Procedura : 2011/0007(CNS)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0040/2011

Testi presentati :

A7-0040/2011

Discussioni :

PV 16/02/2011 - 5
CRE 16/02/2011 - 5

Votazioni :

PV 17/02/2011 - 6.10
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2011)0070

RELAZIONE     *
PDF 157kWORD 92k
14.2.2011
PE 456.975v02-00 A7-0040/2011

sulla proposta di decisione del Consiglio sugli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione

(COM(2011)0006 – C7‑0033/2011 – 2011/0007(CNS))

Commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Relatore: Pervenche Berès

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PARERE della commissione per i problemi economici e monetari
 PROCEDURA

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di decisione del Consiglio sugli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione

(COM(2011)0006 – C7‑0033/2011 – 2011/0007(CNS))

(Procedura legislativa speciale – consultazione)

Il Parlamento europeo,

–   vista la proposta della Commissione al Consiglio (COM(2011)0006),

–   visto l'articolo 148, paragrafo 2, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma del quale è stato consultato dal Consiglio (C7-0033/2011),

–   visto l'articolo 55 del suo regolamento,

–   visti la relazione della commissione per l'occupazione e gli affari sociali e il parere della commissione per i problemi economici e monetari (A7-0040/2011),

1.  approva la proposta della Commissione;

2.  invita il Consiglio a informarlo qualora intenda discostarsi dal testo approvato dal Parlamento;

3.  chiede al Consiglio di consultarlo nuovamente qualora intenda modificare sostanzialmente il testo approvato dal Parlamento;

4.  reitera ancora una volta l'invito alla Commissione e al Consiglio ad assicurare che il Parlamento possa disporre del tempo necessario, in ogni caso non meno di cinque mesi, per esprimere il suo parere sugli orientamenti integrati (indirizzi di massima per le politiche economiche e orientamenti in materia di occupazione) nel quadro del semestre europeo e per svolgere il suo ruolo consultivo, quale definito all'articolo 148, paragrafo 2, del trattato, in occasione della revisione completa degli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione, programmata per il 2014;

5.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.


MOTIVAZIONE

A seguito della valutazione dei programmi nazionali di riforma preliminari (PNR) presentati dagli Stati membri nel quadro della strategia Europa 2020, e in parallelo con la presentazione della prima valutazione annuale della crescita, il 12 gennaio la Commissione ha adottato una proposta di decisione del Consiglio in cui suggerisce di confermare la validità, per il 2011, della politica economica integrata e degli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione adottati nel 2010.(1) La proposta in esame tiene conto del fatto che i nuovi orientamenti integrati di Europa 2020 devono essere trasposti integralmente nelle misure politiche e nella sequenza delle riforme degli Stati membri che saranno presentate nei PNR definitivi nell'aprile 2011. Inoltre la proposta della Commissione si basa sull'impegno, contenuto negli orientamenti in materia di occupazione del 2010, di mantenere gli orientamenti stabili, nella misura del possibile, fino al 2014, in modo che gli Stati membri possano concentrarsi sulla loro attuazione.

La proposta di decisione del Consiglio si basa sull'articolo 148 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE), a norma del quale il Consiglio deve elaborare ogni anno orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione. Prima di adottare una decisione sugli orientamenti, il TFUE prevede che il Consiglio consulti il Parlamento europeo nonché il comitato per l'occupazione, il Comitato economico e sociale europeo e il Comitato delle regioni. Il 26 gennaio 2011 il Consiglio ha rivolto al Parlamento una richiesta di consultazione.

Gli orientamenti integrati per le politiche economiche e dell'occupazione adottati nel 2010 consistono negli indirizzi di massima per le politiche economiche, a norma dell'articolo 121 del TFUE, e negli orientamenti in materia di occupazione, a norma dell'articolo 148 del TFUE. Questi due atti sono stati adottati come strumenti distinti ma interconnessi, che insieme formano un pacchetto di orientamenti integrati. Il Parlamento europeo ha discusso la proposta relativa agli orientamenti per l'occupazione e, in data 8 settembre 2010, ha adottato una risoluzione legislativa comprendente una serie di emendamenti (relazione Öry).

Il relatore per parere può comprendere l'obiettivo di mantenere gli orientamenti per l'occupazione stabili fino alla revisione intermedia della strategia Europa 2020. ma tiene a sottolineare l'importanza di mantenere la politica economica integrata e gli orientamenti per l'occupazione al centro della revisione annuale della strategia Europa 2020. La Commissione e il Consiglio devono garantire che gli orientamenti integrati costituiscano il filo rosso del semestre europeo. Qualora i messaggi chiave della valutazione annuale della crescita si discostino dal contenuto degli orientamenti, questi ultimi devono essere modificati di conseguenza ai fini della coerenza.

Infine, il relatore reitera le richieste del Parlamento europeo per una gestione efficace delle politiche occupazionali e sociali da parte degli Stati membri, che deve prevedere la partecipazione delle parti interessate, tra cui le parti sociali e gli organismi parlamentari, nella progettazione, attuazione, monitoraggio e valutazione dei programmi nazionali di riforma. Alla stessa stregua il relatore desidera ribadire che il Parlamento chiede da tempo alla Commissione e al Consiglio la garanzia di poter disporre del tempo necessario, in ogni caso non meno di cinque mesi, per svolgere il suo ruolo consultivo in occasione della prossima revisione completa degli orientamenti in materia di occupazione.

