda, Joanna Katarzyna Skrzydlewska, Britta Thomsen, Marina Yannakoudakis, Anna Záborská

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Vilija Blinkevičiūtė, Anne Delvaux, Antigoni Papadopoulou, Joanna Senyszyn

Note legali - Informativa sulla privacy