Procedura : 2013/0279(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0042/2014

Testi presentati :

A7-0042/2014

Discussioni :

Votazioni :

PV 12/03/2014 - 8.19
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2014)0226

RELAZIONE     ***I
PDF 349kWORD 308k
23.1.2014
PE 522.763v02-00 A7-0042/2014

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 471/2009 relativo alle statistiche comunitarie del commercio estero con i paesi terzi per quanto riguarda il conferimento alla Commissione dei poteri delegati e di esecuzione per l'adozione di alcune misure

(COM(2013)0579 – C7‑0243/2013 – 2013/0279(COD))

Commissione per il commercio internazionale

Relatore: Vital Moreira

EMENDAMENTI
PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PROCEDURA

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 471/2009 relativo alle statistiche comunitarie del commercio estero con i paesi terzi per quanto riguarda il conferimento alla Commissione dei poteri delegati e di esecuzione per l'adozione di alcune misure

(COM(2013)0579 – C7‑0243/2013 – 2013/0279(COD))

(Procedura legislativa ordinaria: prima lettura)

Il Parlamento europeo,

–   vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2013)0579),

–   visti l'articolo 294, paragrafo 2, e l'articolo 338, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma dei quali la proposta gli è stata presentata dalla Commissione (C7‑0243/2013),

–   visto l'articolo 294, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–   visto l'articolo 55 del suo regolamento,

–   vista la relazione della commissione per il commercio internazionale (A7-0042/2014),

1.  adotta la posizione in prima lettura figurante in appresso;

2.  chiede alla Commissione di presentargli nuovamente la proposta qualora intenda modificarla sostanzialmente o sostituirla con un nuovo testo;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

Emendamento  1

Proposta di regolamento

Considerando 8

Testo della Commissione

Emendamento

(8) Al fine di garantire condizioni uniformi per l'attuazione del regolamento (CE) n. 471/2009, occorre conferire alla Commissione competenze di esecuzione che le consentano di adottare misure riguardanti i codici da utilizzare per i dati di cui all'articolo 5, paragrafo 1, di detto regolamento, e misure riguardanti il collegamento tra i dati sulle caratteristiche delle imprese e i dati registrati a norma dello stesso articolo. Tali competenze devono essere esercitate in conformità al regolamento (UE) n. 182/2011.

soppresso

Emendamento  2

Proposta di regolamento

Considerando 9

Testo della Commissione

Emendamento

(9) Il comitato delle statistiche degli scambi di beni con i paesi terzi (comitato Extrastat) di cui all'articolo 11 del regolamento (CE) n. 471/2009 fornisce alla Commissione consulenza e assistenza nell'esercizio delle sue competenze d'esecuzione.

soppresso

Emendamento  3

Proposta di regolamento

Considerando 10

Testo della Commissione

Emendamento

(10) Nel contesto della strategia per una nuova struttura del sistema statistico europeo (di seguito "SSE") volta a migliorare il coordinamento e la collaborazione nel quadro di una chiara struttura piramidale all'interno del SSE, è opportuno attribuire al comitato del sistema statistico europeo (di seguito "comitato SSE"), istituito dal regolamento (CE) n. 223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 2009, relativo alle statistiche europee9, un ruolo di consulenza e di assistenza della Commissione nell'esercizio dei suoi poteri di esecuzione.

soppresso

__________________

 

9 GU L 87 del 31.3.2009, pag. 164.

 

Emendamento  4

Proposta di regolamento

Considerando 11

Testo della Commissione

Emendamento

(11) Occorre modificare il regolamento (CE) n. 471/2009, procedendo a sostituire il riferimento al comitato Extrastat con un riferimento al comitato SSE.

soppresso

Emendamento  5

Proposta di regolamento

Articolo 1 – punto 3 – lettera a

Regolamento (CE) n. 471/2009

Articolo 5 – paragrafo 2

 

Testo della Commissione

Emendamento

2. Alla Commissione è conferito il potere di adottare, in conformità all'articolo 10 bis, atti delegati relativi all'ulteriore specificazione dei dati di cui al paragrafo 1.

2. Alla Commissione è conferito il potere di adottare, in conformità all'articolo 10 bis, atti delegati relativi all'adozione di norme per quanto riguarda l'ulteriore specificazione dei dati di cui al paragrafo 1 e le misure relative ai codici da utilizzare per tali dati.

La Commissione adotta, mediante atti di esecuzione, le misure riguardanti i codici da utilizzare per tali dati.

