Procedura : 2016/2019(BUD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0131/2016

Testi presentati :

A8-0131/2016

Discussioni :

PV 13/04/2016 - 23
CRE 13/04/2016 - 23

Votazioni :

PV 14/04/2016 - 7.8
CRE 14/04/2016 - 7.8
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2016)0132

RELAZIONE     
PDF 1146kWORD 592k
11.4.2016
PE 577.035v02-00 A8-0131/2016

sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2017

(2016/2019(BUD))

Commissione per i bilanci

Relatore: Indrek Tarand

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2017

(2016/2019(BUD))

Il Parlamento europeo,

–  visto l'articolo 314 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(1), in particolare l'articolo 36,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 1311/2013 del Consiglio, del 2 dicembre 2013, che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020(2),

–  visto l'accordo interistituzionale del 2 dicembre 2013 tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, sulla cooperazione in materia di bilancio e sulla sana gestione finanziaria(3),

–  visto il regolamento (EU, Euratom) n. 1023/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2013, che modifica lo statuto dei funzionari dell'Unione europea e il regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea(4),

–  vista la sua risoluzione del 28 ottobre 2015 relativa alla posizione del Consiglio sul progetto di bilancio generale dell'Unione europea per l'esercizio 2016(5),

–  vista la sua risoluzione del 25 novembre 2015 sul progetto comune di bilancio generale dell'Unione europea per l'esercizio 2016, approvato dal comitato di conciliazione nel quadro della procedura di bilancio(6),

–  vista la relazione del Segretario generale all'Ufficio di presidenza in vista della definizione del progetto preliminare di stato di previsione del Parlamento per l'esercizio 2017,

–  visto il progetto preliminare di stato di previsione stabilito dall'Ufficio di presidenza l'11 aprile 2016 a norma dell'articolo 25, paragrafo 7, e dell'articolo 96, paragrafo 2, del regolamento del Parlamento,

–  visto il progetto di stato di previsione redatto dalla commissione per i bilanci a norma dell'articolo 96, paragrafo 2, del regolamento del Parlamento,

–  visti gli articoli 96 e 97 del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per i bilanci (A8-0131/2016),

A.  considerando che questa procedura è la seconda procedura di bilancio completa che si svolge nella nuova legislatura e la quarta procedura del quadro finanziario pluriennale 2014-2020;

B.  considerando che il bilancio 2017, quale proposto nella relazione del Segretario generale, sarebbe contraddistinto dal proseguimento e dall'intensificazione della politica dell'Istituzione intesa a conseguire una maggiore efficienza in tutti i settori in cui ciò sia possibile, senza compromettere la qualità delle condizioni di lavoro per i deputati e il personale;

C.  considerando che il Segretario generale ha proposto quattro obiettivi prioritari per il bilancio 2017, segnatamente: rafforzare la sicurezza e la sicurezza informatica, eliminare progressivamente le misure di deroga per l'irlandese, migliorare il supporto prestato ai deputati nell'esercizio del loro mandato e rendere il Parlamento attraente per il pubblico e i visitatori;

D.  considerando che, nell'attuale contesto politico e di sicurezza che si è venuto a creare a seguito degli attentati terroristici in Europa, la procedura di bilancio 2017 dovrebbe comportare un rafforzamento della sicurezza e della sicurezza informatica al Parlamento;

E.  considerando che il Segretario generale ha proposto un importo pari a 1 910 073 000 EUR per il progetto preliminare di stato di previsione del Parlamento per il 2017, che rappresenta un aumento globale del 3,9 % rispetto al bilancio 2016, di cui l'1,7 % è considerato spese ordinarie, e corrisponderebbe al 19,26 % della rubrica 5 del QFP 2014-2020;

F.  considerando che, tra il 2017 e il 2022, la deroga riguardante la traduzione di tutti i documenti ufficiali in irlandese sarà gradualmente eliminata, con la conseguenza che tutti i documenti ufficiali dovranno essere tradotti anche verso tale lingua, e che viene proposta una spesa supplementare straordinaria di 3,7 milioni di EUR per soddisfare questo nuovo requisito linguistico, che corrisponde allo 0,2 % dell'aumento complessivo;

G.  considerando che sono necessari investimenti supplementari straordinari pari a 47,6 milioni di EUR per rafforzare la sicurezza e la sicurezza informatica, un importo che corrisponde al 2,6 % dell'aumento complessivo;

H.  considerando che i tassi di inflazione hanno registrato un costante calo dal 2011; che il tasso di inflazione reale nei luoghi di lavoro del Parlamento nel 2015 e nel 2016 è stato inferiore all'effettivo tasso di aumento del bilancio dell'Istituzione;

I.  considerando che quasi il 60% del bilancio è costituito da spese connesse all'indicizzazione che riguardano, per la maggior parte, le retribuzioni dei deputati e del personale, che sono adeguate a norma dello statuto dei funzionari, e gli obblighi contrattuali corrispondenti all'indicizzazione specifica per settore, che è solitamente più elevata del tasso di inflazione standard;

J.  considerando che, nella sua risoluzione del 29 aprile 2015 sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2016(7), il Parlamento ha sottolineato che il bilancio 2016 avrebbe dovuto avere un impianto realistico ed essere conforme ai principi della disciplina di bilancio e della sana gestione finanziaria;

K.  considerando che la credibilità del Parlamento in quanto ramo dell'autorità di bilancio dipende in gran parte dalla sua capacità di tenere sotto controllo le proprie spese;

L.  considerando che, il 26 ottobre 2015, l'Ufficio di presidenza ha adottato un nuovo insieme di norme per la gestione dell'indennità di assistenza parlamentare, rendendo più rigorosi i requisiti per il rimborso dei contratti con gli assistenti locali, segnatamente destinando almeno il 25% dell'indennità di assistenza parlamentare alla copertura delle spese per gli assistenti accreditati;

  Quadro generale

1.  sottolinea che nel 2017 è opportuno mantenere la quota del bilancio del Parlamento al di sotto del 20 % della rubrica 5; osserva che il livello del progetto preliminare di stato di previsione per il 2017, quale stabilito dall'Ufficio di presidenza il 7 marzo 2016, corrisponde al 19,26 %, che è al di sotto della percentuale raggiunta nel 2016 (19,39 %) e rappresenta il secondo livello più basso della rubrica 5 negli ultimi otto anni; riduce ulteriormente la propria quota nella rubrica 5 al 19,17 % per il 2017;

2.  ritiene tuttavia che, tenendo conto del rallentamento dell'economia registrato negli Stati membri, il tasso di inflazione previsto per il 2017 non dovrebbe essere considerato come il parametro principale per gli aumenti delle spese ordinarie;

3.  conferma la richiesta di una spesa straordinaria, che rappresenta un aumento dello 0,2 % rispetto al bilancio 2016, per la graduale eliminazione delle misure di deroga temporanee per l'uso della lingua irlandese, stabilite dal regolamento n. 1 del 15 aprile 1958(8), e di un aumento del 2,6 % rispetto al bilancio 2016 per i fabbisogni supplementari riguardanti la sicurezza e la sicurezza informatica;

4.  prende atto della richiesta di un aumento del 2,6 % per la sicurezza e la sicurezza informatica, che corrisponderebbe a più del doppio delle risorse stanziate nel 2016; esorta il Segretario generale a fornire alla commissione per i bilanci informazioni dettagliate in modo trasparente sulle misure di sicurezza e di sicurezza informatica attuali e future e sulla ripartizione dei loro costi;

5.  approva la dotazione per spese straordinarie per gli investimenti in materia di sicurezza nel 2017, sulla base dell'analisi presentata all'Ufficio di presidenza nel febbraio 2016 e integrata dallo screening effettuato a seguito degli eventi del 22 marzo 2016 (47,6 milioni di EUR), e la dotazione per spese straordinarie legate alla graduale eliminazione delle misure di deroga temporanee per l'uso della lingua irlandese (3,7 milioni di EUR);

6.  limita l'aumento delle sue spese ordinarie per il 2017, escluse le due dotazioni straordinarie, all'1,4 % rispetto al bilancio 2016;

7.  fissa il livello globale del suo stato di previsione per il 2017 a 1 900 873 000 EUR, che corrisponde a un aumento complessivo del 3,4 % rispetto al bilancio 2016;

8.  sottolinea che il Parlamento dovrebbe essere dotato delle risorse necessarie per poter svolgere la sua funzione fondamentale di organo legislativo e di autorità di bilancio; e che, nel contesto economico attuale, tali risorse dovrebbero essere gestite con rigore, pragmatismo ed efficacia; sottolinea che, sebbene sia opportuno garantire un adeguato livello di finanziamento per il Parlamento ai fini dell'esercizio della democrazia europea, sono fortemente incoraggiati gli sforzi intesi a realizzare risparmi e a migliorare ulteriormente l'efficacia nell'uso dei fondi pubblici;

9.  sottolinea che la maggior parte del bilancio del Parlamento e la sua indicizzazione annuale sono fissate da obblighi statutari o contrattuali su cui il Parlamento non può influire nel quadro della procedura di bilancio;

Trasparenza, accessibilità e leggibilità

10.  invita il Segretario generale a formulare una proposta volta a presentare il bilancio al pubblico in un forma sufficientemente dettagliata, leggibile e conviviale sul sito web del Parlamento, al fine di consentire a tutti i cittadini di acquisire una migliore comprensione delle attività, delle priorità e delle corrispondenti dinamiche di spesa del Parlamento; ritiene che un primo passo in tal senso potrebbe consistere nel mettere a disposizione sul sito web del Parlamento le informazioni grafiche attualmente disponibili in Intranet;

11.  ritiene che, analogamente alla procedura di bilancio, sia opportuno trasmettere ai membri dell'Ufficio di presidenza e alla commissione per i bilanci ogni informazione pertinente, in tutte le fasi della procedura, in modo tempestivo, in una forma comprensibile e con il necessario livello di dettaglio e di ripartizione, al fine di consentire all'Ufficio di presidenza, alla commissione per i bilanci e ai gruppi politici di procedere a deliberazioni appropriate e di basare le proprie decisioni su un quadro globale dello stato e dei fabbisogni del bilancio del Parlamento;

12.  sottolinea la necessità di precisione e trasparenza nell'evoluzione del bilancio da un esercizio all'altro; ritiene che, sebbene determinate spese straordinarie, come quelle per la sicurezza, siano giustificabili nel bilancio 2017, il ricorso sempre più frequente a spese straordinarie annuali è problematico in termini di controllo e di stabilità del bilancio; chiede una definizione più precisa delle spese straordinarie; ritiene che, ai fini della rendicontazione e della comparabilità dei dati nel bilancio generale, occorra valutare se le spese straordinarie dovrebbero essere incluse nella base di calcolo della differenza percentuale tra gli bilanci da un esercizio all'altro;

13.  rinnova l'invito a presentare una programmazione di bilancio e medio e lungo termine, che includa una chiara distinzione tra gli investimenti e le spese operative relative al funzionamento del Parlamento e ai suoi obblighi statutari (inclusi gli affitti e le acquisizioni), in linea con la sua risoluzione del 29 aprile 2015 sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2016(9); chiede pertanto una modifica della presentazione del bilancio per distinguere chiaramente le spese per investimenti dalle spese operative;

14.  si congratula con l'Ufficio di presidenza e la DG ITEC per la nuova veste grafica delle pagine personali dei deputati sul sito ufficiale del Parlamento, in quanto essa offre maggiore trasparenza sulla composizione e lo status delle loro équipe di lavoro (creazione di una nuova scheda "assistenti" con le sottovoci: assistenti, assistenti accreditati, assistenti accreditati (raggruppamento), assistenti locali, prestatori di servizi, terzi erogatori, tirocinanti); chiede al Segretario generale di garantire i controlli necessari per l'attuazione delle nuove norme in materia di indennità di assistenza parlamentare approvate dall'Ufficio di presidenza il 26 ottobre 2015;

15.  chiede che, almeno una volta ogni cinque anni, il bilancio sia elaborato sulla base dei fabbisogni effettivi per le singoli voci e non sulla base di un sistema di coefficienti;

Sicurezza e sicurezza informatica

16.  chiede una pianificazione del bilancio a medio e lungo termine che includa informazioni chiare sulla spesa relativa alla sicurezza e alla sicurezza informatica; invita inoltre l'Ufficio di presidenza, alla luce dei recenti eventi, ad aggiornare il Concetto globale di sicurezza e a comunicarlo il prima possibile, al più tardi entro il mese di giugno 2016;

17.  ritiene che qualsiasi misura in questo settore dovrebbe essere basata su una valutazione chiara dei fabbisogni del Parlamento e sulla proporzionalità rispetto ai rischi incorsi; chiede al Segretario generale e all'Ufficio di presidenza di presentare alla commissione per i bilanci, in tempo utile prima della lettura del bilancio 2017 da parte del Parlamento, un Concetto globale di sicurezza che includa una valutazione generale dei rischi percepiti e delle misure di sicurezza previste come pure delle opzioni alternative, accompagnata da una valutazione dettagliata del loro impatto finanziario sul bilancio 2017 e sui bilanci successivi, facendo una distinzione chiara tra spese per investimenti e spese ricorrenti, e di illustrare le misure previste per rafforzare la sicurezza del Parlamento all'interno e all'esterno dei suoi edifici, come pure il loro impatto sul bilancio 2017; chiede informazioni sulle conseguenze finanziarie degli accordi di cooperazione amministrativa interistituzionali nel settore della sicurezza;

18.  chiede al Segretario generale di valutare se sia necessario rivedere i contratti di assicurazione esistenti (per i deputati e il personale) alla luce delle minacce terroristiche e di formulare, se del caso, proposte intese a risolvere eventuali lacune;

19.  ritiene che il sistema di sicurezza all'esterno degli edifici del Parlamento dovrebbe continuare a essere garantito dalle autorità belghe;

Migliorare il supporto prestato ai deputati

20.  prende atto delle misure in corso per migliorare il supporto prestato ai deputati nell'esercizio del loro mandato;

21.  accoglie con favore l'estensione del portale elettronico dei deputati (e-Portal), ma invita il Segretario generale a migliorare, nel quadro dell'iniziativa "Parlamento senza carta", l'attuale sistema di invio ai deputati di una copia cartacea delle distinte di pagamento, in vista di una sua eliminazione definitiva entro la fine del 2017; ritiene che l'e-Portal dovrebbe offrire questo servizio elettronicamente per default a tutti i deputati, il che permetterebbe di realizzare considerevoli risparmi sia in termini di tempo che in termini economici;

22.  si compiace della crescente qualità della consulenza e degli studi forniti ai deputati e alle commissioni; ricorda che, al momento della creazione della Direzione generale dei Servizi di ricerca parlamentare (EPRS) nel 2013, era stata prevista una valutazione intermedia dell'efficacia della cooperazione tra l'EPRS e i dipartimenti tematici; chiede pertanto al Segretario generale di procedere a tale valutazione e di presentare i risultati alla commissione per i bilanci entro la fine del 2016; ritiene che questa valutazione dovrebbe includere proposte volte a garantire che il sostegno prestato dall'EPRS sia articolato in modo ottimale con gli sviluppi nelle rispettive commissioni tematiche, rispondendo al contempo alle esigenze dei singoli deputati, e che esso non si sovrapponga alle attività dei dipartimenti tematici e non incoraggi la competizione tra servizi;

23.  è dell'avviso che occorra valutare le esigenze dei deputati nelle rispettive circoscrizioni, tenendo conto anche delle differenze tra queste ultime, al fine di sostenere in maniera più adeguata i deputati nelle loro attività a livello di circoscrizione; ritiene che gli spazi di lavoro mobili per i deputati e il sostegno nelle circoscrizioni elettorali dovrebbero essere basati sulla valutazione delle reali esigenze e del loro utilizzo e non dovrebbero generare costi aggiuntivi ingenti o ricorrenti per il Parlamento; insiste che non dovrebbero essere fornite apparecchiature informatiche, in quanto l'indennità per spese generali prevede risorse sufficienti per l'acquisto dei dispositivi più avanzati; mette in discussione la necessità di sviluppare uno spazio di lavoro mobile privato per i deputati, in quanto ciò non sembra corrispondere alle modalità organizzative di lavoro dei deputati e dei loro uffici;

24.  concorda sul fatto che gli strumenti informatici sono un ausilio importante per i deputati nell'esercizio delle loro funzioni; ribadisce, tuttavia, la necessità di permettere l'installazione di software "free-source", che consentirebbe di realizzare considerevoli risparmi sui costi di comunicazione e migliorerebbe il flusso di lavoro degli uffici dei deputati, tenendo conto al contempo della sicurezza informatica e garantendo la protezione dei dati;

