• IT - italiano
Návrh uznesenia - B6-0083/2009Návrh uznesenia
B6-0083/2009
Tento dokument nie je k dispozícii vo vašom jazyku. Je k dispozícii v inom jazyku spomedzi jazykov uvedených v menu jazyka.

MOTION FOR A RESOLUTION

3.2.2009

with request for inclusion in the agenda for the debate on cases of breaches of human rights, democracy and the rule of law
pursuant to Rule 115 of the Rules of Procedure
by Francis Wurtz, Giusto Catania, Roberto Musacchio, Vittorio Agnoletto, Umberto Guidoni, Vincenzo Aita
on behalf of the GUE/NGL Group
on the case of the Italian citizen Cesare Battisti

Postup : 2009/2608(RSP)
Postup v rámci schôdze
Postup dokumentu :  
B6-0083/2009
Predkladané texty :
B6-0083/2009
Prijaté texty :

B6‑0083/2009

European Parliament resolution on the case of the Italian citizen Cesare Battisti

The European Parliament,

- having regard to Rule 115 of its Rules of Procedure;

A)  considerando che il cittadino italiano Cesare Battisti è stato condannato in contumacia dalla magistratura italiana quale responsabile di quattro omicidi commessi alla fine degli Anni Settanta;

B)  considerando che Cesare Battisti si è dichiarato innocente e, rifugiatosi in Francia, ha usufruito dei benefici della cosiddetta "dottrina Mitterrand" che mirava a creare le condizioni per chiudere i cosiddetti "anni di piombo";

C)  considerato che nel 1990, dopo il formale arresto di Battisti in Francia, il governo italiano ne ha chiesto l'estradizione e che nell'aprile dello stesso anno, la "Chambre d'accusations" di Parigi lo aveva dichiarato "non estradabile";

D)  considerato che nel 2004 il Consiglio di Stato e la Corte di Cassazione francesi -con due successive decisioni sulla richiesta di estradizione- hanno autorizzato la consegna di Battisti alle autorità italiane;

E)  considerato che Cesare Battisti, attualmente in Brasile, è stato arrestato nel 2007 e, a seguito di una ulteriore richiesta di estradizione dell'Italia, ha ottenuto la status di rifugiato dalle autorità di quel Paese;

1)  esprime la sua solidarietà ai familiari delle vittime del terrorismo, in Italia e negli altri Paesi in cui si sono registrati atti di terrorismo;

2)  sottolinea che presso il Tribunale Federale Supremo del Brasile è in corso una procedura di contestazione del riconoscimento dello status di rifugiato politico a Cesare Battisti, sul quale le autorità brasiliane si stanno esprimendo in tutta la loro indipendenza;

3)  prende atto delle dichiarazioni del Vicepresidente della Commissione PersonNameEuropePersonNamea, Jacques Barrot, che -sollecitato dal governo italiano- si è dichiarato incompetente sulla materia e ha ribadito la non competenza delle autorità dell'Unione Europea su questo caso, essendo disciplinato dalle sole istanze nazionali di riferimento;

4)  prenderà atto, in ogni caso, delle conclusioni delle autorità giudiziarie competenti del Brasile, paese sovrano e democratico, che sapranno certamente valutare in modo autonomo anche le richieste delle autorità italiane;

5)  ricorda che in altri casi, registratisi in altri Paesi, europei e non, le autorità italiane si sono sempre rimesse al giudizio delle autorità giudiziarie dei Paesi competenti;

6)  incarica il suo Presidente di trasmettere questa risoluzione alle autorità brasiliane e italiane.