 

Tali atti di esecuzione sono adottati secondo la procedura d'esame di cui all'articolo 11, paragrafo 2.";

 

Motivazione

Solide considerazioni costituzionali sulla separazione dei poteri indicano che gli atti di natura normativa (ossia la legislazione) dovrebbero essere di esclusiva competenza del legislatore e che la loro adozione da parte del ramo esecutivo del governo può essere permessa soltanto su delega del legislatore, mai come un potere di esecuzione.

Emendamento  6

Proposta di regolamento

Articolo 1 – punto 4 – lettera a

Regolamento (CE) n. 471/2009

Articolo 6 – paragrafo 2 – comma 3

 

Testo della Commissione

Emendamento

"La Commissione adotta, mediante atti di esecuzione, misure riguardanti il collegamento tra i dati e tali statistiche da compilare.

Alla Commissione è conferito il potere di adottare, conformemente all'articolo 10 bis, atti delegati relativi all'adozione di norme riguardanti il collegamento tra i dati e tali statistiche da compilare;

Tali atti di esecuzione sono adottati secondo la procedura d'esame di cui all'articolo 11, paragrafo 2.";

 

Motivazione

Solide considerazioni costituzionali sulla separazione dei poteri indicano che gli atti di natura normativa (ossia la legislazione) dovrebbero essere di esclusiva competenza del legislatore e che la loro adozione da parte del ramo esecutivo del governo può essere permessa soltanto su delega del legislatore, mai come un potere di esecuzione.

Emendamento  7

Proposta di regolamento – atto modificativo

Articolo 1 – punto 6

Regolamento (CE) n. 471/2009

Articolo 10 bis – paragrafo 3

 

Testo della Commissione

Emendamento

3. Il potere di adottare gli atti delegati di cui all'articolo 2, paragrafi 2 , 3 e 4, all'articolo 4, paragrafo 5, all'articolo 5, paragrafi 2 e 4, all'articolo 6, paragrafo 3 e all'articolo 8, paragrafi 1 e 2 è conferito alla Commissione per un periodo indeterminato a decorrere da ((Publication office: please insert the exact date of the entry into force of this Regulation)..

3. Il potere di adottare gli atti delegati di cui all'articolo 2, paragrafi 2 , 3 e 4, all'articolo 4, paragrafo 5, all'articolo 5, paragrafi 2 e 4, all'articolo 6, paragrafo 3 e all'articolo 8, paragrafi 1 e 2 è conferito alla Commissione per un periodo di cinque anni a decorrere dal ...*. La Commissione elabora una relazione sulla delega di potere al più tardi nove mesi prima della scadenza del periodo di cinque anni. La delega di potere è tacitamente prorogata per periodi di identica durata, a meno che il Parlamento europeo o il Consiglio non si oppongano a tale proroga al più tardi tre mesi prima della scadenza di ciascun periodo.

 

____________

 

* GU: si prega di inserire la data di entrata in vigore del presente regolamento.

Motivazione

Il relatore ritiene opportuno limitare nel tempo il conferimento di poteri alla Commissione. Tale limitazione comporta un maggior controllo parlamentare, obbligando la Commissione a elaborare una relazione sulla delega di poteri al più tardi nove mesi prima della scadenza del periodo fissato. D'altro canto, la proroga tacita della delega per un periodo di identica durata evita di imporre oneri eccessivi ai legislatori e facilita l'attuazione della politica commerciale comune. Ciò rispecchia i cambiamenti introdotti dai due strumenti "Omnibus" in materia di scambi commerciali (Trade Omnibus) e dai successivi allineamenti della procedura di comitato.

Emendamento  8

Proposta di regolamento

Articolo 1 – punto 7

Regolamento (CE) n. 471/2009

Articolo 11

 

Testo della Commissione

Emendamento

(7) l'articolo 11 è sostituito dal seguente:

(7) L'articolo 11 è soppresso.

"Articolo 11

 

Comitato

 

1. La Commissione è assistita dal comitato del sistema statistico europeo istituito dal regolamento (CE) n. 223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 2009, relativo alle statistiche europee (*). Tale comitato è un comitato ai sensi del regolamento (UE) n. 182/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 2011, che stabilisce le regole e i principi generali relativi alle modalità di controllo da parte degli Stati membri dell'esercizio delle competenze di esecuzione conferite alla Commissione (*).

 

2. Nei casi in cui si fa riferimento al presente paragrafo si applica l'articolo 5 del regolamento (UE) n. 182/2011.

 

Emendamento  9

Proposta di regolamento

Articolo 3

Testo della Commissione

Emendamento

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea ed è consolidata con il regolamento che esso modifica entro i tre mesi successivi alla sua entrata in vigore.


MOTIVAZIONE

La proposta della Commissione in esame mira ad allineare il regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio (CE) n. 471/2009 relativo alle statistiche comunitarie del commercio estero con i paesi terzi al regime di atti di esecuzione e atti delegati introdotto dal trattato di Lisbona (articoli 290 e 291 TFUE).