25.  chiede che sia generalizzata la possibilità di firma elettronica per tutti i tipi di documenti interni, quali moduli, dichiarazioni scritte, ecc., garantendo al contempo l'affidabilità e la sicurezza; chiede che sia esaminata la possibilità di introdurre un sistema di verifica TAN sul cellulare dei deputati; ritiene inoltre che l'uso di apparecchi fax dovrebbe essere scoraggiato e gradualmente eliminato;

26.  accoglie con favore la nuova riforma in materia di interrogazioni con richiesta di risposta scritta supplementari, approvata il 3 settembre 2015 dalla commissione per gli affari costituzionali su richiesta della commissione per i bilanci all'atto dell'adozione del bilancio del Parlamento per l'esercizio 2016; chiede al Segretario generale di prevedere i controlli necessari per l'applicazione della nuova interpretazione; invita la Conferenza dei presidenti a procedere a una valutazione del nuovo sistema delle interrogazioni con richiesta di risposta scritta per quanto riguarda le interrogazioni supplementari, al fine di analizzare i risparmi ottenuti, nonché a informare la commissione per i bilanci dei risultati di tale valutazione entro il mese di agosto 2016, prima della lettura del bilancio da parte del Parlamento nell'autunno 2016;

27.  ritiene opportuno mantenere la dotazione per le indennità di assistenza parlamentare per il 2017 allo stesso livello del 2016, nel rispetto dell'indicizzazione giuridicamente vincolante applicabile a norma dello statuto dei funzionari;

28.  ritiene che l'attuale descrizione delle attività parlamentari dei deputati sul sito web del Parlamento non sia accurata e non rispecchi le attività e la partecipazione reali dei deputati; propone di eliminare gradualmente l'attuale ricorso al ranking dei siti web, migliorando al contempo le informazioni sulle attività dei singoli deputati disponibili sul sito web ufficiale del Parlamento; chiede una valutazione della presentazione in particolare per quanto riguarda le dichiarazioni di voto e gli interventi di un minuto, inclusa l'opzione di riportarli separatamente rispetto agli interventi in Aula, e una valutazione del valore aggiunto delle dichiarazioni di voto e delle possibili alternative; si attende che il gruppo di lavoro competente dell'Ufficio di presidenza, che si occupa della questione, presenti il suo programma e le sue conclusioni alla commissione per i bilanci non appena saranno disponibili;

Spese dei deputati

29.  conferma la sua posizione sull'indennità per spese generali formulata nelle risoluzioni di bilancio del 29 aprile 2015 e del 28 ottobre 2015; ribadisce l'invito a una maggiore trasparenza per quanto riguarda l'indennità per spese generali dei deputati; invita l'Ufficio di presidenza a definire regole più precise per quanto concerne la rendicontazione delle spese autorizzate a titolo di tale indennità, senza determinare costi aggiuntivi per il Parlamento;

Politica immobiliare

30.  ricorda che la strategia immobiliare a medio termine, adottata dall'Ufficio di presidenza nel 2010, è attualmente in fase di revisione; deplora che l'Ufficio di presidenza non abbia ancora concluso le sue deliberazioni sulla strategia immobiliare a medio termine del Parlamento; invita il Segretario generale a presentare alla commissione per i bilanci la nuova strategia immobiliare a medio termine quanto prima, e al più tardi entro il mese di agosto 2016, prima della lettura del bilancio da parte del Parlamento nell'autunno 2016;

31.  invita l'Ufficio di presidenza a presentare una strategia a lungo termine per gli edifici del Parlamento; ribadisce la necessità di trattare con prudenza e in maniera trasparente gli investimenti di lungo periodo, come ad esempio i progetti immobiliari del Parlamento; insiste sulla necessità che la gestione dei costi e la programmazione e supervisione dei progetti siano improntate al rigore; ribadisce la sua richiesta di un processo decisionale trasparente nel settore della politica immobiliare, basato su informazioni tempestive, nel rispetto dell'articolo 203 del regolamento finanziario; ritiene che tale strategia dovrebbe includere una relazione sui motivi dei ritardi e del superamento dei costi della Casa della storia europea;

32.  chiede che il bilancio rispecchi fedelmente la situazione del parco immobiliare del Parlamento europeo; chiede a tal fine che il costo dell'edificio Konrad Adenauer figuri chiaramente nel bilancio definitivo del Parlamento e che in futuro gli investimenti immobiliari siano iscritti in bilancio onde evitare di dover ricorrere a storni di recupero;

33.  propone pertanto di introdurre, a partire dal 2018, un'apposita linea per gli investimenti nella costruzione di edifici, che utilizzerebbe, come base di finanziamento nel 2018, i finanziamenti proposti nel 2017 per le spese straordinarie;

34.  date le circostanze eccezionali nel 2017, che richiedono ingenti investimenti nelle infrastrutture di sicurezza, propone di impiegare tutti i finanziamenti non utilizzati entro la fine del 2017 per coprire le spese di costruzione dell'edificio Konrad Adenauer, onde evitare quanto più possibile il pagamento di interessi alle banche sui prestiti che devono essere contratti per il finanziamento della costruzione;

35.  chiede maggiori informazioni sullo stato di avanzamento del progetto di ristrutturazione dell'edificio PHS; chiede l'avvio e l'esame da parte dell'Ufficio di presidenza di uno studio sulla ristrutturazione; si attende che l'Ufficio di presidenza, nel fissare i tempi di ristrutturazione, prenda in considerazione la necessità di garantire condizioni di lavoro sane e sicure; chiede all'Ufficio di presidenza di informare la commissione per i bilanci su tutte le fasi non appena possibile; invita, a tale riguardo, l'Ufficio di presidenza a porre le basi per la trasformazione dell'edificio PHS in un edificio esemplare avanzato in termini di efficienza energetica e di procedere tempestivamente alla modernizzazione dell'edificio;

36.  invita i vicepresidenti responsabili a presentare alla commissione per i bilanci una relazione sullo stato di avanzamento dei lavori riguardanti l'edificio Konrad Adenauer;

37.  ritiene che occorra portare avanti le riforme strutturali e organizzative mirate a conseguire un'efficienza, una sostenibilità ambientale e un'efficacia maggiori attraverso un esame approfondito delle sinergie e dei risparmi possibili; rammenta che potrebbero essere realizzati risparmi sostanziali se si passasse da tre sedi (Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo) a una sede unica; sottolinea che questo processo dovrebbe essere condotto senza pregiudicare l'eccellenza legislativa del Parlamento, i suoi poteri di bilancio e di controllo, nonché la qualità delle condizioni di lavoro per i deputati, gli assistenti e il personale;

Questioni relative al personale

38.  accoglie con favore la proposta di ridurre il suo organigramma di 60 posti nel 2017, in linea con l'accordo raggiunto con il Consiglio sul progetto di bilancio generale dell'Unione europea per l'esercizio 2016, approvato dal comitato di conciliazione nel quadro della procedura di bilancio il 14 novembre 2015;

39.  ricorda che il livello totale del personale dei gruppi politici è escluso dall'obiettivo di riduzione del personale del 5%, in conformità con le decisioni adottate per gli esercizi finanziari 2014, 2015 e 2016;

40.  appoggia la creazione dei nuovi posti necessari per la traduzione e l'interpretazione in lingua irlandese; esclude questi posti addizionali dall'obiettivo di riduzione del 5%, in linea con la raccomandazione della Commissione; chiede al Segretario generale di consultare i deputati irlandesi in vista di una possibile razionalizzazione dell'uso della lingua irlandese, senza compromettere i diritti garantiti ai deputati;

41.  sostiene l'introduzione dell'interpretazione nella lingua internazionale dei segni per tutte le discussioni in Aula, al fine di renderle quanto meno realmente accessibili a tutti i cittadini europei;

42.  si compiace dei progressi realizzati per quanto riguarda l'efficienza dei servizi di traduzione e interpretazione; riconosce la qualità e il valore aggiunto dei servizi forniti dagli interpreti; chiede che si giunga rapidamente a un accordo sostenibile tra il Segretario generale e i rappresentanti degli interpreti, che unisca condizioni di lavoro di elevata qualità e una gestione efficiente al fine di evitare situazioni di squilibrio in termini di orario di lavoro e di generale precarietà tra gli interpreti, nel rispetto dei diritti sociali; chiede al Segretario generale di presentare ulteriori proposte di razionalizzazione, come ad esempio un maggiore ricorso alla traduzione e all'interpretazione "on demand", in particolare per quanto riguarda le attività degli intergruppi del Parlamento europeo; ritiene che il sistema del profilo linguistico, in vigore dall'ottobre 2014 per gli emendamenti di commissione, costituisca un esempio dei miglioramenti di efficienza che è possibile realizzare e sviluppare ulteriormente; ritiene che l'interpretazione e la traduzione siano elementi centrali di una democrazia europea aperta a tutti e chiede pertanto che non sia ammessa alcuna riforma in contrasto con un'accessibilità il più ampia e inclusiva possibile alle attività e ai documenti del Parlamento europeo;

43.  invita l'Ufficio di presidenza a valutare e, laddove necessario, a rivedere le norme che disciplinano lo statuto dei tirocinanti, introducendo tra l'altro una retribuzione minima e armonizzando le offerte tariffarie connesse dai servizi di ristorazione per tutti i tirocinanti, sia che lavorino nell'amministrazione del Parlamento o negli uffici dei deputati, allo scopo di garantire la parità di trattamento e di tutelare i loro diritti sociali;

44.  invita l'Ufficio di presidenza a rivedere le norme che disciplinano il rimborso delle spese di missione connesse ai viaggi tra i luoghi di lavoro del Parlamento sostenute dagli assistenti parlamentari accreditati, al fine di allinearle alle norme applicabili al resto del personale;

45.  ritiene che occorra introdurre una terza procedura per consentire di porre fine su base consensuale a un contratto stipulato tra un deputato e un assistente;

Servizio autisti/mobilità

46.  nutre riserve in merito alla proposta di internalizzare il servizio autisti, sostituendo il prestatore di servizi esterno con agenti contrattuali del Parlamento, un'operazione che comporterà circa 3,7 milioni di EUR di spese addizionali immediate; ritiene che occorra considerare come opzione alternativa un contratto esterno ben organizzato, concluso in conformità delle vigenti norme in materia di appalti pubblici, in cui il prestatore di servizi esterno sia chiaramente obbligato ad assumere la responsabilità per i controlli di sicurezza e i controlli dei precedenti personali, come pure a garantire condizioni di lavoro e retribuzioni dignitose; intende prendere in considerazione l'internalizzazione solamente qualora i suoi costi non superino quelli connessi al sistema attuale e qualora essa consenta condizioni di lavoro e retribuzioni dignitose per gli autisti, un migliore equilibrio di genere e l'utilizzo di automobili più ecologiche; chiede che, prima dell'adozione di qualsiasi decisione, siano fornite informazioni dettagliate alla commissione per i bilanci;

47.  chiede al Segretario generale di consultare le autorità belghe al fine di garantire un agevole accesso e il miglior uso possibile del nuovo collegamento ferroviario diretto tra la stazione di Bruxelles-Luxembourg e l'aeroporto di Zaventem, che potrebbe includere l'accettazione dei badge di accesso dei deputati al posto dell'attuale sistema dei lasciapassare;

48.  ritiene che il parco veicoli dovrebbe essere costituito da automobili più sicure ed efficienti sotto il profilo dei costi e del consumo di carburante; chiede al Segretario generale di riferire sull'opzione di un passaggio completo ai veicoli elettrici alla fine del decennio;

49.  chiede al Segretario generale di procedere a colloqui con l'agenzia viaggi del Parlamento; incoraggia l'agenzia viaggi a intensificare la comparazione dei prezzi; invita l'agenzia viaggi a ricercare attivamente i biglietti più economici all'atto della prenotazione e, in generale, a offrire prezzi più competitivi ai deputati e a tutte le categorie di personale, assicurando al contempo un adeguato livello di comfort e condizioni idonee per il cambio dei biglietti;

Comunicazione

50.  chiede di ricevere i risultati della valutazione ex post della strategia globale e della metodologia della campagna d'informazione e di comunicazione del 2014 (la relazione di valutazione avrebbe già dovuto essere presentata entro il secondo semestre del 2015);

51.  ricorda al Segretario generale di riferire alla commissione per i bilanci sulla valutazione della campagna per le elezioni parlamentari del 2014, nonché sull'efficacia delle misure di comunicazione del Parlamento destinate al grande pubblico;

52.  riconosce il ruolo svolto dagli uffici d'informazione del Parlamento nella sensibilizzazione sulle attività del Parlamento e dell'Unione in generale; ritiene che occorra prevedere misure di efficienza per quanto riguarda gli uffici d'informazione del Parlamento; è del parere che gli uffici d'informazione dovrebbero, per quanto possibile, essere situati nello stesso edificio occupato dalle rappresentanze della Commissione e condividere con esse i servizi di back office; chiede la valutazione degli obiettivi, dei compiti e dei risultati degli uffici d'informazione, alla luce dei quali dovrebbero essere definite le priorità;

53.  chiede di valutare la possibilità di una più stretta cooperazione con ARTE a Strasburgo, al fine di creare un polo mediatico europeo per la formazione di giovani giornalisti;

54.  chiede al Segretario generale di presentare una relazione sulle imprese e le organizzazioni alle quali è stato concesso l'accesso al Parlamento per tenervi seminari legati alle loro attività; chiede al Segretario generale di mantenere un equilibrio tra i diversi settori e tipi di organizzazioni cui è concesso l'accesso al Parlamento;

Altre questioni

55.  esorta il Segretario generale a presentare una relazione dettagliata sull'attuazione delle parti amministrative degli accordi di cooperazione tra il Parlamento, il Comitato delle regioni e il Comitato economico e sociale europeo e, su questa base, di elaborare modalità per un'ulteriore possibile cooperazione amministrativa in settori quali la logistica, l'infrastruttura o la sicurezza;

56.  esorta il Segretario generale a fornire chiarimenti sull'attuale gestione della palestra del Parlamento e sul suo attuale utilizzo da parte del personale del Parlamento; chiede inoltre chiarimenti sulla causa in corso e sulle possibilità esistenti per assicurarne in futuro una gestione efficiente ed efficace in termini di costi;

57.  accoglie positivamente l'uso più limitato ed efficiente dei bauli ("cantine") e incoraggia a condividere i bauli negli spostamenti a Strasburgo;

58.  chiede al Segretario generale di applicare pienamente lo spirito e la lettera del nuovo regolamento finanziario per quanto riguarda gli appalti pubblici verdi ed economicamente efficienti, rafforzando in tal senso la strategia del Parlamento in materia di appalti;

59.  incoraggia a rafforzare l'impegno per la realizzazione di risparmi energetici, in particolare per quanto riguarda i sistemi di illuminazione e di riscaldamento degli edifici, visto che le discussioni sul bilancio 2016 hanno dimostrato che vi è ancora margine di miglioramento;

60.  incoraggia una maggiore promozione dei cibi sani e biologici; chiede inoltre all'Ufficio di presidenza di valutare la possibilità di fornire cibi sani non solo in termini di diversificazione dei servizi ma anche e soprattutto in termini di fornitura di frutta e verdure fresche a prezzi più convenienti;

o

o  o

61.  stabilisce lo stato di previsione per l'esercizio 2017;

62.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione e lo stato di previsione al Consiglio e alla Commissione.

