RELAZIONE sulla relazione annuale concernente le attività del Mediatore europeo nel 2019

    3.2.2021 - (2020/2125(INI))

    Commissione per le petizioni
    Relatrice: Sylvie Guillaume


    Procedura : 2020/2125(INI)
    Ciclo di vita in Aula
    Ciclo del documento :  
    A9-0013/2021
    Testi presentati :
    A9-0013/2021
    Testi approvati :

    PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

    sulla relazione annuale concernente le attività del Mediatore europeo nel 2019

    (2020/2125(INI))

    Il Parlamento europeo,

     vista la relazione annuale concernente le attività del Mediatore europeo nel 2019,

     visti l'articolo 15, l'articolo 24, terzo comma, l'articolo 228, e l'articolo 298, primo paragrafo, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE),

     visto l'articolo 10, paragrafo 3, del trattato sull'Unione europea (TUE),

     vista la decisione 94/262/CECA, CE, Euratom del Parlamento europeo, del 9 marzo 1994, sullo statuto e le condizioni generali per l'esercizio delle funzioni del Mediatore[1],

     visti gli articoli 11, 41, 42 e 43 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea,

     vista la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità,

     viste le sue precedenti risoluzioni sulle attività del Mediatore europeo,

     visti l'articolo 54, l'articolo 142, paragrafo 2, e l'articolo 232, paragrafo 1, del suo regolamento

     vista la sua risoluzione del 17 gennaio 2019 sull'indagine strategica OI/2/2017 del Mediatore sulla trasparenza delle discussioni legislative negli organi preparatori del Consiglio UE[2],

     visto il codice europeo di buona condotta amministrativa, approvato dal Parlamento europeo il 6 settembre 2001,

     vista la relazione della commissione per le petizioni (A9-0013/2020),

    A. considerando che la relazione annuale concernente le attività del Mediatore europeo nel 2019 è stata ufficialmente presentata al Presidente del Parlamento europeo il 5 maggio 2020 e che la Mediatrice europea, Emily O'Reilly, ha presentato la relazione alla commissione per le petizioni il 3 settembre 2020 a Bruxelles;

    B. considerando che Emily O'Reilly è stata rieletta Mediatrice europea dal Parlamento nella seduta plenaria del 18 dicembre 2019;

    C. considerando che, in virtù dell'articolo 41, paragrafo 1, della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, "ogni persona ha diritto a che le questioni che la riguardano siano trattate in modo imparziale ed equo ed entro un termine ragionevole dalle istituzioni, organi e organismi dell'Unione";

    D. considerando che l'articolo 43 della Carta dei diritti fondamentali stabilisce che "ogni cittadino dell'Unione nonché ogni persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno Stato membro ha il diritto di sottoporre al mediatore europeo casi di cattiva amministrazione nell'azione delle istituzioni, organi o organismi dell'Unione, salvo la Corte di giustizia dell'Unione europea nell'esercizio delle sue funzioni giurisdizionali";

    E. considerando che è essenziale che i cittadini dell'UE dispongano di informazioni sufficienti per poter seguire i processi politici e legislativi dell'UE e partecipare in maniera significativa ai processi democratici europei; che la fiducia dei cittadini nelle amministrazioni pubbliche è rafforzata quando sono visibili il lavoro per il bene pubblico e il mantenimento di elevati standard etici da parte delle istituzioni;

    F. considerando che la missione principale della Mediatrice consiste nel garantire il pieno rispetto dei diritti dei cittadini, conformemente ai trattati e alla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, e nell'assicurare che il diritto a una buona amministrazione rispecchi le più elevate norme che le istituzioni, gli organi e gli organismi dell'Unione sono tenuti a rispettare, salvo le attività svolte dalla Corte di giustizia dell'Unione europea nell'esercizio delle sue funzioni giurisdizionali; che la Mediatrice svolge un ruolo essenziale nell'aiutare le istituzioni europee a migliorare l'apertura, l'efficacia e la vicinanza rispetto ai cittadini, nell'ottica di rafforzare la fiducia di questi ultimi nei confronti dell'Unione;

    G. considerando che la Mediatrice europea ha lanciato un'iniziativa strategica sul diritto al congedo di taluni membri del personale e interesse superiore del minore (SI/1/2019/AMF)[3], che ha portato all'armonizzazione delle norme tra la Commissione e il Consiglio per quanto riguarda il diritto al congedo dei membri del personale che diventano genitori mediante maternità surrogata; che risultati comparabili non si sono conseguiti al Parlamento europeo per la mancata volontà di adeguare le regole in materia di congedo;

    H. considerando che nel 2020 ricorre il 25° anniversario dell'istituzione del Mediatore europeo; che, a partire dalla sua apertura, l'Ufficio del Mediatore ha trattato 57 000 denunce che hanno dato luogo a oltre 7 300 indagini; che i continui sforzi dell'Ufficio e del suo personale volti al rispetto e alla difesa della trasparenza, dell'etica e della responsabilità nell'amministrazione dell'UE dovrebbero essere debitamente riconosciuti e lodati;

    I. considerando che, secondo l'Eurobarometro del mese di giugno 2019, la proporzione dei cittadini che ripone fiducia nell'Unione europea è del 44 %, mentre quella di chi nutre sfiducia è del 46 %; che è essenziale che le istituzioni possano assumersi le loro responsabilità al fine di rafforzare il livello di soddisfazione dei cittadini dell'UE;

    J. considerando che l'articolo 10, paragrafo 3, del TUE stabilisce che "ogni cittadino ha il diritto di partecipare alla vita democratica dell'Unione" e che "le decisioni sono prese nella maniera il più possibile aperta e vicina ai cittadini";

    K. considerando che l'articolo 24 del TFUE dispone che "ogni cittadino dell'Unione può rivolgersi al Mediatore istituito conformemente all'articolo 228";

    L. considerando che l'articolo 228 del TFUE abilita il Mediatore europeo a condurre indagini riguardo a casi di cattiva amministrazione nell'azione delle istituzioni, degli organi o degli organismi nonché delle agenzie dell'Unione, salvo la Corte di giustizia dell'Unione europea nell'esercizio delle sue funzioni giurisdizionali;

