RELAZIONE sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa ad alcuni aspetti di diritto societario (testo codificato)

    28.3.2017 - (COM(2015)0616 – C8-0388/2015 – 2015/0283(COD)) - ***I

    Commissione giuridica
    Relatore: Tadeusz Zwiefka
    (Codificazione – articolo 103 del regolamento)


    Procedura : 2015/0283(COD)
    Ciclo di vita in Aula
    Ciclo del documento :  
    A8-0088/2017
    Testi presentati :
    A8-0088/2017
    Discussioni :
    Testi approvati :

    PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

    sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa ad alcuni aspetti di diritto societario (testo codificato)

    (COM(2015)0616 – C8-0388/2015 – 2015/0283(COD))

    (Procedura legislativa ordinaria – codificazione)

    Il Parlamento europeo,

    –  vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2015)0616),

    –  visti l'articolo 294, paragrafo 2, e l'articolo 50, paragrafo 1 e paragrafo 2, lettera g), del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma dei quali la proposta gli è stata presentata dalla Commissione (C8-0388/2015),

    –  visto l'articolo 294, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

    –  visto il parere del Comitato economico e sociale europeo del 27 aprile 2016[1],

    –  visto l'accordo interistituzionale del 20 dicembre 1994 su un metodo di lavoro accelerato ai fini della codificazione ufficiale dei testi legislativi[2],

    –  visti gli articoli 103 e 59 del suo regolamento,

    –  vista la relazione della commissione giuridica (A8-0088/2017),

    A.  considerando che, secondo il gruppo consultivo dei servizi giuridici del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione, la proposta in questione si limita ad una mera codificazione dei testi esistenti, senza modificazioni sostanziali;

    1.  adotta la sua posizione in prima lettura facendo propria la proposta della Commissione quale adattata alle raccomandazioni del gruppo consultivo dei servizi giuridici del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione;

    2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

    • [1]  GU C 264 del 20.7.2016, pag. 82.
    • [2]  GU C 102 del 4.4.1996, pag. 2.

    ALLEGATO: PARERE DEL GRUPPO CONSULTIVO DEI SERVIZI GIURIDICI DEL PARLAMENTO EUROPEO, DEL CONSIGLIO E DELLA COMMISSIONE

     

     

     

     

    GRUPPO CONSULTIVO

    DEI SERVIZI GIURIDICI

    Bruxelles, 9 giugno 2016

    PARERE

      ALL'ATTENZIONE  DEL PARLAMENTO EUROPEO

        DEL CONSIGLIO

        DELLA COMMISSIONE

    Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa ad alcuni aspetti di diritto societario (testo codificato)

    COM(2015)0616 del 9.9.2016 – 2015/0283(COD)

    Visto l'accordo interistituzionale del 20 dicembre 1994 su un metodo di lavoro accelerato ai fini di una codificazione ufficiale dei testi legislativi, e visto in particolare il punto 4 di detto accordo, il gruppo consultivo composto dai servizi giuridici del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione si è riunito il 3 febbraio, il 18 marzo e il 13 aprile 2016 per esaminare la proposta di direttiva in oggetto presentata dalla Commissione.

    Nel corso dell'esame[1] della proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio volta a codificare la direttiva 82/891/CEE del Consiglio[2], la direttiva 89/666/CEE del Consiglio[3], la direttiva 2005/56/CE del Parlamento europeo e del Consiglio[4], la direttiva 2009/101/CE del Parlamento europeo e del Consiglio[5], la direttiva 2011/35/UE del Parlamento europeo e del Consiglio[6] e la direttiva 2012/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio[7] il gruppo consultivo ha constatato di comune accordo quanto segue:

    1) nel considerando 2, l'espressione contrassegnata con marcatori ("facilita l'integrazione delle economie degli Stati Membri. Esso") dovrebbe essere soppressa;

    2) nel considerando 79, nella versione inglese, il termine "undertakings" dovrebbe essere sostituito da "companies";

    3) l'articolo 134 dovrebbe essere soppresso nel testo codificato e, di conseguenza, gli articoli da 135 a 168 andrebbero rinumerati;

    4) all'articolo 160, il paragrafo 1 dovrebbe essere soppresso. Di conseguenza, la formulazione del paragrafo seguente dovrebbe essere adattata come segue: "Gli Stati membri possono non applicare gli articoli 145 e 146 per quanto riguarda i detentori di obbligazioni e di altri titoli convertibili in azioni qualora, al momento dell'entrata in vigore delle disposizioni indicate all'articolo 26, paragrafi 1 o 2, della direttiva 82/891/CEE del Consiglio, le condizioni di emissione avessero già fissato la posizione di tali detentori in caso di scissione";

    5) dovrebbe essere pubblicata una rettifica per quanto riguarda le voci corrispondenti all'Ungheria e a Malta contenute nell'articolo 1, paragrafo 1, della direttiva 2011/35/UE.