ALLEGATO: PROGETTO DI STATO DI PREVISIONE

 

PROGETTO DI STATO DI PREVISIONE PER L'ESERCIZIO 2017

 

APPROVATO DALLA COMMISSIONE PER I BILANCI NELLA RIUNIONE DEL

 

11 APRILE 2016

 

PROGETTO DI STATO DI PREVISIONE

2017

Contributo dell'Unione europea al finanziamento delle spese

del Parlamento europeo per l'esercizio2017

Denominazione

Importo

 

 

Spese

1.900.873.000

Entrate proprie

157.861.070

Contributo da riscuotere

1.743.011.930

STATO DELLE ENTRATE

Titolo Capitolo Articolo Voce

Denominazione

Esercizio 2017

Esercizio 2016

Esecuzione 2015

 

 

 

 

 

4

ENTRATE PROVENIENTI DALLE PERSONE APPARTENENTI ALLE ISTITUZIONI E AD ALTRI ORGANISMI DELL'UNIONE

 

 

 

4 0

TASSE E TRATTENUTE VARIE

 

 

 

4 0 0

Gettito dell'imposta su stipendi, salari e indennità dei membri dell'istituzione, dei funzionari, degli altri agenti e dei beneficiari di una pensione

73.410.920

73.484.272

69.454.180

4 0 3

Gettito del contributo temporaneo applicabile alle retribuzioni dei membri dell'istituzione, dei funzionari e degli altri agenti in servizio

p.m

p.m

13.613

4 0 4

Gettito del prelievo speciale applicato alle retribuzioni dei membri dell'istituzione, dei funzionari e degli altri agenti in servizio

10.907.330

10.797.731

9.959.483

 

 

84.318.250

84.282.003

79.427.275

Capitolo 4 0 — Totale

4 1

CONTRIBUTO AL REGIME PENSIONISTICO

 

 

 

4 1 0

Contributo del personale al finanziamento del regime pensionistico

64.131.820

59.667.459

58.498.210

4 1 1

Trasferimenti o riscatti di diritti pensionistici da parte del personale

9.200.000

9.100.000

9.241.578

4 1 2

Contributo dei funzionari e degli agenti temporanei in aspettativa per motivi personali al regime pensionistico

10.000

10.000

57.702

 

 

73.341.820

68.777.459

67.797.490

Capitolo 4 1 — Totale

4 2

ALTRI CONTRIBUTI AL REGIME PENSIONISTICO

 

 

 

4 2 1

Contributo dei membri del Parlamento a un regime di pensione di anzianità

p.m

p.m

0

 

Capitolo 4 2 — Totale

0

0

0

 

Titolo 4 — Totale

157.660.070

153.059.462

147.224.765

5

ENTRATE PROVENIENTI DAL FUNZIONAMENTO AMMINISTRATIVO DELL'ISTITUZIONE

 

 

 

5 0

PROVENTI DELLA VENDITA DI BENI MOBILI (FORNITURE) E IMMOBILI

 

 

 

5 0 0

Proventi della vendita di beni mobili (forniture)

p.m

p.m

0

5 0 0 0

Proventi della vendita di mezzi di trasporto — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

0

5 0 0 1

Proventi della vendita di altri beni mobili — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

25.526

5 0 0 2

Proventi delle forniture effettuate a favore di altre istituzioni o organismi — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

55.871

5 0 1

Proventi della vendita di beni immobili

p.m

p.m

0

5 0 2

Proventi della vendita di pubblicazioni, opuscoli e filmati — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

0

 

Capitolo 5 0 — Totale

p.m

p.m

81.397

5 1

PROVENTI DA AFFITTI

 

 

 

5 1 1

Proventi da affitti e subaffitti di beni immobili e rimborso di spese locative

p.m

p.m

 

5 1 1 0

Proventi da affitti e subaffitti di beni immobili — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

2.807.906

5 1 1 1

Rimborso di spese locative — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

16.372

 

Capitolo 5 1 — Totale

p.m

p.m

2.824.279

5 2

PROVENTI DI FONDI INVESTITI O MUTUATI, INTERESSI BANCARI E ALTRI

 

 

 

5 2 0

Proventi di fondi investiti o mutuati, interessi bancari e altri percepiti sui conti dell'istituzione

200.000

410.000

216.417

 

Capitolo 5 2 — Totale

200.000

410.000

216.417

5 5

PROVENTI DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI E DI LAVORI

 

 

 

5 5 0

Proventi di prestazioni di servizi e lavori effettuati a favore di altre istituzioni o organismi, compreso l'importo delle indennità di missione pagate per conto di altre istituzioni o organismi e da questi ultimi rimborsati — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

5.557.309

5 5 1

Entrate provenienti da terzi per prestazioni di servizi o lavori effettuati su loro richiesta — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

729.104

 

Capitolo 5 5 — Totale

p.m

p.m

6.286.413

5 7

ALTRI CONTRIBUTI E RESTITUZIONI CONNESSI AL FUNZIONAMENTO AMMINISTRATIVO DELL'ISTITUZIONE

 

 

 

5 7 0

Entrate provenienti dalla restituzione di somme indebitamente pagate — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

3.292.213

5 7 1

Entrate con una destinazione specifica, quali redditi da fondazioni, sovvenzioni, donazioni e legati, comprese le entrate con destinazione specifica proprie a ciascuna istituzione — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

0

5 7 2

Rimborsi di spese sociali sostenute per conto di un'altra istituzione

p.m

p.m

0

5 7 3

Altri contributi e restituzioni connessi al funzionamento amministrativo dell'istituzione — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

3.476.281

 

Capitolo 5 7 — Totale

p.m

p.m

6.768.495

5 8

INDENNIZZI VARI

 

 

 

5 8 1

Proventi da indennità di assicurazione riscosse — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

179.793

 

Capitolo 5 8 — Totale

p.m

 

 

 

Titolo 5 — Totale

200.000

410.000

16.356.793

6

CONTRIBUTI E RESTITUZIONI NEL QUADRO DEGLI ACCORDI E DEI PROGRAMMI DELL'UNIONE

 

 

 

6 6

ALTRI CONTRIBUTI E RESTITUZIONI

 

 

 

6 6 0

Altri contributi e restituzioni

p.m

p.m

p.m

6 6 0 0

Altri contributi e restituzioni a destinazione specifica — Entrate con destinazione specifica

p.m

p.m

11.848.214

6 6 0 1

Altri contributi e restituzioni senza destinazione specifica

p.m

p.m

0

 

Capitolo 6 6 — Totale

p.m

p.m

11.848.214

 

Titolo 6 — Totale

p.m

p.m

11.848.214

9

ENTRATE VARIE

 

 

 

9 0

ENTRATE VARIE

 

 

 

9 0 0

Entrate varie

1.000

1.000

937.952

 

Capitolo 9 0 — Totale

1.000

1.000

937.952

 

Titolo 9 — Totale

1.000

1.000

937.952

 

TOTALE GENERALE

157.861.070

153.470.462

176.367.724

STATO DELLE SPESE

Riepilogo generale degli stanziamenti (2017 e 2016) e dell'esecuzione (2015)

Titolo Capitolo

Denominazione

Stanziamenti 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

 

 

 

 

 

1

PERSONE APPARTENENTI ALL'ISTITUZIONE

 

 

 

 

 

 

 

 

1 0

MEMBRI DELL'ISTITUZIONE

209.825.500

213.281.500

213.915.852

1 2

FUNZIONARI E AGENTI TEMPORANEI

642.573.000

627.305.500

597.484.150

1 4

ALTRO PERSONALE E PRESTAZIONI ESTERNE

135.764.500

125.501.000

116.618.310

1 6

ALTRE SPESE CONCERNENTI LE PERSONE APPARTENENTI ALL'ISTITUZIONE

17.539.500

17.772.500

17.535.481

 

Titolo 1 — Totale

1.005.702.500

983.860.500

945.553.793

 

 

 

 

 

2

IMMOBILI, MOBILIO, IMPIANTI E APPARECCHIATURE E SPESE VARIE DI FUNZIONAMENTO

 

 

 

 

 

 

 

 

2 0

IMMOBILI E SPESE ACCESSORIE

256.137.000

211.173.440

265.369.143

2 1

INFORMATICA, IMPIANTI E APPARECCHIATURE E MOBILIO

168.142.500

166.845.910

136.912.387

 

Riserve (10 0)

1.892.000

 

 

2 3

SPESE AMMINISTRATIVE CORRENTI

5.719.000

5.992.750

4.458.475

 

Titolo 2 — Totale

431.890.500

384.012.100

406.740.005

 

 

 

 

 

3

SPESE RISULTANTI DALL'ESERCIZIO DA PARTE DELL'ISTITUZIONE DEI PROPRI COMPITI GENERALI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3 0

RIUNIONI E CONFERENZE

32.827.000

35.423.000

31.170.192

3 2

CONSULENZE E INFORMAZIONE: ACQUISTO, ARCHIVIAZIONE, PRODUZIONE E DIFFUSIONE

108.238.000

115.433.000

107.799.775

 

Titolo 3 — Totale

141.065.000

150.856.000

138.969.967

 

 

 

 

 

4

SPESE RISULTANTI DALL'ESERCIZIO DA PARTE DELL'ISTITUZIONE DI COMPITI SPECIFICI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4 0

SPESE PARTICOLARI DI TALUNE ISTITUZIONI E DI TALUNI ORGANI

111.905.000

111.100.000

102.924.578

4 2

SPESE RELATIVE AGLI ASSISTENTI PARLAMENTARI

206.890.000

202.140.000

184.233.696

4 4

RIUNIONI E ALTRE ATTIVITÀ DI DEPUTATI ED EX DEPUTATI

420.000

420.000

400.000

 

Titolo 4 — Totale

320.215.000

313.660.000

287.558.274

 

 

 

 

 

5

Autorità per i partiti politici europei e le fondazioni politiche europee e comitato di personalità indipendenti

 

 

 

5 0

Spese dell'Autorità per i partiti politici europei e le fondazioni politiche europee e del comitato di personalità indipendenti

p.m

p.m

0

5 0 0

Spese operative dell'Autorità

p.m

p.m

0

5 0 0 0

Spese operative dell'Autorità

p.m

p.m

0

5 0 1

Riserva EMAS

p.m

p.m

0

5 0 1 0

Riserva EMAS

p.m

p.m

0

 

Titolo 5 — Totale

0

0

0

 

 

 

 

 

10

ALTRE SPESE

 

 

 

 

 

 

 

 

10 0

STANZIAMENTI ACCANTONATI

p.m

p.m

0

10 1

RISERVA PER IMPREVISTI

3.000.000

6.000.000

0

10 3

RISERVA PER L'ALLARGAMENTO

p.m

p.m

0

10 4

Riserva per la politica dell'informazione e della comunicazione

p.m

p.m

0

10 5

STANZIAMENTI ACCANTONATI PER IMMOBILI

p.m

p.m

0

10 6

RISERVA PER PROGETTI PRIORITARI IN CORSO DI SVILUPPO

p.m

p.m

0

10 8

RISERVA EMAS

p.m

p.m

0

 

Titolo 10 — Totale

3.000.000

6.000.000

0

 

TOTALE GENERALE

1.900.873.000

1.838.388.600

1.778.822.039

Entrate — Entrate proprie

Titolo 4 — Entrate provenienti dalle persone appartenenti alle istituzioni e ad altri organismi dell'Unione

Capitolo 4 0 — Tasse e trattenute varie

Articolo 4 0 0 — Gettito dell'imposta su stipendi, salari e indennità dei membri dell'istituzione, dei funzionari, degli altri agenti e dei beneficiari di una pensione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

73 410 920

73 484 272

69 454 180,00

Basi giuridiche

Protocollo sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea, in particolare l'articolo 12.

Regolamento (CEE, Euratom, CECA) n. 260/68 del Consiglio, del 29 febbraio 1968, relativo alle condizioni e alla procedura d'applicazione dell'imposta a beneficio delle Comunità europee (GU L 56 del 4.3.1968, pag. 8).

Articolo 4 0 3 — Gettito del contributo temporaneo applicabile alle retribuzioni dei membri dell'istituzione, dei funzionari e degli altri agenti in servizio

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

13 613,00

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari delle Comunità europee, in particolare il suo articolo 66 bis nella versione in vigore fino al 15 dicembre 2003.

Articolo 4 0 4 — Gettito del prelievo speciale applicato alle retribuzioni dei membri dell'istituzione, dei funzionari e degli altri agenti in servizio

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

10 907 330

10 797 731

9 959 483,00

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare l'articolo 66 bis.

Capitolo 4 1 — Contributo al regime pensionistico

Articolo 4 1 0 — Contributo del personale al finanziamento del regime pensionistico

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

64 131 820

59 667 459

58 498 210,00

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare l'articolo 83, paragrafo 2.

Articolo 4 1 1 — Trasferimenti o riscatti di diritti pensionistici da parte del personale

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

9 200 000

9 100 000

9 241 578,00

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare l'articolo 4, l'articolo 11, paragrafi 2 e 3 e l'articolo 48 dell'allegato VIII.

Articolo 4 1 2 — Contributo dei funzionari e degli agenti temporanei in aspettativa per motivi personali al regime pensionistico

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

10 000

10 000

57 702,00

Capitolo 4 2 — Altri contributi al regime pensionistico

Articolo 4 2 1 — Contributo dei membri del Parlamento europeo a un regime di pensione di anzianità

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

 

Basi giuridiche

Regolamentazione riguardante le spese e le indennità dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'allegato III.

Titolo 5 — Entrate provenienti dal funzionamento amministrativo dell'istituzione

Capitolo 5 0 — Proventi della vendita di beni mobili (forniture) e immobili

Articolo 5 0 0 — Proventi della vendita di beni mobili (forniture)

Voce 5 0 0 0 — Proventi della vendita di mezzi di trasporto — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

 

Commento

Voce destinata ad accogliere i proventi della vendita o permuta di mezzi di trasporto di proprietà delle istituzioni.

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

Voce 5 0 0 1 — Proventi della vendita di altri beni mobili — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

25 526,00

Commento

Voce destinata ad accogliere i proventi della vendita o permuta dei beni mobili diversi dai mezzi di trasporto, di proprietà delle istituzioni.

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

Voce 5 0 0 2 — Proventi delle forniture effettuate a favore di altre istituzioni o organismi — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

55 871,00

Commento

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

I dettagli relativi alle spese e alle entrate derivanti da fondi prestati, affitti o prestazioni di servizi nell'ambito della presente linea di bilancio, figurano in un allegato del bilancio.

Articolo 5 0 1 — Proventi della vendita di beni immobili

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

 

Commento

Articolo destinato ad accogliere i proventi della vendita di beni immobili di proprietà delle istituzioni.

Articolo 5 0 2 — Proventi della vendita di pubblicazioni, opuscoli e filmati — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

 

Commento

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

Questo articolo include le entrate provenienti dalla vendita degli stessi prodotti su supporto elettronico.

Capitolo 5 1 — Proventi da affitti

Articolo 5 1 1 — Proventi da affitti e subaffitti di beni immobili e rimborso di spese locative

Voce 5 1 1 0 — Proventi da affitti e subaffitti di beni immobili — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

2 807 906,00

Commento

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

I dettagli relativi alle spese e alle entrate derivanti da fondi prestati, affitti o prestazioni di servizi nell'ambito della presente linea di bilancio figurano in un allegato del bilancio.

Voce 5 1 1 1 — Rimborso di spese locative — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

16 372,00

Commento

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

Capitolo 5 2 — Proventi di fondi investiti o mutuati, interessi bancari e altri

Articolo 5 2 0 — Proventi di fondi investiti o mutuati, interessi bancari e altri percepiti sui conti dell'istituzione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

200 000

410 000

216 417,00

Commento

Articolo destinato ad accogliere i proventi di fondi investiti o mutuati, interessi bancari e altri percepiti sui conti dell'istituzione.

Capitolo 5 5 — Proventi delle prestazioni di servizi e di lavori

Articolo 5 5 0 — Proventi di prestazioni di servizi e lavori effettuati a favore di altre istituzioni o organismi, compreso l'importo delle indennità di missione pagate per conto di altre istituzioni o organismi e da questi ultimi rimborsati — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

5 557 309,00

Commento

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

Articolo 5 5 1 — Entrate provenienti da terzi per prestazioni di servizi o lavori effettuati su loro richiesta — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

729 104,00

Commento

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

Capitolo 5 7 — Altri contributi e restituzioni connessi al funzionamento amministrativo dell'istituzione

Articolo 5 7 0 — Entrate provenienti dalla restituzione di somme indebitamente pagate — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

3 292 213,00

Commento

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

Articolo 5 7 1 — Entrate con una destinazione specifica, quali redditi da fondazioni, sovvenzioni, donazioni e legati, comprese le entrate con destinazione specifica proprie a ciascuna istituzione — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,00

Commento

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 2, lettera d), del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

Articolo 5 7 2 — Rimborsi di spese sociali sostenute per conto di un'altra istituzione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,00

Commento

Articolo destinato ad accogliere il rimborso delle spese sociali sostenute per conto di un'altra istituzione.

Articolo 5 7 3 — Altri contributi e restituzioni connessi al funzionamento amministrativo dell'istituzione — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

3 476 281,00

Capitolo 5 8 — Indennizzi vari

Articolo 5 8 1 — Proventi da indennità di assicurazione riscosse — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

179 793,00

Commento

Conformemente all'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario, queste entrate sono considerate entrate con destinazione specifica e danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari sulle linee che hanno sostenuto la spesa iniziale che ha dato luogo alle entrate corrispondenti.

