RELAZIONE sulla richiesta di revoca dell'immunità di Sotirios Zarianopoulos

    15.7.2016 - (2016/2083(IMM))

    Commissione giuridica
    Relatore: Gilles Lebreton

    Procedura : 2016/2083(IMM)
    Ciclo di vita in Aula
    Ciclo del documento :  
    A8-0233/2016
    Testi presentati :
    A8-0233/2016
    Discussioni :
    Testi approvati :

    PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

    sulla richiesta di revoca dell'immunità di Sotirios Zarianopoulos

    (2016/2083(IMM))

    Il Parlamento europeo,

    –  vista la richiesta di revoca dell'immunità parlamentare di Sotirios Zarianopoulos, trasmessa in data 28 marzo 2016 dal procuratore presso la Corte suprema greca in relazione alle azioni previste dal pubblico ministero di Salonicco (fascicolo ABM A2015/1606) e comunicata in seduta plenaria il 27 aprile 2016,

    –  visto che Sotirios Zarianopoulos ha rinunciato al suo diritto di essere sentito, in conformità dell'articolo 9, paragrafo 5, del regolamento,

    –  visti gli articoli 8 e 9 del protocollo n. 7 sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea e l'articolo 6, paragrafo 2, dell'atto relativo all'elezione dei membri del Parlamento europeo a suffragio universale diretto, del 20 settembre 1976,

    –  viste le sentenze pronunciate dalla Corte di giustizia dell'Unione europea il 12 maggio 1964, 10 luglio 1986, 15 e 21 ottobre 2008, 19 marzo 2010, 6 settembre 2011 e 17 gennaio 2013[1],

    –  visto l'articolo 62 della Costituzione della Repubblica ellenica,

    –  visti l'articolo 5, paragrafo 2, l'articolo 6, paragrafo 1, e l'articolo 9 del suo regolamento,

    –  vista la relazione della commissione giuridica (A8-0233/2016),

    A.  considerando che il procuratore presso la Corte suprema greca ha chiesto la revoca dell'immunità parlamentare di Sotirios Zarianopoulos, membro del Parlamento europeo, in collegamento con il perseguimento di una presunta infrazione;

    B.  considerando che l'articolo 9 del protocollo n. 7 sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea stabilisce che i membri del Parlamento europeo beneficiano, sul territorio nazionale, delle immunità riconosciute ai membri del parlamento del loro paese;

    C.  considerando che, a norma dell'articolo 62 della Costituzione della Repubblica ellenica, nessun deputato può, durante la legislatura, essere perseguito, arrestato, detenuto o privato in altra maniera della sua libertà personale senza l'autorizzazione della Camera dei deputati;

    D.  considerando che le autorità greche intendono perseguire Sotirios Zarianopoulos per inosservanza degli obblighi di legge;

    E.  considerando che l'azione penale riguarda l'emissione nel 2011, da parte del Consiglio comunale di Salonicco, di autorizzazioni presumibilmente illegittime di occupazione del demanio pubblico per l'installazione di terrazze su zone pedonali e che Sotirios Zarianopoulos è perseguito in qualità di ex consigliere comunale;

    F.  considerando che l'azione penale è manifestamente priva di nesso con lo status di deputato al Parlamento europeo di Sotirios Zarianopoulos, ma è in relazione con il suo precedente mandato di consigliere comunale di Salonicco;

    G.  considerando che l'azione penale non riguarda opinioni o voti espressi dal deputato in oggetto nell'esercizio delle sue funzioni di deputato al Parlamento europeo, ai sensi dell'articolo 8 del protocollo n. 7 sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea;

    H.  considerando che non vi è alcun motivo di presumere che l'azione penale sarebbe ispirata dall'intenzione di recare pregiudizio all'attività politica del deputato (fumus persecutionis), tanto più che l'azione stessa riguarda tutti i membri del Consiglio comunale dell'epoca;

    1.  decide di revocare l'immunità di Sotirios Zarianopoulos;

    2.  incarica il suo Presidente di trasmettere immediatamente la presente decisione e la relazione della sua commissione competente alle autorità greche.

    • [1]  Sentenza della Corte di giustizia del 12 maggio 1964, Wagner/Fohrmann e Krier, 101/63, ECLI:EU:C:1964:28; sentenza della Corte di giustizia del 10 luglio 1986, Wybot/Faure e altri, 149/85, ECLI:EU:C:1986:310; sentenza del Tribunale del 15 ottobre 2008, Mote/Parlamento, T-345/05, ECLI:EU:T:2008:440; sentenza della Corte di giustizia del 21 ottobre 2008, Marra/De Gregorio e Clemente, C-200/07 e C-201/07, ECLI:EU:C:2008:579; sentenza del Tribunale del 19 marzo 2010, Gollnisch/Parlamento, T-42/06, ECLI:EU:T:2010:102; sentenza della Corte di giustizia del 6 settembre 2011, Patriciello, C-163/10, EU:C:2011:543; sentenza del Tribunale del 17 gennaio 2013, Gollnisch/Parlamento, T346/11 e T-347/11, ECLI:EU:T:2013:23;

    ESITO DELLA VOTAZIONE FINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

    Approvazione

    11.7.2016

     

     

     

    Esito della votazione finale

    +:

    –:

    0:

    17

    0

    0

    Membri titolari presenti al momento della votazione finale

    Jean-Marie Cavada, Kostas Chrysogonos, Therese Comodini Cachia, Mary Honeyball, Dietmar Köster, Gilles Lebreton, António Marinho e Pinto, Emil Radev, Julia Reda, Evelyn Regner, Pavel Svoboda, Tadeusz Zwiefka

    Supplenti presenti al momento della votazione finale

    Sergio Gaetano Cofferati, Heidi Hautala, Sylvia-Yvonne Kaufmann, Constance Le Grip, Stefano Maullu, Victor Negrescu

    Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

    Maria Noichl