(1)

Decisione 2010/707/UE del Consiglio, del 21 ottobre 2010, sugli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione (GU L 308 del 24.11.2010, pag. 46).


PARERE della commissione per i problemi economici e monetari (10.2.2011)

destinato alla commissione per l'occupazione e gli affari sociali

sulla proposta di decisione del Consiglio sugli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione

(COM(2011)0006 – C7‑0033/2011 – 2011/0007(CNS))

Relatore per parere: Sharon Bowles

BREVE MOTIVAZIONE

La commissione ECON esprime il proprio sostegno volto a integrare con decisione gli indirizzi di massima per le politiche economiche e gli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione nel quadro del semestre europeo e a prestare particolare attenzione a non sminuirne l'importanza, in linea con il perseguimento dell'obiettivo dichiarato della Commissione e del Consiglio di rafforzare la titolarità e la responsabilità democratica.

EMENDAMENTI

La commissione per i problemi economici e monetari invita la commissione per l'occupazione e gli affari sociali, competente per il merito, a includere nella sua relazione il seguente emendamento:

Emendamento  1

Progetto di proposta di risoluzione

Paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4. reitera ancora una volta l'invito alla Commissione e al Consiglio ad assicurare che il Parlamento possa disporre del tempo necessario, in ogni caso non meno di cinque mesi, per svolgere il suo ruolo consultivo, quale definito all'articolo 148, paragrafo 2, del trattato, in occasione della revisione completa degli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione, programmata per il 2014;

4. reitera ancora una volta l'invito alla Commissione e al Consiglio ad assicurare che il Parlamento possa disporre del tempo necessario, in ogni caso non meno di cinque mesi, per esprimere il suo parere sugli orientamenti integrati (indirizzi di massima per le politiche economiche e orientamenti in materia di occupazione) nel quadro del semestre europeo e per svolgere il suo ruolo consultivo, quale definito all'articolo 148, paragrafo 2, del trattato, in occasione della revisione completa degli orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione, programmata per il 2014;

PROCEDURA

Titolo

Orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione

Riferimenti

COM(2011)0006 – C7-0033/2011 – 2011/0007(CNS)

Commissione competente per il merito

EMPL

Parere espresso da

Annuncio in Aula

ECON

3.2.2011

 

 

 

Relatore

Nomina

Sharon Bowles,

9.2.2011

 

 

Approvazione

10.2.2011

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

21

2

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Udo Bullmann, Nikolaos Chountis, George Sabin Cutaş, Leonardo Domenici, Diogo Feio, Elisa Ferreira, Ildikó Gáll-Pelcz, José Manuel García-Margallo y Marfil, Jean-Paul Gauzès, Liem Hoang Ngoc, Gunnar Hökmark, Wolf Klinz, Ivari Padar, Alfredo Pallone, Anni Podimata, Antolín Sánchez Presedo, Olle Schmidt, Edward Scicluna, Theodor Dumitru Stolojan, Kay Swinburne

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Elena Băsescu, Olle Ludvigsson, Miguel Portas


PROCEDURA

Titolo

Orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell’occupazione

Riferimenti

COM(2011)0006 – C7-0033/2011 – 2011/0007(CNS)

Consultazione del PE

26.1.2011

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

EMPL

3.2.2011

Commissione(i) competente(i) per parere

       Annuncio in Aula

ECON

3.2.2011

 

 

 

Relatore(i)

       Nomina

Pervenche Berès

20.1.2011

 

 

Approvazione

14.2.2011

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

41

4

2

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Regina Bastos, Edit Bauer, Jean-Luc Bennahmias, Pervenche Berès, Mara Bizzotto, Philippe Boulland, Milan Cabrnoch, David Casa, Alejandro Cercas, Ole Christensen, Derek Roland Clark, Sergio Gaetano Cofferati, Marije Cornelissen, Tadeusz Cymański, Karima Delli, Proinsias De Rossa, Frank Engel, Sari Essayah, Ilda Figueiredo, Thomas Händel, Marian Harkin, Roger Helmer, Liisa Jaakonsaari, Danuta Jazłowiecka, Martin Kastler, Ádám Kósa, Patrick Le Hyaric, Veronica Lope Fontagné, Olle Ludvigsson, Elizabeth Lynne, Thomas Mann, Elisabeth Morin-Chartier, Csaba Őry, Siiri Oviir, Rovana Plumb, Konstantinos Poupakis, Sylvana Rapti, Licia Ronzulli, Elisabeth Schroedter, Joanna Katarzyna Skrzydlewska, Jutta Steinruck, Traian Ungureanu

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Raffaele Baldassarre, Jelko Kacin, Evelyn Regner, Emilie Turunen

Supplenti (art. 187, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Catherine Bearder

Deposito

14.2.2011

Note legali - Informativa sulla privacy