L'articolo comprende anche il rimborso delle retribuzioni dei funzionari da parte delle assicurazioni in caso di infortuni.

Titolo 6 — Contributi e restituzioni nel quadro degli accordi e dei programmi dell'Unione

Capitolo 6 6 — Altri contributi e restituzioni

Articolo 6 6 0 — Altri contributi e restituzioni

Voce 6 6 0 0 — Altri contributi e restituzioni a destinazione specifica — Entrate con destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

11 848 214,00

Commento

Voce destinata ad accogliere, conformemente all'articolo 21 del regolamento finanziario, le eventuali entrate non previste nelle altre parti del titolo 6 e che danno luogo all'iscrizione di stanziamenti supplementari destinati a finanziare le spese alle quali sono destinati.

Voce 6 6 0 1 — Altri contributi e restituzioni senza destinazione specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

 

Titolo 9 — Entrate varie

Capitolo 9 0 — Entrate varie

Articolo 9 0 0 — Entrate varie

Dati in cifre

Bilancio 2017

Bilancio 2016

Esecuzione 2015

1 000

1 000

937 952,00

Commento

Articolo destinato ad accogliere entrate varie.

I dettagli relativi alle spese e alle entrate derivanti da fondi prestati, affitti o prestazioni di servizi nell'ambito del presente articolo figurano in un allegato del bilancio.

Spese — Spese

Titolo 1 — Persone appartenenti all'istituzione

Capitolo 1 0 — Membri dell'istituzione

Articolo 1 0 0 — Indennità e assegni fissi

Voce 1 0 0 0 — Indennità

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

75 020 000

72 520 000

71 860 133,95

Commento

Stanziamento destinato a coprire l'indennità prevista dallo statuto dei deputati.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare gli articoli 9 e 10.

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare gli articoli 1 e 2.

Voce 1 0 0 4 — Spese di viaggio ordinarie

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

69 200 000

73 340 000

71 418 750,00

Commento

Stanziamento destinato al rimborso delle spese di viaggio e di soggiorno per le missioni da e per le sedi di lavoro e per altre missioni.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 25 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 20.

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare gli articoli da 10 a 21 e 24.

Voce 1 0 0 5 — Altre spese di viaggio

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

6 000 000

7 050 000

5 550 000,00

Commento

Stanziamento destinato al rimborso delle spese di viaggio supplementari e delle spese di viaggio effettuate nello Stato membro di elezione.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 1 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 20.

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare gli articoli 22 e 23.

Voce 1 0 0 6 — Indennità di spese generali

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

39 886 000

39 715 000

38 754 450,55

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese connesse alle attività parlamentari dei deputati, in conformità alle misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 75 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 20.

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare gli articoli da 25 a 28.

Voce 1 0 0 7 — Indennità di funzione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

181 500

181 500

175 257,06

Commento

Stanziamento destinato a coprire le indennità forfettarie di soggiorno e di rappresentanza connesse alla carica di presidente del Parlamento europeo.

Basi giuridiche

Statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 20.

Decisione dell'Ufficio di presidenza del 17 giugno 2009.

Articolo 1 0 1 — Copertura dei rischi di malattia e d'infortunio e altri interventi sociali

Voce 1 0 1 0 — Copertura dei rischi di malattia e d'infortunio e altri oneri sociali

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

3 097 000

3 058 000

2 191 208,67

Commento

Stanziamento destinato a coprire i rischi d'infortunio, il rimborso delle spese mediche dei deputati nonché i rischi di smarrimento e furto degli effetti e degli oggetti personali dei deputati.

Esso è altresì destinato a coprire l'assicurazione e l'assistenza per i deputati in caso di necessità di rimpatrio nel corso di un viaggio ufficiale, come conseguenza di una grave malattia, di un incidente ovvero di imprevisti che impediscano il buon andamento del viaggio. Tale assistenza comprende l'organizzazione del rimpatrio e l'assunzione delle relative spese..

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 60 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare gli articoli 18 e 19.

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare gli articoli da 3 a 9 e 29.

Regolamentazione comune relativa alla copertura dei rischi di infortunio e di malattia professionale dei funzionari dell'Unione europea.

Regolamentazione comune relativa alla copertura dei rischi di malattia dei funzionari dell'Unione europea.

Decisione della Commissione che adotta le disposizioni generali di esecuzione relative al rimborso delle spese mediche.

Voce 1 0 1 2 — Interventi specifici a favore dei deputati con disabilità

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

775 000

798 000

653 406,83

Commento

Stanziamento destinato a coprire talune spese necessarie per fornire assistenza a un deputato portatore di grave disabilità.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Basi giuridiche

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 30.

Articolo 1 0 2 — Indennità transitorie

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

930 000

1 770 000

9 544 350,06

Commento

Stanziamento destinato a coprire l'indennità transitoria di fine mandato di un deputato.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 13.

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare gli articoli da 45 a 48 e 77.

Articolo 1 0 3 — Pensioni

Voce 1 0 3 0 — Pensioni di anzianità (SID)

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

11 450 000

11 450 000

10 675 653,64

Commento

Stanziamento destinato a coprire la liquidazione di una pensione di anzianità dopo la cessazione del mandato del deputato.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 150 000 EUR.

Basi giuridiche

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 75, e l'allegato III della regolamentazione riguardante le spese e le indennità dei deputati del Parlamento europeo regolamentazione SID»).

Voce 1 0 3 1 — Pensioni d'invalidità (SID)

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

303 000

291 000

281 721,32

Commento

Stanziamento destinato a coprire la liquidazione di una pensione in caso di invalidità di un deputato intervenuta in corso di mandato.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Basi giuridiche

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 75, e l'allegato II della regolamentazione riguardante le spese e le indennità dei deputati del Parlamento europeo («regolamentazione SID»).

Voce 1 0 3 2 — Pensioni di reversibilità (SID)

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

2 313 000

2 458 000

2 207 741,36

Commento

Stanziamento destinato a coprire la liquidazione di una pensione di reversibilità e/o di orfano in caso di decesso di un deputato o ex deputato.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 15 000 EUR.

Basi giuridiche

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 75, e l'allegato I della regolamentazione riguardante le spese e le indennità dei deputati del Parlamento europeo («regolamentazione SID»).

Voce 1 0 3 3 — Regime pensionistico volontario dei deputati

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

3 178,74

Commento

Stanziamento destinato a coprire la quota parte dell'istituzione per il regime pensionistico complementare volontario dei deputati.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 500 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 27.

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 76, e l'allegato VII della regolamentazione riguardante le spese e le indennità dei deputati del Parlamento europeo («regolamentazione SID»).

Articolo 1 0 5 — Corsi di lingue e di informatica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

670 000

650 000

600 000,00

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese dei corsi di lingue e di informatica per i deputati.

Basi giuridiche

Misure di attuazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 44.

Decisione dell'Ufficio di presidenza, del 4 maggio 2009, relativa ai corsi di lingue e di informatica per i deputati.

Articolo 1 0 9 — Stanziamenti accantonati

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,—

Commento

Stanziamento destinato a coprire le incidenze degli eventuali adeguamenti delle prestazioni a favore dei membri dell'istituzione.

Esso ha carattere di accantonamento e può essere utilizzato solo previo storno verso altre linee, conformemente alle disposizioni del regolamento finanziario.

Capitolo 1 2 — Funzionari e agenti temporanei

Articolo 1 2 0 — Retribuzioni e altri diritti

Voce 1 2 0 0 — Retribuzioni e indennità

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

638 333 000

623 007 500

594 444 744,13

Commento

Stanziamento destinato soprattutto a coprire, per i funzionari e gli agenti temporanei che ricoprono posti previsti dalla tabella dell'organico:

gli stipendi, le indennità e gli assegni fissi legati agli stipendi,

i rischi di malattia, d'infortunio e di malattia professionale e altri oneri sociali,

le indennità forfettarie per ore straordinarie,

gli altri assegni e indennità varie,

il pagamento delle spese di viaggio dalla sede di servizio al luogo d'origine, per il funzionario o l'agente temporaneo, per il coniuge e le persone a carico,

le incidenze dei coefficienti correttori applicabili alla retribuzione e alla parte degli emolumenti trasferiti in un paese diverso da quello della sede di servizio,

il rischio di disoccupazione degli agenti temporanei come pure i versamenti da effettuarsi da parte dell'istituzione per la costituzione o il mantenimento dei diritti pensionistici degli agenti temporanei nei rispettivi paesi d'origine.

Esso è altresì destinato a coprire i premi assicurativi per infortuni sportivi per gli utenti del centro sportivo del Parlamento europeo a Bruxelles e Strasburgo.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 300 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea.

Regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea.

Voce 1 2 0 2 — Ore straordinarie retribuite

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

135 000

248 000

66 500,00

Commento

Stanziamento destinato al pagamento delle ore straordinarie secondo le sopraccitate disposizioni.

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare l'articolo 56 e l'allegato VI.

Regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea.

Voce 1 2 0 4 — Diritti relativi all'entrata in servizio, ai trasferimento e alla cessazione dal servizio

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

2 950 000

2 950 000

2 560 000,00

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

le spese di viaggio dovute ai funzionari e agenti temporanei (nonché ai loro familiari) per l'entrata in servizio, la cessazione dal servizio o il trasferimento implicante un cambiamento della sede di servizio,

le indennità di prima/nuova sistemazione e le spese di trasloco dovute ai funzionari e agenti temporanei obbligati a cambiare residenza dopo la loro entrata in servizio o in occasione della loro destinazione a una nuova sede, nonché in occasione della cessazione definitiva dalle funzioni seguita da trasferimento di residenza ad altra località,

le indennità giornaliere dovute ai funzionari e agenti temporanei che possono dimostrare di essere costretti a cambiare residenza dopo la loro entrata in servizio o in occasione della loro destinazione a una nuova sede di servizio,

l'indennità di licenziamento di funzionari in prova, licenziati a causa di manifesta inattitudine,

l'indennità in caso di risoluzione del contratto di un agente temporaneo da parte dell'istituzione,

la differenza fra i contributi versati dagli agenti contrattuali a un regime pensionistico di uno Stato membro e quelli dovuti al regime comunitario, in caso di riqualificazione del contratto.

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea.

Regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea.

Articolo 1 2 2 — Indennità post cessazione anticipata dal servizio

Voce 1 2 2 0 — Indennità in caso di dispensa dall'impiego e di congedi nell'interesse del servizio

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 155 000

1 100 000

412 905,67

Commento

Stanziamento destinato a coprire le indennità da corrispondere :

ai funzionari collocati in disponibilità in seguito a un provvedimento di riduzione dell'organico nella loro istituzione,

ai funzionari che beneficiano di un congedo per le esigenze organizzative legate all'acquisizione di nuove competenze all'interno dell'istituzione,

ai funzionari e agenti temporanei di alto livello dei gruppi politici che coprono un posto AD 16 o AD 15 e che sono dispensati dall'impiego nell'interesse del servizio.

Stanziamento destinato altresì a coprire la quota dei contributi per l'assicurazione contro i rischi di malattia a carico del datore di lavoro e l'incidenza dei coefficienti correttori applicabili a dette indennità (ad eccezione dei beneficiari dell'articolo 42 quater che non hanno diritto al coefficiente correttore).

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare gli articoli 41, 42 quater e 50 e l'allegato IV, nonché l'articolo 48 bis del regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea (RAA).

Voce 1 2 2 2 — Indennità per cessazione definitiva dal servizio e regime speciale di pensionamento per il personale permanente e temporaneo

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,—

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

le indennità da versare in applicazione dello statuto o del regolamento (CE, Euratom, CECA) n. 2689/95 del Consiglio e del regolamento (CE, Euratom) n. 1748/2002 del Consiglio qui di seguito menzionati,

la quota dell'assicurazione contro i rischi di malattia dei beneficiari delle indennità a carico del datore di lavoro,

l'incidenza dei coefficienti correttori applicabili alle varie indennità.

Basi giuridiche

Statuto del personale delle Comunità europee, in particolare gli articoli 64 e 72.

Regolamento (CE, Euratom, CECA) n. 2689/95 del Consiglio, del 17 novembre 1995, che istituisce misure speciali per la cessazione dal servizio di agenti temporanei delle Comunità europee in occasione dell'adesione dell'Austria, della Finlandia e della Svezia (GU L 280 del 23.11.1995, pag. 4).

Regolamento (CE, Euratom) n. 1748/2002 del Consiglio, del 30 settembre 2002, che istituisce, nell'ambito della modernizzazione dell'istituzione, misure particolari per la cessazione definitiva dal servizio di funzionari delle Comunità europee nominati a un posto permanente del Parlamento europeo e di agenti temporanei dei gruppi politici del Parlamento europeo (GU L 264 del 2.10.2002, pag. 9).

Capitolo 1 4 — Altro personale e prestazioni esterne

Articolo 1 4 0 — Altri agenti e persone esterne

Voce 1 4 0 0 — Altri agenti — Segretariato generale e gruppi politici

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

43 915 000

41 867 289

38 317 487,57

Commento

Stanziamento destinato soprattutto a finanziare le spese seguenti, escluse quelle connesse agli altri agenti assegnati alla Direzione generale incaricati della sicurezza e che esercitano mansioni connesse alla sicurezza delle persone e dei beni, alla sicurezza delle informazioni e alla valutazione dei rischi, nonché quelle connesse agli altri agenti che svolgono mansioni di autista presso il Segretariato generale o assicurano il coordinamento di tali agenti:

la retribuzione, compresi assegni e indennità, degli altri agenti, segnatamente agenti contrattuali e consiglieri speciali (ai sensi del regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea), i contributi del datore di lavoro ai vari regimi di previdenza sociale, soprattutto al regime comunitario, e le incidenze dell'adeguamento applicabile alla retribuzione di tali agenti,

l'assunzione di personale interinale,

le fatture emesse dall'Ufficio di gestione e liquidazione dei diritti individuali (PMO) per l'impiego di agenti incaricati della gestione dei dossier amministrativi degli agenti del Parlamento europeo (in particolare indennità di disoccupazione, diritti pensionistici, ecc.).

Una parte degli stanziamenti va destinata all'assunzione di agenti contrattuali portatori di disabilità conformemente alla decisione dell'Ufficio di presidenza del 7 e 9 luglio 2008.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 3 000 000 EUR.

Basi giuridiche

Regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea (Titolo IV, Titolo V e Titolo VI).

Disposizioni generali di esecuzione relative ai concorsi e alle procedure di selezione, all'assunzione e all'inquadramento nel grado dei funzionari e degli altri agenti del Parlamento europeo (decisione del Segretario generale del Parlamento europeo del 17 ottobre 2014).

Voce 1 4 0 1 — Altri agenti — Sicurezza

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

24 962 000

22 433 711

17 222 235,00

Commento

Nuova voce

Stanziamento destinato soprattutto a finanziare le spese seguenti per gli altri agenti assegnati alla Direzione generale incaricati della sicurezza e che esercitano mansioni connesse alla sicurezza delle persone e dei beni, alla sicurezza delle informazioni e alla valutazione dei rischi:

la retribuzione, compresi assegni e indennità, degli agenti contrattuali e degli agenti contrattuali ausiliari, e le incidenze dei coefficienti correttori applicabili alla retribuzione di tali agenti,

l'assunzione di personale interinale.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Basi giuridiche

Regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea (Titolo IV).

Disposizioni generali di esecuzione relative ai concorsi e alle procedure di selezione, all'assunzione e all'inquadramento nel grado dei funzionari e degli altri agenti del Parlamento europeo (decisione del Segretario generale del Parlamento europeo del 17 ottobre 2014).

Voce 1 4 0 2 — Altri agenti — Autisti al Segretariato generale

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

6 100 000

 

 

Commento

Nuova voce

Stanziamento destinato soprattutto a finanziare le spese seguenti, relative agli altri agenti che svolgono mansioni di autista presso il Segretariato generale o assicurano il coordinamento di tali agenti:

la retribuzione, compresi assegni e indennità, degli agenti contrattuali e degli agenti contrattuali ausiliari, e le incidenze dei coefficienti correttori applicabili alla retribuzione di tali agenti,

l'assunzione di personale interinale.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Basi giuridiche

Regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea (Titolo IV).

