Procedura : 2013/0446(CNS)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0113/2014

Testi presentati :

A7-0113/2014

Discussioni :

Votazioni :

PV 26/02/2014 - 7.9
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2014)0139

RELAZIONE     *
PDF 142kWORD 67k
17.2.2014
PE 258.099v02-00 A7-0113/2014

sulla proposta di decisione del Consiglio che modifica la decisione 2009/831/CE per quanto riguarda il suo periodo di applicazione

(COM(2013)0930 – C7‑0022/2014 – 2013/0446(CNS))

Commissione per lo sviluppo regionale

Relatore: Danuta Maria Hübner

(Procedura semplificata - articolo 46, paragrafo 1, del regolamento)

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PROCEDURA

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di decisione del Consiglio che modifica la decisione 2009/831/CE per quanto riguarda il suo periodo di applicazione

(COM(2013)0930 – C7‑0022/2014 – 2013/0446(CNS))

(Procedura legislativa speciale – consultazione)

Il Parlamento europeo,

–       vista la proposta della Commissione al Consiglio (COM(2013)0930),

–       visto l'articolo 349 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma del quale è stato consultato dal Consiglio (C7-0022/2014),

–       visti l'articolo 55 e l'articolo 46, paragrafo 1, del suo regolamento,

–       vista la relazione della commissione per lo sviluppo regionale (A7-0113/2014),

1.      approva la proposta della Commissione;

2.      invita il Consiglio a informarlo qualora intenda discostarsi dal testo approvato dal Parlamento;

3.      chiede al Consiglio di consultarlo nuovamente qualora intenda modificare sostanzialmente il testo approvato dal Parlamento;

4.      incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.


MOTIVAZIONE

La decisione 2009/831/CE del Consiglio del 10 novembre 20091, adottata ai sensi dell'articolo 299, paragrafo 2 del trattato CE, autorizza il Portogallo ad applicare, fino al 31 dicembre 2013, una riduzione delle aliquote d’accisa al rum e ai liquori prodotti e consumati nella regione autonoma di Madera, nonché ai liquori e alle acquaviti prodotti e consumati nella regione autonoma delle Azzorre. L’articolo 2 di detta decisione limita la deroga di cui sopra a prodotti specifici. Il Portogallo può applicare a tali prodotti un'aliquota d'accisa inferiore all'aliquota piena sull'alcole di cui all'articolo 3 della direttiva 92/84/CEE2 del Consiglio e inferiore all'aliquota minima dell'accisa sull'alcole fissata da tale direttiva, ma non inferiore di oltre il 75% rispetto all'aliquota nazionale standard sull'alcole.

La decisione 2009/831/CE illustra i motivi che hanno portato all’adozione di misure specifiche, fra cui superfici modeste, natura discontinua e scarsa automazione delle aziende agricole. Inoltre il trasporto sulle isole di alcune materie prime e dei materiali da imballaggio non prodotti localmente comporta costi supplementari rispetto al semplice trasporto del prodotto finito. Il trasporto e l’installazione di attrezzature in tali regioni insulari lontane accresce ulteriormente i costi aggiuntivi. Infine, sui produttori in questione gravano anche i costi supplementari generalmente sostenuti dalle economie locali, in particolare i costi più elevati di manodopera e di energia.

La riduzione del 75% non supera l’importo necessario a controbilanciare i livelli dei costi supplementari a carico degli operatori per effetto delle citate caratteristiche peculiari di Madera e delle Azzorre in quanto regioni ultraperiferiche.

Poiché l’agevolazione fiscale è limitata all’importo necessario a compensare i costi supplementari e poiché i volumi in questione rimangono modesti, la misura non compromette l’integrità e la coerenza dell’ordinamento giuridico comunitario. Inoltre l’agevolazione fiscale è limitata al consumo nelle regioni interessate.

Le autorità portoghesi hanno chiesto di rinnovare fino al 31 dicembre 2020 l’autorizzazione ad applicare una riduzione delle aliquote d’accisa al rum e ai liquori prodotti e consumati nella regione autonoma di Madera, nonché ai liquori e alle acquaviti prodotti e consumati nella regione autonoma delle Azzorre. Il rinnovo deve essere approvato sia da una decisione del Consiglio, secondo quanto stabilito dall'articolo 349 del TFUE, che da una decisione della Commissione sull'aiuto di Stato. La decisione del Consiglio ai sensi dell’articolo 349 del TFUE non pregiudica la decisione della Commissione sulla proroga di tale misura in base alle norme sugli aiuti di Stato.

Il 28 giugno 2013 la Commissione ha adottato nuovi orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale per il periodo 2014-2020. Tali orientamenti fanno parte di una strategia più ampia, volta a modernizzare il controllo degli aiuti di Stato e intesa a favorire la crescita nel mercato unico incoraggiando l'adozione di misure di aiuto più efficaci e concentrando l'azione di controllo della Commissione sui casi con il maggiore impatto sulla concorrenza.

Considerando che i nuovi orientamenti entreranno in vigore il 1° luglio 2014, sembra giustificato prorogare di sei mesi il periodo di applicazione della decisione 2009/831/CE, affinché la sua data di scadenza coincida con la data di scadenza degli orientamenti attualmente in vigore.

Stanti l'urgente necessità di adottare tale misura, la sua durata limitata (sei mesi) e il fatto che essa mira a stimolare l'economia delle regioni ultraperiferiche, il presidente propone l'approvazione della proposta senza emendamenti, ai sensi dell'articolo 46, paragrafo 1, del regolamento.


PROCEDURA

Titolo

Modifica della decisione 2009/831/CE per quanto riguarda il suo periodo di applicazione

Riferimenti

COM(2013)0930 – C7-0022/2014 – 2013/0446(CNS)

Consultazione del PE

29.1.2014

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

REGI

3.2.2014

 

 

 

Commissione(i) competente(i) per parere

       Annuncio in Aula

ECON

3.2.2014

AGRI

3.2.2014

 

 

Pareri non espressi

       Decisione

ECON

14.1.2014

AGRI

27.1.2014

 

 

Relatore

 

       Nomina

Danuta Maria Hübner

11.2.2014

 

 

 

Procedura semplificata – decisione

11.2.2014

Approvazione

11.2.2014

 

 

 

Deposito

17.2.2014

Note legali - Informativa sulla privacy