Procedura : 2016/2934(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B8-1239/2016

Testi presentati :

B8-1239/2016

Discussioni :

Votazioni :

PV 24/11/2016 - 8.13
CRE 24/11/2016 - 8.13
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :


PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 245kWORD 63k
16.11.2016
PE593.671v01-00
 
B8-1239/2016

presentata a seguito di una dichiarazione del vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza

a norma dell'articolo 123, paragrafo 2, del regolamento


sulla Bielorussia (2016/2934(RSP))


Helmut Scholz, Jiří Maštálka, Merja Kyllönen a nome del gruppo GUE/NGL

Risoluzione del Parlamento europeo sulla Bielorussia (2016/2934(RSP))  
B8-1239/2016

Il Parlamento europeo,

–  visto l'articolo 123, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.  considerando che negli ultimi due anni è stata adottata una serie di misure che hanno contribuito a migliorare le relazioni UE-Bielorussia; che esse comprendono i negoziati per un accordo di riammissione e di facilitazione del rilascio dei visti e un partenariato per la mobilità, la ripresa del dialogo UE-Bielorussia in materia di diritti umani, la firma di un accordo di cooperazione per un meccanismo di allarme rapido nel settore energetico, nonché la partecipazione proattiva della Bielorussia al partenariato orientale;

B.  considerando che, sebbene l'UE non abbia prorogato le misure restrittive riguardanti 170 persone e tre società, ha tuttavia deciso che l'embargo sulle armi e le misure restrittive nei confronti di quattro persone collegate alle sparizioni irrisolte di due politici dell'opposizione, un uomo d'affari e un giornalista rimarranno in vigore;

C.  considerando che i prigionieri politici sono stati rilasciati; che la missione di osservazione elettorale dell'OSCE ha concluso che: "le elezioni parlamentari dell'11 settembre sono state organizzate in maniera efficiente ... e che sono stati osservati alcuni sforzi visibili per affrontare determinate questioni di lunga data", pur rilevando che: "sussiste un certo numero di carenze sistemiche, compreso il fatto che il quadro giuridico prevede restrizioni ai diritti politici e alle libertà fondamentali ed è oggetto di un'interpretazione troppo restrittiva. La copertura mediatica non ha consentito agli elettori di compiere una scelta informata e, malgrado un aumento complessivo del numero di candidati, tra i quali un numero significativo di rappresentanti dell'opposizione, la campagna elettorale è stata caratterizzata da una mancanza di visibilità";

D.  considerando che la Bielorussia ha iniziato a svolgere un ruolo costruttivo nella regione;

E.  considerando che la pena di morte continua ad essere applicata in Bielorussia;

F.  considerando che la Bielorussia è membro dell'Unione economica eurasiatica; che la Russia è il principale partner commerciale della Bielorussia e rappresenta quasi la metà degli scambi commerciali internazionali del paese;

1.  invita l'UE a mantenere lo slancio per l'ulteriore normalizzazione delle relazioni con la Bielorussia: accoglie con favore la revoca delle misure restrittive nei confronti della Bielorussia e ribadisce la sua opinione secondo cui le divergenze esistenti possono essere affrontate al meglio attraverso il potenziamento dei canali di comunicazione e l'ulteriore partecipazione dell'UE, segnatamente del Parlamento europeo, al dialogo con la Bielorussia e in particolare con i cittadini e la società civile del paese, nonché con il parlamento e i vari partiti politici, può portare a risultati tangibili e contribuire all'indipendenza, alla sovranità e alla prosperità del paese;

2.  chiede che si instaurino relazioni parlamentari normali tra il Parlamento europeo e il parlamento della Bielorussia; ritiene che questo sia il contesto appropriato per tenere un ampio dialogo sui temi di interesse comune, inclusi quelli su cui esistono sostanziali divergenze tra i partner;

3.  prende atto dei risultati delle elezioni parlamentari e del fatto che, per la prima volta in 12 anni, alcuni esponenti dell'opposizione sono rappresentati in Parlamento; invita il governo bielorusso, insieme con il Parlamento neoeletto, a portare avanti il processo di democratizzazione e a intraprendere uno sforzo generale per rispondere alle raccomandazioni di lunga data dell'OSCE e della Commissione di Venezia;

4.  accoglie con favore la disponibilità delle autorità bielorusse a riaprire il dialogo con i partner internazionali come l'Unione europea sulle questioni dei diritti umani; deplora il fatto che persistano problemi nella cooperazione con il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Bielorussia; invita il governo e il parlamento della Bielorussia ad affrontare le preoccupazioni e le raccomandazioni contenute nella risoluzione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite del 28 giugno 2016(1);

5.  rinnova l'invito alla Bielorussia a dichiarare una moratoria sull'applicazione della pena di morte in vista della sua abolizione;

6.  invita la Bielorussia a continuare a contribuire alla riapertura del dialogo e della cooperazione tra la Russia, l'Ucraina e l'Unione europea;

7.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, ai parlamenti e ai governi degli Stati membri, al Segretario generale delle Nazioni Unite, alle assemblee parlamentari dell'OCSE e del Consiglio d'Europa, al segretariato della Comunità di Stati indipendenti, nonché al parlamento e al governo della Bielorussia.

 

(1)

A/HRC/32/L.10/Rev.1.

Note legali - Informativa sulla privacy