Disposizioni generali di esecuzione relative ai concorsi e alle procedure di selezione, all'assunzione e all'inquadramento nel grado dei funzionari e degli altri agenti del Parlamento europeo (decisione del Segretario generale del Parlamento europeo del 17 ottobre 2014).

Voce 1 4 0 4 — Tirocini, sovvenzioni e scambi di funzionari

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

6 806 500

7 185 000

6 379 886,24

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

le spese legate alla selezione, all'assunzione e all'accoglienza dei tirocinanti,

le retribuzioni dei tirocinanti diplomati (borse), compresi gli assegni di famiglia da una parte e, dall'altra, il costo di un contributo integrativo (fino al 50% dell'importo della borsa) versato per ragioni di disabilità,

le indennità versate ai tirocinanti in formazione,

le spese di viaggio dei tirocinanti,

le spese per l'assicurazione malattia e per l'assicurazione infortuni per i tirocinanti,

le spese attinenti agli scambi di personale tra il Parlamento europeo e il settore pubblico degli Stati membri o di altri paesi specificati nella relativa regolamentazione,

le spese relative al distacco di esperti nazionali presso il Parlamento europeo, in particolare le indennità e le spese di viaggio,

il costo dell'assicurazione infortuni per gli esperti distaccati,

i rimborsi per visite di studio,

l'organizzazione di azioni di formazione di interpreti di conferenza e di traduttori, in particolare in collaborazione con le scuole interpreti e le università che conferiscono una formazione in traduzione, nonché la concessione di borse per la formazione e il perfezionamento professionale di interpreti e traduttori, l'acquisto di materiale didattico e le spese accessorie.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Basi giuridiche

Regolamentazione che disciplina la messa a disposizione di funzionari del Parlamento europeo e di agenti temporanei dei gruppi politici presso amministrazioni nazionali, organi a esse assimilati e organizzazioni internazionali (Decisione dell'Ufficio di presidenza del 7 marzo 2005).

Regolamentazione che disciplina il distacco di esperti nazionali presso il Parlamento europeo (Decisione dell'Ufficio di presidenza del 4 maggio 2009).

Regolamentazione interna relativa ai tirocini e alle visite di studio presso il Segretariato generale del Parlamento europeo (decisione del Segretario generale del Parlamento europeo del 1° febbraio 2013).

Voce 1 4 0 5 — Spese per l'interpretazione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

45 785 000

45 125 000

46 423 856,43

Commento

Nuova voce, ex voce 1 4 0 2

Stanziamento destinato a coprire le spese seguenti:

le retribuzioni e indennità assimilate, i contributi sociali, le spese di viaggio e le altre spese degli agenti interpreti di conferenza ingaggiati dal Parlamento europeo per le per le riunioni organizzate dal Parlamento europeo per le proprie esigenze o per quelle di altre istituzioni o organismi, quando le prestazioni necessarie non possono essere fornite dagli interpreti funzionari o temporanei del Parlamento europeo,

le spese per operatori, tecnici e organizzatori di conferenza per le riunioni di cui sopra, quando il servizio non può essere prestato da funzionari del Parlamento europeo, agenti temporanei o altri agenti,

le spese connesse ai servizi forniti al Parlamento europeo dagli interpreti di altre istituzioni regionali, nazionali e internazionali,

le spese relative alle attività connesse all'interpretazione, in particolare quelle relative alla preparazione di riunioni, di corsi di formazione e della selezione di interpreti.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 4 830 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea.

Regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea.

Convenzione che stabilisce le condizioni di lavoro e il regime pecuniario degli agenti interpreti di conferenza (e relative modalità di applicazione), stabilita il 28 luglio 1999, così come modificata il 13 ottobre 2004 e rivista il 31 luglio 2008.

Voce 1 4 0 6 — Osservatori

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,—

Commento

Stanziamento destinato a coprire il pagamento delle spese relative agli osservatori, in conformità dell'articolo 13 del regolamento del Parlamento europeo.

Articolo 1 4 2 — Servizi di traduzione esterna

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

8 196 000

8 890 000

8 274 845,04

Commento

Stanziamento destinato a coprire le prestazioni per lavori di traduzione, di battitura, di codificazione e di assistenza tecnica fornite da terzi.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 135 000 EUR.

Capitolo 1 6 — Altre spese concernenti le persone appartenenti all'istituzione

Articolo 1 6 1 — Spese connesse alla gestione del personale

Voce 1 6 1 0 — Spese di assunzione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

214 000

254 000

215 980,00

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

i costi di organizzazione dei concorsi di cui all'articolo 3 della decisione 2002/621/CE e le spese di viaggio e di soggiorno sostenute dai candidati in occasione dei colloqui e delle visite mediche preliminari all'assunzione,

i costi relativi all'organizzazione di procedure di selezione di personale.

In casi debitamente motivati da necessità funzionali e previa consultazione con l'Ufficio di selezione del personale delle Comunità europee, tali stanziamenti possono essere utilizzati per concorsi organizzati dall'istituzione stessa.

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare gli articoli da 27 a 31 e l'articolo 33, nonché l'allegato III.

Decisione 2002/620/CE del Parlamento europeo, del Consiglio, della Commissione, della Corte di giustizia, della Corte dei conti, del Comitato economico e sociale, del Comitato delle regioni e del Mediatore, del 25 luglio 2002, che istituisce l'Ufficio di selezione del personale delle Comunità europee (GU L 197 del 26.7.2002, pag. 53) e decisione 2002/621/CE dei segretari generali del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione, del cancelliere della Corte di giustizia, dei segretari generali della Corte dei conti, del Comitato economico e sociale, del Comitato delle regioni e del rappresentante del Mediatore, del 25 luglio 2002, relativa all'organizzazione e al funzionamento dell'Ufficio di selezione del personale delle Comunità europee (GU L 197 del 26.7.2002, pag. 56).

Voce 1 6 1 2 — Perfezionamento professionale

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

5 515 000

6 200 000

4 950 971,49

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese relative alla formazione, allo scopo di migliorare le competenze del personale nonché l'efficienza e l'efficacia dell'istituzione.

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare l'articolo 24 bis.

Regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea.

Articolo 1 6 3 — Interventi a favore del personale dell'istituzione

Voce 1 6 3 0 — Servizio sociale

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

768 000

784 000

485 584,20

Commento

Stanziamento destinato a coprire:

nell'ambito di una politica interistituzionale a favore dei disabili che rientrano nelle seguenti categorie:

funzionari e agenti temporanei in servizio,

coniugi di funzionari e di agenti temporanei in servizio,

figli a carico ai sensi dello statuto dei funzionari delle Comunità europee,

il rimborso, nei limiti delle disponibilità di bilancio, e previo ricorso alle prestazioni eventualmente spettanti a livello nazionale nel paese di residenza o di origine, di spese riconosciute necessarie di natura diversa da quelle mediche e risultanti dalla disabilità, debitamente comprovate e non rimborsate dal regime comune di assicurazione malattia,

gli interventi a favore dei funzionari e degli agenti che si trovino in una situazione particolarmente difficile,

la concessione di una sovvenzione a favore del comitato del personale e spese minori del servizio sociale. I contributi o i finanziamenti accordati dal comitato del personale ai partecipanti a un'attività sociale saranno mirati a finanziare le attività a carattere sociale, culturale o linguistico, ma non saranno erogate sovvenzioni individuali ai membri del personale o alle loro famiglie,

le altre misure a carattere sociale, a livello istituzionale e interistituzionale, mirate all'integrazione dei funzionari e degli agenti,

il finanziamento di misure specifiche per una sistemazione adeguata o di spese per analisi mediche o sociali dei funzionari e degli altri agenti con disabilità e dei tirocinanti con disabilità o dei funzionari e altri agenti con disabilità in corso di assunzione e dei tirocinanti con disabilità in corso di selezione, in conformità dell'articolo 1 quinquies dello statuto dei funzionari, in particolare prestando assistenza personale sul luogo di lavoro o durante le missioni.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 50 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare l'articolo 1 quinquies, l'articolo 9, paragrafo 3, terzo comma, e l'articolo 76.

Voce 1 6 3 1 — Mobilità

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

700 000

754 000

636 049,44

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese relative al piano di mobilità nei diversi luoghi di lavoro.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Voce 1 6 3 2 — Relazioni sociali tra i membri del personale e altri interventi sociali

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

230 000

238 000

198 962,27

Commento

Stanziamento destinato a incoraggiare e sostenere finanziariamente ogni iniziativa destinata a promuovere le relazioni sociali tra gli agenti di provenienza diversa, come sovvenzioni ai club e circoli sportivi e culturali del personale, nonché a contribuire al costo di una struttura permanente d'incontro (attività culturali, sportive, ricreative, di ristorazione) per il tempo libero.

Esso copre altresì la partecipazione finanziaria alle attività sociali interistituzionali.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 600 000 EUR.

Articolo 1 6 5 — Attività concernenti tutte le persone appartenenti all'istituzione

Voce 1 6 5 0 — Servizio medico

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 275 000

1 250 000

1 095 232,08

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di funzionamento del gabinetto medico nei tre luoghi di lavoro, compresi l'acquisto di materiale, di prodotti farmaceutici ecc., le spese relative agli esami medici preventivi, le spese operative della commissione d'invalidità, nonché le spese relative alle prestazioni esterne dei medici specialisti ritenute necessarie dai medici di fiducia.

Lo stanziamento copre altresì le spese per l'acquisto di taluni strumenti di lavoro ritenuti necessari per motivi sanitari e quelle per il personale medico o paramedico a contratto o interinale.

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare l'articolo 59 e l'articolo 8 dell'allegato II.

Voce 1 6 5 2 — Spese di funzionamento corrente dei ristoranti e delle mense

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 380 000

1 365 000

3 500 000,00

Commento

Stanziamento destinato a coprire i costi di gestione e di esercizio dei ristoranti e delle mense.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 70 000 EUR.

Voce 1 6 5 4 — Strutture per l'infanzia

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

7 162 500

6 727 500

6 167 701,36

Commento

Stanziamento destinato a coprire la quota del Parlamento europeo per l'insieme delle spese relative al Centro per l'infanzia e agli asili nido esterni con i quali è stata conclusa una convenzione.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 3 400 000 EUR.

Voce 1 6 5 5 — Contributo del Parlamento europeo alle scuole europee accreditate di tipo II

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

295 000

200 000

285 000,00

Commento

Attuazione della decisione C(2013)4886 della Commissione del 1° agosto 2013 (GU C 222 del 2.8.2013, pag.8).

Stanziamento destinato a coprire il contributo del Parlamento europeo alle scuole europee di tipo 2 accreditate dal Consiglio superiore delle scuole europee, o il rimborso del contributo versato dalla Commissione alle scuole europee di tipo 2 accreditate dal Consiglio superiore delle scuole europee in nome e per conto del Parlamento europeo. Lo stanziamento copre le spese di iscrizione in tali scuole dei figli dei membri del personale statutario del Parlamento europeo.

Titolo 2 — Immobili, mobilio, impianti e apparecchiature e spese varie di funzionamento

Commento

In seguito all'annullamento della copertura da parte delle compagnie di assicurazione, i rischi di vertenze di lavoro e di attentati terroristici a cui sono esposti gli edifici del Parlamento europeo devono essere coperti dal bilancio generale dell'Unione europea.

Di conseguenza, gli stanziamenti iscritti a questo titolo coprono tutte le spese relative a danni causati da conflitti di lavoro e da attentati.

Capitolo 2 0 — Immobili e spese accessorie

Articolo 2 0 0 — Immobili

Voce 2 0 0 0 — Affitti

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

37 169 000

33 058 000

28 433 672,09

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di affitto per gli edifici e le parti d'immobili occupati dal Parlamento europeo.

Esso copre altresì le imposte relative agli immobili. Gli affitti sono calcolati per un periodo di dodici mesi sulla base dei contratti in vigore o in corso di preparazione che prevedono, di norma, l'indicizzazione al costo della vita o al costo della costruzione.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 1 500 000 EUR.

I contributi finanziari degli Stati membri o di loro agenzie o enti pubblici sotto forma di finanziamenti o rimborso delle spese e degli oneri accessori riguardanti l'acquisto o l'uso di terreni o edifici, nonché gli oneri legati a edifici e strutture dell'istituzione, vanno considerati un'entrata con destinazione specifica esterna a norma dell'articolo 21, paragrafo 2, del regolamento finanziario.

Voce 2 0 0 1 — Canoni enfiteutici

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

77 584 999,73

Commento

Stanziamento destinato a coprire i canoni enfiteutici relativi a immobili o parti di immobili, in virtù di contratti in vigore o in corso di preparazione.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 50 000 EUR.

I contributi finanziari degli Stati membri o di loro agenzie o enti pubblici sotto forma di finanziamenti o rimborso delle spese e degli oneri accessori riguardanti l'acquisto o l'uso di terreni o edifici, nonché gli oneri legati a edifici e strutture dell'istituzione, vanno considerati un'entrata con destinazione specifica esterna a norma dell'articolo 21, paragrafo 2, del regolamento finanziario.

Voce 2 0 0 3 — Acquisto di beni immobili

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,—

Commento

Stanziamento destinato all'acquisto di immobili. Le sovvenzioni relative ai terreni e alla relativa viabilità saranno trattate a norma delle disposizioni del regolamento finanziario.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 1 000 000 EUR.

I contributi finanziari degli Stati membri o di loro agenzie o enti pubblici sotto forma di finanziamenti o rimborso delle spese e degli oneri accessori riguardanti l'acquisto o l'uso di terreni o edifici, nonché gli oneri legati a edifici e strutture dell'istituzione, vanno considerati un'entrata con destinazione specifica esterna a norma dell'articolo 21, paragrafo 2, del regolamento finanziario.

Voce 2 0 0 5 — Costruzione di immobili

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

32 970 000

15 770 000

19 569 857,83

Commento

Voce destinata ad accogliere l'eventuale iscrizione di uno stanziamento per la costruzione di immobili (lavori, onorari per studi, allestimento e forniture necessarie alla messa in servizio e tutti i relativi costi).

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

I contributi finanziari degli Stati membri o di loro agenzie o enti pubblici sotto forma di finanziamenti o rimborso delle spese e degli oneri accessori riguardanti l'acquisto o l'uso di terreni o edifici, nonché gli oneri legati a edifici e strutture dell'istituzione, vanno considerati un'entrata con destinazione specifica esterna a norma dell'articolo 21, paragrafo 2, del regolamento finanziario.

Voce 2 0 0 7 — Sistemazione dei locali

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

85 550 000

57 045 440

44 515 781,85

Commento

Stanziamento destinato a coprire l'esecuzione di lavori di sistemazione e relative spese connesse, in particolare gli onorari di architetti, ingegneri, ecc.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 600 000 EUR.

I contributi finanziari degli Stati membri o di loro agenzie o enti pubblici sotto forma di finanziamenti o rimborso delle spese e degli oneri accessori riguardanti l'acquisto o l'uso di terreni o edifici, nonché gli oneri legati a edifici e strutture dell'istituzione, vanno considerati un'entrata con destinazione specifica esterna a norma dell'articolo 21, paragrafo 2, del regolamento finanziario.

Voce 2 0 0 8 — Gestione immobiliare specifica

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

5 114 000

5 256 000

4 116 976,99

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese in materia di gestione immobiliare non specificamente previste negli altri articoli del presente capitolo, in particolare:

la gestione e il trattamento dei rifiuti,

i controlli obbligatori, i controlli di qualità, le perizie, gli audit, la sorveglianza regolamentare ecc.,

la documentazione tecnica,

l'assistenza alla gestione (building help desk),

la gestione dei piani degli edifici e dei supporti di dati,

le altre spese.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 50 000 EUR.

Articolo 2 0 2 — Spese relative agli immobili

Voce 2 0 2 2 — Manutenzione, riparazione, conduzione e pulizia degli immobili

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

59 440 000

62 944 000

55 608 835,44

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di manutenzione, riparazione, conduzione e pulizia, conformemente ai contratti in corso, degli immobili (locali e attrezzature tecniche) che il Parlamento europeo occupa in quanto locatario o proprietario.

Prima di rinnovare o stipulare contratti, l'istituzione si consulta con le altre istituzioni sulle condizioni contrattuali (prezzo, moneta prescelta, indicizzazione, durata, altre clausole) ottenute da ciascuna di esse, nel rispetto dell'articolo 104 del regolamento finanziario.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 200 000 EUR.