    M. considerando che, nel 2019, 19 619 cittadini hanno chiesto assistenza ai servizi della Mediatrice, 16 045 dei quali hanno ottenuto consigli attraverso la guida interattiva presente sul sito web della Mediatrice; che nel 2019 la Mediatrice ha registrato 2 201 denunce e ha ricevuto 1 373 richieste di informazioni;

    N. considerando che, delle 2 201 denunce complessivamente trattate dalla Mediatrice, 879 rientravano nell'ambito del suo mandato, mentre 1 330 non vi rientravano;

    O. considerando che, per 862 denunce su 2 201, la Mediatrice ha fornito consulenza al denunciante o ha deferito il caso e che per 883 di esse al denunciante è stato riferito che non era possibile fornirgli una consulenza supplementare e che 456 denunce hanno dato luogo a un'indagine;

    P. considerando che, delle indagini archiviate dalla Mediatrice, il 26,9 % riguardava richieste di informazioni e di accesso a documenti, il 22 % la cultura del servizio come, ad esempio, la disponibilità nei confronti dei cittadini, questioni linguistiche e il rispetto delle scadenze, il 19,8 % riguardava l'uso appropriato della discrezionalità, anche nei procedimenti di infrazione, il 13,2 % il rispetto dei diritti procedurali, in particolare il diritto di essere ascoltati, il 13 % la buona gestione delle questioni relative all'amministrazione e al personale, il 12,3 % le assunzioni e l'8,4 % il rispetto dei diritti fondamentali;

    Q. considerando che, nel 2019, la durata della maggior parte delle indagini archiviate dalla Mediatrice era compresa tra i tre (43,4 %) e i diciotto mesi (10,2 %); che il tempo medio per la chiusura di un'indagine è stato di meno di sette mesi;

    R. considerando che, nel quadro delle sue indagini, la Mediatrice europea ha la facoltà di presentare proposte alle istituzioni e agli organi dell'Unione su come affrontare un problema o migliorare le loro pratiche amministrative; che tali proposte assumono la forma di soluzioni, raccomandazioni e suggerimenti;

    S. considerando che, secondo la relazione annuale "Putting it right?" (Rettificare la situazione?), pubblicata nel mese di dicembre 2019, che analizza le risposte delle istituzioni alle sue proposte nel quadro delle indagini archiviate nel 2018, il tasso di conformità applicato dalle istituzioni dell'UE alle proposte della Mediatrice europea è del 77 %; che 11 istituzioni hanno conseguito un tasso di conformità del 100 %, mentre la Commissione, ossia l'istituzione contro cui è stata presentata la maggior parte delle denunce, ha conseguito un tasso del 70,9 %;

    T. considerando che nel 2019, nel quadro del suo lavoro strategico, la Mediatrice ha avviato quattro nuove indagini strategiche: sulla trasparenza all'interno degli organi che preparano le riunioni dell'Eurogruppo, sulle "porte girevoli" in seno alla Commissione europea, sul trattamento delle persone con disabilità nel quadro del regime comune di assicurazione malattia dell'UE, sull'Agenzia europea per i medicinali (EMA) e le "attività di pre-presentazione" dei medicinali in vista della loro autorizzazione;

    U. considerando che, nel 2019, la Mediatrice ha avviato nove iniziative strategiche, in particolare sull'efficacia dei meccanismi messi in atto dagli Stati membri per la gestione delle denunce relative ai Fondi strutturali, sulla trasparenza dei negoziati sulla Brexit, sulla trasparenza dell'attività di lobbying e il registro per la trasparenza dell'UE, sulla procedura dell'UE per la valutazione del rischio alimentare, sulla trasparenza delle riunioni tra il presidente del Consiglio europeo e i rappresentanti di interessi, sul miglioramento dell'iniziativa dei cittadini europei, sull'integrazione dei bambini con disabilità nelle scuole europee e sul diritto al congedo dei membri del personale dell'UE che diventano genitori tramite maternità surrogata;

    V. considerando che il ruolo del Mediatore in quanto membro del quadro dell'UE della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CRPD) è di proteggere, promuovere e monitorarne l'attuazione a livello delle istituzioni dell'UE; che il Mediatore ha presieduto il quadro nel 2019;

    W. considerando che, ai sensi dell'articolo 19 della CRPD, gli Stati parte alla convenzione "riconoscono il diritto di tutte le persone con disabilità a vivere nella società, con la stessa libertà di scelta delle altre persone, e adottano misure efficaci ed adeguate al fine di facilitare il pieno godimento di tale diritto da parte delle persone con disabilità e la loro piena integrazione e partecipazione nella società";

    X. considerando che, il 12 febbraio 2019, il Parlamento ha approvato un progetto di regolamento che fissa lo statuto e le condizioni generali per l'esercizio delle funzioni del Mediatore (statuto del mediatore europeo)[4]; che questo nuovo regolamento è in attesa dell'approvazione del Consiglio;

    Y. considerando che nel 2019 la Mediatrice europea ha avviato 458 indagini, di cui 2 di propria iniziativa, e ha archiviato 560 indagini (552 basate su denunce e 8 avviate di propria iniziativa); che la maggior parte delle indagini riguardava ancora una volta la Commissione (274 indagini, pari al 59,7 %), seguita dall'Ufficio europeo di selezione del personale (EPSO) (44 indagini, pari al 9,6 %) e dalle agenzie dell'UE (33 indagini, pari al 7,2 %) e il resto come segue: Parlamento (21 indagini o 4,6 %), Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE) (17 indagini o 3,7 %), Banca europea per gli investimenti (7 indagini o 1,5 %) e altre istituzioni (54 indagini o 11,8 %);

    Z. considerando che la corretta applicazione del diritto dell'Unione europea e il rispetto degli obblighi che ne derivano sono di competenza delle istituzioni e degli organismi dell'UE, in linea con gli obblighi derivanti dai trattati e dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea;

    AA. considerando che la Mediatrice europea ha avviato un'indagine sulla decisione dell'Autorità bancaria europea (ABE), annunciata pubblicamente il 17 settembre 2019, di consentire al suo direttore esecutivo di diventare amministratore delegato (CEO) dell'Associazione per i mercati finanziari in Europa (AFME), un'organizzazione lobbista per l'industria finanziaria; che la Mediatrice europea ha riscontrato casi di cattiva amministrazione da parte dell'ABE in quanto, approvando tale variazione di incarico, non ha attenuato il rischio di conflitti di interesse, oltre ad aver lasciato al suo direttore esecutivo uscente libero accesso a informazioni riservate;