    Sulla base dell'esame della proposta il gruppo consultivo ha pertanto concluso di comune accordo che la proposta si limita ad una mera codificazione dei testi esistenti, senza modificazioni sostanziali.

    F. DREXLER      H. LEGAL      L. ROMERO REQUENA

    Giureconsulto      Giureconsulto      Direttore generale

    • [1]  Il gruppo consultivo ha lavorato sulla base della versione inglese della proposta, che è la versione originale del testo in esame.
    • [2]  Sesta direttiva del Consiglio del 17 dicembre 1982 basata sull'articolo 54, paragrafo 3, lettera g), del trattato e relativa alle scissioni delle società per azioni (82/891/CEE) (GU L 378 del 31.12.1982, pag. 47).
    • [3]  Undicesima direttiva del Consiglio del 21 dicembre 1989 relativa alla pubblicità delle succursali create in uno Stato membro da taluni tipi di società soggette al diritto di un altro Stato (89/666/CEE) (GU L 395 del 30.12.1989, pag. 36).
    • [4]  Direttiva 2005/56/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 ottobre 2005, relativa alle fusioni transfrontaliere delle società di capitali (GU L 310 del 25.11.2005, pag. 1).
    • [5]  Direttiva 2009/101/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, intesa a coordinare, per renderle equivalenti, le garanzie che sono richieste, negli Stati membri, alle società a mente dell'articolo 48, secondo comma, del trattato per proteggere gli interessi dei soci e dei terzi (GU L 258 dell'1.10.2009, pag. 11).
    • [6]  Direttiva 2011/35/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 aprile 2011, relativa alle fusioni delle società per azioni (GU L 110 del 29.4.2011, pag. 1).
    • [7]  Direttiva 2012/30/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, sul coordinamento delle garanzie che sono richieste, negli Stati membri, alle società di cui all'articolo 54, secondo paragrafo, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, per tutelare gli interessi dei soci e dei terzi per quanto riguarda la costituzione della società per azioni, nonché la salvaguardia e le modificazioni del capitale sociale della stessa (GU L 315 del 14.11.2012, pag. 74).

    PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

    Titolo

    Alcuni aspetti di diritto societario (codificazione)

    Riferimenti

    COM(2015)0616 – C8-0388/2015 – 2015/0283(COD)

    Presentazione della proposta al PE

    3.12.2015

     

     

     

    Commissione competente per il merito

           Annuncio in Aula

    JURI

    14.12.2015

     

     

     

    Relatori

           Nomina

    Tadeusz Zwiefka

    28.2.2017

     

     

     

    Approvazione

    23.3.2017

     

     

     

    Esito della votazione finale

    +:

    –:

    0:

    21

    0

    0

    Membri titolari presenti al momento della votazione finale

    Max Andersson, Joëlle Bergeron, Marie-Christine Boutonnet, Jean-Marie Cavada, Kostas Chrysogonos, Lidia Joanna Geringer de Oedenberg, Mary Honeyball, Sajjad Karim, Sylvia-Yvonne Kaufmann, António Marinho e Pinto, Jiří Maštálka, Emil Radev, Julia Reda, Pavel Svoboda, Tadeusz Zwiefka

    Supplenti presenti al momento della votazione finale

    Isabella Adinolfi, Daniel Buda, Angelika Niebler, Virginie Rozière, Rainer Wieland

    Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

    Eugen Freund, Maria Noichl

    Deposito

    28.3.2017

    VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

    21

    +

    ALDE

    ECR

    EFDD

    GUE/NGL

    PPE

    S&D

    Verts/ALE

    Jean-Marie Cavada, António Marinho e Pinto

    Sajjad Karim

    Isabella Adinolfi, Joëlle Bergeron

    Kostas Chrysogonos, Jiří Maštálka

    Daniel Buda, Angelika Niebler, Emil Radev, Pavel Svoboda, Rainer Wieland, Tadeusz Zwiefka

    Eugen Freund, Lidia Joanna Geringer de Oedenberg, Mary Honeyball, Sylvia-Yvonne Kaufmann, Maria Noichl, Virginie Rozière

    Max Andersson, Julia Reda

    0

    -

     

     

    0

    0

     

     

    Significato dei simboli utilizzati:

    +  :  favorevoli

    -  :  contrari

    0  :  astenuti