Voce 2 0 2 4 — Consumi energetici

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

16 690 000

19 660 000

16 058 031,06

Commento

Stanziamento destinato a coprire in particolare le spese per il consumo di acqua, gas, elettricità e riscaldamento.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 100 000 EUR.

Voce 2 0 2 6 — Sicurezza e sorveglianza degli immobili

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

18 420 000

16 760 000

18 844 027,40

Commento

Stanziamento destinato a coprire per lo più le spese di custodia e di sorveglianza degli edifici occupati dal Parlamento europeo nei tre luoghi di lavoro abituali e degli uffici d'informazione del Parlamento europeo nell'Unione nonché delle antenne nei paesi terzi.

Prima di rinnovare o stipulare contratti, l'istituzione si consulta con le altre istituzioni sulle condizioni contrattuali (prezzo, moneta prescelta, indicizzazione, durata, altre clausole) ottenute da ciascuna di esse, nel rispetto dell'articolo 104 del regolamento finanziario.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 120 000 EUR.

Voce 2 0 2 8 — Assicurazioni

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

784 000

680 000

636 941,05

Commento

Stanziamento destinato a coprire i premi previsti dalle polizze d'assicurazione.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 50 000 EUR.

Capitolo 2 1 — Informatica, impianti e apparecchiature e mobilio

Commento

In materia di pubblici appalti, l'istituzione si consulta con le altre istituzioni sulle condizioni contrattuali ottenute da ciascuna di esse.

Articolo 2 1 0 — Informatica e telecomunicazioni

Voce 2 1 0 0 — Informatica e telecomunicazioni: attività ricorrenti di funzionamento

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

24 920 000

25 310 000

24 431 283,98

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di acquisto, noleggio, manutenzione e riparazione di materiale e software nonché le spese di assistenza da parte delle società di servizi e di consulenza per le attività ricorrenti necessarie al corretto funzionamento dei sistemi informatici e di telecomunicazione del Parlamento europeo. Tali spese riguardano in particolare i sistemi del centro di informatica e telecomunicazioni, l'informatica locale e la gestione delle reti.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 184 200 EUR.

Voce 2 1 0 1 — Informatica e telecomunicazioni: attività ricorrenti riguardanti le infrastrutture

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

18 382 000

19 029 000

15 985 141,04

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di acquisto, noleggio, manutenzione e riparazione di materiale e software nonché le spese di assistenza da parte delle società di servizi e di consulenza per le attività ricorrenti di gestione e manutenzione delle infrastrutture relative ai sistemi informatici e di telecomunicazione del Parlamento europeo. Tali spese di infrastruttura si riferiscono in particolare alle reti, al cablaggio, alle telecomunicazioni, alle apparecchiature individuali e ai sistemi di voto.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 165 000 EUR.

Voce 2 1 0 2 — Informatica e telecomunicazioni: attività ricorrenti relative al supporto generale agli utenti

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

13 588 000

14 170 985

13 370 460,21

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di acquisto, noleggio, manutenzione e riparazione di materiale e software nonché le spese di assistenza da parte delle società di servizi e di consulenza per le attività ricorrenti di assistenza e di supporto generale all'utenza, per i sistemi informatici e di telecomunicazione del Parlamento europeo. Tali spese riguardano in particolare i servizi di supporto per i deputati e per gli altri utenti, segnatamente per le applicazioni amministrative, legislative e relative alla comunicazione.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Voce 2 1 0 3 — Informatica e telecomunicazioni: attività ricorrenti di gestione delle applicazioni TIC

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

23 139 400

24 788 302

25 259 382,50

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di acquisto, noleggio, manutenzione e riparazione di materiale e software e i relativi lavori, nonché le spese di assistenza da parte delle società di servizi e di consulenza per le attività ricorrenti di gestione delle applicazioni TIC per l'istituzione. Tali spese riguardano in particolare le applicazioni per i deputati, quelle relative alla comunicazione e le applicazioni amministrative e legislative.

Saranno coperte anche le spese relative agli strumenti TIC finanziati congiuntamente a titolo della cooperazione interistituzionale in campo linguistico, a seguito delle decisioni adottate dal Comitato interistituzionale della Traduzione e dell'Interpretazione.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 32 000 EUR.

Voce 2 1 0 4 — Informatica e telecomunicazioni: investimenti in infrastrutture

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

22 023 500

21 824 135

23 291 216,22

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di materiale e software nonché le spese di assistenza da parte delle società di servizi e di consulenza per gli investimenti relativi alle infrastrutture informatiche e ai sistemi di telecomunicazione del Parlamento europeo. Gli investimenti riguardano in particolare i sistemi del centro di informatica e telecomunicazioni, le reti, il cablaggio e i sistemi di videoconferenza.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 9 000 EUR.

Voce 2 1 0 5 — Informatica e telecomunicazioni: investimenti in progetti

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

28 086 500

25 549 621

14 417 285,70

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di materiale e software nonché le spese di assistenza da parte delle società di servizi e di consulenza per gli investimenti relativi ai progetti TIC nuovi e in essere. Gli investimenti riguardano in particolare le applicazioni per i deputati, quelle per i settori legislativo, amministrativo, finanziario e della comunicazione e quelle relative alla gestione delle TIC.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 2 600 EUR.

Articolo 2 1 2 — Mobilio

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

6 005 000

6 014 000

2 415 168,52

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di acquisto, noleggio, manutenzione e riparazione del mobilio, in particolare l'acquisto di mobili per ufficio ergonomici, la sostituzione di mobilio vetusto e fuori uso e di macchine per ufficio. Esso è destinato inoltre a coprire le spese varie di gestione dei beni mobili del Parlamento europeo.

Per le opere d'arte, lo stanziamento copre sia le spese relative all'acquisto delle opere e del materiale specifico sia le spese correnti, come quelle per le consulenze, la conservazione, l'incorniciatura, il restauro, la pulizia, l'assicurazione e il trasporto occasionale.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Articolo 2 1 4 — Materiale e impianti tecnici

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

29 356 100

30 114 385

19 982 469,18

Commento

Stanziamento destinato a coprire l'acquisto, il noleggio, la manutenzione, la riparazione e la gestione di materiale e impianti tecnici, segnatamente:

vari materiali e apparecchiature tecniche, fisse e mobili, per l'edizione, la sicurezza (incluso software TI), la ristorazione, gli edifici, ecc.,

impianti, in particolare della tipografia, del servizio telefonico, delle mense, degli spacci, della sicurezza, del servizio tecnico conferenze, del settore audiovisivo, ecc.,

materiali speciali (elettronici, informatici, elettrici) con le relative prestazioni esterne,

due linee telefoniche supplementari da installare su richiesta negli uffici dei deputati.

Sono anche coperti i costi pubblicitari di rivendita e quelli relativi allo scarto di beni, nonché i costi legati all'assistenza tecnica (consulenza) sui fascicoli per i quali risulti necessaria una consulenza esterna.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 35 000 EUR.

Articolo 2 1 6 — Trasporto di deputati, di altre persone e di beni

Dati in cifre

 

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

2 1 6

2 642 000

6 682 000

5 745 560,21

Riserve (10 0)

1 892 000

 

 

Totale

4 534 000

6 682 000

5 745 560,21

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di acquisto, manutenzione, esercizio, riparazione dei mezzi di trasporto (parco automobili e biciclette), il noleggio di autovetture, taxi, pullman e camion, con o senza autista, le relative assicurazioni e altre spese di gestione. Nella sostituzione del parco automobili o all'atto dell'acquisto o del noleggio di veicoli verrà data la preferenza alle automobili meno inquinanti, quali gli autoveicoli ibridi.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 100 000 EUR.

Condizioni per sbloccare la riserva

Gli stanziamenti potranno essere sbloccati previa decisione dell'Ufficio di presidenza relativa all'internalizzazione del servizio di trasporto dei deputati.

Capitolo 2 3 — Spese amministrative correnti

Commento

In materia di pubblici appalti, l'istituzione si consulta con le altre istituzioni sulle condizioni contrattuali ottenute da ciascuna di esse.

Articolo 2 3 0 — Cancelleria, materiale per ufficio e materiali di consumo diversi

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 440 500

1 756 000

1 406 201,94

Commento

Stanziamento destinato a coprire l'acquisto di carta, buste, materiale per ufficio, prodotti per la tipografia e per i laboratori di riproduzione ecc., nonché le relative spese di gestione.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 2 500 EUR.

Articolo 2 3 1 — Oneri finanziari

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

40 000

40 000

21 500,00

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese bancarie (commissioni, aggi, spese varie) e gli altri oneri finanziari, incluse le spese accessorie connesse al finanziamento degli immobili.

Articolo 2 3 2 — Spese legali e risarcimento danni

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 110 000

1 110 000

870 825,70

Commento

Stanziamento destinato a coprire:

le eventuali condanne del Parlamento europeo al pagamento delle spese stabilite dalla Corte di giustizia, dal Tribunale, dal Tribunale della funzione pubblica e dalle giurisdizioni nazionali,

l'assunzione di avvocati esterni per rappresentare il Parlamento europeo dinanzi ai tribunali dell'Unione e nazionali, il ricorso a consulenti legali o esperti al fine di assistere il servizio giuridico,

la corresponsione degli onorari d'avvocato nel quadro delle procedure disciplinari e assimilate,

le spese per rimborso danni e interessi,

l'importo delle indennità riconosciute in sede di composizione amichevole ex articoli 69 e 70 del regolamento di procedura del Tribunale della funzione pubblica dell'Unione europea.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Articolo 2 3 6 — Affrancatura e spese di spedizione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

271 000

303 000

209 661,67

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di affrancatura, di trattamento e di inoltro da parte dei servizi postali nazionali o dei corrieri privati.

Esso copre altresì la prestazione di servizi nel settore della corrispondenza.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 2 500 EUR.

Articolo 2 3 7 — Traslochi

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 434 000

1 440 000

1 064 561,92

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese relative ai lavori di trasloco e di manutenzione effettuati tramite imprese di traslochi o tramite ricorso a servizi di messa a disposizione di manutentori interinali.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Articolo 2 3 8 — Altri costi di funzionamento amministrativo

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 161 000

1 093 750

854 287,77

Commento

Stanziamento destinato a coprire:

le assicurazioni non specificamente previste in altra voce,

l'acquisto e la manutenzione delle uniformi per uscieri, autisti, receptionist, magazzinieri e addetti ai traslochi nonché per il personale addetto al servizio visite e seminari, al Parlamentarium, al servizio medico, al servizio sicurezza, al servizio manutenzione edifici e a servizi tecnici diversi,

spese varie di funzionamento e di gestione, comprese le spese di gestione versate all'Ufficio di gestione e liquidazione dei diritti individuali (PMO) in connessione con le pensioni statutarie degli ex deputati nonché l'acquisto di beni o di servizi non specificamente previsti in altra voce,

acquisti vari legati alle attività del Sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS) (campagne promozionali, ecc.).

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Articolo 2 3 9 — Attività dell'EMAS, inclusa la loro promozione, e sistema di compensazione delle emissioni di carbonio del Parlamento europeo

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

262 500

250 000

31 436,10

Commento

Lo stanziamento è destinato a coprire le spese legate alle attività dell'EMAS intese a migliorare le prestazioni ambientali del Parlamento europeo, inclusa la promozione di tali attività, e al sistema di compensazione delle emissioni di carbonio del Parlamento europeo.

Titolo 3 — Spese risultanti dall'esercizio da parte dell'istituzione dei propri compiti generali

Capitolo 3 0 — Riunioni e conferenze

Articolo 3 0 0 — Spese per missioni e spostamenti del personale tra i tre luoghi di lavoro

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

25 370 000

27 700 000

25 160 801,87

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese legate agli spostamenti del personale dell'istituzione, degli esperti nazionali distaccati, dei tirocinanti e del personale delle altre istituzioni europee o internazionali invitato dall'istituzione tra la sede di servizio e uno dei tre luoghi di lavoro del Parlamento europeo (Bruxelles, Lussemburgo e Strasburgo) e alle missioni effettuate in luoghi diversi dai tre luoghi di lavoro. Si tratta delle spese coperte di viaggio, delle indennità giornaliere, delle spese di soggiorno e delle indennità compensative per orari di lavoro impegnativi. Sono altresì coperte le spese accessorie (ivi incluse quelle di annullamento dei titoli di trasporto e delle prenotazioni alberghiere, le spese connesse al sistema di fatturazione elettronica e le spese relative all'assicurazione per le missioni).

Lo stanziamento è destinato a coprire anche le spese legate a eventuali compensazioni di emissioni di carbonio per le missioni e le trasferte del personale.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 240 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei funzionari dell'Unione europea, in particolare l'articolo 71 e gli articoli 11, 12 e 13 dell'allegato VII.

Articolo 3 0 2 — Spese per ricevimenti e di rappresentanza

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 015 000

1 388 000

790 910,91

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

le spese derivanti dagli obblighi che incombono all'istituzione in materia di ricevimenti, compresi quelli nell'ambito delle attività dell'unità di valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche (STOA) e le spese di rappresentanza dei membri dell'istituzione,

le spese di rappresentanza del presidente durante i suoi spostamenti fuori dai luoghi di lavoro,

le spese di rappresentanza e la partecipazione alle spese di segreteria del gabinetto del presidente,

le spese per ricevimenti e di rappresentanza del segretariato, ivi compreso l'acquisto di articoli e di medaglie per i funzionari che hanno maturato 15 o 25 anni di servizio,

le spese varie di protocollo, ad esempio per bandiere, banchi di esposizione, biglietti d'invito, stampa dei menu ecc.,

le spese di viaggio e di soggiorno sostenute da visitatori VIP presso l'istituzione,

le spese di visto di deputati e agenti del Parlamento europeo in occasione di spostamenti ufficiali,

le spese per ricevimenti e di rappresentanza e le altre spese specifiche per i deputati che ricoprono una carica ufficiale in seno al Parlamento europeo.

Articolo 3 0 4 — Spese varie per riunioni

Voce 3 0 4 0 — Spese varie per riunioni interne

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 712 000

1 400 000

1 736 000,00

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese per bevande, bibite e pasti leggeri, serviti nel corso di riunioni interne dell'istituzione nonché le spese collegate alla gestione di tali servizi.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Voce 3 0 4 2 — Riunioni, congressi e conferenze

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 565 000

1 795 000

1 133 175,80

Commento

Stanziamento destinato in particolare a coprire :

le spese connesse all'organizzazione delle riunioni in sedi diverse dai luoghi di lavoro (commissioni e loro delegazioni, gruppi politici), incluse se del caso le spese di rappresentanza,

le quote di adesione alle organizzazioni internazionali di cui il Parlamento europeo o uno dei suoi organi è membro (Unione interparlamentare, Associazione dei segretari generali dei parlamenti, Gruppo 12 + in seno all'Unione interparlamentare),

il rimborso alla Commissione, sulla base di un accordo di servizio sottoscritto tra il Parlamento e la Commissione, della quota spettante al Parlamento delle spese di produzione dei lasciapassare dell'Unione (attrezzatura, personale e forniture) conformemente al Protocollo sui privilegi e sulle immunità (capitolo II, articolo 6), all'articolo 23 dello Statuto dei funzionari dell'Unione europea, agli articoli 11 e 81 del regime applicabile agli altri agenti dell'Unione, nonché al regolamento (UE) n. 1417/2013 del Consiglio del 17 dicembre 2013 che stabilisce la forma dei lasciapassare rilasciati dall'Unione europea (GU L 353 del 28.12.2013, pag. 26).

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 20 000 EUR.

Voce 3 0 4 3 — Spese varie di organizzazione delle assemblee parlamentari, delle delegazioni interparlamentari e di altre delegazioni

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 005 000

1 100 000

430 151,67

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese, diverse da quelle coperte dal capitolo 10 0 e dall'articolo 3 0 0, all'organizzazione delle riunioni:

delle delegazioni all'Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE, all'Assemblea parlamentare EuroLat e all'Assemblea parlamentare Euronest e dei loro organi,

dell'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo (AP—UpM), delle sue commissioni e del suo ufficio di presidenza; tale stanziamento include il contributo del Parlamento europeo al bilancio del segretariato autonomo dell'AP—UpM o il finanziamento diretto delle spese che rappresentano la quota del Parlamento europeo nel bilancio dell'AP—UpM,

delle delegazioni interparlamentari, delle delegazioni ad hoc, delle commissioni parlamentari miste, delle commissioni parlamentari di cooperazione, delle delegazioni parlamentari all'OMC, nonché all'organizzazione delle riunioni della Conferenza parlamentare sull'OMC e del suo Comitato direttivo.