    AB. considerando che la Mediatrice europea ha avviato un'indagine a seguito di una denuncia riguardante una sponsorizzazione da parte di imprese della Presidenza del Consiglio dell'UE; che la Mediatrice ha rilevato che il ricorso alla sponsorizzazione da parte della Presidenza comporta rischi in termini di reputazione per tutta l'UE e ha raccomandato al Consiglio di fornire agli Stati membri orientamenti sulla questione della sponsorizzazione della Presidenza al fine di attenuare i rischi per la reputazione;

    1. accoglie con favore la relazione annuale per il 2019 presentata dalla Mediatrice europea;

    2. si congratula con Emily O'Reilly per la sua rielezione a Mediatrice europea e per l'eccellente lavoro svolto; sostiene il suo impegno a proseguire gli sforzi per "garantire che l'UE mantenga i più alti standard in materia di amministrazione, trasparenza ed etica" e assicurare l'accessibilità e la qualità dei servizi che l'UE fornisce ai suoi cittadini; ribadisce che la trasparenza è un principio complementare allo Stato di diritto e alla democrazia e che la sua attuazione dovrebbe mirare a consentire la partecipazione dei cittadini al processo decisionale;

    Trasparenza ed etica

    3. valuta positivamente la sua proficua collaborazione con la Mediatrice europea, partner importante e indispensabile del Parlamento europeo, che ha rieletto la Mediatrice uscente, Emily O'Reilly, per un secondo mandato e sostenuto la sua proposta di relazione speciale sulla trasparenza in seno al Consiglio con una risoluzione approvata a maggioranza durante la tornata di gennaio 2019;

    4. plaude alla stretta cooperazione tra la Mediatrice e la sua équipe e la commissione per le petizioni, che consente di migliorare la qualità dell'amministrazione europea e l'accessibilità e la qualità dei servizi che offre ai cittadini dell'UE;

    5. sottolinea la necessità che le istituzioni dell'UE mantengano il massimo livello di trasparenza e obiettività, in modo che i cittadini possano seguire e partecipare attivamente al processo decisionale, al fine di rafforzare la loro fiducia e il loro senso di vicinanza alle istituzioni, garantendo nel contempo l'accesso a tutte le informazioni pertinenti affinché possano esercitare pienamente i loro diritti democratici, garantendo un'effettiva capacità di chiamare le istituzioni a rispondere del loro operato;

    6. sottolinea che la mancanza di trasparenza del processo legislativo dell'UE aumenta la sfiducia dei cittadini e indebolisce la legittimità del processo decisionale nel suo complesso;

    7. accoglie con favore l'ambizione della Mediatrice europea di mantenere in ogni circostanza un alto livello di vigilanza per quanto riguarda il mantenimento dei più elevati standard di trasparenza ed etica, anche in una situazione di crisi sanitaria;

    8. esorta la Mediatrice a continuare a promuovere una maggiore trasparenza delle discussioni legislative negli organi preparatori del Consiglio dell'Unione europea per quanto concerne sia l'accesso pubblico ai suoi documenti legislativi sia il suo processo decisionale, al fine di permettere una maggiore leggibilità delle deliberazioni;

    9. esorta il Consiglio ad attuare le raccomandazioni della Mediatrice europea e a riesaminare la sua politica di riservatezza al fine di garantire il massimo livello di trasparenza nel suo lavoro, in modo da rendere facilmente e tempestivamente accessibili al pubblico i documenti legislativi; chiede di registrare sistematicamente e in maniera trasparente l'identità delle posizioni adottate dai governi degli Stati membri, dato che il Consiglio, in quanto colegislatore, deve essere ritenuto responsabile delle sue azioni nei confronti del pubblico; ricorda i suoi suggerimenti espressi nella sua risoluzione del 17 gennaio 2019 sull'indagine strategica OI/2/2017 del Mediatore europeo sulla trasparenza delle discussioni legislative negli organi preparatori del Consiglio UE;

    10. deplora la prassi degli Stati membri che esercitano la presidenza del Consiglio di accettare la sponsorizzazione da parte di imprese; ritiene che tale pratica debba essere impedita per preservare la reputazione e l'integrità del Consiglio e di tutta l'UE;

    11. esorta gli Stati membri a essere più diligenti per quanto concerne il loro obbligo di collaborazione con la Mediatrice;

    12. osserva che, a seguito delle raccomandazioni della Mediatrice, la Commissione e il Consiglio hanno mantenuto un elevato livello di trasparenza del processo legislativo durante tutti i negoziati sulle relazioni tra l'UE e il Regno Unito, pubblicando oltre 100 documenti negoziali o mettendo a disposizione dei cittadini il calendario del capo negoziatore, e li invita a mantenere tale requisito nella definizione di un nuovo trattato di libero scambio; invita più in generale la Commissione ad adempiere ai propri obblighi in materia di valutazioni d'impatto sulla sostenibilità di tutti gli accordi commerciali dell'UE;

    13. rammenta che l'occupazione militare e il regime razzista imposto dall'esercito di occupazione turco nei territori della Repubblica di Cipro violano i diritti fondamentali di un gran numero di cittadini della Repubblica di Cipro;

    14. ricorda che da anni la trasparenza rimane il principale oggetto di denunce, compreso l'accesso ai documenti, e si compiace del fatto che in varie indagini la Mediatrice abbia chiesto l'accesso del pubblico; deplora, tuttavia, che alle raccomandazioni della Mediatrice non venga sempre dato seguito e che la relazione dell'OLAF sull'utilizzo di un prestito concesso al costruttore automobilistico tedesco Volkswagen non sia ancora stata pubblicata; sollecita un aggiornamento della legislazione dell'UE in materia di accesso ai documenti (regolamento (CE) n. 1049/2001[5]) al fine di agevolare il lavoro della Mediatrice; esorta il Consiglio a riaprire il dibattito sulla base della posizione adottata dal Parlamento europeo il 12 giugno 2013;