Sinora, la maggior parte della normativa nel settore della politica commerciale comune è stata allineata al nuovo regime costituzionale tramite gli strumenti Omnibus I e II in materia di scambi commerciali (Trade Omnibus I e II) e tramite vari allineamenti individuali e successivi. La Commissione si è impegnata a presentare la seconda serie di allineamenti della procedura di comitato (relativi agli atti legislativi contenenti la procedura di regolamentazione con controllo) entro il termine della settima legislatura. In questo contesto, la Commissione propone di modificare il regolamento (CE) 471/2009 relativo alle statistiche comunitarie, quale unico atto legislativo nel settore della politica commerciale comune a far riferimento alla procedura di regolamentazione con controllo.

La Commissione propone di ricorrere agli atti delegati in quasi tutti i casi in cui, in origine, si applicava la procedura di regolamentazione con controllo. Gli atti di esecuzione sono proposti in due casi, ossia per l'adozione di:

- misure relative ai codici da utilizzare per i dati statistici; nonché

- misure relative al collegamento tra i dati sulle importazioni ed esportazioni e quelli sulle imprese.

Negli emendamenti da 1 a 9 e nell'emendamento 11, il relatore propone che suddetti atti di esecuzione siano convertiti in atti delegati, in quanto è convinto che il Parlamento debba essere più esigente per quanto riguarda la separazione tra atti delegati e di esecuzione.

I criteri per scegliere tra le due categorie di atti non consistono nella distinzione tra questioni sostanziali e questioni non sostanziali, quanto piuttosto tra atti che stabiliscono norme (ossia atti che trattano situazioni astratte) e atti che si applicano unicamente a una situazione concreta o a una serie di situazioni definite concretamente. Per questo motivo, a prescindere dalla loro natura "sostanziale", le regole e le norme dovrebbero sempre essere adottate mediante atti delegati, onde rispettare la competenza normativa del Parlamento. L'accettazione, da parte del Parlamento, di atti di esecuzione di portata generale/astratta permetterebbe alla Commissione di stabilire norme sotto il controllo degli Stati membri, senza che il Parlamento svolga alcun ruolo.

Nell'emendamento 10, il relatore propone di limitare a 5 anni il conferimento di poteri alla Commissione. Tale limitazione comporta un maggior controllo parlamentare, obbligando la Commissione a elaborare una relazione sulla delega di poteri al più tardi nove mesi prima della scadenza del periodo fissato. D'altro canto, la proroga tacita della delega per un periodo di identica durata evita di imporre oneri eccessivi ai legislatori e facilita l'attuazione della politica commerciale comune. Questo emendamento tiene conto dell'esito dei negoziati relativi agli strumenti Omnibus I e II in materia di scambi commerciali, dove è stato seguito lo stesso approccio.

Infine, l'emendamento 12 mira a far sì che la versione consolidata del regolamento modificato sia pubblicata nella Gazzetta ufficiale entro tre mesi dall'entrata in vigore del regolamento modificativo.

Tale emendamento favorisce la certezza giuridica e la leggibilità delle norme per il pubblico.


PROCEDURA

Titolo

Statistiche del commercio estero con i paesi terzi per quanto riguarda il conferimento alla Commissione dei poteri delegati e di esecuzione per l’adozione di alcune misure

Riferimenti

COM(2013)0579 – C7-0243/2013 – 2013/0279(COD)

Presentazione della proposta al PE

8.8.2013

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

INTA

10.9.2013

 

 

 

Relatore(i)

       Nomina

Vital Moreira

16.9.2013

 

 

 

Esame in commissione

27.11.2013

 

 

 

Approvazione

21.1.2014

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

19

10

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Laima Liucija Andrikienė, Maria Badia i Cutchet, David Campbell Bannerman, Daniel Caspary, María Auxiliadora Correa Zamora, Christofer Fjellner, Yannick Jadot, Metin Kazak, Franziska Keller, Bernd Lange, David Martin, Vital Moreira, Paul Murphy, Godelieve Quisthoudt-Rowohl, Niccolò Rinaldi, Helmut Scholz, Peter Šťastný, Robert Sturdy, Henri Weber, Jan Zahradil, Paweł Zalewski

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Catherine Bearder, Béla Glattfelder, Syed Kamall, Elisabeth Köstinger, Katarína Neveďalová, Tokia Saïfi, Peter Skinner, Jarosław Leszek Wałęsa

Supplenti (art. 187, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Sophie Auconie

Deposito

23.1.2014

Note legali - Informativa sulla privacy