Voce 3 0 4 9 — Spese per i servizi prestati dall'agenzia viaggi

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

2 160 000

2 040 000

1 919 152,00

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese di funzionamento dell'agenzia viaggi che ha un contratto con il Parlamento europeo.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 50 000 EUR.

Capitolo 3 2 — Consulenze e informazione: acquisto, archiviazione, produzione e diffusione

Articolo 3 2 0 — Acquisizione di consulenze

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

9 211 500

9 309 500

6 768 247,79

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

i costi dei contratti con esperti qualificati ed istituti di ricerca, finalizzati agli studi e alle altre attività di ricerca (workshop, tavole rotonde, comitati o audizioni di esperti, conferenze), sostenuti per gli organi del Parlamento europeo, le commissioni parlamentari, le delegazioni parlamentari e l'amministrazione,

l'acquisizione o il noleggio di fonti d'informazione specializzate, quali banche dati specialistiche, documentazione attinente o assistenza tecnica, ove risultino necessarie per integrare i contratti con esperti di cui sopra,

le spese di viaggio, di soggiorno e le spese accessorie degli esperti e delle altre personalità, tra cui le persone che hanno inviato petizioni al Parlamento europeo, convocati per partecipare alle riunioni di commissione, delle delegazioni e dei gruppi di studio e di lavoro, come pure a workshop,

i costi di distribuzione interna ed esterna dei prodotti della ricerca parlamentare e di altri prodotti pertinenti, a beneficio dell'istituzione e del pubblico (in particolare tramite pubblicazione su Internet, basi di dati interne, opuscoli e altre pubblicazioni),

le spese sostenute per le persone esterne chiamate a partecipare ai lavori di organi quali il consiglio di disciplina o l'organo specializzato in materia di irregolarità finanziarie.

Articolo 3 2 1 — Acquisizione di consulenze per i Servizi di ricerca parlamentare, la Biblioteca e gli Archivi

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

8 314 000

8 829 000

6 995 311,01

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese destinate alle attività della DG EPRS e in particolare:

l'acquisizione di competenze specialistiche e di risorse di supporto alle attività di ricerca del Parlamento (fra cui articoli, studi, laboratori, seminari, tavole rotonde, comitati di esperti e conferenze), realizzabili se necessario in partenariato con altre istituzioni, organizzazioni internazionali, dipartimenti di ricerca e biblioteche di parlamenti nazionali, gruppi di riflessione, organismi di ricerca e altri soggetti qualificati;

 l'acquisizione di competenze specialistiche in materia di analisi d'impatto/valutazioni ex ante e ex post del valore aggiunto europeo e di valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche (STOA);

 l'acquisizione o il noleggio di libri, riviste, giornali, basi di dati, prodotti di agenzie di stampa e di ogni altro supporto di informazione destinato alla Biblioteca, in differenti formati, compresi i costi di copyright, il sistema di gestione qualità, i materiali e i lavori di rilegatura e di archiviazione e altri servizi attinenti;

il costo dei servizi esterni di archiviazione (organizzazione, selezione, descrizione, trasferimento su supporti diversi e dematerializzazione, acquisizione di fonti d'archivio primarie);

 i costi di acquisto, sviluppo, installazione, esercizio e manutenzione per: documentazione speciale di biblioteca e di archiviazione e materiali speciali di mediateca, compresi i materiali e/o i sistemi elettrici, elettronici e informatici e i materiali per la rilegatura e l'archiviazione;

 i costi di distribuzione interna ed esterna dei prodotti della ricerca parlamentare e di altri prodotti pertinenti, a beneficio dell'istituzione e del pubblico (in particolare tramite pubblicazione su Internet, basi di dati interne, opuscoli e altre pubblicazioni);

le spese di viaggio e soggiorno e le spese accessorie degli esperti ed autori invitati a partecipare a presentazioni, seminari, laboratori e altre attività analoghe organizzate dalla DG EPRS;

 la partecipazione dell'unità di valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche (gruppo STOA) alle attività di organismi scientifici, europei e internazionali;

 gli obblighi derivanti al Parlamento europeo in virtù di accordi di cooperazione internazionale e/o interistituzionale, compreso il contributo del Parlamento europeo ai costi legati alla gestione degli archivi storici dell'Unione in conformità del regolamento (CEE, Euratom) n. 354/83 del Consiglio.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 20 000 EUR.

Basi giuridiche

Regolamento (CEE, Euratom) n. 354/83 del Consiglio, del 1° febbraio 1983, che rende accessibili al pubblico gli archivi storici della Comunità economica europea e della Comunità europea dell'energia atomica, (GU L 43 del 15.2.1983, pag. 1).

Regolamento (CE) n. 1049/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2001, relativo all'accesso del pubblico ai documenti del Parlamento, del Consiglio e della Commissione (GU L 145 del 31.5.2001, pag. 43).

Decisione dell'Ufficio di presidenza, del 28 novembre 2001, sulle norme che disciplinano l'accesso del pubblico ai documenti del Parlamento europeo, modificato il 22 giugno 2011 (GU C 216 del 22.7.2011, pag. 19).

Decisione dell'Ufficio di presidenza, del 16 dicembre 2002, sulle norme che disciplinano gli archivi del Parlamento europeo, consolidate il 3 maggio 2004.

Decisione dell'Ufficio di presidenza, del 10 marzo 2014, sulle procedure relative all'acquisizione, da parte del Parlamento europeo, di archivi privati di deputati ed ex deputati.

Regolamento (UE) n. 2015/496 del Consiglio, del 17 marzo 2015, che modifica il regolamento (CE, EURATOM) n. 354/83 per quanto riguarda il deposito degli archivi storici delle istituzioni presso l'Istituto universitario europeo di Firenze.

Articolo 3 2 2 — Spese di documentazione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

2 044 000

2 010 621

378 881,87

Commento

Stanziamento destinato a coprire:

gli abbonamenti ai giornali, ai periodici e alle agenzie di stampa, alle loro pubblicazioni e servizi in linea, comprese le spese di copyright per la loro riproduzione e diffusione per iscritto e/o per via elettronica e i contratti di servizio per le rassegne stampa e i ritagli di stampa,

gli abbonamenti o i contratti di servizio per la fornitura di sintesi e analisi del contenuto dei periodici o il trattamento su supporto ottico degli articoli estratti da tali periodici,

le spese relative alla consultazione delle banche dati documentarie e statistiche esterne, escluso il materiale informatico e i costi di telecomunicazione,

l'acquisto di nuovi dizionari e lessici o la sostituzione di quelli obsoleti, su tutti i tipi di supporto, compresi quelli per le nuove sezioni linguistiche e altre opere destinate ai servizi linguistici e alle unità di qualità legislativa.

Articolo 3 2 3 — Sostegno alla democrazia e rafforzamento delle capacità parlamentari dei parlamenti dei paesi terzi

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

1 175 000

1 100 000

708 187,42

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

le spese per i programmi di scambio di informazioni e di cooperazione tra il Parlamento europeo e i parlamenti nazionali dei paesi in fase di preadesione, in particolare i Balcani occidentali e la Turchia,

le spese per la promozione delle relazioni fra il Parlamento europeo e i parlamenti nazionali democraticamente eletti di paesi terzi (diverse da quelle indicate nel capoverso precedente), comprese le corrispondenti organizzazioni parlamentari regionali. Le attività in questione mirano in particolare a rafforzare la capacità parlamentare nelle nuove ed emergenti democrazie in particolare nel vicinato dell'Unione europea (meridionale e orientale),

le spese finalizzate a promuovere le attività di supporto alla mediazione e le azioni a favore dei giovani dirigenti politici dell'Unione europea e dei paesi del vicinato dell'Unione europea,

le spese per l'organizzazione del Premio Sacharov (segnatamente l'importo del premio, le spese legate al viaggio e al soggiorno del o dei vincitori, le spese di funzionamento della Rete Sacharov e le missioni dei membri della Rete) e per attività mirata alla promozione dei diritti umani.

Le attività comprendono visite d'informazione al Parlamento europeo a Bruxelles, Lussemburgo o Strasburgo e gli stanziamenti coprono in tutto o in parte le spese sostenute dai partecipanti, in particolare i viaggi, gli spostamenti, l'alloggio e le indennità giornaliere.

Basi giuridiche

Decisione dell'Ufficio di presidenza, del 12 dicembre 2011, relativa alla creazione della Direzione del Sostegno alla democrazia in seno alla DG EXPO.

Articolo 3 2 4 — Produzione e diffusione

Voce 3 2 4 0 — Gazzetta ufficiale

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

4 500 000

4 373 000

3 867 901,53

Commento

Stanziamento destinato a coprire il contributo dell'istituzione alle spese di pubblicazione e diffusione e ad altre relative spese dell'Ufficio delle pubblicazioni ufficiali per i testi da pubblicare nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Voce 3 2 4 1 — Pubblicazioni elettroniche e tradizionali

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

3 650 000

3 771 000

3 245 065,10

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

tutte le spese di edizione elettronica (siti Intranet) e di edizione tradizionale (documenti e altre pubblicazioni a stampa in subappalto), compresa la distribuzione,

l'aggiornamento e la manutenzione evolutiva e correttiva dei sistemi editoriali.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 6 000 EUR.

Voce 3 2 4 2 — Spese di pubblicazione, informazione e partecipazione alle manifestazioni pubbliche

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

10 580 000

11 395 930

10 990 325,20

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese per le pubblicazioni di informazione, comprese quelle elettroniche, le attività di informazione, le pubbliche relazioni, la partecipazione a manifestazioni pubbliche, a fiere ed esposizioni negli Stati membri, nei paesi in via di adesione e nei paesi in cui il Parlamento europeo dispone di un ufficio di collegamento, nonché per l'aggiornamento dell'osservatorio legislativo (OEIL) e lo sviluppo di strumenti intesi a rafforzare e facilitare l'accessibilità del pubblico tramite apparecchiature mobili.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 EUR.

Voce 3 2 4 3 — Parlamentarium — Centro visitatori del Parlamento europeo

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

5 742 500

5 841 817

5 810 992,39

Commento

Stanziamento destinato a finanziare il Parlamentarium – Centro visitatori del Parlamento europeo a Bruxelles nonché gli impianti, le esposizioni e i materiali adattati o riprodotti per un uso distinto all'esterno a Bruxelles.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 9 300 EUR

Voce 3 2 4 4 — Organizzazione di gruppi di visitatori, programma Euroscola e inviti a moltiplicatori di opinione dei paesi terzi

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

30 845 000

30 431 966

30 859 064,13

Commento

Stanziamento destinato a coprire le sovvenzioni ai gruppi di visitatori e le connesse spese di inquadramento e infrastruttura, il finanziamento di tirocini per i moltiplicatori di opinione dei paesi terzi (EUVP) e le spese di funzionamento dei programmi Euroscola, Euromed-Scola e Euronest-Scola. I programmi Euromed-Scola ed Euronest-Scola si svolgono ogni anno, a rotazione, nei locali del Parlamento europeo a Strasburgo o Bruxelles, eccetto negli anni delle elezioni.

Lo stanziamento sarà incrementato annualmente sulla base di un deflatore che tiene conto delle variazioni dell'RNL e dei prezzi.

Ogni deputato al Parlamento europeo dovrebbe avere la facoltà di invitare al massimo cinque gruppi per anno civile, per un totale di centodieci visitatori.

Lo stanziamento comprende un congruo importo per i visitatori con disabilità.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 100 000 EUR.

Basi giuridiche

Decisione dell'Ufficio di presidenza del Parlamento europeo, del 16 dicembre 2002, sulla regolamentazione concernente l'accoglienza di gruppi di visitatori e sui programmi Euroscola ed Euromed-Scola, modificata da ultimo il 26 febbraio 2013.

Voce 3 2 4 5 — Organizzazione di colloqui, seminari e iniziative culturali

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

4 466 000

5 262 000

4 573 742,50

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

le spese o i sussidi connessi all'organizzazione di convegni e seminari nazionali o internazionali destinati ai moltiplicatori di opinione originari degli Stati membri e dei paesi candidati all'adesione così come dei paesi in cui il Parlamento europeo dispone di un ufficio di collegamento, nonché le spese per l'organizzazione di convegni e simposi parlamentari; è previsto anche il finanziamento di iniziative culturali di interesse europeo, quali il Premio Lux del Parlamento europeo per il cinema europeo,

le spese collegate alla realizzazione delle «operazioni emicicli» a Strasburgo e Bruxelles secondo il programma annuale approvato dall'Ufficio di presidenza,

le misure e gli strumenti di sostegno al multilinguismo, quali seminari e conferenze, riunioni con formatori di interpreti o traduttori, misure e azioni di sensibilizzazione alla questione del multilinguismo e di promozione della professione di interprete o traduttore – compresi un programma di sovvenzioni per le università, le scuole e altre organizzazioni che si occupano di formazione in interpretariato o traduzione e soluzioni atte ad agevolare la comunicazione virtuale – come pure la partecipazione ad azioni e misure analoghe organizzate congiuntamente ad altri servizi nel contesto della cooperazione interistituzionale e internazionale.

Lo stanziamento copre anche le spese connesse all'organizzazione di queste attività, ivi incluso il ricorso a prestazioni di servizi e le spese di ristorazione, nonché le spese connesse all'invito di giornalisti a tali attività.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 25 000 EUR.

Voce 3 2 4 6 — Rete televisiva del parlamento (Web TV)

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

4 600 000

4 509 804

4 507 668,22

Commento

Stanziamento destinato a finanziare i costi connessi alla produzione e hosting da parte del Parlamento europeo (EuroparlTV) dei videoclip per il web e del materiale audiovisivo pronto per la diffusione, conformemente alla strategia di comunicazione del Parlamento europeo.

Voce 3 2 4 7 — Casa della storia europea

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

7 470 000

6 305 844

7 318 160,12

Commento

Stanziamento destinato a finanziare le attività della Casa della storia europea, come ad esempio la sistemazione specifica dei locali, l'acquisizione delle collezioni, l'organizzazione delle esposizioni e le spese di esercizio; sono compresi i costi per l'acquisizione di libri, riviste e altre pubblicazioni legate all'attività della Casa della storia europea.

Stanziamento destinato altresì a coprire i costi dei contratti con esperti qualificati e istituti di ricerca, finalizzati agli studi e alle altre attività di ricerca (laboratori, tavole rotonde, comitati di esperti, conferenze), sostenuti per la Casa della storia europea.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 5 000 000 EUR.

Voce 3 2 4 8 — Spese per informazione audiovisiva

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

14 490 000

14 506 000

13 018 782,11

Commento

Stanziamento destinato a coprire:

il bilancio di funzionamento del settore audiovisivo (prestazioni in proprio e assistenza esterna quali prestazioni tecniche alle stazioni radiotelevisive, realizzazione, produzione, coproduzione e trasmissione di programmi audiovisivi, locazione di bande e trasmissione di programmi radiotelevisivi, altre azioni di sviluppo delle relazioni dell'istituzione con gli organismi di diffusione audiovisiva),

le spese relative alla trasmissione in diretta delle sedute plenarie e delle riunioni delle commissioni parlamentari su Internet,

la creazione di archivi adeguati per garantire ai mezzi di comunicazione e ai cittadini l'accesso permanente a tali informazioni.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 13 000 EUR.

Basi giuridiche

Risoluzione del Parlamento europeo, del 12 marzo 2002, sugli orientamenti relativi alla procedura di bilancio 2003 (GU C 47 E del 27.2.2003, pag. 72).

Risoluzione del Parlamento europeo, del 14 maggio 2002, sullo stato previsionale delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio finanziario 2003 (GU C 180 E del 31.7.2003, pag. 150).

Risoluzione del Parlamento europeo, del 14 maggio 2003, sullo stato previsionale delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio finanziario 2004 (GU C 67 E del 17.3.2004, pag. 179).

Voce 3 2 4 9 — Scambi di informazioni con i parlamenti nazionali

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

250 000

250 000

103 180,83

Commento

Stanziamento destinato a coprire :

le spese sostenute per promuovere i rapporti tra il Parlamento europeo e i parlamenti nazionali. Esse riguardano le relazioni parlamentari diverse da quelle coperte dai capitoli 1 0 e 3 0, lo scambio di informazioni e di documentazione e l'assistenza per l'analisi e la gestione di tali informazioni, compresi gli scambi con il Centro europeo di ricerca e di documentazione parlamentare (CERDP),

i programmi di cooperazione e le operazioni di formazione di funzionari dei suddetti parlamenti e, in generale, le attività volte a rafforzarne la capacità parlamentare.