    15. accoglie con favore l'approccio più ambizioso a livello della trasparenza degli organi che preparano le riunioni dell'Eurogruppo, che hanno accettato, su richiesta della Mediatrice, di pubblicare le date, i progetti di ordine del giorno delle riunioni dell'Eurogruppo in anticipo rispetto al passato, di fornire maggiori dettagli nelle lettere di riepilogo delle riunioni e che il sito web di quest'ultimo contenga maggiori informazioni sulle attività svolte;

    16. accoglie con favore gli sforzi ripetuti della Mediatrice volti a combattere i conflitti di interesse; sottolinea la necessità di una maggiore trasparenza in seno al Consiglio; sostiene con fermezza le raccomandazioni formulate dalla Mediatrice nei confronti del segretariato generale del Consiglio in relazione al caso 1946/2018/KR; accoglie con favore la pubblicazione, a seguito di tale indagine, dei verbali delle riunioni tenutesi tra i lobbisti, il Presidente del Consiglio europeo e i membri del suo gabinetto, e sottolinea la necessità di adottare un atto giuridico equo e ambizioso sul registro per la trasparenza al fine di renderlo pienamente obbligatorio e giuridicamente vincolante per tutte le istituzioni e le agenzie dell'UE e creare obblighi per i terzi e i rappresentanti di interessi, garantendo la piena trasparenza delle attività di lobbying; prende atto della decisione della Commissione di non seguire le raccomandazioni della Mediatrice nel caso 1302/2017/MH e di non concedere l'accesso ai documenti relativi ai pareri del suo Servizio giuridico riguardanti il registro per la trasparenza;

    17. si compiace del fatto che, a seguito di una denuncia presentata nel 2019 relativa all'uso della sponsorizzazione durante la Presidenza rumena, la Mediatrice europea abbia adottato una posizione chiara sulla questione della sponsorizzazione della Presidenza[6], dato che la percezione di un'influenza esterna può compromettere l'integrità dell'Unione europea nel suo insieme; prende atto dei provvedimenti adottati dal Consiglio in risposta alla raccomandazione della Mediatrice che chiedeva di fornire orientamenti agli Stati membri sulla questione della sponsorizzazione della Presidenza; incoraggia il Consiglio a dare seguito alla questione senza indugio; accoglie con favore la decisione della Presidenza tedesca di astenersi da qualsiasi sponsorizzazione e incoraggia gli altri Stati membri a seguirne l'esempio;

    18. osserva che la Commissione si è impegnata, a seguito di un'indagine della Mediatrice, a pubblicare l'ordine del giorno e i verbali delle riunioni degli "organi consultivi" che influenzano lo sviluppo della politica dell'UE, nonché le osservazioni formulate dai partecipanti ai gruppi precedenti e, per qualsiasi futuro gruppo di questo tipo, ad applicare gli stessi standard di trasparenza adottati dai gruppi di esperti;

    19. sottolinea l'importanza dell'accesso del pubblico ai documenti contenenti le posizioni adottate dagli Stati membri nel processo decisionale; sostiene le conclusioni della Mediatrice in relazione al caso 2142/2018/EWM e deplora il continuo rifiuto della Commissione di concedere l'accesso ai documenti richiesti relativi alla valutazione del rischio dei pesticidi sulle api;

    20. osserva che la Commissione si è impegnata ad attuare molte delle proposte della Mediatrice, tra cui il fatto di chiedere a coloro che passano al settore privato di fornire maggiori informazioni sull'organizzazione per la quale lavoreranno e maggiori dettagli sulla natura del loro nuovo lavoro; sottolinea che tali trasferimenti non possono essere presi alla leggera, in quanto potrebbero portare a conflitti di interesse laddove ex funzionari pubblici assumano un incarico presso un'azienda per favorire le politiche che hanno in precedenza legiferato o su cui hanno lavorato; nota che, secondo una recente relazione[7], il 99 % delle richieste di trasferimento nel settore privato è stato approvato dalla Commissione, con una percentuale di domande respinte di appena lo 0,62 %, il che evidenzia la necessità di rafforzare la vigilanza; ricorda che le norme etiche non sono una mera formalità e devono essere rispettate da tutte le istituzioni; esorta la Commissione ad attuare tutte le raccomandazioni formulate dalla Mediatrice, ad adottare un approccio più rigoroso alla questione delle "porte girevoli" e a dare seguito alle misure proposte, anche vietando nuove attività qualora vi siano prove che tali attività potrebbero portare a un conflitto con gli interessi legittimi della Commissione, e pubblicando, direttamente sul suo sito web dedicato all'etica e in modo tempestivo, tutte le informazioni correlate su ciascun caso di ex funzionari di inquadramento superiore valutati ai fini di attuare il divieto annuale sulle attività di lobbying e consulenza;

    21. ricorda che la pubblica amministrazione dell'UE deve migliorare le sue regole e norme concepite per prevenire i conflitti di interessi e garantire il rispetto del dovere di discrezione e integrità; invita la Mediatrice europea a promuovere le regole e le norme etiche più elevate in seno a tutte le istituzioni, le agenzie e gli organismi dell'UE, garantendo la loro piena e coerente attuazione; chiede inoltre che la valutazione delle dichiarazioni di interessi dei candidati commissari sia effettuata in modo indipendente e con mezzi adeguati; sottolinea la necessità di rivedere le norme e le pratiche attuali, al fine di rafforzare i requisiti di integrità per i commissari per la durata del mandato e dopo la sua cessazione, nonché di estendere i periodi di notifica dei commissari al termine del loro mandato;

    22. sottolinea l'urgente necessità di un efficace rafforzamento e miglioramento del vigente codice di buona condotta amministrativa attraverso l'adozione di un regolamento vincolante in materia;

    23. elogia le attività della Mediatrice sui casi di "porte girevoli" che hanno indotto, tra l'altro, l'ABE a rivedere la sua politica sulla valutazione delle restrizioni e dei divieti successivi al rapporto di lavoro nei confronti del personale, nonché a migliorare le procedure per interrompere immediatamente l'accesso alle informazioni riservate del personale che passa da un ruolo all'altro; invita la Mediatrice europea a proseguire i suoi sforzi per garantire che tutte le istituzioni e agenzie dell'UE introducano norme efficaci volte a prevenire i casi di "porte girevoli" e ogni possibile conflitto di interessi;