Tali operazioni di formazione includono le visite d'informazione al Parlamento europeo di Bruxelles, Lussemburgo e Strasburgo. Lo stanziamento copre, interamente o parzialmente, le spese dei partecipanti, in particolare per quanto riguarda viaggi, trasferte, alloggio e indennità giornaliere,

le azioni di cooperazione connesse soprattutto all'attività legislativa, le azioni connesse all'attività di documentazione, di analisi e di informazione, e le azioni volte a rendere sicuro il dominio www.ipex.eu, comprese quelle condotte in seno al CERDP.

Stanziamento destinato a finanziare la cooperazione tra il Parlamento europeo e i parlamenti nazionali per quanto riguarda il controllo parlamentare della PESC/PSDC, secondo il disposto del trattato sull'Unione europea e del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, e in particolare degli articoli 9 e 10 del protocollo n. 1 sul ruolo dei parlamenti nazionali nell'Unione europea.

Basi giuridiche

Conferenze dei presidenti delle assemblee parlamentari europee (giugno 1977) e dei parlamenti dell'Unione europea (settembre 2000, marzo 2001).

Articolo 3 2 5 — Spese per gli uffici di informazione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

900 000

900 000

668 683,35

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese generali e le spese minute varie afferenti agli uffici di informazione del Parlamento europeo (in particolare materiale per ufficio, telecomunicazioni, spese di spedizione, manutenzione, trasporti, archiviazione, articoli promozionali generici, banche dati).

Titolo 4 — Spese risultanti dall'esercizio da parte dell'istituzione di compiti specifici

Capitolo 4 0 — Spese particolari di talune istituzioni e di taluni organi

Articolo 4 0 0 — Spese amministrative di funzionamento, attività politiche e d'informazione dei gruppi politici e dei deputati non iscritti

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

61 000 000

61 000 000

58 950 000,00

Commento

Stanziamento destinato a coprire, per i gruppi politici e i deputati non iscritti:

le spese di segreteria, le spese amministrative e di funzionamento,

le spese connesse alle attività politiche e di informazione nel quadro delle attività politiche dell'Unione.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 50 000 EUR.

Basi giuridiche

Decisione dell'Ufficio di presidenza, del 30 giugno 2003, relativa all'utilizzo degli stanziamenti della voce di bilancio 400, modificata da ultimo il 27 aprile 2015.

Articolo 4 0 2 — Finanziamento dei partiti politici europei

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

31 905 000

31 400 000

27 913 879,00

Commento

Stanziamento destinato a finanziare i partiti politici a livello europeo.

Basi giuridiche

Trattato sull'Unione europea, in particolare l'articolo 10, paragrafo 4.

Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, in particolare l'articolo 224.

Regolamento (CE) n. 2004/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 novembre 2003, relativo allo statuto e al finanziamento dei partiti politici a livello europeo (GU L 297 del 15.11.2003, pag. 1).

Decisione dell'Ufficio di presidenza del Parlamento europeo, del 29 marzo 2004, che stabilisce le modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 2004/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, relativo allo statuto e al finanziamento dei partiti politici a livello europeo.

Articolo 4 0 3 — Finanziamento dei partiti politici europei

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

19 000 000

18 700 000

16 060 699,00

Commento

Stanziamento destinato a finanziare le fondazioni politiche a livello europeo.

Basi giuridiche

Trattato sull'Unione europea, in particolare l'articolo 10, paragrafo 4.

Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, in particolare l'articolo 224.

Regolamento (CE) n. 2004/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 novembre 2003, relativo allo statuto e al finanziamento dei partiti politici a livello europeo (GU L 297 del 15.11.2003, pag. 1).

Decisione dell'Ufficio di presidenza del Parlamento europeo, del 29 marzo 2004, che stabilisce le modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 2004/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, relativo allo statuto e al finanziamento dei partiti politici a livello europeo.

Capitolo 4 2 —  Spese relative agli assistenti parlamentari

Articolo 4 2 2 —  Spese relative agli assistenti parlamentari

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

206 890 000

202 140 000

184 233 696,17

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese relative al personale e ai fornitori di servizi incaricati di prestare assistenza parlamentare ai deputati, nonché le spese legate ai terzi erogatori.

Stanziamento destinato altresì a coprire le differenze di cambio a carico del bilancio del Parlamento europeo, conformemente alle disposizioni applicabili al rimborso delle spese di assistenza parlamentare, nonché le spese connesse alla prestazione di servizi di sostegno alla gestione dell'assistenza parlamentare.

L'importo delle entrate con destinazione specifica ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 3, del regolamento finanziario è stimato a 775 000 EUR.

Basi giuridiche

Statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare l'articolo 21.

Misure di applicazione dello statuto dei deputati al Parlamento europeo, in particolare gli articoli da 33 a 44.

Regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea, in particolare l'articolo 5 bis e gli articoli da 125 a 139.

Decisione dell'Ufficio di presidenza, del 14 aprile 2014, sulle disposizioni di esecuzione per il titolo VII del regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea.

Capitolo 4 4 — Riunioni e altre attività di deputati ed ex deputati

Articolo 4 4 0 — Spese per riunioni e altre attività di ex deputati

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

210 000

210 000

200 000,00

Commento

Stanziamento destinato a finanziare i costi di riunione dell'Associazione degli ex deputati del Parlamento europeo ed eventuali altre spese sostenute in tale ambito.

Articolo 4 4 2 — Costo delle riunioni e di altre attività dell'Associazione parlamentare europea

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

210 000

210 000

200 000,00

Commento

Stanziamento destinato a finanziare i costi di riunione dell'Associazione parlamentare europea ed eventuali altre spese sostenute in tale ambito.

Titolo 5 — Autorità per i partiti politici europei e le fondazioni politiche europee e comitato di personalità indipendenti

Capitolo 5 0 — Spese dell'Autorità per i partiti politici europei e le fondazioni politiche europee e del comitato di personalità indipendenti

Articolo 5 0 0 — Spese operative dell'Autorità per i partiti politici europei e le fondazioni politiche europee

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

 

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese dell'Autorità per i partiti politici europei e le fondazioni politiche europee e a garantirne la piena operatività e autonomia.

Basi giuridiche

Regolamento (UE, Euratom) n. 1141/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, relativo allo statuto e al finanziamento dei partiti politici europei e delle fondazioni politiche europee (GU L 317 del 4.11.2014, pag. 1), in particolare l'articolo 6, paragrafi 1 e 7, e l'articolo 41.

Articolo 5 0 1 — Spese inerenti al comitato di personalità indipendenti

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

 

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese inerenti alla segreteria e al finanziamento del comitato di personalità indipendenti.

Basi giuridiche

Regolamento (UE, Euratom) n. 1141/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, relativo allo statuto e al finanziamento dei partiti politici europei e delle fondazioni politiche europee (GU L 317 del 4.11.2014, pag. 1), e in particolare l'articolo 11, paragrafo 2.

Titolo 10 — Altre spese

Capitolo 10 0 — Stanziamenti accantonati

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

(*)

p.m.

0,—

(*) Una riserva di 1 892 000 EUR è stata creata all'articolo 2 1 6.

Capitolo 10 1 — Riserva per imprevisti

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

3 000 000

6 000 000

0,—

Commento

Stanziamento destinato a coprire spese, non prevedibili, derivanti da decisioni finanziarie adottate in corso d'esercizio.

Capitolo 10 3 — Riserva per l'allargamento

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,—

Commento

Stanziamento destinato a finanziare i costi dei preparativi dell'istituzione in vista dell'allargamento.

Capitolo 10 4 — Riserva per la politica dell'informazione e della comunicazione

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,—

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese per la politica dell'informazione e della comunicazione.

Capitolo 10 5 — Stanziamenti accantonati per immobili

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,—

Commento

Stanziamento destinato a coprire il costo degli investimenti immobiliari e delle opere di allestimento interno dell'istituzione. Si invita l'Ufficio di presidenza del Parlamento europeo ad adottare una strategia a lungo termine coerente e responsabile in materia immobiliare, che tenga conto del problema specifico dell'aumento dei costi di manutenzione, delle esigenze di ristrutturazione e dei costi legati alla sicurezza e che garantisca la sostenibilità del bilancio del Parlamento europeo.

Capitolo 10 6 — Riserva per progetti prioritari in corso di sviluppo

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,—

Commento

Stanziamento destinato a coprire le spese relative ai progetti prioritari dell'istituzione che sono in corso di sviluppo.

Capitolo 10 8 — Riserva emas

Dati in cifre

Bilancio 2017

Stanziamenti 2016

Esecuzione 2015

p.m.

p.m.

0,—

Commento

Stanziamento destinato alla dotazione delle linee operative, a seguito delle decisioni che saranno adottate dall'Ufficio di presidenza per l'attuazione del piano d'azione EMAS, segnatamente dopo la realizzazione del bilancio del carbonio del Parlamento europeo.

1. S — PERSONALE

1.1. S 1 — Sezione I — Parlamento europeo

Categoria e grado

2016

Impieghi permanenti

Impieghi temporanei

Altri

Gruppi politici

FQ

1

0

0

0

AD 16

13

0

1

7

AD 15

47

0

1

4

AD 14

223

2

7

30

AD 13

443

8

2

40

AD 12

242

0

12

64

AD 11

174

0

6

30

AD 10

195

0

9

25

AD 9

177

0

6

29

AD 8

433

0

3

37

AD 7

286

0

6

59

AD 6

196

0

8

48

AD 5

219

0

5

63

Totale AD

2 648

10

66

436

AST 11

120

10

0

36

AST 10

84

0

20

33

AST 9

491

0

4

44

AST 8

308

0

6

40

AST 7

388

0

2

43

AST 6

309

0

6

72

AST 5

305

0

19

74

AST 4

393

0

3

78

AST 3

231

0

16

78

AST 2

88

0

0

58

AST 1

45

0

0

67

Totale AST

2 762

10

76

623

AST/SC 6

0

0

0

0

AST/SC 5

0

0

0

0

AST/SC 4

0

0

0

0

AST/SC 3

0

0

0

0

AST/SC 2

50

0

0

0

AST/SC 1

100

0

0

0

Totale AST/SC

150

0

0

0

Totale

5 561

20(10)

142

1 059

Totale generale

6 762 (11)

Categoria e grado

2017

Impieghi permanenti

Impieghi temporanei

Altri

Gruppi politici

FQ

1

0

0

0

AD 16

13

0

1

7

AD 15

54

0

1

5

AD 14

216

2

7

36

AD 13

443

8

2

38

AD 12

297

0

13

60

AD 11

154

0

7

29

AD 10

220

0

7

25

AD 9

157

0

6

32

AD 8

448

0

7

39

AD 7

315

0

2

66

AD 6

181

0

8

45

AD 5

184

0

5

54

Totale AD

2 682

10

66

436

AST 11

120

10

0

37

AST 10

84

0

20

35

AST 9

586

0

4

42

AST 8

293

0

6

39

AST 7

333

0

2

47

AST 6

309

0

6

74

AST 5

370

0

19

69

AST 4

358

0

4

89

AST 3

218

0

15

85

AST 2

38

0

0

51

AST 1

45

0

0

55

Totale AST

2 761

10

76

623

SC 6

0

0

0

0

SC 5

0

0

0

0

SC 4

0

0

0

0

SC 3

0

0

0

0

SC 2

50

0

0

0

SC 1

100

0

0

0

Totale SC

150

0

0

0

Totale

5 587

20 (12)

142

1 059

Totale generale

6 788 (13) (14)

Allegato

ENTRATE CON DESTINAZIONE SPECIFICA

Linea di bilancio

Denominazione

Entrate realizzate

Previsioni

2015

2017

5000

Proventi della vendita di mezzi di trasporto

-

p.m.

5001

Proventi della vendita di altri beni mobili

25.526

5.000

5002

Proventi delle forniture effettuate a favore di altre istituzioni o organismi

55.871

19.000

502

Proventi della vendita di pubblicazioni, opuscoli e filmati

-

1.000

5110

Proventi da affitti e subaffitti di beni immobili

2.807.906

2.760.000

5111

Rimborso di spese locative

16.372

677.000

550

Proventi di prestazioni di servizi e lavori effettuati a favore di altre istituzioni o organismi, compreso l'importo delle indennità di missione pagate per conto di altre istituzioni o organismi e da questi ultimi rimborsati

5.557.309

793.000

551

Entrate provenienti da terzi per prestazioni di servizi o lavori effettuati su loro richiesta

729.104

p.m.

570

Entrate provenienti dalla restituzione di somme indebitamente pagate

3.292.213

295.000

571

Entrate con una destinazione specifica, quali redditi da fondazioni, sovvenzioni, donazioni e legati, comprese le entrate con destinazione specifica proprie a ciascuna istituzione

-

p.m.

573

Altri contributi e restituzioni connessi al funzionamento amministrativo dell'istituzione

3.476.281

10.000

581

Proventi da indennità di assicurazione riscosse

179.793

p.m.

6600

Altri contributi e restituzioni a destinazione specifica

11.848.214

70.000

 

 TOTALE

27.988.590

4.630.000

ESITO DELLA VOTAZIONE FINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

11.4.2016

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

27

14

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Nedzhmi Ali, Jonathan Arnott, Richard Ashworth, Reimer Böge, Lefteris Christoforou, Jean-Paul Denanot, Gérard Deprez, José Manuel Fernandes, Eider Gardiazabal Rubial, Ingeborg Gräßle, Monika Hohlmeier, Bernd Kölmel, Zbigniew Kuźmiuk, Vladimír Maňka, Clare Moody, Siegfried Mureşan, Victor Negrescu, Younous Omarjee, Pina Picierno, Paul Rübig, Petri Sarvamaa, Patricija Šulin, Eleftherios Synadinos, Indrek Tarand, Isabelle Thomas, Daniele Viotti, Auke Zijlstra, Stanisław Żółtek

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Xabier Benito Ziluaga, Mercedes Bresso, Sven Giegold, Anneli Jäätteenmäki, Giovanni La Via, Michał Marusik, Andrey Novakov, Nils Torvalds, Marco Valli, Tomáš Zdechovský

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Sylvia-Yvonne Kaufmann, Susanne Melior, Josep-Maria Terricabras

(1)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1

(2)

GU L 347 del 20.12.2013, pag. 884.

(3)

GU C 373 del 20.12.2013, pag. 1.

(4)

OJ L 287 del 29.10.2013, pag. 15.

(5)

Testi approvati, P8_TA(2015)0376.

(6)

Testi approvati, P8_TA(2015)0407.

(7)

Testi approvati, P8_TA(2015)0172.

(8)

GU 17 del 6.10.1958, pag. 385.

(9)

Testi approvati, P8_TA(2015)0172.

(10)

Riserva virtuale per i funzionari distaccati nell'interesse del servizio, non compresa nel totale generale.

(11)

L'accordo di cooperazione interistituzionale firmato il 5 febbraio 2014 tra il Parlamento europeo e il Comitato delle regioni e il Comitato economico e sociale europeo, prevede il trasferimento al Parlamento europeo di fino a 80 nuovi posti (60 AD e 20 AST) provenienti dai due Comitati. L'attuazione di questa operazione avverrà progressivamente a partire dall'autunno 2014 e l'iscrizione di questi posti nell'organigramma del Parlamento europeo (già realizzata nel 2014) sarà compensata dalla soppressione di un numero di posti corrispondente nell'organigramma dei due Comitati.

(12)

Riserva virtuale per i funzionari distaccati nell'interesse del servizio, non compresa nel totale generale.

(13)

L'accordo di cooperazione interistituzionale firmato il 5 febbraio 2014 tra il Parlamento europeo e il Comitato delle regioni e il Comitato economico e sociale europeo, prevede il trasferimento al Parlamento europeo di fino a 80 nuovi posti (60 AD e 20 AST) provenienti dai due Comitati. L'attuazione di questa operazione avverrà progressivamente a partire dall'autunno 2014 e l'iscrizione di questi posti nell'organigramma del Parlamento europeo (già realizzata nel 2014) sarà compensata dalla soppressione di un numero di posti corrispondente nell’organigramma dei due Comitati.

(14)

L'imputazione sul totale, per categoria e grado, della riduzione annunciata dell'1% dell'organico (60 posti) sarà effettuata in sede di lettura da parte del PE del progetto di bilancio 2017.

Avvertenza legale - Informativa sulla privacy