    24. sostiene appieno il fatto che la Mediatrice abbia confermato la sua conclusione secondo cui quattro casi di cattiva amministrazione hanno inficiato il processo di nomina del più alto funzionario della Commissione e accoglie con favore l'introduzione nel 2019 da parte della nuova Commissione di una procedura di nomina specifica per il suo Segretario generale, che include la pubblicazione dell'avviso di posto vacante e l'iscrizione della nomina all'ordine del giorno della riunione settimanale dei commissari con sufficiente anticipo, in modo da consentirne un'adeguata valutazione;

    25. rileva che, a seguito dell'indagine di propria iniziativa intrapresa dalla Mediatrice, l'EMA ha introdotto misure volte a migliorare l'indipendenza e l'obiettività del processo di richiesta di autorizzazione all'immissione in commercio dei medicinali e ad aumentare la trasparenza in settori quali la sperimentazione clinica; invita l'EMA ad attuare le nuove raccomandazioni della Mediatrice al fine di garantire la sua indipendenza e imparzialità ed evitare così qualsiasi conflitto di interessi;

    26. si compiace per la crescente e necessaria importanza attribuita dalla Mediatrice europea ai problemi legati alle procedure di appalto;

    27. accoglie con favore la durata nel tempo del premio per l'eccellenza nella buona amministrazione, che mira a premiare iniziative e progetti dell'amministrazione dell'Unione che hanno un effetto positivo sulla vita dei cittadini dell'UE; si congratula con la Commissione, che ha ricevuto il premio per la sua strategia volta a ridurre l'inquinamento da plastica; è del parere che una maggiore copertura mediatica di questo premio consentirebbe di dimostrare ai cittadini dell'UE che le istituzioni dell'Unione europea agiscono per fornire soluzioni concrete;

    28. plaude alla crescente attenzione accordata dalla Mediatrice ai fascicoli concernenti il modo in cui la Commissione ha gestito i progetti finanziati dall'Unione europea; esorta la Commissione a garantire una distribuzione e una gestione trasparenti dei fondi; invita in particolare la Commissione a garantire che i fondi strutturali e di investimento europei siano spesi dagli Stati membri conformemente agli obblighi previsti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità;

    29. invita la commissione per le petizioni a procedere all'esame dei casi in cui le proposte della Mediatrice alle istituzioni dell'UE non hanno ricevuto una reazione positiva;

    Disabilità

    30. plaude al ruolo della Mediatrice nel proteggere, promuovere e monitorare l'attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità da parte dell'amministrazione dell'UE e nel rafforzare l'agenda dell'UE per i diritti delle persone disabili; invita la Mediatrice europea a seguire da vicino le proposte della Commissione relative alla nuova strategia europea sulla disabilità post-2020; ritiene urgente affrontare il problema dell'assenza di un'adeguata base giuridica atta a garantire che la spesa dei fondi messi a disposizione dall'UE sia pienamente conforme alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità;

    31. si congratula con la Mediatrice europea per l'indagine strategica sull'accessibilità dei siti Internet della Commissione e accoglie con favore gli sforzi profusi per allinearsi alle sue raccomandazioni, mettendo a disposizione più informazioni in formati di facile lettura; osserva tuttavia che è necessario un approccio complesso per rendere le homepage delle istituzioni dell'UE accessibili alle persone con qualsiasi tipo di disabilità, comprese le lingue dei segni nazionali; raccomanda che le organizzazioni delle persone con disabilità siano coinvolte in questo processo;

    32. si congratula con la Mediatrice per aver aperto un'indagine necessaria sull'accessibilità degli strumenti online utilizzati dall'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) a seguito di una denuncia presentata da una persona con disabilità visiva;

    33. invita la Commissione a proporre una strategia europea globale, ambiziosa e a lungo termine per il periodo successivo al 2020 in materia di disabilità, al fine di rendere possibile, tra le altre cose, una piena e coerente attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità;

    34. prende atto dell'aumento del numero di persone assistite dall'Ufficio del Mediatore nel 2019 rispetto al 2018 (19 619 contro 17 996), nonché dei suoi sforzi per individuare soluzioni pratiche ai problemi dei cittadini, sia fornendo consulenza attraverso la guida interattiva disponibile sul sito Internet e rispondendo alle richieste di informazioni, sia trattando nuove denunce (2 201 denunce di questo tipo nel 2019); sottolinea che occorre garantire all'Ufficio le necessarie risorse di bilancio e di personale affinché possa continuare ad assistere in modo adeguato ed efficiente i cittadini dell'UE;

    Denunce

    35. osserva che nel 2019 la Mediatrice ha ricevuto numerose denunce da parte di cittadini dell'UE residenti in uno Stato membro diverso dal proprio, che hanno incontrato difficoltà nel tentare di registrarsi e/o votare alle elezioni del Parlamento europeo del 2019; ricorda che il diritto di voto alle elezioni è un diritto fondamentale riconosciuto dai trattati dell'UE;

    36. si congratula con la Mediatrice per le indagini avviate nel 2019, che hanno coperto i seguenti temi chiave: la trasparenza all'interno delle istituzioni dell'Unione, la trasparenza delle attività di lobbying, la cultura del servizio, i diritti fondamentali, le questioni etiche, la partecipazione dei cittadini al processo decisionale dell'Unione, la corretta gestione delle questioni relative al personale, l'assunzione e la sana gestione finanziaria;

    37. osserva che, nel 2019, la Mediatrice ha gestito 1 300 denunce che non rientravano nel suo mandato, principalmente perché non riguardavano le attività di un'istituzione o di un organo dell'Unione; approva l'approccio della Mediatrice di rispondere a tutti coloro che si rivolgono a lei spiegando loro il suo mandato e fornendo loro consigli, nonché reindirizzandoli nei limiti del possibile ad altri organismi che potrebbero aiutarli e la incoraggia a continuare in questo modo;

    38. raccomanda alla Mediatrice di continuare a essere vigile e determinata nel trattare le denunce concernenti i diritti fondamentali, segnatamente l'uguaglianza, la non discriminazione e il diritto di essere ascoltati; valuta positivamente la sua indagine sull'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo e i colloqui da lei condotti con i richiedenti asilo, come pure l'indagine sulla gestione, da parte della Commissione, di una denuncia riguardante la discriminazione nei confronti dei rom in Italia;

    39. osserva che il numero di indagini concernenti l'EPSO è passato da 23 nel 2018 a 44 nel 2019; incoraggia la Mediatrice a monitorare con attenzione la corretta attuazione delle misure generali di lotta contro le discriminazioni nel quadro delle procedure di assunzione; raccomanda un'indagine strategica sui metodi utilizzati dall'EPSO e da altre agenzie al fine di accertare la piena applicazione dei principi di equità e di trasparenza in tutte le procedure di assunzione;

    40. osserva che il numero di denunce che esulano dal mandato della Mediatrice europea è rimasto relativamente stabile (1 330 casi nel 2019, rispetto ai 1 300 del 2018); ritiene che una comunicazione migliore e coordinata a livello di tutte le istituzioni dell'UE in merito alle competenze della Mediatrice europea potrebbe contribuire a ridurre il numero di denunce che esulano dal suo mandato e a semplificare la risposta ai problemi dei cittadini;

    41. plaude all'impegno della Mediatrice a garantire il diritto dei cittadini di partecipare al processo democratico dell'Unione, come dimostrato dall'organizzazione, da parte sua, della conferenza annuale della rete europea dei difensori civici nell'aprile 2019 sulla necessità di rafforzare la partecipazione dei cittadini al processo democratico; approva l'approccio della Mediatrice di rispondere a tutti i cittadini che si rivolgono al suo Ufficio nella lingua della loro denuncia, e chiede all'amministrazione pubblica dell'Unione di adoperarsi in ogni modo possibile per garantire che i cittadini siano in grado di comunicare efficacemente con lei nelle 24 lingue ufficiali dell'Unione e nelle lingue dei segni nazionali; accoglie con favore il progetto di orientamenti della Mediatrice sull'utilizzo delle lingue sui siti Internet delle istituzioni dell'Unione; sottolinea che tali orientamenti sono della massima importanza per proteggere la ricca diversità linguistica dell'Europa; osserva che i siti web delle istituzioni dell'UE dovrebbero illustrare meglio l'uguaglianza di tutte le 24 lingue ufficiali dell'UE;

    42. riconosce l'impegno delle istituzioni dell'Unione che si adoperano per seguire le raccomandazioni della Mediatrice (77 %) e le incoraggia a continuare su questa strada; rimane preoccupato per il persistente tasso del 23 % di raccomandazioni non attuate; è consapevole che i suggerimenti della Mediatrice non sono giuridicamente vincolanti; esorta le istituzioni, gli organi e le agenzie a reagire con prontezza, efficacia e senso di responsabilità alle raccomandazioni e alle osservazioni critiche della Mediatrice;

    43. si compiace del fatto che, mediamente, la durata delle indagini sui casi archiviati dalla Mediatrice europea nel 2019 è stata inferiore a sette mesi; osserva tuttavia che l'archiviazione di alcuni casi può richiedere fino a 18 mesi; invita tutte le istituzioni dell'UE a migliorare la loro cooperazione con l'Ufficio della Mediatrice europea nell'interesse dei cittadini dell'UE che si aspettano una rapida risposta ai loro problemi;

    44. accoglie con favore la ristrutturazione del sito web della Mediatrice, che lo ha reso uno strumento più leggibile e funzionale per i cittadini dell'UE; incoraggia la Mediatrice a sviluppare ulteriormente la traduzione delle sue pubblicazioni nelle diverse lingue dell'Unione;

    45. riconosce l'importante contributo della rete europea dei difensori civici nello scambio di buone pratiche e di informazioni sulla missione e le competenze dei suoi membri come pure ai fini della corretta applicazione del diritto europeo; suggerisce che la rete potrebbe essere maggiormente coinvolta per assicurare il corretto utilizzo dei fondi europei; suggerisce che la rete potrebbe altresì fornire sostegno ai difensori civici nazionali e regionali che subiscono forti pressioni da parte dei rispettivi governi, in particolare per quanto concerne le violazioni dei diritti garantiti dalla Carta dei diritti fondamentali; invita questa rete a riflettere sul ruolo che i difensori civici nazionali e regionali potrebbero svolgere per coinvolgere maggiormente i cittadini dell'UE nel processo decisionale dell'Unione; sottolinea che la rete potrebbe altresì contribuire alla promozione di una cultura della buona amministrazione a livello degli Stati membri, rafforzando la cooperazione e sensibilizzando i difensori civici nazionali all'importanza della difesa dei diritti dei cittadini; sottolinea che occorre rafforzare le risorse assegnate alla rete; invita la Mediatrice europea a organizzare, presso la propria sede, una riunione regolare della rete europea dei difensori civici europei e regionali, la cui missione centrale è di garantire il rispetto dei diritti fondamentali;

    46. accoglie con grande favore l'iniziativa strategica della Mediatrice europea sul diritto al congedo di taluni membri del personale e l'interesse superiore del minore; è del parere che l'incoerenza tra le norme del Parlamento europeo e quelle delle altre istituzioni[8] per quanto riguarda il congedo dei membri del personale che hanno fatto ricorso alla maternità surrogata, come le coppie sterili, omosessuali o celibi, ignori la preminenza dell'interesse superiore del minore ed esponga il personale a un significativo rischio di discriminazione; ricorda le conclusioni della Mediatrice europea sull'importanza di tutelare l'interesse superiore del minore; invita il Parlamento ad avviare un dialogo interistituzionale e ad adottare una decisione che armonizzi tali norme con quelle del Consiglio e della Commissione;

    Statuto e poteri

    47. invita il Consiglio ad approvare lo statuto rivisto del Mediatore europeo al fine di assicurare che l'Ufficio del Mediatore disponga di migliori capacità per favorire le più elevate norme di comportamento etico in seno alle istituzioni e sia debitamente incaricato di svolgere i propri compiti efficacemente;

    48. invita il Parlamento a rafforzare il processo di nomina per l'elezione del Mediatore europeo affinché la sua elezione all'inizio della legislatura possa svolgersi in modo più informato, uniforme, trasparente e ordinato; chiede in particolare una descrizione più dettagliata dei limiti temporali per la raccolta delle firme e la campagna dei candidati;

    49. si congratula con la Mediatrice per la sua strategia quinquennale "Verso il 2019", che ha introdotto un approccio più strategico per promuovere la buona amministrazione; attende la pubblicazione della futura strategia, che dovrà tenere conto della situazione senza precedenti in cui si trova l'Europa;

    50. ricorda che la sede del Mediatore è quella del Parlamento europeo; incoraggia, pertanto, la Mediatrice a usare in via prioritaria i locali disponibili a Strasburgo;

    51. invita la Mediatrice, nell'interesse della trasparenza, a pubblicare gli eventi che intende ospitare e indicare per ciascun evento il luogo in cui esso si svolgerà;

    °

    ° °

    52. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione e la relazione della commissione per le petizioni al Consiglio, alla Commissione, al Mediatore europeo, ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e ai loro difensori civici o organismi competenti analoghi.

     


     

    MOTIVAZIONE

     

    La relazione annuale concernente le attività della Mediatrice europea nel 2019 è stata trasmessa ufficialmente a David Sassoli, Presidente del Parlamento europeo, il 5 maggio 2020 per via elettronica, a causa delle circostanze eccezionali legate alla pandemia di COVID-19. La relazione è stata presentata il 3 settembre 2020 durante una riunione della commissione per le petizioni (la commissione competente per i rapporti con l'istituzione del Mediatore europeo) da Emily O'Reilly, che il 18 dicembre 2019 è stata rieletta Mediatrice europea dal Parlamento riunito in seduta plenaria a Strasburgo.

    Questo autunno l'istituzione del Mediatore europeo compie 25 anni, in un contesto particolare caratterizzato da una crisi sanitaria senza precedenti dalla creazione dell'Unione europea. Il ruolo del Mediatore europeo consiste nel garantire il pieno rispetto dei diritti dei cittadini e nell'assicurare che il diritto a una buona amministrazione rispecchi le più elevate norme che le istituzioni, gli organi e gli organismi dell'Unione sono tenuti a rispettare, in qualsiasi circostanza. Il Mediatore svolge inoltre un ruolo fondamentale nell'aiutare le istituzioni europee a migliorare l'apertura, l'efficacia e la vicinanza rispetto ai cittadini nell'ottica di rafforzare la fiducia di questi ultimi nei confronti dell'Unione, agevolando così la partecipazione della società civile.

    Il Mediatore, con l'approvazione del Parlamento europeo e della Commissione, ha stabilito che si ha cattiva amministrazione "quando un organismo pubblico non opera conformemente a una norma o un principio per esso vincolante". Queste norme e questi principi includono, per le istituzioni, il rispetto dello Stato di diritto, dei principi di buona amministrazione e dei diritti fondamentali. Il Mediatore è abilitato a ricevere le denunce riguardanti casi di cattiva amministrazione nell'azione delle istituzioni dell'Unione europea[9]. La base giuridica del suo mandato è l'articolo 228 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE). Il diritto di rivolgersi al Mediatore europeo è sancito dall'articolo 24 TFUE e dall'articolo 43 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Infine l'articolo 41 della Carta dei diritti fondamentali, vincolante per le amministrazioni delle istituzioni europee, iscrive il diritto a una buona amministrazione tra i diritti fondamentali e sancisce che "ogni persona ha diritto a che le questioni che la riguardano siano trattate in modo imparziale ed equo ed entro un termine ragionevole dalle istituzioni, organi e organismi dell'Unione".

     

    Nel 2019 la Mediatrice ha trattato 2 201 denunce e ha avviato 456 indagini basate su denunce e 2 indagini di iniziativa.  Inoltre ha archiviato 552 indagini basate su denunce e 8 indagini di iniziativa.

    Delle 458 indagini avviate dalla Mediatrice, 274 (59,7 %) riguardavano la Commissione europea, 33 (7,2 %) le agenzie dell'Unione, 54 (11,8 %) altri organismi, 44 (9,8 %) l'Ufficio europeo di selezione del personale (EPSO), 21 (4,6 %) il Parlamento europeo, 17 (3,7 %) il Servizio europeo per l'azione esterna e 9 (2 %) l'Ufficio europeo per la lotta antifrode. Poiché la Commissione è la principale istituzione dell'Unione le cui decisioni hanno conseguenze dirette sui cittadini, è logico che essa sia il principale oggetto delle loro denunce.

     

    La relatrice sottolinea che la maggior parte delle indagini archiviate nel 2019 riguardava la trasparenza, la responsabilità e l'accesso alle informazioni e ai documenti (151), la cultura del servizio (123), l'uso appropriato del potere discrezionale (111), il rispetto dei diritti procedurali (74), la buona gestione delle questioni concernenti il personale (73), le assunzioni (69), il rispetto dei diritti fondamentali (47), la sana gestione finanziaria (36), l'etica (15) e la partecipazione del pubblico al processo decisionale dell'UE (12).

    La relatrice rileva che, laddove possibile, la Mediatrice si adopera per giungere a un risultato positivo cercando una conciliazione amichevole soddisfacente sia per il denunciante che per l'istituzione interessata. Nel 2019 sono stati archiviati 316 casi per i quali non è stata riscontrata alcuna cattiva amministrazione, mentre sono state trovate conciliazioni amichevoli in 187 casi e in 30 di essi la Mediatrice ha ritenuto che non vi fossero motivi sufficienti per giustificare la prosecuzione dell'indagine.

     

    In 29 casi la Mediatrice ha invece proceduto all'archiviazione con la formulazione di un'osservazione critica alle istituzioni interessate, in cui ha riscontrato la cattiva amministrazione, e i suoi suggerimenti sono stati (parzialmente) accettati. La Mediatrice può inoltre formulare osservazioni ulteriori, che non sono finalizzate a criticare l'istituzione interessata, ma vanno considerate come orientamenti e consigli su come migliorare i suoi servizi. In conformità dei trattati l'istituzione interessata è tenuta a inviare alla Mediatrice un parere circostanziato sul suo progetto di raccomandazione entro tre mesi.

    Se l'istituzione non riesce a rispondere in maniera soddisfacente al progetto di raccomandazione, la Mediatrice può presentare una relazione speciale al Parlamento europeo. Tale relazione rappresenta l'ultimo strumento a disposizione della Mediatrice nel trattamento di un caso. A questo punto, spetta al Parlamento decidere in merito a ulteriori iniziative, ad esempio approvando una risoluzione. Le relazioni speciali sono trasmesse alla commissione per le petizioni, che è la commissione competente per i rapporti la Mediatrice.

     

    Nel gennaio 2019 il Parlamento europeo ha sostenuto la proposta di relazione speciale presentata dalla Mediatrice nel 2018 sulla trasparenza in seno al Consiglio con una risoluzione approvata a maggioranza in seduta plenaria (indagine strategica OI/2/2017 del Mediatore europeo sulla trasparenza delle discussioni legislative negli organi preparatori del Consiglio UE).  Queste indagini della Mediatrice sono importanti per fornire una soluzione ai problemi riscontrati e migliorare continuamente la governance delle istituzioni europee, da un lato, nonché per rendere conto ai cittadini europei e mantenere o rafforzare la loro fiducia nei confronti dell'Unione e delle sue istituzioni, dall'altro.

     

    Pertanto la relatrice accoglie con favore le iniziative della Mediatrice volte a informare il pubblico generale e garantire che le istituzioni traggano insegnamento dai propri errori, e sottolinea che la Mediatrice pubblica ogni anno sul proprio sito Internet uno studio sul seguito dato dalle istituzioni alle osservazioni critiche, invitando le istituzioni a fornire una risposta al riguardo.

     

    La relatrice si congratula altresì con l'Ufficio della Mediatrice europea per i maggiori sforzi profusi nel 2019 nell'ambito della comunicazione online, in particolare per aver messo in evidenza le indagini concluse con esito positivo sulla homepage del proprio sito Internet, che viene regolarmente aggiornata. In questo modo il pubblico riceve informazioni di facile comprensione sulle attività della Mediatrice europea. Anche la comunicazione sulle attività della Mediatrice attraverso i social media (Twitter, LinkedIn e Instagram) contribuisce a migliorare la visibilità e la comprensione dei lavori della Mediatrice. 

    Questi approcci alla comunicazione favoriscono la partecipazione della società civile al progetto europeo. La relatrice sottolinea a tale proposito gli sforzi della Mediatrice volti ad avviare una riflessione sulla partecipazione dei cittadini ai processi democratici e a migliorare l'inclusione in seno alle istituzioni.

     

    Nel 2019, anno di svolgimento delle elezioni europee che hanno portato all'elezione del nuovo Parlamento, la Mediatrice ha infatti partecipato, in quanto membro della rete europea dei difensori civici, alla conferenza annuale della rete svoltasi ad aprile a Bruxelles, cui hanno preso parte i membri della rete e i rappresentanti delle istituzioni dell'UE e di altre organizzazioni, durante la quale i partecipanti hanno cercato soluzioni per rafforzare la partecipazione dei cittadini al processo democratico. I membri hanno preso in esame nuove iniziative sulla mobilitazione pubblica e la partecipazione alla vita civica nonché sul modo in cui le strutture e le istituzioni esistenti devono adattarvisi, compreso il ruolo che i difensori civici devono svolgere.

    Infine nel 2019 la Mediatrice europea ha altresì presieduto il Quadro dell'UE incaricato di proteggere, promuovere e sorvegliare l'attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, di cui sono membri anche la commissione per le petizioni e la commissione per l'occupazione e gli affari sociali del Parlamento europeo, l'Agenzia per i diritti fondamentali, la Commissione europea e il Forum europeo degli anziani. In quanto membro del Quadro dell'UE, la Mediatrice protegge, promuove e sorveglia l'attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite da parte dell'amministrazione dell'Unione.

    Unitamente al Forum europeo sulla disabilità, al Parlamento europeo e all'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali, la Mediatrice ha formulato una serie di idee da presentare alla Commissione in vista dell'adozione di una strategia europea sulla disabilità post 2020 più ambiziosa e completa. La Mediatrice ha dato seguito alle proposte di miglioramento presentate nel contesto della sua indagine strategica sull'accessibilità dei siti web della Commissione e sugli strumenti online per le persone con disabilità.

     

    Per quanto concerne l'elezione del Mediatore europeo, la relatrice invita il Parlamento europeo a riflettere sul modo di rafforzare il processo di nomina affinché l'elezione del Mediatore all'inizio della legislatura possa svolgersi in modo più trasparente, uniforme e ordinato.


    INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

    Approvazione

    26.1.2021

     

     

     

    Esito della votazione finale

    +:

    –:

    0:

    27

    0

    7

    Membri titolari presenti al momento della votazione finale

    Alex Agius Saliba, Andris Ameriks, Marc Angel, Andrus Ansip, Margrete Auken, Jordan Bardella, Alexander Bernhuber, Markus Buchheit, Ryszard Czarnecki, Eleonora Evi, Agnès Evren, Gheorghe Falcă, Mario Furore, Gianna Gancia, Ibán García Del Blanco, Alexis Georgoulis, Peter Jahr, Cristina Maestre Martín De Almagro, Dolors Montserrat, Ulrike Müller, Emil Radev, Sira Rego, Frédérique Ries, Massimiliano Smeriglio, Yana Toom, Loránt Vincze, Thomas Waitz, Stefania Zambelli, Tatjana Ždanoka, Kosma Złotowski

    Supplenti presenti al momento della votazione finale

    Sylvie Guillaume, Ádám Kósa, Andrey Slabakov, Ramona Strugariu

     


     

     

    VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

    27

    +

    NI

    Mario Furore

    PPE

    Alexander Bernhuber, Agnès Evren, Gheorghe Falcă, Peter Jahr, Radan Kanev, Ádám Kósa, Dolors Montserrat, Loránt Vincze

    Renew

    Andrus Ansip, Ulrike Müller, Frédérique Ries, Ramona Strugariu, Yana Toom

    S&D

    Alex Agius Saliba, Andris Ameriks, Marc Angel, Ibán García Del Blanco, Sylvie Guillaume, Cristina Maestre Martín De Almagro, Massimiliano Smeriglio

    The Left

    Alexis Georgoulis, Sira Rego

    Verts/ALE

    Margrete Auken, Eleonora Evi, Thomas Waitz, Tatjana Ždanoka

     

    0

    -

     

     

     

    7

    0

    ECR

    Ryszard Czarnecki, Andrey Slabakov, Kosma Złotowski

    ID

    Jordan Bardella, Markus Buchheit, Gianna Gancia, Stefania Zambelli

     

     

    Significato dei simboli utilizzati:

    + : favorevoli

    - : contrari

    0 : astenuti

     

     

    Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2021
    Note legali - Informativa sulla privacy